Dove lo schifo lo lavano via

4 dicembre 2008

Non siamo all'estero signori. Siamo a Roma. Nel nuovo quartiere di Mezzocammino, sulla Colombo. I palazzinari, che qui sono piuttosto illuminati e puntano al benessere dei loro clienti (ovvero di chi compera casa) oltre che ai quattrini, hanno penasto di foderare i muri della zona con mattonelle pulibili con un semplice solvente. E cosi' le opere d'arte dei figli di mignotta di cui la citte' e' disseminata possono essere scancellate in un attimo. Gli obbrobbri che vedete in questa immagine, oggi non ci sono piu'...

Le prepotenze di Gay Street

27 novembre 2008

A loro non gli puoi dire mai niente perché sono froci e come tali intoccabili. Una casta che se gli dici 'pio' significa che sei razzista, fascio, figghio entrocchia. Noi che figghi entrocchia non siamo e tanto meno fasci o razzisti, diciamo che la gente che parcheggia sul marciapiede, pure se è omosessuale e dunque al di sopra di ogni sospetto, per bene per definizione, mai prepotente etc etc etc, bhe, ci sta sul ca**o (toh!). In questo video si evince come la movida della Gay Street romana impatti sui marciapiedi di Via Labicana, giusto ai piedi del Colosseo. Multe? Neanche a parlarne, mica il Comune vorrà essere tacciato di omofobia. Vedete un po' voi...

Il mondo ci guarda su Street View. E vede lo schifo a Roma

26 novembre 2008

Visualizzazione ingrandita della mappa
Un attento lettore di "Roma fa schifo" ci segnala quanto schifo, appunto, faccia questo incrocio nel quartiere Prati. Auto dappertutto, soprattutto sulle strisce pedonali. Trovateci, voialtri pelandroni, un altro incrocio in tutte le altre città coperte da Google Street View ridotto in questa maniera. Ma neanche a Bagdad, al Cairo, a Beirut. Da nessuna parte al mondo, in Africa, al Sud Est asiatico. Fatevi un giro...

L'isola di latta

19 novembre 2008

La nuovissima e scintillante isola pedonale di Piazza Borghese. Sì, sì, isola pedonale. Sì, sì, Piazza Borghese...

Tiburtina, s'attacchi!

14 novembre 2008
Dentro la stazione della metro Tiburtina una vera e propria bacheca universitaria (ma di quelle università del quarto mondo, tipo quelle italiane insomma). Non rende l'idea così, occorre passarci. Per ammirare il chilometro lineare di cartacce appese...

Il para-pedonale? Come se non ci fosse

24 ottobre 2008
I parapedonali sono stati montati a metà del marciapiede. In modo tale che un bel pezzo dello stesso è occupato da auto e motorini. Complimenti a chi ha progettato questo pezzo di Viale della Regina Margherita.

Servono commenti?

23 ottobre 2008
Centro storico, primo municipio. Per capirci...

Fontanella Borghese fa acqua da tutte le parti

9 ottobre 2008
Questa è l'isola pedonale \ ztl \ strada appena riqualificata di Via di Fontanella Borghese. Dovrebbe essere il salotto della città con vista a quinta scenica su Trinità de Monti. E' un autosalone per motorini. Sullo sfondo, oltre a Trinità de Monti, auto in divieto.

Che Tesori di corsia preferenziale

2 ottobre 2008
Questa è una corsia preferenziale nel centro di Roma. Le auto non sono in marcia (sarebbe gravissimo lo stesso), ma in sosta. Quello sulla destra non è un abbandonato palazzo di periferia, ma il Ministero del Tesoro. Siamo in Via Venti Settembre, nel cuore della città. E il fatto che sembri una favela di San Paolo del Brasile non è solo una vostra opinione. Serve aggiungere altro?

