Trenta foto per ricordarci dell'abisso che ci separa da Barcellona. Eppure solo 20 anni fa eravamo meglio noi, che è successo?

2 settembre 2014
























Più volte ho cercato di sensibilizzare amici e parenti sulle condizioni veramente pessime in cui versa la nostra (amata?) città, anche basandomi sulle esperienze vissute all'estero. Sono stato accusato spesso di "farla facile", confrontando Roma con città del centro e nord europa (o perfino degli USA). Tutti posti dove ho vissuto per un certo periodo di tempo e, quindi, non frequentati da "semplice turista". Più di qualcuno mi ha detto che il confronto andrebbe fatto con le altre città "mediterranee". Ed allora eccolo qui, una città mediterranea per eccellenza... Barcellona!

Non entro nel merito di indici che non posso conoscere (da turista) quali traffico, delinquenza, qualità dei servizi e bilancio comunale. Però posso riportare ciò che ho potuto vedere semplicemente con i miei occhi camminando per chilometri e chilometri. Non ho idea quindi di quanto tutto questo "decoro" costi ai barcellonesi ma il risultato credo sia sotto gli occhi di tutti ed è in minima parte raccolto nelle foto scattate un po' ovunque (in diversi quartieri centrali e periferici). Sono foto prese "al volo" mentre camminavo, dunque non create ad arte per fare scoop e confronti impietosi creati ad arte visto che qualcuno accusa il blog anche di questo. (E' successo per il reportage sul Portogallo, qui)
Si possono vedere uomini e donne intenti a tagliare l'erba, le strade prive di rifiuti con numerosi cestini che non ho mai visto ricolmi o strabordanti (svuotati anche a notte fonda), telecamere ovunque a controllo del territorio, numero di "tags" e "graffiti" veramente esiguo e solo in zone circoscritte (su alcune serrande, in certe zone o lungo i muri della ferrovia) assenza di adesivi, sticker, pubblicità abusiva e pecette varie su secchioni, paline e cabine. Tutto è decoroso e dignitoso. Pubblicità urbana impeccabile, di livello europeo, non la selva di cartelli e cartelletti che vediamo da noi. 
I parchi visitati erano tutti curati, con arredo ordinato e pulito. L'erba era verde e regolarmente tagliata. Ci si potevano trovare anche dei tavoli da ping-pong fissi. I cancelli di ingresso e le mura erano perfetti.
La segnaletica verticale ed orizzontale di tutta la città era ordinata e pulita. L'arredo urbano omogeneo e disposto intelligentemente (soprattutto con l'obbiettivo di evitare la sosta selvaggia). 


Parcheggi interrati ovunque (a proposito di questo articolo), sotto gli edifici o sotto giardini pubblici, impedivano la sosta a bordo marciapiede. I marciapiedi erano tutti in betonelle, non in catrame. Un paio di foto ritraggono l'accesso ai sottopassi e mostrano come siano privi di scritte, cattivo odore e immondizia (nonostante uno fosse addirittura chiuso ed inutilizzabile).

Camion-bar inesistenti. Bancarelle e baracche vendi-vestiti inesistenti. I chioschi erano tutti ben piazzati, decorosi e la maggior parte vendeva, oltre l'acqua, solo prodotti della tradizione spagnola.
I convogli del metrò (realizzati dall'azienda pesante CAF, come quelli di Roma) erano puliti e con spazi appositi per biciclette, passeggini o bagagli. I sedili erano divisi da poggiabraccia antisdraio che ne aumentavano il comfort. Il tempo di attesa non ha mai superato i 2 minuti, anche di sabato e domenica.


Alla stazione dell'Aeroporto "El Prat", per un solo attimo di esitazione di fronte alla biglietteria automatica, è arrivato subito un addetto che con due mosse mi ha risolto il problema. Rom e zingari ne ho visti solo due (di numero) intenti ad elemosinare di fronte ai supermercati. Non sono mai stato molestato alle macchinette delle biglietterie. Venditori abusivi di ciarpame, cappellini e bottigliette d'acqua erano numerosi esclusivamente al Parc Guell, altrimenti praticamente assenti (rare presenze, tra l'altro messe continuamente in fuga dalla polizia).


