I trasporti pubblici durante la notte di San Silvestro. Confronto tra città europee sull'ultimo dell'anno. Come ne esce Roma?

31 dicembre 2013
Roma
Autobus e tram: Il servizio terminerà alle ore 21. Mezzi notturni cancellati in toto. Il regolare servizio diurno il 1° gennaio  riprenderà non alle 5 e 30 come sempre ma solo alle 8 di mattina. Ne consegue che per 11 ore non vi saranno mezzi pubblici di superficie in circolazione.
Metropolitana: Il servizio termina alle 2 e 30 per entrambe le linee e riprenderà sempre alle 8; inutile sottolineare ancora una volta quanto scarsa sia la copertura che le linee sotterranee garantiscono ad una città vasta come la nostra e quanti utenti saranno completamente tagliati fuori dai trasporti pubblici. Per non parlare di chi (il 90% della popolazione) farà più tardi delle 2 e 30.
Conclusione: 11 ore senza mezzi pubblici di superficie, ben 5 ore e 30 senza mezzi pubblici di alcun tipo. [fonte]

Madrid
Autobus: 26 linee notturne circolanti dalle 22 e 30 alle 7. Il regolare servizio diurno partirà ad orari diversi a seconda delle linee, tutte comunque nella fascia oraria fra le 7:20 e le 7:45. Direi che si può parlare di 24 ore di servizio di superficie. [fonte]
Metropolitana: La metropolitana di Madrid effettuerà il consueto orario (chiusura all’una e trenta di notte) per riaprire alle 7 della mattina (1 ora dopo l’apertura standard, generalmente alle 6).
Da segnalare un aumento dei convogli a disposizione a seconda delle varie fasce orarie. [fonte]

Parigi
Autobus: 15 linee notturne circolanti fino alle 5 e 30. Riprenderà poi il trasporto diurno.
Metropolitana: 6 linee metrò aperte fino alle 5 e 30. Da segnalare che sia autobus che metropolitane saranno totalmente gratuite dalle 17 del 31 alle 12 del 1° gennaio. Conclusione: trasporto gratuito e garantito 24 ore. [fonte]

Londra
Copiamo e incolliamo direttamente dal sito ufficiale dei trasporti londinesi perché non avremmo saputo usare parole migliori e più chiare: "Public transport will be the best way to get around London on New Year's Eve, with free travel, available between 23:45 on Tuesday 31 December and 04:30 on Wednesday 1 January on the Tube, buses, trams, DLR and until last trains on London Overground".
In parole povere: trasporto gratuito e garantito 24 ore. [fonte]

Non abbiamo analizzato Berlino, ma da quel poco che abbiamo visto sul loro sito neanche segnalano variazioni al trasporto. E ci credo: sono già abituati a 24 ore di mezzi pubblici durante le feste e i fine settimana. Se qualcuno volesse divertirsi ecco il loro sito:
http://www.bvg.de
Per concludere, giriamo ulteriormente il coltello nella piaga e notiamo che non c’è bisogno di varcare i confini nazionali per trovare un po’ di civiltà. Già a Firenze ci battono. Ma potete aggiungere voi l'offerta di altre città che conoscete o dove siete in vacanza.


Risultato? Domani parleremo, come ogni anno, di sosta selvaggia, di taxi (autorizzati e non) che taglieggeranno turisti e romani con corse con prezzi da capogiro, di aree pedonali stuprate, di ore e ore passate nel traffico. E anche quest'anno ancora più turisti giureranno che "mai più", e ancora più romani si convinceranno che "il prossimo anno all'estero". E così al capodanno capitolino resteranno solo i peggiori protagonisti: le persone per bene e il turismo di qualità si terrà sempre di più alla larga da una città dove non si riesce a garantire la decenza e dove il confronto con le altre competitors europee è così ridicolizzante. Ovviamente, per fare un lavoro ancora più serio, sarebbe stato utile capire la composizione dei costi, della quantità di personale, dei dirigenti delle varie aziende di tpl nelle varie città analizzate. Insomma: Roma dà un servizio raccapricciante perché è costretta da tagli, poco personale, poche risorse rispetto ai competitor stranieri o dà un servizio raccapricciante perché non si è in grado di organizzare, far lavorare, mettere in efficienza? Il tutto, ovviamente, condito da una parallela disorganizzazione (o, forse, meglio, di un parallelo potere dei peggiori sindacati) anche dal coté della Polizia Municipale: così nessuno potrà contestare l'eccessivo utilizzo dell'auto e nessuno potrà contestare l'eccessivo tasso alcolemico al volante (ovviamente piangeremo non si sa quanti feriti o morti a causa di questo), visto che su 6mila vigili oltre il 90% saranno indisponibili... 

