La morte del giovane scooterista a Piazza Istria? L'avevamo atrocemente prevista cinque giorni prima

13 aprile 2015

"La gente parcheggia sui lati della rotatoria (protetti da ringhiera) invadendo una corsia intera e trasformando la praticità della stessa in un caos di precedenze e incidenti sfiorati dovuti al restringimento della carreggiata. La cosa è assolutamente agghiacciante, oltre al fatto che i proprietari delle attività commerciali parcheggiano tutto il giorno nel perimetro della rotatoria: chi dovrebbe controllare e multare i trasgressori non fa nulla".

Questo scrivevamo, grazie alla collaborazione di un nostro lettore, lo scorso 5 aprile in questo post. E lo scrivevamo pubblicando immagini della piazza dove il giovane Luca Liberti ha perso la vita venerdì sera, neppure una settimana dopo il nostro articolo. 

Su questo incidente, benché non sia ufficiale la dinamica e chissà se lo sarà mai, noi abbiamo una opinione (chiamatelo pregiudizio) ben preciso: la piazza è sempre piena di sosta selvaggia, il bus ha dovuto schivare le auto posteggiate in maniera criminale, così facendo ha invaso la corsia interna dove stava passando il motociclista che è scivolato frenando ed è finito sotto le ruote gemellari posteriori del mezzo Atac perdendo la vita all'istante.

Stanno cercando in tutti i modi di scrivere una storia diversa. Perché a Roma i danni (centinaia di morti e migliaia di feriti all'anno, con costi sociali grazie ai quali si potrebbe costruire ogni anno una nuova metropolitana) della sosta selvaggia sono da insabbiare peggio dei più terrificanti segreti di stato. Manco Ustica o la strage della Stazione di Bologna subiscono peggiori tentativi di depistaggio. Qui a Piazza Istria hanno cercato subito di dare la colpa al povero autista Atac facendogli le analisi per droga e alcol. Per loro sfortuna era ed è una persona specchiata. Poi stanno cercando di dare la colpa alla rotatoria. Non ci crederete ma è così: i cittadini si sono scagliati contro il fatto che il Comune ha fatto una rotatoria per una volta ben realizzata e a norma. "E' molto bella, ma non è pratica" hanno cominciato a ripetere i residenti ai cronisti, che hanno riportato queste enormità senza commentarle. Perché a Roma una rotatoria come si fa in tutta Europa (e come l'Unione Europea comanda) diventa una cosa strana, una cosa "bella", una concessione al lusso dell'estetica. Perché ovviamente se una cosa è fatta a norma va in crisi quando le norme vengono violate e dunque, giustamente, la rotatoria funziona male se al suo interno banditi e criminali posteggiano auto in sosta abusiva. Secondo molti residenti della zona l'aiuola centrale è "troppo grande". Sostanzialmente se uno fa una strada a norma (e bella) fa male perché non tiene conto della sosta abusiva che la può restringere eccessivamente. Le strade, secondo una percentuale schiacciante dei cittadini di questa città, vanno progettate tenendo conto degli spazi destinati a chi si comporta in maniera illegale. Lo dimostrano le dimensioni di tutte le sezioni stradali delle carreggiate a Roma. Lo dimostra l'eliminazione dei cordoli a protezione delle preferenziali, utili a far viaggiare non in maniera promiscua, appunto, mezzi pesanti e scooter. I cordoli si devono togliere perché poi le moto non possono più superare i limiti di velocità o fare pericolosi slalom in libertà, si devono togliere perché poi diventa troppo difficile utilizzare la preferenziale come un enorme spazio per il carico e scarico merci a beneficio abusivo di auto e furgoni.
Infine proveranno a dare la colpa al povero ragazzo morto: era una persona per bene, prudente e tranquilla. Ma qualcuno proverà a dire che si è suicidato lui piuttosto che ammettere le colpe della sosta selvaggia.
Il presidente del Secondo Municipio dice "la rotatoria l'abbiamo fatta per la sicurezza, ma qualcosa non ha funzionato". Anche lui non nomina l'innominabile sosta selvaggia. Omertà totale. Tutti sanno che le auto posteggiate fuori posto uccidono, ma nessuno osa dirlo. E così (queste qua sotto sono le agghiaccianti foto di quest'oggi) le auto anche oggi, in mezzo agli striscioni che piangono Luca, sono ancora lì. In attesa di uccidere la prossima persona. Tanto non avranno mai la colpa.



Sanno perfettamente, i politici, come (non) ragionano i loro elettori. Puoi stuprargli la figlia, puoi violentargli la moglie, ma se la prenderanno sempre un po' di meno se toglierai loro la possibilità di fermare l'auto dove diavolo gli pare. In spregio al pericolo di chi sopraggiunge, in spregio ai diritti dei disabili, in spregio alla sicurezza dei pedoni. E si continua a morire a Roma dieci volte di più di quanto si muore a Parigi. E il motivo di tale differenza è SOLO quello: arredo urbano da quarto mondo e sosta criminale dei veicoli nelle carreggiate.