Proprio la polizia era presente ovunque ed in modo attivo ed "infastidiva" chi stazionava in modo indecoroso. Dentro il metrò le guardie private erano ben presenti e rassicuranti (facevano anche avanti e indietro dentro i convogli). I parcheggiatori abusivi inesistenti, così come i bancarellari autorizzati o meno.
Bike-sharing perfettamente funzionante e molto utilizzato.
Non dico che la città forse perfetta. Scritte, danneggiamenti, qualche piccolo rifiuto (soprattutto in alcuni quartieri centrali, molto vecchi ed affollati) questuanti  o senza-tetto si potevano certamente trovare, ma dal punto di vista di ordine generale, decoro, percezione di sicurezza, gestione dei trasporti e dei parcheggi, tutto era di standard eccellente.


Prima di lasciare la parola alle foto concludo, rispondendo a coloro che dicono che Roma non può essere tenuta pulita perché ci sono troppi turisti, di andarsi a vedere quanti ne riceve Barcellona ogni anno (ed infatti la "Ciutat-Vella" ed altri quartieri erano stra-affollati). Barcellona infatti, come Berlino, ci sta addirittura superando quanto a numero di arrivi. E Barcellona "spalma" questa quantità su una popolazione che è la metà di quella di Roma...
Massimo

42 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

aspettiamo il commento di chi ci spieghera che le foto ritraggono una citta vuota, che ci sono scritte, che le strade da qualche parte puzzano di piscio e che ci sono un sacco di sbandati... e le solite cazzate autoconsolatorie

PXT ha detto...

Concordo in pieno. Per anni, con la stupidità dell'ignoranza, ho ritenuto la Spagna un paese 'inferiore' (grazie all'etnocentrismo da cui ero circondato, soprattutto in famiglia) e di Barcellona prima dei mondiali ho sempre sentito parlare come di una città portuale sporca, puzzolente e invasa dai topi. Poi, nel 2008, mi capita di farci un viaggio per assistere a un concerto. Ho trovato una città sicura, pulita, cordiale, vivace e soprattutto pulita e ordinata. Sembra una Londra sul mare, per quanto è ben tenuta e ben servita dai mezzi pubblici. Mi è capitato di vedere molti africani a vendere in giro cianfrusaglie e ce ne sono ancora diversi. La differenza con qui è che le forze dell'ordine li inseguono e scoraggiano in continuazione. Non a caso, la merce che tentano di esporre la mettono su lenzuoli con delle corde che all'occorrenza riescono s tirar su al volo per scappare. Eh sì, perché a differenza di quanto accade da noi, la polizia non rimane a guardare, ma li insegue finché non li prende quando li sorprende a vendere ciarpame illegale (prevalentemente borse griffate false).
Se davvero Barcellona era come mi hanno detto, il cambiamento è stato notevole. Dovremmo solo cercare di fare altrettanto, invece di crogiolarci nella solita, stupida frase "Roma è la città più bella del mondo". Lo sarà pure, non dico di no, ma sta a noi mantenerla tale. Inutile gioire della storia cittadina e dei suoi monumenti se poi pisciamo ovunque, buttiamo in strada i materassi, non paghiamo il biglietto e parcheggiamo in terza fila. Oltretutto, purtroppo, il peggio deve ancora venire e non stiamo facendo nulla per fermare la discesa.

Anonimo ha detto...

1) Classe dirigente formata da semianalfabeti senza alcun senso delle Stato o della cosa pubblica reclutata tra famigliari ed amici il cui unico obiettivo e' l'arricchimento e l'interesse personale

2) Dipendenti pubblici comunali, e regionali assunti in massima grazie a relazioni particolari con coloro menzionati al punto numero 1 e regolarmente imboscati in lavori di tipo amministrativo nel 99% inutili e superflui

3) Condizionamento culturale agghiacciante che definisce fascista, intollerante, esaltato, bastardo ed infame chiunque cerchi di far applicare quel minimo di regole esistenti in qualsiasi seria democrazia occidentale

