Mezza città abbandonata, mezza città occupata. Ma è colpa di chi occupa o di chi lascia abbandonato?

3 novembre 2012




Vi seguo da qualche tempo su Facebook e condivido in modo assoluto il vostro pensiero: Roma fa veramente schifo.
Io abito a San Lorenzo e questo è lo spettacolo di cui godo ogni mattina quando apro la mia bella finestra. Sembra il set cinematografico del film "Brutti, sporchi e cattivi", vero? No, invece è reale e in pieno centro.
Si tratta dell'ex lavatoio di San Lorenzo dichiarato di interesse storico-artistico dai Beni Culturali in Via degli Enotri e ora occupato abusivamente da una famiglia molto losca che oltre ad abitarci lo sta anche modificando per farci un garage a pagamento, credo.
Ovviamente nessuno dice nulla, polizia, vigili, niente.... Siamo nella terra di nessuno. O dei più prepotenti. Tra l'altro vorrei sottolineare che si tratta di luogo di interesse storico-artistico!
Vi invio qualche foto appena scattata in questa bella mattina d'ottobre.
Giovanna

*Cara Giovanna,
e lo scopri ora? Siamo la città (e il paese, in realtà) dove chi sta nelle regole è un cretino e chi le viola è una persona da tutelare. Specie se occupa una abitazione: in quel caso hai mille più diritti in più rispetto a chi paga regolarmente l'affitto. E poi accenni alle Soprintendenze? Ma andiamo... Ma non lo sai che l'altro giorno hanno fatto un diktat contro i gattini di Torre Argentina mentre da cinquant'anni non hanno detto mai neppure 'a' nei confronti delle auto che massacrano da sempre tutte le aree storiche?
Ad ogni modo le occupazioni -quasi sempre su immobili pubblici- avvengono perché le istituzioni lasciano incustoditi troppi ambiti di loro proprietà. Cespiti che potrebbero essere valorizzati, portare ricchezza, lavoro, valore, servizi. E allora è colpa di chi occupa o di chi fa si che vi siano aree di territorio occupabili?
-Roma fa schifo

4 commenti | dì la tua:

Les ha detto...

Scusa Giovanna, ma ho notato che vicino alla tua finestra passano dei cavi delle antenne televisive, potrei sapere se anche dalla parte della strada, ci sono i cavi che scendono giù dal tetto?

In quel caso, vi consiglierei di scegliere, come condomini, un'antenna centralizzata, per risolvere gli evidenti problemi estetici e di sicurezza legati ai cavi penzolanti.

Anonimo ha detto...

Nessuno dice nulla perchè "forse" non lo sanno e quindi non controllano.
Io comunque farei un esposto, insieme ad altri condomini, sia ai Vigili che al Municipio. Smuovere le acque per cominciare a riprendersi il territorio comune è sempre meglio che stare lì a guardare!

Marco Scifoni ha detto...

Sicuramente è anche colpa di chi non pretende che si vengano a fare controlli. Giovanna, hai chiamato i carabinieri (o la finanza, se il garage a pagamento l'hanno finito), attaccandoti al telefono e chiamandoli ogni mezz'ora finche non vengono?

Questi gli strumenti che abbiamo, se non li usiamo (all'estremo, aggiungerei) siamo colpevoli quanto loro.

pizzardone ha detto...

Un "Esposto" ai vigili urbani ?! Alla polizia municipale !?!? Al Municipioooo !?!?!?!
Chiedi al capo municipale 8° municipio (Di Maggio) cosa se ne fa degli esposti anche collettivi anche seriali, nota che Alemanno lo ha promosso a vicecomandante PM di Roma, e trai le conseguenze. Se un barista non serve cappuccio e cornetto il proprietario gli da un calcio: Alemanno lo promuove.
Chiedi al presidente 8 municipio Lorenzotti. Chiedi a Santori, ad Alemanno. Vedi nel mio blog e su Internet le decine di omissioni. Le migliaia di foto su Romafaschifo poi sono l'ulteriore prova della loro efficienza.

ShareThis