Video. Qualcosa come dodici ladre (12!!!) appostate in attesa di colpire sulla banchina della metro Colosseo

28 agosto 2014

Sono tutte apparecchiate allo stesso modo: giovani, tutte donne, alcune travestite da turiste (in alcuni casi con tanto di mappa della città in mano, per rassicurare i turisti che poi vengono rapinati), quasi tutte minorenni, molte incinte e tutte con il borsone ampio che nasconde le mani all'opera. Ogni volta che passa un treno loro tentano il colpo che quasi sempre riesce. Le tecniche sono state spiegate da noi, ci sono mille video su YouTube, ne ha parlato la stampa. Solo le forze dell'ordine continuano a sostenere di avere "le mani legate". Solo le forze dell'ordine continuano a sottolineare che le ladruncole hanno più potere di loro. La task force promessa dal Ministro Angelino Alfano? Serve a pizzicare questa gente e a riconsegnarla ai genitori (quando minorenne), ovvero alle stesse persone che indicano loro di andare a rubare. Lo stato si fa prendere per il fondoschiena da questi quattro straccioni, con conseguenze inimmaginabili. 

59 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

E' diventata una piaga a cui bisogna ribellarsi con le buone o le cattive. Ieri ho preso un signore argentino a cui avevano rubato il borsello (faccio il tassista) e non vi dico lo stato di quest'uomo che si stava sentendo male x lui e la moglie che aveva perso nel trambusto del furto. Bisogna dire basta a tutto ciò senza contare sulle forze Dell ordine che sono colluse con tutti i tipi di delinquenza

Anonimo ha detto...

Comunque la stazione è Colosseo e non Cavour

Luna ha detto...

Secondo il mio punto di vista, non possiamo prendercela con le Forze Dell'Ordine. Certo anche tra loro ci sono gli incompetenti, come in tutti i posti di lavoro.

Ma ricordiamo che un appartenente alle forze dell'ordine dedica la sua vita per la nostra sicurezza, portiamo loro rispetto.

Vi faccio questa domanda.

Un poliziotto blocca un ladro o un piccolo spacciatore(rom, immigrato o italiano che sia). Quest'ultimo ha un processo per direttissima.
Il giudice decide di non fargli fare nemmeno un giorno di galera. Quindi lo sbandato ritorna a commettere i suoi soliti reati ai soliti posti, anche se magari deve recarsi una volta al giorno al commissariato per l'obbligo di firma.

Questo giudice che incoraggiamento ha dato al poliziotto che si ritrova di fronte lo stesso deliquente che magari lo sbeffeggia pure?

Per questo secondo me le Forze dell'Ordine dicono di avere "le mani legate".

Senza considerare che se un singolo cittadino blocca un ladro passa i guai per "sequestro di persona" oppure "tentata violenza" se utilizza la forza.

I delinquenti sanno di essere in un certo senso tutelati dalla legge italiana che, invece, è vessatoria verso il cittadino medio ossia colui che paga tasse a go go

Francesco ha detto...

CHE RABBIA CHE SI PROVA!!!!

Vorrei che fossero i magistrati, i legali che li difendono, il personal dei servizi sociali e tutti gli amministratori comunali ad essere I PRIMI ad essere borseggiati, non una volta ma tutte le volte che salgono sui mezzi. Ma, poi riflettendoci, loro NON usano i mezzi pubblici, e quindi NON capiscono la rabbia dei cittadini che primo o poi diverranno tutti razzisti per colpa loro che non fanno il loro dovere a proteggerci da questi sciacalli barbari!!!

Anonimo ha detto...

A me hanno provato a rubare sulla Metro A, con la solita tattica, si attaccano con il borsone e con la mano sotto provano ad infilartela nella tasca. Mi sono accorto subito, e gli ho detto "Non ci provare neanche". Il tizio in modo minaccioso mi ha guardato dicendo..."Altrimenti che fai?"

Sono andato al centro informazioni a Termini, laddove sono scesi i tizi in questione, e quelli dell'Atac si sono messi a ridere dicendo che tanto non potevano fare niente, alla fine non mi hanno neanche derubato...

