Lo svuota cantine criminale colpisce ancora. Ma pure i Pics...

13 novembre 2012

Dopo solo due settimane dall'intervento dei Pics il barbaro svuotacantine (qui la storia precedente) colpisce ancora. Quattro cartelli inchiodati agli alberi all'incrocio tra via Dei Prati Fiscali e Piazza Valturnanche, almeno altri tre su Ponte delle Valli, altri due su via Cavriglia sono stati rimossi da qualche cittadino. Il buon lavoro fatto non é servito a scoraggiare il recidivo che evidentemente non é stato sanzionato. Allego "solo" due nuove foto. Attendiamo con fiducia un intervento risolutore.
Natale M.

*La segnalazione del lettore Natale M. è arrivata il 6 novembre, il 7 novembre i PICS erano già intervenuti e avevano sanzionato. Ma rendiamoci conto il livello di impunità che questa gente palesa. Perforare degli alberi per mettere degli annunci pubblicitari illegali e abusivi. E tutto perché una magistratura miope che non comprende il livello di emergenza che stiamo vivendo, non concede all'amministrazione di bloccare le utenze telefoniche.
-Roma fa schifo

3 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Cioè, questa foto ha dell'incredibile...

http://roma.corriere.it/roma/foto_del_giorno/home/12_novembre_8/vasca-2112607290859.shtml


A CASA QUESTA GIUNTA D'INCAPACI che consentono tutto questo, ogni volta che c'è il mercato. MULTEEEEEEEEEEEE

Anonimo ha detto...

Speriamo che il criminale in questione sia andato anche oggi in quel tratto di strada per affiggere i suoi scempi e poi sia affogato visto gli allagamenti che hanno interessato la zona.

Anonimo ha detto...

Cari amici del sito,
c'è anche un altro criminale che affigge ...e affligge gli alberi di viale Tirreno (pini di almeno 60 anni) con i suoi cartelli bianchi inchiodati sulle cortecce. E' un certo Fabrizio che ha anche letteralmente ricoperto la zona di Nuovo Salario con i suoi adesivi. Io personalmente gliene avrò staccati almeno un paio di centinaia. Ho intenzione di chiamarlo per dirgli di non buttare soldi: GLIELI STACCO TUTTI GLI ADESIVI!

Claudio

ShareThis