Poco importa se a Piazza Istria sia andata come siamo convinti noi o in maniera diversa (Roma è l'unica città occidentale dove il traffico non è osservato da telecamere a circuito chiuso, per cui probabilmente non sapremo mai la verità sulla dinamica dell'incidente: amici e parenti di Luca stanno cercando testimonianze in un passa parola straziante in queste ore: della serie "chi ha visto parli", come si faceva trent'anni fa). Importa iniziare a capire quale impatto ha sulla nostra città la sosta abusiva delle auto posizionate in mezzo alla carreggiata in un modo che spesso dovrebbe chiamare in causa il Codice Penale e che invece non interessano neppure la Polizia Municipale. La cattiveria e l'egoismo dei romani e il loro rapporto profondamente malato con l'auto presuppongono che sia diventato normale morire ammazzati per strada e che sia impensabile dare la colpa alle loro infrazioni: quelle sono lo standard, sono istituzionali, sono irrinunciabili. La città deve girare attorno alla loro prepotenza, quando ce la fa. Quando non ce la fa qualcuno ci rimette le penne e poi giù a depistare perché non emerga di chi è la colpa per davvero. Non sia mai che cambi, un giorno, la mentalità bacata di chi considera assolutamente normale ammazzare una persona per parcheggiare di fronte al locale dove bersi una birra.

76 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ottimo e coraggioso articolo. La sosta selvaggia è pericolosa, lo vogliamo dire oppure no? Non è un peccato veniale ma un reato che mette a repentaglio la vita altrui. Sostare in doppia fila oppure sulle strisce pedonali è pericoloso!!! Bravi RFS, sempre avanti senza paura.

bat21 ha detto...

Bravi! Articolo assolutamente perfetto. Siete uno dei pochi fari di luce della città!

Anonimo ha detto...


Lui si chima David Beckham, ha parcheggiato pochi secondi in seconda fila a Los Angeles: se lo sono inculato

http://www.corriere.it/foto-gallery/spettacoli/15_aprile_12/famiglia-beckham-doppia-fila-blocca-traffico-interviene-polizia-8433d140-e132-11e4-87d6-ad7918e16413.shtml

A Roma li viggili, gli avrebbero chiesto l'autografo.....

bat21 ha detto...

Immagino che sarà anche accaduto con qualche giocatore daaa maggica.

Anonimo ha detto...

A Roma le multe non si fanno o perlomeno se ne fanno poche, ridicolmente poche. Altrimenti non si spiegherebbe perché - tanto per dirne una, chiaro - in piazza San Bernardo tutte i giorni, tutti, le solite auto, le solite, parcheggiano serenamente non solo sulle strisce pedonali ma anche sul tracciato per non vedenti. Pieno centro. Ma a Roma le multe si fanno, vero? E per carità di patria tralascio altri esempi relativi al solo centro, tanto per riferirsi ad una zona in cui la polizialocalediromacapitale è certamente ben presente.

Anonimo ha detto...

Non ci avete mai pensato ma quella non è una rotatoria, è illegale perchè non è rotonda ma ovale questo causa incedenti. Il comune andrebbe denunciato perchè ha creato un problema di circolazione urbano anzinchè defluire il traffico come farebbe una rotatoria detta rotonda questa crea, un con quella forma irregolare vedi piantina, traffico e incidenti.
Chiedete lumi a chi ne sa di viabilità e vi dirà che è irregolare!

Anonimo ha detto...

Il fatto che vengano fatte multe non garantisce poi che il trasgressore sia sanzionato.
Si fanno multe come 100 anni fa, mentre occorrerebbe usare strumenti che diano un oggettività incontestabile dell'infrazione commessa. Questo garantirebbe il cittadino dall'abuso dei vigili , e leverebbe a chi ci marcia la possibiltà di fare futili ricorsi , aumenterebbe infine la produttività.
Ovviamente con un un corpo dei vigili e un amministrazione comunale come la nostra , levare la discrezionalità e aumentare l'efficenza è una cosa impossibile

Anonimo ha detto...

nell'ordine, dopo la rotatoria, pur di non ammettere la verità daranno la colpa a:

-Marino
-Renzi
-Rom
-extracomunitari
-l'euro
-la Merkel
-gli USA imperialisti
-le scie chimiche
- aaa colata de cemento

Anonimo ha detto...

