La finta strisciata e via. La nuova truffa-incidente che gira per Roma. Chiamate sempre i vigili, anzi sarebbe meglio la polizia

26 ottobre 2013
Sono incappato in una raffinatissima truffa di incidente d'auto. La precedente esperienza che ho avuto con la truffa dello specchietto (quella volta non mi feci fregare) non mi è servita a nulla. Camminando con l'auto, ad un certo punto per esigenze personali mi sono accostato in doppia fila. Facendo ciò, per non dare eccessivamente fastidio agli altri automobilisti, mi sono proprio accostato a pochi centimetri sul mio lato destro alle auto in sosta. Mentre cercavo delle cose nell'abitacolo, vedo arrivare da davanti a me un ragazzo con la evidente espressione di chi vuole chiederti qualcosa. Egli si apprestava ad avvicinarmi sul lato destro dell'auto che era appiccicatissimo alla macchina cui mi ero affiancato...
Penso: "non ci passerà mai", il tipo invece ci passa, si affianca al finestrino, mi chiede di parlarmi ma non mi da il tempo di abbassare il vetro perché fa subito il giro per venire dal lato guidatore.
Mi dice di aver preso una botta da me con la sua auto nella strada adiacente da me prima percorsa e di avermi dovuto inseguire. Io subito penso: "si vabbè mi stai a coglionà". Lui mi dice di venire a vedere i danni sulla mia auto: effettivamente sul lato destro c'era una strisciata come di quelle che a volte mi accadono quando non sto attento in garage alle colonne di cemento armato. Penso per un attimo a come io possa aver fatto quel danno senza aver preso anche il mio specchio retrovisore... Tuttavia la strisciata ci stava e quindi a mio avviso la colpa era mia (evidente che invece la strisciata venne fatta quando il tipo andò di là per un attimo salvo poi venire dalla mia parte a parlarmi).
Affermo subito la mia volontà di fare il CID, tuttavia non avendo con me il modulo chiedo al ragazzo se l'avesse lui. Mi risponde di no, allora gli dico di andarlo a prendere alla mia agenzia assicurativa. Lui dopo avermi detto di si, mi chiede dove essa sia, e dopo avergli comunicato la località, mi dice che è troppo lontana perché lui ha un appuntamento. Io replico che soltanto così potrà avere il risarcimento, lui allora chiede alla persona in auto con lui di chiamare i vigili perché magari avremmo fatto prima.
Il suo compagno dice che i vigili gli avevano detto che non sarebbero arrivati prima di 40 minuti (accade sempre così), il ragazzo ha iniziato a farmi notare che se avessi fatto il CID mi sarebbero aumentate due classi assicurative e che non mi sarebbe convenuto.
Comincia ad affermare, inoltre, di essere un carrozziere e che quindi avrebbe preso allo sfascio il pezzo di ricambio e l'avrebbe riverniciato lui. Tuttavia la cifra da lui proposta anche se di limitata entità mi sembrava eccessiva, nel senso che avrei fatto prima a farmi aumentare il premio assicurativo pur di non dover mettere i soldi in anticipo di persona. Il ragazzo mi dice di contribuire insieme, mi abbassa la cifra e poi lui avrebbe pensato a pagare la vernice. Il prezzo era veramente conveniente e così accetto. Lui mi chiede come possiamo fare per il pagamento, perché dice di essere di una città fuori Roma. Morale, alla fine vado a prelevare questi soldi e glieli do.
La storia finisce qui, ognuno riparte per la sua strada. Però io sento che c'è qualcosa che non va, i modi gentilissimi e pacati (uao finalmente in questa Roma), (il ragazzo assomigliava pure vagamente ad un mio amico quindi nell'inconscio mi infondava più sicurezza) di uno che sembrava proprio un ragazzo di buona famiglia... Però io sono una persona estremamente attenta alla guida, poi son puntiglioso nell'osservare i dettagli (mia madre mi chiama Furio per prendermi per i fondelli), quindi anche se a volte come ogni persona capita il momento di distrazione, mi pareva impossibile che avessi potuto urtare un'altra auto senza accorgermene... Tuttavia la strisciata c'era eccome, sembrava anche realistica, proprio all'attaccatura nel punto dove cambia la sagoma del paraurti sul lato destro dell'auto... Guardo e riguardo la strisciata 2-3 volte, ma mi sembra tutto regolare...
La sera quando torno a casa la cosa mi fa ancora pensare, così decido di fare una rapida ricerca su internet con le parole chiave "truffa strisciata". Fra i link che trovo, alcuni dei più utili sono questo e questo.
In essi vi sono proprio gli elementi che mi hanno portato a pensare di essere stato truffato: i modi gentili, il fatto di presentarsi come carrozziere, e compagnia bella. Dopo cena son tornato a vedere la strisciata e guardandola meglio era irregolare, come quando con la penna cerchi di fare una linea retta ma non ci riesci...

Siccome molte persone si sono salvate dalla truffa dello specchietto grazie all'informazione, con questa segnalazione spero di contribuire a diffondere notizie sulle nuove truffe che aleggiano fra gli automobilisti.

164 commenti | dì la tua:

Alessandro ha detto...

Categoricamente: solo CID o vigili. Ed ecco che queste truffe saltano.

Anonimo ha detto...

Tu scrivi che il tizio aveva la faccia da bravo ragazzo, anche con me ci provarono ma il tizio nonastante tentasse di parlare in maniera forbita era chiaramente uno zingaro e non ci sono cascato, mi chiese 200 euro ma io gli dissi di richiamarmi per fare il cid poiche' non avevo soldi con me (era vero..), dopo un po' il tizio se ne ando'... pero' il figlio di puttana mi rigo' l'auto.


In che dialetto parlava ?

Andrea Rossi

Anonimo ha detto...

un paio di anni fa è capitato anche a me sulla cristoforo colombo, altezza Regione Lazio. stessa dinamica, ma tizio troppo sospetto e rigata sulla fiancata troppo incompatibile col presunto "incidente".
dopo un attimo di smarrimento, mi sono reso conto della sòla in agguato e sono stato fermo nel proporre di chiamare i vigili.
il tizio ha capito che non sganciavo una lira e se n'è andato, visto che "non aveva tempo da perdere".
l'unica soluzione è non pagare e proporre CID/vigili. vedrete che i maledetti se ne vanno.
purtroppo, la strisciata rimane..

Livia ha detto...

