La Ferrari Roma si doveva presentare al Colosseo, ma la Sindaca ha detto no

16 novembre 2019
Avrete senz'altro presente la fantastica Ferrari Roma che l'azienda di Maranello ha presentato nella nostra città la scorsa settimana. Un evento importantissimo, cruciale, preparato nei dettagli e nella totale segretezza. Ma non doveva andare come è andato.

Ferrari lavorava da oltre un anno con l'assessorato alle politiche produttive di Roma Capitale per predisporre un evento iconico. La richiesta era di presentare la vettura, che porta la Capitale nel nome, in una location unica: il Colosseo.

Mesi e mesi di lavoro di cesello ma ad un certo punto ci si rende conto che la richiesta da fare alla Soprintendenza Speciale sarebbe potuta passare solo con un sostegno politico forte del Comune. In altre parole ci voleva che il Sindaco ci mettesse la faccia, firmasse un foglio e alzasse il telefono per chiedere al Soprintendente di fargli questo favore e di fare uno strappo alla regola vista l'eccezionalità dell'evento e l'importanza anche mediatica globale della presentazione.

Insomma dopo mesi e mesi di fango una passerella in chiave positiva per la città.

Cosa ha risposto la Sindaca ai tecnici dell'assessorato e allo stesso Assessore Cafarotti? "Io alla Soprintendenza non chiedo nulla perché sono contraria alle auto sportive e di lusso". Ovviamente prima di ammettere una cosa del genere si farebbero fucilare (nessuno ammette volentieri di essere un mentecatto), ma questa è la verità.


 Non servono ulteriori commenti per capire il livello imbarazzante della classe politica che ci amministra. Non occorrono ulteriori dettagli per capire i danni - economici e di reputazione - che questo approccio genera, per questa e per le future generazioni.

Ovviamente anche noi odiamo le macchine, idem quelle veloci, sportive e di lusso. Non ce ne può fregare di meno. Ma la Ferrari non è un'auto sportiva, la Ferrari è la Ferrari e porta dietro un immaginario rispetto al quale si debbono fare altre considerazioni.
E altrettanto ovviamente nessuno auspica che i monumenti si trasformino in vetrine per la presentazione al mercato di prodotti commerciali, ma qui la partita era un'altra: si trattava dell'azienda automobilistica più famosa del mondo che presentava un'auto chiamata come la città. Una cosa unica e irripetibile. Once in a lifetime. Ecco perché il niet grida vendetta.

La Ferrari ha dovuto accettare una presentazione allo Stadio dei Marmi...

Ho registrato un audio durante i fatti di ieri alla fermata Spagna. Un incubo

13 novembre 2019
Ieri ero lì. Suppongo di essere arrivata pochi minuti dopo questo video.
Ho preso una metro strapiena a Termini, sono scesa a Spagna con parecchia gente, nei pochi secondi che servivano a comprendere la situazione la metro è ripartita. La galleria era piena di fumo e l'allarme anti incendio suonava a palla. Io, come gli altri, mi sono messa una cosa sulla faccia per non respirare il fumo e mi sono diretta a passo veloce verso l'uscita. Arrivo alle scale mobili e mi metto in quella "monoposto" (a spagna ci sono due scale mobili, una classica e una piccina. Non ci sono scale normali), all'inizio delle scale c'era il personale Atac intento a fare non so cosa. Non ci è stata data nessuna spiegazione. Mentre ero a metà della scala le persone sono andate nel panico, da sotto hanno iniziato ad urlare a quelli in cima (fermi) di salire. In pochi secondi si sono messi tutti a urlare, le persone in fondo hanno iniziato a salire spingendo e calpestando gli altri. Qualcuno mi ha spinto da un lato di quella scala minuscola ed è salito.
Mi spingevano da sotto ma davanti a me erano fermi. Ho detto "piano! piano!" Ma erano tutti nel panico. In pochi secondi la scala è arrivata in cima e sono uscita dalla metro il più velocemente possibile con la tachicardia. Prima di prendere le scale mobili ho visto un uomo che riprendeva, forse è stato ripreso tutto. È stata una situazione davvero pericolosa, abbiamo rischiato tutti quanti di farci molto male tra la calca. O forse è anche successo, visto che quelli dopo di me sono stati schiacciati e calpestati...
Lettera Firmata

