Due settimane in Polonia. Il grande reportage (che, manco a dirlo, ci fa vergognare di essere Italiani)

3 settembre 2012
Varsavia, questi sono gli esercizi commerciali nei grandi parchi della capitale. Tali e quali alle nostre 'tredicine' di cui è cosparsa Villa Borghese, no!?


Impeccabile il nuovissimo aeroporto di Poznan


Poznan: wi fi per strada e segnaletica di qualità dovunque...


Poznan. Questo non è un parco, è uno spartitraffico in una strada a quattro corsie. Sì, lì dove noi mettiamo parcheggi alla rinfusa, sterrati polverosi e cartelloni abusivi gestiti dalla mafia. In Polonia ci fanno un giardino lineare...


Poznan. Arredo urbano, orecchie, paletti...


Piazza completamente pedonalizzata. Nuovi arredi, verde, tram...


...a proposito: è piuttosto semplice non fare entrare le auto nei percorsi dei tram. Basta fare delle parti solo a rotaia. A Poznan (ma anche a Milano) lo hanno capito


Poznan, piazza della Libertà. Sopra aiuole e pedoni: le auto stanno sotto, nel grande parcheggio interrato.


Ancora uno spartitraffico a Poznan


Strepitosi e impeccabili i parchi pubblici in tutta la Polonia


Torun, pedonalizzazioni dovunque e segnaletica turistica


Torun: bancarelle per turisti, tutte uguali: stessa forma, stessi materiali. Tutto organizzato


Idem quelle dei fiorai


A Varsavia è l'Astaldi, ditta italiana, che lavora alla seconda linea della metropolitana. E il cantiere è aperto anche di notte


Varsavia, ottima anche qui la segnaletica turistica


La strada più elegante di Varsavia, la loro Via Veneto. Beh, imparagonabile...


...imparagonabile!


...sempre più imparagonabile. Guardate i chioschi!!! E, a proposito, vedete sosta selvaggia, cartelloni abusivi...?


Buona idea, a Varsavia, per ridurre la carreggiata e rendere impossibile la sosta selvaggia: la parte centrale è stata isolata


Arredo urbano, regole (e semafori a led dovunque!). Varsavia


Periferia di Varsavia, quartieri difficili, ma grande decoro e nuovissime tramvie


Un matrimonio e gli sposi hanno chiesto ad un bus di linea di portare gli ospiti, così non c'è lo sciatto asserragliamento di auto


Ad un locale è stata assegnata una aiuola pubblica: se la manutieni e mi paghi, per qualche mese lo puoi pure fare...




Tante ciclabili


Ancora un locale che ha chiesto di gestire e valorizzare una parte di parco pubblico. Da noi sarebbe successo un caso nazionale, avrebbero parlato di privatizzazione, si sarebbe mosso il Capo dello Stato. Per i parchi che affondano nel degrado e vanno a fuoco, però, non si muove nessuno


Ancora l'elegante ristorante e il suo dehor, nei quartieri bene di Varsavia


Cracovia e le sue corsie preferenziali. Che invidia!


In Polonia il parcheggio è dovunque a pagamento -come è ovvio che sia- a Cracovia le belle colonnine sono prodotte dalla Solari, ditta italiana di Udine


L'impeccabile arredo urbano di Breslavia


Il biglietto tranquillamente a bordo con carda di credito


La stupenda sistemazione esterna della Stazione Centrale di Breslavia


Panchine, arredi, aiuole a forma di duna


Bellissimi impianti di illuminazione. Una enorme area pedonale dove è impossibile, fisicamente, avvicinarsi in auto. La stazione è in un'oasi di tranquillità e rispetto...


Di lato c'è l'entrata del parcheggio interrato dove si può entrare sia per posteggiare sia per il kiss&ride


Dove in Italia preferiamo la quarta fila e il volgarissimo tetris di auto, in Polonia fanno giochi d'acqua


A Breslavia la città ti dice dove sono i parcheggi, quanti posti hanno e quanto distano. Ovviamente parcheggi interrati!


Perché in tutta la città è vietato parcheggiare, salvo diversa indicazione. Questo cartello basterebbe a Roma per rendere fuorilegge tutte le auto sugli spartitraffico, in curva, in aree prive di segnaletica orizzontale: si parcheggia solo dove è espressamente consentito farlo, tutto il resto è divieto!

27 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

caro Tonelli, visto che sei un esperto di arte e di decoro urbano, spiegaci cosa ne pensi di Umberto Broccoli e su quanto apparso sull'espresso n.36 u.s.
"Roma si sbriciola, viene giù pure il pincio, colpa della neve, assicura il sovraintendente, prima di tornare a curare le rubriche sulle canzoni e il sito dove si fa ritrarre con Alemanno e Zingaretti (previdente). E in cui scrive: i muri millenari stanno la per crollare: è il loro mestiere. Broccoli, invece, non cede mai. Nulla.