4) Sindacati sodali con le persone menzionate nei punti 1 e 2 e che sfruttando il punto 3 agiscono in modo criminale in difesa di privilegi feudali di pochi infami privilegiati

5) Giustizia e burocrazia folle e bizantina concepita volutamente in modo tale che persone, istituzioni e poteri dei punti precedenti possano continuare indisturbati ad esercitare le loro nefandezze

6) Cronica assenza di senso civico tra i cittadini romani anche e soprattutto indotta dalle cause menzionate nei punti precedenti

7) Storico sotto-finanziamento dello Stato centrale nei confronti della Capitale piu' trascurata d'Europa

Paolo ha detto...

Frequento Barcellona da 3 anni e quel che leggo è la sacrosanta verità. Tornare a Roma, ogni volta, è un colpo al cuore, e quel che mi lascia sconvolto è la rassegnazione e il fatalismo di chi non vuole vedere a quali livelli di inciviltà è precipitata Roma negli ultimi 20 anni. Ci hanno abituato allo schifo, facendoci credere che quello è lo standard, e gli altri sono favoriti da qualche regalo divino. Svegliamoci prima che sia troppo tardi!

Anonimo ha detto...

Che belle foto, sembra di essere in un altra dimensione in un ambiente glaciale. Se i turisti vedessero queste foto, per farsi una idea di Barcellona, penso che nessuno ci andrebbe a visitarla a meno che non sia uno di voi. Conosco un altra Barcellona per questo amo quella città!

Anonimo ha detto...

a ecco, una città pulita è "un ambiente glaciale" ahahahaahahahaahahaha…… poraccio….

Paolo ha detto...

Per Anonimo che conosce un'altra Barcellona propongo una sfida: riuscire a scattare 30 foto di una città glaciale e pulita come quelle pubblicate, a Roma

Anonimo ha detto...

ma senti te! conoscerai anche un'altra barcellona, ma di certo anche quella sarà millemila volte tenuta meglio di questo cesso eterno.
oppure no, tu sei romano ber core e quindi anche l'indifendibile bancarellopoli è meglio del confronto con la civiltà.
che tragedia, è proprio vero che si sono tutti abituati a sta merda. vi lascio alle vostre auto in 3a fila e ai bei graffiti di roma

Anonimo ha detto...

ma Barcellona dovrebbe essere una città piena di gente ma in queste foto sembra un deserto.
ma quando pubblicate le foto di altre città le persone si trasferiscono o le foto fanno parte di book fotografici?
città popolate da concittadini e turisti nelle vostre foto diventano deserte!

Antonio Privitera ha detto...

Eh, ma Barcellona non conta sò catalani, e poi è grande la metà de Roma, e sò fascisti, e poi ce gioca Messi.

E comunque a Roma non se po' fà...

Anonimo ha detto...

Concordo che Barcellona è su un altro pianeta rispetto alla nostra Roma, ma vorrei dire che io mi sono salvato da un borseggiatore nella metro per pura fortuna e non c'erano ne guardie ne polizia

Anonimo ha detto...

Concordo pienamente con Anonimo delle 9.29 e soprattutto per i punti 3 e 4....
3. Condizionamento culturale assurdo per cui se dici qualcosa contro i venditori abusivi, gli extracomunitari o gli zingari sei fascista (questa è colpa di tanti anni di cultura di sinistra al potere....)
4. Sindacati che pur di sopravvivere sponsorizzano comportamenti da fannulloni fancazzisti ed assenteisti dei dipendenti pubblici..
Aggiungerei che il grande assente e quindi colpevole dello stato in cui versa la città è tutto il corpo della polizia municipale che in tanti anni non è riuscito a riformarsi ed a essere all'altezza della capitale d'Italia. Per quanto riguarda il sindaco stendiamo un velo pietoso.....

Diagoras ha detto...

Vi piace vincere facile!!!
Qualunque citta', anche Istanbul o Atene, sono conciate meglio di Roma.
Ah be' certo, a Istabul sono fascisti, intolleranti, anche un po' islamofobi; e poi so' pochi....

