Video. 12 minuti di passeggiata e di rabbia nel Parco del Pineto. Luoghi che potrebbero essere il paradiso abbandonati al degrado. Ecco il filmato di un nostro lettore

20 settembre 2014

13 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

bè un altro bel posticino adattissimo per ospitare tutti gli sbandati e ubriaconi che oramai hanno deciso di venire ad abitare nei parchi e nelle aree verdi di Roma.
hanno alcool gratis 24 ore su 24, elargito dalle varie istituzioni di carità...
ubriaconi che poi se ne vanno in giro a rompere le scatole alla gente.


http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/09/19/news/torpignattara_ucciso_di_botte_durante_una_lite_fermato_un_17enne-96136038/


Anonimo ha detto...

Non e' vero che il Comune di Roma abbia 63000 dipendenti ma solo 63, altrimenti scene del genere non sarebbero giustificate...

Anonimo ha detto...

In tema di degrado ambientale occorre anche annoverare le pessime condizioni in cui versa il Parco di Tor tre Teste: http://centocelle.romatoday.it/tor-tre-teste/viaggio-nel-degrado-del-parco-tor-tre-teste.html

Anonimo ha detto...

Questi non sono definibili parchi

Anonimo ha detto...

Faremo la fine della Grecia, classe media azzerata e decine di milioni di poveracci che si sfameranno alla Caritas. WW3 incoming! Tutto il resto e' ormai superfluo.

Anonimo ha detto...

Io mi chiedo come mai non ci sia un vigile a pulire.
Ma questi che fanno? Dove sono?

Anonimo ha detto...

Forza, costruiamoci lo stadio della Lazio.

Anonimo ha detto...

Se ci pensate fa comodo a tutti, ai politici in quanto se un parco e' degradato lo possono usare come area di sfogo di disgraziati e poveracci approdati in Italia, in questo modo stanno buoni e non rompono le palle piu' di tanto ed io posso farmi bello e far vedere a tutti quanto la classe politica italica sia buona ed accogliente.

Ai dipendenti comunali in quanto se un parco e' ridotto cosi' non posso svolgere manutenzione ordinaria dato che cio' e' causato da tossici, barboni, extracomunitari, e la manutenzione la potrei fare solo se accompagnato da uno squadrone della celere, ergo la mia attitudine a non fare un cazzo viene viene giustificata da condizioni oggettive e sono piu' che felice.

indovinate chi sono gli unici a prendersela in quel posto ?

Anonimo ha detto...

Ma perché non la si fa finita con i parchi gestiti in questo modo? Che senso ha averli solo sulla carta?
E' possibile che non si riesca a trovare una soluzione oppure non la si vuole trovare perché fa comodo così ?

Volontari Decoro Tredicesimo ha detto...

Preghiamo l'autore del video di contattarci su FB: Volontari Decoro Tredicesimo.

Stiamo organizzando la reazione popolare a questa invasione

Anonimo ha detto...


Non tutti si sono arresi, sabato 27 i residenti del 13° di stanno organizzando per ripulire la zona della pineta che è ridotta a un vero cesso. Appuntamento alle 10.00 all'ingresso del parco a via albergotti per far capire ai nostri amministratori che ci siamo rotti alla grande di come stanno gestendo il verde pubblico. Contattaci su facebook , volontari decoro tredicesimo






claudio ha detto...

che poi quella erbaccia secca rischia pure di pigliare fuoco nei mesi caldi ...che dire qui se non ci armiamo noi di ramazza il sindachello squattrinato pensa a chiudere le strade,proteggere i tappetari e scippatrici e allo stadio daaaaroma

Anonimo ha detto...

Ma guarda te!.
Tutti siamo convinti, o quasi, che perdurando le negative condizioni, prodotte dall'appurata incapacità dei nostri politici, presto vedremo tracollare e definitivamente crollare la nostra civiltà.
A questo punto le domande nascono spontanee: Perchè non si cerca di cambiare radicalmente il proprio indirizzo di voto?.
Perchè non ci ribelliamo?.
Perchè lasciamo che i vari personaggi, già riconosciuti incapaci, continuino a fare polititca?.
Perchè non si punisce il partito che ripresenta quei personaggi, anche e specialmente se è il nostro partito, non votandolo?.
Perhcè non manifestiamo apertamente e continuamente il nostro disappunto?.
Io ho un'unica risposta, ma credo che a nessuno farebbe piacere leggerla!.

ShareThis