20 mesi per me, posson bastare. Fotostoria di Francesco, scappato da questa città dopo un anno e mezzo

27 ottobre 2012
















20 mesi mi sono bastati per sempre! La capitale messa peggio in Europa! Sporca, incivile, invivibile!
Ecco alcune foto. Continuate così! Vediamo se qualcuno si sveglia...
Francesco

15 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Io ho resistito 29 mesi. Ti capisco molto bene.
Giulio

S.B. ha detto...

io 7 anni e poi sono scoppiato e ora mi rendo conto che Roma non è una città e la vita fuori Roma è molto più umana.

Anonimo ha detto...

PURA CACCA

Anonimo ha detto...

Che MERDA di città. Senza parole e senza scuse. A calci in culo via sta gentaccia che non ha saputo amministrare Roma.

Anonimo ha detto...

Come non capirti, sono quasi a 120 mesi di Roma. Ogni giorno si ha a che fare con straffotenza e inciviltà che cresce a livelli esponenziali, circondati dagli zingari in una pseudo capitale dove tutto TUTTO è marcio. Andiamocene... lasciamo lo sfacelo alle maghine dei romani de roma, loro sembrano apprezzare questo strano habitat

Anonimo ha detto...

http://guidonia.romatoday.it/rubeis-polizia-postale-autore-facebook-guidonia-fa-schifo.html

Anonimo ha detto...

non ne farei una questione di romani de roma. Io 30 anni che ci vivo da quando sono nato, ma dal 2005 cerco di stare il più a lungo possibile all'estero, anche se la famiglia sta qui. Posso garantirvi che lo stato in cui è ridotta oggi roma fa vomitare anche un romano de roma; 9 su 10 chi apprezza sto schifo non ha nulla a che vedere con roma. Vedi alemanno...

Anonimo ha detto...

Bravo Francesco! Invitiamo a tutti di prendere atto di ciò che dimostra il vero amore per la sua città: non è SOLTANTO fare critiche, ma assumendosi le sue, le nostre, responsabilità, altrimenti NON cambierà MAI nulla!
Bombardiamoli con fotomessaggi, anzi minacciamoli di mandarli ai giornali europei! Organizziamo una manifestazione.

Les ha detto...

E' vero, non basta lamentarsi o scrivere commenti, bisogna cercare di cambiare le cose.

All'ultimo anonimo, ricordo che in tutte le manifestazioni e decoro days che organizziamo con i blog e associazioni antidegrado, io vedo sempre le solite facce, tranne rare eccezioni. Abbiamo coinvolto anche scuole e residenti, ma di tutte le persone che incontro, quasi mai ce n'è uno che legge i blog antidegrado.

Fatevi e facciamoci qualche domanda in proposito. E la prossima volta, quando c'è una manifestazione anticartelloni o un decoro day, siate presenti e aituateci. Altrimenti, sono solo parole.

Rebel Yell ha detto...

Di tutte queste cose i responsabili sarebbero facilmente punibili: parcheggi fuorilegge -> c'è la targa. Affissioni abusive -> 80% politici/partiti e 20% locali/eventi. I graffiti, vabè la chiamano "street art" ma per me è vandalismo e quelli con le bombolette andrebbero condannati a pulire la città per il resto della loro vita. Ma... gli atti vandalici contro i cartelli dei monumenti, proprio non li capisco.

pizzardone ha detto...

TUTTI sono facilmente punibili perché IN FLAGRANZA di reato/violazione. Lo scandaloso della cosa (che invia il messaggio inequivocabile "fai come cazzo ti pare") è che la violazione è IN CORSO, PALESE anche ad un cieco, è può esserlo per ore, giorni, mesi, anni.
Per quel genere di violazioni c'è un soggetto che si chiama "Polizia municipale" i cui lavoratori (GIA' pagati) si chiamano "vigili urbani". Il 99% delle schifezze che fotografiamo e raccontiamo
qui sono competenza LORO (e di quei cialtroni politici del Comune. Per chi non crede alla Befana costoro meno lavorano e più vanno in giro a farsi vedere, a fare dichiarazioni indignate, a gridare. La Polizia municipale di Roma ha chiamato il Tg3 (e ci sono andati!!) per mettersi in mostra mentre avevano risolto Il primo problema di Roma: i pitoni (avevano trovato una pelle muta di pitone).
Per i vigili urbani si chiama "lavoro", l-a-v-o-r-o.
Conosciamo le cazzate nordcoreane che racconta la polizia municipale