Anonimo ha detto...

http://it.euronews.com/2014/06/05/barcellona-lotta-dura-degli-occupanti-del-can-vies/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+euronews%2Fit%2Fhome+%28euronews+-+home+-+it%29

Anonimo ha detto...

http://it.euronews.com/2014/05/29/terzo-giorno-di-incidenti-a-barcellona-per-lo-sgombero-del-centro-sociale-can-/

Anonimo ha detto...

Provate ad andare ad instanbul magari durante il ramadam e scoprirete tante cose
Milioni di persone nelle piazze antistanti le moschee che fanno picnic e lasciano tutto pulito
Persino a piazza Taksim mentre la polizia caricava gli studenti facevano le pulizie delle strade
Il tram non lo prendi se non hai il gettone altrimenti botte
Ho giarato molti quartieri e tutti puliti poi dicono dei turchi ma!!!
Cmq a titolo informativo gli abitanti sono cc 14000000 quindi non esistono scuse per Roma che fa si e no 3000000

Il Paese di Bengodi ha detto...

Barcellona non è stata guidata 15 anni su 20 dai comunisti.

E in Spagna, anche quando governava la sinistra, gli immigrati clandestini che cercavano di entrare venivano respinti a fucilate.

Dipenderà forse da questo?

Anonimo ha detto...

Si tira continuamente in ballo la polizia municipale dimenticando che da noi la sicurezza e l'ordine pubblico sono di competenza di polizia di stato guardia di finanza polizia penitenziaria e corpo forestale dello stato. L'ordinamento dei vigili, i loro compiti strumenti e poteri è contenuto in una legge del 1986, anche se E' PIU' UNA LEGGE DEL 1886, FORSE ERA ADATTA PER QUEI TEMPI. Sono 20 anni che promettono una riforma, che non faranno mai perchè ai poteri forti va bene così. L'unica vera riforma per una polizia municipale efficiente e la sua cancellazione o abolizione. così come è strutturata fa comodo ad ANCI e per loro ai sindaci, ad alcuni ministeri, ma non ai cittadini. Parlano di riforma ma da 20 anni non fanno nulla, anzi approvano provvedimenti che vanno nella direzione opposta. L'ideale sarebbe la razionalizzazione delle polizie una nazionale ed una locale con i medesimi poteri. Il resto sono chiacchere, le polizie municipali sono del tutto inadeguate all'attuale società. A BARCELLONA I MOSSOS D'ESQUADRA, sono una polizia locale con i medesimi poteri di quella nazionale ed anche più efficienti. Lasciare l'attuale ordinamento per la polizia municipale non serve ne a loro (quelli che vogliono lavorare) e ancora meno ai cittadini ed anche alle casse dello stato. oggi in italia si fanno tanti annunci ma non si fa nulla per contenere gli sprechi ed eliminare le inefficienze.LA POLIZIA ANCHE QUELLA LOCALE DEVE ESSERE MESSA IN GRADO DI LAVORARE. SI PARLA TANTO DI SPENDING REVIEW, SONO CONVINTO CHE CON ADEGUATI POTERI ED I NECESSARI AGGIUSTAMENTI QUESTO E' UN SETTORE DOVE SI POSSONO RISPARMIARE NON MENO DI 5 MILIARDI DI EURO L'ANNO.

Anonimo ha detto...

