La vera storia dell'uomo che ha investito i vigili urbani che lo multavano in doppia fila. E le complicità del dipendente del fast food. Aspettando lo street control

10 ottobre 2014
Il dipendente del fast food si accorge dei vigili. Sulla destra la vettura grigia del ricercato

Il dipendente del fast food entra nel negozio e il ricercato molla la fidanzata alla cassa e parte in quarta per spostare l'auto


Un classico romano. Che resterà tale finché lo street control e le multe a strascico non prenderanno finalmente piede in maniera decisa e diffusa. 
Gli inguaribili incivili che parcheggiano in doppia fila giustonattiminonundàfastidioanisunofatevelicazzivostra mettendo a rischio la vita di altre persone, congestionando il traffico, generando inquinamento, stress e pericolo. Anche solo per farsi un panino al fast food. 
Ogni tanto, purtroppo solo ogni tanto e dunque l'abitudine è scarsa e la reazione è di pancia, passano i Vigili Urbani. Si mettono a fare qualche multa e, come in ogni città mafiosa, l'azione dei cittadini si coalizza contro le forze dell'ordine, in solidarietà con chi compie le infrazioni e i reati. 

E così è andata nel terrible episodio di Via Appia Nuova dove un tipo, con un Punto grigia parcheggiata in doppia fila (poi si è scoperto con targa contraffatta) ha travolto i vigili che lo stavano multando ed è scappato. Oggi è ricercato, chiunque lo conosca o lo riconosca si faccia vivo. 

Ma come sono andate davvero le cose? Incrociando i video è evidente. La Polizia Locale arriva, si mette giustamente a fare le multe, un inserviente del fast food (lo si riconosce da cappellino e maglietta arancione) vede i vigili al lavoro, entra nel locale, urla ai clienti un classico e ben noto: ahooocestannoivigggilichestannoafaemulte. Il nostro criminale che stava rilassato alla cassa sbaciucchiandosi con la sua compagna (a proposito, perché non è ricercata anche lei? Almeno per testimoniare?) si precipita fuori con i suoi pantaloncini e le sue infradito - e come ti sbagli!? - entra nell'abitacolo e arrota i vigili urbani.

Tre insegnamenti da questi video dai quali si percepisce tutta la storia: 
1. se avete dei clienti incivili che posteggiano davanti al vostro negozio (creando degrado e pericolo) in doppia fila, non dovete essere solidali cono loro. Se proprio non volete disincentivarli, almeno ignorateli.

2. speriamo che lo street control risolva il problema a monte: grazie al passaggio della telecamera la doppia fila dovrebbe essere un ricordo (o una salatissima abitudine) per molte strade. E in più ricevere contravvenzioni abitudinariamente, cosa che solo lo street control può garantire, farà diventare la multa per la doppia fila un fatto normale, non una eccezione rispetto alla quale cadere dalle nuvole, mobilitarsi, correre, arrotare qualcuno.

3. cosa pensano i sindacati dei Vigili Urbani che oggi criticano lo street control considerando uno strumento di repressione? Meglio agenti per strada col taccuino a farsi prendere a sputi, insulti, botte e magari a farsi arrotare? O meglio vigili in macchina a multare a raffica grazie ad un tablet?

71 commenti | dì la tua:

bat21 ha detto...

Quindi la realtà e' ancora peggio da come si può desumere dagli articoli di giornale. Che città pazzesca. Per quanto riguarda la 3* domanda non so veramente con che coraggio osteggiano questo street control. Ma a pensarci bene il coraggio lo trovano visto che tutti i giorni negano interventi con scuse...

bat21 ha detto...

Detto questo solidarietà ai vigili che facevano il loro lavoro! Cosi dovrebbero fare tutti...c'è un fondo di verità in quanto scritto: se ci fosse l' abitudine a ricevere multe ci sarebbero meno reazioni di questo tipo .(ps ma gli agenti si sono fatti male?)

Anonimo ha detto...

Cosa c'entra lo street control con questa vicenda?????
Cosa cazzo c'entra.

Anonimo ha detto...

il tizio ormai ha le ore contate, lo prenderanno.
Per fortuna esistono le telecamere di videosorveglianza.

Anonimo ha detto...

Eppure non mi pare difficile...

Anonimo ha detto...

Il video con la sua faccia (e della sua ragazza) sta girando per tutta roma, la targa non sarà tutta contraffatta ma solo qualche numero. Come sia possibile che ancora non l'abbiano preso è un mistero. Comunque manca poco

Anonimo ha detto...

Ma come si fa a multare un'auto con targa contraffatta? E lo Street control come potrebbe interessare chi ha una targa contraffatta?

Anonimo ha detto...

Cosa c'entra lo street control ?
Certo che siete proprio romanari inside
Quando t'arrivano a casa 10 multe in poche settimane, poi vedi se non parcheggi bene !
Per quanto riguarda le targhe contraffate, eh si notoriamente giriamo tutti con targa falsa, mica solo i ricercati !
Siete proprio romanari inside !
Marco1963

Anonimo ha detto...

