Il racconto di una giornata di scippi sotto la metro. Sembra un film, è tutto vero

28 giugno 2017

22 giugno 2017, ore 12:30. Scendo a Termini per prendere la metro A verso Flaminio e appena arrivo in banchina incrocio tre borseggiatrici (di cui due con pancione: finto? Vero?). Tentano un borseggio e come faccio sempre avverto ad alta voce gli altri passeggeri. In tutta risposta loro mi insultano al solito modo: figlio di puttana, frocio, mio padre si scopa tua moglie (queste ultime due offese un po' in contrasto tra loro) ecc...

Loro partono con il treno, io non ho fretta ed attendo il prossimo. Nell'attesa ne arrivano altre tre. Solito modo, si aggirano per la banchina e cercano la preda da spennare. La trovano subito e con la borsa a tracolla davanti alla mano (le tecniche di scippo non subiscono innovazioni da anni) cercano di borseggiare un gruppo di turisti mettendosi in coda dietro di loro. Arriva il treno e come fatto prima avverto i passeggeri. Sembra una barzelletta, ma non lo è.

Anche stavolta prendono il treno e mi insultano dalla porta. Io decido ancora di aspettare il prossimo, sono in anticipo e voglio vedere a che livello siamo arrivati.

Arriva il terzo treno e indovinate chi scende? Scendono le tre borseggiatrici incontrate per prime. Scendono, trovano la preda e provano a risalire. Blocco la mano ad una che la stava infilando in una borsa e questa inizia ad urlare: "ma cosa vuoi sono incinta brutto figlio di puttana". Incasso pure questa e avverto i passeggeri. Loro riprendono il treno per ricominciare la giostra. In tutto questo neanche l'ombra di un vigilante.
Arriva il quarto treno, lo prendo e mi reco al mio appuntamento a Flaminio.

Finito, sono costretto a riprendere la metro. Salgo a Flaminio verso le 14:30 e riscendo a Termini.
Appena sceso butto un occhio nella banchina opposta (quella verso Flaminio) dove è appena arrivato un treno. Inutile dirvi che salgono quattro borseggiatrici che vanno via. Potete non crederci, ma se volete ci vediamo e vi faccio fare un tour guidato quando volete.

Mi fermo in banchina ad osservare la situazione. Dopo un paio di minuti vedo un signore che insegue di corsa due bambine che accusa di avergli messo le mani nello zaino. Loro negano e visto che lui cerca comunque di fermale gli rifilano un paio di calcioni. Arriva il treno e riescono a scappare dileguandosi nei vagoni. Il treno resta un paio di minuti fermo e poi riparte.

Aspetto un altro treno. Arriva e scendono due turisti giapponesi che si accorgono che gli è stato rubato il portafogli. Alcune persone indicano come autrici del furto tre bambine presenti nel treno due vagoni più avanti (sono quelle incontrate all'andata, quelle non incinta per intenderci). Nel frattempo sono arrivati in banchina due militari che non senza difficoltà riescono a fermarle. Poco dopo arrivano anche due vigilanti.

Le tre negano subito di aver commesso loro il fatto. Dicono che sono ladre (sul serio!) ma che non hanno rubato loro ai turisti giapponesi. Poi iniziano a dare di matto in banchina, come tarantolate, cercando di scappare. I militari e i vigilanti riescono a bloccarle e ad accompagnarle al piano superiore nell'attesa della polizia. Io mi dichiaro disponibile a testimoniare di aver assistito ad un tentativo di borseggio da parte loro poche ore prima e quindi resto ad aspettare anche io. Nell'attesa però succede di tutto e di più.

Mentre salgo le scale al piano superiore trovo a terra un portafogli e un paio di carte di credito (la metro è ormai un cimitero di portafogli), le consegno ai vigilanti (molto pronti ad intervenire in questo caso) che le fanno vedere ai turisti. Non sono loro, sono di qualcuno dei tanti borseggiati prima di loro...
Le tre provano in tutti i modi a scappare nonostante la presenza di due militari con mitra spianato e due vigilanti. I militari sono costretti a corrergli dietro a destra e a sinistra. Una delle tre, la più invasata, si spoglia e resta in reggiseno ad urlare per dimostrare che non ha rubato. Sembra posseduta dal demonio.



Poi è un continuo di offese e provocazioni verso i militari: "se mi tocchi ti denuncio, sei una merda, tua moglie è una pu**ana" ed altre ben peggiori.
L'invasata ad un certo punto dà in escandescenze totalmente e rompe la copertura in plastica di un idrante ed inizia a dare calci a destra e a sinistra facendosi anche male e iniziando a perdere sangue da una mano a causa dei pugni dati al muro (le foto sopra testimoniano i danni). Lo sta facendo apposta in modo da accusare poi di essere stata picchiata: è una strategia rodata.