Da dove vengono la nuova assessore all'ambiente e il nuovo capo di Ama? Da questa foto

12 novembre 2019

Torniamo a bomba dopo tre anni di volontario silenzio sulla romanzesca combriccola grillina del Municipio XIV. Una vergogna incastonata nella vergogna complessiva del Comune. Ne abbiamo parlato talmente tanto che trovate un coverage giornalistico da paura facendo rapide ricerche.

Silenzio volontario perché nonostante il lerciume di parentele, amicizie dei tempi un pò sfigati delle superiori, okkuparoli nullafacenti ripuliti nominati assessori con relativa compagna deputata, conflitti di interesse che ancora oggi gridano vendetta, il merito e la trasparenza chiusi in un cassetto dei sogni; ci eravamo detti: “comunque qualcuno li ha eletti democraticamente, lasciamoli lavorare, non perdiamoli di vista ma lasciamoli lavorare”.

Abbiamo osservato che il parco lineare ciclopedonale ancora non è stato preso in carico dal Comune e la pulizia viene ancora fatta da sparuti volontari oppure una volta l’anno da RFI e subito partono roboanti post; il parco di Monte Ciocci è ormai un ritrovo di alcolizzati e macchinette e la casina al suo interno distrutta, le strade sprofondano e se ne viene riasfaltata mezza si scrive sui social come se avessero rifatto tutta Roma.

Sono cambiati qualcosa come 6 assessori al bilancio... la monnezza è ormai un tuttuno con il paesaggio, l’Ex Lavanderia continua ad organizzare sagre, feste, balli, convegni in un locale pubblico okkupato dove continua a gestire alla faccia di tutti i cittadini onesti anche un baretto davanti all’Ufficio Tecnico Municipale, ma tanto loro fanno kultura.

Ricordiamo che in un articolodel 2016 parlammo abbondantemente dell’Ex Lavanderia, che è incredibilmente il luogo in cui si è tenuta l’unica assemblea pubblica degli eletti e degli attivisti grillini a Roma, ribadiamo un luogo pubblico dall’enorme valore storico ed economico okkupato.
Le commissioni trasparenza municipali hanno un singolare record, i consiglieri grillini non partecipano praticamente mai, davvero sembra incredibile ma è proprio così.

Forte Trionfale ed il suo progetto di riqualificazione sono stati censurati e messi nel dimenticatoio.
Piazza Guadalupe è un ritrovo di barboni ed abusivi h24 ma la Sindaca ci organizza giornate spot, il mercato rionale di Piazza Thouar sembra quello di Nairobi con tutto rispetto per l’Africa ma dicono che lo riqualificheranno dal 2013; intanto quello di Primavalle è praticamente morto...
La via Francigena, l’Insugherata, il Pineto... dipendono da altri enti...

Nessun progetto di sviluppo, nessuna idea di futuro, nessuna prospettiva, poraccitudine alla potenza ennesima ed attesa del 27 per l’incasso dell’obolo.

Oggi dopo tre anni torniamo a scrivere di questi eroi moderni riprendendo un vecchio articolo ed in particolare una vecchia foto, quella dei candidati municipali a 5 Stelle del lontano 2013. 