MA questo ha una targa contraffatta, sai che cazzo gliene frega delle multe. Quindi, ripeto, cosa cazzo c'entra lo street control in questa vicenda?????

antonio ha detto...

Non capisco il problema. Parcheggiare in seconda fila è vietato. Vi sono due alternative: far rispettare la regola, eliminare la regola. Il resto sono discussioni prive di significato. Aggiungo: il TPL fa schifo? Sono della vostra opinione! domandina, semplice semplice, se domani voi dovreste manifestare (seriamente) per migliorarlo lo fareste? NO.
Non è un vostro problema visto che potete usare la macchina sempre e comunque.
Cmq la doppia fila è solo un problema, mi piacerebbe fossero rispettate ( o eliminate) le regole sulla velocità massima in città, sull'uso degli indicatori di direzione (sconosciuti al 90% dei romanari)

Ma che ne parliamo a fare....

Anonimo ha detto...

Comunicazione agli ignoranti: lo street control oltre che uno strumento atto ad elevare sanzioni amministrative è collegato ad un database dove è possibile recuperare tutte le informazioni sul veicolo e relativo propretario, bollo, rc auto, revisioni, fermi amministrativi, permessi ztl, etc.etc......capito?!

furbetti avete le ore contate

Anonimo ha detto...

Bollo non credo, appartiene all'agenzia delle entrate.
Ma informatevi no?

Maurizio ha detto...

Da cosa si è capito che la targa era contraffatta ? Di cartone ? Con numeri modificati con il nastro adesivo ? Non è che prendendo i numeri, nella concitazione dell'evento hanno semplicemente scritto male ?
Perché se uno circola con un'auto con targa clonata verosimilmente è un criminale abituale (se non peggio) alla fine, tutto sommato, ai vigili è andata anche bene ...
Sulla "pesca a strascico" basta che sia fatta democraticamente: in italiano NON è che si fa solo su alcune strade e altre no, ovvero che si spenga tutto passando davanti a negozi "amici".
In un paese civile TUTTE le auto di Polizia, Carabinieri, Finanza e Polizie Locali dovrebbero essere dotate di sistemi automatici anche per il riconoscimento delle targhe (bolli e assicurazioni non pagate). Ma costano un sacco di soldi ?
Si ripagherebbero in una settimana.

Mandrake ha detto...

Dai ce la puoi fare...dai...

Anonimo ha detto...

Capirei un negoziante in proprio che difende i clienti che parcheggiano in doppia fila. Pensa che quelli poi non tornano e lui ci perde il cliente buzzurro ma “pregiato”.

Ma questo lavora da McDonalds! Che ha da perdere a lui personalmente se fanno le multe? Questo si e’ schierato contro la legge senza tornaconto personale, ma proprio di riflesso. Un comportamento tra l’infantile (arriva la maestra!) e il mafioso, come dice l’articolo. Roma fa veramente schifo, certe volte.

Anonimo ha detto...

è comunque strano, uno con la targa contraffatta se ne frega delle multe. l'ha cambiata proprio per quello!
Forse ha avuto paura della rimozione o forse, chissà cosa ci stava dentro a quella macchina

Anonimo ha detto...

Allora vediamo cosa c'entra lo street control:

1) se la targa e' vera e becchi multe a ripetizione, o ti passa la voglia oppure sei ricco sfondato;

2) risulta che lo street control sia collegato a database incrociati, quantomeno dell'assicurazione. Mi pare strano che uno vada in giro con targa falsa, ma paghi regolarmente RCA, quindi la macchina sarebbe stata segnalata comunque;

3) quand'anche non fosse collegata a nessun database (ma abbiamo detto che cosi e'), se dallo street control vedi che c'e un auto da multare, ma poi non trovi la targa nel PRA, non ci vuole un genio per capire che quell'auto non puo circolare. Non gli arrivera la multa, ma l'auto verra segnalata e se i VVUU fanno il loro mestiere, l'auto la beccheranno comunque.

Anonimo ha detto...

1) L'rca viene pagata in base ad un libretto di circolazione: io metto una falsa targa sulla mia vettura (di un veicolo assicurato) e la passo liscia perchè si incrocia targa/rca (non telaio).
2) la targa nel pra la trovi, solo che è di un altro, quindi la sanzione se la becca quest ultimo.
Ripeto: cosa c'entra lo street control in questa situazione?

Caterpillar ha detto...

I sindacati che remano contro lo street control sono inqualificabili

Anonimo ha detto...

Ma sta gente che non approva FINALMENTE che i vigili facciano il LORO LAVORO, chi diavolo sono?

Intanto, ALLUCINANTE, guardate qui.

http://foto.ilmessaggero.it/cronaca/fermata-nomade-con-bimba-narcotizzata-toiati/0-55246.shtml#2

Anonimo ha detto...

