Esclusiva Atac. Per la sicurezza si sperimenta a Jonio la videosorveglianza da telefonino

8 maggio 2016

Ogni giorno, ogni santo giorno. Quando entri nella stazione di Jonio hai due opzioni: una è che non incontrerai nessun vigilante e l'altra è che se lo incontrerai sarà chino sul suo telefono. Sempre. Provate anche voi, andateci. (Anche se, può essere, le cose potrebbero cambiare dopo la pubblicazione di questo post a seconda del successo che avrà).

La stazione Jonio, come tutto il tratto della B1, non ha ancora la copertura del segnale telefonico e quindi, se vuoi usare il telefonino, devi metterti all'ingresso ecco perché, a farsi i ca**i suoi pagato da noi, non sta nel suo box. E infatti lui, se c'è, lo trovi sempre lì.
Iniziamo a dubitare che sappia dove siano le banchine e che ci sia mai stato. Ripetiamo, se è presente il vigilante, sempre il solito, lo trovi all'ingresso con la testa conficcata nello smarthphone ed è impossibile trovarlo da un'altra parte. In mesi e mesi di pendolarismo mai visto in una posizione diversa. Mai. Gli è venuta una gobba che la metà basta.

Ora il classico romanaro obietterà a queste foto (frutto di una selezione e tutte scattate in giorni diversi) in tanti modi e ne elenchiamo alcuni così vediamo se la strategia di prevenire tanti commenti imbecilli funziona.

"Ahó e fatte li ca**i tua" - Ci sta sempre bene.
"Evvabbè sta n'attimo in pausa, te 'nce vai mai?" - Sarà una pausa eterna...
"Te sei messo là tutto er giorno ad aspettà che pija er telefono 'nattimo pè sentì a madre che sta passa 'nbrutto momento che nun poi capì" - Ripetiamo, andate voi e vedete con i vostri occhi. Non servono appostamenti, andate semplicemente a prendere la metro. Andate però eh.
"Quello è 'npadre de famija 'o stai a rovinà 'nfame" - Variante mafiosa del "Ahó e fatte li ca**i tua". I padri di famiglia veramente rovinati sono i lavoratori seri e onesti che stanno a casa disoccupati perché i posti sono presi da questi personaggi...
"I #problemisoartri" - Eh no, i problemi sono proprio questi. Tra l'altro con Giubileo e allerta terroristica.
"Ma te a lavoro er telefonino nun lo guardi mai? Te vorrei vedè" - Tutti lo guardiamo, ma magari facciamo un lavoro un filino diverso. E non siamo armati. E non dobbiamo garantire la sicurezza di migliaia di persone al giorno.
"Voi nun ve rendete conto de che lavoro è fa er vigilante" - Sì indubbiamente chi il lavoro non ce l'ha (45% dei giovani in città) non può capire. Lo chiediamo a loro? Gli facciamo fare cambio?
"Fa er vigilante tutto er giorno ne a metro è 'nlavoro assurdo ne vedeno de tutti i colori e piano du sordi" - Si può sempre cambiare mestiere. Magari uno dove puoi guardare il telefonino tutto il giorno. No?

Aggiungete voi altre splendide affermazioni per difendere l'indifendibile.
Speriamo coprano presto la stazione con il segnale telefonico così il nostro caro vigilante potrà chiudersi nel box con il suo amato telefonino e proteggerci da lì. Almeno evitiamo di farci rodere il fegato ogni volta che prendiamo la metropolitana...
Paolo

*Caro Paolo,
Leggendo il tuo racconto (e avendo verificato di persona) la prima teazione è stata: "cose che facilmente succedono quando le gare, come quella per la vigilanza, vengono assegnate come sappiamo". E invece no, non può essere così. E allora abbiamo trovato un'altra spiegazione senz'altro più plausibile: Atac sta sperimentando a Jonio un nuovissimo sistema di videosorveglianza gestito in remoto tramite smartphone. Una roba all'avanguardia della scienza e della tecnica. Non pensare male: quello che appare come l'ennesimo lavativo tipico romanaretto che passa la giornata a smanettare cagate sul telefonino in realtà è un infaticabile lavoratore.
-RFS

87 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Er padre de famija... che schifo.

Anonimo ha detto...

Mi spiace generalizzare, ma su questo argomento devo farlo: è così in tutte le stazioni, anche a Termini dove non hai neanche la scusa del momento "morto".

Anonimo ha detto...

manca: "aò nun è de mia competenzzza!!"

Anonimo ha detto...

manca anche " se nun eee sabete e cosee non giudigadeeeee!"