Ho una gran paura che accada a me perché non sento quindi non posso telefonare a nessuno. Voi cosa mi consigliereste di fare in alternativa? Chiedere a LORO di chiamare i vigili sarebbe un harakiri...

Anonimo ha detto...

raffinatisisma non mi sembra proprio...! Certo che c'erano cose che non ti tornavano, dai dei soldi ad uno che dice che gli hai fatto un danno senza che te ne eri accorto e la tua auto non aveva nulla...!

Federico ha detto...

Mi è capitato qualche mese fa su Via delle Vigne Nuove nel punto in cui sovrappassa i Viadotti dei Presidenti...quando gli ho risposto che la polizia stava a mezzo kilometro e che gli conveniva cambiare zona (Via Franco Enriquez), mi hanno ringraziato e sono andati via...

Fabiola ha detto...

...adesso è tutto chiaro!!!
Stazione metro Magliana, accompagno il mio ragazzo alla metro, vedo accostato sulla destra un tipo con lo scooter, controllo che non si immetta all' improvviso. Giro verso il cavalcavia, sotto lo Sheraton, il tipo mi si avvicina quando rallento per girare, mi dice che l'ho preso. Io non ho sentito nessun rumore ma mi accosto, mentre mi scrivo il numero di targo...La cosa mi puzzava già. Il tipo mi dice che l' ho preso, mi fa vedere la strisciata sulla mia macchina (solo ora capisco che effettivametne era compatibile con un foglio di carta vetrata). Io guardo lo scooter, nel punto in cui mi dice di averlo rpeso, gli dico che lo scooter è troppo alto per prendere il parafanghi anteriore della mia panda. Lui dice che deve andare all' ospedale da un amico (ma che c'entra???), che non è di Roma, e che il giorno dopo deve vendere lo scooter, quindi se gli dò 50 euro si compra la vernice da solo e se lo sistema, che altrimenti dobbiamo chiamare i vigili. Io strabuzzo gli occhi (non gli avrei dato una lira nemmeno sotto tortura), gli dico che 50 euro non li ho, lui dice che ne bastano pure 30... Io dico, va bene chiamiamo i vigili! Lui, che non si è mai tolto il casco, e che non è mai sceso dallo scooter (come se dovesse scappare da un momento all' altro), dice che non fa niente, dà gas e va via...Io però mi prendo la targa!!! Ragazzi, oramai non si sta più tranquilli...Pensava di aver trovato la ragazzetta...sola...stazione Magliana...Anche se la macchina me la sono tenuta rigata, è una soddisfazione averlo fatto scappare!

Nic ha detto...

è successa la stessa cosa a due mie parenti, di una certa età (se scoprono che scrivo così mi uccidono.... ), in zona Batteria Nomentana/Viale Eritrea.

Nel primo caso erano in 3, con facce poco raccomandabili, che sono partiti chiedendo 200€, con la solita scusa che uno era meccanico/carrozziere e avrebbe potuto risolvere lui il problema.
Visto che erano in 3, la mia parente ha prima detto che 200€ non li aveva e allora questi mascalzoni sono scesi con le pretese e alla fine hanno preso 90€.

Nel secondo caso, stessa dinamica ma era uno solo con la faccia da "bravo ragazzo". Alle sue richieste iniziali di soldi per risolvere la questione amichevolmente, la mia parente ha avuto un colpo di genio: gli ha detto che non c'era problema per i soldi ma che chiamava il marito che era avvocato e si occupa proprio di perizie di incidenti (cosa ovviamente non vera): il tempo di prendere il cellulare e far finta di chiamare e il ragazzo è scappato di corsa con il motorino!

Caterpillar ha detto...

Livia, non saprei, così su due piedi mi viene di dirti: non scendere dall'auto e se ti seguono guida dritto fino a una stazione polizia/carabinieri dopodichè scendi lasciando la macchina in mezzo alla strada, entri nella stazione attirando l'attenzione delle forze dell'ordine.

Comunque prendete la targa e denunciateli, tanto le FdO aprono un fascicolo d'indagine e poi ci pensano loro.

Anonimo ha detto...

livia nessuno può aiutarti. E come dire che un cieco chiede consiglio ad un vedente.....e che può dirgli ?
Comunque ritengo che se convivi con questo handicap avrai fatto il callo ai problemi ed inoltre come puoi vedere vengono truffati anche i normodotati .

Anonimo ha detto...

scusate, ma non conviene dire subito che si chiama un parente vigile (cosa ovviamente non vera), o carabiniere o avvocato e far sbrigare tutto a lui? (parlo per le ragazze a cui capita e che sono sole in quel momento..)

io farei così...
se sento odore di truffa (e sinceramente quando tocchi con la tua macchina qualcosa ...lo senti!!) prendo subito il telefono e dico: "guardi chiamo subito mio marito/padre/fratello che è vigile/avvocato/assicuratore.."
Bea

Fabrizio Vienna ha detto...

Livia,
Stavo riflettendo su un ipotetico caso in cui tu fossi coinvolta. Stavo considerando se questo potesse essere considerato uno svantaggio oppure un vantaggio. In quanto potresti dire al tizio (se é da solo) che non senti e conseguentemente devi per forza coinvolgere le forze dell'ordine.
se piu' di un tizio ti si avvicina non aprire portiere e finestrini e tira avanti. Se ti si piazzano davanti attaccati al clacson a manetta per attirare l'attenzione.

magnolia75 ha detto...

Ciao!
Ieri mi è capitata la stesa cosa descritta da Massimiliano, in zona EUR, viale dell'Oceano Atlantico.Stessa dinamica, stessi modi gentili, stessa fretta di andare ad un'appuntamento.
Solo che io ho insistito per fare le cose in regola e compilare il CID,non avevo soldi con me e il tizio si è dileguato in fretta.
Ho provato ad andare alla Polizia ma non ho potuto sporgere denuncia, non essendoci stata l'estorsione di denaro (per mia fortuna!)
Mi hanno comunque consigliato, in casi simili, di chiudersi in macchina e chiamare il 113; non dare mai soldi contanti.
Spero di poter essere utile a qualcuno!

Anonimo ha detto...

E' successo anche a me oggi.Zona Montagnola. Stesse dinamiche, stessa faccia da bravo ragazzo e un aspetto distinto. Penso che mi seguisse da un po'. Ad un certo punto mi ha superato con la sua MEGANE GRIGIA e si accostato poco avanti. Appena passo accanto alla sua macchina sento un gran botto. Li per li ho pensato avesse aperto lo sportello. Ma adesso penso che abbia tirato un sasso o qualcosa di simile. Quando mi sono fermata ha insistito per non fare il CID e non aveva nemmeno il tempo di aspettare i miei genitori che abitano a 5 min. Alla fin siamo stati mezz'ora a cercare un bancomat. Alla fine ho sborsato i soldi. Non riuscivo ad uscire da questa situazione.