Scusa, ma sei io voglio fare un preventivo online del RCA mi basta mettere la targa e compaiono i dati dell'auto inclusi marca e modello.

Se nella foto c'e' una Punto e al PRA la targa e' collegata a una Mercedes per esempio, ti pare che non gli sorge un dubbio sulla clonazione della targa?

Anonimo ha detto...

roma fa schifo
roma è mafiosa e marcia, dai cartelloni alle bancarelle
roma è giusto che stia in questo bronx
e andrà sempre peggio.
una volta un idiota replicò a queste parole con un amen. forse lui è contento di vivere in questa monnezza

Anonimo ha detto...

come dice bat21, ma siete tutti statali? invece di lavorare state a scrivere a quest'ora?

Anonimo ha detto...

Il problema è che la multa non è elevata in tempo reale, come per l'autovelox i dati vengono scaricati a fine servizio.

Anonimo ha detto...

E non te li puoi segnare ex post i dati di quella targa e immetterli nel programma che gestisce lo street control cosicche quando uno street control vede quella targa scatta un allerta? A quel punto i VVUU si ferman e fanno gli accertamenti del caso.

Non mi pare una procedura da fantascienza

Anonimo ha detto...

Ancora? L'unico corpo che ha in tempo reale le informazioni su targhe e o veicoli rubati o contraffatti sono i carabinieri, e neanche su tutte le pattuglie solo su quelle di radiomobile.
Ricordatevelo bella gente.

Anonimo ha detto...

Pura illusione, lo street control costerà milioni di euro al comune di Roma e rimarrà in garage per il 99% del tempo...
Senza contare quante multe non verranno pagate.
Si ingolferanno di ricorsi Prefettura e GDP senza avere modo di rispondere nei tempi e le multe decadranno...voilà.

Anonimo ha detto...

Hai ragione, non facciamole proprio le multe cosi facciamo ancora prima. Infatti non arrestiamo neanche piu i criminali...

Ho deciso che non paghero neanche piu i vostri conti. Intanto mi dovrete fare causa, i tribunali si intaseranno e il debito si prescrivera.

Anonimo ha detto...

12:07

quindi io posso scoprire i modelli delle auto su internet ma i VVUU non possono? interessante...

Getup ha detto...

Boh... Io mi reputo una persona onesta, corretta, molto più internazionale di molti miei concittadini (e questo perché ho sempre molto viaggiato ed appreso da diverse culture), amo le culture tedesche ed inglesi, quando mi accorgo che c'è un parcheggiatore abusivo non parcheggio mai e mi sposto sempre per non alimentare il loro racket, eppure io non comprendo minimamente questa goduria che voi provate ogni volta che si parla di multe. Cioè voi ci godete in una maniera assurda! Volete saperla tutta?! Anche io, fossi stato all'ingresso di un esercizio, avrei avvisato chi fosse dentro che i vigili stavano facendo una multa... Ma non perché il sistema mi ha corrotto, sono un mafioso, vedo la Polizia come un nemico od altre vostre classiche accuse, ma perché lì per lì è istintivo ed umano dare la notizia per non spendere tanti soldi per le multe... "Eh ma se le meritano, pagassero!" È vero, sono multe giustissime, eppure proprio perché non godo nel vedere gli altri pagare le multe, anche se sono in torto, umanamente mi verrebbe automatico avvisare. Anche perché multa o non multa una persona dopo aver visto la Polizia fare i controlli sarà già più titubante a parcheggiare in doppia fila... Per carità, non conosco nessuno di voi di persona, però devo dire che da alcuni commenti (ad esempio quando c'è la foto di un macchinone c'è il classico commento che spera paghi cosi tante multe da andare sul lastrico: ma perché?!) avrei paura a conoscervi, ad avervi come amico, perché alle volte mi sembrate quelle persone che sperano il peggio alle spalle dei conoscenti e godono per ogni cosa negativa capiti a loro, perché "se lo meritano". Per carità, magari sbaglierò, ma alcuni dei commenti che leggo mi sembrano di questa tendenza... Però vai, ora datemi del romano aho burino (cosa che non sono per niente)!
P.S. Ovviamente poi per come è andata a finire questo ragazzo è un vero criminale, è un caso a parte, massima solidarietà comunque per i vigili feriti.

Anonimo ha detto...

Sei sicuro di avere introiettato la cultura tedesca e inglese?

Per avere copiato parti di una tesi, il Ministro della difesa tedesco si e' dovuto dimettere.
Per aver messo sulla nota spese un film porno un deputato inglese si e' dovuto dimettere.
In quelle culture chi sbaglia paga (forse troppo).

Qui non si gode per le multe che la gente prende/prendera. Si gode che le regole vengano applicate e che magari domani le strade saranno piu libere.

Le multe qui non sono il fine di nessuno, sono il mezzo per una citta appena piu decente.

