L'esercito, gestito dalla Camorra, dei venditori abusivi sulle spiagge di Ostia. Uno ogni 30 secondi per rendere impossibile anche qualche ora di relax al mare

2 luglio 2014























39 commenti | dì la tua:

bat21 ha detto...

Roma ha il litorale in linea col resto della città... :(

Anonimo ha detto...

30 secondiiiii???????
magari passassero 30 secondi tra il passaggio di uno e l'altro.
purtroppo la realtà è ben peggiore.
in spiaggia si è cosyretti ad ascoltare una continua litania di questi che urlano le loro merci "acqua, coca cola, birra, bombe, birra ecc. ecc. ecc. ecc." e che ti passeggiano continuamente addosso e che ti chiedono se vuoi questo o quest'altro, per non parlare di quelle baracche con le ruote che per vendere i costumi si parcheggiano sul bagnasciuga impallandoti pure la vista del mare. triste vedere le frotte di ragazzette e donnette che si accalcano per comprare quei costumini da 5 euro. veramente persone squallide.
io personalemente sono tornato una volta lo scorso anno alla spaiggia libera e non ci tornerò mai più.
io credo di avere una certa dignità personale, magari piccolina ma qualcosa ancora c'è, e trovo veramente indegno dover passare una giornata al mare in quelle condizioni allucinanti.
veramente una situazione che definire da terzo mondo è offensivo per il terzo mondo.
romani ma che ca@@o avete nella testa?

Filippo ha detto...

Un commento puramente tecnico sulle fotografie e non sul tema (che ovviamente condivido). Sono foto bellissime, scattate con molta competenza. I colori sono stati appena esaltati attraverso un programma di correzione. Ma si vede che il fotografo ha grande occhio. Si può sapere da chi sono state realizzate? Da un lettore o dalla redazione di Romafaschifo?

Anonimo ha detto...

Stanno li perché c'è chi compra.
Se nessuno comprasse NON ci starebbero.

PXT ha detto...

Oltretutto, senza voler passare per 'buonista', è una situazione indegna anche per loro. È forse dignitoso doversi arrangiare in questo modo per vivere? Questa è l'integrazione? Questo è rendere dignitoso il soggiorno di altri esseri umani nel nostro paese? Farli finire a vendere merce rubata, magari per conto di qualche bestia senza scrupoli che ne sfrutta l'indigenza e la disperazione? Ci riteniamo un paese civile perché consentiamo a questa gente di sbarcare qui e fare questa fine? Il bello è che chi compra da questa gente si sente anche a posto con la coscienza, convinto di 'aiutarli', apparentemente ignari del giro di sfruttamento che c'è dietro.

Anonimo ha detto...

grazie renzi, grazie alfano

mi raccomando andiamone a prendere qualche altro milione di immigrati...

è la fine di questo paese. Un paese che si lascia invadere in questo modo è destinato a soccombere

Anonimo ha detto...

DA ROMA.REPUBBLICA.IT di oggi:

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/07/02/news/pali_slogan_e_maxifoto_al_gran_tour_di_cartellopoli_lo_scempio_senza_fine-90473552/

Anonimo ha detto...

per colpa di qualche maledetto neo-padrino, a roma non esiste privacy: telefonate al garante...

Anonimo ha detto...

ci stanno togliendo letteralmente anche lo spazio fisico

l'invasione asiatica, araba e africana stà minando la sopravvivenza stessa di questo paese e dell'europa intera

d'altro canto se un paese ed un popolo accetta supinamente di lasciarsi invadere, allora è giusto che sparisca

c'è da dire che questa classe politica passerà alla storia come traditrice del proprio popolo e del proprio paese

il traditore che apre le porte al nemico è da sempre giudicato dalla storia e dalla letteratura per quello che è : un verme

e di vermi in parlamento ce ne sono così tanti...