Anonimo ha detto...

Sono l'autore del post

Denunciateli! Io sono andato alla Polizia con il numero di targa loro. Dopo vari mesi il commissariato mi ha chiamato ed ho fatto un riconoscimento in foto dei truffatori. Ora subiranno un processo!
DENUNCIATE! Non vi costa nulla, vi sentirete meglio e farete in modo di prevenire altre truffe!

Anonimo ha detto...

Metto qualche altra parola chiave così magari Google ci indicizza meglio

truffa falso incidente
truffa specchietto
truffa automobile
truffa incidente
truffa strisciata


Nuovamente: denunciate, non fatevi prendere dal "ma tanto non gli fanno nulla" perchè non è vero manco per niente

Occhi aperti! ha detto...

AVVISO:
soprattutto per i residenti di Roma ovest. La banda degli zingari napoletani della truffa dello specchietto è tornata in azione.
Il 1° maggio passavo con la macchina su Via Mattia Battistini, angolo Stazione Metro.
Solita tecnica che ormai conosco benissimo..motorino che aspetta dopo il semaforo..appena gli passi accanto cominciano a seguirti e tirano un sassolino sulla tua macchina poi si avvicinano e..MA STAVOLTA GLI E' ANDATA MOLTO, MOLTO MALE. Li ho riconosciuti dalla faccia. Sembrano fatti in serie. Ho inchiodato e sono sceso dalla macchina senza lasciargli il tempo di cominciare con la loro squallida recita dicendogli"scommetto che ti ho rotto lo specchietto e vuoi 50 € così non mi aumentano l'assicurazione.." ero incazzato nero e pronto a tutto, gli ho preso la targa e davanti alle loro facce di cazzo ho chiamato il 113 a cui ho segnalato ciò che stava avvenendo..purtroppo la targa credo fosse falsa, in ogni caso questi pezzi di merda sono scappati..SPARGETE LA VOCE: OCCHIO SU VIA MATTIA BATTISTINI-VIA DI BOCCEA- VIA PINETA SACCHETTI.
Le merde si appostano dopo i semafori e li riconoscete perchè vanno sempre in 2 a velocità ridotta.

Anonimo ha detto...

Nuova variante col sangue finto e ferite pregresse mantenute aperte!
http://www.repubblica.it/motori/attualita/2012/05/22/news/motori_truffa_specchietto-35638485/?ref=HREC2-10

Anonimo ha detto...

Vedo che il penultimo commento é molto recente e confermo per quanto riguarda la zona Pineta Sacchetti/Mattia Battistini. Mi é successo ieri pomeriggio ma, essendo ormai la sesta volta in tutta la mia vita, non ci casco più. Era una vespa bianca, modello nuovo, guidata da un ragazzo con una ragazza dietro. Sono sicuro che sono gli stessi che ci hanno provato nella stessa zona anche con mio padre qualche tempo fa...

RondoneR ha detto...

Confermo la variante col sangue, piuttosto ridicola:
http://www.06blog.it/post/14271/truffa-dello-specchietto-cronaca-dellultima-versione

la truffa della strusciata
http://www.06blog.it/post/12117/la-truffa-della-strisciata-sulla-fiancata

e quella più pericolosa del mazzo di chiavi
http://www.06blog.it/post/12499/la-truffa-delle-chiavi

martina ha detto...

Oh, ma ditelo alle Iene!!! Qualcuno a cui è successo e se la sente, lo scrivesse alle Iene...

Anonimo ha detto...

evvai ci hanno provato con me a san lorenzo ma non gli è andata bene. Solita roba con il sasso.
Occhi aperti!

Anonimo ha detto...

Se avete uno smartphone mettetevi il registratore vocale sul desktop, può servire per segnarsi al volo la targa del truffatore

Anonimo ha detto...

http://www.romatoday.it/cronaca/truffa-del-cellulare-rotto.html

Via Mattia Battistini ha detto...

Per quanto riguarda i pezzi di merda di Via battistini il municipio e i vigili sanno benissimo da dove vengono: fanno parte di una nota famiglia di zingari nostrani di origine campana attualmente accampati con roulotte in Via di Valcannuta e sembra che abbiano anche occupato un residence semi-abbandonato.
Confermo: vanno sempre in giro in due, con la donna pronta a recitare ridicole pantomime "non ci dai i soldi..devo comprare i libri di scuola..(ma vatti a impiccare!!)" NON FATEVI INTIMIDIRE E GIRATE SEMPRE COL CELL. ACCESO: fotografateli o fotografate la targa, anche se credo che rubino i motorini o gli applichino targhe false.
Poco tempo fa ne hanno arrestati 2.
Ma dopo un pò riescono e ricominciano. La cosa migliore sarebbe che qualcuno gli spaccasse la faccia pesantemente..ma i pezzi di merda scelgono sempre donne sole o persone anziane. MORITE BASTARDI!

Anonimo ha detto...

Questo invece è un filmato su quelli che provano a farsi tamponare!
http://youtu.be/mmZkDMXxqo0

Anonimo ha detto...

E' appena successo anche a me ed erano in due: un ragazzo tutto tatuato arrogante e aggressivo e una donna che diceva di essere in cinta (e poi ha detto di essere una poliziotta, quando ho detto che collaboravo coi carabinieri).
A via prenestina altezza piazzale Prenestino una mercedes classe A di colore blu scuro targata BK183YD mi ha fatto "il trucco della strusciata": mi ha strusciato la macchina dopo che mi sono fermato, ovviamente col trucco del botto stile pallina da tennis lanciata sulla portiera.

Male intenzionati e pericolosi, Romani (sicuramente lui). Non ho fatto le foto col cellulare perchè sicuramente mi mettevano le mani addosso

Mike ha detto...

1. E' successo anche a me, proprio a via Battistini, ma con protagonista e dinamica diversa.
Mi sento anche un po' tonto per non aver agito diversamente, visto che avevo capito della truffa pochi minuti dopo, ma la fretta della partenza non m' ha fatto ragionare come poi ci son riuscito dopo.