Manca la scoreggia razzista pro-Salvini quotidiana del pecora e siamo al completo...Sono d'accordo con Bat21. I vigili a Roma non fanno un cazzo, la polizia non fa un cazzo, i carabinieri non fanno un cazzo, gli impiegati non fanno un cazzo, e via dicendo. Ho capito che Roma stimola l'ozio e la dolce vita, ma a forza di seguire questa celebre inclinazione tutta romana a non fare un cazzo durante il giorno, la città affoga nella propria merda...

antonio ha detto...

C'è scappato il morto, ma non basta. A questi trogloditi, non basta mai.... vogliono esser liberi di mettere la maghina dove vogliono.
Beh, gli morisse un parente allo stesso modo.

Lo dice uno che QUOTIDIANAMENTE rischia di finire ammazzato per 4 puttane che parcheggiano QUOTIDIANAMENTE in seconda fila per accompagnare i propri figli a scuola.

Aprono la portiera del SUVVE che si sono comprate con attività di meretricio, e se ti beccano (come successo al sottoscritto) si incazzano pure.

MULTE? GLI DOVETE DARE FUOCO ALLE MACCHINE.

CON LORO DENTRO.

OVVIAMENTE.

Anonimo ha detto...

Ho sempre pensato che c'è una soluzione a tutto se la si vuole trovare insieme. Leggendo i commenti mi sto sempre più rassegnando al fatto che non è così! Perché in ogni post, in ogni discussione sensata, anche la più seria, come questa dove c'è un povero ragazzo morto molto probabilmente proprio per il motivo che indica l'articolo, devono esserci insulti? Quale è l'utilità degli insulti? Vi sentite meglio dopo aver scritto? Non vi sentite minimamente in colpa di inquinare un ragionamento che potrebbe salvare vite in futuro o, più semplicemente, far campare più sereni e meglio? Provate a convogliare la vostra energia negativa in qualcosa di utile...vedrete che vi sentirete molto più potenti e utili di quello che siete ora!

Anonimo ha detto...

10.22 am: Su questo hai perfettamente ragione. Ma mi chiedo cosa bisogna fare, quando l'impotenza è totale. Voglio dire, puoi essere onesto, sensibile, buon cittadino quanto ti pare. A Roma in primis, e in Italia in secundis, per uno che prova faticosamente a fare qualcosa di buona, ce ne sono 200 che vanno indietro e vanificano tutto. Per esempio, io ammiro i Retake, ma anche con loro sta passando un messaggio sbagliato, ovvero che il cittadino, nonostante tutte le tasse e i balzelli che sono i più alti d'Europa, deve fare tutto da sé. Si può chiedere a un cittadino che lavora tutto il giorno di usare il suo tempo libero per pulire il lerciume d'una città? Poi, come puoi vedere, c'è gente preoccupata solo del fatto che la sua città riceve critiche aspre, e si ringalluzzisce solo quando qualcuno non del luogo fa delle critiche. Porca puttana, io in 12 anni che vivo a Roma non ho mai visto un cane protestare perché il sistema trasporti della propria città è indegno d'una metropoli europea. Ho visto solo protestare in occasione di provvedimenti calcistici o pedonalizzazioni in centro. Quand'è così, cosa ti rimane da fare? O getti la spugna e te ne vai (quel che farò io), o fai finta di niente. Però, a forza di tenersela in corpo la rabbia, alla fine da qualche parte deve avere uno sfogo!

Anonimo ha detto...

La soluzione è che se ci sta un codice stradale va rispettato e fatto rispettare senza scrupoli.
Le norme del codice non sono scritte a caso o fantasiosamente o da gente troppo ansiosa, hanno il loro sensor.
Io quando entro su un incrocio, o esco da un garage, spesso non vedo chi arriva, per colpa delle macchine parcheggiate in doppia fila dai gibboni decerebrati.

Anonimo ha detto...

10:31 AM, però anche tu oltre a fare morali come colui al quale rispondi non fai altro oltre che scrivere su un blog e poi addirittura non siete capaci a mettervi in discussione in prima persona non firmandovi con credenziali vere.
con ciò non fate morali del cazzo!

Anonimo ha detto...

Il parcheggio irregolare è, spesso, un vero e proprio tentato omicidio. Esagero? Non credo, visto l'argomento di questo articolo. E non serve lo schianto di qualche malcapitato contro la lamiera malamente abbandonata dall'animale di turno: ieri mattina (domenica) passavo per Via Calpurnio Fiamma (traversa della Tuscolana, zona con moltissime autorimesse disponibili) e su praticamente tutta la via ma, come SEMPRE, in particolare nei pressi di una nota gelateria la doppia fila, MAI sanzionata, era senza soluzione di continuità. A farne le spese chi giaceva su un'ambulanza che per quanto cercasse di passare a sirena spiegata, avrà impiegato 5 minuti per percorrere 300 metri. Spero che il trasportato fosse un doppiafilista seriale, di quelli che "ahò, nun ce sta parcheggio ma 'n buchetto in doppia pè 3 minuti se rimedia, giusto er tempo de pijà er cono, chessaràmai".