Anonimo ha detto...

non solo la merda cinese venduta da questi scassapalle è di qualità infima e spesso nociva o tossica (per non parlare poi del danno arrecato alle nostre aziende e al nostro commercio). C'è anche da dire che molti degli immigrati sono portatori di malattie varie, dalla scabbia fino alla tubercolosi...

e adesso mettetevi pure il costume o sdraiatevi pure sul telo che avete comprato... se poi vi servirà un dottore, ci potevate pensare prima

l'arrivo di ebola in italia ormai è solo questione di tempo, lo hanno detto svariate organizzazioni sanitarie...

grazie renzi, grazie alfano

Anonimo ha detto...

il ritorno in italia di malattie scomparse da tempo è acclarato ormai

se poi arriva anche ebola, questo governo ne risponderà penalmente ?

qui parliamo di potenziali e devastanti epidemie

mi raccomando, andiamo a prenderne altri...

Anonimo ha detto...

sto notando di tanto in tanto dei commenti che attaccano questo blog

evidentemente le mafie (anche politiche) che comandano a roma iniziano a temere che la gente si svegli un bel giorno

direi che romafaschifo è ormai l'unico vero punto di riferimento intorno al quale costruire una vera protesta popolare

ci si riuscirà prima o poi ad auto-organizzarci senza infiltrazioni "partitesche" ?

perché non organizzare una manifestazione ?

deve esserci un modo per convogliare la rabbia dei cittadini e tradurla in azioni concrete

Anonimo ha detto...

E' chiaro che tutte le persone che sono costrette, anche contro la loro volontà, a rimanere nel territorio italiano, in qualche modo devo procurarsi di che vivere. Le feree regole europee impediscono a queste persone di uscire dal territorio del primo stato in cui sono entrate, finché non avranno un decreto di accoglimento della loro richiesta di asilo politico o asilo umanitario. A Brenner/Brennero c'è ormai molta più polizia austriaca che italiana che chiede i documenti e respinge chiunque abbia tratti di fisionomia africana o comunque non europea.
Quindi è una conseguenza più che ovvia che lo stato italianao avrà sempre più immigrati da gestire. Che, nel frattempo, si arrangeranno come potranno, portando anche grandi guadagni illeciti alle efficentissime organizzazioni a delinquere italiane.
Per me la repubblica italiana cesserà di esistere entro la fine di questo 21° secolo. Non c'è modo di impedirlo. Anche gli stessi residenti di lingua italiana avvertono sempremeno l'esigenza di uno stato e chiedono di avere una loro indipendenza (Veneto e Tirolo).

Anonimo ha detto...

Roma fa schifo. Ed è pure fascista.

Anonimo ha detto...

Con questo reportage così dettagliato, non otterrai un cavolo.
Sappiamo benissimo che in quasi tutti i litorali 'popolari' italiani la situazione è questa. Ad Ostia bisogna dire 'no grazie!', per tutto il tempo, a cocco, acqua, cover cellulari, mollettoni, massaggi, costumi, ombrelli (!), asciugamani, ecc. ecc. al ritmo di uno al minuto.
Le autorità non fanno nulla o sono "impotenti".

Sono molto belle, invece, le foto, nel loro genere. Sembrano scattate in Egitto o a Marrakesh.
Colorate, ben inquadrate, ben esposte.
Complimenti. Dico sinceramente. Se le avesse fatte qualche fotografo radicalchic sarebbero già pubblicate o parte di una mostra.

Non posso fare i complimenti, invece, a Ignazio Marino, che in poco più di un anno ci ha fatto rimpiangere Alemanno, Veltroni e Rutelli nei loro giorni peggiori.

Anonimo ha detto...

Questo fine settimana sono stato a Montesilvano (Pe) e la situazione è la stessa. L'unica è far finta di dormire al sole o buttarsi in acqua, altrimenti è un continuo sbattersi a dire "no grazie"....
Da questo punto di vista (solo da questo intendiamoci) temo che Roma sia simile a tante altre realtà...

Anonimo ha detto...

prima o poi la gente si renderà conto che questa è un'invasione bella e buona, con costi economici e sociali enormi oggi e con la perdita di sovranità domani, quando gli immigrati (e i loro figli) saranno la maggioranza

bisogna prepararsi al peggio purtroppo ma è bene che la gente si svegli ed inizi a votare per chi vuole espellere gli immigrati, non per chi li fa entrare o addirittura li va a prendere a domicilio

e basta con la cazzata del razzismo, qui siamo di fronte alla stessa sopravvivenza del nostro paese e del futuro dei nostri figli

questa classe politica dovrà rispondere un giorno di alto tradimento

Anonimo ha detto...

