Si chiama Patties ed è una hamburgheria gourmet come vanno di moda ora. Ha aperto e ha imbrattato mezza città di affissioni abusive

2 luglio 2014










Vorrei parlarvi di qualcosa che sta seguendo da giorni. La famossa "Hamburgheseria" in Via del Teatro Pace 35 zona Piazza Navona ha cambiato gestione. Adesso ha aperto "Patties" al suo posto che ha rifatto il locale ed ha rincarato i prezzi puntando sugli hamburger gourmet.
La cosa sconvolgente sta nel fatto che la nuova gestione non ha investito un euro in pubblicità legale, in compenso ha tappezzato Roma di adesivi del suo locale. Le foto che ti invio sono di tutta Via di Ripetta (Tridente dorato dello shopping) tappezzata da ambo i lati: un adesivo ogni due metri circa. Non ho le foto ma credo ti basti la mia testimonianza della stessa situazione nel quartiere Ponte Milvio, completamente invaso di adesivi.
Andrea

*Caro Andrea,
probabilmente anche noi, dovendo aprire un locale, paradossalmente faremmo così come i signori di Patties. Tanto il rischio è zero. Nessuno può farti niente. Al massimo una multina, rispetto alla quale puoi ricorrere, paghi qualche centinaio di euro il tuo avvocato, si fa la causa, il Comune manco si presenta in tribunale e perde e magari ti liquida pure i danni. E invece cosa si dovrebbe fare? Ma semplice: affissioni abusive? Una settimana di chiusura del locale. Ancora affissioni abusive? Un mese di chiusura. Una terza volta? Cancellazione della licenza. Scommettiamo che scomparirebbero le affissioni abusive di questo tipo in un battibaleno?
-RFS

92 commenti | dì la tua:

Ludovico De Vico ha detto...

Questo è il rimedio:
http://www.stanley.it/products/detail/Utensileria+Manuale/Utensili+per+decorare/Utensili+per+decorare/Raschietto+per+Vetro+con+Impugnatura+Morbida

Anonimo ha detto...

in questo caso non serve, vengono via benissimo perché sono appena stati incollati.
io ho bonificato tutta piazza di pietra :-P

Anonimo ha detto...

Scollarli, andarci a mangiare e reincollarli (con una colla "tenace") sui loro tavoli, muri ecc.

Anonimo ha detto...

Ma questo post vuole veramente parlare di abusivismo pubblicitario o vuole essere una guerra a Patties dal lato ristorazione? Impostare un argomento in questo modo, senza la storia di questo locale,è vergognoso. Ma se ci fossero irregolarità, di qualsiasi genere esse siano, di ristoro da guida Michelin o Gambero Rosso verrebbero così dichiarate? Ancora una volta per arrivare a sistemi grandi ed irrangiungibili vengono sfruttati i piccoli lavoratori? Questa puo' essere chiamata guerra dei poveri?

Anonimo ha detto...

Guerra dei poveri? E' Patties che ha dichiarato guerra a Roma...

Anonimo ha detto...

Non so voi, ma io non ci comprerei nemmeno un cacatoio per maiali in un negozio che si pubblicizza con adesivi attaccati sui segnali stradali... figurati del cibo. Contenti loro con queste scelte.

Anonimo ha detto...

Tu sei uno di quelli che il lavoro non sa neanche dove abita.

Anonimo ha detto...

Non andarci ma rispettati e' gente che vuole lavorare e non fargli campagna denigratori. Ma forse sarai uno di quelli che gli vuol fare solo concorrenza. Rispetto!

Anonimo ha detto...

RfS e' vergognoso questo argomento rischi di danneggiare dei poveri ragazzi che vogliono lavorare. Non ho parole nei tuoi confronti RfS, vergognoso vergognoso vergognoso.

Anonimo ha detto...

Mai sentito parlare di CONSUMO CRITICO?
Cito da wikipedia: "Per consumo critico si intende la pratica di organizzare le proprie abitudini di acquisto e di consumo in modo da accordare la propria preferenza ai prodotti che posseggono determinati requisiti di qualità"

Bene, consumo critico significa che io vado a spendere i miei soldi solo nei negozi che rispettano le regole e che fanno pubblicità in modo legale.

(per esempio: se un negozio non fa lo scontrino io non ci vado più, se un ristorante utilizza prodotti non italiani io non ci mangio... etc...)

Questo Patties, in particolare, è un posto dove non andrò mai perché io non vado nei posti che attaccano adesivi illegalmente.
Nel momento in cui tutti decideremo di non andare a dare i nostri soldi a Patties, questo posto avrà due alternative: o comincia a rigare dritto o chiude per mancanza di clienti.

Anonimo ha detto...