Anonimo ha detto...

Caro 10.39...sono il post 10.22...a parte che l'anonimato su questo blog è un diritto del quale si avvale, legittimamente, anche lei. Diritto a tutela di quegli spavaldi facinorosi ai quali ci si riferisce. Poi, non ho capito...sollevare un problema per discuterlo pubblicamente non lo considera un primo passo utile? Preferisce che stiano tutti zitti e muti così non la disturbano? Internet sarebbe una vera rivoluzione se non si scontrasse con la grettezza e la chiusure mentale di tante persone!

Valerio ha detto...

nell'articolo andata al cuore del problema, guai a toccare il "diritto" a posteggiare illegalmente in doppia fila! cronisti indegni e politici alla ricerca di facili consensi assecondano questa follia.

Anonimo ha detto...

Io inquisirei per OMICIDIO COLPOSO i vigili urbani che non hanno rimosso o elevato multe addirittura dentro una ROTATORIA.

Ma ve lo immaginate voi un paese dove si parcheggia dentro una ROTATORIA??
---
Un caso simile è avvenuto a milano qaulche anno fa.
_________
Bambino ucciso dal tram, patteggiano autista e passeggera auto
L'incidente in via Solari Condannati a un anno


Milano, 22 gennaio 2013 - Il gup di Milano Cristina Di Censo ha ratificato il patteggiamento ad un anno e 4 mesi di reclusione (pena sospesa) per il conducente e la ragazza che era a bordo e aprì la portiera dell’auto, parcheggiata dove non si doveva, in via Solari a Milano dove un anno fa il 12enne Giacomo Scalmani, mentre stava rincasando in bici, è morto sotto un tram.

Oggi si è svolta anche l’udienza preliminare per altri cinque, tra cui il conducente del tram della linea 14 che quella sera transitava in via Solari ai quali è contestata, con varia gradazione di responsabilità, l’ipotesi di omicidio colposo. Per loro il pm ha chiesto il rinvio a giudizio. Per una funzionaria del Comune (ente appaltante che non ha responsabilità) si è discusso l’abbreviato e il pm titolare delle indagini Cristiana Roveda ha chiesto dieci mesi. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 21 febbraio, data in cui è previsto che il giudice decida sulla richiesta di rinvio a giudizio e sull’abbreviato.

Anonimo ha detto...

La rotatoria del pontile di Ostia dove finisce la via del mare è nella stessa situazione, si parcheggia prima delle strisce oscurando la visuale, la domenica a pranzo con almeno 100.000 persone non si vede un vigile a multare o a far scorrere il traffico, a togliere gli ambulanti, ci sono secchi dell'immondizia per tenersi il parcheggio, mendicanti a disturbare i turisti, dovrebbe essere l'affaccio di Roma al mare invece sembra l'affaccio sulla tazza del water.

Anonimo ha detto...

"La morte del giovane scooterista a Piazza Istria? L'avevamo atrocementeprevista cinque giorni prima"

Che me li dareste 6 nuumeri per favore?

Anonimo ha detto...

Sui giornali si legge di vecchiette che criticano la rotatoria perché "bella ma pericolosa". La rotatoria. Pericolosa. Non la sosta irregolare che di sera ha anche una seconda fila ancora più irregolare e a questo punto assassina. . .

Per altro con la vecchia piazza c'era un'ammasso informe di auto arenate dove ora almeno c'è un marciapiede con alberi e sedute.

No il problema del popolo assuefatto a Roma è, ladies and gents, la rotatoria.

Emigriamo prima che peggiori, qui hanno tutti la cacca al posto del cervello.

Anonimo ha detto...

10:55 AM, la differenza che tu fai il moralista del piffero mentre io rispondo solo alle vostre eventuali cazzate.
quindi , per coerenza, dovresti avere i coglioni, cosa che ti mancano, di firmarti altrimenti tacere

DegradoTalenti ha detto...

Questo post è drammaticamente perfetto... Condivido ogni singla parola, ogni virgola...
E' esattamente così, i romani hanno un rapporto morboso con la macchina... TUTTO viene dopo la macchina e dopo la possibilità di parcheggiarla dove je pare..!
La rotatoria di piazza IStria è fantastica , sia esteticamente che funzionalmente....
L'unico problema è quella feccia di gente che ci parcheggia...!
E comunque una grossa colpa a Roma ce l'hanno i COMMERCIANTI..sono i primi a sbraitare contro qualunque miglioria dell'arredo urbano, conteo le ciclabili, contro tutto ciò che potrebbe togliere anche 1 solo posto macchina... perchè son o talmente ignoranti (nel senso che ignorano...) che pensano che il loro commercio peggiora se togli le macchne e aumenti i pedoini... E' gente che non ha mai messo piede fuori da GRA, non ha idea di come si viva megli oin città non macchina-dipendenti..