Si tira continuamente in ballo la polizia municipale dimenticando che da noi la sicurezza e l'ordine pubblico sono di competenza di polizia di stato carabinieri guardia di finanza polizia penitenziaria e corpo forestale dello stato. L'ordinamento dei vigili urbani, i loro compiti strumenti e poteri è contenuto in una legge del 1986, anche se E' PIU' UNA LEGGE DEL 1886, FORSE ERA ADATTA PER QUEI TEMPI. Sono 20 anni che promettono una riforma, che non faranno mai perchè ai poteri forti va bene così. L'unica vera riforma per una polizia municipale efficiente e la sua cancellazione o abolizione. così come è strutturata fa comodo ad ANCI e per loro ai sindaci, ad alcuni ministeri, ma non ai cittadini. Parlano di riforma ma da 20 anni non fanno nulla, anzi approvano provvedimenti che vanno nella direzione opposta. L'ideale sarebbe la razionalizzazione delle polizie una nazionale ed una locale con i medesimi poteri. Il resto sono chiacchere, le polizie municipali sono del tutto inadeguate all'attuale società. A BARCELLONA I MOSSOS D'ESQUADRA, sono una polizia locale con i medesimi poteri di quella nazionale ed anche più efficienti. Lasciare l'attuale ordinamento per la polizia municipale non serve ne a loro (quelli che vogliono lavorare) e ancora meno ai cittadini ed anche alle casse dello stato. oggi in italia si fanno tanti annunci ma non si fa nulla per contenere gli sprechi ed eliminare le inefficienze.LA POLIZIA ANCHE QUELLA LOCALE DEVE ESSERE MESSA IN GRADO DI LAVORARE. SI PARLA TANTO DI SPENDING REVIEW, SONO CONVINTO CHE CON ADEGUATI POTERI ED I NECESSARI AGGIUSTAMENTI QUESTO E' UN SETTORE DOVE SI POSSONO RISPARMIARE NON MENO DI 5 MILIARDI DI EURO L'ANNO.

Anonimo ha detto...

ma l'avete mai visti quelli della Municipale? Ma come pensate che possano tenere testa ad un extracomunitario incazzato, ad uno zingaro ribelle, ad un drogato in crisi di astinenza? Non riescono nemmeno a tenere a bada tre ragazzine che fanno furtarelli nella metro...ma andiamo.
Il corpo della Municipale va CHIUSO, per sempre. Con quei soldi ti fai una polizia privata. Se va bene la tieni se no cambi ditta...

Anonimo ha detto...

Volemo RUTELLI! lui ce risolve tutto.

Anonimo ha detto...

Meno male che, in mezzo a tutta sta marea di sindaci comunisti, c'è stato Alemanno, con lui si che le cose andavano bene... PER CORTESIA BASTA CON QUESTA MANFRINA!

Anonimo dei 7 punti, io al punto 2 aggiungerei "Dipendenti pubblici comunali, compresi quelli di Roma Capitale"

Anonimo ha detto...

Per chi volesse vedere foto dove le strade brulicano di gente (quasi 8 milioni di visitatori l'anno) basta chiedere. Non le ho pubblicate perché non permettono di vedere bene come tutto intorno sia comunque pulito. Ed in ogni caso non mi sembra che le aree meno frequentate di Roma brillino in quando a decoro...

Anonimo ha detto...

scusa che c'entra Rutelli ora, perchè ha fatto del bene a Roma. Lasciamo perdere Rutelli che con Roma altra bella roba!

Anonimo ha detto...

an vedi che Rutelli voleva le stesse cose di Roma fa Schifo.
http://www.francescorutelli.it/
Un riconoscimento a Rutelli, e i nuovi e vecchi problemi di Roma.
Interventi - Istituzionali
"Problemi di Roma oggi? Contrastare il degrado e l'abusivismo diffuso, combattere l'illegalita' in alcune periferie. Ed evitare che il Centro diventi preda di un turismo massivo, indistinto, come a Venezia: vanno mantenuti i residenti, ed attività direzionali, commerciali di qualità, artigianali, oltre che culturali e turistiche." Sono alcune delle risposte di Francesco Rutelli in una intervista all'emittente romana Radio Radio, che lo ha designato - al termine di un sondaggio tra gli ascoltatori - come "il miglior Sindaco dal 1990".
"Grazie a voi e al vostro pubblico - ha replicato Rutelli - ma non dimentichiamo che la nostra forza era il gioco di squadra, legato a progetti strategici e a un duro lavoro amministrativo." E, per tutti, ha ricordato l'Assessore alla Cultura Gianni Borgna, da poco scomparso.

Anonimo ha detto...

Conosco Barcellona molto bene, ci vado spessissimo: l'articolo è assolutamente veritiero. Il confronto con Roma è quasi improponibile, ahimé. Sebbene siano tutte e due città "latine", con stesso clima, è come catapultarsi, se parliamo di Roma, in uno schifo assoluto e, se parliamo di Barcellona, in una città ottimamente amministrata, dove le cose funzionano e dove la LEGGE E' RISPETTATA e, specialmente FATTA RISPETTARE.