Se solo il consumo critico venisse applicato anche quando si compra dai Vu' Cumprà o dai bancarellari abusivi, non staremmo come stiamo. Chissà perché, però, se si tratta di un commerciante 'normale' tutti tuonano per quattro adesivi (deprecabilissimi, intendiamoci), mentre se è un bangla che apre localo in condizioni penose o sta con una bancarella tutti accorrono per 'risparmiare'. Alla faccia di chi paga affitti esosi, occupazione di suolo pubblico per due faretti o un'insegna, magari ha dei dipendenti e da uno scontrino ricava sì e no il 30%. Sempre che non si paghi col Bancomat, che -oltre a costare come minimo 600 euro l'anno solo di canone di locazione- incide anche per ogni singola transazione, per la gioia delle banche e dello stato, che va a fare le pulci a noi contribuenti sulle cazzate, ma chiude tutti e due gli occhi davanti agli evasori milionari, quelli veri.
Nel caso specifico, basterebbe prendere 'sti cazzo di adesivi e portarli al negozio dicendo loro di evitare di imbrattare per non ottenere l'effetto contrario. O anche solo un colpo di telefono per esprimere il proprio dissenso. Alla decima chiamata, state pur certi che corrono a rimuovere tutto.

Anonimo ha detto...

MA VOGLIAMO PARLARE DEI PREZZI DI QUESTO RISTORANTE????DUE PANINI CO L'HAMBUERGER E DUE BIRRE QUASI 50 EUROO!!! GIURO MAI PIù!!!

Daniele ha detto...

All'anonimo delle 7:35

E' inutile che la butti in caciara dando le colpe all'affitto, all'occupazione di suolo pubblico, al bancomat, allo stato, alla kasta e alle scie chimiche.
Le regole valgono per tutti e tutti le devono rispettare, dal bangla alla banca e, udite udite, le regole le devono rispettare anche le hamburgerie.
E concordo con chi lo diceva sopra, finchè ci sono quegli adesivi in giro io lì dentro non ci metto piede. E mi dispiace perchè sono un patito di hamburger e mi sarebbe tanto piaciuto provarli. Pazienza.

Anonimo ha detto...

E costui è il PREFETTO di ROMA????

Ma dico, avete letto??? Roba incredibile.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/07/02/news/prefetto_mercatini_rionali_per_immigrati-90545611/

Poi la parte sui "pochi borseggi" etc, rasenta veramente l'assurdo più assurdo. Ma in che mondo stiamo????

Ma Renzi è a conoscenza di chi è preposto a tutela della città di Roma?

Antonio Privitera ha detto...

È sempre così la colpa è degli altri i politici rubano i problemi sono altri Roma fa schifo sta con le logge massoniche Tutto tranne chiedere scusa no?

jillride ha detto...

Piccoli lavoratori che non rispettano le regole

Anonimo ha detto...

Perchè Pecoraro non pensa a quanto sta avvenendo???

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/07/02/news/la_barbuta-90552413/

Qui sta città sta diventando TERRA DI NESSUNO.

Guido Costantini ha detto...

Questo è il loro link su tripadvisor
http://www.tripadvisor.com/Restaurant_Review-g187791-d3617068-Reviews-Hamburgeseria_Burger_Bar-Rome_Lazio.html

intanto si potrebbero lasciare recensioni ad una stella con il link a questo articolo.

Anonimo ha detto...

L'argomento erano gli adesivi e voi approfittate per ripetere le vostre noiose lamentele ripetitive, tipico atteggiamento depressivo. Siete di una noia mortale. Antonio Privitera non ho capito quasi nulla di quello che hai scritto, ma RFS ha mai chiesto scusa ( diciamo che non si riesce neanche a capire oltre ad inserire gli argomenti cosa altro fa neanche se partecipa alle discussioni, ma forse lo fa buttando legna sul fuoco per accendere l'argomento ).

Tio ha detto...

No Guido quello è il profilo della vecchia gestione.
Io aspetto il profilo nuovo e poi gli faccio una recensione che se la ricorderanno.

Anonimo ha detto...

Vuoi parlare di adesivi? Bene parliamo di adesivi! Li dovete levare!!! Capito???

Anonimo ha detto...

RfS leggi i commenti di TIO e GUIDO. Vergognoso!

Anonimo ha detto...

@7:56
Sì, ma faglielo sapere. Altrimenti non serve a un cazzo. E stai pur certo che alla gente, ormai assuefatta a tutto, non gliene fotte un cazzo e ci va comunque.
Se non ci sono norme specifiche, non siamo certo noi a cambiare le cose. Quattrogatti incazzati su un blog non cambiano una mazza. Purtroppo.

Anonimo ha detto...

Bene, ottime parole! Splendide intenzioni! Ma che aspettiamo? Ormai iniziamo ad essere tanti. E diciamo sempre le stesse cose: chiediamo una cosa sola: rispetto delle regole! Passando alle questioni burocratiche, perché non ci rechiamo da un notaio, depositiamo legalmente attraverso un atto notarile il nome del nuovo movimento (Roma Fa Schifo) insieme al suo obiettivo politico e ad un logo personale che in qualità di “marchio” dovrà essere assolutamente originale. Per fare ciò basta essere in tre (e noi siamo molti, molti, molti, ma molti di più), per rappresentare le cariche istituzionali previste dalle legge italiana: quelle di Presidente, Segretario Politico e Tesoriere. Fatto ciò si apre una regolare partita IVA e si chiede l'iscrizione alla Prefettura, indispensabile se si vuole partecipare alle elezioni. Tutto ciò affinché le nostre PAROLE possano assumere VALORE trasformandosi in FATTI!

