Tante foto del rogo al Campo Rom di Via di Salone del 9 settembre. E una testimonianza anonima da chi ha chiamato la Polizia: "ci hanno preso a sassate"

11 settembre 2014









Nonostante le nostre insistenze il Comune non ha mandato una ruspa e senza di quella non si riuscirà mai a spegnere un incendio su metri e metri di spazzatura. Poi come accade sempre più spesso, appena la Polizia è andata via per un altro intervento, gli abitanti del campo simpaticamente ci hanno preso a sassate.
Considerate infine che per accedere a questo terreno accanto al campo nomadi, un area sotto sequestro, ci vuole una chiave che ha il guardiano di una ditta li dietro. Quindi mi domandavo una cosa: come fanno a buttare tonnellate di spazzatura, calcinacci, rifiuti ingombranti ecc... Hanno la chiave? Qualcuno gli apre? Boh...

25 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

La terra dei fuochi? smaltimento rifiuti un affare per tutti .

Anonimo ha detto...

che se volemo dì, ancora?

Anonimo ha detto...

Ma l'amministrazione comunale e le forze dell'ordine cosa fanno???? Perchè dobbiamo respirare tutti i santi giorni questa MERDA???

Anonimo ha detto...

invece di mandare l'esercito a morire per le guerre dei ricchi sarebbe da impegnarlo qui per i diritti dei poveri cittadini italiani.

Anonimo ha detto...

...se Il sig. Sindaco st'inverno se permette de fa il blocco del traffico mi incateno al Campidoglio..no perché le macchinacce brutte e cattive inquinano, questi invece portano risprse di diossina? no vabbè....

PXT ha detto...

Siete, al solito, cattivi e insensibili. Non sentite che la temperatura è cambiata? Comincia a far freddo, dovranno pur scaldarsi, eh? Mica tutti si possono attaccare alla corrente altrui. Chiudete un occhio per una volta, no?

Anonimo ha detto...

Testimonianza "naturalmente e di nuovo" anonima.
Andrea.

Anonimo ha detto...

Andrea, ma sti cazzi!
Qui dovete appiccare l'incendio, ma con questi dentro!

Anonimo ha detto...

Ecco che cazzo è quella puzza quando prendo l'autostrada A24

Caterpillar ha detto...

Senza parole

Anonimo ha detto...

Il prefetto ed i magistrati che cazzo fanno?
Qui ci vuole una denuncia alla procura della repubblica.

Caterpillar ha detto...

I cittadini residenti dovrebbero aprire un procedimento presso la corte europea, per avere un indennizzo dallo stato italiano per esser costretti a vivere in mezzo alla diossina. Se fate un procedimento in Italia non vincerete mai, occorre andare direttamente alle istituzioni europee

Anonimo ha detto...

Pratica di mare. 2 tornado. 4 bombe al fosforo per ogni campo. Preferibilmente il 21 luglio.

Anonimo ha detto...

Vabbe' e adesso che succede ? Nula come al solito è rimasto solo di andare nei campi e prenderli a calci in culo !!

Anonimo ha detto...

Che vorresti insinuare italiano?? Io sono uno zingaro e a casa tua, che ora è mia, faccio quello che voglio perchè la legge è dalla mia parte! E se continui ti denuncio per discriminazione. Ci siamo capiti! ....È si, purtroppo ci siamo capiti....

Anonimo ha detto...

Io ancora aspetto di vedere una denuncia alla procura della repubblica depositata dai residenti che abitano davanti a questi campi...
State aspettando i primi casi di tumore per darvi una mossa?

Anonimo ha detto...

http://www.lanazione.it/firenze/via-figli-a-coppia-di-disoccupati-oggi-lo-sfratto-esecutivo-1.194792

Agli italiani disoccupati vengono tolti i figli e messi in un istituto, ma ai rom che li fanno vivere nelle baracche tra effluvi di diossina e li portano a elemosinare no... chissà com'è che gli assistenti sociali nei campo rom non ci vanno mai...
Siamo alla follia collettiva.

Anonimo ha detto...

Ma qualcuno ha provato finora a organizzare, con il sostegno di una qualche associazione di difesa diritti dei consumatori, una sorta di class action contro il Comune di Roma, o contro l'associazione 21 luglio per farla abolire per via delle sue politiche di razzismo contro gli italiani?

Anonimo ha detto...

Denuncia alla procura della repubblica per reati ambientali e attentato alla salute. Subito.

Anonimo ha detto...

sinceramente non riesco a capire come non si riesca (almeno) ad organizzare una mega-manifestazione di romani (senza bandiere di partito) per dire basta ai soprusi di questa feccia

è forse razzismo manifestare contro questa tortura quotidiana fatta di borseggi, furti in casa, furti d'auto, estorsioni ai parcheggi e nella metro, usura, fumi tossici, vandalismo e accattonaggio molesto ?

è ora di dire a chiare lettere a questa classe politica inetta che non si voterà per chi non promette esplicitamente di risolvere una volta per tutte questo problema

bat21 ha detto...

Qualcuno sta facendo qualcosa http://www.linkiesta.it/nomadi-roma-emergenza-campi-rom-due e ha spaventato Marino. Non so perché Roma fa schifo non gli fa un intervista sarebbe molto interessante.

claudio ha detto...

avevate la brace pronta ..avevate carta bianca ...avevate l'occasione per fare qualche "pollo alla brace" e l'avete sprecata....e certo che poi ve tiralo le pietre :D

claudio52 ha detto...

....."Due ore di blocco stradale in viale Italia per dire no al degrado. Ieri sera (13/09/14) dalle 17 alle 19 i residenti di Pelucca e villaggio Falck sono scesi in strada per dire basta alla prepotenza dei rom installati nelle aree dismesse in perenne attesa del
risanamento.Centinaia di persone si sono riversate in strada, stanche di avere i giardini trasformati in bagni pubblici. E guai ad accennare a una protesta, pena insulti, minacce e aggressioni. Senza contare l’invasione dei tanti implacabili questuanti e l’impennata dei furti"..questo è successo a Sesto San Giovanni (MI)....al nord precorrono sempre i tempi,sono più avanti...a Roma siamo troppo tolleranti o lassisti, ma si può sempre cambiare...

bat21 ha detto...

Sono stato fortunato dato che sono tornato dal Vulcano un paio di ore prima dell'inizio della manifestazione. Da quelle parti effettivamente i Rom sono un problema ma non c'è nulla che assomigli al rogo Rom...

Stefano ha detto...

Ieri stavo cenando all'Autogrill di Termini e per mezz'ora ho guardato quella banda di topi di fogna che infestavano le macchinette dei biglietti. Non avevano i lineamenti dei ROM. Erano tutti italiani e si passavano fra di loro un aggeggio per tappare le macchinette, così alla luce del sole. Con un fare strafottente, tutti grassi in pantaloncini corti e borsello. Spero che prima o poi qualcuno gli dia una lezione.

ShareThis