Gente che su Facebook dichiara di voler uccidere i ciclisti. E poi continuate a non darci ragione quando vi diciamo che c'è in corso una guerra civile?

26 settembre 2012
Mando questa considerazione che un' "amica" su Facebook ha scritto. Roba dell'altro mondo. 

"A te, che la mattina alle 8 per tua fortuna non hai bisogno di lavorare e vai in bici sull 'Aurelia, già per questo ti odio! ma poi spiegami perché proprio sull'Aurelia? perché devi rompere le scatole a noi comuni mortali che sulla strada ci andiamo con la macchina?! ma dico io se vuoi andare in bici trasferisciti in un paesino! o vai sulla pista ciclabile! se è corta falla avanti e indietro fino a che non ti si smontano le ginocchia!! ma non stressare noi poveri cittadini che dobbiamo strare attenti a non toccarvi perché altrimenti ci fate passare i guai!! e poi se proprio volete pedalare sulle strade NON ROMPETE se di tanto in tanto uno di voi si ritrova come un gatto spiaccicato infondo OGNI SPORT HA IL SUO RISCHIO!!! QUINDI NON ROMPETEEEEEE….."

Giusto per rendersi conto cosa pensa la romanitas che al mattino tanto adora starsene accucciata al calduccio della propria automobile…
Simone B. 


*Simone, innanzitutto dacci subito il nome di questa tua amica su FB. Il nome!
-Roma fa schifo

34 commenti | dì la tua:

Gianluca ha detto...

E' inquietante notare che dice "... ma non stressare noi poveri cittadini che dobbiamo strare attenti a non toccarvi perché altrimenti ci fate passare i guai!!..."

Il suo unico problema e' il "dover stare attenta" come se normalmente non c'e' bisogno di esserlo.... Mah

Anonimo ha detto...

provate a passare a tor vergata, io lavoro alla fine, all'incrocio con la vermicino!! nonostante hanno una pista ciclabile che gira intorno la zona, che tra l'altro è larga 4 metri, e che io ho pagato, questi qui si mettono in massa e occupano almeno una corsia, tra l'altro fanno anche dei spostamenti laterali senza segnalarli è molte vole rischiano di essere presi!! le autorità dovrebbero imporgli di camminare sulla pista ciclabile almeno nelle ore di punta!

Anonimo ha detto...

@gianluca
ad un mio amico un ciclista, di una sessantina d'anni, si è praticamente buttato sul cofano. Lui andava piano ma il ciclista si è spostato all'improvviso senza segnalare e cosi lo ha preso in pieno... bene, ora gli deve dare a questo 20.000€!! ti sembra giusto?
Ah dimenticavo che in quel punto c'era la pista ciclabile!!!

Anonimo ha detto...

@anonimo 1 et 2: peste ciclabili? uuuhhhmmmm!......aaaahhh! ora ho capito....vi riferite a quelle stradine arancioni dove cagano i cani al guinzaglio (lungo quattro metri) piene di buche, radici che sbucano da ogni parte, foglie secche e scivolose, motorini che scorrazzano liberamente grazie all'assenza di opportune barriere e con uscite sul nulla?....la prossima volta lamentatevi con chi ha speso i vostri soldi a cavolo, invece di condannare i ciclisti perchè non usano le ciclabili. Le ciclabili sono obbligatorie? Ottimo, mettete i ciclisti nelle condizioni di usare quotidianamente invece che solo per far imparare ai nipotini di due anni come si va sulla motoretta elettrica!!! ecchecaz...!

Argo

Anonimo ha detto...

siccome a roma ci sono tutte queste piste ciclabili... Ma dove le vedete!? Cominciamo a lamentarci dei ciclisti, magari ci lamenteremo pure dei pedoni che camminano sul ciglio della strada, nove su dieci perchè non ci sono marciapiedi o perchè sono invasi da automobili o simili. Tra l'altro scusate il francesismo, ma come cazzo scrivete!? "dei spostamenti", "dovrebbero imporgli"...

Gabriele Massari ha detto...

Quanta ignoranza....