Guido Costantini ha detto...

Egregio anonimo del "RfS leggi i commenti di TIO e GUIDO. Vergognoso!",
a parte che chi non ha il coraggio di mettere nome e cognome accanto alle sue opinioni e prese di posizione non dovrebbe avere la faccia di criticare.. quale sarebbe il tuo problema?

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo delle 9:53

Ma che vai dicendo? Le norme specifiche esistono già, attaccare adesivi sui cartelli stradali e sui muri è ILLEGALE e SANZIONABILE.
Basta chiamare il nucleo decoro del comune di Roma (P.I.C.S.) e loro intervengono. Gli è stata inviata una mail nel pomeriggio da più di una persona ed invito tutti farlo perché più segnalazioni gli arrivano e prima interverranno.
Per quanto riguarda i gestori del locale non preoccuparti che già lo sanno che hanno fatto una cazzata, le loro recensioni su facebook sono già calate da 5 stelle a 3,5 e probabilmente caleranno ancora. Le voci girano e la gente mormora e a distruggere una reputazione ci vuole davvero poco.

Alfredo ha detto...

mi sono appena segnato questo patties tra i posti da non frequentare. grazie rfs della segnalazione

Anonimo ha detto...

Cancellato dai miei futuri posti da provare: devono solo VERGOGNARSI.

Anonimo ha detto...

Non ci andrò mai!

Lucianetto ha detto...

A chi pensa di poter fare come gli pare voglio ricordare che "chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende inservibili, in tutto o in parte, cose mobili e immobili altrui" è imputabile di danneggiamento aggravato (art. 635 del codice penale) ed è punito con la reclusione fino a 1 anno.

Francesca ha detto...

gli hamburger e i dolci sono strepitosi ed io ci rivado al 100%! oltre tutto mi pare che per gli adesivi dei traslocatori o delle agenzie immobiliari che attaccano in ogni dove, o dei semplici annunci di dog sitter o baby sitter o donne delle pulizie che si trovano ovunque, o delle locandine affisse sui pali insieme ad altri mille adesivi e che si trovano da una vita per Roma, non hanno fatto emergere nessun commento neanche due parole! quindi o siete tutti ristoratori rosiconi, o non avete un cavolo da fare che pensare a qualche adesivo.. con tutti i problemi che ci stanno in sta città poi!

Anonimo ha detto...

Francesca è evidente che tu non frequenti mai questo sito. Ci sono decine di post con centinaia di foto che condannano traslocatori serrandari ecc ecc. Patties si è comportato come la più schifosa feccia di quello stampo. Per cui ha sbagliato e deve pagare. Si condanna il comportamento illegale e di degrado verso la città e dei suoi prodotti se suono buoni buon per loro, ma non è l'argomento trattato
Andrea

Anonimo ha detto...

Salve sono uno dei proprietari di Patties e sono qui per dirvi che mi dispiace per l'accaduto ma noi abbiamo affidato la comunicazione ad una società esterna ed eravamo allo scuro di quando stessero facendo infatti abbiamo già chiesto categoricamente di smettere con questa campagna marketing e di rimuovere gli adesivi attaccati.
Detto questo non vedo perché come dice qualcuno distruggere la nostra reputazione visto che il nostro unico errore è stato fare una scelta sbagliata non sapendo a cosa andavamo incontro.
Invece dalla nostra parte c'è stato, c'è e ci sarà sempre un impegno costante a fornire un'alta qualità nei prodotti e ne servizio.
Rinnovo le nostre scuse e spero le vogliate accettare.
Grazie Patties

Anonimo ha detto...

Sì e' rischiato di danneggiare l'immagine, anche se in parte e' gia' successo, per cause indipendenti delle persone coinvolte ( in questo caso i proprietari di Patties ). Il vostro facile estremismo sta' diventando pericoloso spero vivamente che successivamente, mi rivolgo a RfS, prima di pubblicare argomenti li approfondite scrupolosamente. Mentre voi grandi commentatori non fate i pecoroni, quando vi raccontano che la mucca vola approfondite e verificatene la verita' i motivi e i retroscena.

Andrea ha detto...

Occorre chiamarli a mendarli a quel paese. Sono milioni questi affissi ovunque in questa città, ma i nostri carissimi vigili sono troppo impegnati a multarli. Ma perchè non si tolgono quella divisa che fanno disonore alla città?

Andrea ha detto...

Occorre chiamarli a mendarli a quel paese. Sono milioni questi affissi ovunque in questa città, ma i nostri carissimi vigili sono troppo impegnati a multarli. Ma perchè non si tolgono quella divisa che fanno disonore alla città?

Anonimo ha detto...

Per l'anonimo luglio 02, 2014 5:54 PM
Sono minimo 10 milioni di adesivi in questa città che infangano il decoro. Sei al corrente di come si puo fare pubblicità oggi? Te lo dico io: giornali, porta portese, internet, riviste, cinema, mezzi pubblici......
Secondo me questa citta è un casino proprio per gente come te.

