Degrado e legalità vanno insieme (come qui diciamo da anni). E le condizioni di Roma diventano un caso nazionale (come qui diciamo da anni). Ecco l'intervista di Angelino Alfano di ieri a Il Messaggero

23 aprile 2014

Alfano: va riportata subito la legalità nella Capitale

ROMA «Roma è la vetrina del nostro Paese. Dobbiamo ripulirla da spacciatori e delinquenti e la città deve tornare ad essere pulita e non in mano, anche nelle zone centrali, al commercio abusivo e al degrado urbano». Il ministro dell`Interno, Angolino Alfano, lancia l`emergenza Roma e annuncia un piano speciale per la Capitale.
Di mese in mese i romani hanno la percezione di una deriva senza fine: regolamenti di conti tra bande in periferia, sparatorie in pieno giorno. Sabato Santo un rapinatore freddato in strada. Cosa sta succedendo, ministro?
«È una situazione che nasce anche dalla crisi economica, ma così non si può andare avanti ed è il motivo per cui ho pronto un piano speciale per Roma contro lo spaccio, la prostituzione minorile, l`abusivismo commerciale e un intervento con restrizioni più precise per quel che riguarda l`uso del centro storico per le manifestazioni».
Sono anni che i romani si sentono dire che le manifestazioni verranno portate in periferia ma finora non se n`è fatto niente. Perché stavolta dovrebbe essere diverso?
«Da quando sono ministro, sono stato in allarme per ben tré volte per tutta una serie di informative che dicevano tutte la stessa cosa. E cioè che una manifestazione avrebbe potuto degenerare nel saccheggio della città. Se il tema è una protesta contro l`austerity o contro la precarietà, ci mancherebbe altro: ognuno ha diritto di dire la sua. Se però diventa la scusa per mettere a ferro e fuoco la città, allora è ben’altra cosa. E noi non possiamo consentire di rovinare una città per i cittadini romani, per il mondo che la guarda, per i turisti, che vengono ad ammirarla».
Un altro aspetto, forse meno eclatante ma che i romani sentono particolarmente, è il caos, soprattutto serale. Anche su questo aspetto il suo piano per Roma interverrà direttamente? 
«Assolutamente. E` la questione più ampia del decoro urbano. Sulla cosiddetta movida attiveremo dei controlli rigidi. Anche qui: un conto è divertirsi, altro conto sfasciare tutto e impedire ai romani di vivere la notte della propria città. Un altro punto chiave sarà rafforzare i sistemi di videosorveglianza e bisogna farlo d’intesa con le associazioni di categoria: mi ha fatto molto piacere il consenso delle associazioni del commercio e della moda alle mie dichiarazioni dei giorni scorsi».
Perché un piano specifico proprio per la Capitale, ministro? 
«Il concetto di sicurezza diventa sempre di più un concetto applicato al territorio e non generico, valido da Trento a Lampedusa. Roma sta manifestando sempre più la sua specificità. Non possiamo accettare che la nostra Capitale diventi lo sfogatoio di tutte le proteste nazionali. E non possiamo neanche consentire che le splendide notti romane diventino scenario di violenze ne, e torno ai cortei, che i turisti debbano restare chiusi in camera a vedere dai balconi le violenze in strada».
Tra i punti del piano lei ha messo al primo posto il contrasto allo spaccio. Come? 
«Non voglio mai più vedere spacciatori davanti alle scuole dei bambini. Chiameremo i genitori ad una collaborazione per individuare più rapidamente le situazioni di rischio e la possibile immediata identificazione dello spacciatore. Ma dobbiamo anche dare loro la possibilità di farlo, rapidamente e non esponendo ne loro ne il loro bambino».
Come si sostanzierà il piano? Un decreto legge o cos`altro? 
«Ciascuna azione nascerà sulla base di quello che serve, investiremo le nostre migliori risorse».
Come si concilia tutto questo con la recente riorganizzazione dei commissariati che tante polemiche proprio a Roma ha suscitato? 
«Sono molto contento dell’esito del Cdm sui tagli perché non c`è stato nessun taglio sulla sicurezza, a conferma di quanto andavo dicendo da tempo. Per quanto riguarda la riorganizzazione dei presìdi, non un poliziotto in meno per strada a Roma, se possibile anzi faremo di più».
Quando l`altro giorno lei ha convocato una conferenza stampa per annunciare l’intenzione di chiudere il centro alle manifestazioni violente, il sindaco Marino ha commentato: «Io ho altre preoccupazioni». Come risponde?
«Non so proprio a cosa si riferisca. Come vede io qui sto parlando di cortei ma anche di spaccio, di abusivismo commerciale, di movida, di prostituzione minorile… Serve accendere sulla nostra Capitale un riflettore grande e non spegnerlo più. Per questo nei prossimi giorni presenterò questo piano speciale per la città».
Se si è arrivati al punto che serve addirittura un piano speciale per assicurare sicurezza e decoro, di chi è la responsabilità per questa deriva? Del Campidoglio o di chi altro? 
«Ciascuno può dare il proprio giudizio, io non sono qui per attaccare nessuno ma per dare una risposta. Sia in termini di presenza di forze dell`ordine sul territorio che di monitoraggio e prevenzione che di maggiore organizzazione per rispondere alle emergenze».

