Uno città in uno stato così penoso che quando passi qualche giorno a Sofia provi invidia...

15 dicembre 2013












































Viaggio un pò in Europa e come tanti romani è facile che mi vergogni dello stato penoso della nostra città sotto tutti i punti di vista ma soprattutto per quanto riguarda il "decoro". Qualche settimana fa sono stato a Sofia in Bulgaria dove non andavo da qualche anno. Ho trovato una città che nonostante sia molto più povera di Roma sotto tutti i punti di vista ha tanta voglia di vivere e piano piano si sta riscattando da tanti decenni di inefficienze. Negli ultimi anni sono stati pedonalizzati dei viali e creato dei dehors esterni, hanno aperto tanti negozi e ristoranti carini e la città, con lo sforzo di tutti i cittadini, si è data da fare per ripulirsi ed avere un suo posto in Europa. Ovviamente c'è ancora molto da fare ma, almeno in centro, tanto è stato fatto: molte strade hanno i paletti che impediscono la sosta selvaggia, sono stati installate molte panchine, fioriere e piantati alberi; la metropolitana ha le stazioni che sono pulitissime, ed i vagoni, sia dentro che fuori non hanno scritte.  La metro poi ha i tornelli sia per entrare che per uscire e colonnine per l'accesso ad internet in ogni fermata... ma la cosa più sbalorditiva è che è fgrequentata da persone "normali"... insomma proprio come a Roma. Non mi dilungo ma ormai anche in confronto alla Bulgaria (alla Bulgaria!!!) non c'è storia. Roma ha perso. Se noi romani tutti non facciamo uno scatto d'orgoglio finiremo tipo Burkina Faso e Mali. Credo che il corpo della Polizia Municipale abbia grandissime responsabilità in questo. Allego alcune foto e mi scuso per la scarsa qualità.
Grazie per il lavoro che fate.
Luca

41 commenti | dì la tua:

Andrea ha detto...

A pensare che tute le altre capitali europei sono nelle stesse medesime condizioni. Soltanto noi viviamo nella merda, degrado ad ogni 3 metri, in qualsiasi strada, quartiere.
Dobbiamo organizzarci e manifestare contro ATAC, Vigili, AMA i tre pilastri che non fanno funzionare bene la città.

mnz ha detto...

Quelli che crediamo veramente nel cambiamento di questa città dobbiamo incontrarci, organizzarci e cominciare a fare un po' di brainstorming per venir fuori con le nostre idee, i nostri suggerimenti, e possibilmente anche il nostro tempo libero per aiutare costruttivamente e positivamente in quello che crediamo. Sono stanco di mandare foto e lamentarmi al vuoto.
Dobbiamo creare un nuovo sito ROMACANDOIT!! ed esporre soltanto idee da presentare al sindaco promettendo anche la nostra collaborazione. Chi vuole organizzare tale impresa per l'amore che sentiamo Roma_

Anonimo ha detto...

per carità ragazzi, basta creare siti, blog, comitati, associazioni, movimenti. questo funziona egregiamente, lavoriamo intorno a questo.

Anonimo ha detto...

Che città triste, muri grigi, treni grigi. Sarà anche fascista visto che non si vedono zingari barboni e venditori abusivi in giro.
Per ristabilire la normalità bisognerebbe romanizzarla un po'.

(questo messaggio può contenere sarcasmo)

Anonimo ha detto...

Sono stato pure io a Sofia ed ultimamente a Bucarest e Belgrado;sono tutte tre pulite ed organizzate molto,ma molto meglio di Roma.(purtroppo)...Riccardo.

Anonimo ha detto...