Anonimo ha detto...

Eh no, cari proprietari di patties, mica ve la potete cavare con qualche scusa dicendo che i luoghi più preziosi della città sono stati inzozzati a vostra insaputa (parenti di scaiola?).
Vedete di scegliere meglio i vostri fornitori (non oso immaginare se anche quelli che vi forniscono la carne li scegliete in maniera così superficiale) e pensate piuttosto a rimediare al danno. Dovete essere voi a rimuovere lo schifo di adesivi con cui avete tappezzato la città, non gli altri cittadini.
E comunque a me rimane il dubbio che eravate d'accordo su una tale becera campagna, salvo poi cambiare idea vista la mala parata. E ai vari commentatori che tanto si stracciano le vesti per l'attacco al loro caro patties dico: invece di fare la figura dei lacchè su queste pagine, prendete una spatola e date una mano a rimediare alla cazzata!
Roberto

Guido Costantini ha detto...

Al proprietario di Patties: provatela questa buona fede, pubblicate il contratto di servizio con questa società (ed è indicativo che non ne forniate il nome, secondo me) e vediamo se fra i servizi non c'era la stampa di 10.000 adesivi (se c'era, cosa pensate che ci avrebbero fatto?).

Dopodichè, citatela per danni, visto che già ora la prima cosa in italiano che esce fuori cercando "patties roma" su google è questo articolo.

paola ha detto...

Sempre la solita storia : chi dovrebbe controllare e sanzionare non lo fa. Ho già detto in altri post che secondo me andrebbe sanzionato direttamente chi si pubblicizza, e dar loro poi la facoltà di rivalersi sulla ditta di affissioni. PERO' UNA DOMANDINA PER SIG. PATTIES IO CE L'AVREI: Se vi siete accordati con una ditta per le affissioni DI ADESIVI, dove secondo voi sarebbero stati affissi ???? A me non viene in mente nessun posto "lecito" per gli adesivi....

Anonimo ha detto...

la povertà morale di questo paese è il fatto che degli imbrattatori, abusivi, vandali vengono definiti da qualcuno "poveri ragazzi che vogliono lavorare".
il vandalismo viene scambiato per "spirito imprenditoriale".
che squallore.
i veri imprenditori hanno mentalità diverse, non certe quella del romano medio furbetto der quartierino che tanto sa dicavarsela perchè campa in un paese mafiosetto come lui stesso.
passare davanti al negozio e chiedere spiegazioni...
mai essere clienti lì. PUAH!!!!

Roma fa Schifo ha detto...

Scuse accettate se davvero siete stati raggirati dalla società di comunicazione. Dimostratecelo in due modi: pubblicando il regolare contratto tra voi e la società e pubblicando la regolare querela per danni che farete alla società stessa. In mancanza di tutto ciò...

Ernest Everhard ha detto...

Quello che sta accadendo su questa pagina e' edificante, in Inghilterra lo chiamano NAME & SHAME ovvero nomina & sputtana. Ed e' il modo migliore che una comunita' ha a disposizione per mettere in riga chi sfora di brutto. Perche' la multa e l'autorita' non fanno piu' paura a nessuno, ma soltanto la "peer pressure", l'influenza che possono avere i nostri pari, gli altri membri della societa', gente come noi e non il fantomatico "Stato", puo' ottenere effetti incredibili.
Per esempio, ogni anno viene pubblicato un elenco con i rating d'igiene di TUTTI i locali di TUTTE le citta' del Regno Unito, senza risparmiare stroncature imbarazzanti a nomi celebri. Controllate per credere: http://ratings.food.gov.uk/enhanced-search/en-GB/%5E/ashford/desc_rating/0/179/%5E/1/1/10

W gli hamburger, abbasso gli zozzoni.

Anonimo ha detto...

Accetterò le loro scuse quando vedrò rimosso anche l'ultimo degli adesivi.
Nel frattempo, Patties è un posto in cui anche io personalmente non andrò a mangiare.

Anonimo ha detto...

come al solito la miglior soluzione è quando la società stessa si muove per una causa (in questo caso il decoro). a poco servirà il poliziotto cattivo se poi il vicino di casa se ne infischia che tu devasti roma di adesivi.
ad ogni modo, sarebbe giusto applicare il sacrosanto "name & shame" anche a quella feccia di traslocatoti/idraulici/babysitter/appartamenti per studenti ecc che circola sui pali e le cassette acea di roma. avanti col pubblico ludibrio!

Remigio

Anonimo ha detto...