Amico anglofilo, magari c'e' stato un malinteso, ma noi ci auguriamo che le multe non ci siano proprio! Vorrebbe dire che le strade sono tornate legali. Tutto qui

Anonimo ha detto...

12:20 PM, finalmente si legge,vera rarità, un commento obbiettivo e reale.

Matteo ha detto...

Esperienza a Berlino: parcheggio velocemente in una via secondaria in divieto di sosta, in un punto in cui non dava grossi problemi ma che comunque era ben segnalato come vietato. Tornando verso la macchina dopo pochi minuti trovo un carroattrezzi che proprio nel momento in cui sta per fissare le ruote della macchina per portarla via. Parlo con i due addetti e mi vengono date due possibilità: o pagare subito una tariffa "ridotta" o ritirare più tardi al deposito la macchina a tariffa piena. Pago subito: sono 100 e passa euro e mi viene rilasciata la ricevuta. Da quel giorno non mi è passata nemmeno nell'anticamera del cervello di parcheggiare in divieto di sosta.

Ecco, allora mi chiedo, come mai a Roma -almeno da quanto ne so io- non viene data l'opportunità a ditte di rimozione di veicoli in sosta vietata di utilizzare questo sistema? Da parte di queste ditte ci sarebbe l'interesse di rimuovere più auto possibile e la città ne gioverebbe. Perché no quindi?

Anonimo ha detto...

Perche gli direbbero che e' un metodo repressivo nazista...

Anonimo ha detto...

ragazzi stasera visita gratis dal psicologo! speriamo solo che ce la faccia con una sola seduta, alcuni casi mi sembrano davvero gravi. andateci è gratis!

Anonimo ha detto...

A) tanti anni fa si vedevano carri attrezzi e ganasce, poi deve essere successo qualcosa perché sono spariti...qualcosa tipo ricorsetto "mo comune ti rompo il culo perché mi hai preso la macchina e io dovevo correre al pronto soccorso"...oppure qualche assessore demente che li ha fatti eliminare non lo so...
B) Matteo delle 12:35 centrato il problema, vedasi semafori con telecamere (piazza Pio XI) tutti fermi al giallo (paura eh una bella multazza da 100 euri)
C) tutti allarmati esagitati terrorizzati da sto cazzo de Street control...ma se uno c'ha la coscienza pulita di che si deve temere?
FINALMENTE NON MI SENTIRO' PIU' L'UNICA CRETINA CHE CERCA SEMPRE PARCHEGGIO PURE SE DEVO RITIRARE UNA CAZZATA IN TINTORIA!!!!

Getup ha detto...

12:31, comprendo e condivido la tua risposta, semplicemente perché non hai lasciato trasparire quel senso di goduria per le multe ricevute del quale parlavo!
Vorrei farvi capire quello che intendo io, perché se no erroneamente posso sembrare uno che parla parla ma alla fine del rispetto delle regole nemmeno gli interessa:

immaginate che voi siete sulla soglia di ingresso di un negozio, non vi sono parcheggi liberi ed una signora si accosta con le quattro frecce e parcheggia in doppia fila. Entra nel negozio quando ad un tratto voi vedete i Vigili alla fine della strada che si avvicinano sempre di più alla macchina. Vi girate verso il negozio e vedete che la signora sta finendo di pagare. Cosa provate in quel momento!? Sperate che i Vigili abbiano un passo più veloce della signora che sta uscendo dal negozio? Sperate che la signora abbia un passo più veloce dei Vigili e riesca a salire in macchina prima che questi arrivino? Oppure siete totalmente indifferenti?!
Le persone che descrivevo prima sceglierebbero la prima, farebbero tutti gli scongiuri possibili per far avvicinare per primi i Vigili all'auto, ed una volta preso il blocchetto delle multe avrebbero anche un senso di goduria non indifferente. Qui non si sta parlando di rispetto delle regole, qui si sta parlando di goduria per la punizione.

Cosa avrei scelto io?! Molto probabilmente la terza opzione, oppure la seconda ma solamente se la signora si fosse resa conto di averla scampata per un pelo, proprio perché comunque ricordandosi dei Vigili che le stavano per fare 50 euro di multa, avrebbe comunque assunto un comportamento più corretto.
E non è utopia, nella mia vita un paio di volte è capitato che scampassi a 2 multe per 2 comportamenti errati avuti in macchina, i Vigili hanno deciso di chiudere un occhio ed io comunque non l'ho mai più fatto.

samantha ha detto...

Mi permetto di dissentire. La bassezza di questo articolo mi fa schifo, insieme a Roma.
Lavoro in quel fast food, ero in turno. Non è nostra abitudine avvisare i clienti della presenza dei vigili urbani, non siamo ausiliari del traffico. La deduzione fatta guardando il video è più distorta di quanto facciate comprendere. COMPLIMENTI, bell'articolo, bel giornalismo. Rigirerò il link al licenziatario del ristorante.

