Ponte della Musica. Ecco le condizioni vergognose in cui versa la bella infrastruttura da poco inaugurata al quartiere Flaminio

14 settembre 2014












Senza parole se non parolacce. Un'opera da qualche milione di euro lasciata incustodita e senza una cavolo di video sorveglianza. Ad un'anno e mezzo dall'inaugurazione ecco come siamo messi,  e nelle rampe di accesso pedonali la situazione è forse peggiore. Poi ancora a fare bella vista dal ponte quel che rimane di un demolitore di automobili...
Il ponte della Musica unisce idealmente un percorso pedonale e culturale nonchè turistico unendo l'Auditorium e il Maxxi. Vergognoso.
Marcello

17 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

E' la mia teoria da sempre: in Italia manca attivita' sessuale.

La presenza di graffiti e' la dimostrazione lampante che i nostri giovani non sc*****.

Solo un povero sficato senza donna a seguito puo' pensare di sfogare la propria repressione sessualeandando alle 3 del mattino ad imbrattare muri o sottovia.

Anonimo ha detto...

Il ponte e' stato inaugurato nel 2011. Certe perle come "un'anno" non hanno prezzo.

Anonimo ha detto...

Ottima teoria. Anche se ti possono rispondere che non c'è un orario preciso per farlo.
Comunque qualsiasi cosa che si costruisce in questa città dopo un pò va in malora perché non si è in grado di gestire e di attivare delle misure di sicurezza per mantenerla a disposizione della collettività.
E' difficile trovare qualche esempio di struttura pubblica che funziona.
E degrado chiama degrado e di conseguenza tristezza nel vedere questa città che va sempre più giù.

bat21 ha detto...

Oddio i giovani di 40 anni fa trombavano di meno ma Roma non era ridotta così. Comunque quell'opera io francamente non ho mai capito a cosa serve...

Anonimo ha detto...

10.19 am, bella la tua battuta, io aggiungerei pure che quelli che scrivono su questo blog non lo fanno ne di notte e ne di giorno visto che pensano sempre a cercare scrupolosamente le cose che non funzionano.

mauro ha detto...

Non so se è vero.. ma se lo fosse dovremmo ringraziarli e stimarli per la loro abnegazione e senso sociale.

Anonimo ha detto...

Scopare o no, la "cultura" della bomboletta non c'era una volta e i muri al massimo avevano qualche scritta politica qua e là. Se 30 anni fa c'era qualche writer o taggarolo era comunque un caso raro. Oggi l'Italia si è riempita di mocciosi che scimmiottano i loro predecessori del nord europa e america, posti però dove il degrado a livello romano non esiste perché ci sono sorveglianza e sanzioni serie.

Anonimo ha detto...

@12.12 cose che non funzionano e che a te danno fastidio.
Benvenuto nel club di quelli che non lo fanno né di notte e né di giorno.

Anonimo ha detto...

Vietare la vendita di bombolette spray o farle pagare tantissimo...?!?!

Jointella ha detto...

basterebbe tracciare chi le compra (magari utilizzando la tessera sanitaria) , se ne compri 20 al mese forse le usi in modo improprio

Mauro ha detto...

Se... complichiamo ancora di più le cose....questo approccio garantista è stato la rovina fino ad ora... geni

Anonimo ha detto...

Per la miseria, ma non erano cancerogeni i vapori di 'ste bombolette? Ma questi miserabili non muoiono mai?

Anonimo ha detto...

la penso esattamente come te vedi la ciclabile e lungotevere Gasman come è ridotto tutto nuovo e subito rovinato bisogna dare tutto in gestione ai privati che menano altrochè giustizia.

Anonimo ha detto...

ma il sig. sindaco che fa?!? Si svegli e ristabilisca l'ordine che la città necessita... oppure si dimetta...

Anonimo ha detto...

Basterebbe mettere una tassa molto alta su queste stramaledette bombolette che andasse a finanziare i lavori di ripulitura necessari per far fronte a chi le usa un questo modo illegale.
Vorrei sapere quale utilità sociale ha la vendita di queste bombolette a parte chi le usa per lavoro (in quel caso basterebbe prevedere un rimborso della tassa ottenibile in sede di dichiarazione dei redditi).

Zeno ha detto...

Questo è come hanno ridotto il ponte di garbatella... http://adf.ly/s53IB

Flanker ha detto...

Vietare o tassare le bombolette è ingiusto ed illogico, sarebbe come vietare i coltelli da cucina per evitare che i mariti aggrediscano le mogli!

Basterebbe e bisognerebbe solo che le forze di polizia facessero il loro dovere.

ShareThis