Nel mio caso si tratta di un motorino Piaggio, un 125, guidato da un ragazzo moro coi capelli gelatinati (che tanto vanno di moda), carnagione scura. alto 175-180.
Indossava pantaloni corti e occhiali neri.
Percorrevo la Battistini, quando ad un certo punto vedo sorpassarmi da sinistra un motorino. Questo, poi, va piano, a ritmi sempre più blandi, arriva persino a serpeggiare, innervosendomi non poco perché sembrava come se dovesse cercare un civico. Poi si accosta come se si dovesse fermare. Allora lì, per proseguire, non puoi fare altro che superarlo. Nel sorpasso sento una botta. Conoscendo bene il codice della Strada, ero sicuro di essermi mantenuto ad una certa distanza dal veicolo perché so che, ad esempio, se supero uno che sta in bici con una distanza inferiore a 3m e questo poi mi cade per una qualunque ragione, se lo colpisco, è colpa mia. Quindi, tenutovi presente ciò, mi accingo al sorpasso con una velocità assolutamente urbana.
Sento un botto anche doppio. Ho pensato a un sasso. Vedo il suo motorino rallentare e lui che mi guarda, ma non mi fa alcun gesto per dirmi di fermarmi. Quindi penso semplicemente che ho preso qualcosa e male che vada, vedrò l'eventuale danno solo quando avrei trovato per la mia strada il benzinaio. Poi, 200m dopo, causa semaforo, lo vedo raggiungermi e dice di essere stato colpito dalla mia macchina: il come rimane un mistero.
Come nel vostro caso, le strusciate coincidono, MA vedo un buco che è frutto di un cacciavite sul muso sx del suo motorino.
Lui alza i toni, quasi a non volermi far parlare, buttandola come se avessi fatto chissà quale danno. Mi dice persino che ha il padre avvocato (e con me su sta cosa cade male, anzi gli ho riso in quel momento). Poi, se ha il padre avvocato, quale migliore occasione per chiamarlo? E io ce l'avevo un padre avvocato... =\
Poi mi invita a valutare il danno, a contribuire. Io stesso mi rendo conto, non essendo il titolare diretto dell'assicurazione, che è meglio non passare per l'assicurazione (su quello loro battono molto!). So per certo che i carrozzieri ti invitano a cambiare direttamente il pezzo perché tra il cambiare o il riverniciare il pezzo frontale del motorino, non c'è tutta sta differenza. Un carrozziere amico ti dice di cambiarlo, uno che ha bisogno di piccioli, te lo vernicia.

Mike ha detto...

2. Mi dice pure che se non ero d'accordo, potevamo andare dal vigile (quasi come fosse una minaccia). Io però sulla strada non ne ho visti, al che temevo che fosse un escamotage per derubarmi l'auto con tutti i bagagli, quindi stringo nel ripagarlo in contanti, ma in un primo momento avrei preferito fare un CID o che gli avrei lasciato i dati assicurativi, in maniera tale da metterci d'accordo in una fase successiva perché andavo di fretta.
Mi dice che è di Ladispoli e io stavo lì vicino, ma non è bastato (stranamente) a convincerlo.
Mi spara - cazzata clamorosa - che lui non può fare il CID perché ha uno scooter 125. Ovviamente il modulo CID dovrebbero averlo tutte le assicurazioni e lì ho anche capito che voleva fregarmi, ma non c'era nessuno, ero in pieno Agosto e scappare in quella cazzo di via era impossibile.
Lui non è MAI, e dico MAI, sceso dal mezzo. Sempre stato lì. Avuto i contanti, se ne va esclamando: "vai più piano!"
Preso per il culo e totalmente impotente, anche perché comunque un danno c'era, quindi che puoi discutere...
Mi sono sentito totalmente confuso da non aver preso persino il n. di targa per denunciarlo.

La cosa drammatica è che in 30 minuti di discussione, non è passata manco una pattuglia.
E parliamo di via Battistini.
Ora, se alcuni siti suggeriscono di chiamare questi, è bene però che sappiano che l'intervento per questo genere di incidenti arriva ad un'attesa anche di un'ora.
Troppo per chi vuol fare il furbo, e alle 4 del pomeriggio del 10 Agosto, quando ci sono poche macchine che girano, il cittadino è abbandonato a se stesso e praticamente fregato. Tenete anche presente che non è detto che ci fosse un aiutante nascosto da qualche parte.
Arrivato alla meta estiva, di sera, riguardo un paio di volte la strusciata (mi costerà 300 euro sicuro, ma per fortuna è lieve e quindi me ne fotto di risistemarla) e vedo persino l'impronta di una scarpa sul paraurti posteriore. E' lì che non ho avuto alcun dubbio della truffa.
Ultima dettaglio: per essere sbrigativi, tirano sempre un quartiere di provenienza molto lontano da dove si verifica l'incidente e non ti danno nessun documento.
Spero di esser stato utile.

Johnny ha detto...

Stessa auto classe A, stessa targa (!), stessi delinquenti, stessa truffa. Tutta la descrizione coincide perfettamente, come sopra. A me è capitato a San Lorenzo: ragazzo tatuato aggressivo e donna che diceva di essere in cinta e poi ha detto di essere una poliziotta, come ha scritto Anonimo agosto 29. A proposito, sei andato a denunciare? Cosa ti hanno detto?

Anonimo ha detto...

GUARDATE CHE LA POLIZIA SE NE ACCORGE SE È UN GRAFFIO CHE VI HANNO FATTO LORO, NON ESITATE A CHIAMARE IL 112/113 APPENA SENTITE IL BOTTO.
IO HO GIÀ FATTO DUE DENUNCE DI QUESTI PEZZI DI MERDA

Caterpillar ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Caterpillar ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Unknown ha detto...

è successo anche a me!! e solo oggi che ci hanno appena riprovato ( stessa dinamica) ho cercato su internet e trovato tutti voi!! non ho parole... il tizio, siccome noi non avevamo il cid e ci siamo rifiutati di pagare ci ha dato anche appuntamento a domani! abbiamo chiamato la polizia e i carabinieri non possono ci hanno detto che non possono fare niente .. perchè non si può fare un processo alle intenzioni!! e quindi tutto al più di presentarci domani all appuntamento.. ci rendiamo conto???? oltre la beffa pure 2 macchine rigate!!!

Caterpillar ha detto...

Unknown passa da un ufficiale della Polizia, ufficio denunce, il tizio del centralino non ha capito una beneamata mazza

Anonimo ha detto...

www.ilmessaggero.it/dilloalmessaggero/io_vittima_della_truffa_dello_specchietto/notizie/202372.shtml

Caterpillar ha detto...