Anonimo ha detto...

Getup, scusa una domanda perché un po' non capisco quello che cerchi di spiegare. Io se parcheggio in doppia fila lo so che sto facendo una cosa che non si deve fare quindi non mi aspetto che qualcuno sia così buono da avvisarmi, l'0unica cosa che posso aspettarmi è o una multa o qualche vaffa...viceversa se vedo che stanno a fare una multa a qualcuno resto indifferente non sento ne goduria ne dovere di avvisarlo, sono fatti suoi...e in ogni caso preferisco non essere "complice" di comportamenti poco corretti......

Anonimo ha detto...

Chi fa la spia non è figlio di Maria,. non è figlio di Gesù. e quando muore va laggiù

Anonimo ha detto...

Se lo street control parte scompariranno le auto con targa regolare in doppia fila. Rimarranno in doppia fila solo le auto con targa tarocca che così sarà facilissimo identificare. Inoltre se ci sono 1000 abusi è fisiologico che arrivi subito il 1001°. Se gli abusi sono zero è molto più difficile che qualcuno inizi. Vedi a che serve lo street control?

Anonimo ha detto...

@12:47 PM
Tranquilla, per fortuna non sei l'unica cretina. Siamo almeno in due... Il parcheggio regolare lo trova solo chi lo cerca. W i cretini!!!

paola ha detto...

Tanto per dimostrare coem funziona Roma , questa e una ultima ora del Messaggero :
Doppie file, arriva lo street control
Nella prima giornata 500 verbali, ma saranno cestinati perché la procedura è ancora in una fase sperimentale

Anonimo ha detto...

@ 1:43 PM che bello siamo almeno 2!!! :))
gli altri 1254879.000000 stanno i doppia fila ahahahah
...sogno una città pulita, ordinata, curata, senza feccia mendicante...e io cerco di fare qualcosa nel mio piccolo quello che posso....

Anonimo ha detto...

Roba di 15 minuti fa, taxi messo "un attimino" in diagonale blocca pullman su via di porta pinciana, poco prima di via lombardia. Pullman suona al tassista che scende dall'auto per indicare ai passeggeri un albergo su via lombardia. Poi con comodo i 3 fanno ritorno all'auto e con una flemma sesquipedale il tassista procede nel tirare fuori le valige dal bagagliaio e farsi pagare, con molta tranquillità. Morale della favola, per sto stronzo la fila è arrivata agli archi di porta pnciana con 4 bus GT dentro. Bella Romma

Anonimo ha detto...

12:59 mi sa che te in Inghilterra ci devi tornare, che la prima volta non ti e’ servito. Qui a migliaia denunciano al fisco il fratello o l’amico elettricista che fa i lavori in nero, o il vicino che riceve il sussidio di disoccupazione quando non ne ha diritto. Figurati avvisare i maghinari (peraltro rari) che stanno facendo le multe. Ma non gli viene nemmeno in mente.

Qui non e’ questione di goduria, sei tu che ti impietosisci per la causa sbagliata. Prendiamo il tuo esempio e rendiamolo un po’ piu’ concreto. Parcheggiando in doppia fila, la signora ha bloccato un autobus che le sta dietro, o causato una strozzatura e rallentato il traffico dietro. A questo non ci pensi?

Le vittime del far west a Roma sono i piu’ deboli, ovvero chi non ha alternative al trasporto pubblico, e i pochi fessi onesti che seguono le regole scavalcati da tutti gli altri. Sono queste le persone che hanno bisogno di solidarieta’, non chi parcheggi ain doppia fila.

Anonimo ha detto...

Per samantha:

Questo poi e’ un tabu’ parallelo – POTREBBE PERDERE IL LAVORO! Ovvero il licenziamento brandito come se fosse una canagliata.
Si’, forse in certi casi quando uno si comporta male (per esempio ostacolando la legge mentre indossa la divisa del ristorante) potrebbe essere licenziato. In altri paesi succede, pensa. Magari se si facesse piu’ spesso anche a Roma tante cose andrebbero meglio.

Poi sul fraintendimento, tutto e’ possibile. Se magari ci vuoi spiegare cosa e’ successo davvero…

Anonimo ha detto...