Fare paragoni così serve (forse) a far risvegliare l'amor proprio in qualcuno assuefatto dall'andazzo romano ma sarebbe più interessante andare dietro le quinte. Per esempio come vengono trattati in quelle longitudini ladri, zingari, extracomunitari, barboni, writer, fancazzisti, coattoni ecc.?
C'è qualche romeno che ci può spiegare come funziona a Bucarest? C'è qualche bulgaro che ci spiega come funziona a Sofia?

ilaria. ha detto...

piantiamola con sta storia. Roma non fa schifo; fanno schifo le persone che dovrebbero prendersene cura, e invece fanno i loro porci comodi. E parlo di ogni strato sociale, a partire dal cittadino che getta immondizia per strada. E c'è una ENORME differenza.

Anonimo ha detto...

Ancora sti paragoni con l'Europa? Ma lo capite o no che Rom-a è una capitale del nord Africa?

Anonimo ha detto...

Senza bisogno di altri "siti menagerbrainstorming-s" sarebbe sufficiente disertare il mezzo pubblico totalmente e una volta per tutte, rovesciandosi per la strada con qualsiasi mezzo (biciclette, pedalò, risciò, carri a trazione animale etc.) come del resto accadrà tra non molto (compresi i pedalò ovviamente...).
E' già successo circa 50 anni fa, quando come forma di protesta (posti sui bus separati tra bianchi e neri negli USA) gli afroamericani si rifiutarono di alire sui bus decretando la progressiva bancarotta di tutte le aziende operanti nel settore.
Più che "pasionarie" e "forconi" questa città avrebbe bisogno di cultura del mezzo pubblico. E' con quella che si può pretendere, esigere, una qualità della vita migliore.
Con una simile consapevolezza, non c'è sito, non c'è "w.w.w" e blog che tengano.


Tramvinicyus
studioso e appassionato di TPL come primo social network della storia) dal 1982

Anonimo ha detto...

Magari tutti i neri pagavano il biglietto. Ma a Roma quanti pagano il biglietto?

Anonimo ha detto...

Vivo in un quartiere nel quale gli unici immigrati che si vedono in giro sono badanti e collaboratrici domestiche, insomma la popolazione è romana al 99,5%; sono appena sceso a gettare l'immondizia e intorno ai secchioni c'erano un materasso, diversi oggetti in plastica, svariate buste di spazzatura assortita abbandonate fuori da un secchione che avrebbe potuto ancora contenerle (se per caso il secchione è pieno NESSUNO si prende la briga di fare cento metri scarsi per gettare il sacchetto in quello utilizzabile più vicino), diversi scatoloni, pezzi di mobilia, ante e legname, alcuni paraspigoli in legno infilati nella campana per vetro e metalli (è normalità quotidiana che i tre contenitori per la differenziati siano usati senza alcun criterio) e, nei circa 10 metri che separano il cancello dai secchioni, tra cartacce e porcheria varia, ho fatto il solito slalom tra gli escrementi canini. Mi pare inutile prendersela con AMA, vigili e qualunque altro servizio pubblico: qui, il marcio è diffuso nella gran parte degli abitanti e questo è dimostrato da innumerevoli altri comportamenti incivili, dalla guida all'utilizzo dei trasporti pubblici e di servizi come gli ospedali. Cosa dovrebbero fare le istituzioni? Mettere h24 gruppetti di celerini su ogni singola strada per randellare chi "sbaglia"? Certo, un po' di posti di lavoro si creerebbero e non è detto che i costi per attuare una repressione generalizzata e capillare sarebbero maggiori di quelli necessari ad arginare il malcostume diffuso...

Anonimo ha detto...

Che quartiere è?