Anonimo ha detto...

ce sta già er polenta de Salvini che ce racconta boiate e mo se ce mette pure sto blog.
aiutoooooooooooo

Anonimo ha detto...

La rotatoria, bella e pericolosa come una femme fatale, blandisce l'automobilista romano attraendolo con promesse di civiltà e ordine europeo, e poi...pam! Lo fa secco!
Diffidate delle belle rotatorie, hanno il cuore gelido e sono spietate!

Anonimo ha detto...

Quando ho saputo la dinamica dell'incidente ho subito ripensato all'articolo e alle colpe di quei cialtroni che parcheggiano a caxxo

Anonimo ha detto...

ma solo perchè non condividono le vostre idee e le vostre battaglie li ritenete troll?
ma dicevate che su questo blog privato si discute liberamente?
scusate ma volete commentatori favorevoli a questo blog?
Allora questo è un blog di idee fasciste!

Anonimo ha detto...

@11:42 am: Infatti non rispondo più, ma temo tuttavia che il tizio non sia un troll. E' solo uno convinto che rompersi il cazzo di vivere nel posto più degradato dell'Europa sia menarla con la morale, e rispecchia purtroppo la mentalità del romano medio. Morale di che poi? Vabbé, seguo il tuo consiglio.

Anonimo ha detto...

11:42 AM, ma sei l'amministratore di questo blog privato o anche in questo, ambiente non tuo, vorresti dettare regole?

Anonimo ha detto...

il codice della strada prevede che i ciclomotori debbano circolare rigorosamente sulla destra della carreggiata. Quel povero ragazzo non si è attenuto a questa disposizione, tutto qua. Haivoglia a parlare di divieti sosta.

Anonimo ha detto...

"[...] Su questo incidente, benché non sia ufficiale la dinamica e chissà se lo sarà mai, noi abbiamo una opinione (chiamatelo pregiudizio) ben preciso [...] "

A parte la grammatica che dovrebbe essere importante per un blogger, non potete creare un articolo populista presumendo che possa essere un pregiudizio... perché E' PROPRIO UN PREGIUDIZIO! Non sapete un cazzo sulla dinamica dell'incidente e volete cavalcare la tragedia per sbandierare la vostra ossessione populista da grillini fascisti quali siete.

Anonimo ha detto...

Pensate se questa l'avessero fatta a Roma.

https://othmarstrombone.files.wordpress.com/2014/11/rotatoriamagica.jpg

Anonimo ha detto...

sono passato sabato sera tardi a piazza Istria. sapevo già dell'incidente avvenuto la sera prima. sul posto dell'impatto c'erano moltissimi mazzi di fiori.
e indovinate chi altro c'era presente???
indovinate un po'???
vi arrendete??? ve lo dico io???
ebbene c'erano i vigili urbani (opsss sono polizia. bisogna dire polizia sennò s'incazzano) con tanto di carroattrezzi a portare via le macchine parcheggiate a minchia.
VI RENDETE CONTO???
SICCOME LA SERA PRIMA C'E' SCAPPATO, PURTROPPO, IL MORTO ALLORA POI SE SO MESSI A PORTA' VIA E' MACHINE COR CARROATTREZZI!!!
dovevano far vedere che facevano qualcosa... agghiacciante e senza ulteriori parole. sarebbero troppo di fuoco.

Rolando ha detto...

Articolo straziante e drammaticamente vero. In tutte le sue parti. Se qualcuno ha il coraggio di criticarlo si può definire in un solo modo: CRIMINALE.

Anonimo ha detto...

Ma le macchine non sono state la conseguenza dell'incidente, di che state a parla'!
Non si puo' prendere un incidente che non c'entra nulla e strumentalizzarlo per parlare e portare avanti le proprie frustrazioni.

Rolando ha detto...

@9:12 AM
Articolo populista?
COGLIONE, E' MORTO UN RAGAZZO!

Anonimo ha detto...

Andatevi a leggere gli articoli, la dinamica e' in alto mare.
Non fate gli avvoltoi, come al solito http://m.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/incidente_mortale_scooter_bus_piazza_istria/notizie/1288689.shtml

Anonimo ha detto...


http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2014-03-29/multe-non-pagateroma-170638.shtml?uuid=ABcb3r6&nmll=2707

Nel bilancio 2013 della Capitale, secondo l'analisi condotta dall'agenzia di stampa Adnkronos, gli incassi dalle multe sono arrivati a 408 milioni. Nel 2012 l'incasso effettivo è stato di 280 milioni. Il Comune di Roma ha un rapporto pessimo fra le multe elevate e quelle effettivamente incassate. Alla fine dell'anno precedente il totale delle multe da riscuotere era stimato in 732 milioni.

Rolando ha detto...