Diego ha detto...

ma come, non bisognava appaltare tutto ai privati?... Che i privati avrebbero gestito tutto meglio?...Che bisogna far fallire tutte le aziende pubbliche per appaltare i servizi ai privati?...Cosi' risparmiavamo (!!) e avremmo avuto servizi più efficienti (!!!!!!) ?
Non capisco.

Anonimo ha detto...

Spiegalo a Bat.

Anonimo ha detto...

Il problema di Roma e' che anche l'ultimo operatore ecologico o autista di ATAC si crede un piacione figo della madonna.

Puo' uno convinto di essere un figaccione lavorare bene come spazzino, guardia giurata o vigile urbano ? Certo che no, ecco perche' non funziona una mazza a Roma; i servizi di base sono affidati a persone che hanno una visione distorta della realta' e di se stessi e per sfuggire alla loro mediocre condizione o si danno uccel di bosco (vedi assenteismo) o se vanno a lavorare lavorano malissimo o piu' semplicemente cercano di fa passare il piu' velocemente le 8 ore non facendo un'emerita mazza (vedesi foto dell'articolo).

Anonimo ha detto...

Caro Diego, essendo il tizio un dipendente privato basterà rivolgersi ad un'altra azienda più efficiente la prossima volta (immagino a cominciare da domani, se avessimo degli amministratori pubblici interessati alla sicurezza delle metro). La bellezza del libero mercato è proprio la meritocrazia: se non funzioni, vai a casa!

Diego ha detto...

si certo rivolgiamoci a un altro...privatiziamo l'atac...privatiziamo l'ama, diamole in gestione agli amici degli amici, tanto se si crea un disastro e si decuplicano i costi l'anno dopo dismettiamo tutto di nuovo e le diamo in gestione ad altri amici degli amici e cosi'via... con grande risparmio per i cittadini e grande miglioramento dell'efficienza...è la belleza del liberismo de noantri.

Anonimo ha detto...

In ogni pubblica amministrazione l'ente non esaurisce la sua attività appaltando un servizio, ma deve controllare il regolare adempimento per tutta la durata del contratto, risolvendo se del caso il rapporto è applicando le penali. Quindi, pur biasimando il comportamento del vigilante, anche in questo caso la responsabilità primaria è dell'amministrazione che paga con i nostri soldi un servizio reso in questo modo.

Anonimo ha detto...

Secondo me non deve essere il dirigente pubblico ad affidare gli appalti (amici degli amici o meno), mi pare piuttosto evidente. Deve essere un bando aperto a tutti in competizione tra loro.

Anonimo ha detto...

Ahoooo, a me che lavoro ner privato er gabo me frusta la schina se arzo l'occhi ahooooo...questi so' gente fortunata, famoje le fotooooo..e denunciamoli. Devono esse trattati cone mio schiavi moderni ghe bagamo e''ddasseeeee...

Anonimo ha detto...

Soldiarietà con l'addetto messo alla berlina ingiustamente. Per il terrorismo (che cmq non c'è) vi sono i soldati. Quanto a "vigilare" Jonio non è Termini e non vi è necessità di stare sempre sul chi vive. Lui sta lì per ricevere anche segnalazioni dall'utenza..ma se non vi è nessuno che deve fare?

Anonimo ha detto...

Sull'inutilità di queste figure si è opportunamente espresso - incredibile dictu - marino, probabilmente perché il circuito giudiziariamente ambiguo della vigilanza è stato collocato nei trasporti da alemanno.
Che i vigilanti non possano fare nulla, è vero. Hanno legato le mani alla polizia, figuriamoci a loro.
Che non abbiano voglia di fare nulla, è altrettanto vero: provate a chiedere di intervenire contro i suonatori ambulanti, per esempio, magari solo chiamando i vigili.

Anonimo ha detto...

Il vigilante telefonante costituisce l'ennesima prova di quale eccelse prestazioni fornisca il privato.
Lo ringraziamo per la testimonianza.

Anonimo ha detto...

Se il vigilante fotografato fosse un dipendente pubblico rimarrebbe a fare il suo lavoro a vita nonostante la scarsa efficacia e professionalità. Invece, al massimo entro la fine dell'anno, quel tizio si troverà a vendere arance al mercato.

Anonimo ha detto...

Li mettono anche a vigilare nei laboratori di manutenzione ruote e rotaie; per dire quanto è un marchettone alla ditta CAMPANA.
E per pagare marchettoni come questo, si levano i soldi alle forze dell'ordine, che magari sono un po' più funzionali alla sicurezza.

