Sondaggio: è giusto o non è giusto che durante ogni partita l'area dell'Olimpico si trasformi in terra di nessuno ove è possibile parcheggiare illegalmente senza rischiare nulla?

29 dicembre 2013



12 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Purtroppo c'è di peggio: arrivano a parcheggiarsi su ambo i lati del viale dello stadio olimpico fino all'imbocco stesso della galleria!

Anonimo ha detto...

Tranquilli, è così in tutte le città! Venite a farvi un giro a Bologna il giorno di partita e vi renderete conto che la situazione è simile. Il calcio e tutto quello che ci ruota intorno è come una vacca sacra, pertanto intoccabile e rispettata...che ci volete fare?

Signor Smith ha detto...

Non è "solo" il calcio, vero, ma in questo caso si raggiungono vette di autentica "follia". Non bisogna dimenticare che si tratta dello Stadio Olimico, quello stadio ristrutturato, quasi 25 anni fa, non a norma... tanto che la Prefettura settimanalmente doveva rilasciare un nulla osta provvisorio per poterlo usare.

Anonimo ha detto...

Non è solo "Terra di nessuno" è proprio "AREA SACRA" ci sono appositi PRESIDI DI VIGILI che garantiscono che nessuno tocchi le auto parcheggiate in divieto di sosta. Questi presidi sono tutti in regime di STRAORDINARIO quindi pagati con i soldi nostri. E tutto per stecazzo di merde di tifosi (a prescindere dalla squadra) che nonostante la crisi, invece di protestare, vanno a sprecare benzina, tempo, denaro ed energie per vedere 11 miliardari correre appresso a una palla. Sono DISGUSTATO.

Anonimo ha detto...

se lo stadio fosse collegato in maniera umana al resto della città ci andrei pure senza macchina. ma non lo è. fateve un giro sui tram che partono da piazza mancini dopo la partita e diteme se è na cosa umana.

Anonimo ha detto...

Curioso. Se l'utilizzo dei mezzi non è ritenuto umano si ottiene il lasciapassare per parcheggiare in maniera incivile. Altrettanto non umana, se vogliamo. Mah...

Anonimo ha detto...

All'estero gli stadi sono fuori dai centri abitati. Noi li ristrutturiamo nonostante siano in centro. Il presidente Viola propose qualcosa ma si preferì ristrutturare invece di costruire un nuovo stadio fuori dal centro.
Questo è quello che ci tocca. E meno male che c'è gente che viene in macchina perché altrimenti l'autobus prendeva i passeggeri anche sul tetto vista la situazione del TPL in questa città. Questa è purtroppo una amara constatazione ma è la dura realtà di un cane che si morde la coda.

Anonimo ha detto...

l'impero del pallone non lo puoi sfiorare...rimarrà sempre così e in Italia maggiormente.

Anonimo ha detto...

Qui la questione non è su perchè i tifosi vanno allo stadio, ma sul perchè uno stadio di 75000 posti non è servito da metropolitana, treni, trasporto pubblico, e non ha un parcheggio per i mezzi privati.

Anonimo ha detto...

Concordando con anonimo delle 2:14, vorrei aggiungere che anche sullo stadio ci si limita a fare le guerre tra i poveracci. Il dramma è che in questa città non esistono strategie di intervento e non ci sono, cosa ben peggiore, idee chiare sui singoli aspetti della vita cittadina.
Continuiamo a fruire di infrastrutture costruite durante il ventennio, senza considerare che la città è cambiata in 100 anni! Si vuole lo stadio Olimpico? Si realizzi un piano serio per la mobilità! L'idea è quella di spostare gli stadi fuori? Bene, si facciano senza indugi. Basta con le guerre tra i poveri ed i partigiani delle proprie idee: urge un cambiamento drastico! Basta con la cultura del no a prescindere e del tutto fa schifo.

Anonimo ha detto...

Avevo perso la speranza di leggere commenti intelligenti riguardo la questione. Per fortuna gli ultimi due hanno cambiato la situazione.

Così è una guerra tra poveri, come sottolineavano prima di me.

Sono un tifoso, ma non sono un incivile. A volte purtroppo però, il parcheggio me lo sono dovuto inventare recandomi allo stadio. E l'ho sempre cercato, a lungo anche, ma spesso, per quanto lontano ci si possa spingere dalla zona nevralgica, il risultato non cambia.

Mi sembra ovvio che Roma abbia un evidente problema di ratio tra numero di parcheggi e numero di auto. Inoltre se la zona fosse ben servita dai mezzi pubblici in molti eviterebbero l'auto privata (io parto dal Torrino - zona EUR - per raggiungere lo stadio, e assicuro che si usa tanta benzina per passare il centro quando 40mila persone si riversano in una sola zona della città).

È ovvio che c'è anche chi se ne approfitta, e che per pura pigrizia nemmeno ci prova a cercare parcheggio.

Ma tutto nasce dai servizi che non vengono forniti dal nostro comune.

Poi se vogliamo darci addosso tra di noi si può anche fare, ma la situazione non cambierà di una virgola.

Anonimo ha detto...

Questo tipo di sosta viene autorizzata dai vigili stessi per la durata delle partite, perciò non è sanzionato.
è la solita cosa all'Italiana. Non ci sono parcheggi nè si pensa di realizzarli, ed è l'unica capitale ove non c'è una metro che passa dalle parti dello stadio.
Quindi, si risolve così, all'Italiana. E non è solo a Roma!

ShareThis