Lascio l'auto a casa, prendo la metro sabato sera. E poi pongo qualche domanda ad Atac...

18 dicembre 2013
Sabato sera scorso ho deciso di lasciare a casa l’auto e prendere la metropolitana per raggiungere casa di alcuni conoscenti. Lungo il tragitto, mi sono venute in mente un po’ di domande sulle quali mi interesserebbe molto avere il punto di vista dei Dirigenti ATAC.
Innanzitutto le stazioni
1)      Come è possibile che tutte le aree esterne alle Stazioni versano in uno stato di completo degrado? Erbacce, graffiti, rifiuti, mattonato divelto, invasione di bancarelle sono la norma.
2)      Come è possibile che presso i varchi, una dietro l’altra, passino persone senza pagare il biglietto (attaccandosi a quella davanti), sotto il naso delle telecamere e dell’addetto ATAC presente all’interno del Box, senza che questi alzi un attimo lo sguardo e contesti tale violazione? Gli addetti non vengono pagati anche per questo? In altre Capitali, è normale vedere gli addetti alle Stazioni costantemente fuori dai Box, riconoscibili con pettorina e cartellino, che danno informazioni e dissuadono i furbi.
3)      Come è possibile che stazioni da poco rinnovate (si veda la fermata Termini o le nuove stazioni della B1) abbiano già un dito di sporco sulle pareti, infiltrazioni d’acqua e aree verdi coperte di rifiuti? A chi spetta il controllo?

Passiamo poi ai convogli
4)      Come è possibile che a Madrid, tanto per fare un esempio, i treni CAF siano bianchi e profumati e qui da noi, dopo pochi anni di servizio, siano coperti da uno strato di sporco e graffiti in diversi punti? Di chi è la responsabilità di tale abbandono?
5)      Quali sono gli interventi di pulizia ordinari previsti dagli attuali Contratti di manutenzione? Gli interni dei convogli sono quasi sempre sudici e l’odore è spesso sgradevole.
6)      Qualcuno si rende conto che investimenti onerosi, come l’acquisto di un nuovo treno CAF o la riqualificazione di un vecchio convoglio, devono poi prevedere un congruo programma di salvaguardia e manutenzione, ricoverando da subito i treni in aree di stazionamento videosorvegliate e a prova di writer? Tali sistemi sono già previsti? Se non lo sono, perché?
Credo che non servano particolari investimenti per ricondurre questa (piccola) rete metropolitana ad un livello di decoro equiparabile a quello delle altre Capitali: sarebbe sufficiente impegnarsi affinché chi è pagato per controllare o pulire, effettivamente lo faccia e chi sgarra sia sanzionato. Nessun euro in più da spendere. E’ così complicato? La speranza, peraltro, è che la nuova Linea C non faccia rapidamente la fine delle sue storiche antenate.

32 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Purtroppo è la realtà. All'estero invece i controlli da parte degli addetti di stazione e la pulizia sono la norma. Sono stato di recente a Mosca, mi ha colpito sia l'estensione della rete, ben 12 linee, sia l'attenzione da parte del personale nel verificare che i TUTTI i passeggeri obliterino il biglietto. Mi è capitato di veder buttare fuori delle persone entrate senza biglietto. Altre impressioni a questo post http://www.romafaschifo.com/2013/09/vabeh-facciamoci-del-male-la.html .

Anonimo ha detto...

E per fortuna che a Roma esistono solo 2 linee, la A e la B, e non solo non riescono a farla funzionare ma neanche a fare la corretta manutenzione e pulizia. Io mi sto convincendo che non'è questione di volonta ma semmai della totale incapacità, inettitudine e ignoranza dell'italiano, che si crede un furbo ma in verità è un povero coglione.

Anonimo ha detto...