Anonimo ha detto...

vabe io a sofia ci ho vissuto e so come funziona: al centro girano i soldi, ci sono stranieri che investono, vip bulgari, ecc. e quindi i soldi vanno tutti nelle zone del centro per far apparire la citta' moderna ed europea. Ma basta andare in periferia ed a confronto via dell'archeologia e' un posto di lusso...Hanno risolto i problemi con gli zingari perche sono nazionalisti al massimo, roba che quando sentono al tg che e' morto uno zingaro sono felici. Questo per dire che e' troppo facile spalare merda su roma facendo paragoni di questo tipo, sopratutto se ripetete 1000 volte che a roma tutti fanno il cazzo che li pare e poi prendete per esempio sofia dove davvero la gente parcheggia a cazzo di cane sui marciapiedi, costruisce come li pare anche se poi i palazzi sono tutti diversi, e' pieno di cartelloni publicitari compresi quelli degli striptease club con le ragazze con le tette di fuori, e ti basta avere un macchinone con vetri oscurati e i vigili ti temono e se ti vogliono proprio fare la multa allunghi 10 euro, che non sono un cazzo neanche la dato che lo stipendio medio e' di 500 euro ma si accontantano e ti lasciano in pace...

Anonimo ha detto...

veramente stucchevoli i paragoni con citta' come Bucarest , Sofia o Belgrado.
Bucarets e' una cloaca di zingari.
Sofia in periferia sembra una zingaropoli come ce ne sono a Roma ma, 100 volte piu' estesa.
ma di che state cianciando?
Roma e' al collasso ed e' una cloaca di burini,zingari,africani e delinquenti del'est
, ma non e' che le altre citta' che amate evidenziare stiano meglio , o meglio usano risolvere le faccenduole con i rom in modo , come dire , spiccio, Bucarest e' una delle citta' piu' corrotte d'europa , ma certo ha il centro pulito...bah!.
un po' di obbiettivita',suvvia.

Anonimo ha detto...

Calmi con l'accusa ai vigili. Vedo sempre le sceneggiate e le scuse di ogni tipo per le nefandezze che tutti, dico tutti, compiono in città. Perchè è sempre la solita storia va tutto bene finchè non tocca a noi.

Anonimo ha detto...

potreste cambiare il titolo del sito da : Roma fa schifo in un piu' coerente : il centro di Roma fa schifo.

Anonimo ha detto...

Al commentatore che ci ricorda come le periferie dell'est europa facciano schifo: è proprio questa l'eccezionalità di roma! Periferie che fanno schifo ci sono in quasi ogni città, ma il centro è mantenuto bene ovunque. Solo a ROMa il centro è degrado puro!

Anonimo ha detto...

I responsabili del degrado di Roma ?
Nell'ordine:
1) vigili rubani;
2) AMA;
3) una buona fetta (ma non tutti, per fortuna) di cittadini romani subumani;
4) presidenti dei municipi e relativi assessori;
5) commercianti (non tutti, ovviamente).

Anonimo ha detto...

Fra i responsabili, noto però che non vengono mai menzionati (forse per evitare accuse di xenofobia, intolleranza, ecc.) gli immigrati, molti dei quali arrivano proprio dall'Europa dell'Est, che bivaccano perennemente in tutti gli spazi immaginabili (aree verdi, stazioni, panchine, muretti, marciapiedi...) con il loro inseparabile Tavernello, seminando bottiglie di Peroni ovunque!
Allora come la mettiamo? Sono poi così civili nell'Est Europa? ...meditate gente! meditate prima di ergere ad esempio coloro sono fra i principali responsabili di inciviltà e degrado (almeno fuori da casa loro).

Anonimo ha detto...

non c'è bisogno di andare fino a sofia, andate a farvi un giro in centro a Torino, è capirete che vuol dire la civiltà e la buona amministrazione

Anonimo ha detto...

"Anonimo ha detto...
non c'è bisogno di andare fino a sofia, andate a farvi un giro in centro a Torino, è capirete che vuol dire la civiltà e la buona amministrazione"

Certo, certo, mutande di Cota a parte ovviamente....

Anonimo ha detto...

"Anonimo ha detto...
Fra i responsabili, noto però che non vengono mai menzionati (forse per evitare accuse di xenofobia, intolleranza, ecc.) gli immigrati, molti dei quali arrivano proprio dall'Europa dell'Est, che bivaccano perennemente in tutti gli spazi immaginabili (aree verdi, stazioni, panchine, muretti, marciapiedi...) con il loro inseparabile Tavernello, seminando bottiglie di Peroni ovunque!"