Ma d'altronde siamo arrivati al punto, a Roma, che durante le feste non funzionano più neppure gli ospedali. Basti vedere cosa succede nei reparti maternità, dove la mortalità infantile subisce dei picchi da paese del quarto mondo. Continuiamo così!

40 commenti | dì la tua:

Andrew ha detto...

ATAC ha sempre esistito per le esigenze dei loro impiegati. Non sono per niente orientato sul servizio pubblico, non conoscono neanche il concetto. Ho visitato quasi tutte le capitali europei, e devo sinceramente ammettere che non si possono neanche paragonare, tante sono le cose che le dividono.
ATAC is a disservice to the city!!!
The company should be privatized.

Anonimo ha detto...

ti sei scordato di dire che domani i TG parleranno di quanti ubriachi al volante si andranno a sfracellare contro un muro (o ammazzeranno qualche innocente -vedi quello che è successo qualche giorno fa)...perché tanto nessuno controllerà MAI chi è ubriaco alla guida.

Bat21 ha detto...

Magari Andrew si potessero privatizzare le varie ATAC disastrate di Italia ma la maggioranza degli italiani e dei romani non sono d'accordo.
E' un enorme gap culturale che ci divide dal resto di Europa in cui queste cose non sono taboo...

Bat21 ha detto...

Questa è Milano:

A capodanno il metrò prolunga l’orario e in superficie sarà attiva la rete notturna

SERVIZIO IN METROPOLITANA E SUPERFICIE
Mercoledì 25 dicembre, in occasione del Santo Natale, il servizio delle quattro linee metropolitane (M1-M2-M3-M5) e delle linee di superficie (bus, tram e filobus) sarà effettuato dalle 7.00 alle 19.30 circa.
Martedì 31 dicembre, in occasione del Capodanno, il servizio della metropolitana sarà prolungato sulle tratte urbane (fino a Molino Dorino sulla M1 e fino a Cascina Gobba e Abbiategrasso sulla M2) con gli ultimi passaggi in centro alle 2.00 circa.
Sul sito www.atm.it sono disponibili gli orari delle prime e ultime partenze della metropolitana e delle linee di superficie del 25 dicembre e gli ultimi passaggi in centro dei treni previsti per il 31 dicembre.

Quindi metro fino alle 02:00 e bus notturni operativi ;)

Anonimo ha detto...

In quale delle capitali europee i trasporti sono privati? Non è la soluzione la privatizzazione, è l'obiettivo di chi umilia il trasporto pubblico

Anonimo ha detto...

In quale città? Londra!
I trasporti sono SEMPRE pubblici, ai privati va la gestione. Era la stessa cosa dell'acqua, ma anche lì ci siete cascati come deficienti. Ma non è colpa vostra: siete ignoranti. Hanno massacrato la scuola e resi orrendi stampa e tv proprio per questo, per non farvici capire nulla.

Bat21 ha detto...

Caro anonimo delle 10:05 tu hai perfettamente ragione ma è impossibile farlo capire alla maggioranza degli italiani. E' inutile purtroppo insistere sul tema: io non riesco a convincere nemmeno i miei amici più intimi. Siamo nell'intimo illiberali e propensi ad un tipo di società chiusa e fatta di caste e corporazioni.

diego ha detto...