Venghi capo

30 settembre 2008

Una volta urlavano "venghi capooo" e ti facevano parcheggiare. Oggi un 'verso' comune non ce l'hanno perché ci sono gli zingari, i rom, i moldavi, i magrebini. In comune hanno il mestiere. Uno tra i più atrocemente odiosi: il parcheggiatore. Colui che ti taglieggia facendoti capire che quando tu andrai via lui sarà li, solo, con la tua auto potendole fare ciò che desidera. Lui che non ha bisogno neppure di chiedere, gli basta allungare la mano. Bhe, sarà la carenza di controlli, sarà l'eccesso di tolleranza, sarà il racket che li governa, i parcheggiatori hanno riempito Roma in lungo e in largo. Ed un cancro che consideravamo solo napoletano è arrivato da noi come è arrivata da noi la criminalità che consideravamo solo napoletana. Qui, due rom, 'gestiscono' i flussi di entrata e uscita dal parcheggio di Piazza Esedra. Si, si, proprio Piazza Esedra, il cuore della città. Come, per dire, che ci fossero parcheggiatori abusivi a Place des Vosges a Parigi...

Cielo, il Celio !

23 settembre 2008
L'entrata del nuovo parco archeologico per bambini al Celio. La struttura non è ancora neppure aperta ne inaugurata. I muri perimetrali sono invece stati già amplissimamente battezzati dai vandali.

Loro fanno preferenze

15 settembre 2008
L'illuminata amministrazione comunale ha ben pensato di eliminare i cordoli delle corsie preferenziali. Troppo pericolosi. Soprattutto troppo pericolosi per chi non aveva alcuna intenzione di rispettarli. Oggi gli autobus entrano e escono con più agilità dalle corsie a loro riservate, poiché sono delimitate da delle borchiette rasoterra... E così le macchine possono in tranquillità ingombrarle, tanto l'autobus può fuoriuscire facilmente. Di fatti le corsie preferenziali, a Roma, non esistono più...

Non avete orecchio!

9 settembre 2008
Qualcuno spieghi agli ingegneri (uhmm) ed ai geometri (ecco, forse, ma nemmeno) che disegnano il profilo dei marciapiedi della città, che se non si elimina la possibilità di parcheggiare sulle strisce, beh, le macchine ci si parcheggiano. Alla Romeo Gestioni, società che ha realizzato i nuovi marciapiedi di Via L'Aquila, abbiamo mandato pure un disegno. Per spiegare come si fa...

Favorire l'utilizzo del mezzo pubblico

5 settembre 2008

Famiglie, anziani, gruppetti di immigrati, vu cumprà, bambini, ragazzini a tutto spiano. Con un solo biglietto i nuovi tornelli del metrò (qui siamo sulla Roma-Lido) fanno entrare tutti. Avanti, c'è posto.

Internet in salotto

4 settembre 2008
Un mega internet point. Un centro telefonico. Un non luogo. Nuovo di zecca. Tra mura storiche e austere coronate di tag e orrendi graffiti che sembrano far parte della vita primordiale della città. Quello in fondo non è uno slargo di periferia, una rotatoria sul Raccordo. E' Piazza di Pietra, il salotto della città. Questo è il commercio che si merita!?

Quarto Potere

3 settembre 2008
Roma è la capitale intercontinentale della freepress quotidiana. Una città in cui comprare il quotidiano come si fa in tutto il mondo è roba da sfigati, meglio averlo aggratis. E così un nugolo di pessimi tabloid freepress hanno invaso la città, zeppi di notizie inutili, privi del minimo approfondimento, pronti naturalmente ad essere abbandonati su panchine e marciapiedi. Dai quali, grazie al vento, si dipanano in mille foglietti ricoprendo la città di una rassicurante coltre di monnezza. Qui in foto i freepress prima della fatale folata a Piazzale Flaminio...

Caput vandali

2 settembre 2008
Un bellissimo palazzo degli anni Trenta. Di fronte alla sede principale del'università La Sapienza. Ridotto a lavagnetta-non-cancellabile per far sfogare le frustrazioni e l'imbecillità dei vandali di strada e dei wannabee writer.