E i vigili urbani cosa fanno quando questa gentaglia bivacca per strada ? Perché non hanno le palle di intervenire ? E l'AMA ? Perché no spazza adeguatamente le strade la mattina presto ? Torniamo sempre al solito punto: CHI CAZZO DEVE INTERVENIRE ?

Anonimo ha detto...

Non dimentichiamo che i principali e forse unici responsabili degli accampamenti abusivi, diffusi ormai in tutta Roma, sia nelle periferie sia in zone centrali come ad. sul lungotevere Capoprati, sono questi 'esimi' e 'civilissimi' cittadini dell'Est!
Ma allora come funziona?
Il governo bulgaro pensasse in primis a sviluppare l'occupazione interna e ad arginare l'emigrazione di massa!
Tutti bravi a mettere 4 fiorellini nell'isola pedonale di Sofia, per far bella figura con turisti gonzi che subito si precipitano a fare confronti per screditare l'Italia e Roma!
E' vero Roma è diventata un letamaio, ma ciò dipende anche dal fatto che tutti vogliono venire ad abitare qui e si sa che, a fronte di un forte inurbamento e di una immigrazione di massa, queste sono le conseguenze!

Anonimo ha detto...

"Anonimo ha detto...
E i vigili urbani cosa fanno quando questa gentaglia bivacca per strada ?"
Certamente i vigili e le forze dell'ordine hanno un'enorme responsabilità! Lungi da me negarlo.
E' pur vero che se la "gentaglia" aumenta a dismisura, la situazione prima o poi sfugge di mano.

Francis Drake ha detto...

Beh, la gentaglia di cui parlate aumenta a dismisura proprio perché non c'è un argine (leggi: vigili e forze dell'ordine preposte).
E' un po' un passaparola, no ? Andate tutti lì, tanto al massimo vi fanno spostare di qualche metro, da un bivacco all'altro.

Anonimo ha detto...

uno schifo del genere a Roma lo si e' visto in modo massiccio solo dopo che le frontiere sono crollate, sara' un caso, chi lo sa.
inoltre le leggi lassiste fatte da politici zeppi di interessi vari , hanno portato al fatto che una volta che trovi un ubriacone dell'est che svenuto davanti a casa tua con i bisognini sparsi qua e la a mo' di fioriera di Sofia , ebbene : che ci fai? semplice : ospedale a spese nostre e poi , non al suo paesello , ma di nuovo sotto casa a dire ti taglio gola .
spero qualcuno mi smentisca , perché sto' diventando intollerante e non mi piace.

Anonimo ha detto...

L'immigrazione di massa ha raggiunto questi livelli per vari motivi (anche politici) che forse vanno oltre l'incapacità delle forze dell'ordine e della polizia municipale, nonostante l'inettitudine di quest'ultima rappresenti un vero e proprio invito (e, qui, ti do completamente ragione).
Ma il punto è un altro: a parer mio, un blog stimatissimo come questo dovrebbe evitare questi encomi a città dell'est come Sofia, Bucarest ecc. sapendo bene quanto gli immigrati di quei paesi contribuiscano a degradare la nostra città, con assembramenti di ubriaconi, accampamenti abusivi, rimestaggi nei cassonetti, roghi di rifiuti, ecc.

Anonimo ha detto...

ricordo il mio rientro dal viaggio a Londra... atterrato a Ciampino...autobus per Anagnina con discusione conducente e
zingari a bordo... no vabbè sarà un caso.
Sceso al piazzale bus di ANAGNINA mi sono guardato intorno e le bancarelle e la sporcizia mi ha risvegliato dal sogno...!!! Non ho retto il confronto e mi sono messo a piangere come un bambino chiedendomi perchè dobbiamo pagare per vivere in questa realtà!!!!
Antonio

Anonimo ha detto...

