Porta Pia e Via Nomentana. Il delirio di sosta selvaggia e sotto un parking abbandonato da centinaia di posti

2 dicembre 2013

Per chi è costretto a percorrere in auto o con i mezzi pubblici la Nomentana in direzione centro ogni mattina sa che all’altezza di Porta Pia troverà quotidianamente un vero e proprio delirio. Lo situazione non è poi così diversa da quelle riscontrabili in tante altre parti della città, di una città afflitta dall’atavico problema del traffico, alimentato dalla doppia e tripla fila. Poi, sulla Nomentana ci sono anche le macchine che si arrampicano, quasi sempre facendola franca, sui marciapiedi che dividono la carreggiata centrale dalle corsie laterali.

Il romano è rassegnato e lo sa. Sa che, proseguendo sulle preferenziali borchiate, a bordo del Novanta “express”, una volta superato in orario di punta il vergognoso intoppo quotidiano causato da una scuola privata chiamata Marymount al quale pare non si voglia proprio porre rimedio, proseguendo a rilento tra un semaforo e l’altro, andrà ad imbattersi nell’immancabile tappo di Porta Pia, dove la presenza di tanti uffici, tra cui il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, genera il delirio quotidiano della ricerca di parcheggio. Divieti di sosta violati, parcheggi creativi, doppia e tripla fila, automobili quasi attaccate l’una con l’altra e la tentazione di cercarsi parcheggio sugli alberi. Ma sotto a questo delirio, dal 1968 esisterebbe una soluzione, della quale abbiamo più volte parlato dalle pagine di questo blog, e della quale si sono interessate, senza smuovere assolutamente nulla, anche trasmissioni molto seguite come “Striscia la Notizia”. Parliamo dell’ormai mitologico parcheggio di Porta Pia.
Si sono dette centinaia di cose su questo parcheggio, capace di accogliere 500, 600 posti auto. Addirittura c’è chi giura che ne possa ospitare 750. Un parcheggio esistente, inutilizzato, peraltro a poche centinaia di metri da una stazione metro! Ai lati della piazza noti le discenderie, ricettacolo di sporcizia e degrado, casa improvvisata di diseredati che vi soggiornano da tempo immemore preferendo accamparsi negli scaloni presenti dal lato opposto al Ministero. Questo parcheggio, per chi non lo sapesse, esiste dal 1968 (è visibile anche una targa dell’epoca a testimonianza) e rientrava nell’insieme di lavori che hanno compreso, all’epoca, il sottovia di Corso d’Italia e il megaparking gemello del Galoppatoio. Ma da allora ad oggi, per motivi che sfuggono all’umana comprensione, non è stato mai aperto. L’area è di proprietà demaniale, la gestione da sempre è del Comune di Roma che ne utilizza una parte minima, avendovi creato un deposito di transenne (sic.) e cartelli stradali che la Municipale utilizza al bisogno nel caso di interventi urgenti nei sottovia del Muro Torto. Tutto il resto è lasciato inspiegabilmente all’abbandono.

Abbiamo fatto un giro, abbiamo provato ad accedervi ed abbiamo anche parlando con alcuni storici negozianti della piazza avendo conferma, qualora ve ne fosse stato bisogno, che il resto del parcheggio è vuoto e che con pochissimi soldi si potrebbero ripulire le rampe d’accesso, aprirlo ed alleggerire di molto la situazione surreale e di degrado in cui si è da sempre lasciata la Piazza. Basterebbero, a loro dire, pochi mesi di lavoro e, magari, affidandolo con regolare bando ad una ditta specializzata, ricavare a costo zero un restyling della Piazza (sul modello di Piazza Cavour per intenderci) ed addirittura liquidità per le dissestate Casse Comunali con i canoni di locazione o di concessione. Insomma: via le auto dalla superficie stradale, benvenute nel sottosuolo. Ovviamente non più a ufo, ma a pagamento.

L’ultima notizia riguardo questo ennesimo spreco di una città incapace di risolvere i problemi e di generar profitti, è di un interessamento diretto del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti che vorrebbe crearci un piccolo parcheggio per i propri dipendenti, soluzione inutile e pasticciata. Ipotesi questa ventilata in epoca Alemanniana. Chiediamo dunque con forza, ed ancora una volta, al Sindaco e a tutti gli attori preposti, di risolvere una volta per tutte la questione con la determinazione ed il piglio che un amministratore serio dovrebbe avere a tutela della città che amministra.

19 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

in effetti è vero, devo girare un poco prima di trovare parcheggio.
Ovviamente c'è sempre chi è contro i SUV, non venitemi a far la paternale poi...non esiste legge che li vieta in italia, pare che sono tutti contro, ma poi tutti li comprano!.
a parte che il parcheggio girando un po lo trovo anche, mi trovo comodo ad andare in auto.
MIgliorassero il servizio dei trasporti pubblici invece, invasi da zingari e molto sporco. non ci salgo apposta li.

Anonimo ha detto...

@AmanteDeiSUV - Anche camminare con sulle spalle un inutile zaino pesante un quintale non e' vietato, ma nessuno e' tanto cretino da farlo.

Girare invece con un'auto che pesa almeno il doppio del normale, e consuma carburante e gomme in maniera proporzionale e' cosa che in troppi trovano normale.
Fermarsi un attimo a riflettere di quanto cio' possa essere cretino no, eh?

Anonimo ha detto...

tutti tranne me, mai comprato un SUV e mai lo comprerò...comunque a meno di qualche caso sporadico esistono anche i mezzi a 2 ruote per recarsi al lavoro...ah già dimenticavo fa freddo meglio guidare l'auto bardati come se si dovesse andare a sciare...
patetici

Anonimo ha detto...

l'ambasciata inglese rompe i coglioni...
mandiamoli a fanculo!
riprendiamoci roma.