Il silenzio della nuova amministrazione in risposta a questi ovvi e banali quesiti è assordante... Marino sta confermando già di essere uguale a chi l'ha preceduto, qui ci vorrebbe un martire o un eroe che una volta eletto sindaco cominci a scoperchiare la rete di inefficienze e marciume che attanaglia questa città, dai vigili alle società municipalizzate... e che aspetti di vedere se lo fanno subito fuori oppure forte del supporto dei cittadini onesti e civili riesca finalmente almeno a denunciare a livello nazionale il merdaio che è diventata la capitale d'Italia...
Io trovo inconcepibile che la capitale di un Paese europeo versi in queste condizioni da quarto mondo, è assurdo sentire i politici pontificare sul turismo come fonte di reddito e lavoro per l'Italia quando si lascia una città unica al mondo per patrimonio artistico e culturale sprofondare a livelli indecenti di decoro e legalità.
NESSUNA capitale europea (tranne Atene forse? Ma non ne sarei sicuro, non ci vado da molto tempo!) mostra al mondo questo spettacolo indecente.
Ho sempre amato la mia città ma ormai mi sono arreso ad ammettere che sì, Roma fa schifo.

Anonimo ha detto...

Si può sapere chi deve pulire sul piazzale della stazione di Acilia ? L'AMA o la ditta dell'ATAC ? non è una domanda difficile.
Chi deve pulire le luride scale di accesso dal parcheggio alla stazione metro Marconi ? Chi può dare una legnata chi ci piscia dentro ?

Anonimo ha detto...

Non è ignoranza o menefreghismo ma una precisa strategia. Vedi il gioco dei ricambi per i mezzi, i biglietti clonati (avevano provato anni fa a introdurre il biglietto tramite sms che è la norma nei paesi civili, ma non ci potevano più fare gli impicci...). Tutti i disservizi che rendono questa citta una merda rispondono alle esigenze di personaggi molto furbi che non si riescono o non si vogliono arrestare.

Anonimo ha detto...

Perbacco...ma sono QUESITI COMPLICATISSIMI e che senza dubbio richiederanno una Commissione d'inchiesta, un Comitato di saggi, un collegio di esperti affinche' venga preso in considerazione ogni singolo COMPLICATISSIMO ED IRRISOLVIBILE QUESITO.
Ma non credo che in nessuna parte del mondo si sia riusciti a trovare una soluzione o a tentare di darne una ad ogni singolo quesito... Ma e' roba da impazzire!!!
Cioe'..."Come tenere pulite le stazioni" ...BUH, BOH, MJAH...ma perche' e' possibile ??!! Dunque , "come far vigilare i vigilantes ?"...no, ma e' pura follia...vi rendete conto cioe' un vigilante che faccia non il sarto, non il saldatore...ma addirittura il vigilante..!!! Ma no, non e' possibile... poi "Come mantenere decenti treni nuovi appena acquistati ed evitare che diventino cagatoi?" ...Questo, come sanno tutti, e' popo popo popo popo impossibile!!!
NUN SE PO FA'!!!
Una sola nota seria: non credo sia il caso di prendersela con Marino che, arrivato da poco, ha trovato il TITANIC che affondava in un mare di merda!

Anonimo ha detto...

va be', scusatemi , ma : che forse la differenza stia nel fatto che a Bucarest ad uno zingaro molesto lo caricano di botte , cosi poi ci ripensa a molestare , ed una citta' dove se riprendi un rom , questo ti denuncia per razzismo ?
poi che a Roma ci sta' una concentrazione di fancazzisti e' provato e risaputo , ma credo sia il bellissimo tramonto primaverile che fa 'sto effetto.
e' la natura,insomma.

Anonimo ha detto...

anche io vorrei poter uscire con la metro il venerdì e il sabato sera, evitando di intasare le strade con la macchina. cosa ci vorrebbe ad allungare l'attuale orario di apertura di qualche ora?? non ci faccio nulla con la metro se all'una di notte chiude. nei paesi civili nei finesettimana la metro resta aperta tutta la notte.

Anonimo ha detto...

MANUTENZIONE ???

cioe'...MANUTENZIONE ???!!!

Ma non lo sapete che a Roma e' proibito!!!

Anonimo ha detto...

La settimana scorsa sono stato in una citta tedesca, mezzi pulitissimi e senza atti vandalici, telecamere installate a bordo, copertura notturna, mezzi puntualissimi e centro totalmente chiuso al traffico dei veicoli privati. Ovvio che il centro e' chiuso vista questa qualita' di servizio.Biglietti a 2.50 E, ma svariate facilitazioni ( esempio, il giornaliero costa 1/3 che da noi a Roma). ATAC dovrebbe solo vergognarsi.

Anonimo ha detto...