Comincio purtroppo a pensare che in questo paese l'unico modo sia farsi giustizia da sè, portandosi dietro in manganello e pestare di botte queste persone (vedi anche i parcheggiatori abusivi, un'altra piaga sociale di roma).

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 9 e 42 ha centrato in pieno la situazione. Io non mi spiego se è tutto un complotto per farci esplodere di rabbia e violenza o è solo menefreghismo becero di chi continua a sostenere, dall'alto del suo trono, che Roma sia "problematica ma vivibile". A Parigi e Londra pure sono invasi di zingari e pure lì creano considerevoli problemi, ma c'è da dire che lì, sempre quando non li massacrano di botte e li riconsegnano nei carrelli della spesa, lo stato si accorda per riportarli in romania o comunque li espelle. Insomma pure lì non ne possono più!

Anonimo ha detto...

Io capisco gli sfoghi, veramente. Ma se ci pensate violenza porta solo violenza, non dico che non si meriterebbero due pigne in faccia, ma si instaurerebbe una guerra (in)civile nelle nostre città. Servono leggi ad hoc! Ma qui le leggi esistono solo per gli onesti, per i criminali è il far west delle mani legate

Anonimo ha detto...

Certo che se un terrorista si travestisse da zingaro avrebbe la certezza di mettere quante bombe vuole nella metro di roma senza essere toccato da nessuno. Stato di straccioni che si fa prendere per il culo da altri più straccioni di lui.

Anonimo ha detto...

Tra l'altro, sí, Schengen, tutto bello, i comunitari non si possono espellere, ma a sorpresa il Belgio
http://www.linkiesta.it/espulsione-cittadini-europei-belgio

Anonimo ha detto...

x Luna

L'agente di Pubblica Sicurezza, come tutti i dipendenti dello Stato, non deve affatto preoccuparsi di quello che deciderà il Giudice ma, ed è assai più semplice, applicare la Legge il cui testo recita SEMPRE alla fine "spetta a chiunque di ripettarla e farla ripettare"

Però...il principio della subordinazione valido per tutte le Forze dell'Ordine e per l'Esercito impone anche di eseguire gli ordini dei superiori a meno che non vengano violate le leggi penali ed anche in questo caso si deve dare esecuzione immediata qualore l'ordine sia impartito per iscritto.

Credo che si trovi qui il bandolo della matassa...

Anonimo ha detto...

Proseguo, nel caso non si sappia, che la diffusione extra-corpo di disposizioni e testi interni all'ammininistrazione di PG comporta l'immediato deferimento all'AG civile o militare secondo i casi.

Anonimo ha detto...

Poveracci ma che cosa vi hanno fatto? se non hanno niente con cui campare è ovvio che sono costretti a rubare. Come ha detto a suo tempo l'ex ministro kyenge la colpa in realtà è nostra che non gli diamo abbastanza elemosina!

Loro sono portatori di una cultura diversa, che arricchisce la nostra e per questo vanno rispettati!! Viva lo stato multiculturale!! viva l'uguaglianza tra i popoli!!!

Anonimo ha detto...

Sono l'anonimo delle 10:43.

Allora...io non sono a favore della violenza, ci mancherebbe pure. Ma il problema è che chi fa le leggi non prende i mezzi pubblici, cosa invece che succede regolarmente in altri paesi. Se Marino prendesse la Metro per andare a lavorare vedrai che servizio che avremmo.
Io consiglio ormai di portare dietro lo spray al peperoncino, specie se donna.

Anonimo ha detto...

Espulsione, espulsione, la magica parola per risolvere gran parte dei problemi a Roma ed in Italia. Come gia' doverosamente detto gli altri Stati europei non si fanno problemi ad espellere cittadini italiani anche se non hanno commesso alcun reato e noi ci dobbiamo tenere la feccia del Mondo senno' solleviamo la protesta dei piacioni buonisti, cattocomunisti.

Altro che sequestro dei beni, altro che multe, fate una retata e ficcate bengalesi e senegalesi in un aereo e rimandateli in Patria, chi vende merce contraffatta e' un clandestino e se non lo e' gli va tolto il permesso di soggiorno, ergo chi e' clandestino deve essere espulso, amen....