Parlammo in questo articolo delle svolte miracolose accadute ai soggetti presenti, ma davvero non osavamo immaginare che oltre alla futura Sindaca (nel 2013 prese 106 preferenze nel suo Municipio...) oltre ai Presidenti di tre commissioni Poltronissimo Terranova, Iorio e quel simpaticone di Diario, ci saremmo dovuti ristudiare i soggetti presenti nella foto in alto e ritrovarci l’Assessore all’Ambiente Laura Fiorni (95 preferenze; novantacinque!!!) ed il neo AD unico di Ama Stefano Antonio Zaghis che con le allora 28 preferenze (ventotto!!!) sparì con disonore da tutti i radar grillini. Era tutti lì, tutti assurdamente lì. La città è in pugno di un gruppetto di amici del quartierino. Perché? Perché alla fine stringi stringi tutti sono scappati e gli incarichi cruciali sono andati nelle mani dei ragazzi del muretto del 14esimo municipio, gli unici rimasti in assenza di professionisti, in assenza di meritocrazia, in assenza di persone capaci, in assenza di gente qualificata che - negli anni - è tutta fuggita a gambe levate. Il più possibile lontana da questa banda di ciarlatani. 

Aspettiamo che ci illumini Andrea Severini in Raggi sulle prossime mosse di questa piccola squallida lobby municipale che si è piazzata in ruoli cruciali per la nostra città...magari ripartendo dalla fantozziana Coppa Cobram del primo dimenticabilissimo Monte Mario Bike Tour dove nulla è cambiato se non peggiorato...

Vi hanno fottuto ancora: il bike sharing JUMP di Uber NON è un bike sharing

21 ottobre 2019
Lo ammettiamo, non siete voi gli unici colpevoli. Certo, voi in quanto cittadini siete particolarmente impreparati (e questo è sempre un male, oltre che un rischio), ma i giornali ci mettono la loro. Con titolo da autentico raggiro tipo "bike sharing, il Comune ci riprova". E le tv non sono da meno. Ma per darvi una informazione indipendente e un briciolo più approfondita per fortuna ci siamo noialtri!

Parliamo di biciclette. Il servizio appena presentato dal Comune e assegnato ad Uber (che quando devi difendere le lobbies che ti portano voti è una temibile multinazionale da scacciare fuori dalla porta, quando invece devi tagliare un nastro diventa un partner per le photo opportunity che vedete in questa pagina) non è un bike sharing come tutti stanno dicendo. Non ha nulla a che spartire con gli schemi di bike sharing presenti in tutta Europa e non solo da ormai una dozzina di anni. 

Jump di Uber è infatti un mero servizio di noleggio biciclette. Anche molto caro e, per le caratteristiche che ha, anche piuttosto in concorrenza sleale con i servizi di noleggio bici presenti storicamente in città. La prima sua caratteristica è, quindi, fare concorrenza sleale ad operatori e imprenditori già sul mercato. Ma questo è il meno. La cosa triste è che questo noleggio bici a differenza di altri noleggi bici è spacciato da bike sharing pur non essendolo e inaugurato come tale. Il bike sharing infatti, servizio di mobilità integrata che ha rappresentato una svolta nell'ultima decade per la mobilità di città come Barcellona, Londra, Parigi, New York, Milano ha delle caratteristiche che non si possono contrabbandare:

1. numero elevatissimo di bici e di stazioni - Jump non ha queste caratteristiche: poche bici posizionate in zone pubblicitarie tipo Colosseo e Fori, alla maniera grillina di fare le cose. 

2. tariffazione impostata per incentivare la condivisione dunque a salire nel tempo con la prima mezz'ora gratuita - Jump ha normalissime tariffe da noleggio bici e neppure la possibilità di abbonamento mensile o annuale come altri servizi di bike sharing a flusso libero tipo Mobike o la vecchia OFO.

3. integrazione tariffaria e operativa con altri servizi di trasporto pesante - Jump non lo prendi di certo con la tessera Atac ed è completamente slegato dalle altre tariffazioni da tpl urbano. 

Insomma mentre qui il prodotto costa una fortuna erogando un servizio pessimo, se vuoi usare per mezz'ora (percorso casa lavoro) l'eccellente bike sharing a Milano, la tua spesa sarà pari a zero euro perché il bike sharing è fatto proprio per quello: rispondere alla tua domanda di mobilità e di spostamento da ultimo miglio in maniera rapida ed economica in modo tale che tu utilizzi il mezzo per breve tempo poi rimettendolo in condivisione per altri. Inoltre a Milano il tuo abbonamento al servizio sarà caricato sulla stessa card dell'abbonamento ATM ai mezzi pubblici e anche la app sarà la medesima. Il tutto pagato non da te, che avrai appunto un eccellente servizio gratis, ma dalle società di pubblicità esterna e cartellonistica che sono state coinvolte per fare questo servizio: hai spazi pubblicitari da vendere solo se mi dai indietro un servizio. Un ragionamento che a Roma è impensabile visto il legame malato tra ditte pubblicitarie e amministratori. 