Mi dispiace molto, anzi moltissimo che innumerevoli persone subiscano tutt'oggi estorsioni da questa gente. Ovviamente non siamo tutti uguali e ognuno reagisce a modo suo.
Mi permetto di dare qualche utile consiglio in caso vi capiti di nuovo un evento del genere, visto che spesso l’agitazione la fa da padrone, in caso vi accorgiate di essere truffati e/o siate minacciati:

1) incazzatevi: vi aiuterà a meglio tenere il controllo della situazione e non essere succubi psicologicamente. Infondo stanno rubando i soldi che avete guadagnato faticosamente con il vostro lavoro, mentre loro vivono di truffe e furti. Per non parlare del fatto che hanno danneggiato la vostra vettura. Credo che abbiate tutti i motivi per essere infervorati, e molti di meno per essere intimoriti;

2) non scendete dall'automobile, chiudetevi dentro. siete ben o male al sicuro ed è anche un'arma. Se siete scesi rientrateci con una scusa.
Siate freddi e non parlateci neanche, dandogli la possibilità di instaurare una conversazione e muovervi delle accuse. Tanto quel che vi diranno avrà la stessa valenza di uno che dice che i porci volano, pertanto è pressoché inutile stare a sentire. Inoltre capiranno che non state abboccando: con tutti i tentativi che fanno loro sanno che hanno due possibilità: o che il tipo abbocchi oppure no. Fate marcia indietro per leggere la loro targa e mettetevi subito al telefono con polizia / carabinieri. Scapperanno all'istante (esperienza personale): farsi qualche mese per estorsione in una cella sovraffollata di Rebibbia spaventa chiunque;

3) andate a denunciare, contribuendo ad evitare ad altre persone simili truffe e a rendere la città più sicura. Non importa se non avete le prove, ci pensano le forze dell'ordine a trovarle.
Se siete sfiduciati dal fatto che magari avete trovato al telefono un operatore incompetente, andate lo stesso all'ufficio denunce, troverete persone molto disponibili. Conosco troppe persone che hanno subito tali truffe e non hanno denunciato per motivi vari e per paura di non essere creduti. Essendo un fenomeno diffuso loro già conoscono le dinamiche quindi non abbiate timore, vi daranno tutte le attenzioni necessarie;

4) fate girare la voce!!!!

Anonimo ha detto...

Ciao!
anche a me è capitata la mercedes classe A blu targata BK183YD !!!
zona pigneto..stessa tecnica...prima botto sul lato passeggeri, poi ragazzo che scende velocemente e si fionda sul lato lesionato ed in tono incazzato mi propone di dargli 150 euro per ricomprare la vernice della macchina e che lui è carrozziere e queste cose le sa..etc etc etc..la solita solfa poi della moglie incinta e che devono andare..anche io come un pollo gli ho mollato una piotta e mezza..denunciateli!!! sti pezzi di m.....
denunciateli!!!non abiate paura!! la polizia avrà ormai molte segnalazioni come queste!!!!

Anonimo ha detto...

Eccolallì, stamattina ci hanno riprovato (Ford Fiesta grigia, Via Tuscolana), è la quarta volta che mi capita. Appena hanno visto che iniziavo a leggergli la targa dallo specchietto retrovisore prima si son nascosti dietro altre auto, poi quando mi son fermato anche io mi hanno superato come manco Alonso a Brno.
Più tardi andrò dalla Polizia a denunciare per l'ennesima volta

Anonimo ha detto...

A me successo oggi sulla via aurelia tornando a roma. Altezza 14 km..ragazzo scuro si carnagione tatuato, (aveva tatuato sul collo lo un bacio a stampo fatto col rossetto) c era accanto. Una ragazza mora incinta e dietro un altro,
Sono riuscito a non pagare ma devo dire che stata tosta se
Non te lo aspetti non ti danno il tempo di ragionare, io avevo il presentimento che qualcosa non andava infatti io stesso non avevo voglia di fare il cid li per li..erp combattuto tra la paura fella truffa che avevo ormai capito e la paura che magari invece li avevo presi sul serio,come un idiota gli ho dato pure ilmionumero di cellulare, per fortuna ho temporeggiato scusandomi e dicendo che potevamo chiamare i vigili se volevano a quel punto rivhiesta di soldi o catenina d oro come cauzione..io glo ho detto no e che al max facevamo il cid, questi volevano che li seguissi in una strada secondaria li mi sono cagato sotto per fortuna somo riuscito a rimanere li e loro sono scappati...almeno non ho pagato ma mj hanno rigato la macchina..sembramo zingari ma parlano italiano con accento burino quindi pensi siano italiani diceva di essere di frosinone,

Anonimo ha detto...

Io mi sento una cogliona leggendo questo....e' la prima volta che mi capita da quando guido e sono stata fregata come una cogliona....zona eur titnoretto 19 ottobre ero incolonnata a tratti sui 25 allora e sento un botto sordo sul mio sportello di sx....vado incurante( ho pensato a qualche specchietto toccato nulla di piu) quando vengo accostata da un tipo con una BRAVo metallizzata e mi dice: aoo ma che non hai sentito niente? Mi hai toccato la macchina.... Io caduta dalle nuvo,e e del tutto ignara di questi merdosi sole mi accosto e cerco il dialogo...lui asseriva che gli avevo strusciato la macchina da fermo...ma io nn avevo visto nulla...e mi ha detto di fare il cid ( che aveva) oppure 300 euro ( per due graffi sul paraurti dx) mimrioeteva che era successo la stessa cosa a lui con un taxi e hli aveva dato 500 euro. A me ne ha chieste 300 e come una cogliona gliene ho date 250
Attenzione' il tipo che mi ha fermato diceva di chiamarsi danilo e aveva vistose bruciature sul collo e anche sul naso...( e che faceva l'ingegnere) e mi ha coglionato alla grande!

Anonimo ha detto...