Massimiliano Tonelli ha detto...

Bah, mi pare troppo semplice prendersela con Boroccoli. Che pure non è un genio, ma insomma... Ad ogni modo non sono bene accetti commenti fuori tema. Questo post è dedicato ad un confronto tra Roma e le città della Polonia.

Guido Costantini ha detto...

Per chi (come me all'inizio) non lo sapesse, il Kiss&Ride è la possibilità data ai genitori che devono lasciare i figli di parcheggiare in un luogo A da cui facilmente tramite mezzi si raggiungono i luoghi dove sono le scuole... piuttosto che la quarta fila con carpiato che fra un paio di settimane si presenterà di fronte a tutte le scuole elementari e medie inferiori della nostra città.

l'uomo invivibile ha detto...

non so se tutte le città della polonia sono organizzate e curate come si vede nelle foto. di certo, anche a voler cercare tra le nuovissime opere ed i quartieri più moderni edlla capitale, sarebbe molto difficile trovare 20/30 foto di roma da poter postare in risposta a queste. davvero imbarazzante...

Anonimo ha detto...

Oramai questi post sono quasi superflui nel senso che Roma perde il confronto con QUALSIASI città europea e non Roma è oramai una zingaropoli a cielo aperto un grande campo nomadi dove non c'è legge ed ognuno fa ciò che vuole. La situazione può solo che peggiorare sembra che non ci sia più speranza per Roma.

Nonostante l'ottimo lavoro di questi blog antidegrado che seguo con molto piacere e che spero vivamente contiuni, è sotto gli occhi di tutti che la situazione a Roma è pramai fuori controllo da un bel pezzo...

Anonimo ha detto...

beati loro, poracci noi

Anonimo ha detto...

ma nemmeno un cartello di un comprooro lungo un marciapiede? un orologio "decorativo"? niente di niente?
ma come faranno sti polacchi ad andare avanti così?
sarà che io oramai so abituato e senza i comprooro non so più stare!
grazie Alemanno per l'eredità che ci lascerai. i romani saranno riconoscenti.
talmente riconoscenti che perfino uno come Berlusconi ti ha oggi consigliato di non provare nemmeno a ricandidarti nel 2013.

Anonimo ha detto...

Molto belle le foto, ci andrò presto a visitare quei posti.
Solo una cosa, forse banale, qui a Roma è possibile secondo voi fare molti parcheggi sotterranei? Secondo me no.

Massimiliano Tonelli ha detto...

Scherzi? Abbiamo fatto il tunnel sotto la Manica, siamo andati sulla Luna e non possiamo costruire un garage a Roma?

Anonimo ha detto...

io aggiungerei un bel "grazie al cazzo", visto che sono appena stati disputati gli Europei...

...ricordando sempre che anche lì, come in tutta l'europa dell'est, i randagi vengono bruciati vivi...

...detto questo, che Roma faccia schifo è palese, ma se tanto mi dà tanto...

Massimiliano Tonelli ha detto...

Se è per questo noi abbiamo avuto addirittura i mondiali: è stato sistemato qualcosa?

Anonimo ha detto...

L'argomento degli Europei solleva un'altra tematica disastrosa per Roma: le occasioni sprecate. Solo negli ultimi anni: Mondiali calcio 1990, mondiali nuoto 1994, Giubileo 2000 (no, dico il Giubileo!), mondiali di nuoto 2009. Non mi ricordo eredità clamorose da tali eventi. Quanto ai parcheggi, concordo che si debba tentare di farli anche sotterranei: è possibile (v. Pza Cavour) ma quand'anche non si potesse farli sotterranei, perchè almeno non multipiano in alcune zone? In fin dei conti anche quando si scavano le fondazioni dei palazzi i famosi cocci dovrebbero emergere, ma non mi pare che per i palazzi ci facciamo tutti sti scrupoli, oppure tutti i palazzi di roma sono stati edificati su isole fortunate prive di reperti.

Anonimo ha detto...

fatevene una ragione
roma non sarà mai cosi
il romano medio è troppo stupido

Anonimo ha detto...

Un paragone che genera tristezza a non finire. Roma in mano a questa gente che non merita commento alcuno per la POCHEZZA con la quale ci ha "amministrati" (con gli ultimi anni di bordoni-alemanno si è toccato il BARATRO), ha perso anni e anni per tentare di rimettersi in una carreggiata di un perlomeno barlume di decoro ed europeità.