Parigi, Madrid, Berlino. Tutte città con trasporti efficientissimi e pubblici.
L'isteria di chi dice "privatizzare privatizzare" sfiora l'infantilismo, so che siete convinti al 2000% di avere ragione, infatti rinuncio a convincervi ma mi rivolgo a tutti quelli che sono più laicamente nel dubbio.
Le privatizzazioni sono un ottimo mezzo per migliorare l'efficienza dei servizi, ridurre i costi per i cittadini e il pubblico erario ma soltanto ad una precisa condizione: SOLO NELL'AMBITO DI UN REGIME DI CONCORRENZA. Se non c'è concorrenza, privatizzare un servizio che agisce necessariamente in regime di monopolio non solo non porta alcun beneficio ma puo' portare molti danni.
Passare dal monopolio pubblico al monopolio privato non è un bell'affare, la prova è che tutte le esperienze di privatizzazione dei servizi pubblici in Italia hanno visto l'aumento dei costi per i cittadini e il deterioramento della qualità del servizio stesso! E quando l'impresa privata fallisce che succede? SUCCEDE CHE L'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DEVE COMUNQUE METTERCI I SOLDI! Perché il servizio è di pubblica utilità e va comunque garantito! E allora Dov'è il vantaggio? Non esiste alcun vantaggio!
Non è come privatizzare il mercato della telefonia ( dove esistono vari operatori che agiscono simultaneamente), mi spiegate come agirebbe il mercato della concorrenza per un servizio come quello dei trasporti oppure per la raccolta rifiuti?...Questi servizi dovrebbero comunque essere affidati al monopolio di un privato (UNO...), che entra comunque in relazione con la politica con tutti gli annessi e connessi ( e i nostri politici non sono "britannici")...
Non è un caso che nella stragrande maggioranza delle città che funzionano i trasporti pubblici sono PUBBLICI.
Non esistono scorciatoie ( privatizzare privatizzare), l'unica strada è quella di far funzionare correttamente il trasporto pubblico, attraverso il controllo sociale dei cittadini sugli amministratori e dunque attraverso la selezione di amministratori responsabili.

Riccardo_C ha detto...

Sono contro la privatizzazione di Atac...non credo che porterebbe a un miglioramento. In Italia le privatizzazioni sono solo fallimenti continui..e non solo in Italia. Il rischo è quello che non cambi nulla e che i costi per l'utenza aumentino.
A Parigi e Berlino i trasporti sono pubblici, gestiti dal pubblico e il servizio è garantito 24h...a Milano uguale...quindi non è il privato una soluzione garantita.
C'è bisogno invece di una nuova gestione, di una riforma drastica della classe dirigente, degli sprechi, di lotta all'evasione e del recupero del denaro che è stato evaso con lo scandalo dei biglietti falsi.
Chi fa riferimento a Londra forse non conosce la storia dei trasporti Londinesi...con la privatizzazione non è cambiato nulla a Londra...solo i prezzi dei biglietti...oggi i più cari al mondo. 5 euro per una corsa di metro. 3 euro per una fermata di autobus. 7 zone con costi raccapricianti e il biglietto a tempo non esiste.
I londinesi non fanno che rimpiangere il tempo in cui i trasporti erano pubblici. In Inghilterra persino le ferrovie nazionali quando erano pubbliche erano più puntuali.

Anonimo ha detto...

Buongiorno,
forse sarò un po' fuori dal coro, visto il tenore degli interventi precedenti. La mia domanda è: esiste la possibilità che i cittadini di questa città, difronte a queste scelte dell'amministrazione, non finiscano sempre ad accapigliarsi gli uni contro gli altri? "Tu sei un cretino"..."tu non capisci un caxxo"..."ignorante"..."sottoacculturato vedi di viaggiare"...
Così come mi chiedo: è possibile che una scelta amministrativa non venga analizzata e contestata in sé, piuttosto che dare subito responsabilità e proporre soluzioni radicali?
Ora, quello che è successo è molto grave: getta Roma nel medioevo!
Metro fino alle 2.30, bus e tram fermi dalle 21.00, bike sharing neanche a parlarne, car sharing e car pooling idem, i taxi saranno non pervenuti. A questo scenario apocalittico, si aggiunge il funzionamento dei varchi ZTL dalle 20.00 alle 03.00.
Sic stantibus rebus, vorrei sapere quale idea di mobilità guida le scelte di questa Amministrazione. Con i mezzi pubblici non si può circolare, con i mezzi privati nemmeno...che poi a pensarci bene è lo scenario che si ripete quasi tutti i giorni in questa città (tra scioperi, manifestazioni, stop alle auto, targhe alterne...)!! Mi piacerebbe che si smettesse di dare credito alle assurde soluzioni propagandistiche sull'utilizzo della bicicletta, con le relative guerre tra i favorevoli ed i contrari. Mentre ci sono queste guerre di trincea tra poveracci, infatti, l'Amministrazione ne approfitta per prendere tempo e fare magagnette. La bicicletta può andare bene se ci si muove in centro, ma non è neanche pensabile per le lunghe percorrenze (soprattutto perchè non esiste la possibilità di caricarla sul mezzo pubblico). Abbandonando quindi le battaglie ideali, ragioniamo sulla realtà dei fatti: su quello che c'è a Roma hic et nunc.
Partendo dal reale, questa Amministrazione ci spieghi quale idea di mobilità ha in testa e quali strategie stia seguendo...non è accettabile che anche il Campidoglio segua guerre ideologiche nelle sue scelte amministrative.
Se non si chiarisce l'idea di mobilità, caro Andrew, è inutile anche privatizzare il servizio (cosa su cui sono assolutamente d'accordo!).
Stefano