Certo, certo, mutande di Cota a parte ovviamente....


dicembre 16, 2013 10:43 AM

cota non c'entra un c....o co torino svegliate

Anonimo ha detto...

Ma guarda un po'....Pensavo che Cota fosse il presidente della regione piemonte e che torino ne fosse il capoluogo.
SVEGLIATI TU !

Anonimo ha detto...

Ogni volta che parto per l'Europa
civile e sviluppata mi accordo di quanta arretratezza culturare sopprime Roma e l'Italia, siamo proprio un paese di porci.

Anonimo ha detto...

evidentemente preferite che il comune spenda tutti i soldi che ha nei 4-5 quartieri centrali per farli apparire belli, puliti e moderni e non si inculi di pezza i quartieri periferici e semi-periferici come fanno nelle citta' est europee. Poi pero' se il centro e' pulito e restaurato e in periferia sembra che ci sia stata una guerra fino a ieri vi lamentate di nuovo, soprattutto se casa vostra non sta al centro...

ps. I paesi dell'est "mandano" in europa un sacco di gente che studia e si da da fare, sopratutto inghilterra e germania sono pieni di immigrati andati la per l'universita' migliore e poi una volta laureati rimangono la a lavorare. La gente non ha nulla a che fare con gli zingari, anzi la li mettono tutti dentro un quartiere-baraccopoli dove fanno il cazzo che li pare e ci vivono solo loro, per lavorare li mandano a fare i netturbini o a spazzare le strade, mai visto un netturbino o uno sche spazza la strada che non sia zingaro a sofia. Qualche furto di nascosto lo fanno ma si limitano a quello, perche con lo squadrismo di estrema destra che c'e' la basta poco per ritrovarsi le baracche in fiamme.

Anonimo ha detto...

Roma non era pulita neanche ai tempi di Pasolini, eppure a quel tempo c'era tanta voglia di fare.
E' un problema di cultura, ci si riempie tanto la bocca, ma in realtà la mentalità e la cultura è quella del degrado. Secondo voi come mai i Rom a Roma attecchiscono e prolificano?
La verità fa male eh??

Anonimo ha detto...

Bella stazione. Se ci fate caso il decoro sui miei riprende lo stile delle tag.

Anonimo ha detto...

Ma ve volete sveja!? Sempre a da la colpa agli immigrati! Gli immigrati non c'entrano un cazzo! E' colpa degli itaGliani. In Spagna nel 2008 c'era quasi 1 milione di rumeni, in germania 6 milioni di turchi, in inghilterra quasi 1 milione di polacchi, per non parlare dei milioni di magrebini in Francia. Tolti alcuni episodi (clamorosi) non si vede il degrado che si vede qui (almeno nei centri). Solo qui! La colpa è dei locali, non degli immigrati: quelli si adeguano al clima locale

Anonimo ha detto...

Vabbè ahò ma quella è Bulgaria! Mica vorrai fare i paragoni con l'Italia!?!? La Bulgaria è un paese serio!

Anonimo ha detto...

@anonimo
"Secondo voi come mai i Rom a Roma attecchiscono e prolificano?
La verità fa male eh??"

Perché a Milano scherzano ? Ma che cazzaccio dici ? Vieni qui a Milano e controlla un po' la situazione dei ROM.

Anonimo ha detto...


Vedo queste foto....leggo l'articolo....e capisco che è perfettamente in linea con gli argomenti trattati dal sito internet......che non ha caso (e su questo concordo perfettamente) si chiama ROMAFASCHIFO

Anonimo ha detto...

Guarda che secondo gli esperti a nord non ci sono i rom ma i sinti

Anonimo ha detto...

Roma è una città finita, distrutta da chi la abita. Che vergogna, pensare che la nostra bella Capitale debba essere in mano alle scimmie...

Anonimo ha detto...

Evidentemente i bulgari non si azzardato a fare a casa loro quel che fanno in casa nostra.

ShareThis