Questa gentaglia al comune va cacciata a pedate, in attesa di elezioni dove finalmente SPERO si voti gente qualificata, onesta, non politici di professione ma tecnici che sanno il loro mestiere o perlomeno sganciati dalle varie lobbies e circoli dalla dubbia, MOLTO DUBBIA, legalità.

Tety ha detto...

Se in Polonia non si schiattasse di freddo mi sarei già trasferito. Altri 5 anni e ci danno una pista su tutto.

Anonimo ha detto...

SBAVVVV....

Che cazzo di invidia.

Purtroppo ha ragione chi ha detto sopra che il romano medio è troppo stupido, non ci arriveremo mai...

Domenico ha detto...

Il problema è solo uno...fino a quando questi confronti impietosi continueranno a essere fatti solo su blog come questo (che merita tutta la mia ammirazione) e a essere letti da poche centinaia di persone (mentre le grandi testate continuano a ignorare il problema o a parlarne raramente), la massa continuerà a pensare che Roma è amegglio, la città più figa del mondo etc etc e le cose non cambieranno mai.
Ormai le uniche città cui possiamo confrontarci e uscirne meglio sono Napoli, Palermo, Il Cairo, New Dehli, e via dicendo.
In Europa non c'è storia, usciamo massacrati su tutto...
se non fosse per il fatto che i romani sono stati così grandi nel passato lasciandoci alcune tra le cose più belle di sempre, a roma non ci verrebbe più nessuno ormai...

Anonimo ha detto...

andate tutti in Polonia che si sta meglio!!!
portatevi anche il responsabile del blog con voi.
Se non vi piace più Roma, che fate ancora qui?
toglietevi di mezzo, cagasotto!!!

Anonimo ha detto...

33Non capisco dove i nostri amministratori vogliano arrivare, forse alla distruzzione totale della citta. Se Qualcuno va al Cairo per favore fate delle foto vorrei vedere se la città e tenuta meglio di Roma.

Anonimo ha detto...

Aho natece voi en polonia, noi stamo bbene qua co i zzingari che sdrusciano li carrelli pe strada, co la maghina che la parcheggio ndo cazzo me are, coi i cartelloni abbbusivi, che fanno morto niu iork.
Nagabbido. anvedi aho questi co sti cazzzo de blogghe

Anonimo ha detto...

una città così dovrebbe essere normale, per noi è qualcosa di meraviglioso e impossibile da raggiungere ma a pochi importa il degrado in cui stiamo sprofondando

Anonimo ha detto...

Mi è venuta la depressione...

Pensare che l'italiano è così ignorante che è convinto di essere evoluto...

guarda lì che sistema...

ma questi maledetti che ci amministrano sanno che in POLONIA, ripeto, POLONIA, hanno una situazione del genere???

Ma non si possono organizzare GITE DI ISTRUZIONE PER GLI AMMINISTRATORI!!!!

Fabio

Anonimo ha detto...

Guardate che la Polonia, a parte il periodo dell'invasione sovietica dove qualche sacca di degrado si è creata, è sempre stata una piccola Germania.
Imparagonabile.
Il romano medio vuole l'anarchia ed il sindaco di turno lo accontenta.
Il trevigiano medio vuole l'ordine ed il sindaco di turno lo accontenta.
Voi del blog non rappresentate il romano medio che tra le altre cose vuole sempre usare la macchina e desidera parcheggiarla dove gli pare.
Lucio

Anonimo ha detto...

...a Roma non ci sono romani medi,ma pecore sottomesse a furbetti compiacenti. In qualunque blog si parli,si invoca la rivoluzione,contro questa politica corrotta. Ma la rivoluzione non si combatte, mettendo sul piatto la civiltà degli altri,perchè il nostro sistema politico,se ne strafrega altamente. A questi signori,non interessa il nostro benessere,ma solo ed esclusivamente quello dalle loro famiglie allargate.
Quindi a che pro, pubblicare foto del genere, a farci girare di più le balle ?

Anonimo ha detto...

RIOMMA GABITALE D'ITAAAJAA ...ANNAMO A MENA A FROCI AR FLAMINIO CARICAAA!!!

Fabio Cagnetti ha detto...

c'è anche da dire che la Polonia è soprannominata "la Cina d'Europa" per l'inarrestabile crescita del suo PIL, inchiodata da oltre un decennio al +5% annuo, indipendentemente dalle congiunture internazionali.

Anonimo ha detto...

si belle foto, ma qui si bara.
Chiunque abbia girato la Polonia sa benissimo che basta voltare l'angolo per ritrovarsi da una meravigliosa piazza colorata ed elegante a un sobborgo fatiscente 29 di epoca sovietica.

ShareThis