Lo stesso vale per gli zingari, molti dei quali, ahime', hanno acquisito la cittadinanza italiana..O dobbiamo farcela sotto anche delle reazioni di Romania e Bosnia Erzegovina ?

Anonimo ha detto...

"Secondo il mio punto di vista, non possiamo prendercela con le Forze Dell'Ordine." infatti la colpa dell'assenza di controllo del territorio romano è dell'Associazione fornai di Chieti

Anonimo ha detto...

Come ce la si può prendere con il vigile romano? Chi conosce il tipico vigile romano percepisce la sua indefessa voglia di lavorare, il suo senso del dovere e la sua etica del lavoro (caratteristiche del resto prettamente romane) che farebbero impallidire un soldato prussiano.

Anonimo ha detto...

Solo una cosa... il giudice NON decide di non fargli fare la galera, semplicemente NON PUO' fargli fare la galera perchè questa è la legge...

Anonimo ha detto...

Siete ridicoli tutti pronti al pugno di ferro tipo Gestapo quando vi rubano il portafoglietto , ma quando votate ,votate Marino, le leggi le fanno i politici!!

Anonimo ha detto...

Una sola parola...BRUCIAMOLI!!!

Anonimo ha detto...

In questo blog c'è qualcuno che ha competenza per spiegarci una volta per tutte cosa si può e non si può fare per contrastare la criminalità? è vero o no che stato, polizia, magistratura non hanno poteri? Se qualcuno vuole rispondere vi prego di specificare la vostra competenza, per esempio "avvocato, magistrato, studente di legge..." se appartenente alle forze dell'ordine specificate il corpo d'appartenenza e il grado. Voglio capire se questo blog è utile a qualcosa o se è solo uno sfogatoio più economico dello stadio. Grazie
Dario

Anonimo ha detto...

Ma ancora con questa storia delle mani legate? Possibile che sia SEMPRE COLPA DI QUALCUN ALTRO??
Cioè qui si dice che se questi minorenni rom sono sempre lì sotto (e lo sanno TUTTI che sono lì) a rubare è perchè le leggi lo permettono?
Quindi per un minorenne rubare è lecito? E' legale?
Ma per favore...
Visto che ne parlano tutti, compresi i siti esteri, ma le forze dell'ordine perchè non ci sono lì? Prendi un minorenne e gli fai il processo... il giorno dopo è libero? Processo di nuovo e vedi che il giorno dopo non è più libero... via la patria potestà e minorenne ai servizi sociali.
Ma no, le forze dell'ordine lì non ci vanno proprio, non tentano in nessun modo di arginare il fenomeno, ma non "perchè non possono" ma perchè NON VOGLIONO, c'è una precisa volontà nel non perseguire il fenomeno.
Tutto comincia con le guardie giurate: d'accordo, loro effettivamente non possono fare niente, ma una telefonata per chiamare la polizia? Questa la possono fare o no? La polizia potrà requisire i video di sorveglianza e accertare il fatto? Si o no? Intanto al processo arriviamoci, prima di dire "non possiamo fare niente".
Invece tutti sanno che i rom sono lì, ma nessuno fa niente, evidentemente c'è volontà di non fare niente.
E' possibile richiedere quanti... faccio due conti al volo... 27+25 stazioni della metro di Roma, è possibile utilizzare 100 poliziotti/carabinieri/vigili/soldati dell'esercito (visto che a Stazione Ostiense ci sono e sono nullafacenti) a presidiare le banchine? E' possibile secondo voi?
Se pensate di si allora capirete che non c'è alcuna volontà di risolvere il problema...

Anonimo ha detto...

Anonimo delle 1:57 PM
Soltanto un'osservazione: le banchine delle stazioni della metropolitana di Roma non sono videosorvegliate.

Anonimo ha detto...

Come mai gli zingari fanno il bello ed il cattivo tempo, in queste proporzioni, solo a Roma?

La quantità e qualità di degrado che gli zingari recano a Roma non esiste in nessuna parte del mondo, eppure gli zingari sono presenti ovunque.

Gli zingari a Roma incontrano l'ambiente perfetto per sviluppare, rendendole incredibilmente fiorenti, le loro attività.

