Come può Virginia Raggi nominare un vecchio estremista di Rifondazione assessore all'Urbanistica?

9 giugno 2016

Premettiamo, per consentire a tutti una lettura serena di questa lunga riflessione: eravamo, siamo e saremo convinti nel dare una indicazione di voto per Virginia Raggi. Ne stiamo sviscerando errori e elementi di criticità in campagna elettorale, ma questo non sposta la riflessione a cappello di tutto: questa città non può essere riconsegnata al PD, al suo sistema di potere che non è cambiato, all'atteggiamento dei suoi militanti, ai dirigenti di riferimento nei dipartimenti del Comune, agli atroci consiglieri comunali. Bisogna cambiare ra-di-cal-men-te. Costi quel che costi. Dopodiché Virginia Raggi sta facendo alcune sciocchezze sesquipedali e proprio perché abbiamo indicato a tutti i nostri lettori di votarla a maggior ragione ci sentiamo titolati a poter criticare, analizzare, ragionare nonostante la consueta reazione patetica di quella parte dei seguaci del Movimento 5 Stelle che considera la passione politica come qualcosa di similare alla religione integralista cercando di trovare interessi reconditi in chiunque osi banalmente criticare la linea ufficiale. Noi altri siamo una piattaforma indipendente e ci prendiamo le libertà di criticare chi ci pare.
Ovviamente ci limitiamo ai rumors sulla composizione della Giunta, ma per ora questi abbiamo. E nella speranza che i rumors vengano ufficialmente smentiti ieri abbiamo riflettuto sull'ipotetica nomina di Tomaso Montanari ad assessore alla Cultura, mentre oggi ci concentriamo su Paolo Berdini, dato per certo all'Urbanistica.

"Il treno ad Alta Velocità è stato uno scempio che ha cambiato il paese"
Chissà questo signore a Milano come ci va. Forse caa maghina? Attenzione: non si riferiva alla Valle di Susa qui eh, si riferiva proprio alla ferrovia che collega Roma, Firenze, Bologna, Milano. "Non andava fatta, dice, andava fatta la Roma Avezzano al posto". Dice proprio così.

"I No Tav sono preziosi e possono risollevare le sorti di questo paese"
Vabe...

"Se si farà il parcheggio piastra sopra a Termini la nostra sarà l'unica stazione centrale dotata di un mega parking"
Per fortuna poi il cantiere del parcheggio è partito e sta andando avanti e, se ben sfruttato, potrà servire a togliere tante tante auto dalle strade di Esquilino e Castro pretorio pedonalizzando strade e piazze. Quanto alla dichiarazione, buttata lì davanti ai soliti cittadini impauriti, per la quale si tratterebbe dell'unico parcheggione in una stazione... è sufficiente arrivare a Santa Maria Novella per smentire categoricamente.

"Bisogna fare una dura resistenza nei confronti dell'ideologia neoliberista"
Vabe...

"A Via della Lega Lombarda si è verificato uno scandalo ed è stato distrutto per sempre un luogo che era pubblico" 
Lo dice parlando di questo, guardate che orripilante scandalo. Guardate che distruzione: prima c'era una ex rimessa Atac fatiscente e cadente che ovviamente mai era stata "luogo pubblico" poiché nelle rimesse Atac manco si può giustamente entrare...

"Vogliono fare un parcheggio a Viale XXI Aprile di fronte a uno dei gioielli della Roma unitaria"
Per fortuna poi il parcheggio è stato poi realizzato nonostante la contrarietà del signore in questione; oggi Viale XXI Aprile è bella e ordinata nel tratto interessato dal parcheggio e il "gioiello della Roma unitaria", ovvero la caserma di Viale XXI Aprile, appunto, ne risulta valorizzato e non mortificato. Cheppoi, questo è fondamentale sottolinearlo, se il signore fosse stato in vita e operativo quando si progettava la caserma si sarebbe opposto anche a quella in nome di chissà quale altra sciocca scusa. Così come a Via Giulia, d'altronde, altro cavallo di battaglia di Berdini che ne ha detto di cotte, di crude e di false contro il parcheggio interrato (ma zero dichiarazioni da parte sua sul fatto che tutta Via Giulia sia un parcheggio abusivo lineare): "non si può stuprare la strada più bella del mondo realizzata da Giulio II". Peccato che se quando il Papa progettava questo autentico sventramento  in centro storico avesse avuto a che fare con un Berdini dell'epoca si sarebbe dovuto fermare, accusato di violentare il tessuto del centro al solo fine di fare case di lusso gentrificando violentemente e compiacere i potenti Farnese e Della Rovere. In questo paradosso c'è la mentalità dei Berdini (e dei Montanari, che è la stessa identica cosa).

"I grandi finanzieri hanno portato al disastro il mondo"
Vabe...

"I nuovi quartieri di grattacieli di Milano sono una vergogna urbanistica scellerata"
Ehssì, che schifo che fa Milano. Lo dicono tutti. Sopratutto lo dicono i numeri su arrivi turistici, reddito pro capite, disoccupazione giovanile. Vuoi mettere Roma che ficata...

"La trasformazione di Via Guido Reni è una speculazione finanziaria e immobiliare"
Un progetto finalmente europeo, ma se si fanno progetti europei poi lui cosa critica?

Ma oltre a queste amenità e ad altre decine come queste che potete trovare online digitando semplicemente "Paolo Berdini" in YouTube e mettendovi ad ascoltare filmati su filmati nei quali a considerazioni anche condivisibili che tradiscono grande competenza vengono alternate frasi iperboliche, terrorismi belli e buoni e un buon numero di falsità, oltre a tutto questo, dicevamo, ci sono anche i documenti che permettono di ricostruire la limpida, ben nota e cristallina appartenenza politica di Berdini che da sempre è urbanista vicino a Rifondazione o ai partiti assimilabili (Sel, Verdi). Scrive su Eddyburg e sul Manifesto e in questo video - in rigorosa compagnia dell'Orso - dichiara che avrebbe fatto l'assessore per Mascia semmai l'esponente dei Verdi avesse vinto le Primarie. Insomma Virginia Raggi, scegliendolo invece lei, si mette allo stesso livello di Mascia (o dell'Orso, scegliete voi).

E poi c'è il video che potete vedere qui sotto, emblematico: anche qui alcune mancate verità, alcuni elementi volutamente omessi, alcune inutili e terroristiche esagerazioni; tanto chi ascolta non sa, non è preparato, non capisce più di tanto e dunque si può anche far credere che l'Acquario dell'Eur dreni fondi pubblici; si può anche far credere che la Nuvola di Fuksas impatti direttamente sul bilancio del Comune al grido di "l'Eur è roba nostra" - peccato che sia al 90% del Ministero dell'Economia - e così via. E poi tanta tanta politica. Sono le proposte per il "dopo Marino" by Rifondazione Comunista, la scena si svolge in una stanzetta con tutte le memorabilia di prassi alle pareti (c'è tutto, forse manca Stalin), il contorno è quello dei compagni di sempre e il tono di Berdini è quello di un militante tout court: "il nostro ceto sociale", "il nostro insediamento politico", "ora abbiamo un altro scontro elettorale e non dobbiamo far passare i demagoghi", "quando andremo in campagna elettorale questo cartellino ce lo sventoleranno addosso". Tutto un discorso in prima persona plurale insomma di un uomo che fa parte di una ben precisa famiglia politica. Che non è quella del Movimento 5 Stelle: Berdini ha fatto insomma campagna elettorale per l'estrema sinistra, si è detto organico a quell'area, ha perso, e poi si ritrova assessore. Alla faccia della democrazia e della trasparenza.

 

Berdini ha tutto il diritto a fare politica per chi ritiene, ha tutto il diritto di fare campagna elettorale per Mascia e per i Verdi o a mettere le sue competenze a servizio di chi desidera. Ci si domanda però il motivo per cui un movimento che dovrebbe attingere assolutamente al nuovo come il M5S, un movimento che sta costruendo il suo successo grazie ad una gigantesca domanda di cambiamento e sulla retorica del vento che sta cambiando possa pescare per costruire il suo personale politico-amministrativo in vecchi tromboni di area Rifondazione Comunista, in attempati signori impregnati più di fallimentari ideologie che di elementi di innovazioni che sarebbero necessari in una capitale occidentale nel 2016. Umiliando e mortificando così tutti quei professionisti e quelle persone davvero preparate, magari formatesi (o fuggite) all'estero e intellettualmente oneste che avevano chissà sperato che l'arrivo di un nuovo movimento politico al potere avesse potuto aprire per tutti i capaci quelle porte che si spalancavano solo per i soliti. Una clamorosa delusione e un autogol inspiegabile: tornano i soliti!

Attenzione: Paolo Berdini è un urbanista di livello e sicuramente un ottimo professore. Oltre che indubitabilmente una persona pulita, integerrima e onesta. Conosce a menadito la città (e sono in pochi), le norme, i piani regolatori, gli strumenti urbanistici. Ha delle posizioni che condividiamo molto sul trasporto pubblico, sul valore della pedonalità, sulla necessaria lotta alle automobili. Dopodiché è la rappresentazione plastica del vecchio trombone romano che, per mera ideologia e surfando sull'ignoranza del popolino, passa la propria esistenza ad opporsi a qualsivoglia progetto di trasformazione della città raccontandolo con piglio autorevole come dannoso, non importa se buono o cattivo. Vicino ai movimenti, agli occupatori di case, al terribile racket dei comitati di protesta-a-tutto (quelli che spuntano, strumentalizzati e foraggiati chissà da chi, per bloccare qualsiasi progettualità urbana), sostiene che se hai compiuto un abuso edilizio in casa tua l'appartamento ti deve essere demolito - giusto, intendiamoci -, ma se invece hai occupato casa per viverci o per trovare spazio alla tua associazione allora devi essere assolutamente tollerato. Una sciocca, trita, bieca, vecchia teoria di posizioni ideologiche. Estremista. E dunque pericolosa.

Berdini si è sempre opposto a tutto, con una colpa enorme: mettere assieme, nello stesso calderone, le cose buone con le cose cattive. La Città del Sole di Via della Lega Lombarda con le Terrazze del Presidente0; le zozzerie dei Mondiali di Nuoto con Tor di Valle. Berdini è quel tipo di intellettuale e di agitatore culturale grazie alla cui mentalità in questa città prosperano e prospereranno per sempre i vari Caltagirone, Bonifaci, Pulcini e via dicendo. Berdini, e i tanti che la pensano come lui, è il motivo per cui in questa città non ci sarà mai concorrenza, non ci sarà mai competizione, non torneranno mai i ragazzi bravi che sono fuggiti all'estero, non atterreranno mai grandi investimenti internazionali. Lo stile di governo di Berdini sarà semplice e, tutto sommato, attuabile da chiunque: non si deve fare niente, niente trasformazioni urbane, niente parcheggi, niente di niente. Per ogni cosa, c'è un buon motivo per dire no. E si dice no ugualmente ai progetti di stampo europeo e alle speculazioni edilizie più abiette, livellando tutto verso il basso. Si tratta del regalo più clamoroso che si potrà fare a speculatori e palazzinari. Queste sono le condizioni per loro ideali. In queste condizioni, con comitati del no e urbanisti barricaderi che considerano come fumo negli occhi la costruzione di un hotel perché "rovina il panorama da Via Giulia" (anche Cederna le ha dette grosse eh!), sono abituati a operare: sono abituati loro, non gli imprenditori internazionali. E se rimangono queste condizioni non sono preoccupati. Sono preoccupati se la città si apre, se arrivano developer dagli Stati Uniti, da Londra, dal Qatar. Ecco perché la grande avversione allo Stadio della Roma. Ecco perché anche l'operazione sulle Torri dell'Eur (altra ottima mossa di Giovanni Caudo) deve in tutti i modi saltare. 
La narrazione per cui i palazzinari li impensierisci con un assessore che blocca è una sciocchezza, un assessore che blocca tutto impensierisce solo lo sviluppo della città, la ricchezza delle famiglie (che continuerà a calare), le opportunità di business e i posti di lavoro, i palazzinari un modo e una dimensione la trovano comunque per galleggiare, figurarsi. 