Complimenti a Roma Fa Schifo per l'ottimo articolo e per evidenziare l'imbarazzante e ignominioso degrado in cui versa Roma.

Quando si sveglieranno i cittadini di Roma finalmente? Quando si renderanno conto di quanto pagano in tasse per avere in cambio lo schifo?

Anonimo ha detto...

Calmi con Rutelli che state a parlare di PD e ciò significa Marino, chiaro?

Anonimo ha detto...

Te lo spiego io cosa è successo.

Nelle 2 precedenti legislature i governi hanno puntato sulla speculazione edilizia per risollevarsi. A debito però, mutui subprime ai privati come in USA. Poi con la crisi hanno svenduto le riserve auree (sempre per tenere in piedi il debito). Finite quelle hanno iniziato a prendere i prestiti da PIGS e svendere il settore pubblico.

Adesso ci "sembra" che tutto vada meglio perché stanno nuovamente spendendo soldi sempre a debito per tenere in piedi la società con i prestiti internazionali. Purtroppo il loro rapporto deficit/PIL sta schizzando e questa situazione, creata ad hoc, non può perdurare.

Godetevi barcellona... tra poco fa una brutta fine.

P.S. Ricordatevi, in tutto questo la causa è l'euro. Avessero avuto la peseta starebbero molto meglio.

Anonimo ha detto...

Appunto, a parita’ di condizioni economiche difficili (e di immigrazione di massa) loro riescono a presentare la citta’ in maniera decente. Noi no.

Riccardo_C ha detto...

Paragoni inutili..a Roma la gente non capisce...chi vive a Roma, ma in italia in generale, ormai è talmente abituato alla corruzione e alla mediocrità che certe cose non può capirle. Chi capisce purtroppo fa un eccezzione in un mare di catrame intelletuale...ma dopo vent'anni di terribili politiche, tagli alla scuola e al settore culturale, non dovremmo impressionarci che in Italia ci sia un'enorme generazione di celebroresi arroganti.
Io sono felicemente emigrato già da 15 anni, e non credo che mai tornerò indietro. Troppa mediocrità, gli italiani continuano a votare gli stessi di sempre..gente che dice di voler cambiare e poi fa le riforme con Berlusconi...mi sono rotto il cazzo. Se l'Italia sprofonderà ancor di più, e ci sono tutti i segnali che questo avvenga, non m'interessa...ben gli sta, è ciò che si merita.

Anonimo ha detto...

4.59 pm, mi sa che sei un po cotto!

Anonimo ha detto...

Ma all'inizio RFS, nel 2008, con Rutelli non facevano squadra unica? Chissa' se ancora sono una squadra.

un incazzato ha detto...

Riccardo C delle 4.59 non è per niente cotto. Anzi ha capito tutto (elencato alla perfezione dall'anonimo dei 7 punti) ed ha fatto l'unica cosa giusta...è andato via.

Anonimo ha detto...

Questa estate sono stato a Madrid e voglio raccontare solo di un episodio: stavo aspettando la metropolitana quando sono entrati nella stazione 3 o 4 slavi con delle fisarmoniche, con il chiaro intento di salire e suonare. Si sono seduti ad aspettare vicino a me e devo dire non davano alcun fastidio a nessuno. Dopo 2 o 3 minuti è arrivato un poliziotto, che evidentemente li aveva visti con la telecamera. Gli ha intimate uscire dalla stazione. Siccome accampavano scuse, del tipo stiamo andando a casa e non suoniamo, il poliziotto li ha accompagnati fuori dalal stazione, senza urla o alter azioni di forza. Erano dei suonatori e non borseggiatori! Questo non l'ho mai visto in Italia, a Roma ma nemmeno a Milano. Credo sia sopratutto questione di voglia di fare.

Anonimo ha detto...