Questo perché la principale causa dello stato in cui versa Roma è causata dalla mentalità, dall'ignoranza, dell'inciviltà e dal modus vivendi del rom.ano.

Dall'ideologia che vige a Roma ovvero il fannullonismo.

Chiunque, una volta giunto a Roma, percepisce ed assorbe l'ambiente e diventa un mattoncino dello status quo romano. Per cui dalle forze dell'ordine ai vigilanti, al personale delle stazioni fino al comune cittadino, tutti a Roma ucciderebbero la madre pur di lavorare il meno possibile e di non fare il proprio dovere.

Quello che lavora a Roma è visto come un fesso o nel peggiore dei casi un crumiro, schiavo del sistema che impone di lavorare per guadagnarsi lo stipendio.

Invece noi qui non c'avemo voglia de lavora'. Ce lo dice anche la canzone società dei magnaccioni, inno della città di Roma.

Anonimo ha detto...

Le norme comunitarie contemplano l'istituto dell'allontanamento, anche di cittadini di altri stati membri (in questo caso: ROMANIA) in presenza di casi di minaccia alla sicurezza/ordine pubblico e insufficienza di risorse economiche a disposizione tali da dimostrare il proprio autosostentamento. Gli strumenti CI SONO, ovviamente non c'è la volonta politica di utilizzarli:

Quando Frattini, nel 2007, propose l'espulsione dei romeni giudicati colpevoli di reati commessi in Italia ricevette un mare di critiche e opposizioni che bloccarono la SACROSANTA proposta di allontanare dall'Italia non-italiani che - alla prova dei fatti - dimorano nel nostro territorio nazionale per sfruttare il sistema assistenziale (o, peggio, delinquere). Riprendere quell'iniziativa sarebba già un primo, concreto, modo per fronteggiare il problema.

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Mondo/2007/11/Parlamento-europeo-censura-Frattini.shtml?uuid=3c5c5b72-9391-11dc-9573-00000e251029&DocRulesView=Libero

PS. Date un'occhiata al referendum svizzero sull'espulsione automatica degli stranieri che commettono reati (di qualsiasi genere) all'interno dei confini nazionali.

Anonimo ha detto...

Ladre ‘nomadi’ travestite da turiste assediano Colosseo – VIDEO

Sono tutte zingare, molte delle quali incinte, così da poter aggirare le nostre ridicole leggi, e sono tutte ladre. Appostate in attesa del viaggiatore di turno.


Ogni volta che passa un treno loro tentano il colpo che quasi sempre riesce. Le tecniche sono state spiegate da noi, ci sono mille video su YouTube, ne ha parlato la stampa. Solo le forze dell’ordine continuano a sostenere di avere “le mani legate”. Solo le forze dell’ordine continuano a sottolineare che le ladruncole hanno più potere di loro.


leggetesu www.romafaschifo.com

Anonimo ha detto...

Alla fermata repubblica direzione battistini, le sedie sulla banchina lato coda treno, proprio davanti alla telecamera, sono perennemente occupate da queste persone e l'altro ieri ora di pranzo erano una quindicina!!!!! ed un uomo faceva lo smistamento sui vari treni a tutta voce, quasi come stesse vendendo i broccoli al mercato su un banco di sua proprietà. Le sedie sulla banchina appunto, lato coda treno, proprio davanti alla telecamera. Ed erano una quindicina!!!!! E nessuno fa mai niente!!!! Niente!!!!!

Anonimo ha detto...

Se vi fate un giro a Bucarest non incontrerete un Rom neanche a pagarlo. La realtà è che non li fanno entrare in città, semplicemente.

Anonimo ha detto...