Ho letto i commenti di ieri e quelli di oggi e deduco che:
- rfs è per lo street control ripetendo che lo vogliono perché loro sono per il rispetto delle regole, come se tutti gli altri che sono contrari siano obbligatoriamente tutti farabutti
- poi ci sono i tanti che non sono di rfs, rispettosi per le regole, ma contrari allo street control.
- poi ci sono la grossa parte di romani che non scrivono su questo blog
Io sono contrario alle iniziative di rfs, ritengo di essere una persona corretta, ma sono contrario allo street control per le multe a raffica e per il parcheggio a pagamento ( ancor più con gli importi nuovi dell'ultimo momento ).
Uso sempre per necessità personali la mia auto ed odio, per i soliti motivi, i mezzi di trasporto in superficie.
Quello che mi fa più schifo che, parlo con certezza, commentatori a favore di rfs che sponsorizzano " street control - parcheggi a pagamento, anche cari - multe a raffiche " non hanno l'auto ( quando gli serve se la fanno prestare o si fanno scorrazzare dai taxi perché hanno buona disponibilità economica ) e parcheggiavano fino a poco tempo fa ( lo faranno ancora ? ) in sosta selvaggia.
ragazzi ma stiamo a parlare seriamente o stiamo a scherzare " diciamo "?
qualcun altro direbbe “ ma ci stiamo a prendere per culo? “
come era scritto in un commento di ieri, quando si vuol commentare su questi tipi di argomenti il commentatore dovrebbe indicare alcuni dati per far capire la propria situazione relativa al problema.

Anonimo ha detto...

saranno pure giorni di fase sperimentale, ma quando partirà ufficialmente saranno 20.000euro di multe all'ora per ogni pattuglia :)
rispondo all'unica persona che si stupisce di chi gode a sapere che fanno le multe agli incivili: IO GODO!!!!!!!! :D
stavolta bravo Clemente. 10 e lode.
sta ingranando. quando c'è da criticare si criticare e quando c'è da lodare si loda.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/10/10/news/contro_la_sosta_in_doppia_fila_il_vigile_urbano_ti_fa_la_foto_ventimila_euro_di_multe_in_un_ora-97743069/

Anonimo ha detto...

La doppia fila è VIETATA, punto, fine dei vostri giochetti anti street control. Se temete lo street control è SOLO perché siete trasgressori del CdS, se no lo vorreste anche voi se foste perte dei pochi onesti che si pagano il parcheggio o prendono i mezzi.
Denunciare la doppia fila e augurarsi che sia punita è un bene per la città intera, snellisce il traffico, riporta il cittadino a percepire PRESENZA DELLO STATO (perché qui degeneriamo proprio, la gente ormai butta divani ai cassonetti, installa cartelloni 4x3 a piacimento, va in giro a menare i passanti per divertimento, cazzo!)e rende il mezzo pubblico di superficie molto più efficiente.
Alla fine ci guadagnamo tutti a rispettare le regole, tutti tranne quei pochi stronzi che fanno i prepotenti, ergo: FORZA STREET CONTROL!

Anonimo ha detto...

@ 2:39 PM

Sei un disco rotto almeno quanto RFS.
Nessuno ti proibisce di usare la macchina, ma non devi parcheggiare in divieto! E' difficile da capire? Se non parcheggi in divieto sei una persona corretta, altrimenti non te lo puoi dire da solo. Non e' che se uno crede di essere bello come brad pitt e lo ripete all'inifinito lo diventa.

Se parcheggi bene, non avrai problemi con lo street control.

Sarebbe come dire: sono una persona corretta, ma a volte non mi va di pagare il biglietto della metro, mi oppongo ai controllori. Suonerebbe grottesco

Anonimo ha detto...

2:48 PM, siamo in tanti che ci stupiamo di chi gode a sapere che fanno le multe agli incivili ( meglio dire a PERSONE " incivili - farabutti - brave PERSONE - PERSONE oneste - PERSONE che parcheggiano male per necessità - e tante altre tipo di PERSONE .
Non ti dico altro ma rifletti su quello che potrei dirti se scendessi al tuo livello!
sono una persona onesta più di quanto tu possa immaginare ( anche a parere degli altri )ma contraria allo street control.
punto!

Anonimo ha detto...