Anonimo ha detto...

Nessuno ha mai licenziato un dipendente privato per la sua inefficienza o per assenteismo. Succede solo ai dipendenti pubblici. I vigilanti privati hanno l'unica funzione di giustificare l'appaltone marchettaro alla ditta.
Piuttosto, rischiano il licenziamento se fanno qualcosa di utile, per esempio allontanare gli zingari casamonicati, che sono contigui un po' a tutto.
Al massimo lo imboscheranno in ufficio. e comunque alla fine stava solo al telefono, il problema è a monte.

Anonimo ha detto...

A Parigi nei convogli metro girano poliziotti veri a gruppi di tre , coi canini insanguinati, erculei, tirati da molossi antidroga.
Spesa extra per lo stato: nulla.
Efficienza: massima.

Anonimo ha detto...

certo, succede davvero solo a roma,

http://corrieredelveneto.corriere.it/veneto/notizie/cronaca/2016/7-maggio-2016/autista-che-guida-chattando-mentre-trasporta-50-studenti-premio-sicurezza-stradale-240398775686.shtml

beati voi che vi accontentate di queste idiozie.

Anonimo ha detto...

anonimo delle 1,32, se a quello gli dici guardi che giù sta succedendo che stanno scippando/rubando o una qualsiasi altra cosa, sa quale sarà la scontatissima risposta? abbiamo le mani legate. allora io le dico con tutto il cuore, ma vaffanculo caro anonimo delle 1,32!!! senza le mani legate!!!

Anonimo ha detto...

Caro anonimo delle 3.17, noto la disinvoltura e la noncuranza con la quale lei usa la metafora dell'andare e prenderlo in culo. Evidentemente nella sua famiglia è una peocedura consolidata. Sono felice per lei, per sua moglie e per l'idraulico.....

Diego ha detto...

@ anonimo libbberista de noantri

l'anno prossimo sarà sostituito? Certo, infatti sono 20 anni che vediamo i vigilantes privati farsi i cazzi propri nella metro di Roma coi soldi della collettività...tutti prontamente sostituiti...

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Caro Diego, colui che dovrebbe sostituirlo (cioè il dirigente ATAC) è un dipendente pubblico. Come vedi il mercato non è ancora libero, bensì nelle salde mani degli uomini dello Stato. Se ATAC fosse un'azienda privata e il suo proprietario perdesse dei soldi ogni giorno che passa, vedresti come sarebbe efficiente! Invece dobbiamo pagare noi con le nostre tasse: cosa vuoi che importi al dirigente ATAC se il vigilante lavora oppure no?

Diego ha detto...

ma vaneggi? Chi è che puo' appaltare ad un privato un servizio pubblico se non dei pubblici dirigenti? Ovvero i partiti che sono sempre dietro ai pubblici dirigenti? Forse ti sfugge che i servizi pubblici sono SEMPRE e IN OGNI CASO finanziati da soldi pubblici.
Un privato che vince un appalto campa di soldi pubblici...è chiaro?...Che il servizio funzioni o meno se ne strasbatte, per altro di solito si parla delle solite cooperative che hanno ramificazioni in tutta Italia, se per disgrazia perdono un appalto da una parte ne vincono un altro da un altra parte e continuano a lucrare...
La strategia che i partiti politici hanno assunto in questi ultimi anni è chiara: far di tutto per depotenziare la gestione pubblica dei servizi essenziali in modo da regalare la torta agli amici...e lucrarci bene, COI SOLDI PUBBLICI! Ripeto: COI SOLDI PUBBLCI.

Anonimo ha detto...

Incredibile! Allora esiste ancora qualcuno che non abbocca alle minchiate del "privatizziamo tutto". Sono stupefatto. Se al posto della povera guardia privata ci fosse un dipendente statale tipo un Carabiniere (ricordiamo che il Carabiniere è ben pagato, col posto sicuro, con la pensione garantita, addestrato e dotato dei poteri necessari ad espletare il servizio), le casse pubbliche ne guadagnerebbero e l'efficienza del servizio anche.

Anonimo ha detto...

Caro Diego, vedo che cominci ad arrivare al punto: un servizio pubblico sarà sempre gestito da impiegati pubblici che a loro volta sono controllati dai partiti. Hai perfettamente colto il punto. Questa situazione la risolvi tagliando ogni legame tra il servizio di trasporto e l'apparato pubblico. ATAC deve essere gestita da un privato che se ne assume i rischi d'impresa e i guadagni, senza un briciolino di soldi pubblici. Solo così puoi combattere sia la corruzione e che l'inefficienza.