Una soluzione ci sarebbe, ed era stata adottata tre o quattro anni fa.
Multare per "acquisto incauto" le persone.

Vuoi un cover di cellulare a pochi euro (che se non costasse pochi euro neanche sentiresti la necessità di cambiarlo ogni 5 minuti?), 150 euro di multa.

Vuoi il costumino da 6 euro (con quei bei colori tossici che ti entrano poi nell'epidermide?), paga una bella multa salata.

All'epoca in spiaggia una signora fu multata pesantemente per un portafogli, i che mi fece anche un po' indignare, perché dico, non è il cittadino che deve rimediare al proliferare del commercio abusivo.. ma lo stato che deve prevenire... oggi sto cambiando idea, la gente costituisce, economicamente, la DOMANDA, per cui lo stato di cose è anche sua responsabilità... e penso questo per la totale sfiducia nel fatto che in questo paese l'autorità costituita voglia o possa agire.

Evitate di comprare, vedrete come passa in fretta la voglia di sciamare sulle spiagge e nei centri storici.

Anonimo ha detto...

Chissa come mai questi problemi li abbiamo solo noi qui in Italia. Boh? e non in Francia, Olanda e i tutti gli altri paesi bagnati dal mare e con turisti?

Anonimo ha detto...

evitare di comprare purtroppo e paradossalmente potrebbe persino peggiorare la situazione

l'accattonaggio e l'abusivismo di fatto contribuiscono a tenere sotto (relativo) controllo il livello di criminalità

un paese con crisi economica profonda e tasso di disoccupazione altissimo non può permettersi di far entrare milioni di desperados

il fatto che non si voglia davvero contrastare l'illegalità è perché temono che questo esercito di sbandati dovrebbe arrangiarsi comunque ed il crimine esploderebbe, mettendo davvero in chiaro una volta per tutte quale suicidio collettivo rappresenta l'immigrazione per l'italia

ecco perché accattoni, vu cumprà, lavavetri, posteggiatori e bancarellari non vengono toccati

Anonimo ha detto...

compratevi pure il telo e il costume con la scabbia e la tbc

poi però non venite a lamentarvi

e mi raccomando, continuate a votare per renzi e alfano

Anonimo ha detto...

A proposito di Cartellopoli romana:
ORA SAREBBE UTILE SENSIBILIZZARE CIASCUN CONSIGLIERE COMUNALE SULLE "PIETRE MILIARI" CHE-IN QUESTA ESTENUANTE LOTTA IN DIFESA DELLO STATO DI DIRITTO-SONO STATE RAGGIUNTE GRAZIE ALL'INFATICABILE LAVORO DI CARTELLOPOLI,BASTACARTELLONI, DELL'ARCH.BOSI E DELLE ASSOCIAZIONI ANTIDEGRADO E CIOE':
1) PARERE DELL'AVVOCATURA COMUNALE;
2) PARERE DELL'AGENZIA DI CONTROLLO SUI SERVIZI PUBBLICI EROGATI DAL COMUNE DI ROMA;
3) PARERE (o "PARTO") DELLA COMMISSIONE COMMERCIO.

ORMAI L'INDIRIZZO (NECESSARIO, per l'appunto, visto che non si fa che ribadire lo STATO DI DIRITTO) E' UNIVOCO ED I VARI GIOCHINI IN CONSIGLIO COMUNALE SI SCONTRERANNO COMUNQUE CONTRO LE SUCCITATE "PIETRE MILIARI"

Anonimo ha detto...

Gentile luglio 02, 2014 3:42 PM

ovviamente questa è una idea che anche io ho da tempo, una volta che, già sei o sette anni fa, ho visto una volante della Municipale parcheggiata accanto al Pantheon, con tanti abusivi allegramente "apparecchiati" sulla piazza.
Non era arrivato ancora il tempo in cui gli stessi agenti della Municipale rimediavano un cazzotto in faccia o un dito rotto per tentare di contrastare il fenomeno, ma tempi di relativa tranquillità.