Dice: ma Berdini è cresciuto con Cederna e Insolera, mica caxxi. E per carità, ma allora dobbiamo ricordare che i tempi sono cambiati. La città del decennio 1960-1970 guadagnava 50mila residenti ogni anno, si espandeva, divorava il territorio, massacrava l'agro, cresceva in maniera criminale. Gli intellettuali si opponevano, giustamente. Oggi la demografia è ferma e Roma è la città europea dove l'industria del cemento e del mattone impattano meno in assoluto. Abbiamo un giro d'affari sul real estate inferiore alla microscopica Dublino: nessuno investe da noi, non si costruiscono robe significative da anni, non ci sono grandi progetti in futuro (tranne quelli pensati dalla Giunta Marino, che Berdini affosserebbe), non si demolisce&ricostruisce, non esiste la presenza dei grandi gruppi immobiliari che stanno cambiando il volto alle città da Milano a Londra. Nulla. Non c'è nulla di nulla a parte la povertà, la disoccupazione, la tristezza e la perdita di speranza. Insomma la retorica della città che va salvata dal cemento è una cantilena vecchia di decenni, buona solo per chi non si informa, non si prepara, non fa confronti e non si approfondisce: oggi Roma è la città dove l'industria delle costruzioni è più ferma e in crisi a livello planetario: con conseguenze gravissime. La prima è una conseguenza "di sensazione", quella sensazione di unto che avete addosso, quella sensazione di vivere in un posto vecchio, marcio, non manutenuto, sciatto, maleodorante. Perché al di là dell'1% del territorio che è nobilmente "antico", il resto è assurdamente "vecchio", mal progettato, mal costruito. Quella sensazione, insomma, che non hai quando arrivi a Milano. Ognuno di voi ha presente a cosa ci riferiamo.
E' dunque questo il momento di combattere contro un'edilizia che non c'è più oppure forse è il momento di far ripartire questa industria all'insegna dell'efficienza energetica, del consumo zero di territorio, delle infrastrutture, della alta qualità architettonica, del riuso, del recupero, della trasformazione, del progetto? Magari attirando talenti, idee e buone pratiche?

Se fai progetti di qualità (come ha fatto la passata amministrazione con le ex Torri dell'Eur, con Via Guido Reni, con Tor di Valle e lo Stadio della Roma) e attiri investitori internazionali allora sì che fai un grande dispetto agli squallidi palazzinari locali. Se invece tieni tutto bloccato li fai contenti perché tanto loro qualche cosa lo raggranellano comunque e soprattutto sono certi di non avere mai in casa concorrenza reale, seria, vera; sono garantiti di operare in un mercato protetto, chiuso, dove nessuno verrà a competere perché le condizioni politiche non sono minimamente accettabili per farlo. 

Personaggi come Berdini, insomma, magari inconsapevolmente e magari indirettamente, sono l'alter ego indispensabile per la genìe romana dei palazzinari e il presupposto per il perdurare del deteriore assetto imprenditoriale attuale. Vedrete: Il Messaggero non lo criticherà mai, Il Tempo neppure. Faranno finta, così come i grandi ras del mattone faranno finta di malsopportarlo: in realtà figure simili sono una garanzia per questi potentati. 
Per Caltagirone il problema erano semmai quelli come Giovanni Caudo, che lavoravano per aprire la città e collocarla in Europa presentandola come una terra di opportunità per gli investitori mondiali, non quelli come Berdini, che la vogliono chiudere e bloccare (lo dice spesso nei suoi discorsi: "bloccare tutto, fermare tutto per un anno e fare una riflessione"), che odiano chi fa impresa, che detestano il privato, che considerano di malanimo il profitto benché sia solo il profitto a poter garantire stipendi civili a operai, geometri, impiantisti, imbianchini, muratori che a differenza dei professoroni non hanno svariate migliaia di euro al mese garantiti vita natural durante con tredicesima e pensione assicurata.

Resta a monte di tutto la clamorosa frode elettorale del Movimento 5 Stelle nei confronti dei suoi elettori. Perché se può essere vero che le posizioni di Berdini siano (purtroppo) assimilabili al M5S primo modello, è anche vero che oggi il movimento si è evoluto, prende percentuali enormi, è il primo partito in città e il suo elettorato non  è composto più da una minoranza di naif. 
Non si capisce come sia pensabile che il movimento decida di prendere questi voti, provenienti da ogni parte politica tradizionale, per portarli su una Giunta targata Sel o Rifondazione. All'insegna di idee e approcci che sono stati sconfitti in tutto il mondo, che sono stati accantonati dalla storia e dal buon senso e che sono stati oltretutto categoricamente puniti dagli elettori. 

Se i romani avessero voluto Berdini assessore avrebbero votato Mascia alle primarie o avrebbero rinforzato Fassina. E invece i cittadini, da tempo, hanno deciso di tenere persone con quella mentalità ben lontane dalle stanze del potere sia a livello cittadino che a livello nazionale. Si tratta di mentalità e impostazioni operative che hanno, semplicemente, fallito dovunque sono state applicate. 

A cosa dobbiamo questo ripescaggio? Perché premiare con ruoli chiave dei rappresentanti di parti politiche sonoramente bocciate dagli elettori? Come mai non individuare giovani personaggi in gamba (come ha fatto, coraggiosamente, Giachetti indicando all'urbanistica Lorenza Baroncelli)?. Come mai non dare un messaggio di qualità, di merito, di apertura capace di imprimere una nuova fase di innovazione e di sfida di cui la città ha un dannato bisogno? Esiste qualche giovane architetto, qualche giovane designer, qualche giovane urban planner romano che deciderà di tornare dal suo forzato esilio a Londra o a Berlino perché "finalmente ora c'è Berdini"?
Chiara Appendino a Torino sta recuperando punti di consenso ogni giorno proprio perché si sta muovendo (lei la giunta l'ha già presentata da mo'!) in un modo diverso e all'insegna della trasparenza. Mettendo in campo nomi nuovi, non riciclando.

Inutile dire, i nostri lettori conoscono la nostra onestà intellettuale, che siamo pronti a ricrederci e - nel caso Raggi vinca e nel caso Berdini diventerà assessore - non vediamo l'ora di affermare che ci eravamo sbagliati. 

162 commenti | dì la tua:

Valerio ha detto...

tutto giusto Roma fa schifo, ma allora perché votare la Raggi e questa manica di pazzi in malafede, solo per "vendicare" Marino?
Hai l'onestà per ammettere i tuoi errori, fallo.

Anonimo ha detto...

Vediamo un po'

"Berdini è cresciuto con Cederna e Insolera, mica caxxi. E per carità, ma allora dobbiamo ricordare che i tempi sono cambiati. La città del decennio 1960-1970 guadagnava 50mila residenti ogni anno, si espandeva, divorava il territorio, massacrava l'agro, cresceva in maniera criminale. Gli intellettuali si opponevano, giustamente"

Tonelli con tutto il rispetto mi dici con chi sei cresciuto per disquisire con tanta sicurezza di urbanistica e sviluppo? Da come scrivi viene da pensare che se fossimo nel decennio 1960-1970 urleresti in nome dello sviluppo contro gli intellettuali di allora che volevano impedire il massacro dell'agro e la crescita criminale.

"Oggi la demografia è ferma e Roma è la città europea dove l'industria del cemento e del mattone impattano meno in assoluto."

Non si capisce perché la demografia ferma sia negativa. In quanto all'ìmpatto dell'industria del cemento basta guardare qualche cartina, non serve ritornare agli anni '70, basta dal 90 a oggi, per vedere che di cemento nè è stato usato in quantità industriale.

Dovresti studiare qualcosa su come funziona Londra, che ti piace tanto visto che la citi spesso come esempio di sviluppo e riqualificazione. Città dove procedure come quelle per Tor di Valle non sono ammesse. Eppure costruiscono tanti grattacieli senza cementificare aree verdi.

The tired banker ha detto...

Questo è solo l'inizio, vedrete se viene eletta le assurdità che vedremo. E voi volete sostenere una del genere solo perchè rappresenta la discontinuità? Siete pazzi!

Anonimo ha detto...

Ha detto bene ieri un lettore di Rfs: i cinque stelle sono la peggiore sinistra sopravvissuta, quella che un tempo – aggiungo io – si chiamava extraparlamentare e che oggi si dice antipartitica, antipolitica. Anche il linguaggio è assai simile: aggressivo, giacobino, profetico. Dopo avere fomentato i peggiori istinti romaneschi della destra estrema (al cui confronto Storace è una mammola), il blog Rfs, con giravolte penose, chiede alla sua truppa del risentimento di consegnare Roma al partito del comico. E appunto, mette in scena tutta questa manfrina, per nascondere il fatto che si sta proponendo non un voto moderato, non un modello di capitale moderna, ma un estremismo sinistro, tragicomico, eternamente sessantottesco. Partito dell’inazione, metterà insieme centri sociali e lega, blog disperati e disoccupati a vita, vecchi reduci di tutte le occupazioni, di tutte le battaglie contro il buonsenso, i parolai de’ noantri, con il terrore di fare perché c’è il rischio di favorire i poteri forti, i poteri liquidi, il potere in sé e per sé. Insomma quello che meno serve a Roma.

Anonimo ha detto...

abbiamo capito.
tor di valle resta una mariana, le olimpiadi saltano, il raddoppio di fiumicino ce lo sogniamo, e i progetti di riqualificazione li vedremo in vacanza. spero che almeno non fermino la città della scienza

Anonimo ha detto...

-11 all'inizio delle comiche.

Anonimo ha detto...

scusate, mi viene da ridere. ieri ho commentato la questione montanari così:

"poi ovvio che non si deve rubare sulle grandi opere (chi non è d'accordo), ma qui rischiamo un ridimensionamento epocale. a questo punto che vi devo dire, chiudiamo le università, rinunciamo all'alta velocità, e facciamo contenti i 5s che vogliono tutti a 600 euro al mese"

e adesso leggo che VERAMENTE qualcuno ha parlato dell'AV come una rovina per il paese, una delle poche cose moderne fatte in italia nei ultimi anni (e infatti le regioni in cui non arriva la chiedono disperatamente; ma vabbè', non c'è neanche da dirlo).

bat21 ha detto...

State facendo un errore gravissimo a fare endorsement nei confronti dei cinque stelle. L unica consolazione e' che con questa testa finiranno di ridurre in macerie la città e con questo risultato forse non passeranno la temutissima linea del piave del governo. http://www.lastampa.it/2016/06/09/italia/speciali/elezioni/2016/amministrative/no-a-grandi-opere-servizi-in-periferia-nasce-la-nuova-urbanistica-ms-B4yXqPH42pO83ZuWRhh53M/pagina.html ma con gente simile che prospettive possono esserci? Comunque sono in radicale disaccordo con voi e mi auguro che la bolla grillina si sgonfi quanto prima

Anonimo ha detto...

Cederna era quello che non voleva che fosse costruito l'Hilton a Monte Mario perché da Via Giulia, guardando in fondo, per i più presbiti, si poteva intravedere un edificio in vetro che dissacrava la città rinascimentale. Ecco, oggi favorire i cederniani, mandare in Campidogli i bigotti della "vecchia Roma sotto la luna", è ridicolo e, per usare una volta tanto una parola di cui abusate, anche un tantino criminale. Grazie, signori di Rfs.

bat21 ha detto...

Non li reggo. Abbiamo bisogno di diventare produttivi e competitivi ed in un momento storico cosi difficile ci troviamo milioni di persone che si baloccano con la decrescita felice e il reddito minimo e il blocco delle grandi opere. Ci schianteremo ormai è chiaro.

Anonimo ha detto...

Comunque sono in radicale disaccordo con voi e mi auguro che la bolla grillina si sgonfi quanto prima



si sgonfia sicuro. il problema è quello che combinano nel frattempo....

Anonimo ha detto...

Imho il voto alla Raggi ha senso. Si dà un calcio in culo al PD, loro salgono, fanno un paio d'anni di amministrazione nella quale magari tagliano qualche mafia e mafietta, poi si distruggono tra conflitti interni e col governo. Si torna alle elezioni, i vecchi partiti si danno una ripulitina sommaria che magari metterà Roma sulla via di Milano, che con la giunta Pisapia (che non sopporto) ha avuto esattamente 0 indagati.

Anonimo ha detto...

L'Italia è arrivata al 2016 praticamente commissariata da Bruxelles, con debito pubblico record e corruzione ai massimi livelli. Roma è lo specchio del paese con debito comunale record e corruzione ecc. ecc. Il motivo per cui il paese e Roma sono ridotti così è che avete sempre votato i soliti noti turandovi il naso e dicendo che erano il meno peggio. I messicani immigrati negli USA che stentano a mettere insieme pranzo e cena e che per votare contro Trump aiutano la Clinton sostenuta da tutto il sistema sono dilettanti del tafazzismo di fronte a voi.