Anonimo ha detto...

Ma di che parla quest'uomo? Stiamo parlando di un servizio pubblico, e lui parla di linee private.
Ben vengano. Ma come Italo. Che c'entrano con un servizio che deve funzionare a prescindere dagli introiti? Quale privato in quale parte dell'universo si accolla una rete pubblica che comprende tratte notturne e sottocarico che non garantiscono alcun introito?
Si chiama servizio pubblico proprio perché copre una necessità, non sindacabile alle condizioni dei bilanci privati.

Anonimo ha detto...

esatto dici bene il servizio DEVE funzionare, nel privato funziona SOLO con gli introiti.

Anonimo ha detto...

L'efficienza si garantisce eliminando ogni possibilità di gestire appalti privati e internalizzando il personale, di modo che ogni danno eventuale abbia un responsabile legalmente riconosciuto, come ogni spesa extra, come ogni disservizio.
E ogni attività faccia capo a un funzionario normalmente stipendiato, non a dirigenti di nomina politica pluriretribuito, di quelli che a oggi si trascinano dietro clientele e le ditte da foraggio.

Anonimo ha detto...

inoltre anche se il servizio è in mano a una municipalizzata PUBBLICA, i buchi di bilancio li paghi sempre tu con le tue tasse, ecco perchè sarebbe meglio che il servizio venga privatizzato.

Anonimo ha detto...

Meno cambi di vetture (quanti favori a breda romania...), più personale assunto con concorso, nessun cda né dirigenti di nomina.
Più pattini (no, scherzo).
Commissariati e caserme interni alle stazioni.
E il caso è risolto.

Anonimo ha detto...

Va bene, proponi alla astaldi di prendere in carico le linee metro e atac senza alcun contributo pubblico: vedrai che fugone.

Anonimo ha detto...

Un servizio che deve funzionare a prescindere dagli introiti è un servizio che sarà per forza di cose inefficiente (non c'è responsabilità diretta e nessuno ci perde soldi suoi), corrotto (clientelismo, appalti truccati, ecc) e in perdita. Per quale ragione deve esistere un servizio di questo genere? Per garantire le corse sotto carico in periferia e le tratte notturne che sono già gestite da Roma TPL?

Diego ha detto...

Anonimo libberista de noantri

mi sa che tu vivi un po' fuori dal mondo reale.
Nessun servizio di trasporto pubblico urbano al mondo puo' stare in piedi col solo introito dei biglietti se non tagliando la maggior parte delle linee, ovvero cessando di essere un vero trasporto pubblico! Questo perché il trasporto pubblico deve assicurare la copertura di tutto il territorio cittadino, possibilmente in tutte le fascie orarie.
L'alternativa di abolire il trasporto pubblico in nome del "libbberismo" ci porta dritti alla situazione dei paesi del terzo mondo, dove in effetti non esistono i trasporti pubblici, dove ci si sposta con autobus privati che ovviamente coprono solo una piccola parte del territorio, quella dove possono fare utili con la vendita di molti biglietti...se vuoi andare da un altra parte devi arrangiarti da solo, a piedi, coi taxi, con l'autostop...questo avviene nel terzo mondo e questo è il modello che, mi pare, tu stia proponendo...
Siccome io ritengo, invece, che Roma e l'Italia meritino di restare nel mondo evoluto dell'occidente penso che, come in tutti gli altri paesi occidentali, LO STATO debba intervenire con le risorse adeguate per garantire l'adeguata copertura del territorio attraverso il trasporto pubblico, e siccome lo Stato ci deve mettere necessariamente i soldi, è bene che gli interessi privati stiano adeguatamente alla larga, per i motivi già spiegati sopra.

Anonimo ha detto...

Tranquillo che se metro c non fosse un'imperdibile occasione per rubare centinaia di milioni fino alla fine dei tempi, l'appalto sarebbe andato disertato.

Anonimo ha detto...

Comunque, la Polizia si deve far menare dagli schifosi dei centri sociali, il Vigilante tipo sul contratto si vincola a subire la sevizia protratta da parte del primo senegalese che passa.
Nessuno vuole che facciano altro che firmare un contratto che insieme agli altri contratti garantisce all'azienda un fracco di denaro pubblico.
Senza disturbare scippatori, questuanti, venditori abusivi e spacciatori.

Anonimo ha detto...

@10.39pm
ti posso fare vari esempi di trasporti pubblici privatizzati che riescono a garantire un servizio efficiente e avere un profitto positivo: singapore e hong kong per esempio ma anche londra.