A Roma una buona parte di società di cartellonistica sono ditte losche e mafioseggianti. Il Comune è da sempre loro alleato e pur di non torcere un capello a questo malaffare il progetto di bike sharing moderno che aveva impostato Marino (l'unico a contrastare realmente i cartellonari assieme all'assessore Marta Leonori) è stato accantonato in maniera vergognosa e criminale. Al suo posto finti bike sharing come quello di Uber che non rispondono a nessuna reale esigenza urbana di mobilità salvo quella di qualche turista che - evitandosi il nolo da un negozio e semplicemente scaricando un'app - vuole godersi un'oretta di bici in città nei pochi giorni medi di soggiorno a Roma.

Risultato di questa connivenza tra le ditte pubblicitarie e il Comune? A Milano 30 minuti di bike sharing costano all'utente ZERO EURO, a Roma 30 minuti di bike sharing costano all'utente SEI EURO E MEZZO. Se lo usi per andare a lavoro sono 13 euro al giorno, su 20 giorni lavorativi 260 euro al mese: risparmi col taxi!
La storia di Roma moderna condensata in un guscio di noce, eccola qui. Le tariffe sono assurde: un noleggio bici che costa praticamente come le auto di Enjoy e Car2Go. E' una roba surreale, non ci sono altri aggettivi. 

Ma qualcuno potrebbe dire: a Milano mica sono a pedalata assistita. Falso! Il BikeMi meneghino ha da tempo un servizio a pedalata assistita, oltre 1100 biciclette, alcune delle quali addirittura dotate di seggiolino per portare i bambini... Solo che lì, a Milano, il servizio a pedalata assistita - che in quel caso bisogna ammetterlo non è gratuito come quello tradizionale - costa la bellezza di 0,25 euro alla mezzora; contro i 6,50 euro di Roma. 26 volte tanto...

Ma qualcuno potrebbe dire: eh ma JUMP sta in molte altre città del mondo come Londra o Parigi. Già, verissimo. Peccato che lì sia un servizio che viene offerto "in aggiunta" rispetto allo schema di bike sharing pesante esistente. Un servizio più evoluto di nolo bici che permette di lasciare la bici dove si vuole (prescindendo dalle stazioni) e di avere un servizio a pedalata assistita pagando di più. Per chi vuole quel servizio, c'è. Ma per tutti gli altri che utilizzano DAVVERO la bicicletta per spostarsi, andare a scuola, a lavoro, a fare commissioni c'è il bike sharing quello vero.

Ma qualcuno potrebbe dire: si tratta di un servizio privato (vero!), Uber ci deve guadagnare (vero!), cosa poteva fare il Comune? Sempre meglio di niente no!? Fermo restando che con la mentalità del "meglio di niente" ci siamo ritrovati a vivere nella città più raccapricciante dell'occidente, arrivata ad un punto di non ritorno sotto molteplici punti di vista, ma a parte questo il Comune poteva fare eccome. Questo servizio esiste perché la società ha risposto ad un bando pubblico - pubblicato dal Comune -, l'ennesimo bando pubblico fatto coi piedi visto che il bando avrebbe potuto dare chiare indicazioni sulla tariffazione e non lo ha fatto lasciando libera la società vincitrice di attuare le tariffe che voleva e, di fatto, di cucire un servizio attorno alle esigenze di tutti fuorché dei cittadini romani. 