Qui state uscendo proprio di testa. Il proprietario ha chiesto scusa e voi con RfS volete vedere il contratto. Ma chi cavolo siete voi? RfS perchè non ti firmi chiaramente con nome e cognome e dicci chi sei così verifichiamo le tue regolarità passate e presenti, probabilmente ci sarà da divertirsi. E voi anonimi tutti firmatevi anche voi, come dice l'amico Guido, siete anonimi e volete giustificazioni dal posto di ristoro che non è anonimo. RfS quando hai preso bufale con i tuoi argomenti hai mai chiesto scusa a qualcuno? a me non sembra. Con la scusa dell'anonimato vi permettete di sparare, cercando di ammazzare, su tutto e tutti. RfS non ti evidenzi mai nei commenti ed ora l'hai fatto dando un cattivo esempio, intervieni palesemente in tutti gli argomenti e facci vedere cosa ne pensi siamo proprio curiosi. RfS ha paura di querele quindi è meglio che si mettono in gioco gli altri con l'anonimato così distruggiamo tutto e tutti e nessuno dei commentatori e RfS, nell'anonimato, rischia nulla perchè anonimo. Troppo semplice comportarsi e gestire un blog in questo modo, col rischio di danneggiare solo gli altri, caro anonimo di RfS.
>>> Roma fa Schifo ha detto...
Scuse accettate se davvero siete stati raggirati dalla società di comunicazione. Dimostratecelo in due modi: pubblicando il regolare contratto tra voi e la società e pubblicando la regolare querela per danni che farete alla società stessa. In mancanza di tutto ciò...
luglio 03, 2014 9:27 AM>>>> INTERVIENI IN TUTTI GLI ARGOMENTI E NON ORA CHE VUOI FARE LA PARTE DEL QUA QUA QUA, METTI ANCHE NOME E COGNOME DIMOSTRACI LA TUA CREDIBILITA'.

Guido Costantini ha detto...

Guarda che è noto all'universo mondo che dietro Roma fa Schifo c'è Massimiliano Tonelli, che non si è mai nascosto.

Daniele ha detto...

Mi rivolgo al proprietario di Patties che ha commentato poco sopra:

"Non giudico le persone dai loro errori ma dalla loro voglia di rimediare"

L'aver chiesto scusa ed aver ammesso il vostro errore vi fa profondamente onore.
Adesso però adoperatevi per far rimuovere tutti gli adesivi illegali già attaccati e provvedete a trovare canali pubblicitari più sostenibili.
In tal caso sarò felice di diventare un vostro cliente e sarò il vostro primo sostenitore.

Anonimo ha detto...

Mi avete fatto apprezzare anche questo locale. Ci andro' a mangiare e pubblichero' 5 recensioni positive al giorno su tripadvisor.

Anonimo ha detto...

guido non fare il superfluo paladino, il tizio anonimo ha anche detto che deve farsi riconoscere anche nei commenti. e dai!

Anonimo ha detto...

Ma quale contratto ah ah ah
Avranno fatto stampare gli adesivi e mandato qualche ragazzetto ad appiccicarli per Roma, gli avranno dato 50 euro per il disturbo(in nero)e fine della storia.
Tappezzano Roma di adesivi e non ne sanno niente, una partorisce due gemelli avuti da un altro uomo e non sa niente, a un altro gli comprano casa con vista Colosseo e non ne sa niente.

Guido Costantini ha detto...

"guido non fare il superfluo paladino, il tizio anonimo ha anche detto che deve farsi riconoscere anche nei commenti. e dai!"

... disse un altro tizio anonimo...

Anonimo ha detto...

Roba da pazzi:

"Sì e' rischiato di danneggiare l'immagine, anche se in parte e' gia' successo, per cause indipendenti delle persone coinvolte ( in questo caso i proprietari di Patties )."

Ma fatemi il piacere, non è colpa dei proprietari?? Ma fammi il piacere. Ben venga ogni e qualsiasi denuncia di degrado della nostra martoriata città dove tutti credono di poter fare quello che CAZZO VOGLIONO.

Personalmente MAI entrerò in un locale del genere e ne parlerò negativamente a chiunque ne abbia anche la minima intenzione. E vediamo anche su TripAdvisor.

Questa gente "furba" crede che i romani siano dei cerebrolesi? Che non tengano al decoro sempre più risibile della nostra irriconoscibile città?

Ma ben venga questo Roma fa Schifo e altri siti di denuncia!

Alfiero ha detto...

non credo sia il caso di infierire, hanno chiesto scusa e hanno detto che provvederanno. bene. vediamo se fra una settimana ci stanno ancora adesivi in giro e poi valutiamo. forse vale la pena dargli fiducia.

Anonimo ha detto...

Un imprenditore è responsabile delle proprie scelte comunicative. Se sbaglia campagna di comunicazione paga. Il proprietario di patties ha sbagliato e RFS ha fatto benissimo a farglielo notare con fermezza.
Adesso patties ha la possibilità di mettere una pezza ai propri sbagli e a dimostrare di aver capito la lezione. A RFS e ai cittadini il compito di controllare che non accada mai più.
Sarò il primo a complimentarmi con i proprietari di patties se daranno prova di essersi pentiti e sarò il primo a parlar male del locale se, al contrario, continuassero a perseverare.
Per ora concordo col fatto di provare a dargli fiducia... se son rose...

Anonimo ha detto...

accettiamo le scuse ma voi togliete gli adesivi e magari fate causa alla "società di marketing" (se così si può chiamare) per danno d'immagine.