Alla fine si accende una sigaretta per provocare e sfidare ulteriormente. Viene invitata a spegnere la sigaretta per non far partire l'allarme antincendio e risponde: "ma che cazzo volete io sono donna e faccio come ca**o mi pare, non mi potete toccare". Testuale. Poi inizia a spiegare a militari e vigilanti quello che possono e non possono fare secondo la "legge italiana" (ha detto proprio così, la "legge italiana"). Lei. A loro.

Dico alla più calma delle tre di dire alla sua amica di smetterla e di cercare di calmarla e lei mi risponde: "non è mia amica e se gli dico qualcosa inizia a fare anche peggio".
Poi quella che si era accesa la sigaretta fa una cosa che non avrei mai immaginato. Tocca ripetutamente l'arma al militare che fortunatamente riesce a mantenere il controllo e riportare un po' d'ordine. Siamo arrivati al punto che queste bambine si sentono talmente intoccabili che toccano il mitra ad un militare in divisa. Questo è.

Anche un'altra ora si accende una sigaretta in segno di sfida.
Nell'attesa si ferma un po' di gente richiamata dal parapiglia e si crea un capannello. Due soggetti spiccano tra tutti. Una donna che inizia la litania: "ma sono bambine, non hanno fatto niente, lasciatele stare" e si mette in mezzo. I militari la invitano ad allontanarsi perché sta ostacolando un'operazione di polizia. Io gli dico: "guardi signora che queste bambine sono qui dalla mattina alla sera a rubare portafogli". E lei mi risponde: "ma perché te l'hanno rubato a te?". Chi conosce la mentalità romana non si sorprenderà del pensiero di queste persone, anzi è proprio forse la mentalità di questi "cittadini" a rendere la città il luogo più confortevole ed accogliente in assoluto per i criminali.

Ma poco dopo arriva il fenomeno vero. Un ragazzo sui trenta anni accorre in soccorso delle tre dicendo: "ma che avranno fatto mai?". Provo a spiegargli che sono ladre conclamate e che non è il caso di difenderle. Lui mi risponde testuale: "io le donne le difendo a prescindere. Poi se ti rubano il portafogli è colpa tua. Devi stare più attento". Anche qui chi conosce nel profondo la mentalità malata che sta distruggendo questa città non faticherà a crederci: tutti coloro che leggono da fuori Roma invece faranno un grande sforzo.

Parlo anche con i due turisti: mi dicono che avevano 3.000 euro in borsa, che erano appena arrivati e si stavano dirigendo in albergo. Insomma un ottimo benvenuto.
Dopo circa 20 minuti finalmente arriva la polizia che porta via le tre borseggiatrici insieme alla coppia di turisti che sporgerà denuncia. Non serve la mia testimonianza, vista la presenza dei due turisti derubati.

Vado a prendere la metro B verso Rebibbia per tornare a casa e passo nella banchina verso Colosseo. Vedo tre borseggiatrici diverse (una incinta -?-) che salgono. Non ho la forza di dire nulla. Per oggi ho finito le energie. Torno a casa...

Si parla tanto dei primi 12 mesi di Raggi. Confrontiamoli a quelli di Marino

26 giugno 2017

Con una delle sue allucinanti conferenze-senza-domande e, in più, con la claque, gli ultras e la tifoseria ad applaudire e a urlacciare, la sindaca Virginia Raggi qualche giorno fa ha raccontato i suoi primi 12 mesi. Qualcuno li ha chiamati 12 mesi di nulla, ma è sbagliatissimo. Si tratta 12 mesi molto densi. Il problema è che sono stati densi quasi solo di errori e di regali alle cricche. Li abbiamo sintetizzati qui. Ora però li vogliamo raffrontare ai 12 mesi di Ignazio Marino, ovvero il precedente sindaco. Una semplice lista così ciascuno potrà fare i propri raffronti. È importante questa lista (che riguarda, ribadiamolo, solo il primo anno di Marino) perché è una risposta a chi dice che a Roma le cose "non si possono fare", che non c'è speranza. Se si vuole le cose si fanno. Se invece si vuole si può decidere, ed è più facile, di regalare tutto alle cricche come si sta facendo da 12 mesi a questa parte. 

1. Ha richiesto, appena insediato, l’intervento degli ispettori del Tesoro per verificare la situazione contabile e finanziaria delle casse del Comune, facendone certificare sprechi e debito lasciato dalle precedenti Amministrazioni. Questa mossa ha aperto la strada alle inchieste di Mafia Capitale che deflagherà qualche mese dopo il primo anno di consiliatura.

2. Ha istituito una Commissione d’indagine amministrativa su presunti illeciti all’interno di ATAC. Anche se purtroppo l'attività è rimasta pressoché simbolica (non che le cose simboliche non siano importanti, beninteso).

3. Ha chiuso finalmente Malagrotta dopo 30 anni di esercizio e di monopolio, mettendo così la parola fine alle procedure di infrazione messe in campo dall’Europa nei nostri confronti e che ci hanno impedito per anni di accedere ai fondi europei per supportare il rilancio della città.