Però i grillini possono fare l'inaugurazione e i loro seguaci a Udine o a Trapani pensano che hanno fatto un'altra cosa buona per Roma dopo le macchinette mangia plastica (sic!) mentre hanno soltanto contribuito ad affossarla. E le inaugurazioni servono ad insabbiare, a confondere le acque, a renderle torbide. In questo caso servono a non parlare più della faccenda dei cartelloni, una delle mille faccende in cui il Movimento 5 Stelle si è inginocchiato al malaffare più ignobile.
A tutti gli utenti invitiamo massima attenzione nell'utilizzo del servizio: in un amen ti prosciuga la carta di credito.

Aiuto, vogliono fondere Ama con Acea! E che male ci sarebbe?

20 ottobre 2019
Nei giorni passati si è fatto un gran parlare di Ama. Per forza: è andato a gambe all'aria l'ennesimo consiglio d'amministrazione dopo pochissimi mesi dalla nomina e la Sindaca coi suoi sono stati costretti a nominare ai vertici dell'azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti un fedelissimo, praticamente un amico loro del quartiere dove la sindaca ha iniziato a fare politica alcuni anni fa. 

"La sindaca vuole per forza far chiudere i bilanci in rosso ad Ama in modo tale che poi l'azienda possa essere privatizzata o il servizio messo a bando" hanno accusato in molti da più parti non ultima Pinuccia Montanari ex assessora all'ambiente saltata proprio per questioni relative ad Ama.

Noi escludiamo che sia questo il disegno. Per un semplice fatto: i grillini al potere in città non possono avere un disegno, non possono avere un progetto e non possono avere una visione. Sono troppo stupidi, non lo diciamo per offendere ma perché è l'oggettività delle cose.

Tuttavia, ipotizzando per assurdo che fosse quella la strategia, non si capisce davvero cosa ci sarebbe di male nel progetto considerato da molti come scandaloso di unire Ama in Acea. 

Dove sarebbe il problema? A Milano forse le cose non funzionano alla grande anche perché l'azienda dell'energia e quella dei rifiuti sono insieme sotto un'unica grande holding? E non è così in molte altre parti d'Italia? 

La questione è che Ama non è riformabile. Il marciume sindacale, il livello infimo di una parte del personale, i dirigenti scadenti non sono cose che si possono sistemare dall'interno. Occorre un fattore esterno.
Acea senz'altro non è il massimo (lo sanno i tanti ristoratori e commercianti della città che vedono la loro azienda dover sopportare mesi e mesi di ritardo per un semplice aumento di voltaggio), ma è una azienda quotata, ha dei controlli, e una cultura aziendale diversa anche se pur sempre romana. Visto che Ama deve subire una cura da cavallo, una strada è quella. Ovvio che la strada non vada bene ai dipendenti e ai micidiali sindacati di Ama, ma è assurdo che ci sia anche una protesta diffusa da parte di politica e soprattutto cittadinanza spaventata della privatizzazione. 

Al piagnisteo ripetuto di "Raggi vuole chiudere in rosso il bilancio di Ama solo per consegnarla all'Acea", noi rispondiamo: "e che male ci sarebbe?!?".

Perché la città è piena zeppa di zanzare quest'anno? Svelato l'arcano...

3 ottobre 2019
Abbiamo fatto un sogno.
Ovviamente è solo un sogno e, si sa, questa pagina fa continuamente sogni, ha le visioni, talvolta le traveggole. E riporta analisi che non corrispondono mai alla realtà. Mai o quasi mai. 

Questa volta il sogno è stato molto disturbato perché la nottata era funestata da svariate zanzare, come quelle che mettono a dura prova la pazienza di tutti noi da mesi e mesi a questa parte. Perché quest'anno sono così tante? Come mai non lasciano tregua? Perché i nostri figli sono ricoperti di pizzichi? Non è stata fatta una seria disinfestazione?

Nel sogno un uccellino - contento della situazione perché era uno di quegli uccellini che di zanzare si cibano - ci ha raccontato questa storia. Prendetela col beneficio di inventario: è solo un sogno. Un sogno che rappresenta un incubo.

