Incredibile salto di qualità dell'occupazione di suolo pubblico bancarellara: il parcheggio in divieto preventivo

13 ottobre 2012

Ultima evoluzione dell'occupazione di suolo pubblico: il parcheggio preventivo. In via Rapagnano (zona Colle Salario) c'è uno slargo adibito a parcheggio dove il mercoledì e il sabato mattina si svolge un mercato da quasi venti anni, anche se non vi è alcun segnale stradale che segnali lo svolgimento del mercato. Parcheggiando nello slargo il martedì o il venerdì sera si corre il rischio di vedersi incolpevolmente chiusi da bancarelle e furgoni. Oggi noto una macchina parcheggiata ad capocchiam, anziché a pettine, e vedo che sul vetro c'è un bel messaggio alla cittadinanza, il quale invita a non parcheggiare in quel luogo per agevolare il mercato, pena una multa. Insomma, invece d richiedere l'apposizione di un cartello stradale elementare che ricordi il divieto di parcheggio nelle ore di mercato, sembrerebbe proprio che qualche ambulante abbia pensato bene di parcheggiare male una vettura occupando di proposito due posti per lanciare un messaggio di raro bullismo, impedendo ad altri di parcheggiarsi lì anche durante le giornate senza mercato. Praticamente ha privatizzato un pezzo di slargo. I Carabinieri hanno una stazione a 100 metri di distanza. Da notare anche il cratere nell'asfalto dello slargo...
Mauro

*Le assurdità del commercio ambulante a Roma portano anche a queste conseguenze ovviamente. Quando hai 15mila bancarelle (le altre capitali europee quante ne avranno? Cinquecento? Seicento?) questo è il minimo... Se hai poche bancarelle (e di qualità) le puoi valorizzare, puoi ad esempio in questo caso, creare una penisola con il marciapiede per farle alloggiare, fare in modo che abbiano luce, acqua, allacci, igiene. Ma se ne hai 15mila... Speriamo nella direttiva Bolkestein.

-Roma fa schifo

1 commenti | dì la tua:

Marco ha detto...

Pure repubblica roma, ogni anto, fa il suo dovere:

http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/10/13/news/l_assedio_a_fontana_di_trevi_turisti_ostaggio_dei_centurioni-44431270/

ShareThis