4. Ha indetto un bando internazionale per la raccolta e il conferimento dei rifiuti urbani, scommettendo sul sistema del porta a porta e della raccolta multimateriale raggiungendo l’importante quota del 43% conferito in maniera differenziata. Oggi la crescita della differenziata si è arrestata e non esistono strategie di nessun livello per il futuro ne per la raccolta ne per il trattamento: solo ideologie sulle riduzione dei rifiuti.

5. Ha messo la parola fine alle nomine dei vertici aziendali delle aziende partecipate nominati dalla politica, scegliendo avvisi pubblici che garantissero il merito e il meglio per la città. Ovviamente anche su questo si è restaurato oggi il metodo precedente e per diventare capo di una municipalizzata devi essere amico di un assessore o di Casaleggio.

6. Ha voluto con convinzione la riapertura dei cantieri della metro C e ne ha inaugurato un ampio tratto. Il progetto era impantanato. Oggi il progetto è di nuovo impantanato perché in un anno l'amministrazione non è riuscita a esplicitare la propria strategia: cosa si farà dopo l'arrivo della metro C a San Giovanni? Non si sa. "Poi vedremo" ripete la sindaca. Peccato che queste cose o si pianificano con anni di anticipo o ciccia...

7. Ha puntato sull’efficienza e la sostenibilità ambientale nella scelta del sistema dei rifiuti della città, identificando gli impianti AMA di Rocca Cencia come sede che doveva ospitare un Ecodistretto per la trasformazione dell'umido a impatto zero e senza odori. Ovviamente questa amministrazione ha bloccato il progetto dopo averlo ostacolato in maniera strumentale cavalcando l'ignoranza del popolino quando era all'opposizione.

8. Ha avviato una ricerca con avviso pubblico per il conferimento di un comandante Generale della Polizia Locale di Roma esterno al Corpo. Ovviamente l'attuale amministrazione ha ripristinato il vecchio stile e ha nominato un comandante generale interno...

9.  Ha allontanato il precedente AD di AMA (esperto di cavalli invece che di rifiuti) poi arrestato con Mafia Capitale e ha nominato un nuovo AD sulla base della ricerca dei curricula e non delle aderenze politiche o delle amicizie. No comment sull'attuale situazione nel top management di AMA...

10. Ha finalmente affrontato di petto il tema del litorale lasciato in silenzio per oltre vent’anni: ruspe e varchi aperti ce li ricordiamo tutti. Sempre a Ostia ha ingaggiato uno scontro a muso duro a Ostia per togliere potere alla criminalità organizzata e al sistema mafioso degli Spada e dei Fasciani e ha disciplinato l’accesso alle spiagge, l’uso degli arenili e la visuale a mare, obbligando i titolare degli stabilimenti a consentire il libero e gratuito accesso e transito per il raggiungimento della battigia antistante l’area compresa nella propria concessione demaniale.

11. Ha rimesso ordine con coraggio e determinazione alla gestione dissennata del Teatro dell'Opera di Roma scongiurando la bancarotta e riportandolo in attivo, sia sul piano dell'offerta culturale e del prestigio che dal punto di vista economico-finanziario. L'articolo a riguardo de L'Economist è di oggi la dice lunghissima a riguardo...

12. Ha rimesso ordine al piano generale delle affissioni segnando di fatto il primo vero affondo verso la fine di cartellopoli: ha fatto rimuovere alcuni cartelloni abusivi ed ha vietato le pubblicità a sfondo sessista. Oggi la riforma, che abbisognava di altri piccolissimi passi per essere portata a dama, è stata insabbiata al punto che oggi le associazioni che si sono occupati di questa battaglia si riuniranno in Campidoglio per un disperato convegno...

13. Ha approvato in Giunta il bilancio di previsione a inizio anno e non alla fine o addirittura l'anno successivo come avveniva in precedenza. Una autentica svolta rispetto agli anni di Alemanno, incredibilmente anche su questa cosa Virginia Raggi si è "presa il merito" di cose che erano state fatte ampiamente molto prima di lei. 

14. Ha finalmente varato un nuovo PGTU - Piano Generale del Traffico Urbano (28.03.2014) che aspetta di essere attivato in toto ma che è lì pronto. In questo quadro sono state eliminate le folli gestioni delle strisce blu impostate da Alemanno. Poi il TAR le ha reintrodotte e ora, dopo un anno intero, nessuno della nuova amministrazione ci ha messo mano.

15. Ha avviato un piano di controlli serrati sui requisiti di chi ha diritto a un alloggio popolare, liberando oltre 700 case dove gli occupanti erano sprovvisti dei titoli per abitarle.

16. Ha deciso di chiudere l’esperienza vergognosa e superata dei Residences (veri e propri ghetti) permettendo a chi vive un disagio, di rimettersi in piedi sulle proprie gambe scegliendo personalmente un appartamento con la garanzia del Comune che elargisce per ogni nucleo un bonus casa fino a 800€ con un risparmio di 3 milioni di euro (con cui pagavamo l’affitto dei residence ai costruttori e ditte improbabili). Ovviamente qui pure visti gli enormi interessi in gioco si sta tornando indietro: chiedete all'assessore Mazzillo, magari vi spiegherà cosa sta combinando...