Ernest Everhard ha detto...

qualcuno si ricorda di BABO'?
Che fine ha fatto quel miserabile coniglio?

Anonimo ha detto...

"non ne sapevo nulla!!", frase molto in voga in questi ultimi tempi.

Fatemi capire una cosa:
Dovevate fare pubblicità ad una cosa di VOSTRO INTERESSE e non vi siete informati su come la campagna sarebbe stata gestita?
Avrebbero anche potuto fare dei cartelloni con scritto "Patties fa schifo" e non ve ne sareste accorti?

Quando vi hanno detto che non c'era da pagare nulla per le affissioni avete pensato di vivere nel paese dei balocchi.

Oppure, quando (e se) vi hanno detto che la campagna sarebbe consistita nell'affissione di adesivi, avete pensato che avrebbero realizzato un album di figurine? E certo, trattandosi di panini (battuta mediocre)....

Poveri giovini italici lavoratori.
Sono tanto volenterosi ma anche tanto innocenti.

Anonimo ha detto...

Complimenti RFS.
Questo sì che si chiama un servizio di pubblica utilità.

Cari proprietari di Patties, non posso credere che i gestori di un locale "in" come questo possano essere talmente sprovveduti da farsi raggirare dalla società di comunicazione a cui affidano una campagna pubblicitaria o da firmare contratti nei quali non viene specificato il tipo di "campagna" che verrà effettuata.
Diciamo che vi è andata male, accettiamo le scuse a patto che tutti gli adesivi risultino rimossi in tempi brevissimi a vostre spese (se davvero vi hanno raggirato, citate la società di comunicazione per danni).
In caso contrario, avete perso un potenziale cliente (patito di hamburger tra l'altro).

Anonimo ha detto...

Complimenti al cretino che pubblicherà cinque recensioni positive al giorno su tripadvisor. Degno cliente di patties, evidentemente.
Roberto

Anonimo ha detto...

50 Euri per appiccicare adesivi???
Qualcuno potrebbe gentilmente pubblicare un recapito di chi paga così? Sono al momento disoccupato e qualche soldino mi farebbe comodo. Grazie in anticipo!

Anonimo ha detto...

Ah, dimenticavo, per 50 Euri al giorno sono disponibile anche per la rimozione di adesivi indesiderati.

Anonimo ha detto...

Complimenti anonimo 1.06 PM, sei simpaticissimo, per la leccatina a RfS e per aver accettato le scuse di Patties e di essere diventato anche, però a condizione che ti tolgono gli adesivi in brevissimo tempo, un potenziale cliente dell'esercizio in questione. Un anonimo che chiede le scuse poi le accetta ed infine diventa un potenziale cliente non è proprio cosa di tutti i giorni pertanto definiamolo unico e simpatico siparietto; e' proprio vero che a volte basta così poco per far sentire certe persone veramente importanti ed in questo caso bene perchè almeno qualcuno ha gioito. Manca solo qualcuno che chieda il lavaggio dei piedi e poi avete fatto il en plein. Grazie per i commenti che ho letto oggi su questo argomento, mi avete fatto divertire e spero solo che il vostro estremizzare non danneggi veramente nessuno in quanto essendo un periodo di crisi ritirarsi su' dopo una sconfitta diventa proprio tanto difficile ( preoccupatevene ogni tanto ).

Anonimo ha detto...

E non ci andate a mangiare, semplice! oppure staccate gli adesivi e attaccateli in fronte ai gestori. Le guerre si vincono con piccole battaglie.
E non mi venite a parlare di gente che lavora. Palle.
Possibile che il romano e non solo deve per forza - se no si sente un minorato - andare a provare un locale nuovo e alla moda? e la crisi dove starebbe???
quanto sono ridicole alcune persone

Anonimo ha detto...

@Anonimo 2.39PM

Sapessi quanto fai sorridere tu che ti preoccupi tanto del fatto che denunciare l'ennesima campagna pubblicitaria abusiva possa danneggiare le fortune di un locale che apre al centro e vende un hamburger e una birra a venticinque euro... eh sì, è proprio il caso di preoccuparsi di questi poveretti che pagano una società di comunicazione che agisce "a loro insaputa" (Scajola docet), in effetti se gestiscono i contratti con i loro fornitori nello stesso modo questa nuova attività è davvero a rischio... pensa che carne può esserci dentro a quegli hamburger (a loro insaputa, si intende...).
Auguri nella vita, se quella che hai mostrato nel commento è la tua capacità media di comprensione delle dinamiche economiche e commerciali ne hai bisogno...
Ma sì, preoccupiamoci tutti dell'ennesimo locale fighettino con prezzi gonfiati che ha aperto a Roma dai... quasi quasi ora vado a mangiare li coi soldi della cassa integrazione per dargli una mano dopo questo attacco "estremista" che hanno subito per aver soltanto imbrattato di adesivi illegali il centro storico di Roma... Se lo meritano...

Anonimo ha detto...

LO consiglio a tutti. Bel locale, personale gentilissimo e panini ottimi, sto diffondendo la cosa tra i miei amici e ne sono entusiati.
@Roberto: hai ragione gliene mando 7 di apprezzamenti su tripadvisor.

