Fare cattiva pubblicità a chi si comporta male? Scherziamo, è la nostra specialità!

17 ottobre 2012
Ma se cominciassimo a fare un po' di cattiva pubblicità a tutte quelle ditte che deturpano Roma?
Da quelle che comprano gli spazi sui cartelloni abusivi e quelli che parcheggiano da incivili per le nostre strade.
Questo che ti allego è un esempio, il boicottaggio e la cattiva pubblicità può essere un primo passo per far capire a lor signori che non si stanno comportando bene.

Giovanni S.

*Ehi Giovanni,
si vede che non ci leggi tanto eh. Sulla cattiva pubblicità siamo specializzati qui. Dunque benvenga. Ma facciamo cattiva pubblicità anche ai folli amministratori e ai folli uffici tecnici che realizzano strade in maniera indifendibile. Questa strada, laterale a Piazza Cavour dove c'è un parcheggio da centinaia di posti, è stata realizzata coi piedi, con sagome dei marciapiedi che già nel disegno progettuale prevedevano quella vettura in divieto. Allora di chi è la vera colpa?
-Roma fa schifo

6 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

La congiura contro l'accordo Alemanno/Storace

Alcuni noti personaggi della destra romana si sono incontrati per discutere (forse) di come far saltare l'accordo ormai imminente tra i due

Cosa ci facevano attovagliati in un noto ristorante romano noti personaggi della destra romana?
Giuliano Castellino, del Movimento Sociale Europeo e occupatore di stabili sfitti, Alfredo Iorio, leader del Popolo della Vita e ultrà antiabortista, Dario Rossin, capogruppo capitolino della destra e Antonio Bonfiglio, ex sottosegretario, ex alemanniano doc e uomo di Renata Polverini discutevano forse di come far saltare l'accordo ormai imminente tra Gianni Alemanno e Francesco Storace.
Con il sindaco l'estrema destra non ci sta.
p.s. se ne andasse a casa questo bastardo di Aledanno!!!

Anonimo ha detto...

Romasimuove, non raccolte le 50mila firme

Referendum cittadini - I promotori, a quanto si è appreso, avrebbero raccolto non oltre 40-45mila firme

Niente referendum cittadini, almeno per ora, su temi come traffico e mobilità, mare libero, testamento biologico, famiglie di fatto, libertà di scelta nei servizi alla persona, ambiente, rifiuti e costi della politica. Secondo quanto riporta l’agenzia di informazione Omniroma da fonti qualificate, infatti, il comitato Roma Sì Muove non sarebbe riuscito a raggiungere le 50mila firmenecessarie allo svolgimento dei referendum.
Inutile anche la proroga di 10 giorni che ha esteso la raccolta fino alla giornata di ieri. Oggi i componenti del Comitato, Mario Staderini, Umberto Croppi e Angelo Bonelli, terranno una conferenza stampa e porteranno ai piedi del palazzo Senatorio gli scatoloni contenenti le firme raccolte nei tre mesi di tempo a disposizione, e illustreranno l'andamento della campagna referendaria e i risultati finali. I promotori, a quanto si è appreso, avrebbero raccolto non oltre 40-45mila firme.
p.s. perché anche romafaschifo, non sponsorizza la raccolta delle firme, visto che evidenzia sempre problemi vari?
p.s.Bisogna smetterla di fare il tifo, quando una missione è giusta bisogna agevolarla, al di la di chi sono i promotori.

Anonimo ha detto...

Da: http://www.romacapitalenews.com/alemanno-e-de-palo-presentano-romafamiglia-presto-anche-una-family-card/

ALEMANNO E DE PALO PRESENTANO ROMAFAMIGLIA: PRESTO UNA FAMILY CARD

Più servizi dedicate alle famiglie romane in tempi di crisi. Questa mattina l’assessore capitolino, Gianluigi De Palo, insieme al sindaco Gianni Alemanno, ha presentato una serie di iniziative volte a tutelare figli e genitori. “La famiglia diventa 2.0“, è il primo punto di “Romafamiglia”, il nuovo servizio che va arricchire il “pacchetto famiglia” offerto da Roma Capitale. Dopo il Quoziente familiare arriva anche un sito web e presto una family card.
Partner del progetto Rai Nuovi Media. “Romafamiglia” funzionerà attraverso un call center gratuito “Chiama famiglia 800.358.999” e il sito web romafamiglia.rai.it, con una chiamata e un clic le famiglie romane vedranno facilitato il loro accesso ai servizi a dimensione familiare messi in campo da soggetti pubblici e privati della capitale.
“Investire sulla famiglia é decisivo – ha spiegato il sindaco Alemanno - Oltre alle politiche strutturali il problema dell’informazione non è trascurabile. Grazie ai nuovi media facciamo in modo che le famiglie non si sentano isolate e non si creino difficoltà di accesso ai servizi. Mettiamo la nuova tecnologia al servizio della comunità”.

p.s. ma che siamo in campagna elettorale? fino ad oggi, Aledanno e Co. non hanno fatto un cazzo, e solo ora si ricordano di intraprendere delle iniziative.
Ma lasciate perdere brutti testa di cazzo. dovete andare a casa. levatevi dai coglioni, Crespi il mafioso compreso.

Anonimo ha detto...

nei commenti siete pregati di attenervi all' argomento trattato dal post

Anonimo ha detto...

Non mi tornano alcuni conti. In quel punto della strada, ci sono i pali a protezione del marciapiede. Il marciapiedi è basso perchè c'è lo scivolo per le strisce pedonali. Purtroppo qui la gente è talmente arrogante ed ignorante che con strisce e paletti si parcheggia comunque, magari abbterebbero pure i paletti, come nel IV municipio sono stati abbattuti molti autovelox messi di recente. Certo non tutti, ma moltissimi residenti di roma sono di qualità civica veramente scarsa, come anche la questine del referendum prova. Mau

Anonimo ha detto...

Ho fatto notare il modo di parcheggiare all'albergo al quale appartiene il mezzo e hanno chiesto scusa.
"We are very sorry for the inconvenient and we already talked with our driver asking him to pay attention to the ramps.
Thanking you for the cooperation
Best regards"

ShareThis