Shopping natalizio mai così spettrale. Zero persone sui marciapiedi, solo cafoni in doppia fila. L'Appia Nuova è morta, ecco il video

23 dicembre 2013
Il video risale a lunedì 23 dicembre ore 16.30. Dovrebbe essere il tripudio degli acquisti o, per lo meno, dello struscio in quella che si autoconsidera la 'Vetrina più lunga d'Europa'. In realtà l'Appia Nuova, come più volte abbiamo segnalato e come vale per molte altre realtà commerciali romane (rifletteteci un attimo, dalla Tuscolana a Cola di Rienzo...), è un luogo da cui la gente fugge. Segnaletica inesistente, insicurezza totale per chi guida e per chi attraversa la strada, impossibile arrivare serenamente con l'autobus a causa di tutte le fermate sommerse dalla sosta selvaggia. E poi una fila continua di auto in doppia fila che creano traffico anche se i flussi sono minimi. E un gran puzzo di smog. Ah, naturalmente assenza totale dello Stato. Ne vigili, ne polizia. Nessuno a controllare una così vasta area commerciale. Ecco perché, come vedete, i marciapiedi sono completamente vuoti e i marciapiedi ancora di più. Nessuno più è disposto a passeggiare in questa fogna, ne i romani (che o non escono - è sempre più diffuso il fenomeno di andare in altre città a fare compere - o vanno ai centri commerciali dove i posteggi sono regolari, l'arredo urbano è curato e i negozi affacciano su quelle aree pedonali che i commercianti del centro hanno sempre osteggiato), ne tanto meno i turisti che ormai frequentano altre città. Il risultato è terrificante.

33 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Vogliamo anche parlare di chi ha fatto le riprese in scooter zigzagando tra le auto, sorpassando a destra anche sulle strisce pedonali? Chi è senza peccato scagli la prima pietra...

Anonimo ha detto...

ma che date un premio a chi fa il primo commento cojone?

Anonimo ha detto...

i commercianti non capiscono niente di tutto questo. Spero che la gente continui ad andare ancora di piu nei centri commerciali, e che i commercianti del tipo "aoo' i clienti mia non possono piu fermasse in doppia fila" (citazione vera dei commercianti di via merulana) falliscano tutti, subito.

Anonimo ha detto...

Dall'andatura mi pare una bicicletta, in città mi pare che sia ammesso il sorpasso a destra e sulle strisce mi pare di vedere che i pedoni fossero già transitati. C'entra qualcosa con gli scimuniti in doppia fila e le frecce lampeggianti? E comunque la teoria del tutti peccatori nessuno peccatore è frusta sciatta e miserevole.

Anonimo ha detto...

La doppia fila è un pericolo mortale per tutte le persone che usufruiscono della strada.
PUNTO

Anonimo ha detto...

un bel cordolo centrale, parcheggio a spina... poi voglio vedere come ce la metti la macchina in doppia fila...

Anonimo ha detto...

Il primo commento mi sembra fuori luogo visto il filmato e quello che mostra.
Teniamo anche conto che le ore 16.30 è un orario di inizio del delirio. Penso che passando di lì dopo un paio di ore la situazione sia ancora più pesante.
Il filmato sarebbe da rifare in altro orario pomeridiano e sicuramente la situazione sarebbe ancora peggiore di quella illustrata.
Più mezzi pubblici, taxi, come il sistema americano, a prezzi abbordabili e disincentivazione all'uso della macchina con tolleranza zero, come il sistema adottato negli Stati Uniti, per chi sgarra farebbe pensare più e più volte di prenderla per andare a mettersi in doppia file.
Ma ormai si è capito che qui si può fare come si pare tanto non c'è nessuno che controlla. Ed anche questo dal filmato si vede.

Roma fa schifo ha detto...

Le riprese, come il 90% delle riprese du Romafaschifo, sono state effettuate in bici, non in scooter. L'ideologia del chi è senza peccato scagli la prima pietra non a caso è parte di quell'ideologia da terrificante cattolicesimo che sono 2000 anni che ci affossa.
Non solo spesso la persona che dovrebbe aver peccato, non ha peccato affatto. Ma al di là di questo, anche se dovesse averlo fatto sarebbe COMUNQUE titolata a scagliare pietre eccome!

Anonimo ha detto...

Che amarezza, neanche uno struscio, mi sa che mi suicidero'. Non avete veramente un cazzo da fare nella vita porcatroia. Secondo me e' colpa dei vigili.

Anonimo ha detto...

Fatevi una vita invece di rompere i coglioni anche per le antenne sui palazzi.