Se vi sono arrivate di recente contravvenzioni per divieto di sosta prese con lo Street Control, potrebbero essere annullate. Lo afferma il ministero dei Trasporti, con parere n. 4719 del 20 settembre 2011 riferendosi a tutte quelle infrazioni segnalate dal dispositivo con la telecamera, grande come un ipad ed installato comunemente dentro le auto della polizia urbana. Le multe più gettonate dal terminale per il “controllo di via” sono quelle per la sosta in doppia fila: 40 + 15 euro di notifica del verbale, per un totale di 55 euro. Come ben sanno per esempio a Palermo, dove il mese scorso tali aggeggi ai più distratti autisti siciliani, hanno appioppato quasi 1.700 multe in appena 5 giorni. Il ministero dei Trasporti, come premessa, richiama l'Art. 201, comma 1 bis del Codice della strada, secondo il quale: "Le violazioni al divieto di sosta possono dar luogo alla contestazione non immediata nel caso di accertamento in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo". Il verbale può cioè essere inviato a casa del proprietario del mezzo se, al momento dell'accertamento, non c'è il trasgressore (contestazione differita dell'infrazione). Se invece il guidatore c'è, allora la contestazione è immediata ed il verbale viene consegnato subito nelle mani dell'automobilista birbaccione. La nota del ministero precisa inoltre che: "Tali sistemi di videosorveglianza, mentre possono essere idonei a dimostrare l'avvenuta violazione, non risultano idonei a dimostrare l'assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo, circostanza che può essere accertata solo dall'intervento diretto degli organi di Polizia e pertanto non risulterebbe giustificata la contestazione non immediata". Ovvero lo Street Control dimostra l'infrazione per sosta in doppia fila, ma non dimostra l'assenza del trasgressore, che può essere accertata solo dai vigili. Quindi, la contestazione non immediata (differita, con multa a casa) non è giustificata, non è valida se il vigile non ha individuato immediatamente il trasgressore. Non basterebbe, quindi, la foto che l'operatore dello Street Control esegue anche al posto guida vuoto. Sarà pure un parere non vincolante per i Comuni, ma quelle del ministero sono parole “pesantissime”. Qualora i Comuni si malvolentieri si adeguassero, sarebbero obbligati a verificare, auto per auto, se l'automobilista è in macchina o nei paraggi e dovrebbero ricercare il colpevole per effettuare la contestazione immediata, più o meno come avviene oggi con il metodo "tradizionale". E allora, la domanda sorge spontanea: “A cosa serve tutta questa tecnologia, se il tempo guadagnato con lo Street Control, viene perso per la ricerca del trasgressore?”. Non sappiamo se tali sofisticati marchingegni elettronici "sparamulte" vengano utilizzati dai comuni sempre e solo per incrementare il gettito, di sicuro, la sosta in doppia e tripla fila è un'infrazione odiosa, perché oltre a rallentare il traffico, può anche essere d'ostacolo ai mezzi di soccorso, quindi molto pericolosa per la sicurezza stradale. Resta da vedere se e come le pubbliche amministrazioni, in tempi di crisi "nera" come questi, reagiranno al parere ministeriale, perchè siam certi che tutti o quasi gli automobilisti "presi in posa", agirebbero nell'immediato per vie legali, ricorrendo al Giudice di Pace con l'elevata probabilità di vincere agevolmente la causa e di vedersi annullata la multa.

Anonimo ha detto...

Troppo lungo ilpost precedente ma noto come ci si rivolga sempre al giudice per avere un voce amicia quando si sa che si a' in torto e il giudice solerte trovera un cavillo.

Poi non vi meravigliate quando non puniscono i criminali. E' lo stesso modo di pensare: non ho fatto una cosa cosi grave, ti assolvo stai tranquillo

Anonimo ha detto...

Non ha senso, ciò che hai scritto è che sei onesto più di quanto 2:48 creda, ma se parcheggi "male per necessità" stai comunque infrangendo la legge. Tutti avrebbero qualche necessità per parcheggiare male, che credi che gli onesti (veri non i ciarlatani come te) siano scemi che parcheggiano a 300m da dove devono andare, per giunta pagando?!
Roba da pazzi! Se lo spieghi all'estero non ci credono, gli Italiani (Romani in primis) sono un popolo di buffoni. Purtroppo star convinti di essere nella ragione.
Il singolo viene dopo la collettività, imparate questo!

Anonimo ha detto...

3:16 PM, non esiste colloquio e fate sempre finta di non capire!
cazzone anche io vado a parcheggiare a 300 metri, quando non lo trovo vicino, ma a volte quando vai di fretta non lo trovi ne a 300 metri, ma ancor più lontano, ed anche i parcheggi a pagamento trovi pieni, ma dove caxxo vivi a Roma o in un paese?
parli dell'estero? tu da come parli non sei uscito più di 1 km dalla tua campagna ne sono certo!
il singolo vive in una collettività e fa parte di una collettività ricordatelo tu caro orso solitario!
tu saresti una mente aperta? tu sei ottuso e pure forte!

Anonimo ha detto...

Aho, nunmecacaercazzo

Anonimo ha detto...

sono contro lo street control! parcheggio di solito sulle strisce blu ma a volte, quando non trovo posto e a Roma mi succede spesso, parcheggio dove capita senza però mai intralciare niente e nessuno. non trovo giusto che in giro ci siano gli avvoltoi che come vedono un'auto fuori posto la multano anche perchè i mezzi sono in stato precario e i posti per parcheggiare sono pochi.
utilizzo l'auto sempre per necessità!

Anonimo ha detto...

Un classico romano. Come fai a scrivere una frase del genere? Magari era milanese, napoletano o messinese. Eppure scrivi: Un classico romano.. Siete i soliti conigli. Fate tutto questo per soldi (visto la pubblicità nel vostro blog e la richiesta di soldi per processi). Siete scandalosi.

Anonimo ha detto...

sono contro lo street control! parcheggio di solito sulle strisce blu ma a volte, quando non trovo posto e a Roma mi succede spesso, parcheggio dove capita senza però mai intralciare niente e nessuno. non trovo giusto che in giro ci siano gli avvoltoi che come vedono un'auto fuori posto la multano anche perchè i mezzi di trasposrto sono in stato precario e i posti per parcheggiare sono pochi.
utilizzo l'auto sempre per necessità!
Michele

Anonimo ha detto...