17. Ha varato un piano di dismissioni per mettere ordine nelle società controllate o partecipate che prevede la cessione di sette quote minori in sette enti (Aeroporti, Centrale del Latte, Eur, Acea Ato 2...).

18. Ha assegnato ad Ama il servizio di gestione dei rifiuti urbani ed i servizi di igiene urbana di Roma, per la durata di 15 anni. Viene così assicurato, sulla base degli obiettivi individuati nel Contratto di Servizio. Il progetto prevedeva l'autonomia impiantistica di Ama (ad esempio con Rocca Cencia, vedi sopra) che da carrozzone si sarebbe trasformato in azienda vera.

19. Ha voluto la realizzazione del progetto della Città della Scienza di Roma (unica capitale europea che non aveva il museo della Scienza) bandendo un concorso internazionale. Il progetto è incagliato grazie alle follie, incapacità e ideologie urbanistiche di questa amministrazione...

20. Ha liberato Piazza Navona ristabilendo il decoro. La Piazza, ormai, era divenuta sempre più negli ultimi anni un mercatino suk, che non nulla aveva a che fare con i mercatini di Natale di altre città e paesi. Indovinate cosa succederà questo Natale a Piazza Navona!? Indovinate cosa troverete!? Indovinate di chi saranno le bancarelle che torneranno dopo anni di pace a massacrare la piazza!?

21. Ha voluto il primo bando per per l’assegnazione dei terreni agricoli di proprietà comunale ai giovani agricoltori. Dopo aver cancellato le cubature previste nell’agro da Alemanno, la Giunta Capitolina mette a disposizione dei giovani agricoltori terreni pubblici fino ad oggi abbandonati e incolti, o peggio assegnati dalla passata amministrazione a dubbie associazioni.

22. Ha pedonalizzato Via dei Fori Imperiali. Se ne parlava da almeno 35 anni... L'attuale Giunta ha sguarnito i presidi all'ingresso di Piazza Venezia e oggi da lì entrano cani e porci con auto private e motorini.

23. Grazie al lavoro di Riccardo Magi dei Radicali ha eliminato la manovra d'aula, il magheggio contabile che consentiva a tutti i consiglieri comunali di disporre di un certo numero di migliaia di euro sostanzialmente da rubare e intascare fingendo finanziamenti a finte associazioni e onlus. I consiglieri non gliel'hanno mai perdonata.

Paola Taverna scrive a Roma fa Schifo: "non vi querelo più". Lettera incomprensibile

24 giugno 2017

Ieri abbiamo pubblicato un lungo resoconto su una strana minaccia di querela che alcuni avvocati, che si sono presentato a nome e per conto di Paola Taverna ci avevano indirizzato. La cosa è stata utile per ripercorrere tutta la storia abbastanza inquietante dei Soffokati capitanati da tale Pasquale Merlo (ma in realtà il suo nome è tutt'altro come si impara cliccando quiqui e qui), che si fa chiamare Il Merlo. Una storia tipica romana di strafottenza, sopraffazione, arroganza e legami imbarazzanti con la politica che, secondo noi, aveva visto eccessiva vicinanza con il Movimento 5 Stelle. Come sempre facciamo ovviamente tutto questo lo avevamo suffragato con prove incontrovertibili.

Quest'oggi Paola Taverna ci ha scritto (questa volta di suo pugno, senza avvocati di mezzo) chiedendoci di pubblicare. Con piacere riportiamo le sue parole e aggiungiamo, sotto, le nostre considerazioni attendendo anche quelle dei nostri lettori.

Io non mi nascondo e non rinnego mai quello che ho fatto. Rivendico e sono orgogliosa del lavoro fatto al fianco e per la categoria dei tassisti, che rifarei oggi. Ma non sono disposta a veder strumentalizzare una battaglia fatta per le giuste rivendicazioni di una categoria, né dalla categoria stessa né da una testata. 
Ciò che contesto è l’associazione che è stata fatta sul vostro sito tra la mia persona, oltre che il M5S, e singole supposte azioni discutibili attribuite ad alcuni degli appartenenti a questa categoria    
e di più alle idee personali di alcuni di questi.
La richiesta di correzione di quanto pubblicato nasce esclusivamente da questi profili proprio perché da me non condivisi e quindi non corrispondenti al vero.
Da quando sono stata eletta ho sporto poche denunce, sempre controvoglia perchè la magistratura ha cose più importanti di cui occuparsi, e solo quando non vi erano alternative. Per questo anziché presentare direttamente querela, come era nei miei diritti, ho preferito cercare un dialogo che, onestamente, speravo più costruttivo. 
Questa volta però la querela non ci sarà, almeno non la mia. Mi basta quanto emerso dal vostro lungo post, chiarito da queste mie brevi righe. 
Ho visto con piacere le foto con Emidio, a cui vanno i miei auguri di una veloce guarigione, visto che ho avuto notizia che pochi giorni fa è stato investito. 
Quelle foto mi fanno ricordare la battaglia sacrosanta per il "taxi service" e per la dignità della categoria dei tassisti dopo lo scandaloso emendamento della Lanzillotta. 
Eventuali idee dei singoli o altre loro presunte azioni, cosi come le vostre personali valutazioni delle stesse, non sono da me condivise né supportate e pertanto, in correttezza, vi invito a non associarle alla mia persona. 
Paola Taverna