Anonimo ha detto...

quest'ultimo commento sarà stato fatto da un vigile? eheeheheh

comunque io abito in zona e posso confermare e sottoscrivere tutto quanto detto nel post principale: in particolare appunto Via Appia Nuova è una strada da cui fuggire e non pensare neanche di passarci nelle vicinanze.
Non ho memoria dell'ultima cosa che abbia acquistato in un negozio di questa via, tanto mi fa schifo frequentarla.

Anonimo ha detto...

consiglio agli autori del blog di fare una inchiesta simile per un'altra strada commerciale (non così lunga come l'appia) non distante, e cioè VIA GALLIA!
collega piazza tuscolo con porta metronia. è il festival perenne della doppia fila, macchine costrette a camminare in fila indiana anziché a coppia, continue manovre e inversioni mortali fatte da chi esce dalla doppia fila, motorini che viaggiano sistematicamente contromano in quanto la carreggiata di loro competenza è occupata dal traffico normale e dalla doppia fila.
nel caso di Via Gallia l'aggravante clamorosa è che a piazza tuscolo c'è un gabbiotto dei vigili quasi sempre presidiato da 2-3 vigili in gruppo ma... che ve lo dico a fa??? schiodarli da quel gabbiotto è un'impresa da mission impossible.

Anonimo ha detto...

Io scriverei a Raffatweet Clemente e a Ingycicle Marino, avremo sicuramente un presidio H 24 in zona.


Ahahahaha.

Anonimo ha detto...

Stamattina sotto casa mia ho trovato una merda di cane, un fazzoletto e un leggero avvallamento sul marciapiede. Io mi chiedo se queste sono cose da far trovare in una capitale europea, non ho parole, sono basito, scandalizzato e schifato. Credo che andro' a vivere all'estero...pero' andateci anche voi per favore, smettete di soffrire.

diego ha detto...

@anonimo 8:26

Nessun parcheggio a spina, MARCIAPIEDI PIU' LARGHI E DISSUASORI per evitare che il burino coatto medio pensi di parcheggiare sul marciapiede ( la fantasia di questi animali non ha limiti). Naturalmente sono indispensabili anche i cordoli centrali.
Bastano questi semplici interventi e i problemi della doppia fila, del caos del traffico, dell'uso sistematico e irresponsabile del mezzo privato, sarebbero risolti alla radice.
E con i marciapiedi più larghi Via Appia somiglierebbe quasi a un luogo occidentale ed europeo. Una zona tra l'altro abbondantemente servita dalla metro.

Anonimo ha detto...

Un bel paio di binari come una volta, al centro della via, proprio tra i pini, un bel manto d'erbetta tra di essi (i binari eh? E pure i pini...)...e via, risolto il problema dello shopping...
BUON NATALE!!!!



Tramvinicyus

Anonimo ha detto...

Sono sicuro che in questo momento, mentre sto guardando la tv, in citta' ci sono una moltitudine di auto in doppia fila, almeno 29 zingari che stanno rovistando nei cassonetti e chissa' quante persone stanno gettando una carta a terra. Ditemi se questa e' vita. Io non ce la faccio piu'.

diego ha detto...

Naturalmente i cordoli centrali su via Appia servirebbero a delimitare la corsia riservata ai mezzi pubblici da quella concessa ai veicoli privati.
In altra strade, quelle a una carreggiata a doppio senso es. Via Albalonga, i cordoli centrali servirebbero ad evitare le invasioni della corsia opposta contromano ( di solito per scavalcare le auto ferme in sosta selvaggia). Anche per strade tipo via Albalonga l'unica soluzione è di tipo urbanistico. Marciapiedi larghi, dissuasori, cordoli centrali. Insomma occorre rendere FISICAMENTE IMPOSSIBILE la doppia fila, è illusorio pensare di risolvere un problema cosi' enorme e diffuso coma la doppia fila a Roma solo con qualche controllo e con qualche multa ogni tanto.

Anonimo ha detto...

il tipo è chiaramente sulla bici. quanto alla scarsità di pedoni/acquirenti c'è anche da considerare il momento di fortissima crisi economica che il paese sta attraversando. non è colpa unicamente della pessima condizione in cui versa la nostra città.

Anonimo ha detto...

i commenti ironici che qualcuno (credo sia sempre la stessa persona) sta scrivendo per denigrare il post sono assolutamente penosi.
obiettivamente non sono nemmeno minimamente divertenti. esprimono il cosiddetto "spirito di patata".
l'intento di voler "esagerare" la realtà delle denunce fatte dal blog non ha nessun senso e non suscita nulla se non mostrare un certo squallore morale.
fatti una vita tu (anzi descrivicela così magari qualcuno potrebbe cominciare ad invidiarti)e non venire a rompere gli zebedei qui se non hai critiche costruttive da fare.
rischi di fare figuracce...

Anonimo ha detto...