Bloccata a Via Urbana per una macchina parcheggiata davanti al portone di casa. E salta il battesimo dei gemellini

Sono la madre di due gemelli neonati, stasera devo portarli nella chiesa per il battesimo, ma Il portone è completamente bloccato da una macchina. Se nessuno la sposta non riuscirò far uscire Il passeggino. Ho lasciato Il biglietto sul vetro ma non credo che Il proprietario intenda spostare la macchina oggi. 
Via Urbana 133. 
Devo uscire alle 21.25 perché il battesimo è alle 22. Aiuto! Aiutateci a uscire dal palazzo, per favore.
Lettera Firmata

*Questa è la lettera che abbiamo ricevuto la notte di Pasqua. Chissà se poi - anche grazie alla condivisione che abbiamo effettuato su Facebook, visualizzata da diverse migliaia di persone - la cosa si è risolta. Ma non è solo questo il punto, il punto è perché succedono queste cose e perché non si lavora per evitarle. Ed è, come quasi sempre, un problema di arredo urbano. E pensare che Via Urbana potrebbe finalmente avere il suo decente arredo urbano fatto di paletti e percorsi pedonali protetti (come parte di Via del Boschetto, avete presente?). E a costo zero per l'amministrazione visto che avrebbe offerto tutto Italgas che sta facendo i lavori di riqualificazione delle tubature. Peccato che la Soprintendenza abbia detto di no e che il Municipio, con l'assessore ai lavori pubblici Tatiana Campioni e la presidente Sabrina Alfonsi, si sia completamente piegato agli assurdi voleri di burocrati (tutto è stato ben spiegato qui, su Degrado Esquilino) che addirittura vorrebbero eliminare i paletti anti sosta selvaggia (usati in tutto il pianeta per garantire l'incolumità di chi cammina) anche dalle strade dove sono già stati montati. Un autentico crimine che mortifica una strada importantissima, ne penalizza il commercio, rende insicuro percorrerla per bambini, anziani, mamme con passeggino, disabili, turisti e rende impossibile la vita per chi ci abita. Complimenti al Primo Municipio. Cosa possiamo fare? Scrivere sia su Facebook (Tatiana Campioni e Sabrina Alfonsi) che via mail: tatiana.campioni@comune.roma.it e presidenza.municipio01@comune.roma.it.
Fatelo!
-RFS

Come era ridotta la terrazza del Pincio stamane dopo i giorni di Pasqua e Pasquetta? Ecco le foto e una lettera

22 aprile 2014






Ecco il risultato di un bel weekend di festa... Questa è stata l'accoglienza al Pincio stamattina alle ore 9 e trenta.
Dove è finito il nostro senso civico, e dove sta l'Ama servizio che noi paghiamo e anche a caro prezzo?! Io amo venire qui tutte le mattine, è davvero forse il più bel luogo del mondo, ma vorrei che come ci tengo io, ci tenessero tutti, soprattutto chi ci lavora...

Un'altra cosa: queste manifestazioni, tipo i Salumi di Norcia, non sono assolutamente robe da fare sulla terrazza più famosa e più bella del mondo! Che il Comune si organizzi e le faccia altrove, già tra bancarelle e venditori ambulanti quella terrazza è diventata un suk fuori controllo, che almeno la lasciassero pulita e limpida cosi come è! Dov'è finito il gusto e il buon senso? Chi autorizza tutto ciò?
Io amo Roma e la vorrei vedere in tutto il suo splendore... Se lo merita! Forse non si merita noi romani che per primi l'abbiamo massacrata...

Chiara G. 

Roma, mezzi pubblici da orgasmo. Ecco perché c'è pure chi si masturba liberamente sulla metro B

Metro B, lo scorso 17 aprile, sono salita al Colosseo. Metropolitana in direzione Laurentina, ore 15.30. Il tipo che vedete afferra lo zainetto e con la mano destra si masturbava sotto gli occhi di tutti così come il video ben descrive.
Una bambina piccola stava proprio davanti a lui. Lo zozzo e sceso a San Paolo. Tutto qui.

Lettera Firmata


*Cara Lettrice,
non ci vediamo francamente nulla di strano. Sotto la metro è concessa ogni cosa, senza controllo, senza sanzione. E' concesso fumare, è concesso sporcare, è concesso scippare a tutto spiano, è concesso addirittura scrivere sui vagoni e entrare senza pagare. Ovvio che, in un mood dove le regole sono qualcosa da ignorare, ciascuno si senta nel pieno diritto di fare tutto quel che gli passa per la testa. 
-RFS

Anche la bella puntata della trasmissione Ulisse dedicata ai volti nascosti di Roma non si salva dal degrado

21 aprile 2014









Qui sopra qualche shot, ma ecco il link per vedersi la trasmissione. 

ShareThis