Io ne parlavo stamattina qui a lavoro. Se ci fossero davvero delle ciclabili degne di questo nome i 20km che separano ufficio da casa li percorrerei volentieri in bici.

Purtroppo non ne incrocio neanche 10 metri...

Anonimo ha detto...

I furbi di metro Piramide

http://video.repubblica.it/edizione/roma/i-furbi-di-metro-piramide/106010/104390

Roma fa schifo ha detto...

Basta con sto link di Repubblica!!! E' un nostro video che ci hanno sgraffignato. Eccolo
http://www.youtube.com/watch?v=jJMWiE2qlkI

Anonimo ha detto...

purtroppo anche i motociclisti sono prede di questi esaltati con le 4 ruote

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo di tor vergata

Caro anonimo, faccio parta di quella folta schiera di ciclisti che "invade" le strade di Tor vergata il sabato e la domenica mattina. Lo sai perchè non possiamo camminare sulla ciclabile? Perchè degli incivili ci scaricano i rifiuti, perchè è un tappeto di cacche di cane, perchè non è minimamente curata e le crepe nell'asfalto in alcuni punti sono larghe 3 dita.........
Poi voglio dire....i vialoni di Tor vergata sono sempre stati un punto di riferimento per i ciclisti della zona perchè sono larghi (2 corsie) ed è prevalentemente un percorso rettilineo......l'unico posto dove possiamo circolare in relativa tranquillità....ora vi da fastidio anche quei 3-4 km di strada dove giriamo? (ed avete 2 corsie di strada a vostra disposizione)LO sapete che la strada è di TUTTI (ciclisti e pedoni compresi) e non solo di voi automobilisti?...non vi sembra di esagerare?

Davide

Anonimo ha detto...

Macché esaltati. Capre, alle quali dovrebbe essere negata la patente per carenza intellettiva.

Anonimo ha detto...

Faccio mea culpa riguardo il video di Piramide, credo di non aver visto i crediti nella descrizione del video.

Anonimo ha detto...

Scusate ma adesso parliamo pure di quei maledetti con i passeggini o gli invalidi le carrozzelle che vorrebbero persino passare sui marciapiedi o sugli scivoli. Secondo loro dove dovrei parcheggiarla la macchina??

Anonimo ha detto...

Intanto, ecco uno dei pezzi grossi che gravitano intorno al sindachetto... Questa amministrazione va COMMISSARIATA.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2012/09/26/news/finanza_nella_sede_di_roma_metropolitana_controlli_su_spesa_pubblica-43312226/

Anonimo ha detto...

Amici ciclisti, come mai siete sempre pronti a piagnucolare contro i cattivi automobilisti che magari sono costretti a prendere la maghina perchè lavorano molto molto lontano da casa e non hanno a disposizione una rete di trasporto pubblico degna non della comunità europea ma neanche di un paese dell'africa subsahariana e non vi rendete conto che l'80% di voi è costituita da persone (scusate il termine inappropriato) CHE IGNORANO IL CODICE STRADALE E METTONO A REPENTAGLIO LA PROPRIA E L'ALTRUI VITA?
In una città dove ci fossero alternative al trasporto privato le piste ciclabili sarebbero le ben venute ma, nella triste situazione in cui viviamo, credo che il comune debba spendere i soldi x altre cose molto più importanti (Metro, trasporto su rotaia di superficie, mezzi degni di una capitale europea, etc..), purtroppo le vostre necessità sono le ultime della lista...
Distinti saluti romani!

Sorello ha detto...

io mi vergognerei di avere "amiche" così, davvero.

Anonimo ha detto...

Il mondo al contrario, ieri conversavo con un amico e si parlava del bullismo, il mio amico sosteneva che c'e' sempre stato ed in effetti io sono d'accordo gli ho detto ma il fatto e' che ieri per ogni classe c'era solo un Franti contro i vari Garrone, De Rossi, Bottini etc etc... oggi in una classe di 20 ragazzi i Franti sono almeno 15 e di restanti subiscono, il traffico romano funziona alla stessa maniera, una marea di automobilisti bulli che se la prendono con i pochissimi Garrone ciclisti, il mondo al contrario.