Per me l'anonimo delle 3:35 ha dato nel segno: bisogna andare a spulciare i contratti tra Atac e le diverse ditte appaltatrici della vigilanza, pulizia, manutenzione. Controllare cosa prevede ogni contratto e cosa viene fatto in realtà

Anonimo ha detto...

A 3 ore di treno da Roma c' è la azienda trasporti Milanese, per lavoro vado a Milano in media 2 volte al mese e sembra di andare in un altro paese. Mai visto nomadi dentro i vagoni a rubare, suonare o chiedere l' elemosina. Più volte mi è capitato di trovare i controllori sui tram o gli autobus e i mezzi pubblici sono puliti. A Milano non si pagano tasse più alte rispetto a Roma e i biglietti hanno lo stesso costo.

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
A 3 ore di treno da Roma c' è la azienda trasporti Milanese, per lavoro vado a Milano in media 2 volte al mese e sembra di andare in un altro paese. Mai visto nomadi dentro i vagoni a rubare, suonare o chiedere l' elemosina. Più volte mi è capitato di trovare i controllori sui tram o gli autobus e i mezzi pubblici sono puliti. A Milano non si pagano tasse più alte rispetto a Roma e i biglietti hanno lo stesso costo.

dicembre 18, 2013 5:22 PM


mi permetto di dissentire , anche perché oltra ad abitarci da 48 anni , basta leggere la cronaca di Milano , oppure sentire un milanese qualunque , che se non ha il cervello infarcito di barriere mentali , le conferma quanto le contesto ( con rispetto per la sua opinione ).

chieda dei trasporti bus 90-91 oppure del suk sotto la metro di piazza loreto , oppure il suk a piazza castello , oppure la mitica vita mondana della stazione centrale , e mi fermo qui per non andare sul degradato naviglio o altro.

Anonimo ha detto...

la verità è che atac non ce la fa a fare un servizio appena appena decoroso, è piena di debiti, è piena di gente che ruba lo stipendio quindi VA CHIUSA VA FATTA FALLIRE

Tom ha detto...

Ormai questo blog è letto e conosciuto; se io lavorassi come dirigente ATAC o sindaco mi verrebbe spontaneo RISPONDERE qui con la firma.

Anonimo ha detto...

E' vero tutto quello che dite. Ma sapete anche che il servizio a Londra costa più' del doppio? Secondo bisogna cacciare tutti gli addetti alla metro che non hanno voglia di fare nulla, ed assumere persone che controllino ed impediscano ad i furbetti di non pagare i biglietti. Ciao

Il clente ha sempre ragione tranne qui ! ha detto...

13 mila dipendenti e nelle stazioni non c'è nessuno , risponditi da te ! dove stanno ? che fanno ? quanto prendono di stipendio e di premio produzione per l'odore di piscio che ristagna in ogni dove ?
Le pulizie ? decimate, casintegrate , tagliate , pagate a spot , vatti a vedere la tendia ed il sechio con la legna del loro presidio senza stipendio . Soldi dalla Regione , soldi dal Comune , soldi delle noste tasse comunale per i servizi . 13 mila dipendenti , ma lo sai quanti sono ? ne potrebbero mettere 50 per stazione , 10 su ogni autobus e sono tuti già PROFUMATAMENTE pagati dai viaggiatori . Il biglietto ? quello clonato o quello vero ?
Ho visto una zingara lamentarsi e dire " ma è questo modi di viaggiare in Italia ?? " che figata . Buon viaggio .

Tra portoghesi e falsari ha detto...

il portoghese è un danno economico , ma fidati che se tutti pagassero il biglietto con questi qui non avresti un servizio migliore ma solo i loro stipendi ingigantiti, nuove catene dirigenziali e funzioni fasulle, doppie , triple , vatti a vedere le lampadine bruciate e come le cambiano, gli ascnsori e scale mobili ferme e la gente a piedi perchè nn c'è nessuno che le accende ( SONO TREDICIMILA DIPENDENTI ) ce ne andrebbe uno sopra ogni gradino e un funzionario per ogni scala mobile .