@10:01 AM
Rotatoria irregolare perchè è ovale?
Può darsi, ma se ci parcheggiano le macchine non c'è forma che tenga.
In Inghilterra ce ne sono di enormi anche a tre corsie. Incidenti: zero. Basta rispettare le regole.
Comunque qui ci sono alcuni link per capire meglio. Almeno ce li perdo cinque minuti su internet prima di scrivere stronzate.

http://www.repubblica.it/2008/11/motori/novemvre3-2008/motori-inchiesta-qr/motori-inchiesta-qr.html

https://books.google.it/books?id=R3QjKPTlFOIC&pg=PA108&lpg=PA108&dq=rotatorie+irregolari&source=bl&ots=u803ejTvK0&sig=FnlD82gurscCeD-b5Vy8yX-pb20&hl=it&sa=X&ei=xLQrVeTuH4HTsAHlsIOICA&ved=0CDgQ6AEwBg#v=onepage&q=rotatorie%20irregolari&f=false

Anonimo ha detto...

il codice della strada prevede che i ciclomotori debbano circolare rigorosamente sulla destra della carreggiata. Quel povero ragazzo non si è attenuto a questa disposizione, tutto qua. Haivoglia a parlare di divieti sosta
Orchis singulus forse ti sfugge che sulla DESTRA DELLA CARREGGITA c'erano parcheggiate le auto.
Proprio DENTRO (in mezzo) alal carreggiata di DESTRA.
--
Condivido in pieno l'articolo e credo che bisognava rpendere le targhe delle auto per processare i proprietari nell'evenienza di CONCORSO IN OMICIDIO COLPOSO.
---
Tant'è vero che il giorno dopo i VV.UU sono passati con il CArro attrezzi a rimuovere le auto parcheggiate a tutti gli effetti nel mezzo di quella che è la carreggiata di marcia, appunto adibita secondo il codice della strada alla marcia dei velocipedi..
---
No comment!

Anonimo ha detto...

"Rolando ha detto...
@10:01 AM
Rotatoria irregolare perchè è ovale? "


Cojone, stai rispondendo al TROLL.

Rolando ha detto...

@12:47 PM
Questa è stupenda! Ma se sulla destra ci sono le auto in doppia fila, lo scooterista che fa, vola?
Il codice della strada dice anche che la sosta in doppia fila è vietata. O sbaglio?

Anonimo ha detto...

2.34 pm:Andatevi a leggere gli articoli, la dinamica e' in alto mare.
Non fate gli avvoltoi, come al solito http://m.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/incidente_mortale_scooter_bus_piazza_istria/notizie/1288689.shtml

Anonimo ha detto...

Il parcheggiare sulle rotatorie è diventato normalità..... Andate a vedere sulle rotatorie di via Carmelo bene (zona parco delle sabine) la situazione attuale......eppure i parcheggi liberi e vuoti ci sono....ma fare 30m a piedi...è troppo....

Anonimo ha detto...

Ma siete diventati tutti vigili o testimoni dell'incidente, tutti i mezzi di informazione riportano che la dinamica e' incerta e voi sapete tutto come al solito?
Questo non e' un blog ma un bar!

Anonimo ha detto...

RFS come al solito, ancora non e' stato acquistato il cemento e tu, con la fantasia, hai costruito un castello!

Anonimo ha detto...

Il ciclomotore DEVE (ve lo ripeto) circolare sulla destra, se vi sono auto parcheggiate circola vicino ad esse come anche l'autobus altro mezzo che DEVE circolare sulla destra.
Ergo: il ciclomotore alla sinistra dell'autobus NON ci doveva stare, bensì avrebbe dovuto trovarsi dietro di esso.

Anonimo ha detto...

Da nessuna parte si è letto di auto in doppia fila, semmai in divieto.

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 2,47
C entra...... Perché ancora non è successo nulla....ma anche li passano gli autobus.... Che si devono allargare...
Che facciamo aspettiamo pure li il morto......

Anonimo ha detto...

Nessuno ha fatto dinamiche e voi avete condannato mezzo mondo, che schifo!

Anonimo ha detto...

penso che chi commenta a vanvera, difendo l'indifendibile, merita di vivere nello schifo che ha creato, peggio di un maiale nel suo trogolo.
chissà poi se ha messo il naso fuori di casa sua, per vedere come si vive nelle altre città del mondo civile, senza macchine ovunque, senza ambulanti e bancarelle ovunque, senza cartelloni pubblicitari ovunque, senza immondizia ovunque.
chi lo ha fatto, e ha un minimo di onestà intellettuale, può affermare senza paura di smentite che roma fa schifo, tanto schifo.
ma chi dice che roma fa schifo non per questo non ama roma, anzi... chi urla che roma fa schifo la ama molto di più di chi difende l'indifendibile. e la ama così tanto che la vorrebbe a misura di bambini, di pedoni, a misura d'uomo insomma, al pari di molte città civilizzate

Anonimo ha detto...