Andrea Rossi

Anonimo ha detto...

X il novello Edmondo De Amicis:
come definisci quelli di critical mass che senza annunciare nulla ti piombano in 200 bloccando le strade che tu devi percorrere necessariamente? Non sono bulli? O quelli che organizzano le "biciclettate" il sabato pomeriggio convinti che perchè loro non lavorano e hanno tempo da buttare tutta la città deve stare ai loro ritmi? (è successo un paio di mesi fà a via Merulana...)
Ti premetto che adoro la bicicletta e d'estate mi diverto molto a fare i sentieri in mountain bike dove c'è la possibilità...
A ROMA I PREPOTENTI SIETE VOI SE CON QUESTO ATTEGGIAMENTO VOLETE FARE PROSELITI SIETE SULLA PISTA (CICLABILE) SBAGLIATA.
Sempre e comunque saluti romani!!!

Anonimo ha detto...

I prepotenti e' ovvio che sono presenti in ogni categoria ma e' un dato di fatto che a parita' di prepotenza un automobilista sia molto piu' pericoloso di un ciclista, potrei farti mille esempi ma ti ricordo cio' che successe l'anno scorso in calabria quando un africano ubriaco fradicio uccise in un solo colpo sette ciclisti.

Andrea Rossi

Anonimo ha detto...

Amica se ti piace andare in Automobile vai su una pista e poi se ti sfracelli contro la prima curva non ti lamentare, tutti gli sport hanno i loro rischi!!!


IO NON HO PAROLE A TUTTA QUESTA IGNORANZA. NON MI MERAVIGLIO DI PERSONAGGI COME BATMAN E POLVERINI.

Anonimo ha detto...

D'accordissimo con te...
c'è del marcio in ogni movimento, io vorrei avere l'opportunità di andare a lavorare con un mezzo alternativo alla macchina (che prendo sempre mal volentieri) ma lavorando a Valle Aurelia e abitando al Pigneto ne consegue che non ho molte alternative...oltretutto attacco la mattina prima dell'inizio della circolazione regolare (ahuhahuahuahu sto termine mi fà sempre ridere) dei bus quindi sono fregato!
Purtroppo mi è capitato di assistere a manifestazioni che di "civile" hanno poco o niente messe in piedi da loschi figuri a cui non importa tanto il mezzo di locomozione quanto la pretesa di essere "contro" a tutti i costi senza fare discorsi realistici basati sulla realtà terzomondista della nostra città che un tempo fù la Caput Mundi...
Saluti romani (col guantino da ciclista)

Anonimo ha detto...

Il post era x Andrea...

Anonimo ha detto...

Se è vera la percentuale indicata alle 3.52 che l'80% dei ciclisti sono indisciplinati è comunque una media migliore degli automobilisti che staranno al 90% o 95%. La mobilità ciclabile è già un'alternativa al traffico privato ampiamente sfruttata ed utilizzata in tutta europa. Finchè i cittadini saranno quelli delle cose "molto più importanti" o dei distinti saluti romani avremo comunque poche chanche di vedere nè ciclabili, nè metro nè trasporti decenti. Continueremo a restare a livelli da "africa subsahariana" come meritiamo.

Anonimo ha detto...

Convinto tu...

Anonimo ha detto...

Chissà, molti di coloro che si lamentano dei ciclisti sono gli stessi che, con astuzia che ritengono volpina, entrano contromano nella ztl o parcheggiano in doppia fila (ma solo un attimino, sia chiaro) o salgono sui marciapiedi (eh, ma mancano i parcheggi; casomai con un garage a pochi metri). Poi, i riferimenti a via Merulana e i successivi saluti romani mi fanno solo venire in mente Gadda e il suo predappiofesso.

Anonimo ha detto...

Per anonimo 4.52 del Pigneto.
Puoi usare la bici fino a san giovanni o manzoni (sono pochi KM e non più di 10 minuti) e da lì la metro A fino a Valle Aurelia (unico servizio semidecente di Roma).
Fai la prova, magari ci metti meno che con l'auto.