Ci ha fatto piacere ricevere queste considerazioni perché innanzitutto prefigurano una querela in meno. Una buona notizia considerando quante altre querele strumentali e arroganti dobbiamo gestire sempre provenienti da anime del Movimento 5 Stelle. Ma al di là della non-querela, purtroppo tutte le faccende emerse nel nostro precedente articolo non vengono spiegate.

1. Perché alla Taverna non piace essere associata a dei gruppi quando lei per prima ha dichiarato ai quattro venti la sua vicinanza? Inoltre se i Soffokati, come la Taverna ha ammesso non più tardi dello scorso dicembre, sono "la stessa cosa" del Movimento 5 Stelle perché Taverna non li invita a smettere di comportarsi in maniera incivile (stanno incartando la città di affissioni abusive e graffiti dovunque) invece di prendersela coi blog?

2. Come può pensare la Taverna, ormai una politica navigata, di potersi avvicinare a delle battaglie (magari per ottenere un legittimo tornaconto elettorale e di consenso) e poi però prendere le distanze dai singoli protagonisti delle battaglie stesse? Come può insomma la Taverna pensare di poter avere la botte piena e la moglie ubriaca? Questo atteggiamento è tuttavia diffuso nel Movimento 5 Stelle e succede anche a Roma. Ad esempio nel mondo dell'ambulantato: i grillini si schierano sistematicamente a favore delle lobbies bancarellare, ma non vogliono sentirselo dire. Anche Andrea Coia ha minacciato querela semplicemente perché abbiamo detto la verità, ovvero che sta lavorando per favorire una delle peggiori cosche della città. Anche la vecchia politica lavorava per favorire le cricche e i portatori di voti, ma almeno non lo negava. Almeno non negava l'evidenza. Negare l'evidenza è possibile con certa moscissima stampa italiana e ancor più romana, ma finché ci saranno certi blog e certi osservatori indipendenti non sarà agevolissimo farlo.

3. Taverna dice che di solito non fa querela perché (e siamo molto d'accordo con lei) pensa che i magistrati debbano concentrarsi su ben altro. Ma se così è allora perché ha dato mandato ai suoi legali di minacciarci senza mezzi termini assicurandoci una querela se non avessimo tolto non parte dei contenuti ma tutti (così chiedevano gli avvocati)? Lo ha dunque chiaramente fatto solo per intimidire sfruttando il potere dovuto dalla sua nomina parlamentare e non perché credeva davvero di procedere o di avere i numeri per farlo? E lo ammette con questa trasparenza? Chapeau...

4. Se Taverna ritiene, come dice in questa sua lettera, che ci siano gli estremi per la querela perché non procede? Per quale motivo ha deciso di non andare avanti visto che i suoi legali erano così risoluti? Ma soprattutto: quali sarebbero questi estremi?

5. La Taverna, tramite i suoi avvocati, ha scritto che i Soffokati sono eversivi (oltre ad altri epiteti). In che senso? Eversione in cosa? In questa lettera poi sembra invece non rinnegarne la vicinanza. Dunque rivendica di essere vicina agli eversivi? O gli avvocati avevano esagerato?

6. Nella lettera scritta dai suoi avvocati Taverna sosteneva che mai, neppure lontanamente, i Soffokati e il M5S hanno avuto dei rapporti. Questa è una clamorosa menzogna, come mai Taverna l'ha fatta scrivere ai suoi legali e come mai non ce la spiega?

7. Durante la prossima campagna per le Politiche o per le Regionali Paola Taverna farà iniziative elettorali e politiche a fianco dei tassisti? E se sì, anche a fianco dei Soffokati dopo averli definitivi "eversivi"?

8. Cosa ha spinto davvero Paola Taverna a farsi letteralmente massacrare su Roma fa Schifo quando noi, da parte nostra, neppure ce la saremmo considerata di striscio? Per quale motivo una azione così goffa?

In generale a noi la lettera sembra molto confusa, in alcuni passaggi poco comprensibile e poco approfondita.  E soprattutto poco concreta: la classica toppa che è peggio del buco per certi versi. E' un peccato perché ci sarebbe piaciuto saperne di più. Quando Taverna vorrà saremo sempre qui per pubblicare i suoi contenuti, nel frattempo ci limitiamo a consigliarle, anche per i prossimi step della sua carriera politica, di evitare le facili scorciatoie di consenso e le cattive compagnie prediligendo un percorso istituzionale e di qualità lontano da populismi sempliciotti ormai indifendibili e facilissimi da smascherare. 
Schierarsi assieme alle lobbies, alle cosche, alle cricche, alle caste che da anni tengono bloccata l'economia d'Italia (dagli ambulanti ai tassinari, dai dipendenti pubblici ai peggiori sindacati, tutto l'elettorato insomma del M5S) è la traiettoria più immediata, ma è anche quella che paga solo nel breve periodo. E quella, oltre tutto, che fa ancor più del male ad un paese allo stremo. Da un movimento nuovo tutti ci saremmo aspettati scelte esattamente opposte.