"In AMA hanno attivato segretamente la rilevazione gps delle lance per mettere il veleno anti zanzare nei chiusini" ci ha raccontato nel nostro sogno l'uccellino divertitissimo, "cosi da verificare se il piano per debellare la zanzara a Roma era in qualche modo efficace. L'informazione non poteva pero essere utilizzata perché per i simpaticissimi sindacati di AMA era illegale: controllo a distanza dei dipendenti!".
L'informazione non è stata divulgata, ma tu, che sei un uccelino, la sai? "E certo che la so. Vuoi ridere!? Morale della favola le lance uscivano dalle sedi AMA e andavano, stante il gps, in prossimità delle case dei dipendenti e là restavano fino a fine turno. Oppure in altri posti, ma mai o quasi mai seguivano il percorso che avrebbero dovuto seguire. Esche realmente calate nei chiusini? Meno del 10% del pianificato! Ecco il motivo, caro amico mio, per cui quest'anno le zanzare a Roma sono cosi numerose".

E poi ci siamo svegliati tutti agitati e il sogno - o l'incubo - è finito lì. Ma non date peso, mica è la verità, no, è un sogno. Del resto tutti sanno che in AMA queste cose non succedono e non possono succedere. Solo un sogno. O un incubo...

Riqualificazione della favela di Via Dei Lucani a San Lorenzo. Ecco perché è un imbroglio

22 settembre 2019
Dovete assolutamente ascoltarlo tutto. Ma tutto, se avete a cuore la vostra città. Questo è il progetto urbanistico più "grande" e ambizioso che questa amministrazione di, ribadiamolo, #MALEDETTI, è stata capace di mettere sul piatto in oltre tre anni. Hanno distrutto il progetto Olimpiadi, hanno distrutto il progetto Tor di Valle, hanno di strutto il progetto Ex Torri dell'Eur e il progetto Ex Fiera. Ma per lo meno, direte voi, hanno provato con un bando e un avviso rivolto ad aziende e progettisti a riqualificare la sconfinata BIDONVILLE di San Lorenzo dove ha trovato la morte Desirée Mariottini.

Ebbene basta una sommaria analisi di meno di un quarto d'ora per spiegarvi come l'approccio alla riqualificazione di quell'area non solo sia vecchia, superata e ridicola, ma sia anche vittima di una tara ideologica assurda: non si possono fare case perché poi "qualcuno ce guadagna".


Il filmato spiega in maniera netta e incontrovertibile come quella riqualificazione sia, ancora una volta, fumo negli occhi per i cittadini: è matematica l'impossibilità che nulla si potrà fare e che quella porzione del quartiere di San Lorenzo rimarrà nel totale abbandono e nel degrado (e dunque nella totale insicurezza oltre che squallore) per sempre.

Un lotto immobiliare di un valore enorme, di fronte alla Ex Dogana dello Scalo San Lorenzo, a fianco di Porta Maggiore e vicinissimo a Stazione Termini e Università. Un appezzamento che potrebbe sprigionare un valore enorme, opportunità, riqualificazione urbana, posti di lavoro e qualità architettonica facendo lavorare maestranze, architetti, modellisti, impiantisti, professionisti, operai specializzanti oggi a casa divorati dalla disoccupazione. Un'area che invece verrà tenuta bloccata per garantire all'ideologia imbarazzante dell'assessore all'urbanistica Luca Montuori - e dei patetici gruppi di pressione di San Lorenzo che hanno fatto di tutto per evitare che l'operazione potesse essere sostenibile economicamente (se ci sono spazi abbandonati loro sono felici perché ci sono più spazi da occupare alla bisogna come hanno fatto in mezzo quartiere) - di potersi perpetrare all'infinito. Fino al collasso economico definitivo.


Per leggere e studiarsi tutte le fregnacce pentecatte pubblicate nell'avviso, il link è questo qui. Ma che voi siate tecnici oppure no sappiate una cosa: nessuna città si muove in questa maniera qui. Piantatevela di farvi imbrogliare da questi ciarlatani. Piantatevela.

ShareThis