Quello che dici non mi risulta affatto: le leggi prevedono l' una discrezionalità e quindi i giudici SCELGONO come applicare la legge. Per esempio, SI SCEGLIE DI RIAFFIDARE I LADRI MINORENNI AI GENITORI CHE LI MANDANO A RUBARE MA POTREBBERO DARLI IN AFFIDAMENTO AD UNA CASA FAMIGLIA ED ALLONTANARLI DALLA FAMIGLIA CHE LI HA TRASFORMATI IN LADRI E RIPETO SI SCEGLIE. QUANTI BAMBINI ROM IN ETÀ SCOLASTICA VENGONO UTILIZZATI PER MENDICARE E SU SCEGLIE DI NON SEPARARLI DAI GENITORI? E questi sono solo due esempi di come la legge venga applicata dallo stato (dall'agente della municipale al giudice) in maniera RAZZISTA E RAZZIALE: LE STESSE AZIONI HANNO CONSEGUENZE DIVERSE SE SEI ITALIANO O NON ITALIANO, e questa è una si quelle cose che genera razzismo indotto.
Ormai in questa condizione allucinante c'è chi è convinto che il furto sia divenuto legale.... NON È COSÌ PER TUTTI: IL DIRITTO AL FURTO VALE SOLO PER I ROM, che poi mica sono ladri, sono cacciatori (e raccoglitori),e la loro cultura va rispettata!

Anonimo ha detto...

Le Forze dell'Ordine, se volessero, avrebbero modo di stroncare o, almeno, limitare fortemente il fenomeno senza violenze e senza violare alcuna norma. I borseggiatori sono quasi tutti volti noti, li riconoscono persino molti privati cittadini: basta il classico: "Favorisca i documenti" e "Dobbiamo fare un controllo, ci segua"; si fanno accomodare i soggetti in un commissariato o una caserma e, si sa, spesso gli accertamenti richiedono tempo (il limite di trattenimento previsto per un'identificazione può andare dalle 12 alle 24 ore). Ovvio che in ogni fase degli accertamenti può accadere che i soggetti da identificare commettano un reato (per esempio resistenza, minacce o aggressioni ai pubblici ufficiali) e allora le faccende rischierebbero di andare ancora più per le lunghe... E questo potrebbe accadere ogni volta che certi soggetti fossero sorpresi in atteggiamenti "sospetti" in determinati luoghi, come la metro o posti frequentati da turisti. E non si dica che "non si può fare", perché quando vogliono i tutori dell'ordine possono eccome!

Anonimo ha detto...

Anonimo 15.56, magari quello che dici è anche vero, ma se quei ragazzini rom sono sempre lì, manco ci arrivano ai processi, il giudice manco ha la facoltà di scegliere cosa fare del caso, perchè tanto le guardie giurate "c'avemo le mani legate, nun je potemo fa niente, menateje voi che è meglio", i vigili "io devo stare a dirigere il traffico anche se c'è il semaforo" ("ma come, guardi c'è una macchina in doppia fila proprio lì" "eh non è mia competenza"... scusate la parentesi, ma non ce l'ho fatta a resistere), l'esercito "eh no, devo stare al cellulare nella camionetta davanti alle stazioni", il sindaco "non è vero che a Roma ti borseggiano, a Londra è peggio, e non chiamateli rom, ma sinti".

Facciamo comunque attenzione, la mia indignazione non deriva dal fatto che siano rom, possono essere rom, milanesi, napoletani o 100% romani, ma sono sempre ladri e come tali vanno trattati.
Probabilmente la florida malavita a Roma, durante la spartizione, ha deciso che la zona Metro è dei rom, altre zone saranno in mano a qualcun altro.

Anonimo ha detto...

Le forze dell'ordine, purtroppo, non sono più soggette alla legge (che imporrebbe loro di agire! Altro che mani legate!!!), bensì all'autorità politica, che, per varie ragioni ....forse un business???? :))) , impone loro di non fare nulla!
E certo! Mica i politici vanno in giro in metropolitana come la gente comune!! I politici hanno autista personale e tanto di guardie private!
Povera Italia!
Povera Roma!
Oramai siamo in un punto di non ritorno. Occorre andarsene dall'Italia, un paese divenuto schifoso a causa di politici incompetenti ed affaristi.

Anonimo ha detto...

Il vero errore è stato far entrare la ROMANIA in Europa.

Anonimo ha detto...

Il vero errore è stato quello di accollarsi tutte le nazioni al di là della cortina di ferro (Stettino e Trieste). Ridateci le frontiere e la vecchia pratica delle espulsioni

Anonimo ha detto...