L'incresciosa e misteriosa storia della querela di Paola Taverna contro Roma fa Schifo

23 giugno 2017

In primis bisogna spiegare cosa sia il fenomeno Soffokati. Si tratta di un gruppo di tassinari romani molto arrabbiati e esasperati che stanno fuori dai sindacati tassinari tradizionali e che sono nati anche con interessanti funzioni civiche (il taxi service per orientare i consumatori a Termini o a Fiumicino e salvarli dagli abusivi) e che ultimamente hanno avuto una deriva aggressiva e violenta. 

Merlo, Taverna e Raggi durante i festeggiamenti per la vittoria di quest'ultima alle Comunali
I Soffokati - lo stesso gruppo che ha ricoperto la città degli orribili adesivi abusivi bianchi con scritta nera che invitano in inglese i clienti a prendere solo "white taxi" e non "illegal black cab" - si sono distinti nelle lotte contro la norma Lanzillotta a favore di Uber qualche mese fa e le loro gesta sono state raccontate da molti giornali (ma Lorenzo D'Albergo scrisse un lungo articolo anche sul Venerdì) e da un inquietante servizio di Piazza Pulita a firma del sempre ottimo Salvatore Gulisano

Pasquale Merlo (ma in realtà il suo nome è tutt'altro come si impara cliccando quiqui e qui), capo dei Soffokati

I Soffokati sono da sempre vicini, anzi vicinissimi, al Movimento 5 Stelle (sono stati loro a ricoprire i loro taxi di simboli elettorali durante le passate comunali) e in particolare a Paola Taverna. Il leader dei Soffokati, che si fa chiamare Il Merlo e che è l'individuo ritratto in tutte queste foto oltre che, in performance atletiche di lotta greco-romana e in dialoghi raggelanti, nel filmato de La7, è immortalato in decine di scatti a fianco a Paola Taverna e in questo filmato (qui l'originale) augura assieme alla deputata pentastellata gli auguri di buon Natale a tutti i tassisti e in particolare ai Soffokati che, a detta della Taverna stessa, sono "la stessa cosa" del Movimento 5 Stelle. 


In passato, in alcuni articoli e tutto sommato innocui post Facebook abbiamo affrontato la faccenda: qui introducendo il filmato de La 7, qui denunciando i continui vandalismi che, ad opera dei Soffokati, la città sta subendo e ancora qui denunciando ancora i vandalismi e sottolineando la vicinanza dei Soffokati a Paola Taverna.


Alcuni Soffokati, tra cui Merlo, con la Taverna
Anche solo sfogliando le foto e i video di questo post e i relativi commenti (qui sotto il Merlo, capo dei Soffokati, ci spiega che è stato invitato proprio da Paola Taverna, che lui chiama nella sua pagina Facebook quasi sempre "la leonessa" alla festa immediatamente successiva alla vittoria elettorale di Virginia Raggi) vi sembrerà davvero strano sapere cosa contenevano le mail inviateci dagli avvocati di Paola Taverna l'altro ieri.


"E’ assolutamente falso che il gruppo dei c.d. “Soffokati” siano il sindacato del Movimento 5 stelle, che tale gruppo sia sostenuto dal Movimento 5 stelle o che, addirittura, sia vicino alla Senatrice Taverna.
Mai nessun collegamento tra un gruppo eversivo come quello dei Soffokati e il movimento 5 stelle è stato neanche mai immaginato, né tantomeno in nessun modo risultano rapporti tra tale gruppo e la mia assistita".

Parole testuali, mail arrivata al nostro indirizzo il giorno 21 giugno per la nostra totale incredulità. Non solo insomma gli avvocati della Taverna parlano dei Soffokati come di un gruppo eversivo (ma se erano tali perché la Taverna ci ha bazzicato insieme per anni?), ma dichiarano di non conoscerli, di non averli mai sostenuti, di non aver avuto mai nessun rapporto. 
Ci sono decine di foto, ci sono i video in cui la Taverna dichiara che il Movimento è la stessa cosa con i Soffokati dicendo "vi voglio bene" e poi arrivano i suoi avvocati che negano tutto, dicono di cancellare tutto, dicono che il Movimento e i Soffokati non c'entra niente e ancor meno c'entra la Taverna stessa. A noi è sembrato davvero surreale.