A me purtroppo è accaduto stamattina. Percorrevo via nomentana e ad un certo punto un ragazzo con un motorino si è affiancato dicendomi che lo avevo urtato mentre lui ero fermo sul ciglio della strada.Io non avevo sentito nessun rumore.Comunque mi fermo, scendo dall'auto e vedo che sulla fiancata destra avevo una strisciata.All'inizio ero titubante ma vedendo il danno sulla mia auto mi sono purtroppo convinto che fosse colpa mia. Il truffatore ha all'incirca 30-35 anni, abbastanza robusto, carnagione scura, accento romano, mi ha detto di essere un carrozziere e di abitare a monterotondo. Purtroppo non ho nemmeno fatto in tempo a prendergli il numero di targa (ammesso che il mezzo fosse suo e non rubato e che la targa fosse vera). Se qualcuno ha subito lo stesso tipo di truffa ed è riuscito a segnarsi il numero di targa o i dati anagrafici mi sarebbe utile per la denuncia che voglio assolutamente presentare. Grazie.

Anonimo ha detto...

A me è successo il 16 novembre e ieri 13 dicembre, entrambe le volte verso le 18 sulla Prenestina prima dell'incrocio con la Togliatti, con la solita "botta". La prima volta erano due ragazze rom, ho tirato dritto poi ho accostato e sentito le lamentele: "Almeno chiedi scusa...". Ho chiesto scusa e loro se ne sono andate.
La seconda volta una Clio con un'intera giovane famigliola rom, lui lei e bambino: "Ma non hai sentito la botta??" "No!". Se ne sono andati. La prossima volta devo segnare la targa e denunciarli.
Invece mi andò male nel 2005 sulla SA-AV. Un giovane italiano con la faccia da delinquente accompagnato da una ragazza su una Golf con specchietto rotto. Credevo sinceramente di averlo rotto io. Purtroppo per me avevo smarrito la patente e non ero riuscito a farmi firmare il foglio per circolare.
Ero molto preoccupato e alla fine sborsai 200 euro.

anna ha detto...

mi è capitato lo stesso tipo di incidente sulla via tuscolana altezza giulio agricola. Sento il solito rumore di pallina da tennis scagliata contro la mia vettura, mi guardo intorno non c'era nessuno e proseguo. Mi affianca una vettura blu e fa la solita sceneggiata. Gli va male però ma solo perchè non avevo soldi.Riesco a prendere solo le prime due lettere della targa: DL... I segni sulla mia vettura sembravano veri .,.. ma era solo polvere scura che ho rimosso con una spugna. L'attrice era una ragazza accento romano sulla trentina.

Giorgio ha detto...

Spettacolare. Mi unisco al coro digente truffata.
Spettacolare perché il giovanotto in questione è stato bravissimo. La mia è stata quella dello specchietto a San Giovanni intorno alle 22:30. Passo nel controviale stretto tra auto parcheggiate a sinistra e a destra e, naturalmente assorto nei miei pensieri, intravedo una figura sulla destra e sento la botta. Vedo nello specchietto retrovisore che sale in macchina con una certa foga "per inseguirmi perché l'ho toccato?", mi domando. Mi fermo lui arriva in auto con una ragazza seduta accanto. Accosta, scende e inizia la recita "Non m'hai visto? M'hai dato una botta alla mano, avevo il cellulare che mi è caduto e si è rotto, pensavo volessi scappare, mi sono spaventato".

Non conoscevo questo genere di truffa, se no sarei stato più accorto. Devo dire che è stato bravissimo, perché io ero tutto sommato calmo e incredulo ovviamente, ma lui sembrava davvero sotto shock. Insomma, per quel cellulare rotto gli ho dato 200 euro. Lo so, sono un pollo. E vi faccio ridere: avevo 200 euro in tasca (cosa rarissima) perché nel pomeriggio avevo vinto 200 euro con un gratta e vinci.

La descrizione del tipo corrisponde a un paio di post precedenti. Intorno ai 35, carnagione scura, robusto, accento romano. Certo, questa è stata la prima e sarà anche l'ultima volta. Anzi, spero vivamente che mi capiti di nuovo. Saprò come incazzarmi a dovere.

Massimiliano Tonelli ha detto...

Ma le state denunziando o le mettete solo nel blog!?

Giorgio ha detto...

Certo, io ho sporto denuncia.

Anonimo ha detto...

Sono arrivato a questo post (il blog già lo conoscevo) perché questo pomeriggio in zona Cristoforo Colombo/Laurentina mi è successa una cosa molto simile con un motorino. Il tipo però se n'è andato poco dopo che gli avevo detto in maniera abbastanza brusca che ero sicuro che qualcuno l'aveva fatto apposta (anche perché ho sentito il botto, ma non c'era nessuna strisciata). Non mi è andata così però quest'estate in via Val di Lanzo, zona Conca d'Oro, in un tratto piuttosto buio. Sempre un motorino: un tipo basso, robusto, carnagione scura, che dopo la classica, presunta "strisciatina", mi ferma asserendo che l'avevo toccato, era quasi andato a terra, e via dicendo. Anche in questo caso, guarda un po', uno che aveva lavorato da un carrozziere. Io, cretino, un po' per stanchezza, un po' per fretta (e un po' perché la messinscena non corrispondeva alla storiella già nota dello specchietto) gli ho dato mi pare 130 euro. Dai vostri post mi rendo conto che probabilmente era l'ennesimo episodio di una "truffa seriale".
Mi domando se sia possibile/utile sporgere denuncia a tanti mesi di distanza.

Anonimo ha detto...

Ieri pomeriggio Porta Pia ragazzo gentile su motorino blu
Mi ha fregato 70 euro
Attenzione!!!

Anonimo ha detto...

salve ragazzi brutta esperienza a Roma parcheggio mattia battistini nei pressi della stazione metro A Battistini.
Mi hanno rotto il vetro deflettore è rubato all'interno, ora ho esposto denuncia, chiedo a tutti coloro che son vittima di questi morti di fame, di effettuare denuncia cosi da costringere le forze dell'ordine a chiedere un mandato al magistrato per poter requisire e guardare i video delle registrazioni.
Comunque fate attenzione a non lasciare oggetti in auto.

Anonimo ha detto...