Quindi è colpa delle guardie se arrestando i soliti noti, che so, magari per furto, e hanno una trentina di precedenti specifici, e non di chi ne decreta la permanenza in Italia, al di fori delle carceri... Quindi la condanna al processo la decide il militare dell' esercito insieme col poliziotto.... Mi pari un po' confuso.
Circa la provenienza. Per un genitore italiano basta molto meno per perdere la parti potestà, se un bambino di 12\13 anni viene sorpreso a rubare, più volte, chi gli riaffiderebbe i figli? Se trovano dei bambini che invece di andare a scuola suonano la fisarmonica nella metro, e la legge lo vieta, chi decide che loro possono? Le guardie giurate? Il giudice di forum? La giuria di X factor? Il televoto?

Anonimo ha detto...

se un italiano permettesse al figlio di borseggiare , perderebbe la patria potesta'.

sti pezzenti , razzisti e mafiosi con l'hobby di mandare in coma la gente dei rom , no.

hai detto bene , lo stato italiano si fa prendere per il culo da questi cialtroni.

anche a milano e' uguale.

cenzino

Anonimo ha detto...

Agli italiani viene tolta la patria potestà anche solo per sospetti di maltrattamenti o per incapacità spesso accertata solo da qualche assistente sociale da strapazzo di assicurare una vita serena o dignitosa a un bambino. Perfino i litigi tra genitori possono essere considerati motivo di allontanamento.
E mi volete dire che non ci sarebbero leggi su leggi che consentirebbero a polizia, carabinieri e giudici di togliere praticamente TUTTI i minori rom alla patria potestà dei genitori allintanandoli per sempre dai campi e trattenendoli in strutture ad hoc fino alla maggiore età? ????
Ma non diciamo assurdità, la verità è che non c'è la volontà di farlo e scientemente si VIOLA la legge lasciando che questa non valga solo per i rom.
Ciascuni di voi si chieda per quale motivo i rom sono al di sopra della legge che vale per ogni altro cittadino italiano o immigrato regolare e si dia una risposta.
Piccolo aiutino: pensate alla miriade di associazioni che ricevono soldi pubblici per "assistere" i rom nei campi, agli interessi di tutte le migliaia di persone impiegate come parassiti in questo business con ampie connessioni con l'assistenzialismo cattolico...

Anonimo ha detto...

Indubbiamente bisogna battere molto forte questo tasto: se si porta un minore a mendicare seduta stante si toglie la patria potestà. Tutti in casa famiglia per una vera ri-educazione ed una vera integrazuone. Ed i genitori? RAUS!!!!

Anonimo ha detto...

quoto l'anonimo delle 7,49pm

cenzino

Anonimo ha detto...

Ma perché i CasaBaubau ed i Cessi Sociali invece di menarsi inutilmente tra di loro non si alleano per pistare di botte chi veramente lo merita?

Anonimo ha detto...

Questo articolo ci fa capire che il nostro paese non e' un paese normale.

Anonimo ha detto...

10:36 PM
C'è una precisa categoria di persone che viene quotidianamente odiata da tutti, che tu sia del PD o del PDL, mancino o destro, alto o basso, biondo o moro. Ti lascio indovinare quale essa sia.

Anonimo ha detto...

Lo so lo so: GLI ITALIANI! E aggiungerei, che tu sia ladro o poliziotto, che tu sia un sanitario o un amministrativo comunale, un conducente di ATAC o un operatore dell' ama, un dipendente dell' ass. 21 luglio indi tutte le altre Onlus antiitaliane. BRAVO, HAI CENTRATO IL PROBLEMA!

Anonimo ha detto...

BASTA PRENDERE ESEMPIO DA ALTRE NAZIONI EUROPEE "PIU' EVOLUTE" DOVE, IN PARTICOLARE, PER GLI STESSI COMUNITARI, SE NON DIMOSTRI DI AVERE LE RISORSE ECONOMICHE NECESSARIE PER ALMENO 3 MESI, PER NON PESARE SULLA SOCIETA', IN 24 ORE DEVI FAR LA VALIGIA E PRESENTARTI ALL'IMBARCO. Per gli extracomunitari vale l'esempio della Svizzera. Se ti trovano senza documenti ti pongono due alternative: la galera o dichiari di essere arrivato dall'Italia. Dopodichè sono nuovamente a casa, si fa per dire, nostra.