A nulla sono valse le nostre rimostranze: abbiamo inviato il file del video in cui la Taverna dichiarava che Movimento e Soffokati sono la stessa cosa, abbiamo inviato le foto, abbiamo inviato altri articoli di stampa. Nulla. La richiesta veniva ribadita: togliete tutto altrimenti vi quereliamo. Chiaramente per chi guadagna 15 mila euro al mese e ha l'immunità parlamentare minacciare querela contro semplicissimi cittadini che hanno avuto solo la colpa di aver pubblicato notizie vere (sebbene imbarazzanti) è gioco facile. Anche quando si è costretti a negare l'evidenza con questa sfacciataggine e arroganza.
"Tali affermazioni" ha scritto l'avvocato riferendosi agli articoli anzi ai meri post Facebook linkati di sopra,"oltre che non vere, sono altamente infamanti e mortificanti per la ​mia cliente, il cui nome è stato espressamente associati a soggetti che, per protesta, stanno riempendo i muri di Roma con graffiti, deturpandoli. Gli articoli in esame integrano pertanto una lesione gravissima alla reputazione, all’immagine e all’identità personale e politica della Senatrice, con evidenti ricadute negative sul suo prestigio e sulla sua credibilità politica: ricadute negative la cui gravità è acuita dal ruolo di credibilità politica: ricadute negative la cui gravità è acuita dal ruolo di Onorevole della Repubblica ricoperto dall’esponente.
Alla luce di tutto quanto sopra esposto, Vi diffido formalmente a voler rimuovere gli articoli sopra indicati entro e non oltre il termine essenziale di 1 giorno dalla ricezione della presente con l'avvertimento che, in mancanza, saremo costretti a presentare formale atto di querela chiedendo la punizione di tale comportamento e di chi si è reso responsabile di tanto gravi offese, lesive della personalità della mia cliente, la quale sin da ora si riserva di agire per il risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale subito, da parametrare in base alla gravità delle notizie diffuse acuita dall’attribuzione di fatti determinati, al ruolo istituzionale, alla reputazione e immagine dell’esponente, alla estensione della diffamazione e alla qualità del veicolo dell’informazione".

Capito il ragionamento? Il danno di immagine la Taverna non se l'è fatto da sola, frequentando (anche ovviamente a fini di tornaconto elettorale) gente infrequentabile. No. Il danno gliel'abbiamo fatto noi semplicemente raccontando la cosa. Per questo ci meritiamo di pagare cifre che si prefigurano altissime.

Ennesima foto di Taverna e Merlo
Ovviamente prima di raccontare ai nostri lettori questa ennesima assurdità abbiamo fatto qualche ragionamento. Poi abbiamo optato per pubblicare. In primis, come abbiamo fatto in passato, per chiedere il vostro aiuto visto che siamo entrati in una fase di durissimi attacchi giudiziari nei nostri confronti. Questa nuova tipologia di amministratori non è disposta a incassare, gestire o rispondere alle critiche: loro querelano. Guadagnano bene, hanno immunità e avvocati asserviti e sanno perfettamente - come spiegava ottimamente Grillo qui nel 2009 prima che il suo diventasse un Movimento fascisteggiante - che la querela è un arma impeccabile per tappare la bocca a chi è scomodo. Minacci qualcuno e magari ottieni anche che notizie incontrovertibili vengano censurate dalla rete, Taverna ci ha provato e sta volta no ci è riuscita ma poi gli avvocati vanno pagati e se Taverna non ha alcun problema a farlo noi si: enormi. Ecco perché vi facciamo sapere di nuovo che questo è il link dove effettuare le donazioni che utilizziamo UNICAMENTE per pagare i legali che ci danno una mano. E comunque trovate il bottone qui a fianco a destra. In questo momento i procedimenti da gestire che vedono interessati i giudici di Piazzale Clodio ad indagare contro Roma fa Schifo sono ben TRE. Tutti ovviamente per diffamazione e tutti intentati, non possiamo dire altro e i dettagli arriveranno a tempo debito, per motivi politici... I rischi di rinvio a giudizio sono enormi, ma i costi si sono già generati perché i nostri avvocati stanno già lavorandoci sopra per cercare di capire. A questi tre procedimenti si potrebbe aggiungere la querela della Taverna che ci accusa di aver pubblicato la verità... Insomma a differenza della vituperata "vecchia politica" (ricordatevi cosa non abbiamo detto contro Alemanno, giusto per fare un esempio, per non dire del PD) questi "nuovi" e "onesti" amministratori pubblici vogliono, semplicemente, farci chiudere. Questo è.

I Soffokati con Di Maio
Ma al di là di utilizzarlo come "scusa" per chiedervi un aiuto per la sopravvivenza di un blog che speriamo vi stia a cuore e che (purtroppo!) è rimasto sostanzialmente l'unica voce libera su uno scenario che si sta radicalizzando verso una deriva totalitaria, quello che ci interessa è anche riflettere sull'accaduto. Insomma, perché siamo arrivati a questo punto? Cosa c'è dietro? 