Anonimo ha detto...

Anonimo 10.27PM, tipico esempio di romano medio fiero di pagare un hamburger venti euro mentre magari si lamenta della crisi e che se ne frega altamente che il localino alla moda in cui va perché fa figo imbratta il centro storico di affissioni abusive per non pagare nemmeno una campagna pubblicitaria legale.
Complimenti per lo spirito civico: premiare un locale che la prima cosa che fa appena apre è quella di contribuire al degrado di roma... c'è proprio da andarne fieri!!!

Anonimo ha detto...

Hai poco da fare lo spiritoso sai? TripAdvisor è uno strumento serio per chi vuole orientarsi nel mondo e rischia di perdere efficacia per pratiche truffaldine come le tue. Scrivi pure la tua recensione entusiastica sul locale ma ti consiglio di non esagerare, che gli utenti esperti li riconoscono i commenti farlocchi.
Io invece non la scriverò mai la mia recensione, perché mai ci andrò in quel locale. Provvederò invece a passare parola alle mie tante conoscenze sulle loro becere pratiche pubblicitarie.
Peraltro dal tuo commento si capisce che non hai alcuna intenzione di aiutare il locale ripulendo lo schifo generato, ma pensi di farlo solo con i tuoi modi truffaldini. Ribadisco: degno cliente di tale locale.
Invece ancora aspettiamo una parola chiara dai proprietari sulla loro volontà di ripulire lo schifo, in assenza della quale le loro scuse rimangono solo parole al vento.
Roberto

Anonimo ha detto...

Bravo, scrivi 7 commenti su tripadvisor falsando la valutazione del locale... giustamente chi fa partire la sua attività con pratiche pubblicitarie scorrette sarà fiero di avere dei clienti che falsificano le votazioni su tripadvisor... sei da applausi.

Anonimo ha detto...

Robertino chi si vuole sostituire allo stato e' illegale, quindi finiscila che hai annoiato con i tuoi commenti.

bat21 ha detto...

Scusate stando fuori Roma non ho più il polso della situazione ma a giudicare dall'avvelenamento medio e dalla quantità dei post sopra la media devono avere tappezzato tutti i quartieri di adesivi!
Quali quartieri sono stati i più colpiti?
ciao

Anonimo ha detto...

bat21 ma cosa vuoi pensa ai fatti tuoi, mica qualcuno ti ha chiesto di intervenire. Vabbè che la tua la devi per forza dire altrimenti come farai il pettegolo. in ogni caso al più presto ti mando la piantina di Roma con tutti i posti dove sono stati messi gli adesivi. aspettiamo con ansia le tue considerazioni illuminanti. grazie di esistere bat21.

bat21 ha detto...

Prego non c'è di che. La piantina in formato dwg georiferito grazie.
Buona giornata.

Anonimo ha detto...

Evidentemente hai il senso civico di un uomo preistorico. Ossia per te qualche millennio di civiltà è passato inutilmente.
Che dire? Evidentemente ci troviamo di fronte ad una mente semplice, ad essere buoni, e ce ne faremo una ragione.
Riguardo al fatto di finirla, ti invito a non esagerare, che ne hai già collezionate abbastanza di figuracce su questa pagina. Se ti annoiano tanto i miei commenti puoi benissimo ignorarli, invece che spendere il tuo inutile tempo a rispondere.
Roberto
p.s.: nel caso volessi continuare l'interlocuzione, fai il favore di trovarti un nome o uno pseudonimo, che mi disturba relazionarmi direttamente con degli 'anonimo'.

Anonimo ha detto...

A Robertì il mio commento è stato solo quello 7.00 AM e te lo dico solo per metterti al corrente che non sono l'unico che non ti capisce. Mò stai tranquillo che più tardi devi annà a toje gli adesivi. Ciao Robertì.

Francesco ha detto...

Con quello che costa un panino avrebbero potuto permettersi la pubblicità in prima serata su raiuno invece di imbrattare mezza roma di adesivi.

Anonimo ha detto...

Non ci vado a mangiare manco morto

Anonimo ha detto...

In un commento ho letto "ha sbagliato e deve pagare"... ma chi sei, il giustiziere della notte?? MA POSSIBILE MAI CHE CON TUTTE LE PIAGHE CHE AFFLIGGONO ROMA ANDATE A PUNTARE IL DITO E FARE DELLE ENORMI QUESTIONI SU QUESTE COSE? a Roma c'è tutto di abusivo. anche quelle affissioni che non lo sembrano lo sono. e poi, parliamoci chiaro... è veramente questo che crea problemi alla nostra economia o danneggia il paese o la città? no di certo. ora magari penserete "è dalle piccole cose che si parte". esatto cari miei, dalle piccole cose. pertanto, vi invito... MA PERCHE' INVECE DI DENIGRARE CHI LAVORA NON VI METTETE IN MOTO ANCHE VOI E FATE GIRARE UN PO' L'ECONOMIA? alle attività che hanno avuto le palle di aprire oggi andrebbe solo spianata la strada... non aperte discussioni perlopiù inutili sul modo in cui si fanno pubblicità o no. volete parlare di Patties? Parlate di QUALITA' e di GENTILEZZA dei gestori, che oltretutto hanno anche postato un commento di scuse.andateci a mangiare e fatevi davvero un'idea sull'entusiasmo e sulla volontà che queste persone mettono per far andare bene le cose. se loro hanno imbrattato roma di adesivi, rovinandola, voi non avete agito poi diversamente... avete tentato di rovinare l'immagine di un locale che vuole fare ristorazione e nel suo settore ci riesce molto bene. fate tanto la morale... ma i primi a rovinare le cose siete. fermate le cose. e rimaniamo sempre fermi allo stregua di una città del terzo mondo, che non parte, che non decolla.
io, alla faccia di chi denigra senza sapere, stacco dal lavoro e vado a pranzo al Patties.