Ora il fenomeno dilaga, si è tollerato e sono diventati dieci volte tanto.

Suppongo che tra qualche anno diventeranno cento volte tanto, fino a che, chi lo sa, per sopravvivere quasi ti costringeranno a comprare.

In effetti, questa idea che tollerando l'abusivismo si possa evitare il male maggiore, non durerà in eterno. Non sarà, ripeto, una soluzione che potrà durare.

Tutti si vorranno inserire negli affari, senza programmazione e senza tener conto del fatto che l'offerta è superiore alla domanda.

In teoria, disincentivare l'acquisto, intanto, combatterebbe l'illegalità della contraffazione, e poi potrebbe convincere queste persone (non posso infatti pensare che siano tutte disposte a delinquere), a spostarsi "più a nord".

Non dispiacerebbe, infatti, che la cara Europa, più protetta, più civile e più opulenta, cominciasse a farsi carico concretamente del problema immigrazione.

I vicini non si uniscono mai ad una lamentela condominiale che non li tocchi direttamente.

E' da pazzi pensare che solo l'Italia potrà farsene carico senza muovere un dito o dietro pochi spiccioli di aiuti (quando non ci multano).

Se queste persone sono disperate come si dice, aumenteranno e andranno, magari, sempre più a nord.

Due anni fa ero in Portogallo e la nostra guida a Lisbona ha tranquillamente detto che il paese in crisi ha praticamente cessato di accogliere, consigliando agli ospiti rifiutati di recarsi in altri paesi, tra cui l'Italia. Magari era anche una mezza battuta, però da loro ha funzionato.

L'integrazione è una buona idea in generale, ma non in presenza di continue ondate di arrivi, che riazzerano tutti gli sforzi di un paese che già arranca di suo.

Anonimo ha detto...

E costui è il PREFETTO di ROMA????

Ma dico, avete letto??? Roba incredibile.

http://roma.repubblica.it/cronaca/2014/07/02/news/prefetto_mercatini_rionali_per_immigrati-90545611/

Poi la parte sui "pochi borseggi" etc, rasenta veramente l'assurdo più assurdo. Ma in che mondo stiamo????

Ma Renzi è a conoscenza di chi è preposto a tutela della città di Roma?

Anonimo ha detto...

Ma sei cazzi dei negri di merda, zingari, calabresi e napoletani.
Bruciare tutto per ricominciare.
Dio cane

Anonimo ha detto...

Intanto dal primo luglio è in vigore la normativa che i lavoratori autonomi devono dotarsi di pos per fare ingrassare ancora di più le banche. E poi vediamo quello che si vede in queste foto.
Le tasse più alte d'Italia e l'abusivismo più alto d'Italia.
E sarà sempre peggio perché ormai hanno capito che dalle nostre parti si può essere padroni senza problemi.

Anonimo ha detto...

Ormai te li ritrovi dappertutto e non ti consentono di vivere liberamente.
D'inverno non si può camminare sui marciapiedi, soprattutto chi è disabile, e d'estate non riesci neanche a vedere il mare.
Senza contare che questa mancanza di visibilità potrebbe essere anche fonte di problemi per chi deve soccorrere persone in difficoltà.
Bastava poco per far smettere questo schifo quando è iniziato. Adesso diventa tutto più difficile in quanto questa gente ormai ha acquisito diritti che non gli spettano ed ha capito che qui può fare come gli pare. E sono diventati sempre più aggressivi.
Grazie a coloro che ci amministrano e a chi dovrebbe vigilare su regole e sicurezza.

Anonimo ha detto...

@3.42 hai centrato il problema. Anche se comunque, nonostante questa tolleranza, sarà sempre peggio perché comunque fra qualche anno questo Paese sarà comunque in mano a questa gente.

Anonimo ha detto...

Queste cose succedono anche nella nordissima Jesolo, e nessuno fa niente, anzi.., anche li stare in spiaggia ormai non é stare un pó in pace, bisogna in caso prendersi un albergo con piscina.., li non ci arrivano magari. A Caorle recentemetne erano un pó meno, ma la stagione vera e propria era all'inizio, dunque.....