La strumentalizzazione di eventi addirittura ancora dubbi denota l'atteggiamento solito è speculativo di RfS che pur di portare avanti le sue frustrazioni non rispetta niente e nessuno, tali individui ritengo che siano dei pericolosi egoisti che pur di far prevalere le loro idee sarebbero disposti a salire con i loro piedi sulla testa di chiunque.
Blog pericolosissimo!

Anonimo ha detto...

L'amore di una citta' si denota dal volere o meno le auto?
Annamo bene, ora i commenti sono piu' giustificati anche senza dinamica dell'incidente.
Tutto limpido.

Anonimo ha detto...

4.36 pm, il tuo sembra opera di convincimento e autoconvincimento, ma per l'argomento non dici nulla.
Ti assicuro, dico il vero, che io scrivo ma lo fanno anche altri, noi siamo in tanti voi siete proprio pochi ( ammesso che non siete, in linea quasi totalitaria, solo gli admin di RFS e tutti gli altri che con Roma non c'entrano nulla come qualcuno ha fatto notare nei commenti precedenti).


Anonimo ha detto...

Se il BUS ha fatto una manovra per evitare le auto PARCHEGGIATE nella CORSIA di destra, questo è un dato di fatto.
LI' le auto ferme dentro uan corsia autoveicolare NON ci dovevano essere, per NON compromettere la SICUREZZA della circolazione.
--
Appunto quanto è successo.
hanno compromesso la sicurezza.
Purtroppo.

Anonimo ha detto...

Il ciclomotore viaggiava alla sx del bus e non lo puo' fare, anche questo e' un fatto e ha compromesso la sua sicurezza.

bat21 ha detto...

Ti quoto e ti capisco molto bene 10:12 AM

bat21 ha detto...

Ecco questa e' nettamente la testimonianza piu interessante ed andrebbe riportata nel thread originale. Grazie 14:01

bat21 ha detto...

Sono pienamente d'accordo 17:28am e' evidente che il motorino non aveva nessun interesse a stare nella corsia interna cosi come non lo aveva l autobus. La causa perturbatrice non possono che essere state le macchine in doppia fila.

Anonimo ha detto...

Si a bat, ma il motorino a sinistra me dici che ce stava a fa'? Non ci puo' STAREEEEEEEE

bat21 ha detto...

Ma se le corsie sono due ed una e' occupata dalle auto mi spieghi dove poteva essere?

bat21 ha detto...

10:01 Am http://www.wsdot.wa.gov/publications/manuals/fulltext/M22-01/1320.pdf
Da pagina 5 in poi...
Come vedi le rotatorie possono essere di forme diverse dal circolare eccome.

Anonimo ha detto...

Non possono SORPASSAREEEEE, lo prescrive il vostro amato cds, DEVONO marciare il piu' possibile sulla destra. Lo capisci?
Doveva essere DIETRO il bus, non a sx.

Anonimo ha detto...

La trollata che i motorini non possono sorpassare ha un po' esaurito la sua verve, non trovi?

Romamia ha detto...

Se ne può discutere all'infinito ma le macchine in doppia fila non ci DEVONO STARE!!! SONO UN PERICOLO! Ne so qualcosa io che vado in bicicletta. Si rischia la vita di continuo.

Anonimo ha detto...

Che centra ora il calcio o i calciatori? La tua è una precisazione inutile e fuori luogo rispetto al problema messo in luce dall'articolo! Qui si discute sul fatto che la sosta selvaggia viene tollerata indipendentemente se si un poveraccio o un calciatore! Rispetta chi cerca di "fare" un dibattito costruttivo.

Anonimo ha detto...

Bell'analisi! Profonda!

Anonimo ha detto...

Intanto i cialtroni di romani dovrebbero imparare che non si parcheggia MAI in doppia fila e poi tornare a scuola guida perchè ancora non hanno capito come funziona e si impegna una rotatoria, ne vedo tanti, anzi troppi, che non rispettano la precedenza, che se non si è capito c'è l'hanno i mezzi che ne sono all'interno.

Torquemada ha detto...

Vogliamo parlare anche di via Oderisi da Gubbio dove la sosta in terza fila è tanto normale che i cassonetti sono anch'essi collocati in terza fila per consentirne lo svuotamento. Di via E. Jenner, dove, nonostante un mio esposto, le auto continuano a parcheggiare in zona rimozione e le vetture ATAC del 44, quando si incrociano, si incastrano se una delle due non riesce ad accostarsi prima in qualche anfratto? A monteverde potrei continuare con una lunga lista di strade simili ed in cui la Polizia Municipale non si vede mai.

Anonimo ha detto...