Anonimo ha detto...

prendetele a pizze

Anonimo ha detto...

A voler osservare la legge, un rappresentante delle FFdO (in genere) non può vietare a quelle ladre di sostare all'interno delle varie stazioni o farle sloggiare.
Ma al pari, nulla vieterebbe a alle FFdO di starle accanto braccio a braccio (ti conosco, ti osservo. se allunghi un braccio ti secco).
Credo che già semplicemente questo darebbe un freno al fenomeno.
Dovrebbero solo farsi vedere e stargli accanto, certo, non tutte possono essere presidiate, ma è già qualcosa....

Anonimo ha detto...

Anonimo 10.04... è proprio questo il punto.
Tutti sanno cosa succede in metro, eppure non si fa niente.
100 persone, basterebbero a ridurre fortemente il fenomeno, 100 rappresentanti delle forze dell'ordine (e non mi dite che non ci sono, durante le partite di calcio sono molte di più quelle utilizzati).
Non ci inventiamo che hanno le mani legate, le mani legate le ha chi decide, le ha legate perchè è corrotto, è complice. Da Alemanno a Marino...

PS Le banchine SONO videosorvegliate, quelli nel gabbiotto hanno gli schermi con immagini dalle banchine...

un incazzato ha detto...

Concordo con l'anonimo 28 agosto delle 2.12.
Gli strumenti per arginare il problema ci sarebbero, come in tutti gli altri paesi europei, ma evidentemente alle Istituzioni non interessa proteggere i propri cittadini che pagano le tasse.
Allora quando i cittadini faranno valere i propri diritti?

gabri ha detto...

Io penso che il problema sia a monte.alla testa del nostro paese.votiamo persone sbagliate ed arcinote a tutti i livelli,alle nazionale regionali ecc...i metodi stalinisti o fascisti non servono,all'estero è semplice tutela del cittadino.Londra e Parigi sono città molto più multietniche di Roma e Milano,ma la lavorano,e cercano di farlo il meglio possibile,altrimenti chi di dovere va a casa...altro che poltrone.li sn tutti in bilico su degli sgabelli....

Anonimo ha detto...

Vivo a Roma da qualche mese e non vedo l'ora di csmbiare aria questa gente purtroppo ci sta cacciando fuori e le forze dell'ordine non hanno uno strumento adeguato per contrastare questo fenomeno se le leggi non diventano piu severe contro questi fenomeni possiamo dire addio a quel poco di turismo che abbiamo.

Anonimo ha detto...

Sembriamo un disco rotto! Ma che aspettiamo? Ormai iniziamo ad essere tanti. E diciamo sempre, dovunque e comunque le stesse cose: chiediamo una cosa sola: rispetto delle regole che a Roma non esistono più! Passando alle questioni burocratiche, perché non ci rechiamo da un notaio, depositiamo il nome del nuovo movimento (Roma Fa Schifo) insieme al suo obiettivo politico e ad un logo personale. Per fare ciò basta essere in tre (e noi siamo molti, molti, molti, ma molti di più), per rappresentare le cariche istituzionali previste dalle legge italiana: quelle di Presidente, Segretario Politico e Tesoriere. Poi si apre una partita IVA e si chiede l'iscrizione alla Prefettura, indispensabile se si vuole partecipare alle elezioni. Tutto ciò affinché le nostre PAROLE possano assumere VALORE trasformandosi in FATTI! Dimenticavo leggiti la TEORIA DELLE FINESTRE ROTTE!

Anonimo ha detto...

che le forze dell'ordine carabinieri, poliziotti, finanzieri, vigili non abbiano gli strumenti non ci credo, quando vogliono li mettono in pratica. Che tanti sia in comodi uffici anzichè nelle strade è altrettanto vero. Che ci siano sprechi e pattuglie prive di coordinamento è arcinoto. Si dovrebbero unificare le polizie, una unica a livello nazionale e locale. Una proposta sensata nasce dai vigili urbani che, almeno in parte, a gran voce chiedono l'abolizione della loro figuara. Non ci credete? fate una visita al sito mobilitazionepolizialocale, ma anche in quello unasolapolizia, c'è gia una proposta di legge.