Anonimo ha detto...

d'inverno ti stressano la sera nelle zone dove si va per svagarsi un po' (a san lorenzo sono anche aggressivi, alcuni anche ai semafori sono diventati aggressivi soprattutto quando vedono donne sole in macchina) e d'estate ti stressano in spiaggia. non solo l'anno scorso uno particolarmente giovane si fermò in posizione tattica per guardare bene in mezzo alle gambe di alcune ragazzette in costume (ovviamente) ecco il tipo si toccava l'uccello e notai poi una chiazza sui suoi pantaloncini proprio in quel punto. fateci caso alcuni sono anche dei maiali perché al paese loro le donne sono tutte coperte...ah il porco era un giovane nero..molto nero...e comunque stanno diventando aggressivi...

Romamia ha detto...

Questo non è un paese libero. Il cittadino non può più camminare liberamente per i marciapiedi, non può più stare tranquillamente disteso sulla spiaggia, non può più usufruire di panchine e parchi pubblici, non può più godere la vista del mare o di monumenti storici. Non è più padrone degli spazi di casa sua. Tutto ciò a causa dell'invadenza e arroganza del commercio ambulante abusivo. Forse è arrivato il momento di una mobilitazione

Anonimo ha detto...

Ma chi sono i clienti di questi venditori ? Anche loro immigrati ? O italiani a cui piace comprare la loro paccottiglia ? Ricordatevi che nel mercato si incrocia sempre l'offerta con la domanda.

Anonimo ha detto...

questi poverini vengono dall'africa perché muoiono di fame. Che male c'è ad aiutarli ?

Anonimo ha detto...

Il fatto è che tutta questa massa di extracomunitari, una volta che sono entrati in Italia, in qualche modo devono campare, e allora nella migliore delle ipotesi cercano di sbarcare il lunario con l'abusivismo commerciale, nella peggiore diventano veri e propri delinquenti...
Ricette magiche o soluzioni per questi problemi non ne ho, inoltre ritengo che dire semplicemente di non farli entrare o rimandarli a casa (senza poi spiegare concretamente come, ed usando sistemi rispettosi dei diritti civili) è semplicemente illusorio. Certo è che alla lunga il risultato certo sarà l'esplosione di tensioni sociali, c'è poco da fare.

un ha detto...

Per l'anonimo qui sopra. Per trovare ricette magiche o soluzioni a questo problema sarebbe sufficiente guardarsi intorno e copiare quello che fanno gli altri paesi democratici europei, Usa e Australia. Semplice

Roberto Ghisellini ha detto...

Visto che al Terzo Mondo rapiniamo quotidianamente materie prime e risorse, non possiamo lamentarci se poi qualche immigrato, per sopravvivere, cerca di vendere qualcosa in spiaggia

Anonimo ha detto...

non rapiniamo un bel niente se non sono stati abbastanza intelligenti e sviluppati per difendere le loro grandi risorse non è colpa di nessuno...e basta co sto buonismo assurdo che ci ha portato a tutto lo schifo immondo che vediamo...sono dei sottosviluppati e devono restare al paese loro..."rapiniamo"...allora rapiniamo pure spazio alle mucche visto che migliaia di anni fa il territorio serviva per pascolare...maddaiiii...allora se ti senti in colpa portateli a casa tua...

Roberto Ghisellini ha detto...

Caro Anonimo del 14 luglio, allora niente buonismo, ma ognuno si tiene le proprie schifezze di rifiuti ingombranti a casa propria, i "tuoi", i "nostri" rifiuti di società "civile" ti informo che vengono imbarcati e portati in africa, centroamerica, asia per essere smantellati, interrati o inabissatii; comodo fare come noi, chi sono qyuindi i sottosviluppati?

Roberto Ghisellini ha detto...

Caro Anonimo, toh guarda un po'... proprio oggi sui giornali si parla dei RIFIUTI TOSSICI che noi evoluti occidentali scarichiamo (inquinando) in Costa d'Avorio, perchè non ce li interriamo nel nostro giardino o li affondiamo nei nostri mari o nelle nostre piscine private?

ShareThis