Se però vuoi difendere un servizio di trasporti da dopoguerra fai pure, infondo immagino che a te vada bene pagare tasse da norvegia per serivizi da ethiopia come ti andrà anche bene avere stipendi da sud-america e spese previdenziali svedesi.

Anonimo ha detto...

Per esempio le ferrovie federali svizzere sono pubbliche (come la s-bahn di Zurigo), una corsa singola costa almeno 4 franchi, trovi sempre il controllore e i treni arrivano in orario.

Pensate che si potrebbe mai fare a roma una cosa del genere?

Anonimo ha detto...

Ma davvero il TROLL è riuscito a portare un post sull'assoluta inutilità della vigilanza affidata con appalti truffa al discorso "Pubblico Vs Privato"?

Anonimo ha detto...

Furbissimo.
Lo stipendio minimo del più straccione degli part time, in Svizzera è di 4000 franchi.
In proporzione a al rapporto stipendi/biglietto a Roma, il trasporto pubblico in Svizzera è regalato.

Anonimo ha detto...

Lo vedi che non ci arrivate proprio, tanto se poi tutto il sistema di trasporti ha un costo uguale a quello svizzero/londinese/madrilegno, il contribuente lo paga ugualmente.

Ma poi chissà perchè in svizzera hanno gli stipendi così alti, sarà che non c'è il sistema previdenziale cattocomunista che abbiamo noi (con annessi buchi di bilancio, quelli si cattocomunisti al quadrato).

Diego ha detto...

Si certo Londra...dove per comprare un biglietto devi accendere un mutuo in banca...geniale, grande risparmio per la collettività e per gli utenti, l'economia 2.0.

Anonimo ha detto...

Papponi e magnaccia di pd e pdl, con condanne e responsabilità giudiziarie gravi e accertate, fanno la ola per l'avviso di garanzia al sindaco m5s di Livorno, quasi inevitabile peraltro, vista la complessità del locale caso rifiuti.
Ridicole peripatetiche, roba da votare 5 stelle tutta la vita, vediamo quanto ole fate, voi e clientes, col procedere delle indagini eni e affini.
Garantisti solo coi briganti verificati.

Anonimo ha detto...

non ci arrivate, ci rinuncio.

Il biglietto costa di piu, ma lo paghi solo nel momento che USI LA METRO.

a Roma il biglietto costa di meno, ma con le tasse paghi tutto il resto (circa 6€ per km) piu tutto il buco da 2 miliardi.

ecco che londra ti diventa piu economica....

(ma almeno l'atac li facesse comprare i biglietti)

Anonimo ha detto...

In Svizzera col cacchio che sono entrati in europa,se non per fare riciclaggio, e col cacchio che mantengono cumuli di africani e zingari.
E col cavolo che stringono accordi con Abdullah o ming-chao per farsi invadere.

Anonimo ha detto...

Sei tu che non ci arrivi. In proporzione ai loro salari hanno dei servizi molto più economici dei nostri. E perché hanno stipendi alti e servizi eccellenti? Perchè offrono sponde ampie e sabbiose alle mafie d'ogni pizzo, ma loro la mafia vatican-petrolifero-cementifero -migratoria non ce l'hanno.

Anonimo ha detto...

Mentre noi abbiamo imprenditori che tengono prolusioni con titoli come questi: "La mia Patria si chiama Multinazionale", e le tengono alle Accademie Militari, tanto per chiarire al futuro esercito al servizio di chi veramente si indossa la divisa.

Anonimo ha detto...

si va bene, gli altri sono meglio perchè "da noi nse poh!"

state bene così.

In altri posti riescono a far atterrare i razzi vettori sulle piattaforme nell'oceano. Noi non riusciamo a tappare le buche.

Anonimo ha detto...

Non è che non si può, è che la media della popolazione è questa:
https://www.youtube.com/watch?v=PIme2Wz5V1Q

Diego ha detto...

affermazioni superficiali e demagogiche, la spesa in carico alla fiscalità generale per coprire il disavanzo dell'atac, per quanto importante e vissuta come "ingiusta", se divisa pro capite è ben poca cosa rispetto all'impatto devastante che nel corso di un anno puo' avere un biglietto di metro a 5 euro ! Ed infatti il caso di Londra è un caso sporadico, è un eccezione, non è la regola, nel mondo occidentale i servizi di trasporto sono gestiti da enti pubblici nella stragrande maggioranza dei casi, proprio per i motivi sopra elencati.
Tra l'altro il modello londinese, rendendo particolrmente onerosa la mobilità ha favorito l'emergenza di mostruosi quartieri ghetto intorno alla città...un disastro.