Anonimo ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=DUpeAHOoGNI

Anonimo ha detto...

ma cosa cazzo c'entra Atac, ancora prigionieri delle cialtronate di RomaFaSchifo. Il servizio viene programmnato dagli enti competenti. Perché RomaFaSchifo non scrive che anche le ferrovie si fermano alle 21. Ha paura del potentissimo Moretti? Certo che sì. E il Cotral e l'Atral? e i negozi che chiudono alle 18. Svejateve, il servizio si fa in città con le metro non in una dove i bus resterebbero bloccati tra zone pedonali e imbecilli che tirano i petardi.
Vogliamo parlare di Londra: servizio interrotto su qualsiasi mezzo per 36 ore, dalle 23.,50 del 24 dicembre alle 6 del 26. Ma forse RomaFaschifo non la ritiene una capitale europea.

Anonimo ha detto...

anche i privati da voi molto amati di RomaTpl (proprietario assoluto Cialone) terminano il servizio alle 21. è colpa dell'Atac anche quello o forse dei vari enti che organizzano. Informatevi prima di scrivere stronzate qualunquistiche e vaghe come spesso, anzi quasi sempre avviene

Anonimo ha detto...

Il problema è che a Roma quando è festa è festa per tutti.
E quindi non ti devi sentire male perché i servizi ospedalieri sono ridotti, non devi prendere un mezzo pubblico, non devi ricevere posta, non puoi andare dentro un ufficio e così via.
Quando si viene assunti in un determinato posto bisognerebbe dare la disponibilità a fare servizio anche quando ci sono giornate festive. Se non si vuole questo si lascia il posto a qualcun altro che è in grado di farlo.
Ci sono posti di lavoro che dovrebbero essere al servizio della gente e come tali vanno accettati.
Questa è la differenza fra noi e gli altri Paesi europei dove le metro e tutto il resto funziona 24 ore su 24 ore.
Poi il discorso pubblico e privato lascia il tempo che trova perché come si diceva prima anche le linee private sospendono il servizio. E quindi non è lì la soluzione del problema.
Forse è perché ognuno vuole fare come più gli pare e occupare posti che non gli competono perché non dedito al servizio che dovrebbe svolgere?

Anonimo ha detto...

"Il tutto, ovviamente, condito da una parallela disorganizzazione (o, forse, meglio, di un parallelo potere dei peggiori sindacati) anche dal coté della Polizia Municipale: così nessuno potrà contestare l'eccessivo utilizzo dell'auto e nessuno potrà contestare l'eccessivo tasso alcolemico al volante (ovviamente piangeremo non si sa quanti feriti o morti a causa di questo), visto che su 6mila vigili oltre il 90% saranno indisponibili..."
L'unico modo per poter uscire dopo le 21 è abitare vicino alla metro e non tutti sono così fortunati.
In più alle 2:30 fine di tutto..come dovrei muovermi?
Già anni fa siamo rimasti bloccati a Termini fino a riapertura metro, stavolta esco con la macchina..non ho voglia di rimanere bloccato per ore in attesa delle metro (pago 250euro di annuale per questo fantastco servizio..).
Tuttavia anche nel fine settimana uscire con i notturni è un terno al lotto: non sai mai quando passano (e se passano) e se riuscirai a salirci.
Non c'è da stupirsi se la gente esce in macchina e intasa il centro.

Francis Drake ha detto...

# "I trasporti pubblici durante la notte di San Silvestro. Confronto tra città europee sull'ultimo dell'anno. Come ne esce Roma?"


Vabbé, ma Roma che c'entra con le città europee.
Facciamo un confronto con qualche città africana....Non roviniamoci l'ultimo giorno dell'anno, per favore...

Anonimo ha detto...

D'accordo, ma il vero scandalo è stato il giorno di Natale: Metro A e B ferme dalle 13.30 in poi, fino al giorno successivo, così come la Roma-Lido. Chi è stato il cialtrone che ha inserito simili concessioni nel contratto dei dipendenti Atac? Forse volevano premiarli per gli scioperi bianchi??? Non so se privatizzare serva realmente, se non si sviluppa una sana forma di concorrenza, ma di certo sarebbe utile almeno per rivedere certi contratti e far abbassare la cresta a certe categorie professionali...

Anonimo ha detto...