Anonimo ha detto...

Se le dichiarazioni riportate in corsivo sono vere (e immagino che lo siano) il tizio piu che da assessorato e' da manicomio.

Gente buona a nulla che si caca sotto davanti al futuro e si ritirain una idea di passato che non e' mai esistita.

Roma di oggi e' basata sulle invenzioni rischiose e visionarie dei nostri antenati. Altrimenti saremmo riamsti nelle caverne.

Buttate giu quell'abuso edilizio di S. Pietro di Michelangelo che ha sbracato quell'altro abuso edilizio della basilica paleocristiana di Costantino che aveva demolito quella vergogna dello stadio di Nerone che aveva stuprato l'agro romano

Anonimo ha detto...

mi sa che a molti sfugge una cosa: proprio perché siamo messi male, bisogna attrarre capitali (ottime idee, su questo, al sito wikiroma, che credo sia dell'area di confcommercio). bloccare le grandi opere e gli investimenti, ecco, quella è proprio una buona idea: la ripresa urbana è sempre tirata su dal real estate, ma dai, lo sanno anche i bambini

Anonimo ha detto...

anonimo delel 10.23, buon punto

ma che vuoi fare, questi non vedono differenze tra il bosco verticale e i palazzoni di gratosoglio. ma proprio a dover recuperare qualche relitto di rifondazione, dico, non si poteva metterli su temi sociali, su cui un po' di sinistra può anche fare bene? proprio sul peggio del peggio, sulle cose su cui sono più arretrati?

bat21 ha detto...

Hai ragione le scelte di rottura a prescindere da chi voti e dall insensatezza delle loro idee e' intelligente. In Venezuela per esempio e' stata una grande cosa, ora hanno il posto che meritano dopo avere operato questa scelta!

Anonimo ha detto...

Il problema è che Sel e Lega hanno capito che la loro casa è coi Cinque stelle, che con la giunta Raggi tornerebbero a governare gli amici degli occupanti, in alcuni casi come quello che qui si commenta, i teorici degli occupanti, i padrini del Valle occupato, i misericordiosi dei campi zingari, i missionari della Roma paralizzata e QUINDI disonesta, politicamente disonesta. Mentre i moderati non hanno capito che il Pd di Giachetti è la loro casa, senza tante storie, che garantisce il candidato sindaco, un radicale liberale e liberista, e infatti odiatissimo dagli urbanisti de' sinistra, odiatissimo dai centri sociali, odiatissimo dagli intellò del Pigneto, odiatissimo dalle dame di compagnia della presidente Boldrini, e così via. E' un ballo in maschera, ma c'è chi non si è accorto delle ultime mosse. Sveglia!

Anonimo ha detto...

il mio voto alla Raggi dipenderà dalla squadra che mette in piedi. Se ci sarà Berdini non li voterò. Ma ti pare che un assessore all'urbanistica difende le okkupazioni? Mi sto ricredendo sui 5S....

Anonimo ha detto...

lo hanno fatto anche sul sociale, con l'idea del reddito garantito. che poi e il motivo per cui hanno preso i voti delle persone sotto i 35 anni. per carità, lo capisco, la situazione è difficile, ma questa storia dei 600 euro mi sembra una promessa molto sleale (come i famosi 80 euro) per mille motivi:
- si può fare a livello comunale, senza gli strumenti di pianificazione finanziaria dello stato?
- con quali soldi si fa?
- che succede quando avremo decine di migliaia di richieste di residenza (chiunque abbia un parente o un amico a roma) da parte di persone disoccupate?
- come gestiamo le conseguenze? uno che si fa il culo sul lavoro per 800 euro al mese che dovrebbe fare? darà le dimissioni, si prenderà il salario, per poi arrotondare magari con un po' di nero (mica lo giudico, poveraccio, ma questo è). e che succede quando, ipotizzo, si presenteranno dei rom a prendere il salario? chi gestisce lo scontro sociale?
- e soprattutto, quanto andremo avanti così? se non si investe per tirarci fuori dal buco, passiamo tutta la vita col salario sociale?








Anonimo ha detto...

il reddito non lo faranno mai, ma non per questo significa che governeranno male.
è chiaro che le premesse non sono le migliori

Anonimo ha detto...

io non ho ancora capito se il m5s è di sinistra o di destra
a occhio ha preso il peggio sia di qua che di là

Anonimo ha detto...

Trovo meraviglioso di come negli ultimi giorni l'opinione dei vostri lettori sia passata da in linea con il M5S fino ad arrivare piano piano alla consapevolezza che ci stiamo dando la zappa sui piedi.

RfS, non so perché stai dando suggerimenti di voto. Secondo me semplicemente non dovresti. Fate degli ottimi articoli che sono orientati a dar voce alle cose che non vanno nella nostra città e lo fate benissimo, coinvolgendo noi stessi cittadini ad inviarvi materiale. Grandi!

Proprio questo fa sì che la gente abbia fiducia in voi e vi ascolti. Ma se cambiate rotta in questo modo addirittura "consigliando" di votare M5S (o qualsiasi altro partito) diventate esattamente come tutte le altre testate: di parte.

La mia domanda a questo punto è: cosa riceverete in cambio? Perché lo fate? Cos'è che vi spinge in questa direzione?

State distruggendo solo la fiducia dei vostri affezionati lettori. State tradendo la nostra fiducia. Peccato.

Invece vi sfido a fare un articolo super partes in cui si parla dei pro e dei contro VERI tra Raggi e Giachetti.

Aiutate i vostri lettori veramente a fare una scelta onesta e soprattutto consapevole di voto. Quello sì che aiuterebbe la città di Roma.

Perché in fondo, le elezioni ormai non si basano su altro che impressioni. Facciamole diventare, anche solo un pò, sostanza.

Anonimo ha detto...

"mi sa che a molti sfugge una cosa: proprio perché siamo messi male, bisogna attrarre capitali"

E chi dice di no? Ma ci sono due modi per farlo: vendendo il culo (scusate il francesismo) o imponendo il rispetto delle regole e tenendo conto dell'interesse primario della società in cui arrivano gli investimenti.
Finora abbiamo venduto il culo. Mi correggo: quelli che stanno su hanno venduto il nostro di culo (mio e vostro, che il loro ce l'hanno ben curato su poltrone imbottite di soldi). Il pressapochismo e i discorsi da bar, che tali sono quelli in cui si parla di sviluppo senza entrare mai nei dettagli di come quello sviluppo viene imposto alla città e al paese, sono manna per chi occupa quelle poltrone con stipendi da 4 zeri in su.

Anonimo ha detto...

AH perche invece uno che dice di no a tutto dall'AV a via guido reni, passando per il parcheggio di XXI Aprile invce entra nei dettagli...

Anonimo ha detto...

credo che ci sia un grande equivoco, in una certa mentalità passatista.
se ti vuoi scrostare di dosso una certa fanghiglia, come la mafietta locale, serve sia una pulizia dall'interno, sia un'operazione su scala globale: far arrivare capitali, portare concorrenti con cui i palazzinari di provincia non possano competere, e che alzino gli standard. guarda caso, a milano dopo la torre unicredit è arrivato il bosco di boeri, e poi il curvo, e poi a seguire.
veramente non capisco l'avversione per lo sviluppo urbanistico, quello fatto bene, che tra l'altro ormai da quindici anni ragiona su materiali sostenibili ed energie alternative, ben più della villetta di sacrofano.

primo, nessuno parla di edificare sulle zone archeologiche;
secondo, nessuno dice di cementificare i parchi. semmai, di costruire in quelle aree vuote di roma, enormi, che non sono parchi e non sono in alcun modo accessibili ai cittadini.





Anonimo ha detto...

Se siamo arrivati a questo è colpa della nostra e solo nostra ignoranza e disinteressamento alla politica.

Questo dovrebbe essere il vero risultato alle elezioni. Una cittadinanza che sente veramente Roma come sua e la tuteli attivamente.

è inutile lamentarsi quando il M5S sarà a governo della nostra capitale con un burattino e una società privata che non abbiamo mai votato.

Mortacci nostri

Anonimo ha detto...

scusate ma mi arrendo: se uno dice no all'alta velocità, per me dobbiamo chiudere tutto, mettere la città a pascolo, e basta.
per lavoro mio padre andava a milano in aereo, perché il treno ci impiegava quasi sette ore.
qualche anno fa, ci volevano quattro ore e mezza, peraltro con ritardi frequenti.
oggi io, come tanti altri, vado a fare riunioni a milano in giornata, e rientro in tempo per l'aperitivo. da firenze e bologna ormai vanno e vengono per fare shopping. però a noi piaceva l'intercity puzzolente, giusto? e il deposito tac inutilizzato? ma come la cambiamo una città, con pensieri così? ma vi è capitato di fare viaggi a distanza di dieci anni in certi paesi (come turchia, cile, slovenia, polonia, al di là dei problemi che hanno, come tutti), e vedere che le città ci stanno sorpassando a velocità doppia?


Anonimo ha detto...

Comunque ripeto, a me farebbe veramente piacere un bel confronto scritto sui due candidati per avere un'immagine più chiara di chi andiamo a votare. RfS sei in grado di farlo?

Quello sarebbe veramente importante.

Qualcuno sa dove ne posso trovare uno aggiornato e ben dettagliato?

Sono sicuro che nessuno che vota il M5S ha una vaga idea di cosa ha messo nel suo programma Giachetti, a riprova che si vota un ideale e non un programma politico.

Anonimo ha detto...

Ma come parla il tipo delle 10,58: "quelli che stanno su", cos'è, crede di essere un personaggio del Quarto Stato, populismo d'accatto! E "quelli che stanno su hanno venduto il nostro culo". Quindi Rutelli, per es., vendeva culi o ha fatto cose lodevoli a Roma? Certo, ci ricordiamo delle plebi che adesso continuano a fare le indignate che casino che armarono contro di lui quando introdusse il parcheggio a pagamento. Ma de che, aoh, io parcheggio dove mi pare. Il maggiore guaio di Roma è la demagogia, non costa nulla e dà molti voti. I cinque stelle ne sono l'esempio più clamoroso.

Anonimo ha detto...

Veramente c'è parecchia gente qui che parla senza problemi di spazzare via reperti archeologici importantissimi ancora sottoterra perché danno fastidio a metro, pup e costruzioni di superficie, di cementificare parte dei parchi perché tanto ora sono abbandonati e quindi meglio darne un pezzo a qualcuno che poi provvederà a mantenere il resto e di costruire quartieri ex novo perché attualmente ci sono terreni lasciati in abbandono.
Ma quando si tratta di entrare nel dettaglio per capire che anche quello che sta sotto terra è area archeologica anche se non si vede, che i parchi pubblici nel resto del mondo li fanno funzionare senza svenderli a privati o riempirli di baretti, ecco che partono i mantra, sempre quelli, con termini come "sviluppo", "archistar", "modernità" o quello che vuoi. Qui basta dire grattacielo e una folla di urbanisti fai da te e ultrà dello skyline alla New York entra in un brodo di giuggiole senza pensare minimanente che il grattacielo deve avere una utilità prevista su studi seri e non essere costruito perché di moda sperando poi di riempirlo. A Londra ci sono grattacieli mezzi vuoti (e riempiti per metà da sceicchi, oligarchi e cinesi arricchiti che comprano per investire un po' dei loro giganteschi patrimoni, non certo per abitarci o usarli per chissà che), con il risultato che i valori immobiliari vanno alle stelle e centinaia di migliaia di abitanti dei dintorni sono costretti ad andare via perché non possono più pagare gli affitti. Speculazioni pure e semplici ma almeno a Londra fanno le cose secondo le regole rimettendo a posto aree dismesse ma già utilizzate in precedenza.

Anonimo ha detto...

11,24

tu in 15 righe (sempre troppe) hai messo insieme archeologia, parchi, grattacieli, NYX, londra, roma, metro... Approfondisci un po di piu questa caciara per cortesia che non ci si e' capito un cazzo

Anonimo ha detto...

Elezioni comunali, l’accusa di Marino
«Orfini responsabile del flop del Pd»

L’ex sindaco di Roma si sfoga dopo il risultato elettorale nella Capitale: «Non gongolo ma sono più arrabbiato dei romani arrabbiati che si sentono traditi dal partito e dai suoi dirigenti»

Anonimo ha detto...

