L'abisso che ci separa da una città che pochi anni fa era come noi: Barcellona

1 maggio 2024











Dopo 5 anni sono tornato lo scorso weekend a Barcellona, che ricordavo ancora con molto piacere dall’ultima visita.

Immaginavo nella mia testa di trovare una città un po’ sottotono, ammaccata da quella che tutto sommato è una mezza crisi economica che sta colpendo l’Europa e l’Occidente, motivo per cui -ci raccontano i nostri politici- non ci sono soldi per le opere e per la manutenzione delle città, tocca accontentarsi e già è tanto che con il Giubileo ci regalano un tunnel e qualche piazza riqualificata. Ovviamente, niente di più sbagliato!

 

Ci siamo trovati davanti una città, ancora una volta, in profondo fermento ed evoluzione. Anni e anni luce lontana dagli standard delle città italiane, Roma in prima fila. Alcuni appunti di viaggio.


Innanzitutto, come detto, si continuano a realizzare opere nuove e a riqualificare la città: i primi interventi di 20-25 anni fa, adesso sono oggetto di revamping, con nuovi materiali e nuovo design. Le differenze con Roma, in termini di progettualità e qualità delle realizzazioni, sono abissali: innanzitutto da noi, a parte qualche lingua d’asfalto nuova, i cantieri vengono aperti essenzialmente su esigenza delle public utility (acqua, gas, fibra, etc.). Quanti cantieri avete infatti visto per riqualificare un marciapiede o creare una nuova area giochi? Inoltre, da noi non si ragiona per "ridisegnare" la città, ma per sistemare al più qualche pezzo, in modo sicuramente poco coordinato. 

Ma al netto del puro “numero di cantieri”, si percepisce un notevole dislivello in termini di qualità e cura delle realizzazioni: arredo urbano con standard uguali in tutti i quartieri (non come da noi dove ogni Municipio si fa la sua gara, con le sue ditte e le sue direttive, creando un patchwork di stili da una zona all’altra); realizzazione dei marciapiedi in basalto e non in asfalto, spesso con tonalità diversa per evidenziare i diversi utilizzi ; scivoli disabili larghi e ben realizzati, perfettamente a filo con la strada ; cura maniacale per i dettagli (da noi, a cantiere finito, quante toppe, sbavature, residui, rimangono?); parapedonali installati ovunque e strade sagomate in modo che ci passi una sola auto per volta, così da rendere impossibile la sosta selvaggia; piste ciclabili larghe, ben in vista e collegate tra loro per creare una vera rete. Le aree pedonali, poi, sono cresciute a dismisura: ad esempio, lungo Av. Diagonal, tantissime traverse sono state interamente pedonalizzate, creando isole verdi e spazi per leggere o studiare. 

Riguardo alle auto, il parcheggio in strada è ridotto al minimo: a parte le strisce blu ovunque, hanno previsto tantissimi parcheggi pubblici o privati interrati, anche a prezzi decisamente accessibili. Non esiste poi il fenomeno dell’abbandono delle auto in strada (pago l’assicurazione e la lascio lì per mesi), perché periodicamente passano a pulire e te la rimuovono: sei costretto essenzialmente a metterla in un garage, d’altra parte se vuoi l’auto devi anche mettere in conto i costi accessori.

 

A tutto ciò si aggiunge una cura maniacale per la pulizia, per il verde pubblico (mi è venuto un groppo in gola pensando a come piantano gli alberelli da noi, un buco in terra e via, lasciando pure i frammenti d’asfalto) e per le opere per i bambini: in pratica ogni 100 metri trovi un’area giochi, pulita e manutenuta alla perfezione, impossibile trovare un mozzicone e figuriamoci una bottiglia di birra abbandonata sulle panchine.

 

Inutile domandarsi perché ci siano vagonate e vagonate di turisti italiani in giro per la città, tutti, nessuno escluso, che rimane a bocca aperta e si ripromette una nuova visita a breve. Rispetto a 5 anni fa, ho tra l’altro notato numerosi negozi di paccottaglia e “compro oro” chiusi e sostituiti da catene varie, molte spagnole, tutte accomunate da un approccio green e di tendenza. Veramente un piacere passeggiare a piedi e soffermarsi davanti alle vetrine: evidentemente una città ben gestita, pulita, non caotica, iper pedonalizzata, attrae investimenti e turismo. Altro che la doppia fila davanti al bar o al negozio per fare acquisti al volo.

 

Insomma, una città gestita benissimo -dove ogni Partito che si è avvicendato ha puntato a fare il meglio- con contratti e ditte controllate a menadito, con opere per tutti i cittadini e non solo per gli automobilisti, è un incredibile e impareggiabile volano per l’economia e per la crescita.

 

Quando lo capiremo qui, sarà troppo tardi.

ANDREA

5 commenti | dì la tua:

Roberto ha detto...

Sottoscrivo ogni confronto, e aggiungo che Barcellona é solo uno dei tantissimi esempi in Spagna. Città più o meno grandi tutte con una qualità di vita davvero invidiabile.

fracatz ha detto...

a Barzellona tutti sanno che la vita è bella solo si la borza sona.
Qui da nojos er bobbolo se accontenta de chiacchiere imbastite de sogni alimentati dar gratta e vinci.
Se armeno se cominciassero a scavà i cunicoli sotto le strade si eviterebbero tutte le buche e le rotture create dai lavori di posa cavi.
Che poi i cunicoli potrebbero farli fare da qualche società privata che ci camperebbe con gli affitti annuali di chi desidera passare cavi, tubi, etc.

fabrizio ha detto...

Appena tornato, concordo in pieno. Oltre alla pulizia (a Barcellona lavano le strade e i monumenti), ai mezzi pubblici (non solo metropolitana, ma un servizio di BUS da fare invidia vedi le linee V e H oltre alle classiche linee urbane), ho avuto una strana sensazione di benessere che ho capito al mio ritorno. Praticamente non ci sono auto, non solo in movimento ma soprattutto parcheggiate....la città ha un respiro completamente diverso. Per non parlare del lungomare e di come è gestita la spiaggia, quasi interamente pubblica. E pensare che politicamente non stanno messi benissimo, vedi problema catalano...sembrà però che la politica prima fa funzionare e gestisce la città, poi, e solo poi, si scontra sui principi e sugli ideali!!!

Anonimo ha detto...

Anche MALAGA è una città stupefacente

connections game ha detto...

Though I've read a few articles on similar subjects, I believe your writing is the clearest I've ever come across. I want to post about and link to your content on my site.

ShareThis