13 MILA DIPENDENTI : LI PAGHIAMO NOI ha detto...

13 mila dipendenti e non c'è un autista e quelli asunti per farlo hanno tuti il mal qualcosa .
capistazione con i piedi sul tavolo, la televisione , il tornello aperto o il cabcello acostato per non farsi scocciare, il citofono staccato e giornali sui vetri per non farsi vedere , luce spenta e sedia a fine corsa altezza tavolo , alcuni come i camaleonti ( visto che la divisa verde CHE PAGHIAMO NOI non la mettono ) si vestono con il colori della scrivania e la maglietta del colore del muro . LI PAGHIAMO NOI , TANTO , TUTTI MESI , PER SEMPREEEEEEEEEEEEEEE

ADOTTA UN VIAGGIATORE A DISTANZA ha detto...

un azienda con 13 mila dipendenti e un boato di capi che non lo fanno o non lo sanno fare . vieni alla stazione termini dove hanno il dopolavoro sula banchina .E uno spettacolo indecoroso nei confronti di chi non ha più lavoro .
sono talmente tanti E GIA PAGATI che potresti adottare un viaggiatore a distanza , accudire ognuno di loro e portarlo per mano a prendere il treno .

Andrea ha detto...

Un milione di utenti ci chiediamo le stesse domande da 10 anni, e come te lo facciamo presente ma NESSUNO RIPETO NESSUNO ci ascolta, siamo soltanto pecore per l'ATAC. Se gli amministratori ATAC, le loro famiglie e gli amministratori locali usassero i disservizi pubblici vedresti che le tue domande verrebbero risposte! Anzi, facciamo usare i mezzi anche ai nostri cari politici, al Papa, e vedrai che entro due settimane si risolve tutto!

Anonimo ha detto...

Ok all'emendamento che svende Roma: Ama e Atac smantellate e vendita delle quote Acea

http://www.romatoday.it/politica/emendamento-lanzillotta-ama-atac-private-svendita-acea.html

Anonimo ha detto...

ATAC un nome una garanzia!!!!
solo in italia succede...una società in passivo ( e vogliamo tenerci stretti) assorbe a suo tempo una società in attivo me.tro.!!!!!
ma non c'era lo scandalo di parentopoli??? nessuno ne parla più...e dove sono i figli di papà e conoscenti vari...sempre al loro posto tranquilli e beati!!!
ma non c'era lo scandalo dei biglietti fasulli??? nessuno ne parla più...e ogni tanto ancora ti capita il biglietto, che con tutto che acquistato alle meb ATAC o in qualsiasi punto vendita autorizzato, non apre il tornello e tu se sei "fortunato" che capiti in una stazione dove ""l'addetto"" ATAC è presente allora se ha tempo tra una pagina e l'altra del suo libro o giornale o tra una telefonata e l'altra ti da retta e prende il biglietto vede che effettivamente non è timbrato e con molta fatica forse riesce ad aprirti il varco dei disabili se invece capiti in una stazione dove è terra di nessuno e sono la maggior parte allora devi fare la figura dell'evasore e accodarti a qualcuno magari dovendo dare pure spiegazioni di quel gesto a chi hai davanti!!!
E' semplice prendersela con le ditte delle pulizie e con le ditte della vigilanza o con le ditte della manutenzione....ma basta farsi un giro su internet e vedere...scrivete atac pulizie o atac vigilanza e fatevi due risate quanti soldi devono prendere!!!
Poi però ci sono imboscati che percepiscono uno stipendio facendo solo la presenza ci sono direttori ATAC e non (si anche sto lusso direttori che non fanno parte di ATAC ma ricoprono ruoli di direttori) a scatafascio segretari a non finire corpi ispettivi che manco dia fbi e cia messi insieme fanno sti numeri ma magari la privatizzano perchè fino ad ora li paghiamo noi...noi quelli che viaggiano come sui carri bestiame...noi che le sardine stanno più larghe...noi che vogliamo andare su una stazione della B e il primo treno utile passa tra 10 minuti (se siamo fortunati!!)....

Anonimo ha detto...

ohhhh....allora sai che ti dico? si nun te sta bene che all ATAC qualcuno non fa il proprio dovere a me nun me frega gnente tanto io vado al lavoro all ATAC in maghina...anzi, sai che te dico, che mo te metto pure er biglietto a 2 euro e si nun paghi te faccio pure fa la figura de quello evasore che rovina l ATAC...de quello che manda fallita l ATAC, sei tu evasore che mandi fallita l ATAC mica io che pio 3000 euro ar mese. e io continuo a pia lo stipendio e tu aspetta l'autobus trenta minuti, a me che me frega.