Elezioni 2013
Bloccò le e-mail della «onlus»
di Ignazio Marino: rinviato a giudizio
Carlo Pignatelli era amministratore della onlus Imagine, nata per fornire aiuti sanitari all’estero. Il reato contestato è interruzione di comunicazioni informatiche. Rimane oscuro il motivo che lo indusse a ostacolare il ricevimento della posta

Anonimo ha detto...

Le righe sono 19 e il concetto è chiarissimo.

Anonimo ha detto...

scusate ma mi arrendo: se uno dice no all'alta velocità, per me dobbiamo chiudere tutto, mettere la città a pascolo, e basta.
per lavoro mio padre andava a milano in aereo, perché il treno ci impiegava quasi sette ore.
qualche anno fa, ci volevano quattro ore e mezza, peraltro con ritardi frequenti.
oggi io, come tanti altri, vado a fare riunioni a milano in giornata, e rientro in tempo per l'aperitivo. da firenze e bologna ormai vanno e vengono per fare shopping. però a noi piaceva l'intercity puzzolente, giusto? e il deposito tac inutilizzato? ma come la cambiamo una città, con pensieri così? ma vi è capitato di fare viaggi a distanza di dieci anni in certi paesi (come turchia, cile, slovenia, polonia, al di là dei problemi che hanno, come tutti), e vedere che le città ci stanno sorpassando a velocità doppia?

Anonimo ha detto...


CENTRO STORICO
Commercio nel Tridente, il Tar:
sì al ritorno dei tavolini (selvaggi)
Via del Babuino, via libera agli arredi: accolto il ricorso di un esercente, per i giudici amministrativi la competenza non è del Ministero dei beni culturali
di Erica Dellapasqua

Sentenza-«precedente» del Tar nella telenovela del «tavolino selvaggio» in centro storico: per la prima volta, pronunciandosi nel merito del ricorso, i giudici amministrativi della seconda sezione accolgono le ragioni di un esercente — il bar della «Duegi srl» che ha già rioccupato la «sua» fetta di marciapiede nella centralissima via del Babuino — ridimensionando le competenze del ministero ai Beni culturali in una materia, il commercio, che in via predominante deve restare in capo al Comune.

Anonimo ha detto...

Quindi Rutelli, per es., vendeva culi o ha fatto cose lodevoli a Roma? Certo, ci ricordiamo delle plebi che adesso continuano a fare le indignate che casino che armarono contro di lui quando introdusse il parcheggio a pagamento.


guarda, dopo quello che abbiamo visto rutelli andrebbe messo sul cavallo al posto di marco aurelio....

Anonimo ha detto...

Mafia Capitale, la Corte dei Conti:
«Risarcire 21 milioni di danni»
Sotto accusa 21 imputati, tra cui alcuni dirigenti delle municipalizzate. Nell’invito a dedurre si legge che a Roma «la cosa pubblica, con riferimento ad intere gestioni, è stata indirizzata alla cura di interessi privati illeciti»

Anonimo ha detto...

Meglio mi sento: 19 righe per non dire un cazzo. Questa e' sintesi

Anonimo ha detto...

11.30

è il solito concetto di SEL e Rifondazione Comunista: ormai siete stantìi...

Anonimo ha detto...

Olimpiadi a Roma, Salvini: "Scelgano i romani. Marino: "Possono essere grande opportunità o disastro"

"Le Olimpiadi possono essere una grande opportunità per la città oppure un disastro, grandi opportunità sono state Barcellona e Londra, invece Atene un disastro", ha spiegato. Aggiungendo, poi, che al ballottaggio voterà "il candidato che continuerà nella strada iniziata da Ignazio Marino e non creerà nuovi debiti e che avrà una lettera del proprio leader di partito in cui si dice che nessuno si permetterà mai più di andare da un notaio per far cadere un sindaco eletto dal popolo".

Andrea ha detto...

Io capisco il ragionamento, ma siamo proprio sicuri la Raggi sia la scelta giusta?
Magari stessi in un'altra città mi potrei anche permettere il lusso di lasciarmi andare a scelte di puro principio, ma a Roma ci viviamo tutti noi e continueremo a viverci per i prossimi cinque anni.

Capisco la rabbia contro il Pd e l'istinto punitivo, però da un lato c'è un politico di lungo corso, che ha dimostrato onestà e capacità anche a livello locale e che ha annunciato da tempo una giunta per niente male. Giachetti non è il Pd romano e non è Orfini. Il dna radicale dovrebbe anche garantire un'adeguata indipendenza dall'orrido Pd romano.

Dall'altro c'è un mezzo salto nel buio, aggravato da un programma vago, da una campagna elettorale opinabile e da indiscrezioni su assessori ancor più opinabili.

Roma è oggettivamente in una situazione difficilissima, vale veramente la pena votare chi si ritiene non sia il miglior candidato solo per la pur comprensibilissima volontà di dare una lezione a Orfini & co?
Soprattutto, se le indiscrezioni vengono confermate e magari anche gli altri nomi della giunta seguono la stessa scia, non sarebbe il caso di mettere un paletto oltre il quale l'endorsement inizia a traballare? Ovviamente speriamo tutti di no, ma se alla fine tutta l'intera giunta dovesse essere molto deludente, almeno in quel caso, la convinzione sull'appoggio alla Raggi inizierebbe a venir meno?
Ok punire il Pd, ok ingoiare qualche rospetto pur di punirlo, però qualche rospetto e non uno stagno intero, non a costo del suicidio di Roma, su questo RFS è d'accordo?

Anonimo ha detto...


LA RAGGI E I % STALLE STANNO PROPINANDO UNA SERIE IMBRAZZANTE DI PERSONAGGI IMPROBABILI O ADDIRITTURA DANNOSI NEI RUOLI CHIAVE E SOLUZIONI CHE DEFINIRE FANTASIOSE E' UN EUFEMISMO, FORSE MEGLIO DIRE FUMOSE. ECCO, SONO OTTIMI VENDITORI DI FUMO...L'ULTIMA COSA DI CUI A ROMA C'E' BISOGNO.

RFS, con tutta la stima, FARE ENDORSEMENT PER QUESTI VUOL DIRE DARE IL COLPO DI GRAZIA A ROMA.

Anonimo ha detto...

Ma vi ricordate che fino a due anni fa, in Grecia davano la pensione alle donne non sposate, appena morivano i genitori, solo perché zitelle? E sapete quante altre amenità del genere costellavano quel disgraziato paese mediterraneo? E adesso la colpa sono le Olimpiadi? Ah, ah.

Anonimo ha detto...

C'è chi non vuole costruire le case di oggi per cercare sottoterra le villette romane nel migliore dei casi, colonne spezzate, frammenti di marmo. I nostri trisavoli di quella Roma, così pragmatici e vitali, non capirebbero proprio questa mostruosa vocazione al mondo mortifero. E' chiaro che se si radesse al suolo Roma e si scavasse, si troverebbero altre tracce della città imperiale o addirittura repubblicana, ma che senso avrebbe un simile trionfo della morte sulla vita? Addirittura gli scavi in via dei Fori imperiali, cioè nel cuore della città antica, voluti dalle giunte di sinistra di un tempo, anche per far lavorare schiere di giovani archeologi, e durati per oltre un trentennio, non hanno aggiunto alcunché che già non si sapesse. E la strada che una volta suscitava l'ammirazione di Le Corbusier adesso appare bucherellata, senza più un disegno organico, preda delle fiere paesane della domenica senza auto.

Anonimo ha detto...

Vedo che oltre agli urbanisti fai da te ci sono anche economisti fai da te.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-02-14/olimpiadi-grecia-2004-furono-132654.shtml?uuid=AaovUirE&refresh_ce=1

Già nel settembre 2004 le agenzie di rating si preparavano a declassare il paese se non si fosse ridotto il deficit dovuto all'olimpiade. Il governo aveva previsto un deficit di 26 miliardi di euro che invece a fine anno ammontò a quasi 40 miliardi. Standard & Poor’s prevedeva che le spese Olimpiche avrebbero impedito alla Grecia di mantenere l'alto tasso di crescita che aveva avuto dalla fine degli anni novanta.

Anonimo ha detto...


Speriamo che Roma si salvi dalla disgrazia a 5 stelle!!!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

Olimpiadi 2024
Ignazio Marino: «Quel patto tra Malagò, Montezemolo e Renzi contro il bene di Roma»
L’ex sindaco scrive a l'Espresso: la sede del Villaggio Olimpico, dove è coinvolto Caltagirone, è stata scelta senza ascoltare i cittadini né il Comune. Che aveva proposto un piano utile al futuro della città. Ma hanno prevalso altri interessi
di R.I.
11 febbraio 2016

Ignazio Marino: «Quel patto tra Malagò, Montezemolo e Renzi contro il bene di Roma»

Ignazio Marino
La scelta della zona di Tor Vergata in cui far sorgere il Villaggio Olimpico nel progetto per la candidatura di Roma alle Olimpiadi 2024, secondo l'ex sindaco Ignazio Marino, è stata «ossessivamente caldeggiata da Giovanni Malagò, da Luca Cordero di Montezemolo e suppongo da Matteo Renzi». L'ex primo cittadino della Capitale lo scrive in una lettera a l'Espresso, che è pubblicata nel numero in edicola venerdì 12 febbraio e online su Espresso Plus , che prende spunto dall'inchiesta giornalistica della scorsa settimana intitolata “ Ora e sempre palazzinari ”, in cui è sottolineato come «a Tor Vergata la Vianini del costruttore Caltagirone ha una concessione datata 1987 su terreni di proprietà dell’ateneo in parte espropriati al cassiere della banda della Magliana Enrico Nicoletti».

ESPRESSO + LEGGI L'INTERVENTO INTEGRALE

Secondo Marino l'amministrazione capitolina ha scelto questa zona perché «ossessivamente caldeggiato» anche da Renzi.

L'ex sindaco svela che la sua idea «era a favore di un lascito pubblico alla città, realizzabile nell’area fra la Flaminia e la Salaria, che consentirebbe una trasformazione urbanistica utilissima non solo al mese delle Olimpiadi ma alla vita futura di Roma. Avevamo proposto la realizzazione di un grande parco fluviale, messo al servizio dei romani lungo il Tevere, nell’area compresa tra il grande raccordo anulare e la via Olimpica, dove oggi ci sono un agglomerato spesso informe di edifici, fabbriche, depositi, la sede principale della Rai e quella di Sky».

Secondo il progetto di Marino «il complesso che ospiterà gli atleti avrebbe dovuto sorgere riqualificando strutture come un ex deposito Atac, un depuratore, un impianto per i rifiuti che volevo chiudere e parte degli edifici dell’aeroporto dell’Urbe. Cemento esistente, quindi, non nuove case, ma spazi verdi e di socializzazione intorno a strutture riconvertite».

«Queste strutture, una volta terminate le Olimpiadi, sarebbero state utilizzate per la nuova “Città della giustizia”. Avremmo fatto in modo che le stanze che per un mese ospiteranno gli atleti (ne servono 9.500), divenissero uffici per giudici, procuratori, cancellieri, avvocati, eccetera», spiega Marino, che svela l'idea di tre progetti che sarebbero stati sottoposti con un referendum al giudizio dei romani.

«Nessun romano conosce o ha condiviso il progetto che Giovanni Malagò e Luca Cordero di Montezemolo presenteranno il 17 febbraio alle televisioni. Provo a fare una profezia: ci diranno che il Villaggio Olimpico si dovrà fare nel verde di Tor Vergata e si dovrà prolungare la metro C. Il risultato è che le Olimpiadi secondo il modello Renzi saranno al servizio di altri interessi, non di quelli dei romani. Per rendersene conto, basta vedere la foto del 21 febbraio scorso a Losanna: all’incontro ufficiale c’erano Renzi, Malagò e Montezemolo. Ma non c’era Roma».

Anonimo ha detto...

l'insostenibile bassezza degli argomenti a cinque stelle sta in questo: se si parla di sviluppo, rigenerazione, investimenti, olimpiadi, nuovi impianti, la loro risposta è che bisogna pensare all'ordinario (riuniti, buche, trasporti) e alla lotta alla corruzione.

anche gli altri sono per la manutenzione ordinaria, l'efficienza e la pulizia, non c'è nessuna contrapposizione tra le due cose. il giubileo del 2000 ha dimostrato che si può fare un grande evento senza corruzione, mantenendo la città abbastanza pulita (immaginate oggi, con 25 milioni di pellegrini), con opere utili (l'8) e con interventi di archistar (Piano). poi vai a capire perché i grandi architetti, che sono inseguiti da tutto il mondo, per qualcuno devono essere oggetto di sarcasmo. ma cos'è, vi brucia il fatto che ci sia semplicemente qualcuno più bravo? ma vi rendete conto che se a roma ci sono edifici meravigliosi è perché qualcuno ha chiamato a lavorare le archistar del tempo? allora cosa avreste fatto, preso per il culo borromini perché toglieva lavoro al carpentiere del rione?