Anche città più piccole come Bruxelles, Barcelona e Vienna ce pisciano in testa. Non c'è bisogno di essere una capitale per essere migliore di ROMa, qualunque città media europea è migliore. Quanto alla privatizzazione è sacrosanta, carozzoni in perdita almeno se li finanzia chi li usa/possiede, non chiunque con l'addizionale irpef. Cojoni!

Anonimo ha detto...

il pubblico deve controllare, non gestire! cazzo!

Anonimo ha detto...

Ma se i trasporti pubblici di Roma sono già insufficienti a pieno regime, figurarsi nei festivi.

Attilio ha detto...

Gentilmente chi non prende i mezzi pubblici a Roma è pregato di non commentare.
Da utilizzatore vi dico che in un giorno del genere è meglio che non ci siano i mezzi notturni.
Normalmente, anche nei fine settimana, le linee più importanti (N1 e N2) offrono un servizio scandaloso. Passano, se tutto va bene, ogni 30 minuti. Il solito riferimento ai carri bestiame è adattissimo...
Auguro un 2014 di mxxxa ai nostri amministratori.
Grazie dello schifo che ci avete offerto nel 2013.

Romoletto ha detto...

Ho parlato con uno vicino ai vertici comunali e dell'Atac. La chiusura della metro alle 2.30 è stata richiesta dalla responsabile "associazione borseggiatrici metro Roma". Volevano avere anche loro un pò di riposo per godersi gli introiti del 2013.
Per quanto riguarda i mezzi di superficie lo stop alle 21 è stato richiesto dal presidente del sindacato "Borseggiatori linee 40-64". Gli iscritti al suo sindacato hanno deciso di festeggiare il nuovo anno a Piazza San Silvestro...

Romoletto ha detto...

Volevo cogliere l'occasione anche per ricordare a tutti di diffondere il seguente articolo:

http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/macchinisti_metro_pi_di_duemila_euro_al_mese_per_3_ore_di_guida_al_giorno/notizie/203364.shtml

Sarà più semplice trovare le risposte ai nostri dubbi sul trasporto pubblico romano.

Anonimo ha detto...

Sindaci di destra e sinistra, avete rotto le scatole ! Modificate gli orari della metro per uniformarli agli standard europei ! Non guardate agli standard europeri solo quando si tratta di adeguare i prezzi dei biglietti !!!!

Polìscor ha detto...

La soluzione è solo una: via i sindacati dal settore pubblico. Non hanno senso e creano solo danni.

lapersianaperta ha detto...

Le chiacchiere stanno a zero, bisogna semplicemente essere cretini per privare Roma la notte di capodanno di ogni collegamento interno ed esterno. Uno può anche dire che quello che fanno le altre città non ci riguarda, e invece ci riguarda eccome. Non possiamo ignorare il fatto che le prestazioni della città sono inadeguate, soprattutto nella notte in cui i mezzi di trasporto andrebbero aumentati e non tolti.

Bat21 ha detto...

Tanto per rispondere a Diego, non penso che occorra privatizzare sempre e tutto: qualora lo Stato riesca a gestire bene i servizi pubblici senza inutili sperperi di denaro spalmando le terribili inefficenze sulla collettività si può anche evitare.
Non si può evitare di notare che Roma, Genova e molte amministrazioni meridionali hanno un trasporto pubblico locale che serve solo a dare posti di lavoro e non a rendere servizi. Stante così le cose non si può continuare a pagare con la fiscalità generale degli ammoritzzatori sociali impropri, che queste realtà si paghino di tasca loro il servizio!

(Ps a tutti i fan dei servizi che devono rimanere a gestione pubblica perchè non vi scagliate contro le parentopoli? Anche lo stesso M5s sospettamente non protesta minimamente e non chiede nessuna pulizia dei tanti "dipendenti" entrati grazie a favori politici...)

Anonimo ha detto...

Concordo. È interessante come la disastrosa e dissanguante esperienza di Telecom e Alitalia non abbia insegnato nulla.
Sostituire amministratori pubblici incapaci quando non ladri con amministratori privati incapaci quando non ladri può solo che peggiorare le cose.

Anonimo ha detto...

Ma in Roma la polizia locale non serve. I titolari di guida romani sono perfettamente in grado di "auto-regolarsi" in modo impeccabile sia nella sosta che nella percorrenza stradale.
Il costo del trasporto privato (taxi) è da sempre il più basso del mondo. Nemmeno a Bangkok i taxi sono così economici. Per di più la notte del termine dell'anno i taxisti riservano sconti ulteriori a sorpresa :-)

Anonimo ha detto...