@9:46
Verissimo , il 90% dei guidatori non ha idea di come si utilizzi una rotatoria , specialmente se questa è composta da piu corsie .
A piazza Istra l'errore è di avere messo 2 corsie , tanto poi sempre una sola corsia rimane per la circolazione ...

Anonimo ha detto...

Non condivido i toni accusatori di questo blog e dei suoi commentatori. Nessuno conosce la dinamica dell'incidente, parlate quando la saprete.
A parte ciò, la sosta irregolare (che voi definite selvaggia) è un problema a Roma.
ma se tutti facessero le multe come voi sperate, dove si metterebbero tutte le auto circolanti? I posti non ci sono! Sono troppe auto! Dovrebbero uscire da Roma?
Questo problema va risolto. Roma è troppo carente nel trasporto pubblico e nelle strade.
Solo che i politici, invece di progettare una città organizzata, se magnano i soldi destinati alle opere pubbliche, poi magari cercano di tollerare un po' sulla sosta, ti lasciano fare un po' come ti pare così loro non devono preoccuparsi di nulla.
Mi dispiace molto per quel che è successo! Ma non accuso nessuno!

bat21 ha detto...

E' vero Roma non ha abbastanza spazio da garantire parcheggio regolare a tutti quindi bisogna prendere atto che strutturalmente e cosi ed accettare che la propria auto possa non trovarvi posto. Il solaio di casa tua lo caricheresti oltre i canonici 200kg/mq perché hai troppa roba? Non credo affitteresti un box o butteresti la roba in più. Bisogna capire che Roma e' incompatibile con la massa di auto che la popolazione vorrebbe metterci ed una PA e una politica seria farebbe una inflessibile campagna di legalità per evitare il fenomeno osceno della doppia fila.

Anonimo ha detto...

La sosta in doppia fila è pericolosa non solo nelle rotonde ma anche nei rettifili. Costringe le auto in circolazione a cambi di passo improvvisi e non preventivati, a cambi di corsia non regolati.
Inoltre l'attendibilità della già carente segnaletica orizzontale ne risulta del tutto compromessa.
Se si considerano poi l'incuria del manto stradale e quindi la necessità di una guida attenta si può ben capire come il fenomeno non sia da prendere alla leggera.

Anonimo ha detto...

A Piazza Istria tutti i giorni si rischia l'incidente perchè quasi tutti sono convinti che in rotatoria non esistano le corsie: dalla corsia interna infatti escono dalla rotatoria tagliando la strada a chi già impegna la corsia più esterna! Per di più senza neanche segnalare il cambio corsia e l'uscita dalla rotatoria! E pretendono anche ragione... Non so il ragazzo, ma se fosse stato uno dei tanti delinquenti sulle due ruote (ciclisti in primis) che percorrono le linee di mezzeria, sorpassano a destra, guidano contromano, percorrono la corsia d'emergenza, pulizia è stata fatta! E ancora tantissima pulizia dovrà essere fatta.... vedi in tangenziale e sull'olimpica! Selezione naturale...

FILIPPO INVERSI ha detto...

La rotonda (ovale) di Piazza Istria è progettata male di partenza, lo stretto raggio di curvatura rende impossibile ai mezzi di grandi dimensioni di percorrerla rimanendo nella propria corsia sino all'uscita dalla piazza,
Basta osservare il traffico e sino noterà come gli autobus sono costretti ad invadere sempre ambedue le corsie, arrivando addirittura a sfiorare i marciapiedi del giardinetto centrale.
Occorrerebbe richiamare alla propria responsabilità il progettista dell'opera.

hcbdenoantri ha detto...

"E' vero Roma non ha abbastanza spazio da garantire parcheggio regolare a tutti quindi bisogna prendere atto che strutturalmente e cosi ed accettare che la propria auto possa non trovarvi posto. Il solaio di casa tua lo caricheresti oltre i canonici 200kg/mq perché hai troppa roba? Non credo affitteresti un box o butteresti la roba in più. Bisogna capire che Roma e' incompatibile con la massa di auto che la popolazione vorrebbe metterci ed una PA e una politica seria farebbe una inflessibile campagna di legalità per evitare il fenomeno osceno della doppia fila. - See more at: http://www.romafaschifo.com/2015/04/la-morte-del-giovane-scooterista-piazza.html#sthash.uVgXNexJ.dpuf"
Il nocciolo del discorso è tutto lì: la rete viaria non è in grado di accogliere la massa dei veicoli circolanti ( o aspiranti tali).
Dunque è urgente limitare il traffico privato, poiché i costi sociali del traffico stanno diventando insostenibili.
Il problema è che di questa situazione si avvantaggiano tutta una serie di lobbies ( costruttori d'auto, assicuratori, petrolieri ecc.) la cui presa sulla politica è invincibile...
Lasciate ogni speranza!

ShareThis