Anonimo ha detto...

"Attenzione: Paolo Berdini è un urbanista di livello e sicuramente un ottimo professore. Conosce a menadito la città (e sono in pochi), le norme, i piani regolatori, gli strumenti urbanistici. Ha delle posizioni che condividiamo molto sul trasporto pubblico, sul valore della pedonalità, sulla necessaria lotta alle automobili. Dopodiché è la rappresentazione plastica del vecchio trombone"

Mi pare ci sia una piccola contraddizione tra premessa e conclusione...

Anonimo ha detto...

anche io penso che il villaggio olimpico sia la parte peggiore della storia, e vorrei che giachetti prendesse una posizione prima del 19.

detto questo:
a) le olimpiadi sono sempre in perdita, come tutti i grandi eventi, se ci limitiamo al calcolo contabile secco (che è l'unica cosa di cui sanno parlare i 5 stelle). si tratta di vedere poi l'impatto sui flussi turistici, il mercato immobiliare, la city reputation (che ovviamente tutti diranno che sia una cazzata, ma così non è: significa sponsor), e soprattutto sulle infrastrutture rimaste, nonché sulla capacità di attrarre professionisti di alto livello;
b) non ci inventiamo storie assurde, la grecia non è stata portata al fallimento dalle olimpiadi;
c) mi piace la passione per il referendum, che ci può stare, ma non vedo perché non richiederlo anche su mille altre cose. come ha scritto qualcuno ieri, per fortuna negli anni '50 - con mezza città senza fognature - qualcuno si è assunto la responsabilità di progettare le olimpiadi, senza chiedere al popolo;
d) il dramma della raggi non è che sia contro le olimpiadi, che è cosa legittima. è che non sa cosa dire, il che lascia intendere in quali mani ci stiamo per mettere.




Anonimo ha detto...

Cielo, Tomaso Montanari non va bene???!!!
D'accordo, non è Tonelli e non dirige il prestigioso art tribune, ma qualche credito nel curriculum ce l'ha.
Quanto a Cederna, solo dei poveri mentecatti possono trovare qualcosa da criticare a un genio assoluto come Cederna, che svergogna come nessuno i burinozzi che colano cemento nella campagna romana, il Vaticano che ci va a braccetto e tutti gli yes men pronti a tutto pur di leccare le briciole sotto al tavolo palazzinaro.
E infine una domanda: QUANTI DI VOI SI SONO ARRICCHITI IN OCCASIONE DEI COSIDDETTI GRANDI EVENTI, O DELLE OLIMPIADI?
quanti DI VOI HANNO TROVATO MIGLIORATA LA CITTA' DOPO I SUDDETTI GRANDI EVENTI?
L'unica cosa che migliorerà dopo le Olimpiadi sarà il conto in banca di Caltagirone e dei suoi clientes.
I posti di lavoro saranno temporanee marchette sottopagate per le varie scimmie.
E mi dispiace per totti, ma non mi sembra che abbia l'acume del maitre à penser.

Anonimo ha detto...

quanti DI VOI HANNO TROVATO MIGLIORATA LA CITTA' DOPO I SUDDETTI GRANDI EVENTI?

per le olimpiadi del '60 e il giubileo del 2000, non c'è dubbio, città nettamente migliorata.

Anonimo ha detto...

TAV E NO TAV PARI SONO
Se tu prendi le frattaglie degli scritti di Cederna ci puoi fare editoriali acuminati che sembrano scritti per l'attualità e puoi andarci avanti fino al 2035.
Purtroppo invece i direttori dei quotidiani vengono selezionati fra i supporter di finmeccaltagironia, recuperati dai carri del gay pride, o fra i porchettari ciociari coi basettoni anni di piombo.
"Europeo" non vuol dire buono e ben fatto, anzi: vuol dire concepito grazie ai finanziamenti di quell'associazione a delinquere pro finanza che è la ue.
Che l'alta velocità abbia rivoluzionato in meglio le nostre vite, lo può dire solo un giapponese deficiente: le nostre vite le rivoluziona in meglio un bosco, che ci tutela da tante malattie del corpo e dell'anima.
Per farsi Roma Milano in due ore di meno bisogna devastare ettari di monti e foreste?
Ma voi state fuori.
Per contro, avrete visto come la Corte dei conti abbia confermato che anarchici e coop mafiose sono in accordo per creare ad hoc le emergenze abitative; così come è chiaro che tutti fenomeni border line della sinistra, da Anonymous ai centri sociali alle occupazioni abusive all'immigrazione ai campi nomadi, sono le marce con le quali si manovra la piazza, l'opinione pubblica e la stabilità del paese.
Quindi sono strumenti di leva terroristica al soldo proprio di quegli speculatori che fingono di contrastare.
Perciò, o berdini è sciocco, o da buon veterocomunista è furbissimo, e con lui la raggi, come del resto già pensavamo.

Anonimo ha detto...

Per farsi Roma Milano in due ore di meno bisogna devastare ettari di monti e foreste?


perché, la ferrovia di prima dove passava?

Anonimo ha detto...

Eh, come è noto Roma negli anni'60 è diventata molto più bella che negli anni '50.
Non parliamo poi delle pregevoli iniziative rutelliane, come la demolizione della teca di morpurgo per tirar su la cassa da morto per l'Ara pacis pagata a meyer.
Solo per dirne una.
Non esiste un sindaco che a Roma decida da solo, ogni sindaco è solo il rappresentante simbolico di una serie di interessi e meccanismi.
E' come il Papa, molto in vista ma soprattutto rappresentativo.
Quindi che la raggi ripeta la lezioncina a memoria è normale, gli altri la ripetono a memoria da decenni, e quindi sembrano più sicuri del fatto loro.

Anonimo ha detto...

Un sindaco deve fare in modo che ciascuno possa aprire la propria attività senza subire vessazioni né dalla criminalità né da ufficiali corrotti, vessazioni volute e agevolate, quando non commissionate, dalla grande imprenditoria monopolista, che vuole accaparrarsi l'economia per controllare posti di lavoro e lo Stato stesso.
I Caltagirone devono finire, il monopolio finanziario deve estinguersi, la grande impresa deve morire.
In Islanda non hanno bisogno di fare Olimpiadi, mondiali, armi e porcate varie, sono pochissimi, sono ricchissimi, liberissimi e felicissimi.
Qui le esigenze della mafia vengono amplificate dai media mafiosi e spacciate per esigenze dei cittadini.

Anonimo ha detto...

per 2h di meno...

Ogni anno circa 40mln di persone fanno la tratta AV, a 2h di meno sono 80 mln di ore risparmiate. Ogni ora varra 5 Euro per non dire di piu, sono 400mln l'anno per i prossimi decenni come minimo.

Hano liberato i binari delle tratte urbane e suburbane dal traffico nazionale permettendo il riuso di quei binari per i treni locali e metropolitani

I lavori hanno permesso di ricucire interi quartieri

Avere citta come Firenze e napoli a circa 1,15 di distanza ha moltiplciato le occasioni di lavoro.

L'AV ha rotto il monopolio dell'Alitalia e offerto un'akternativa vera a chi non poteva prendere l'aereo di arrivare ancora in tempi umani in posti nel raggio di 2ore.

Ma si per 2h ore in meno che vuoi che siano...


Prova provata della pezzenteria di certi "argomenti". Ma perche non pensate a fare bene il vostro lavoro anzihe mettervi a fare gli esperti di sto cazzo?

Anonimo ha detto...

l'Islanda???
un paese fallito per la più scandalosa crisi finanziaria della storia recente? certo che siete strani.

Anonimo ha detto...

In Islanda non hanno bisogno di fare Olimpiadi, mondiali, armi e porcate varie, sono pochissimi, sono ricchissimi, liberissimi e felicissimi.

L'Islanda e' fallita per le proprie speculazioni turbocapitalistiche!

E su un blog dove si legge sempre la scemenza che roma e' enorme e quindi difficile da aministrare, poi leggere che il paragone e' l'islanda, un paese che ha meno abitanti del III municipio (non iperbole), ma letteralmente ha 300.000 persone...

conferma il solito invito: illuminaci! datti fuoco!

Anonimo ha detto...

Questo blog è pieno di analfabeti funzionali. "L'Islanda è fallita" e "gli Islandesi sono felicissimi" non sono due affermazioni necessariamente in contraddizione. Consiglierei un ripasso di logica...

Anonimo ha detto...

Questo blog è pieno di analfabeti funzionali. "L'Islanda è fallita" e "gli Islandesi sono felicissimi" non sono due affermazioni necessariamente in contraddizione. Consiglierei un ripasso di logica...

c'è contraddizione tra "l'Islanda è fallita" e "gli islandesi sono ricchissimi", non fanno "porcate varie", nonché sul fatto che si usi il caso islandese come argomento contro "il monopolio finanziario".

ma soprattutto bravo io che perdo tempo a rispondere.

Anonimo ha detto...

Giusto! Andiamo per strada a chiedere a 100 persone quante sarebbero felici se fossero fallite e avessero perso tutti i propri risparmi.

Gli investitori di Banca Etruria e Veneto Banca sono felicissimi infatti.

Anonimo ha detto...

Titolo :"Come può Virginia Raggi nominare un vecchio estremista di Rifondazione assessore all'Urbanistica? " Poi si legge : "Paolo Berdini è un urbanista di livello e sicuramente un ottimo professore. Conosce a menadito la città (e sono in pochi), le norme, i piani regolatori, gli strumenti urbanistici"
BOH...

Anonimo ha detto...

Cosa hai, problemi di comprensione del testo? "l'Islanda è fallita" e "gli islandesi hanno perso i propri risparmi" non sono sinonimi, lo sai si? ribadisco la mia diagnosi: si prescrivono dosi massicce di logica aristotelica...

Anonimo ha detto...

Qui non c'e' contraddizione invece:

uno puo essere benissimo un ottimo professionista a livello conoscitivo/teorico e poi non essere assolutamente orientato verso scelte politiche utili alla citta.

Anche Mengele era un eccellente studioso di medicina, peccato che poi sia stato un mostro come pochi altri nella storia del genere umano.

Speer era un eccellente architetto e un grande pianificatore. Ma ha speso le sue competenze per il committente sbagliato

Anonimo ha detto...

ANdiamo di logica:

1) io entro dentroil mio pigiama
2) il pigiama entra dento il cassetto
3) io entro dentro il cassetto

Logica aristotelica rispettata. Buon senso massacrato.

Ora sparati

Anonimo ha detto...

Non ci ingarelliamo con l'Islanda, restiamo a Roma. Dunque, veniamo a sapere dai vivaci lettori di questo blog che i cinquestellati non sono solo dei bizzarri che credono a tutti i complotti, alle scie, alle sirene, alle cure fai da te e altre sciocchezze popolari, questo anzi è folclore, ci accorgiamo piuttosto che con i resti di Rifondazione comunista, degli intellettuali più falliti, degli occupanti, degli antisistema, degli estremisti d'ogni genere, i simpatici seguaci del comico vogliono abolire l'alta velocità, bloccare le nuove linee di metropolitana, distruggere le banche, impoverire l'edilizia, rinunciare alle Olimpiadi, insomma combattere contro il capitalismo come si diceva con più onestà qualche anno indietro. Piccoli polpottisti crescono. E il primo che da quel pulpito chiama 'compagnuccio' Giachetti è proprio scemo.

Anonimo ha detto...

MA scusate la domanda: ma a voi chi ca..o li ha dati i nomi su cui state scrivendo da due giorni?

Anonimo ha detto...

Berdini "vecchio estremista" ??? Ma dai...

Anonimo ha detto...

Sono contento che da due giorni si parli di urbanistica, perchè riguarda la vita della città, presente e futura, cioè come e dove sono fatte le nostre case, le nostre strade, le nostre scuole, i nostri uffici, le linee di trasporto con cui ci dovremmo arrivare, i parcheggi delle nostre auto. Questo è urbanistica, al di là delle archistar.
Ma da questo a dire che un noto esperto (da cui si può dissentire e dissento) è il male di Roma mi pare che ce ne corra.
Siamo alle allucinazioni...