Divieto di sosta

25 agosto 2008
Cartello, doppio cartello, zona rimozione, 0-24. Non basta, il parcheggio selvaggio non si ferma neppure davanti ad uno dei peggiore errori che un'amministrazione pubblica può fare: vietare laddove è già vietato. E siamo a Piazza Navona, mica nell'ultima delle banlieue...

Si prega munirsi di fotocopie. Un tanto ar chilo...

10 luglio 2008
Gli uffici pubblici dell'Anagrafe comunale centrale. Questo è il distributore dei biglietti elimina-code. Non ci sono neppure commenti da fare...

Alla Stazione Tiburtina

26 giugno 2008

Lorsignori riescono a dirci in quale altra stazione ferroviaria europea (in Spagna, in Francia, in Germania...) è consentito l'esercizio non della seconda, non della terza, non della quarta, ma della quinta fila per venire a prendere (naturalmente bloccando, letteralmente bloccando il traffico) viaggiatori, amici e parenti. Chi scrive ha visitato stazioni a Parigi, Madrid o Vienna. Senza trovare l'ombra di un'auto in divieto. Sarà stata solo fortuna.

Wellcome in Rome

24 giugno 2008

Questo è l'ingresso alla città per tutti quei turisti, viaggiatori, uomini d'affari e faccendieri che arrivano al terminal di Roma Tiburtina. Un tunnel completamente ricoperto di pubblicità abusive, lercio a terra, pieno di sbandati e zingari, di notte buio, buissimo. Il degno benvenuto fatto di illegalità, degrado e sciatteria.

Ma come brutta la luna stasera a...

23 giugno 2008

Ma ve la immaginate, come potrebbe essere bella Via Margutta se solo Roma non fosse abitata dai romani? Eccone l'isola, ehmm, pedonale...

Quel monnezzaio di Via Giulia

20 giugno 2008

Via Giulia dovrebbe essere il salotto della città. Invece la strada è invasa da auto impunite in sosta vietata mentre le traverse più importanti, come Via della Moretta, sono abitate da sbandati e senza tetto che hanno realizzato le loro abitazioni su panchine e anfratti. I muri sono ricoperti di scritte e l'odore acre di urina sconsiglia anche solo il passaggio. Come ciliegina sulla torta: monnezza ovunque.

Parking discarica

18 giugno 2008

E' stato recentemente riqualificato, Piazzale delle Provincie. Ma -come accade sempre a Roma- la riqualificazione è una cosa, la manutenzione è un'altra. Ed ecco come appare, sempre, il parcheggio in fonto al Viale, all'incrocio con la Tiburtina. Degno rispetto di una città nei confronti del suo Cimitero Monumentale, che sta, silenzioso e schifato, dall'altra parte della strada.

Sant'Andrea, povero Sant'Andrea

16 giugno 2008

Graffiti sui muri, transenne abbandonate, sporcizia ovunque. E' la fiancata sinistra di Sant'Andrea della Valle. Ci vengono dal Giappone per vedere questa meravigliosa chiesa... Dal Giappone, poracci

Fatta l'isola pedonale trovato l'inganno

12 giugno 2008

A Pizza San Marcello, lungo via del Corso, hanno pedonalizzato lo slargo, prima dedicato alle macchine con contrassegno per handicappati. Tutto bene? Superficialmente si, in realtà la situazione è peggiorata: buriname e cafoname vario, ora che la piazza è chiusa con le catenelle, parcheggiano al suo bordo, impattando direttamente sulla viabilità pedonale. Di fatto, come si evince dalle immagini, ora ci sono automobili fisse sul marciapiede. Basterebbe spostare la delimitazione tangenzialmente alla strada.

I cordoli della preferenziale?

11 giugno 2008

Ma sul marciapiede, ovviamente! Roma si è dotata di cordoli che, semplicemente, si sbriciolano se subiscono il passaggio dei mezzi che vi transitano accanto. E così, oltre alle spese continue di sostituzione, la città deve tollerare cordoli mozzicati ovunque. Complimenti per la scelta dei fornitori. Sicuramente orientata alla qualità.

ShareThis