Anonimo ha detto...

lo sapevo che si iniziava cosi, a puntare il dito sui SUV
beh, fatemi dire che:
1nessuna vieta di comprarli
2io trovo parcheggio
3l'inverno fa freddo
4mi sento sicuro
5la metro ci sono troppi zingari
6la notte non gira la metro
7quando piove sto tranquillo
8posso portare piu passeggeri

Anonimo ha detto...

questa dell'amabasciata mi pare una bufala. Uno stato non puo' piegare le proprie esigenze a quelle di un ospite. Se fosse vero andrebbe previsto un indennizzo commisurato nel calcolo annuo di soldi persi per aver il parcheggio bloccato.

Marco ha detto...

alcuni commenti qui presenti confermano la teoria che chi compra un SUV a Roma ha un curioso modo di vedere le cose...

1nessunO vieta di comprarli. neanche le utilitiarie
2io trovo parcheggio
doppia fila, sul marciapiede, garage privati?
3l'inverno fa freddo
anche la panda ha il riscaldamento
4mi sento sicuro
se devi andare in fuoristrada sul gran sasso hai ragione, altrimenti anche una panda ha gli airbag e la cintura di sicurezza, sempre che la usi...
5NELla metro ci sono troppi zingari
ma anche tanti italiani
6la notte non gira la metro
la panda non si trasforma in zucca allo scoccare della mezzanotte
7quando piove sto tranquillo
anche la panda ha il tetto e i tergicristalli
8posso portare piu passeggeri
quindi viaggi sempre almeno in 5. altrimenti ricordo che la panda è omologata x 4.

senza contare che perdi tempo (ma forse nn hai bisogno di arrivare puntuale al lavoro) e soldi (ma forse sei ricco e nn ti interessa), inquini di più (qui è un pò + complicato...), togli spazo agli altri (ma forse non ne importa),

Anonimo ha detto...

MA ANCORA NON AVETE CAPITO????
ALL'AMMINISTRAZIONE CAPITOLINA, NON JE NE FOTT* UN C**ZO DEL TRAFFICO E DELLA DOPPIA FILA...
LE MUTE SONO UN INTROITO CHE LI FA MANGIARE!!!
PUNTO.

Anonimo ha detto...

come per via Albalonga sono sicuro che roma fa schifo riuscira' nell'impresa di far aprire il parcheggio. Coraggio!! rompiamo le palle a tutti!

Anonimo ha detto...

Mi risulta che il parcheggio sia inutilizzato in quanto non sono mai state costruite le rampe carrabili per accedervi.
Qualcuno può smentirmi? Ed in caso... dove sono situate queste rampe?
Daniele

Anonimo ha detto...

Boh. Di parcheggi "a ufo" in zona NON ce ne sono (se non in divieto). I romani pagano i loro 4 uro/giorno (finchè il sindaco lo permetterà) o il solito 1 euro/ora.
"Forse" al Comune conviene così

Anonimo ha detto...

Effettivamente è vero...ndo stanno ste rampe? Forse un sottopassino murato delle Olimpiadi der 60?....non aprite quella porta!

A Mr. SUV, vedi caro che quando dicevo che il TPL serve solo ai morti di fame e che chi non vuole "confondersi" ad essi ("io sò io e voi nun séte un...")se fa er SUV? Beato te che ancora aa benzina taa tireno appresso se vede, quanno dovrai accenne un mutuo pe' un litro de benza, sai quanto godo, nun vedo l'ora, artro che l' "Austerity" de 40 anni fa....

Tramvinicyus

Tuttintram

Anonimo ha detto...

Ma dai lo sanno tutti che quelli che si comprano il suv c'hanno il complesso del pene piccolo...

Anonimo ha detto...

la domanda che mi pongo è quella fatta da altri, io abito li vicino da quando sono nato, dove sono le rampe di accesso per le vetture?? ci sono solo le scale alla fine delle quali vi sono cancellate sempre chiuse. per altro a p.za fiume dove c'era il sotto passo non molti anni fa hanno riqualificato con esercizi commerciali(librerie in particolare), cosa che trovo utile.

F.

Anonimo ha detto...

Da quello che so le rampe sono state interrate .e dunque sono facilmente ripristinabili.

Bat21 ha detto...

Pensa te ho abitato per anni li vicino e non avevo idea che lì sotto ci fosse un megaparcheggio!
Veramente criminale avere cubatura sotterranea preziosa non utilizzata.
Il comune potrebbe pensare di fare un project financing per la rimessa in sesto e la gestione dello stesso...ma stando a Roma tutto rimarrà cosi all'infinito :(

Bat21 ha detto...

Per il suvvaro...ma come è entrato questo argomento di locomozione nell'argomento?
Comunque visto che ci siamo (premetto che io non li sopporto) per quanto mi riguarda il problema più che nel mezzo è nel guidatore.
Se un suvvaro parcheggia dove deve e non fa il prepotente a me va bene, ma se si comporta come il romano quadratico medio (parcheggio 'ndo me pare e faccio quello che me pare) allora diventa il peggio che si può trovare sulle strade di questa incivile città...

Anonimo ha detto...

Che cazzo c'entrano i SUV con il post? Cmq li capisco per chi va per campagne, ma chi va a fare la spesa col SUV o va a lavoro in ufficio con lo stesso è un cojone che non sa come buttare i soldi, ma in compenso ci intasa le strade e inquina l'aria

Anonimo ha detto...

Articolo di RomaToday sul parcheggio chiuso di Porta Pia

http://nomentano.romatoday.it/nomentano/parcheggio-abbandonato-porta-pia.html

ShareThis