Certo, sappiamo benissimo che sono foto "tecniche" per illustrare il servizio pubblico di Barcellona, solo un idiota potrebbe pensare che delle foto ai cassonetti sono fatte per invogliare i turisti a visitare la città.
Purtroppo Roma è piena di questi personaggi, che aprono bocca solo per il gusto di farlo e che hanno lo stesso diritto di voto di persone normali.

Renzo ha detto...

Una piccola precisazione: Barcellona ha già superato Roma nel turismo internazionale.

claudio ha detto...

a regà ancora co sta cazzata della democrazia e dell'ospitalità?? non avete capito che contro i figli di putt4na writer,abusivi,zingari,sporcaccioni ci vuole il FASCIO ...ancora che insistete co ste c4zzate...ci vogliono le maniere forti come fece giuliani a newyork TOLLERANZA ZERO punto...ci ha messo 10 anni ma adesso i risultati si vedono....non puoi pretendere di discutere con i paraculi...ovvero se chiedi il biglietto ad un senegalese che sale sull'autobus e ti dice che non capisce l'italiano lo butti fuori dall'auto..ti piglia per il cul0 sa che qui puo fare come gli pare e va in giro senza documenti così manco la multa gli puoi fare...siamo una branca di fessi...con questi ci vogliono le maniere forti...
Al centro dove ci sono ragazze nomadi che scippano...ci vogliono i cellerini che vanno in giro e bastonano sulle mani a sangue ....dopo 2 giorni sparirebbero dal c4zzo..ancora che cercate il dialogo con questa gentaccia che con la scusa del "povero immigrato" ti piglia per il cul0 e ti fott3
SVEGLIA !!!

Anonimo ha detto...

NON paragonerei l'aumento del biglietto dei bus con quello dei parcheggi.
In entrambi i casi spendi il 50% in più. Ma il bus/metro lo prendi una volta ad andare e una a tornare (e il biglietto dura pure di più: se devi fare una commissione veloce magari ne usi uno solo).
Adesso se parcheggi 8 ore paghi 12 euro, contro i 4 di prima: +200%. E se facevi l'abbonamento mensile spendevi anche meno: adesso paghi 240 euro vs 70.
Menomale che il kompagno Marino è demokratiko e favorisce i poveri....

giggetto ha detto...

Regà quì è tutta na tristezza, ce fosse una cosa che funzioni. mezzi che stanno ar servizio de cinesi, colorati,filippini, indiani, fagottari magrebini e nessuno paga er bijetto, poi l'abilità de passà a li tornelli della metro è da manuale e nessuno je frega niente.Ce fosse un controllo atac almeno una vorta a settimana, mai.Vedi sta metro e le stazioni che fanno schifo,senza luce, grigie e tristi, carrozze senza aria condizionata, annamo avanti ancora co le carrozze degli anni '50. Ma sto Sindaco invece de annà in bicicletta prendesse i mezzi pubblici, perchè se nun se mijora la prossima vorta er voto se lo scorda. Mejo de questo basta poco e ce sarà sicuramente, pe fa mejo ce volo poco: un po de professionalità e de volontà e un pizzico d'amore pe Roma.

Anonimo ha detto...

I sette punti di Anonimo
sono purtroppo grande verità e chiarezza!
Sottoscrivo


bruco52 ha detto...

una delle verità ( ce ne sono a centinaia) è che forse, anzi certo, che lì i politici non si sono ingozzati con i soldi dei cittadini, ma li hanno messi nel creare città belle, pulite, nel costruire opere necessarie e non cattedrali nel deserto, iniziate e mai finite o solo promesse...Rutelli promise lo S.D.O.( l'avete mai visto?), Veltroni ha inaugurato il cantiere della città dello sport...sta lì, costruita a metà e tra qualche anno la butteranno giù perché sarà arrugginita e non utilizzabile ( il ferro lo daranno ai Rom che sapranno cosa farci)...la linea C della metro non si sa se la finiranno, perché non ci sono i soldi, finiti nelle tasche dei politici e dei partiti...o no?

Anonimo ha detto...

A leggere la maggioranza dei post sembra che la colpa del degrado sia in gran parte degli "stranieri"...fa un po' ridere come tesi.

ShareThis