Anonimo ha detto...

Perfetto, é così, vi sono degli esecutori contrattuali dell'amministrazione pubblica che devono verificare il corretto svolgimento di tutti i punti del contratto, ove vi fossero mancanze applicare penali e poi vedi come la società privata cambia al volo il proprio dipendente.

Anonimo ha detto...

Basta, ho deciso. Mi schiero con Fassina, un uomo dalla competenza inimitabile e dall'acume impareggiabile.

Anonimo ha detto...

Eh si diego. Un disastro Londra, non funziona un cazzo lì.

Ma come se fa....

Anonimo ha detto...

L'ondra? Un postaccio, credete a me.

Anonimo ha detto...

Romani!

bat21 ha detto...

Mi sono perso questa "bellissima" discussione vedo. Per Diego e quelli come lui e' normale avere aziende che invece di fare trasporto pubblico sono immensi ammortizzatori sociali a carico di coloro che tirano la carretta (nel caso di Roma i settori produttivi settentrionali). Bisogna essere ciechi ideologicamente per non vedere questa cosa. Privatizzazione e ricarico del costo dei biglietti sull utenza (con la riduzione del peso fiscale sulla collettività, non eliminazione che l'impossibile e' una strada obbligata non opzionale). Ma tanto siamo in due gatti ad augurarci questo in Italia, temo che sarà la Troika ad imporcelo. Detto questo ieri ho visto ad Omnibus un economista che ha dimostrato come Roma sia totalmente dipendente dalla spesa pubblica (ricordi la nostra querelle sul residuo fiscale caro Diego). La città di Roma esporta meno di Vicenza che ha tanti abitanti di due quartieri di Roma e sul pil meno di Napoli! Vorrei proprio sapere il residuo ma mi sa che ha ragione l amico Ricolfi: Roma PEGGIORA il Lazio col suo residuo negativo.

bat21 ha detto...

Infatti quando si ha il prosciutto ideologico sugli occhi...chissà come mai ci sono schiere di giovani che per affermarsi vanno a Londra! Li non c'è un Atac o un Ama che ti assume per conoscenza politico clientelare! Ma che mistero. Londra ha un residuo fiscale del 4% pensa quanto sono dementi danno allo stato più di quanto gli rientri! Speriamo che adottino subito le politiche meridionali di Roma rifacendo pubbliche tutte le società di trasporto e assumendo migliaia di persone su suggerimento della politica! Questa e' civiltà!

bat21 ha detto...

A proposito una puntura di spillo di Giuricin http://formiche.net/2016/03/26/numeri-atac-roma/ alla Raggi. Domandone ma se Nogarin collega della Raggi ha fatto "stabilizzare" 33 precari Nell Ama livornese alla canna del gas, quanti ne vorrà cazzare in Atac la Raggi sempre alla canna del gas con le dovute proporzioni? 3000?

Anonimo ha detto...

Che manica di buffoni e vaiiiiiiii alla politica si doveva arrivare������������

Anonimo ha detto...

ANCORA CON LA STORIA CHE LE GUARDIE GIURATE STANNO LÌ PER LA SICUREZZA? SONO INCARICATI DI PUBBLICO SERVIZIO NON PUBBLICI UFFICIALI. SONO INQUADRATI COME OPERAI GENERICI E HANNO IL COMPITO DI VIGILARE ESCLUSIVAMENTE SUI BENI MOBILI ED IMMOBILI DELL'AZIENDA PER CUI PRESTANO SERVIZIO. NON POSSONO EFFETTUARE ARRESTI SE NON COME PRIVATI CITTADINI (OVVERO COME TUTTI I LEONI DI QUESTO FORUM)... QUALCUNO SCRIVE SUL MURO? IN ITALIA LA SICUREZZA È AFFIDATA ESCLUSIVAMENTE ALLE FORZE DI POLIZIA. NON VI STA BENE? CAMBIATE LA LEGGE E CAMBIATE IL LORO STATUS GIURIDICO

Anonimo ha detto...

Anonimo 10:31 AM: Quindi se ti entra un... ANZI TE LO SCRIVO IN CAPS LOCK COSI LO CAPISCI MEGLIO
QUINDI SE TI ENTRA UN TERRORISTA O UNO SQUILIBRATO IMBRACCIANDO UN MITRA E TU "GUARDIA" GIURATA SEI ALLE PRESE CON TINDER E CANDYCRUSH E MANCO TE NE ACCORGI (MAGARI FAI UNA CHIAMATA AL 113 CHE DICI, RIENTRA FRA LE TUE COMPETENZE?) PER TE E' TUTTO REGOLARE DOTTO'.
AAAAANNAMO BENE.