Sì, la zona sta diventando invivibile ed i vigili stanno a guardare. Ad esempio l'87 dopo via Albalonga e Piazza Tuscolo (con i vigili chiusi ne gabbiotto) per andare a Sa Giovanni passa su via Faleria e lì spesso e volentieri non riesce a passare per la sosta in seconda fila, anche di sera a causa dei ristoranti (che tra l'altro restringono il marciapiede con i tavoli ed anche a Via Amiterno)
Baresterebbe che i vigili vigilassero

Anonimo ha detto...

Gran bel video, ennesima dimostrazione di quanto sono ridicoli sono quelli che rassegnati dicono che l'Appia è sempre trafficata o bloccata quando il motivo è la perenne doppia fila che obbliga le macchine ad andare in fila indiana (impiegando quindi il doppio del tempo per fare un tratto).
Se la strada è stata creata a 2 corsie ci sarà un cazzo di motivo no? E allora lamentatevi con chi crea il traffico intralciando invece di dire genericamente "eh ma sull'Appia c'è traffico"

Anonimo ha detto...

Effettivamente pure io abito lì in zona e mi faccio venire certe paturnie quando voglio fare due passi (per non dire quando evo prende la macchina - che parcheggio regolarmente in garage - che mi serve per spostarmi) .... è pieno de stronzi in doppia fila, stronzi che non sanno guidà e pure de stronzi, diciamolo, che la legge è uguale per tutti, che se ne vanno in giro in bici, col telefonino in mano, manco se la fossero comprati la strada ... ah, chi scaglia la prima pietra, pur essendo palesemente 'peccatore', non c'ha attenuanti, è solo l'ultimo dei deficienti ....

Anonimo ha detto...

@anonimo 23-12 09.26
"Fatevi una vita invece di rompere i coglioni anche per le antenne sui palazzi."

Ti comincia a seccare che qualcuno inizi a rompere? Ti fa comodo fare come ti pare e ridurre questa città allo schifo che è diventata?
Si è capito ormai che Roma è lontana anni luce dalle capitali europee e te e tanta gente come te di merito sulla questione ne ha tanta.
Continua a vivere nella merda e ti auguro con tutto il cuore di non aver mai bisogno di una città diversa dall'attuale. Penso che avrai capito, o almeno lo spero, a cosa mi riferisco. Perché questa città va bene fino a quando non capisci che non è fatta per le persone con handicap fisici, mamme con passeggini, anziani e bambini intossicati da un traffico sempre più asfissiante.
E' questo il futuro che ci vuoi propinare?



Anonimo ha detto...

Una strada che è un caos da sempre. Progettata male e irrecuperabile. Amen.

Anonimo ha detto...

Non c'è alcun articolo della legge che vieta di andare in bici con il cell in mano

Anonimo ha detto...

Certo che c'è un articolo che vieta di andare in giro in bici col cell in mano. E' l'articolo 173 del cds, la bici è a tutti gli effetti un veicolo quindi il cell non lo puoi usare.
Certo, per realizzare un servizio come questo io una dispensa la darei eh?
BAh!

Anonimo ha detto...

Dai che un cordolo ci salverà, io l'ho fatto installare anche al bagno.

Anonimo ha detto...

Cari anonimi dei commenti qui sopra: cos'è che vi dà fastidio in questo servizio, il fatto che stiamo assistendo alla morte di un malato terminale (la nostra città) o la ripresa video che la documenta?
Appellarsi alla circostanza che l'operatore di RFS abbia infranto anche lui il codice tenendo in mano il telefonino è come prendersela con dei poliziotti che hanno inseguito uno scippatore e poi "eh, però pure loro mica avevano indossato la cintura!".

Anonimo ha detto...

L'operatore e i poliziotti, stessa valenza legale proprio, complimenti a chi scrive ste cose.

diego ha detto...

@anonimo 9:46
è evidente, si vede lontano un miglio che ti rode leggermente il culo che qualcuno denunci il sistema romano dei parcheggi selvaggi e dell'uso selvaggio e irresponsabile dell'auto privata...
evidentemente sei uno di quelli che in questa merda ci sguazza bene e non ha intenzione di cambiare una virgola.
Patetico e ridicolo il tentativo di rigirare la frittata facendo il finto legalista contro una persona che va in bici...ma il giochetto non funziona. A occhio sei il tipo a cui quando un cittadino onesto fa notare un infrazione risponde: "fatte i cazzi tua".
Ecco la fauna romana contro la quale combattiamo e combatteremo sempre di più.

Anonimo ha detto...

Ripeto, anonimo delle 10.17:
cosa e perché ti dà fastidio in questo servizio?
La mia era chiaramente un'iperbole, mi scuso per la mia imprecisione. I complimenti falli a qualcun altro, per favore.

Unknown ha detto...

Leggendo alcuni commenti è evidente l'inutilità di certe vite.

ShareThis