Il dipendente pubblico dimostra per l'ennesima volta il suo parassitivismo , quando ce ne libereremo causa di tutti i mali di questa città , secondo vengono concepiti già così con questa patologia , parassitivismo , ma quando capiranno che sono nostri dipendenti e di conseguenza dovremmo essere noi a poterli licenziare , basterebbe permetterci di identificarli e di poter effettuare richiami , ad un certo punto dovrebbe scattare la sanzione disiplinare e dopo il licenziamento

romy ha detto...

Cara Romafaschifo, se proprio vuoi fare un paragone obiettivo con altre capitali europee pubblica anche questo: "There is no public transport in London on Christmas Day, 25th December at all. This includes public transport to and from London’s airports, even though flights will be operating." In pratica a Londra non ci sono mezzi pubblici per 48 ore a Natale. Fury as public transport is closed down for Christmas
http://www.dailymail.co.uk/news/article-504378/Fury-public-transport-closed-Christmas.html
Transport bosses came under fire today over services being shut down at
Christmas. There is mounting anger over the national rail network being closed for more than 48 hours from 8pm tonight as well as there being no Tubes or buses in London
Read more: http://www.dailymail.co.uk/news/article-504378/Fury-public-transport-closed-Christmas.html#ixzz2p93HyGPh

Fabrizio ha detto...

ma lo capite che Roma non è una normale capitale europea ma solo un paese moltiplicato x 100? La mentalità della gente è troppo gretta e troppo paesana per concepire di essere al livello delle altre capitali europee
N.B. sono di Roma

Anonimo ha detto...

Ho passato, per mia fortuna, qualche Capodanno a Vienna, e lì il servizio dei tram sul Ring va avanti tutta la notte, tanto che ci si può tranquillamente spostare da un evento all'altro con i mezzi pubblici.

Anonimo ha detto...

Volevo segnalare che in realtà la linea b ha chiuso i cancelli all una ....

Anonimo ha detto...

Aho stai in Italiaaaaaaaaaaaaaaa ...aa Tombola, Mirko, Zia Assuntina, er Cotechino kee lenticchie che sò sordi dell'anno appresso....
Mo vedi che er prossimo poste oo metti perché ancora famo er Festiva De Sarèmo che oo famo solo noi e l'Arbanesi....

Tram

Renato Pacifico ha detto...

http://blog.libero.it/taxilibero/

Anonimo ha detto...

Ah Renà tanti auguri...c'hai pure er poste aho....



Tram

The Londoner ha detto...

Tram, you rock! ;)

Anonimo ha detto...

Sono decenni che questa città è in mano ad amministratori incolti e inconsapevoli della preziosità di questa città. ATAC e AMA sono l'esempio più eclatante di una capitale in coma. Si fa l'interesse dei dipendenti e non degli utenti. Caso unico in Europa. Caso unico avere una città sommersa dai rifiuti, caso unico non avere una metropolitana degna di questo nome, caso unico -purtroppo va detto - la maleduicazione di gran parte dei cittadini.Vedo una città dove ognuno pensa ai fatti propri, senza cultura dello Stato e della Res Pubblica. "Io so' io e voi nun siete un c..." questa è la filosofia dominante del romano medio, cittadino o amministratore che sia. Una città senza speranza, data in pasto ad un turismo di massa invadente e selvaggio che ha stravolto - senza portare alcun beneficio - intere zone del Centro Storico sottraendolo di fatto ai cittadini. Sono state rilasciate licenze con criteri clientelari a bottegai e commercianti senza scrupoli che hanno ridotto la zona di Trevi o di Piazza Navona ad un volgare bazar di terz'ordine. in alcune periferie sembra di stare a Calcutta tamnto sono lerce. Marino se ne accorge solo ora??? L'area antistante la Stazione Termini- primo biglietto da visita di Roma - è una roba da quarto mondo. Immondizia e strade rotte ovunque. Il problema è "antropologico". Decenni di sottocultura prima democristiana e poi berlisconiana ci hanno ridotto ad branco di incolti non in grado di vivere nella modernità. Mi vergogno di essere romano. Già Milano è un altro pianeta. Sindaco, ma dove cavolo sei?

Anonimo ha detto...

A de quale preziosità vaneggi scusa? De quattro rovine? Seppure li mezzi pubblici funzionaveno, che li usavi pe annatte a senti quarche cantautore de serie B 'n piazza?

ShareThis