Inaugurata 2 anni fa, oggi un letamaio. Le foto dalla ciclabile di Monte Mario

3 giugno 2016









Quella che in qualsiasi altra città del mondo sarebbe vista come una ricchezza, come un bene da preservare accuratamente e farlo godere ad ogni singolo cittadino, sia per il proprio benessere fisico con la pratica sportiva che come semplice luogo di aggregazione e socializzazione: la pista ciclabile Monte Mario - Monte Ciocci sarebbe il luogo perfetto per tutto ciò e per tante altre cose od iniziative che potrebbero realizzarcisi.
Inaugurata in pompa magna dal Sindaco Marino e dal Presidentino del Municipio XIV  Barletta il 14 giugno 2014, quindi neppure due anni fa, è oggi ridotta ad un letamaio a cielo aperto. Innanzitutto è stata ultimata da RFI e probabilmente mai collaudata da tecnici municipali sebbene abbia avuto una gestazione quasi ventennale, i materiali utilizzati sono quantomeno scadenti, i bagni delle stazioni ferroviarie chiusi o inesistenti, non sono stati previsti bagni chimici o piccole attività di ristoro, quindi sugli oltre 10 km di tracciato andata/ritorno se scappa un bisogno fisiologico ci si arrangia...
La sorveglianza è inesistente, le stazioni in particolare quella Gemelli sono diventate ritrovi di sbandati.
Dulcis in fundo... per il Giubileo doveva essere ultimato il tratto Monte Ciocci-San Pietro, Giubileo del 2025 immaginiamo...
Lettera Firmata

16 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Se ve sente zerocalcare che parlate male degli sbandati...

Anonimo ha detto...

Lettera firmata da uno sbandato

Anonimo ha detto...

Era così bella e utile!
Infatti, troppo per questa città di m.
(come le foto, c'è l'app. pè fa sentì la puzza?)

Anonimo ha detto...

zerocalcare se la prendesse con Welcome To Favelas, loro si che denigrano sbandati, lavoratrici del sesso, minorati mentali, immigrati, omosessuali. e non si prefiggono neanche un secondo fine.

Anonimo ha detto...

bella cagata! accanto alla pista ciclabile vi segnalo anche la presenza di un paesello abusivo di zingari sorto nella riserva naturale del pineto, col solito contorno di mucchi di monnezza e fuocherelli vari. Ma Barletta dice di stare tranquilli, che non fanno niente di male e il fumo non è tossico... l'ha detto davvero, eh? In un'intervista al corriere della sera!

Anonimo ha detto...

Ora non esageriamo, quella pista è comunque un luogo piacevole ove correre e portare i bambini, o anche semplicemente da percorrere per andare da un luogo all'altro della città.
è stato usato del materiale scadente utilizzato per cui in molti punti la pavimentazione si è rovinata.
Il vero problema è quello che c'è intorno alla pista, ovvero i campi rom, gli sbandati che si accampano sotto i tunnel, venditori abusivi e monnezza. ma ci sono varie associazioni di volontari che più volte l'hanno ripulita dalle scritte.

Anonimo ha detto...

Ma dalla pisciacake*
ce salva er Retake?

*(seppur santa di culetto di migrante o di cagnetto che so tanntobbuoni?)

Anonimo ha detto...

no, cacca e piscia li pulisce l'AMA.

Anonimo ha detto...

e una sollecitazione più o meno insistente all'autoingojo per entrambe i frequentatori birichini?

Anonimo ha detto...

Nessuna manutenzione e sorveglianza: il risultato è ovvio e scontato. Bisognerebbe cominciare a discutere di soluzioni alla radice perché è del tutto inutile fotografare mille posti nelle stesse identiche condizioni. Ragioniamo sul perché il Comune non riesce a impiegare alcuni suoi dipendenti (tra le decine di migliaia) per gestire parchi, stazioni, piste, ecc. Secondo me c'è lo zampino dei sindacati...

Anonimo ha detto...

privatizzate tutto e tutti, coi padri de famija a lavora' la situazione ara' sempre questa...

Anonimo ha detto...

la grande rivoluzione che dovrebbe fare il nuovo sindaco è quella di affidare il decoro della città ad un unico soggetto: rifiuti, spazzamento, verde pubblico, graffiti, arredi urbani, fontane, tutto. Quel soggetto dovrà occuparsi di tenere la città a specchio e sarà giudicato dai cittadini (quelli registrati sul portale del Comune, dove poter dare i voti/pagelle nei singoli municipi) e se non lo farà ----> penali. Le tasse le paghiamo e ci siamo rotti il cazzo di vivere nella merda

Anonimo ha detto...

Riguardo i fumi provenienti dagli insediamenti abusivi nel Parco del Pineto:
«Non sono tossici, almeno su questo vorremmo rassicurare i cittadini. La Forestale sta lavorando per debellare definitivamente gli insediamenti»
(cit. Valerio Barletta (PD)- Presidente del XIV Municipio)

Anonimo ha detto...

Anonimo giugno 04, 2016 10:57 AM
Non puoi pretendere che una sola azienda faccia tutto. Ma fare bandi internazionali, uno per settore (verde, buche, rifiuti, decoro, arredo urbano, etc.) con affidamento a lungo termine (così non fanno un mordi e fuggi) con grosse penali mi trova d'accordo al 100%.

Anonimo ha detto...

Il manto della ciclabile si è deteriorato quasi subito, ma la cosa peggiore è che i successivi lavori di sistemazione sono durati anche meno.

Il rifacimento della salita verso la stazione Gemelli si è crepato il giorno dopo e ora quel tratto di ciclabile è letteramente sterrato.

Insomma, coerenti sino in fondo, e, ovviamente, mai una volta che gli autori materiali di tali scempi siano chiamato a rispondere dagli amministratori pubblici.

xjd7410@gmail.com ha detto...

canada goose coats
kate spade handbags
louis vuitton
abercrombie and fitch
cheap jordan shoes
canada goose jackets
michael kors outlet
nike tn pas cher
fake watches
michael kors outlet
michael kors outlet clearance
oakley sunglasses outlet
air jordans
north face outlet
toms sale
coach outlet store online clearances
authentic louis vuitton handbags
rolex watches
michael kors outlet
timberland outlet
coach outlet
louis vuitton uk
air jordans
cheap ray ban sunglasses
asics shoes
hollister outlet
adidas yeezy
jordan 3 white cenment
christian louboutin outlet
chenyingying20160810

ShareThis