Anonimo ha detto...

Ci sono andata e trovo gli hamburger da goduria! e per chi scrive che un panino costa 25 euro dice solo cavolate, io ho speso per un cheeseburger di 200 g con patatine, alette di pollo, una birra e una cheesecake da urlo € 23... e francamente considerando che la carne è eccezionale, non a caso è di Feroci, ho speso anche poco... ma poi dico, se volete spendere € 4,90 per il menù completo forse dovete andare da mc donalds! Bravi ragazzi di Patties, tornerò e porterò altri amici!

Anonimo ha detto...

ci sono stata a cena ieri sera, e confermo che i prezzi sono ALLUCINANTI

Anonimo ha detto...

Questo postaccio è il classico posto dove MAI andrò in vita mia e dove MAI porterò qualcuno. Che schifo!

Anonimo ha detto...

@Anonimo luglio 02, 2014 6:54 PM:

vergognoso me de che?!
I "poveri ragazzi" si rendessero conto della cagata che hanno fatto, chiedessero scusa, andassero a ripulire la loro merda attaccata ovunque e poi, forse, potremmo pensare che hanno voglia di lavorare onestamente.

Anonimo ha detto...

Pallara!

Anonimo ha detto...

Il quartiere prati è pieno degli adesivi di questo completo idiota.
Persone come queste che mandano in giro ragazzini e extracomunitari con lo zainetto pieno di adesivi per attaccarli ovunque non dovrebbero solamente essere condannati eticamente ma penalmente. In attesa che la magistratura si attivi vergognatevi.

Anonimo ha detto...

l'ho provata e ci si mangia davvero bene, provatela...

Anonimo ha detto...

Gli Hamburger sono buoni ma a Roma c'è molto di meglio, i prezzi sono decisamente esagerati.
Non ci tornerò

Anonimo ha detto...

Mi pare una campagna organizzata da qualche concorrente, tra l'altro con commenti anonimi che lasciano il tempo che trovano!!!

Anonimo ha detto...

bene se ne faranno una ragione, anche se sono convinto che non ci sei stato....

Anonimo ha detto...

ancora con questa storia....è evidente che qualcuno ci gira sopra, dai Roma ha cartelli 5mt per 4mt abusivi in ogni luogo, cartilli di pulisco cantine in ogni posto, locandine di spettacoli teatrali su tutto ciò che rimane delle cabine telefoniche...e queti qui hanno distrutto Roma con 4 pecette che neanche si vedono, poi aggiungo i commenti dei sedicenti avventori che già hanno avuto il piacere di mangiarci con commenti dettagliati sui costi e sul cibo....scusatemi ma sto ridendo a crepapelle....

Anonimo ha detto...

A 4 mesi e mezzo da questo articolo, ancora oggi, possiamo godere della meravigliosa campagna pubblicitaria di patties.

Il centro è invaso e lo stesso vale per i luoghi della movida tipo ponte milvio.

E c'era pure chi li difendeva perché non era colpa loro, bensì della ditta attacchina. Complimenti, vi invito a non frequentare questo e i tanti altri locali che beneficiano dal creare ulteriore degrado a ROMa.

Anonimo ha detto...

Ogni volta che torno a Roma corro a mangiare gli Hamburger di Patties.
Non mi è capitato di vedere gli adesivi e Roma la giro in lungo ed in largo a piedi ma mi rendo conto che possa essere un problema.
Problema del tutto relativo, a mio parere, là dove di cose che non vanno da segnalare ce ne sono molte altre e non mi sembra di aver mai letto tanti commenti sui lucchetti di Ponte Milvio (che oltre a deturpare sono da dementi) oppure dei bisogni degli animali o delle cicche di sigarette, tutte cose per le quali si dovrebbe essere multati.
Indignatevi meno per le cazzate e fate lotte serie e concrete; per rimanere aperto Patties pagherà una marea di tasse e subirà un'infinità di controlli.
In una città dove la metà dei luoghi dove si mangia è scadente un posto come Patties andrebbe "tutelato"
Ile

Anonimo ha detto...

Il Proprietario del Patties è anche proprietario di una famosa agenzia di Marketing e Pubblicità...ahahahahahahahahahah

ShareThis