Sono sempre Mike, la vittima che ha subito la truffa a Via Mattia Battistini in pieno Agosto.
MI E' SUCCESSO NUOVAMENTE! Stavolta, però, l'esito è andato diversamente. ;-)
Avvenuto su Lungotevere, altezza Ara Pacis, oggi 11/03/2013, alle ore 13.20.
Scendo per andare verso il sottopassaggio che porta al palazzo della Marina (dir. Roma Nord). Poco prima di passare sotto il ponte del passante (precisamente dove finiscono i sampietrini e inizia la parte asfaltata), vedo davanti a me un tizio, con uno scooter di colore grigio, di cilindrata sicuramente superiore ai 250 cc, che cammina blando blando tutto a destra. Lo superano tutte le vetture e così anche io. Memore dell'esperienza avvenuta SOLO 8 mesi fa', seguo con attenzione questo modo sospettoso di guidare del tizio in questione (vedi mappa qui)
Lo supero. Poi, causa vetri scuri, non lo vedo più, ma sento una botta di dietro: il rumore è tipico di un chicco di grandine, sassolino o pinolo che cade violentemente sulla carrozzeria.
Ricordandomi dei vari tipi di segnalazione vostre, non mi sono fermato. Vedo lui fare dei cenni dallo specchietto, poi con una sgassata mi raggiunge e mi affianca: abbasso il finestrino - tutto mentre camminavo - e con tono aggressivo, quasi minaccioso, mi insulta: "ma che non lo vedi che mi hai preso?". Io, quasi spaventato, continuo a mantenere i nervi saldi e replico che non ho né visto e né sentito nulla.
E lui continua: "Manco scusa chiedi!? Manco scusa!? Ma è roba da pazzi! Mi hai preso! Ma come cazzo si fa!? Manco scusa si chiede più!".
Al che si arriva al semaforo, rosso, e lui, quasi incerto, non mi dice nulla.
Tutto tace e lui manco mi guarda in faccia.
Poi, si riparte, e lui fa dei cenni come dire di fermarsi di fronte al Palazzo della Marina, ma io un po' perché non avevo manco capito se fosse un pazzo delirante che ce l'aveva col mondo, un po' perché ormai avevo capito il copione, sono andato avanti per la mia strada e l'ho ignorato. Dallo specchietto, nonostante il traffico caotico che c'è in quel punto quotidianamente, ho notato che si era accostato mi guardava senza fare altro. Mi fermo 2 km dopo, su Lungotevere Oberdan, lontano dall'accaduto. L'auto mi è sembrata fortunatamente priva di graffi, anche se sporca, quindi magari qualche graffio me l'ha procurato e io non l'ho ancora visto. Il tizio era grosso, moro, portava gli occhiali da sole (stile Ray-Ban) belli grossi da camuffare il volto e aveva un fare poco invitante. Nonostante il traffico, TENGO A PRECISARLO, nessuno si è degnato di venire a mio supporto per avvisarmi che stava tentando di fregarmi, ma forse il lancio della moneta o di un sasso non è stato semplicemente avvistato da chi mi stava dietro. Credo sia stato un tentativo mal riuscito.
Ad ogni modo, sperando che mi capiate, sono contento di essermi riscattato da questi luridi bastardi parassiti che gli auguro di cuore,un giorno, di stamparsi contro un bel lampione. Bisognerebbe sollecitare i giornali nazionali a diffondere questa notizia, perché la gente conosce solo la "truffa dello specchietto".
Saluti a tutti.
***
A chi dice di chiamare la polizia: loro ti re-indirizzano alla Municipale. Prendere la targa è inutile perché da quanto è stato detto dalla polizia stessa, fanno quasi sempre questi reati con motorini rubati. Va bene se ti inseguono o minacciano, ma in altri casi si fa prima a fargli una foto, sempre che abbiate la lucidità di mantenere i nervi saldi di fronte a scene degne da tragedie greche.

Caterpillar ha detto...

Anonimo marzo 11, 2013 4:09 PM
Non so con che operatore d'emergenza hai parlato, ma se riesci a memorizzare la targa, loro se la prendono eccome, non ti girano la chiamata ai vigili. Te lo dico io che m'è successo 4 volte.
Cmq fateci caso, usano sempre un mezzo dello stesso colore vostro

Anonimo ha detto...

- Sempre Mike -
La moto era di colore diverso della mia, in entrambe le situazioni. La mia era nera. Semmai il fatto che venga utilizzato un mezzo grigio è perché si confonde ai soliti colori di un graffio, mandando la vittima ulteriormente in confusione.
Per quanto concerne la chiamata, questo lo fai se sei fermo e le tesi delle due parti sono differenti. Se non si arriva a una soluzione, chiami la Municipale.
C'è differenza quando denunci una persona o vai per supposizione (cioè pensi che ti sta fregando).
Nella seconda DEVI AFFIDARTI ai vigili che sono gli unici che possono ricostruire tutto l'accaduto. La polizia appare se ce stanno morti o feriti, in genere. Ecco perché in questi casi "delegano".
Poi è chiaro: gran culo se passano proprio nel momento in cui succede qualcosa.
E quindi, per farti capire: se io vado a dire che ho sentito un tizio X che m'ha colpito e sosteneva di averlo preso, quelli dicono: lei deve chiamare la Municipale.
Se io dico: Tizio X mi sta truffando, lo devo dimostrare con tanto di prove. E per farlo ci vuole la Municipale. Se io dico una cosa del genere e non ho ancora prove in mano, rischio dalla controparte una querela.
So che ti suonerà strano, ma io son stato vittima quanto voi e mi son dovuto documentare come iddio comanda da avvocati e assicuratore.

Sono andato persino di persona alla questura di Primavalle, e uno di questi che stava in portineria mi ha detto così: "tutti i giorni ci segnalano queste situazioni, dandoci anche le targhe, di cui la gran parte son appartenenti a persone che hanno denunciato il furto".
Non ci vanno a dà la caccia a un motorello per un finto urto - hanno altre priorità - , almeno che ci sia un posto di blocco nei paraggi. Cercare il figlio di P. è un ago nel pagliaio, per intenderci: so dei pezzi di Mxxx che si spostano da una zona all'altra, senza dare riferimenti sulle zone dove agiscono più frequentemente.
Questo è quello che posso dirti.
Ciao!

Caterpillar ha detto...

Si Mike, è vero, infatti la volta che si è consumato il reato (quando ho dato materialmente i soldi in mano al truffatore), quando poi son andato dalla polizia a segnalare la targa, l'ufficiale ha subito aperto un fascicolo di indagine. Ho fatto anche il riconoscimento dopo vari mesi.

Una delle altre volte in cui non mi son fermato a parlare con il truffatore, l'Ispettore Capo si è gentilmente fermato a spiegarmi come funziona. In breve:

1) se io vado lì alla stazione di Polizia denunciando un reato che si è consumato (scambio materiale di soldi) è tutto okay e partono le indagini (non serve avere le prove in tal caso, ci pensa la Polizia a trovarle);
2) se invece vado lì a denunciare di aver sentito un botto e scrivo che il tizio mi sfanalava, con l'intento di truffarmi rischio una contro querela;
3) se denuncio di aver sentito un botto e il tizio mi ha detto di essergli andato addosso, allora la situazione è un po' migliore rispetto al punto 2, tuttavia ci sarà un via vai di testimoni (falsi da parte del truffatore) e probabilmente si risolverà in un niente di fatto, in quanto il giudice non può condannare uno per il semplice fatto che l'accusatore è uno con la fedina pulita.