Anonimo ha detto...

devono svecchiare la città non ammuffirla ulteriormente.

Ma il pd no, non si può...

Anonimo ha detto...

L'edilizia moderna è sviluppo non speculazione. Bisogna aprire il mercato agli studi e alle aziende che costruiscono nelle città europee e roma rinascerà dalla palude sozza in cui è immersa da 20 anni

Anonimo ha detto...

chi è contro la TAV è fuori dal mondo.
si può essere contro un tracciato e preferirne un altro, non conto la TAV in generale

Anonimo ha detto...

Andateveli a leggere i libri di Cederna, Insolera, persino quelli di Berdini.
Sono pieni di cose su ciò che ognuno vive tutti i giorni. Dimostrano perchè sono nati i problemi di viabilità e vivibilità che tutti noi nei nostri quartieri tutti i giorni sperimentiamo. Insegnano come non ripetere quegli errori. Leggeteli, perchè costano poco e sono pure brevi.

Anonimo ha detto...

una volta che scelgono uno competente li bastoniamo ?

Anonimo ha detto...

non è la competenza di Berdini o Montanari che stiamo criticando, è il tipo di visione che hanno. L'opposto di quella che serve a modernizzare roma

Anonimo ha detto...


"Gente buona a nulla che si caca sotto davanti al futuro e si ritira in una idea di passato che non e' mai esistita. Roma di oggi e' basata sulle invenzioni rischiose e visionarie dei nostri antenati. Altrimenti saremmo riamasti nelle caverne."

Sottoscrivo !!!!

Anonimo ha detto...

"proprio perché siamo messi male, bisogna attrarre capitali "

esatto, e privatizzare (anzi liberalizzare) tutti queli carrozzoni che ci stanno affossando, come Atac e Ama

Anonimo ha detto...

"Buttate giu quell'abuso edilizio di S. Pietro di Michelangelo che ha sbracato quell'altro abuso edilizio della basilica paleocristiana di Costantino che aveva demolito quella vergogna dello stadio di Nerone che aveva stuprato l'agro romano"

bravo, una lezione di storia ( e di vita) in tre righe ! da applauso

Anonimo ha detto...

"i nostri di quella Roma, così pragmatici e vitali, non capirebbero proprio questa mostruosa vocazione al mondo mortifero. E' chiaro che se si radesse al suolo Roma e si scavasse, si troverebbero altre tracce della città imperiale o addirittura repubblicana, ma che senso avrebbe un simile trionfo della morte sulla vita? "

PAROLE SANTE ! MA ... bisognerebbe puntare, visto che siamo nel 2016 e di esempi al mondo da copiare ne esitono a valanga, a cose utili, moderne ed ecocompatibili. Perchè rigenerare, riqualificare, costruire e radere al suolo lo schifo che abbiamo (a cominciare dal litorale) è necessario come l'ossigeno alla respirazione


Anonimo ha detto...

L'urbanistica la devono gestire i costruttori vicini a RFS.
Ci pensa Tonelli a controllarli

Anonimo ha detto...

Guarda che "costruttore" non è un brutta parola. Pensa all'etimologia della parola "pontefice"

A Roma occorre ri-costruire. Purtroppo abbiamo avuto più distruttori che costruttori , lo riconosco...

Anonimo ha detto...

"per le olimpiadi del '60 e il giubileo del 2000, non c'è dubbio, città nettamente migliorata."

OK per il primo punto. Per il secondo proprio no : l'unico miglioramento fu che Rutelli fece cancellare tutte le scritte che imbrattavano i muri della città.

Anonimo ha detto...

Ha ragione quello delle 4,17, Rutelli cancellò le scritte sui muri ed ebbe bella presenza. Basta. L'anello ferroviario che mi permette ogni giorno di muovermi e di raggiungere in 12 minuti 12 la stazione di Trastevere dalla Balduina è evidentemente un mio sogno ricorrente. Anche l'Auditorium realizzato dopo circa un secolo dall'abbattimento di quello di piazza Augusto imperatore è un'altra allucinazione. E il forum commerciale di Termini, tanto per dirne un altro a caso, deve essere un altro sogno a occhi aperti, prima mi pare che i sotterranei della stazione fossero peggio di quelli della Parigi di Victor Hugo. E le facciate dei palazzi nel centro storico che finalmente si sono tolte quel giallognolo inventato dai Piemontesi (e che si vede ancora nei film a colori anni Settanta, Ottanta)? E lea recinzione del Colle Oppio, con tanto di chiusura notturna? Oppure, come ricordava qualcuno qui sopra, il parcheggio a pagamento invece che a prepotenza da lui introdotto? Come siamo scordarelli.

Anonimo ha detto...

Ma i forconi che fine hanno fatto?

Anonimo ha detto...

4:57,

devo dire che ai tempi ero molto critico verso l'amministrazione, e anche in seguito verso veltroni. rimangono tante brutte cose (le vele in primis) ma senza dubbio era una città gestita meglio nelle sue esigenze ordinarie, e con una minima capacità di modernizzazione. non sarà un caso che - sicuramente esagerando, come fa sempre la stampa - si parlasse di roma come di modello positivo, soprattutto in termini di politiche culturali.
per me, significa che il problema non è nell'antropologia del romano (è la cosa che non condivido della linea del blog). se è stato fatto, evidentemente si può fare. certo oggi non vedo bene come, ma da qualche parte una scintilla speriamo arrivi (è il motivo per cui sostenere le olimpiadi, secondo me: al di là dei conti economici, sono eventi che innescano spesso reazioni positive).

Anonimo ha detto...

Veramente io mi trovo molto d'accordo con questa intervista di un po' di tempo fa:
http://temi.repubblica.it/micromega-online/il-sacco-di-roma-e-le-responsabilita-della-politica-intervista-a-paolo-berdini/

Diego ha detto...

Pero' occorre capire fino a che punto alcune dichiarazioni discutibili di Berdini siano realmente il frutto di sue convinzioni profonde o non siano piuttosto il frutto della solita partigianeria partitica, tipica della politica italiana, di andare sempre contro quello che fa l'avversario politico, di riuscire sempre a trovarci qualcosa di sbagliato...viste cosi' le dichiarazioni di Berdini risulterebbero un po' meno "gravi" rispetto alla figura di un urbanista unanimemente riconosciuto per le sue competenze e qualità.

Anonimo ha detto...

infatti mi sembra un attacco esagerato. anche se condivido oil fatto che c'è bisogno di uno sguardo più moderno e di progetti di rigenerazione pesante. tra l'altro a roma non c'è solo la zona monumentale: ci sono tante zone pensate male, con pessime infrastrutture e una viabilità cervellotica, su cui bisogna intervenire applicando standard europei.

Anonimo ha detto...

Tre articoli di fila contro il M5S, metteteci direttamente il logo del PD su questo sito no?

Lanzo ha detto...

Io votero' la Raggi solo per la dichiarazione che vuole far pagare l'ICI e l'acqua al Vaticano - poi e' da vedere se sono solo chiacchiere che verranno frantumate da quel cumulo di mafiosi, pedofili ed evasori fiscali che depositano i soldi allo IOR.
Brutti pesci...

Anonimo ha detto...

" vuole far pagare l'ICI e l'acqua al Vaticano "

la (odiosa) esenzione dalla tassazione sugli immobili è competenza di leggi nazionali non di delibere o regolamenti comunali. Il comune può vigilare sull'evasione

Anonimo ha detto...

"Rutelli cancellò le scritte sui muri ed ebbe bella presenza. Basta. "

spero fosse una battura. Certo però che se pensiamo che al Giubileo del 2000 doveva esserci la linea C abbiamo la misura di quanto stiamo indietro. Non si fecero infrastrutture ma solo manutenzione, disse l'ing.Tamburrino

Anonimo ha detto...

Pensate invece alle non-opere del Giubileo 2016 e rimpiagerete quello del 2000

Lanzo ha detto...

Le olimpiadi sarebbero il "bacio della morte" - La Grecia ando' in bancarotta dopo le olimpiadi - il Brasile e' il prossimo, certo una cricca di guadagnera'...
Con la scusa delle olimpiadi, altre migliaia di extracomunitari - finti atleti - che ci appesteranno. Non sapete come funzionano le cose: dal Bangladesh o da un qualsiasi paese dell'Africa si stampano una carta intestata e scrivono al CONI, vorremmo partecipare ai giochi, il CONI che forse la mazzetta la prende, supporta e vvai ! Visto assicurato, senza rischiare la pelle sui barconi - che poi la maggioranza entrano a piedi nel nord est, guardie corrotte e via dicendo, quelli che ti fanno il culo se hai il bollo scaduto, per intenderci.

Anonimo ha detto...

La chiusura dell’anello ferroviario venne rimessa in calendario per il Giubileo del 2000 e mai realizzata. Certo si completarono alcuni tratti e oggi la gente li usa. Se poi pensiamo al capolavoro del terminal gianicolo...

Anonimo ha detto...

Brasile e Grecia sono andati a capofitto per la corruzione e la cattiva gestione, non per le Olimpiadi. Come l'Italia...

Anonimo ha detto...

"Con la scusa delle olimpiadi, altre migliaia di extracomunitari - finti atleti - che ci appesteranno"

MIGLIAIA DI FINTI ATLETI ????

Anonimo ha detto...

La prima consiliatura di Rutelli e la prima di Veltroni furono buone. Hanno ridato un minimo di smalto alla città (che poi è durato pochino, come possiamo constatare)

Anonimo ha detto...

Com'erano le indicazioni di voto? "Votate prima Giachetti e la Raggi solo al ballottaggio"?
Ed ora che la Raggi è al Ballottaggio guarda caso le si fa propaganda contro.
Ma non è che niente niente, zitti zitti, speravate di mandare al ballottaggio qualcun altro distogliendo i voti destinati alla Raggi al primo turno?

Anonimo ha detto...

Possiamo essere pro o essere contro, Votare quello o quell'altro e pensarla come vogliamo.

Il dato incontrovertibile e' che il romano che emigra per migliorare le proprie condizioni (e si parla di professionisti gia affermati, gente con una carriera e con un lavoro in mano, non solo trentenni disoccupati) va soprattuto in inghilterra, in germania, negli stati uniti, in svizzera , in australia.
Tutti paesi dove i servizi funzionano e vanno pagati, dove c'e' l'ordine e chi sbaglia paga, dove le infrastrutture e la logistica sono al centro dell'organizzazione e lo sviluppo è l'obiettivo principale.

Questo e' un dato reale, il resto e' solo fuffa!

Anonimo ha detto...

saluti da Bruxelles

Anonimo ha detto...


Il terminal Gianicolo è utilizzato ed è una fortuna che esista. Forse pochi si riocordano la situazione dei pullman selvaggi prima del Giubileo del 2000.
LE INFRASTRUTTURE SONO INDISPENSABILI, UNA CITTA' CHE NON SVILUPPA INFRASTRUTTURE INEVITABILMENTE MUORE. OVVIO CHE DEBBANO ESSERE FATTE BENE E SENZA RUBARE: IL CHE NON VUOL DIRE NON FARLE.

Anonimo ha detto...

LE INFRASTRUTTURE SONO INDISPENSABILI, UNA CITTA' CHE NON SVILUPPA INFRASTRUTTURE INEVITABILMENTE MUORE. OVVIO CHE DEBBANO ESSERE FATTE BENE E SENZA RUBARE: IL CHE NON VUOL DIRE NON FARLE.

punto.

Diego ha detto...

..."saluti da Bruxelles"...

Attento a non saltare per aria.

Anonimo ha detto...

Bruxelles e' molto piu sicura. Lo so che sembra una follia, ma statisticamente molto meno pericoloso un doppio attentato ogni tot anni che uno stillicidio di liti per parcheggi e precedenze, sportelli deglia utobus che volano via, carambole di auto, edifici abusivi che crollano e ammazzatine varie

Anonimo ha detto...

Si roma è sicurissima, quasi 2 morti (due) morti al giorno per incidenti stradali, minorenni che fanno i furti nelle metro invece che andare a scuola, giovani che muoiono di overdose in ospedali abbandonati, gente che viene stuprata ai bordi delle strade , vigili che ti impediscono di fare le segnalazioni e occupazioni macroscopiche.

Si Roma è proprio sicura.

Anonimo ha detto...

Guarda che Berdini non è un'anomalia, è l'essenza del grillismo: no a tutto.
Per Roma sarebbe il colpo di grazia.

Anonimo ha detto...