(vedi loro siti) e le proverbiali disponibilità e professionalità dei vigili urbani, quindi sappiamo di chi è LA COLPA di questo schifo.
Ci sono miliardi di lavori, alcuni molto pericolosi o sgradevoli: ma in genere si fanno. Pulire un anziano psicopatico malato pieno di escrementi che rompe le palle in ospedale non piace a nessun infermiere, ma lo fanno (io l'ho fatto) perché si chiama "lavoro"; dopo non ti sentirai realizzato nell'intimo ma sei P-A-G-A-T-O per farlo (magari poco, magari sei maltrattato dai capi); sia chiaro che ogni lavoro è degno.
I vigili urbani di Roma semplicemente non lavorano.

mnz ha detto...

Per Piazzardone,
Le tue parole sono sacrosante. I romani NON si sveglieranno mai per capirlo. Poverini, si va in giro dicendo, fanno il loro meglio. Io dico Evitiamo 8000 stipendi inutili! Il 90% di degrado si puo attribuire alla loro negligenza, irresponsabilità, menofreghismo, incompetenza, inefficienza......vorrei poter sognare un aggetivo positivo, ma non ce la faccio proprio!!!
Potrei scrivere volumi dei dialoghi irragionevoli, illoggiche, insensate e ho dovuto soffrire parlando direttamente con loro per lavoro non compiuto.

patri ha detto...

Mamma mia come vi capisco, non conoscevo questo blog, io e mio marito una/due volte al mese ce ne scappiamo in Inghilterra per un breve week end e ci ricarichiamo non ci pare vero di convivere con gente civile, nn ce la facciamo più.
Ma la colpa non è di chi governa la colpa è nostra che accettiamo tutto e siamo peggio del Governo.
Siamo, sporchi, incivili, ipocriti, magnaccioni, cazzoni, impiccioni, fregoni etc., infatti all'estero critichiamo tutto e sono tutti stronzi quelli che rispettono le regole, quando i primi stronzi siamo noi che viviamo nella merda e ci stiamo anche bene.
Proprio ieri sono tornata da Londra, devo aspettare mio figlio che finisca l'Università e poi me ne vado di corsa non voglio neanche farci scalo in aeroporto sopra questa Italia di magnaccioni, per me fa tutto schifo qui e la gente che ci vive se lo merita tutto e mi stanno pure tutti sul cavolo.
Ciao

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo in parte con il commento di Patri, ma non me la sento di dire che in ogni città d'Italia troviamo lo schifo che c'è a Roma.
Basta fare chilometro fuori da Roma e ci si accorge che in Italia ci sono città davvero ben amministrate dove ogni singolo cittadino è parte attiva del buon funzionamento della città stessa.
Un amministrazione come quella di Roma che in questi anni ha pensato soltanto a "fare cassa" a beneficio di parenti e amici, ha prodotto quello che ora vediamo.
Roma non è stata sempre così. Roma può tornare ad essere quella bellissima città che è, ma soltanto se noi romani lo vorremo davvero.
Stefano

Anonimo ha detto...

La questione di fondo è la mancanza di un deterrente. Chiunque a Roma si sente libero di imbrattare un muro, sfasciare una cabina telefonica, piantare un cartellone abusivo, etc, etc.
Se ci fossero pene detentive e multe adeguate il problema si risolverebbe da solo.
Questo è il risultato del buonismo dilagante di questi ultimi anni.
La gente sarebbe a favore di pene severe, ma i nostri amministratori (tutti, a destra e sinistra) sono semplicemente degli incapaci (quando non anche ladri).

ShareThis