Anonimo ha detto...

ma una telecamera nn costerebbe meno e farebbe meglio quel tipo di lavoro?

Anonimo ha detto...

telecamera??? E A PRAIVASI????
E poi chi ci metti a monitorare le attivita' dele telecamere? Gente con "le mani legate" (si, LE MANI LEGATE ALLO SMARTFON HAHAHANNUGAUGFDNSADUF) barricata in un gabbiotto bunker dove le proiezioni di Divx si susseguono inarrestabili; ca va sans dir il gabbiotto medesimo e' oscurato da poster per ragioni di PRAIVASI.

Anonimo ha detto...

Complimenti x le risposte demenziali, inutili e cafoni........

Anonimo ha detto...

caro dotto', la forma delle risposte sara' anche dissacrante e "inappropriata" ma i punti sollevati non fanno una piega.

Anonimo ha detto...

A domanda stupida, si ha una risposta stupida.

Anonimo ha detto...

Io dico che vorrei vedere che lavoro fa sto figlio de na mignotta senza salva la madre,lo vorrei ripia' con il telefonino pure io sta merda scommetto che uscirebbere un sacco di merda ,co sti telefoni so tutti froci co il culo dell'altri soggetto.

Anonimo ha detto...

Per 10.56 Se entra un terrorista ha lo stesso obbligo di chiamare il 113 come lo hai tu, o qualsiasi altro cittadino... Ovvero NESSUN OBBLIGO. Lui ha il sacrosanto diritto di scappare e mettersi al riparo come faresti tu in quanto non sussiste, per il privato cittadino, né l'obbligo di denuncia ne di intervenire. Per la legge italiana l'obbligo di denuncia per il privato cittadino esiste solo per i delitti riguardanti l'incolumità delle personalità dello Stato. Prima di aprire bocca e dare fiato dovresti sapere di cosa stai parlando o rischi delle epocali figure di merd@... Ribadisco il concetto attaccare le G.P.G. facendo leva sulla "sicurezza" è meschino e demagogico.

Anonimo ha detto...

Non fate paragoni con la Svizzera! Il mio amico " frontaliero" cioè che lavora in svizzera ma abita in italia è stato mandato a casa con in regalo un bell'orologio d'oro per gli anni lavorati con dedizione SAPETE PERCHE? SEMPLICE UNO SVIZZERO DOVEVA LAVORARE AL SUO POSTO!
Quando faremo una legge in italia in questi termini potremo fare anche i paragoni.

Anonimo ha detto...

vedi, cosi' non va bene caro dotto'. Perche' non facciamo le cose semplici e dotiamo di mansioni chiare gli addetti alla sicurezza nelle stazioni? Perche' se io vado a Londra e mi metto a fare il coglione nella metropolitana mi ci ritrovo una decina di casacche gialle addosso (fotte sega se sono Police o chicchessia, non vanno per il sottile li) e qua ci mettiamo a fare capziosi distinguo? Che in avvocatese tutto cio' avra' pure un senso, ma che senso ha pagare dei poveracci per stare in una stazione a non fare un cazzo tutto il giorno? Ancora dobbiamo capire in cosa consiste il loro lavoro, qual'e' l'applicazione pratica della loro vigilanza sui beni in questione? Mica s'e' capito. E' evidente che e' un discorso tutto da buttare giu' e ricostruire da zero a partire dalle esigenze concrete degli utenti delle stazioni della metropolitana.
che poi tutta sta manfrina per difendere due fannulloni dotati di smartfon ce la potevamo pure risparmiare.

Anonimo ha detto...

Perché non vi rassegnate al fatto che viviamo tutti nel paese di pulcinella? Sarebbe più facile.

Anonimo ha detto...

Paolo ti stimo....PS anche io prendo la metro a ionio tutti i giorni ma sono sempre incazzata che ha tempi di attesa lunghissimi e il vigilantes non l avevo considerato......

Anonimo ha detto...

Un commento sensato finalmente

Diego ha detto...