Hai ragione Michele,
tu lo fai per necessita, io per bisogno, quello per opportunita, quell'altro per le sue ragioni, quello per emergenza...

Anonimo ha detto...

Oggi ho fatto una bella scoperta, ho conosciuto 2 famiglie che scrivono su rfs e sono promotori dello street control e delle multe all'impazzataa agli automobilisti che parcheggiato male a Roma. Sapete dove abitano? Al centro di Roma! Sapete come parcheggiato? Permesso residenti! Sapete la primè parole che mi sono uscite dalla bocca? Grazie al caxxo che vogliono lo Street control! Quanti promotori dello Street control, che scrivono su questo blog, sono in questa situazione? Scusate mi vien da ripeterla: grazie al caxxo che non volete lo Street control!
Dimenticavo una persona di quelle due famiglie si muove sempre e solo in auto!

Anonimo ha detto...

Oggi ho fatto una bella scoperta, ho conosciuto 2 famiglie che scrivono su rfs e sono promotori dello street control e delle multe all'impazzata agli automobilisti che parcheggiano male a Roma. Sapete dove abitano? Al centro di Roma! Sapete come parcheggiano? Permesso residenti! Sono anche promotori dei parcheggi a tutti i residenti anche per piu' auto! Sapete le prime parole che mi sono uscite dalla bocca? Grazie al caxxo che vogliono lo Street control! Quanti promotori dello Street control, che scrivono su questo blog, sono in questa situazione? Scusate mi vien da ripeterla: grazie al caxxo che non volete lo Street control!
Dimenticavo una persona di quelle due famiglie si muove sempre e solo in auto!

Anonimo ha detto...

Comunque il fatto è avvenuto il 18 settembre. Ma si sono svegliati adesso?
Sempre a scoppio ritardato.

Anonimo ha detto...

MA SE AVEVA LA TARGA CONTRAFFATTA!!! CHE CAZZO STREETCONTROLLI FAVA!!!!

claudio ha detto...

lo street control prende la targa e identifica tutto quello che riguarda l'auto..assicurazione bollo ecc...porelli dopo la rapina del bollo e dell'assinculazione e che non gliela vuoi pagare la multarella..?? ma si dai facciamo mangiare pure il comune e il comandante "sgombratavoli"

Anonimo ha detto...

Questa è solo un millesimo de tutte le storie che me racconta mi' sorella da quanno è entrata nii viggili (1991).

Voi nun potete capì l'intrallazzi, le minacce (minacce co ' la "i" o senza nu mooò ricordo...vabbè...) le murte fatte che nun ariveranno mai, stracciate dar collega compiacente..."si nz'aiutamo tra noi de 'sto core de Roma".


Deve succede solo 'na cosa. Er petrojo coo danno ai cinesi che qui too fanno pagà 50 vòrte deppiù si lo voi...

Guarda i greci...che anno fatto quanno se stavano ammagnà l'erba dii spartictraffico? Sò iti ar PRA a riconsegnà le traghe...
Quanno capiterà 'na cosa der genere co l'esercito a presidià le pompe de benzina co li cadaveri pe' strada e Roma come Sarajevo vent'anni fa...vedrai che il tamarro nun c'è va più ar Mecche Donald's...

Addavenì quer giorno e quaa sera io sto aspettà, sai quanto godo.

Piate l'85 aa prossima vòrta e moritece co s'te maghine


Tramvinicyus TPL Enthusiast


Trasporto Pubblico Urbano primo Soccial Network della storia (1845)

Anonimo ha detto...

togliete quei video che partono da soli dalla prima pagina!!!!
mettete foto più piccole!

La banda si paga!!!!

fate le pagine internet come guidate le biciclette!!!

Andrea ha detto...

Ma ancora non l'hanno preso?

Anonimo ha detto...

So di pensarla diversamente, ma pazienza.
Da come descrivete sembra che il reato più grave sia la sosta in doppia fila, quando invece si sta parlando di un uomo che ha investito volontariamente due vigili che stavano facendo il loro lavoro.
Ha avuto purtroppo la sfiga che i vigili sono arrivati esattamente nei due minuti in cui era dentro.
La doppia fila non c'entra niente! Questo è un fatto ben più grave che dimostra come ormai la criminalità ed il degrado sociale si stiano diffondendo. La gente non ci sta più con la testa.
E poi, per il lettore che parlava di Berlino.
La differenza fra le due città è che a Berlino è possibile trovare parcheggio.

Anonimo ha detto...

Quindi, nella vostra mentalità, se invito uno che parcheggia in doppia fila a spostare l'auto per evitare la multa sono un mafioso? Che blog de frustrati!

ShareThis