Video. Accampamenti, graffiti, verde abbandonato, strade dissestate. Il disastro del Ponte della Scienza

8 ottobre 2014


Se avessimo degli avvocati coi controcosi a seguire questo blog ogni settimana ci divertiremmo. Ogni settimana potremmo proporre un mega-esposto alla Corte dei Conti per dilapidazione di denaro pubblico. Un caso, ad esempio, è il Ponte della Scienza inaugurato qualche settimana fa dal Sindaco. Attenzione, non è vero come dicono molti che il ponte è banalmente "inutile". 
Certo, ha potenzialità maggiori di quelle che presenta oggi perché le due sponde che collega non sono state nel frattempo sviluppate a dovere (l'area dei gazometri è ferma, il Teatro India è fermo, lo sviluppo dell'area Papareschi e relativo parco è ferma, altre funzioni che erano in zona andranno via come la Città del gusto e il cinema), ma inutile no. Anzi utile scorciatoia ciclabile, in alternativa al terrificante Ponte di Ferro, per chi dall'area Ostiense vuole raggiungere l'area Marconi. Oltre che un parco pubblico sospeso per gli abitanti del quartiere che infatti dimostrano apprezzare molto, anziani compresi.
Se tutto questo è vero, dunque, per quale motivo si decide di lasciare una struttura simile, delicata e,nuovissima, nelle mani dell'abbandono, del vandalismo più sfrenato (andateci, perché il video non rende!), dell'abusivismo e del degrado? Per quale motivo l'amministrazione spende decine di milioni per realizzare un manufatto e poi lascia che marcisca a partire non dal giorno dopo, ma addirittura dal giorno prima (o da mesi prima, come è capitato) dall'inaugurazione. Una roba, appunto, da portare alla Corte dei Conti. Affinché condanni chi è responsabile di questi sprechi assurdi.

11 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Dovrebbe arrivare un messaggio forte dalle forze dell'ordine, dalle istituzioni, dal comune. Invece vengono chiusi i commissariati di notte, al comune hanno altro a cui pensare e le istituzioni latitano. Il messaggio che arriva al cittadino è questo: potete fare quello che vi pare, tanto non verrete perseguiti. E se qualcuno tenta di fermarvi con la forza potete denunciarlo voi.
E il cittadino cosa deve fare ? Ha bisogno di certezze.

Anonimo ha detto...

vi assicuro che il ponte è utilissimo e lo usano migliaia di persone al giorno, chi dice il contrario evidentemente non ci è mai passato

Anonimo ha detto...

Finalmente un giorno ci estingueremo......

Anonimo ha detto...

Inoltre in alcuni punti la pavimentazione presenta varie crepe...pure il costruttore sarebbe da interpellare

Anonimo ha detto...

Oggi, dopo aver letto l'articolo del Corriere sulla Metro C ho finalmente realizzato un concetto che nella sua assoluta semplicità mi era sfuggito sino a oggi.
I ROMani sono troppo stupidi per gestire progetti complessi come una Metro driver-less o la manutenzione di un ponte o la raccolta rifiuti.
Tutto qui, secoli di selezione naturale all'inverso hanno prodotto i loro effetti: una città di fessi. Raramente i cretini sono anche persone pulite ed educate. Il cretino medio è un buzzurro, esattamente come il ROMano medio. 2+2=4 .

D'altronde non esistono prove del contrario. Qualcuno può citare una qualsiasi cosa fatta dai romani negli ultimi 40 anni che non sia sintomo di stupidità, degrado e incapacità di vivere secondo standard minimi di civiltà?
Gli unici che nel 2014 ancora c'hanno i fascisti in giro per la città... cazzo e pure i Sumeri no?
Già, ma i fascisti sono quei fessi che nel 1940 hanno dichiarato guerra a Stati Uniti e Impero Britannico pensando pure di vincerla... Dove altro potrebbero trovare rifugio simili ritardati se non nella capitale mondiale dell'idiozia?

Retake ROMa si chiama così perché se l'è inventata una straniera, e ci partecipano soprattutto ragazzi stranieri.

Vai a Londra, a Berlino e vedi centinaia di ragazzi italiani che lavorano nei Bar, nei ristoranti. Ragazzi provenienti da tutta italia che si costruiscono un futuro con serietà e umiltà: napoletani, torinesi, fiorentini, siciliani ecc. Giovani uomini e donne italiani apprezzati per come lavorano bene e per il loro livello di istruzione.
Quelli del Sud sono spesso la maggioranza, con un'unica eccezione. Indovina...? Di ROMani non ne vedi mai. MAI.
Evidentemente sono troppo cretini, anche da giovani, per avere il coraggio di lasciare sola mammina.
Meglio campare con la pensione di nonna e prendersela con quegli immigrati che il coraggio di lasciare tutto per costruirsi un futuro ce l'hanno avuto.

ROMani... ma a che cazzo servite si può sapere?
A riempire lo stadio Olimpico e a fregare i turisti vestiti da centurioni, va bene. E poi?
Ce l'avete una sola cosa di cui essere fieri, dico una cosa che abbia meno di 40 anni?

Anonimo ha detto...

Un'opera inutile, sperpero di denaro pubblico, i ponti servono in altre zone tipo Magliana - Eur

terenzio ha detto...

I romani sono indegni della città che hanno ereditato, meritano di vivere nelle baraccopoli

damiano ha detto...

Pensare che potenzialmente potrebbe essere un'area culturale di grandissimo spessore. Ex-industriale con la sua archeologia che ne fa uno scenario assurdo, con la rivalorizzazione del Teatro India, lo sfruttamento della Centrale Montemartini come nelle notti bianche, ai piedi del Gazometro, il complesso Italgas dove fino a poco tempo fa organizzavano anche vernissage e la realizzazione e il recupero delle aree dei casali Papareschi. Quante idee. Quanto rammarico.

Anonimo ha detto...

il ponte della scieMEnza

Romamia ha detto...

Condivido le parole dell' anonimo delle 12.23 e aggiungo che oltre a riempire lo stadio Olimpico e a fregare i turisti vestiti da centurioni, anche mettere la macchina in seconda fila, sui marciapiedi e sui passaggi per disabili.
La maggioranza dei romani non si merita niente!

Tramvinicyus due ha detto...

Semplicemente NON il ponte da realizzare. Quello previsto infatti era 350 metri più a sud, doveva allacciare Via Fermi con la direttrice del Cavalcaferrovia Spizzichino, traversando la via Ostiense e passando (con le dovute demolizioni degli edifici sul tracciato)accanto, leggermente più a Nord, la Centrale Montemartini.
Il Cavalcaferrovia Spizzichino avrebbe dato a sua volta accesso a Circonvallazione Ostiense, quest'ultima a Circonvallazione Ardeatina (rimasta anch'essa sulla carta) e da lì il giro per Arco di travertino - Tor Pignattara - Portonaccio- Tiburtina.
Nel versante opposto era già pronto l'asse Grimaldi Pio XI - Leone XIII (Olimpica).
Be' una strada di circonvallazione così non verbbe almeno in parte smistato un pò di traffico a Roma?

Oh no scherzi? "E' un progetto fascista"

Meglio "I ponti musica Trovajoli, Scienza" che fanno tanto sinistra PD, favoloso mondo di Fata Boldrina e Tonelli...!!!

Buon Italia a tutti.

ShareThis