Sinceramente non capisco cosa RFS si aspettasse dai Cinque Stelle. Questi sono gli stessi che volevano Rodotà e Zagrebelsky alla presidenza della repubblica. Se non si dichiarano comunisti è solo perché sperano di conquistare i voti dei fascisti, che tutto sommato hanno le stesse idee su tante questioni (solo l'immigrazione li divide oggigiorno).

Anonimo ha detto...

Si Roma è proprio sicura.

dai ragazzi, abbiamo mille problemi, ma per sicurezza roma non è messa così male. a chicago, che ha gli stessi abitanti di roma, ci sono 500 omicidi l'anno contro 30. milano è molto più pericolosa: scaricate il rapporto del ministero dell'interno sul numero di reati.
abbiamo enormi problemi, ma non stiamo lì a pensare che gli altri non li abbiano.

Anonimo ha detto...

Finalme ho finito, alcune cose giuste altre meno secondo me. Anche io vorrei dire una cosa. Ho notato che nessuno parla della metro A e in particolar modo del capolinea di "Battistini"! Ma è possibile che nessuno si è mai accorto che: 1) non ha un parcheggio di scambio 2) ha una sola uscita, non succede nulla ma se succede? Nessun capolinea al mondo ha una sola uscita! 3) chi aspetta o porta qualcuno non sa dove sostare per il carico e scarico e naturalmente si crea traffico (dalla mattina alla sera!) 4) ci sono venditori ambulanti dappertutto in strada e sui marciapiedi e non si riesce a passare, anche questo accade solo qui,in nessun paese del mondo una cosa simile!! 5) non si è mai visto un vigile dal 2000!!!!!!! 6) non volglio parlare dela pulizia in strada, preferisco sorvolare! Grazie per avermi dato un pò del vostro tempo, cordiali saluti a tutti i lettori di RFS

Anonimo ha detto...

Ciao, RFS ha dedicato a Battistini questo articolo lo scorso anno
http://www.romafaschifo.com/2015/03/un-giorno-di-ordinaria-follia-alla.html
Che dire, per fortuna non abito in quella via.

Comunque per la cronaca è il XIV municipio e il presidente è del PD.

Anonimo ha detto...


quasi 2 morti (due) morti al giorno per incidenti stradali, minorenni che fanno i furti nelle metro invece che andare a scuola, giovani che muoiono di overdose in ospedali abbandonati, gente che viene stuprata ai bordi delle strade

e io che continuo ad illudermi che l'essere umano abbia la prerogativa di usare il cervelli. "giovani" che muoiono di overdose: una, al singolare. "gente che viene stuprata": perché invece altrove non accade.

e due morti al giorno per incidenti, ovvero 700 l'anno? ma che cazzo dite? sono a malapena un terzo, e ci sono varie città in cui di morti per incidenti ce ne sono di più. e lo dice l'istat:
http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DCIS_MORTIFERITISTR1


roma ha tanti problemi, uno dei quali è l'ossessione di alcuni che pensano che tutto il peggio del peggio sia solo qui. cerchiamo di ragionare.

Anonimo ha detto...


"roma ha tanti problemi, uno dei quali è l'ossessione di alcuni che pensano che tutto il peggio del peggio sia solo qui. "

Piuttosto ha il problema che l'amministrazione potrebbe risolvere la maggiorparte dei problemi citati molto facilmente ma invece pensa a studiare qual'è la miscela piu adatta per avere il rapporto migliore voti/mazzette

Anonimo ha detto...

Piuttosto ha il problema che l'amministrazione potrebbe risolvere la maggiorparte dei problemi citati molto facilmente ma invece pensa a studiare qual'è la miscela piu adatta per avere il rapporto migliore voti/mazzette


> Anche quello, e chi lo nega: ho parlato di uno dei tanti problemi. Ma magari senza apostrofo, se pensiamo che uno dei problemi sia iniziare a civilizzarci: qual è, troncamento e non elisione, si scrive senza apostrofo.

Anonimo ha detto...

Giusto:

"che l'essere umano abbia la prerogativa di usare il cervelli. "giovani""

Trova gli errori...

Anonimo ha detto...

Figlio mio,

"giovani" era una citazione, "cervelli" al posto di "cervello" era evidentemente un refuso.
Tu conosci la differenza tra errore e refuso, vero? La insegnano anche nel primo anno di corso degli istituti tecnici, spero. Perché dubito che tu sia andato oltre.

Anonimo ha detto...

Hai sbagliato indirizzo, il sito che cercavi si chiama youporn, ma immagino che sia la prima volta che utilizzi un pc.

Anonimo ha detto...

" io che continuo ad illudermi che l'essere umano abbia la prerogativa di usare il cervelli. "giovani" che muoiono di overdose: una, al singolare. "gente che viene stuprata": perché invece altrove non accade."

Dopo il punto va la lettera maiuscola, te lo insegnano in prima elementare, ma forse tu eri a chiedere l'elemosina in metro.

Anonimo ha detto...

Utilizzo un Mac. Da prima che tu sapessi contare da uno a sei, sempre che tu abbia imparato.
E stai sereno, sui siti pornografici posso darti lunghe lezioni, come su tutto il resto. Se nel 2016 ancora citi Youporn, significa che sei molto arretrato, anche in questo campo.

Anonimo ha detto...

Sono talmente arretrato che ancora vado con le donne.

Anonimo ha detto...

Dopo il punto va la lettera maiuscola, te lo insegnano in prima elementare, ma forse tu eri a chiedere l'elemosina in metro.


Bravo, complimenti. Immagino che tu conosca la differenza tra la semplificazione del linguaggio dovuta alla cornice tecnologica usata, e l'imprecisione vera e propria. Il primo caso, come tu mi insegni, rientra nella categoria di "oralità scritta" teorizzata da Brenda Danet, sullo schema originale di Walter Ong, e studiata in tutti i dipartimenti di sociolinguistica del mondo. Ma non vado oltre, sei sicuramente preparato. Mentre sbagliare l'apostrofo significa fare un errore bello e buono, punto.
Quanto al resto, tesoro, sul mio ultimo cedolino dello stipendio c'è scritto 6.650 €, quindi troppe volte potrei aver fatto io l'elemosina a te.

Anonimo ha detto...

Sono talmente arretrato che ancora vado con le donne.


--------
Concordo, ma non incompatibile con il porno.

Anonimo ha detto...

È arrivato il trollone. Discussione morta.

Anonimo ha detto...

piazza di spagna
«Altri vigili urbani coinvolti
nella corruzione del centro storico»
Il Riesame sul caso «Barcaccia»: il ruolo centrale dell’immobiliarista Piperno. La vicenda coinvolge i vigili urbani e i (mancati) controlli nel centro storico della città. Ad aprile, infatti, ci sono stati tre arresti




Secondo i magistrati giocherebbe «un ruolo chiave nella sistematica attività di corruttela» fra esercenti e vigili (ma nell’inchiesta anche un carabiniere è stato indagato per accesso abusivo agli atti). Nello studio Immobiliare Piperno, dal 2012, scrivono i giudici, «si tengono incontri con non meglio identificati vigili urbani, finalizzati a garantire un allentamento nell’attività di controllo degli esercizi commerciali». Dalle indagini era emerso anche l’interessamento - siamo nel 2012 - di un consigliere comunale per agevolare l’iter amministrativo dell’apertura di una gelateria a fontana di Trevi. Si trattava di Giorgio Ciardi, ex delegato alla sicurezza di Alemanno, non indagato. L’inchiesta approfondisce filoni legati alle vicende di Paolo Oliverio, commercialista dal profilo di faccendiere al servizio di imprenditori propensi all’evasione e congregazioni religiose in vena di lucrare sui beni che amministra.

I giudici anticipano che il fenomeno di micro corruzione fra esercizi commerciali del centro è più esteso e che il numero dei vigili indagati è destinato a salire: «Dalle indagini è emerso un fenomeno corruttivo più ampio che interessa non solo Caponera (il vigile è difeso dall’avvocato Michele Gentiloni Silveri, ndr) ma alti appartenenti alla polizia municipale non ancora individuati, inoltre lo stesso indagato nel porre in essere le condotte illecite si è avvalso della collaborazione di colleghi compiacenti». Nei suoi confronti l’auspicata rotazione non può funzionare: ha «fidate conoscenze nella municipale».

Anonimo ha detto...

BASTA CONSUMO DI SUOLO
LA PAROLA D'ORDINE E' RIGENERARE GLI SCEMPI CHE SONO STATI FATTI NEL DOPOGUERRA
VEDI MAGLIANA, TIBURTINA, ODERISI DA GUBBIO, TUSCOLANA ECC

Anonimo ha detto...

Vorrei sottolineare inoltre che nella giunta M5S-Raggi faranno molto probabilmente parte (od avranno comunque un ruolo chiave nella amministrazione) gente come Antonio Tamburrino (probabile neoassessore alla mobilita') e Paola Giannone, le quali idee sul trasporto pubblico a Roma sembrano prese da un PRG degli anni '20 del secolo passato, e che faranno di tutto per bloccare la Metro C a S.Giovanni....Vorrei se possibile un servizio anche su questi personaggi, per far capire quale destino aspetta questa citta'.

Anonimo ha detto...

Youporn è una cacata.

Anonimo ha detto...

Una cretinata dietro l'altra dei soliti reggimoccolo della mafia.
Se ci mettiamo a calcolare i risparmi-guadagni virtuali nei termini in cui il pro tav soprastante valuta i vantaggi della tav, senza contare le mastodontiche spese dirette, quelle indirette da perdite ambientali e e i costi in salute, si scopre che anche usare carta vetrata al posto dei fazzoletti da naso può essere un grande investimento.
Si chiama fantaeconomia del menga.

Anonimo ha detto...

Poi, da quant'è che diciamo che i grillini sono recuperi di centro sociale e del pci...
E' evidente sia dalle loro assurde posizioni su immigrati e unioni civili, che dall'estrazione politica dei loro sostenitori (travaglio...).
La sinistra è un mondo viscido e paludoso, fatto di scatole cinesi che garantiscono i medesimi interessi finanziari anche in caso di sconfitta del pd.
E' così che nasce sel, è così che nascono i radicali, è per questo che sono nati i verdi, e per questo esiste il m5s.
Ma comunque è una sinistra che cerca una via mitigata all'agevolazione dei grandi interessi occulti, che col pd - sel finora è stata marchiana (non marchina, attenzione).
E il fatto stesso che i 5s sussistano e che la raggi raccolga il favore di tutto larco politico, dimostra che sono congegnati per rispondere agli interessi prevalenti, sia pure per via traverse.

Anonimo ha detto...

Se ci mettiamo a calcolare i risparmi-guadagni virtuali nei termini in cui il pro tav soprastante valuta i vantaggi della tav, senza contare le mastodontiche spese dirette, quelle indirette da perdite ambientali e e i costi in salute, si scopre che anche usare carta vetrata al posto dei fazzoletti da naso può essere un grande investimento.

francamente non si è capito un benemerito.

Anonimo ha detto...

VIA I LUOGHI COMUNI DELLA NEO LINGUA

- Nuovo non è bello. Dopo non è meglio di prima. Giovane non è meglio di vecchio. La bomba atomica non è progresso rispetto al clavicembalo. Un grattacielo non è progresso rispetto alla campagna. Mille neonati cinesi non sono un progresso rispetto a dieci anziani italiani.
- "Infrastrutture" è la parola jolly del palazzinaro. Serveno enfrastrutture-e.
Infrastrutture non vuol dire niente di preciso se non soldi da buttare. le infrastrutture metro c sono allagate a ogni pioggia. Il ponte sullo stretto di Messina è un'infrastruttura. E ho detto tutto.
- L'Islanda non è fallita. L'Islanda si è ribellata alle banche, che è diverso. Risulta finanziariamente al collasso, ma i cittadini stanno mille volte meglio di un europeo medio.
- Gli intellettualoni di sinistra hanno fatto carriera grazie ai calci nei culoni della rete post brigatista, che ancora prospera tramite organismi illeciti come i centri sociali. Ecco perché alla fine li ritrovi tuti a battere le mani ai bavosi criminali delle occupazioni, e a inneggiare al povero negro che accoltella il Carabiniere.

Anonimo ha detto...