Il Merlo, capo dei Soffokati
Agli avvocati di Paola Taverna abbiamo chiesto spiegazioni senza ottenere nulla in cambio. Solo la filastrocca che sostanzialmente diceva: o togliete quanto vi chiediamo di togliere oppure vi quereliamo. Ma perché Paola Taverna, amica da anni di Merlo e "stessa cosa" coi Soffokati per sua stessa ammissione in video lo scorso Natale, ora ci dice tramite i suoi legali che lei non ha nulla a che fare con questi signori? 

Merlo, capo dei Soffokati
La Taverna si è resa conto del profilo poco, diciamo così, istituzionale dei Soffokati e ha compreso che non è più il caso di essere assimilabile a loro e vuole far dimenticare alla rete il passato? Legittimo, ma poteva dirlo con chiarezza.

Gli avvocati che ci hanno scritto in realtà hanno millantato di essere gli avvocati della Taverna e non lo sono? In tal caso abbiamo tutti gli estremi per consentire a Taverna di, questa volta sì, querelarli per millantato credito. [questa ipotesi è ovviamente scherzosa&ironica]

La Taverna ha saputo che stanno uscendo magari dalla Procura delle faccende riguardanti i Soffokati e Merlo e non vuole che la sua autorevolezza politica riceva schizzi di fango quando il fango inizierà a girare? 

Se Paola Taverna ci dice la verità e ci spiega non solo siamo disposti a pubblicare qui le sue ragioni così come abbiamo pubblicato le sue minacce e le sue dichiarazioni in spregio di ogni verità buon senso, ma siamo anche disposti a dimenticare questo ennesimo assurdo caso di arroganza del potere. 
Onestamente combattiamo la politica (quella cattiva, purtroppo maggioritaria) da 10 anni e mai ci era successo di subire autentiche angherie di questa natura. Una forma di autentico bullismo che speriamo non si ripeta. Intimidazioni di quart'ordine che dovrebbero fare paura ancor prima di fare schifo. A tutti. Organi di informazione pubblicano verità pacifiche, ma se poi queste verità non sono più in linea con quanto decide il partito o le togli o ti becchi la querela. Secondo noi è spaventoso e ricorda anni bui.

Sesso imperiale nel bel mezzo dei Fori durante il Gay Pride. Il video

21 giugno 2017
E naturalmente si accettano scommesse. Chi sono i due spavaldi del Foro di Traiano? A che nome, ma soprattutto a che sesso, rispondono i due protagonisti assoluti della trombata più imperiale che si sia mai vista? 

Siamo ai Fori Imperiali, appunto. Sabato 10 giugno, esterno giorno: è la giornata del Roma Pride. Pieno di gente in giro a rivendicare i diritti della comunità gay, lesbica, trans ecc. La manifestazione si svolte a pochissimi metri. Loro però scendono qualche gradino, trovano chiuso il cancello di metallo che dà sulla parte recentemente restaurata del Foro, si accomodano, si spogliano (o erano già mezzi nudi?) e iniziano a darci dentro. Naturalmente nel bel mezzo dell'area archeologica più importane del mondo. Si vede che l'atmosfera del Pride favoriva all'abbassamento dei freni inibitori. O qualcuno aveva perso una scommessa? O è stato un colpo di fulmine? E quando scappa, scappa...


Si accettano scommesse, dunque. Chi sono? Uomo lui e trans lei? Trans lui e trans lei? Gay lui, etero lei? Oppure addirittura semplicemente etero lui e etero lei, alfieri di una normalissima pecorina d'ordinanza eterosex sebbene un pelo fuori contesto e magari polemici contro i mille gusti sessuali diversi rappresentati nella vicinissima manifestazione: un improvvisato etero pride.



Sarà quel che sarà, ma intanto stiamo di fronte all'ennesimo episodio di sesso in pieno giorno in piena città. Che in confronto l'immigrato che se la spassava immerso nella monnezza è nulla ché qui siamo nel cuore turistico della città, nella zona che dovrebbe essere più controllata, videosorvegliata, sicura. Durante una manifestazione delicata e dunque, sperabilmente, piena di forze dell'ordine. E invece niente, Roma continua a comunicare totale libertà, anarchia ma non poetica, solo sregolata e sciatta. Che di per se, nonostante il caldo, può essere anche sexy e liberatoria, ma che poi ci fa capire una cosa sola: la città è fuori controllo, non ha il rispetto di nessuno, non mette paura a nessuno, non ha una autorità minimamente credibile. Credibilità zero. Da quando ti devi astenere dal buttare una cartaccia a terra a quando devi pensarci due volte prima di tirare fuori l'uccello e metterti a scompare esattamente come un riccio. Tutto si può fare. Tanto chi ti dice qualcosa? E allora godetevi quest'altro video, onestamente più triste che divertente...


*Sfruttiamo la presumibilmente buona visibilità che avrà questo contenuto per perorare la causa di chi sta lottando per la pedonalizzazione di Gay Street, ovvero del tratto di Via di San Giovanni in Laterano pedonalizzata durante l'era Marino e oggi tornata un volgarissimo parcheggio a cielo aperto*

ShareThis