Tra l'altro il paragone con Londra è campato in aria, li' ci sono 11 linee di metro! Una linea di metro è sempre remunerativa per un privato e forse puo' essere gestita da questo senza contributi pubblici, al prezzo di biglietti stratosferici che creano squilibri sociali devastanti in quella città, ma comunque nulla di tutto questo è sarebbe possibile a Roma dove la rete metropolitana è limitatissima e dove il trasporto pubblico è prevalentemente di superfice. In un contesto del genere, abolire i trasporti pubblici e affidarsi a compagnie private significherebbe esattamente quello che ho già detto: andare verso il terzo mondo...con la maggior parte delle linee di autobus abolite perché non remunerative e con la gente che per spostarsi deve contare solo su se stessa, andare a piedi o fare l'autostop. Il terzo mondo appunto.
E d'altra parte ripeto: se nella stragrande maggioranza delle città dell'occidente, Madrid, Londra, Parigi, Berlino, Budapest ecc.ecc.ecc. esistono le compagnie pubbliche di trasporto, un motivo ci sarà si o no?? Cazzo! Qui Siamo proprio di fronte ai paraocchi di chi si è bevuto in pieno la sbornia ultraliberista degli anni 90, io ero fra quelli...e per questo mi fate un po' tenerezza.

Anonimo ha detto...

Paolo Grazie per il book ennesimo leone da tastiera

Anonimo ha detto...

hahahahah Ma quale leone da tastiera ... è un vigliacco cacasotto

Anonimo ha detto...

"la maggior parte delle linee di autobus abolite perché non remunerative e con la gente che per spostarsi deve contare solo su se stessa, andare a piedi o fare l'autostop"

a diego, ma com'è che in Svizzera riescono a farsi tranquillamente 2-3 km in bici nonostante i dislivelli alpini?

saranno i colli di Roma che portano al fancazzismo atavico? o siamo piu furbi noi che prendiamo la macchina pure per andare al bar?

i paraocchi ce li hai tu.

Anonimo ha detto...

Lo sai quale il problema che sto pezzo di me..... E non lo scrivo perché sono educato sicuramente ha avuto un problema con il vigilantes e ora gli vuole far pagare con foto infamanti perché sicuramente non hai un cazzo da fare che fotografare la gente.. Perche oltre tutto non si e mai allontanato dal posto di lavoro se notate bene invece di parlare a vanvera... Poi se succede qualcosa sono anche collegati con la centrale quello che non sapete gente ignorante...

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Grandi esperti di intelligence.......ma fatela finita. Sto Cristo si trova sul posto di lavoro e ripeto posto di lavoro non al bar o al supermercato. Fate i seri x cortesia. .......E non i poracci

Anonimo ha detto...

Provi ad immaginare, chiunque scrive qui ,di andare a fare servizio In metro. ti metti dietro i tornelli come prescrive atac. Ti viene chiesto di controllare tutto e tutti. Tu lo fai, litighi, prendi zingari,borseggiatori, ma ti accorgi che ad ogni intervento rischi denunce penali, perché a nessuno interessa darti una qualifica. E provi ad immaginare il fotografo che ha fatto questo book ( neanche la GPG fosse un modello) che ATAC per operare ti dia uno smartphone.....

Anonimo ha detto...

Ho sempre seguito su Facebook questa pagina ma in questo caso la cosa che mi ha lasciato da pensare e' l'accanimento gratuito verso queste persone palese che sono due diverse e non una in quanto persone fisiche. Il parlare di p.azz Bologna, del cretino che posteggia sul marciapiede, delle bancarelle di giardinetti ma questo accanimento gratuiti to inutile che raccoglie per lo piu'commenti di persone ignoranti e cattiva mi lascia veramente l'amaro in bocca mi fa spazio il sig. Direttore o il giornalista che ha scritto l'articolo. Direi che la qualita'di questa pag . E' decisamente celata. ROMA FA SCHIFO x mille motivi diversi ben ben piu' seri

Anonimo ha detto...

Non e'colpa sua se er telefonino nun pja. D'altra parte le gnocche sulle chat stanno.
Come vedete non e' solo er politico che rubbbba, anche il cittadino.

Anonimo ha detto...

Faccio i coplimenti anche io e chi si occupa di non verificare questi commenti. Il sito potrebbe forse riuscire meglio se qualcuno controllasse i commenti veramente demenziali che si leggono. Cacchio giorno fa ho visto un articolo di un piccione che mangia la pizza all' interno di una pizzeria. Rubba rubba ma chi rubba? Ma fatela finita

Jian Zhuo ha detto...

burberry outlet online
canada goose outlet
ralph lauren uk
dolce and gabbana outlet online
christian louboutin uk
coach factory outlet online
coach factory outlet online
salvatore ferragamo shoes
tory burch sale
chaussure louboutin pas cher
20161121

ShareThis