Dimenticavamo il cosiddetto "complottismo", ossia la capacità di riconoscere fino a che punto gli uomini siano rivoltanti.
Tempo fa si avanzava qui l'ipotesi che Regeni fosse stato ucciso dai servizi segreti statunitensi per spezzare i nostri legami petroliferi con l'Egitto. Non sono stati gli americani ora si dimostra che sono stati gli inglesi, ma i meccanismi sono quelli. Nei periodi in cui vogliono scalzarci dai territori di conquista economica, comincia la misteriosa morìa di italiani - o le strane sventure dei nostri militari.
Pensare alle connivenze istituzionali con fenomeni anarchico-criminale come contiguità col terrorismo internazionale manovrato dalla grande industria, non è ipotesi peregrina, è mera evidenza, confermati dal ricorrere dei medesimi strumenti di provocazione, volti a ottenere la delegittimazione dell'autorità italiana.

Anonimo ha detto...

Il sistema usato per delegittimare l'autorità dello Stato è la provocazione violenta della categoria pietistica contro il rappresentante della Legge.
Il manifestante che lancia l'estintore contro un Carabiniere, o lo uccide o provoca una reazione che comprometterà il Carabiniere, giudiziariamente ma anche mediaticamente, perché alla base della perversione dell'ordine c'è uno studiato meccanismo di falsificazione del reale.
Quando gli anarcoidi insolentiscono o picchiano un Poliziotto, o lo mortificano pubblicamente e lo danneggiano fisicamente, o ugualmente suscitano una corretta reazione di difesa di sé e della divisa, che comprometterà l'agente.
Quando gli immigrati, che dovrebbero essere come minimo intimiditi dall'ospitalità non dovuta che ricevono, provocano metodicamente le forze dell'ordine, lo fanno su istigazione di chi muove il baraccone migratorio e che sta cercando di svuotare la sovranità nazionale, allo scopo di creare pretesti per disarmare progressivamente la nostra difesa (i Poliziotti senza pistola, per dirne una. Mica gli immigrati senza coltello).
Poi se qualcuno ignaro ci lascia le penne, tanto meglio per chi spera che a breve in difesa dell'ordine pubblico al posto dei Carabinieri italiani ci siano multietniche ballerine in tutu.

Anonimo ha detto...

Confuso anonimo 1:02, le posizioni dei grillini sull'immigrazione ricordano più la lega nord o farage che pci e centri sociali. Io non lo vedo affatto come un movimento di sinistra. È chiaro che hanno attinto a tutte le longitudini.

Anonimo ha detto...

Il M5S ha proposto in parlamento la risoluzione che ha eliminato il reato di immigrazione clandestina.

Anonimo ha detto...

Che è come dire che ha proposto di eliminare le frontiere, e quindi lo Stato stesso.
Se è per questo ha votato anche per lo ius soli, che non mi sembra nei programmi di farage, né di alcun politico sano di mente.
Comunque alla prossima rissa ai cie ci mandiamo la boldrini, così ci fa vedere cosa debbono fare gli agenti aggrediti in caso di pericolo.

Anonimo ha detto...

lorenza baroncelli tutti la cercano tutti la vogliono. Andatevi a leggere il cv, e vediamo se capite perché. Intanto si è laureata sullo sviluppo di bogotà, il che riflette perfettamente le prospettive del pd su Roma.
Coi 5 stelle che si sono finti mezzi di destra la sinistra si è accaparrata comunque a mani basse le elezioni.
Questa è l'unica certezza.
Per il resto, peggio del pd e di giachetti che cerca voti tra gli spacciatori e gli occupanti abusivi, non esiste niente, a parte sel.

Anonimo ha detto...

Esistono persone con cultura e capacita' che possono fare la differenza in una citta come Roma. Il problema lo avete solo voi politicanti, Non andate a vedere la professionalita' di una persona ma a quale partito e' iscritto. Questo e' il motivo perche' perderete anche alle politiche, il sistema con il M5S va a casa. Spero tu possa cambiare sistema di valutazione o potresti con il tempo perdere questo straccio di lavoro che hai. Buona fortuna.

Anonimo ha detto...

Come al solito questa discussione fa tristezza: a questo punto meglio i forum di youporn. Gente comptente e con la mano salda

Anonimo ha detto...

Dopo i pupparoli che vorrebbero scavare decine di parcheggi nell'area archeologica più importante del pianeta ecco i tavvaroli.
Sia chiaro, la tav è utile finché le cose vengono fatte bene.
Ma questo è successo qualche anno fa in Toscana
http://www.today.it/ambiente/tav-mugello-sentenza-processo.html

Anonimo ha detto...

Tomaso Montanari: "Virginia Raggi è una ex Previti". Ma lei lo nomina assessore alla cultura

Come può Virginia Raggi nominare un vecchio estremista di Rifondazione assessore all'Urbanistica?

Cari RFS dite che commentate i rumors perché solo questo avete in mano, che la vostra indicazione di voto è per la Raggi, che non bisogna ridare in mano la capitale al PD...MA I VOSTRI TITOLI PARLANO DA SOLI...e i fiumi di parole che ne vengono dopo pure...

Calate la maschera che state facendo la figura di Berlusconi che dice di votare scheda bianca al ballottaggio...

Il Regnicolo ha detto...

Certo Tonelli prima di discutere le idee e le competenza di uno come Montanari studia almeno un decimo di quanto ha studiato lui. Altrimenti sono chiacchiere vagamente diffamatorie. Questa idiosincrasia per i "professoroni" è la stessa di renzi. Anche un altro tanti anni fa ce l'aveva. Erano quelli che parlavano di "culturame" e che dicevano "quando sento parlare di cultura lei metto mano alla pistola". La cultura, caro, si da nelle aule universitarie, non nelle finte gallerie d'arte con somministrazione in cui andare a fare gli aperitivi pensando di essere premi Nobel di urbanistica con le vostre chiacchiere avvinazzate. Tu a uno come montanari non puoi nemmeno legare i lacci delle scarpe. Fattene una ragione.

Anonimo ha detto...

"La cultura, caro, si da nelle aule universitarie."

Nulla da eccepire, peccato che i baroni con il culo arenato nelle loro poltrone universitarie non abbiano assolutamente voglia di applicare le loro idee geniali nella realtà (salvo consulenze onerose quanto inutili).

Dario Pulcini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Dario Pulcini ha detto...

"Attenzione: Paolo Berdini è un urbanista di livello e sicuramente un ottimo professore. Oltre che indubitabilmente una persona pulita, integerrima e onesta. Conosce a menadito la città (e sono in pochi), le norme, i piani regolatori, gli strumenti urbanistici. Ha delle posizioni che condividiamo molto sul trasporto pubblico, sul valore della pedonalità, sulla necessaria lotta alle automobili."
Praticamente ha tutto quello che serve per essere assessore competente. Il resto... Un grande giro mentale che non propone un'alternativa, una proposta. Non ne capisco il senso.

Anonimo ha detto...

Parlate parlate , state tremando popolo di comunisti e finita la pacchia che rubavate a dx e sx,evviva il cambiamento, tutti col Movimento 5��.Raggi SINDACO DI ROMA

Claudio Nesti ha detto...

Ma invece di dire tutte ste scemenze su Berdini non potevi semplicemente suggerire Caudo che sicuramente, come dici tu, è altrettanto competente, ha dimostrato con le assemblee partecipative tenute in tutta Roma trasparenza e disponibilità all'ascolto, ha anche dimostrato più "freschezza" ideologica, se così si può dire, benché, temo, il suo nome sia legato nell'immaginario romano a quello di Marino.... e, a parte la sua personnale disponibilità da verificare, può risultare una scelta incomprensibile per un elettorato di urlatori rabbiosi che, ma non per loro colpa, hanno perso ogni capacita di comprendere o programmare le loro scelte su uno spazio temporale superiore ai dieci quindici minuti..... insomma se avremo Berdini anziché Caudo forse sarà dovuto alla mancata libertà d'azione di un portavoce cinque stelle......

Lucio Monocrom ha detto...

Berdini è una voce fuori dal coro, il suo assessorato sarebbe una delle poche note interessanti in questo paese di morti di sonno. Questa critica è esclusivamente ideologica, è presente una vena nostaglica di certo politicismo che forse 40 anni fa aveva un senso (per me no, ma sono opinioni). Berdini è uno dei pochi romani ad essere realmente antipalazzinari/antimattone/antimafiacapitale. Il resto son chiacchiere e buoni propositi, o si interviene sulla spirale finanza/mattone o si parla a vanvera

Anonimo ha detto...

se la raggi vuole il voto di parecchi romani deve mandare via berdini e tuti quelli come lui di rifondazione comunista,partito che non ha rifondato nulla anzi ha distrutto l'italia. aspettiamo una risposta altrimenti forza a giacchetti

Ulisse Di Bartolomei ha detto...

Libro sulla mia esperienza in una setta mistica, scaricabile gratuitamente. Per i divorziati o lo stanno per fare, anzitutto se con figli, il testo contiene dei preziosi suggerimenti. Vi aiuterà a non farlo, oppure, se proprio dovete, evitare conseguenze "troppo" peggiori.


http://lasindromedelpiccolodio.blogspot.it/

Anonimo ha detto...

Romafaschifo ma avete paura eh? Preferite un designer fru-fru a uno che sa come stopparli i calta. Che sa dove sta lo schifodiroma. La scusa che un comunista non può è una roba che boh. Fa schifo romafaschifo. Grrr ma non toccateci calta.

A Camden resident ha detto...

Per mezzo citare Sandro Pertini "Chi manda l'autore di questo articolo?" Che la nomina di Paolo Berdini scombussola i tanti appolotronati è uno dei fatti più interessanti e promettenti degli ultimi 30 anni. Avanti Paolo !

Anonimo ha detto...

Mr Tonelli cosa dovrei dire, sono cittadino che ha diversa opinione su tutto e ad ogni riga del suo articolo dovrei, se fossi persona civile come Lei, apporre un VABÉ.
Non lo sono civile, e quindi Le dico che Lei è semplicemente un reazionario moderno (se vuole un moderno reazionario). Si contenga anche se la paura della molazza vuota fa 90.

Luciferus ha detto...

Mi sembrano argomentazioni in linea di massima sensate, convincenti e dunque condivisibili, che dire ?"speriamo che me la cavo".

John Nada ha detto...

Ammazza quanti esperti urbanisti su questo sito!

Anonimo ha detto...

Noto una certa acrimonia nei confronti di Berdini, che rischia di essere il più competente tra tutti gli assessori del comune targato 5 stelle. Non capisco poi perché si consideri a priori la sua appartenenza all'area dei Verdi e della sinistra come un certificato di infamia. A volte questo blog non lo capisco...

Dr alan faruk ha detto...

Vuoi comprare un rene o se vuoi vendere il tuo rene ?
Sei alla ricerca di un'opportunità per vendere il tuo rene -prezzo a causa della rottura finanziaria verso il basso e non si sa cosa fare, contattateci e vi offriremo una buona quantità di denaro per il rene. Il mio nome è Dr. Alan un nefrologo allo stato del Delta insegnamento universitario ospedale in Nigeria ( DELSUTH ) .. La nostra chirurgia renale ospedale specializzato e l'indirizzo , inoltre, che l'acquisto di trapianto renale e costituito da un corrispondente donatore. Siamo situati in India, Turchia , Nigeria , Stati Uniti d'America , Malesia e Regno Unito. Se siete interessati ad acquistare o vendere i reni non esitate a contattarci via e-mail . E-mail : alanfaruk@hotmail.com
Siamo in attesa di vostra risposta urgente

Dr alan faruk ha detto...

Vuoi comprare un rene o se vuoi vendere il tuo rene ?
Sei alla ricerca di un'opportunità per vendere il tuo rene -prezzo a causa della rottura finanziaria verso il basso e non si sa cosa fare, contattateci e vi offriremo una buona quantità di denaro per il rene. Il mio nome è Dr. Alan un nefrologo allo stato del Delta insegnamento universitario ospedale in Nigeria ( DELSUTH ) .. La nostra chirurgia renale ospedale specializzato e l'indirizzo , inoltre, che l'acquisto di trapianto renale e costituito da un corrispondente donatore. Siamo situati in India, Turchia , Nigeria , Stati Uniti d'America , Malesia e Regno Unito. Se siete interessati ad acquistare o vendere i reni non esitate a contattarci via e-mail . E-mail : alanfaruk@hotmail.com
Siamo in attesa di vostra risposta urgente

Anonimo ha detto...

"Non si capisce perché la demografia ferma sia negativa".

Si consiglia al signore che ha scritto questa amenità non di informarsi, visto che bisogna averne i mezzi, ma di ricominciare proprio da capo. Qualcuno è disposto a regalargli un abbecedario?

ShareThis