Anonimo ha detto...

Questo blog dovrebbe concertare con qualche associazione di consumatori una class action contro ATAC. Lo sperpero di denaro pubblico e il servizio da terzo mondo che riceviamo non può e non deve passare impunito.

Il comune di roma e la dirigenza ATAC devono rispondere davanti ai cittadini di questo scempio.

Le proteste stanno a zero se non si intraprende qualche azione legale seria.

Anonimo ha detto...

Se posso permettermi aggiungerei un'ulteriore riflessione: perché sui convogli e nelle stazioni non c'è la mamma dell'intera rete metropolitana e ferroviaria di Roma, con i relativi punti di incontro e collegamenti? Un turista deve per forza portarsi dietro il volantino che poi, puntualmente viene abbandonato per terra...

Anonimo ha detto...

... ovviamente volevo scrivere MAPPA !

Anonimo ha detto...

Come è già stato detto prima questo sito è sicuramente visto da chi lo dovrebbe vedere e tante cose stanno ormai uscendo fuori dopo che per anni sono state seppellite. Quindi signori politici e dirigenti Atac e di tutte le aziende municipalizzate è ora che comninciate a prendere atto di tutto ciò che viene segnalato qui perché il mondo è cambiato e voi o cambiate o ve ne andate a casa perché adesso l'informazione parte dal basso e non è più pilotata dall'alto.
Come cittadini stiamo capendo tante cose su come dovrebbe essere una città moderna e civile ed è ora che iniziate anche voi a capirle ed a capire che siamo stufi di vivere in una città sempre più vicina al terzo mondo.
Grazie a questo sito che otre a permettere di segnalare ci consente di comprendere anche che alla fine non si è soli nel pensarla in un determinato modo e si spera che in futuro si sia sempre di più.

francescofinucci ha detto...

Vivo a Birmingham da un paio di mesi. Qui i servizi costano più che in Italia (40£ al mese per il treno, 55£ per l'autobus) e la metro è una miseria. Però i mezzi sono puliti e anche nelle ore di punta c'è posto. I controlli li fanno alla fine, che secondo me è una scorrettezza, però pare funzionare.

Quello che non mi piace è come sottoponendo il traffico di pendolari ad una linea ferroviaria e non metropolitana li si costringe ad aspettare una media di 8-10 minuti per una corsa, anche se va detto che questa li porta direttamente alle città vicine (la west midlands) e lontane (cross-country).

Va detto, che non tutto l'estero è uguale, qui per esempio siamo ad anni luce da Londra, anche se comunque la preferisco di gran lunga a Roma. Attenzione però a dire che una metro pulita è una metro che funziona. A volte - e qui accade, ne sono convinto - una metro pulita e vuota non significa un numero sufficiente di corse, ma uno insufficiente di pendolari, perché esclude tutti quelli che non sono in grado di pagare il biglietto.

Anonimo ha detto...

ATAC deve essere commissariata subito,senza se e senza ma!

Anonimo ha detto...

Non c'è la mappa perché ci vergognano ad aver 1 linea e mezza di merda...

Claudio ha detto...

Anonimo: dicembre 18, 2013 5:47 PM

Ma vogliamo dimenticare queste simpatiche fanciulle che colorano la grigia e triste città di Milano:
http://milano.repubblica.it/cronaca/2013/08/16/news/alla_centrale_i_rom_padroni_dei_distributori_di_ticket_atm-64847358/

Siamo sempre i soliti razzisti eh?

Sono di Brescia e raggiungo Milano in treno tutti i giorni...ne avrei di cose da dire anche su questa città... bivacchi , zone off limits ed orari da coprifuoco per i normali cittadini.

Non dico che è tutto marcio ma se altrove il rapporto tra gente onesta e
non è di 80 contro 20 qui è il contrario.

Soluzione ? Andarsene. Le persone disoneste troveranno un altro posto per sopravvivere alle spalle degli altri.

Mi scuso se sono andato un po' fuori tema e complimenti per blog.

ShareThis