Anonimo ha detto...

Grazie ma attacco alle 05.30 e la prima corsa della metro da anagnina parte alle 5.20...servirebbe la velocità curvatura di star trek per arrivare in tempo...

Francesca Maggi ha detto...

Si' e' stressata perche' non riesce scrivere e inviare ondate di sms mentre sta al volante...

donata ha detto...

L'amica di facebook testimonia l'arroganza, l'ignoranza, la burinaggine, la maleducazione, la supponenza, e chi ne ha più ne metta, del popolo automobilistico romano!

Anonimo ha detto...

L'amica che invia messaggi contro i ciclisti su facebook è solo una stronza rifatta.
Andasse a dare via il culo sull'Aurelia, che è una strada trafficata da tantissime macchine. Quindi i clienti non gli dovrebbero mancare a questa cretina!!!

Anonimo ha detto...

Siamo alle solite: ci si schiera da una parte, roma-lazio, destra-sinistra, invece di considerare i fatti.
Ciascuno di noi non è che diventa idiota o santo a seconda se guida un'auto o una bici!
Ma quando si scrivono scemenze, come quella iniziale su fb, si è idioti in ogni caso.

Anonimo ha detto...

Alla imbe**lle amica, fai notare che non è questione di "stressare" chi come lei "va a lavorare (?!)", né di trasferirsi al paesello per andare in bici (falle fare un giro nelle metropoli tedesche), né di fare 10 m di pista ciclabile (se così possono definirsi quei brevi tratti dissestati, spesso nascosti in discariche) avanti e indietro fino a sfiancarsi le ginocchia:

c'è un codice della strada, valido per pedoni, ciclisti, motociclisti e autisti, che va rispettato come in ogni "paese civile"!

Paese civile? Ops, scusa, mi sono svegliato dal sogno: dimenticavo di essere in una repubblica delle banane :)

Brontolo ha detto...

Non ho nulla contro i ciclisti, anzi, ho molto contro gli automobilisti. Mi viene solo una domanda in mente però: via Aurelia, tratto extraurbano, non è interedetta al transito delle biciclette?

Anonimo ha detto...

Vivendo all'estero ho imparato ad usare la bici nella quotidianitá. Le piste ciclabili ci sono, e non solo in cittá. Anzi, proprio nelle zone esterne e lungo strade ad alta velovitá, ci sono vere e proprie strade riservate ai ciclisti (perché chiamarle semplicemnte piste é ridutivo. Le ciclabili vengono ricavate "dai campi", quindi sono protette dal traffico perché corrono parallele alla strada ma sono da questa separate da fossati o collinette. Questo permette di fruttare la viabilitá in bici al 100% ed é quello che vorremmo vedere in ogni paese civile.

A fronte di questo c'é Roma. Con tutto il rispetto per coloro che vorrebbero usare la bici e non possono farlo a causa della pessima e incommentabile amministrazione, rimane come dato di fatto che andare in bici sull'Aurelia (oltre ad essere vietato - come pure é vietato per i 50cc) é semplicemente una follia. I ciclisti mettono a rischio la propria vita (il che é da incoscienti) e mettono gli automobilisti in seria difficoltá, per mancanza di spazio o di opportune protezioni. Ci saranno sicuramente automobilisti frustati che non hanno di meglio da fare che inveire contro i ciclisti, ma ci sono anche tante persone 'normali' che hanno semplicemente paura. Ogni volta che mi trovavo/trovo a guidare sull'Aurelia avevo il terrore di provocare un incidente (soprattutto nelle belle giornate nei finesettimana, quando non trovi il ciclista isolato ma gruppi di ciclisti che occupano metá carreggiata).
Non ci sono le condizioni per poter andare in bici, é un dato di fatto.
Sarebbe molto bello se si potesse fare, ma ad oggi andare in bici'su queste strade é da pazzi irresponsabili, perché si mette a repentaglio la propria vita e quella di altre persone! (e anche stando dalla parte dell'automobilista, io non vorrei avere sulla coscienza la morte di qalcuno!)

ShareThis