Anonimo ha detto...

Leggete anche le pagine del messaggero edizione Lazio o Umbria. Ormai e' guerriglia urbana criminale silente e strisciante. E una parte non vuole / non può, combatterla. Solo una soluzione mix che preveda: legislazione d'emergenza come negli anni 70/80 contro il terrorismo, carcere duro, espulsioni di massa, cambiare il concetto di legittima difesa in relazione a queste nuove dinamiche criminali, lavoro coatto, tutela della proprietà pubblica e politiche sociali serie per chi e' in difficolta' e voglia farsi aiutare dimostrando di applicarsi con onesta'. Dimenticavo il punto di partenza: via subito l'attuale classe dirigente a tutti i livelli.

Anonimo ha detto...

Sono anni che fermo queste delinquenti, è una vergogna. Ogni giorno passo per la stazione Colosseo e le vedo pronte per il prossimo borseggio intanto la Polizia ed i Carabinieri non fanno nulla perché dicono che tanto poi escono dopo neanche un giorno, altro che Roma fa schifo il sistema Italia fa schifo, cambiate la legge e buttatele 5 anni in galera a lavori forzati.

Anonimo ha detto...

Non far nulla perchè poi escono poco dopo è la risposta tipica di chi non vuole fare. La risposta seria è fare il proprio dovere, se anche escono il giorno dopo almeno per un giorno sono state allontanate e qualche cittadino non ha subito un altro furto. So che sono parole al vento. Prefetto, questore e comandanti vari, compreso il sindaco è ora di conquistare i lauti stipendi.

Anonimo ha detto...

Ogni giorno centinaia di carabinieri, poliziotti e finanzieri viaggiano sui mezzi pubblici per recarsi in ufficio. Essi non pagano perché una legge regionale gli consente di viaggiare gratis. Diversamente i precari, gli studenti e gli altri lavoratori pagano il biglietto. Gli appartenenti alle forze di polizia che hanno un reddito fisso e contratto a tempo indeterminato invece viaggiano gratis!
Allora cambiate la legge regionale nel senso che carabinieri, poliziotti e finanzieri possono viaggiare gratis sui mezzi pubblici solo se sono in uniforme. Si avrebbe un immediato effetto di deterrenza sui ladri e borseggiatori che scorazzano indisturbati perché essendo in divisa i tutori dell'ordine sarebbero costretti ad intervenire immediatamente e non potrebbero più girare la faccia dall'altra parte facendo finta di niente di fronte a borseggiatori e molestatori!

Anonimo ha detto...

Ci sono troppi privilegiati che non sanno di essere tali. Partendo dal basso mi riferisco a poliziotti, insegnanti e impiegati statali vari che percepiscono un buon stipendio ed hanno un posto sicuro. Rimango sbigottito quando sento che non hanno uno stipendio europeo ignorando che la maggior parte degli italiani, quei pochi che hanno il posto hanno stipendi sempre più africani.
E' ora di lavorare, chi compie dei reati deve essere fermato. Se non si ha voglia di farlo, per cortesia, cambiate lavoro.

Anonimo ha detto...

Le forze dell'ordine hanno gli strumenti per agire!!! Ma viene loro imposto dall'alto di non agire!!! Perchè, probabilmente, esiste un business, sulle spalle degli italiani onesti!!! che non bisogna fermare, ma al contrario continuare ad alimentare!!

Anonimo ha detto...

Ma in Italia esiste l'obbligo dell'istruzione per TUTTI i minori????!!?.............Eppure basta farsi un giro in metro durante la mattinata che si incontrano decine e decine di piccoli zingarelli che chiedono l'elemosina!!!! Dove sono le istituzioni??? Non assolvono al compito che IMPONE loro la legge!! L'Italia, e Roma, fa schifo!

Anonimo ha detto...

Cosa accadrebbe se quel minore fosse un italiano. I genitori porterebbero la potestà e passerebbero molti guai (giustamente). In Italia esiste il razzismo. Il razzismo al contrario. I cittadini onesti tartassati x mantenere i corrotti e gli immigrati. Processo di sostituzione della razza. Piano kalergi (cercare in rete).

ShareThis