Inoltre nel caso 2 al 90% la denuncia neanche arriva al magistrato in quanto viene archiviata come "fatto non costituisce reato"


Morale della favola? Avete dato i soldi al truffatore? Denunciate subito.

Negli altri casi, non potete denunciarlo, tuttavia potete sempre mettergli una pattuglia dietro al sedere chiamando le forze dell'ordine negli attimi nel quale vi stanno molstando. Magari dopo una perquisizione esce fuori qualcosa nell'auto per il quale possono essere incriminati per altri reati.

Presto o tardi finiremo come in Russia dove si devono tenere le telecamere a bordo delle auto

Anonimo ha detto...

Mi aggiungo alla schiera dei truffati. Scrivo solo per aggiungere che il truffatore deve avermi sparato (mentre superavo lentamente la sua auto a 90 kmh sull'aurelia/castel di guido) qualcosa come una palla di gomma sullo sportello, dove c'è rimasta una bella strisciata.

Anonimo ha detto...

Tuscolana scendendo da Frascati, Ford Fiesta grigia con zingaro/zingara. Mi hanno tirato un sassolino contro l'auto deduco, lampeggiando poi. Li ho insultati e non mi sono fermato, ho controllato poi e non avevo nessun segno. Per fortuna ho realizzato, giocano sull'effetto sorpresa, e' importante informare.

Anonimo ha detto...

A me scherzetto del motorino era in via tor tre teste mi ha estorto 30 euro ma xchè m ha aggredito sinciremente la nn sapevo che fare!

Massimiliano ha detto...

Anche a me ė capitato. Con una persona dall'accento campano. Sta ancora a corre,

Valdo Forte ha detto...

Vi scrivo da Manfredonia provincia di Foggia,è capitato anche a me stamattina questo tentativo di truffa.Dato che ne avevo sentito parlare in Tv non mi sono fatto fregare.Percorrevo una strada principale e all'improvviso mi si frantuma il vetro dello specchietto retrovisore destro della mia Nissan Micra,dopo qualche metro mi fermo ad un benzinaio per verificare meglio cosa fosse successo e si avvicinano due tipi a bordo di una Hyundai bianca,non conoscevo il modello,e con accento slavo mi dice uno:"capo,mi hai rotto lo specchietto!".al chè preso dalla rabbia,avevo intuito puzza di bruciato,mi sono rivolto a quello gridando:"bastardo,bastardone che ci fai un'altra volta a Manfredonia!" mi hanno guardato perplessi e se la sono filati di corsa.Tra i tanti consigli e contromisure scritti e suggeriti da voi amici prima,vi consiglio anche questo,ovvero far capire loro che già li conoscete e che vi hanno tentato di fregare in passato.io sono un commerciante e nella mia attività spesso mi capitano clienti con modi truffaldini,tipo che vogliono pagare il giorno dopo,ed ho sempre adottato questa tecnica..."vedi che tu già sei venuto tempo fa e non m hai più pagato,per cui non posso farti credito!"funziona sempre!

Caterpillar ha detto...

Ben fatto! Al solito, fate girare questa pagina, così molte altre persone non verranno truffate!

Anonimo ha detto...

a me è capitato in zona appia.un balordo anziano claudicante mi ha bussato sul parabrezza posteriore del mio furgone da lavoro,mentre ero fermo al semaforo.ho guardato lo specchietto laterale ed ho pensato fosse un burlone che si divertiva.successivamente il semaforo si fa di nuovo verde,lui con l'andatura zoppicante si avvicina di nuovo e bussa ancora una volta sul parabrezza posteriore,invitandomi a scendere.credevo a quel punto che fosse qualcuno che avesse bisogno di aiuto,ma non conoscendolo non mi sono fidato,allorché sono ripartito e vedevo dallo specchietto che continuava a venire in mia direzione,zoppicando e con la mano destra sorreggeva qualcosa che nascondeva sotto la camicia,come fosse un'arma.mi sono accostato più lontano,mi sono sporto dal finestrino poiché mi stavo cominciando ad innervosire e gli feci cenno con la mano per chiedere cosa volesse,lui continuava a dirmi di andare lì,dopodiché si affianca a lui un ragazzo piuttosto robusto con l'aria da malvivente,vedo che confabulano qualcosa e avanzano verso di me.a quel punto preso da timore mi sono allontanato col furgone con velocità anche sostenuta,quando neanche dopo venti secondi,il balordo robusto mi raggiunge col motorino attirando la mia attenzione a colpi di clacson,tra l'altro con un suono atipico dei motorini,sembrava un suono di un'auto,mi ha raggiunto dicendomi "aho ! ma che nun l'hai visto mi padre?" io ignaro di tutto gli ho risposto "no!",subito lui ha replicato "accosti un secondo?2,con un'aria ed un tono per nulla rassicuranti.anziché accostarmi ho accelerato,lui continuava a seguirmi,ad un certo punto ho fatto finta di andare dritto invece ho bruscamente sterzato alla mia destra,sono ripartito sgommando,ho visto dallo specchietto retrovisore che non mi seguiva più,anzi era rimasto immobile all'incrocio ed inveiva contro di me.forse si sarà trovato quei 5 metri di furgone che gli tagliavano la strada e ha pensato bene di non insistere.ragazzi è un appello che vi faccio.non fermatevi per alcuna ragione,a meno che l'incidente non l'abbiate provocato veramente e vi siate resi conto dell'accaduto.non fidatevi,non fidatevi.continuate per la vostra strada.ciao amici.

Anonimo ha detto...

anche a me come altri è capitato in zona prenestino, una macchina blu, una mercedes classe A con un ragazzo romano e una ragazza che diceva di essere incinta..la targa era bk183yd...
botto e poi mi hanno corso dietro dicendo che li avevo strusciati...
gli ho dato il mio numero di telefono e mi hanno fatto uno squillo, lui si spacciava per un carrozziere e diceva che a buon prezzo mi avrebbe pure sistemato lo sfregio...
il numero di cell loro è 347-4939874...dovrebbe essere quello della tipa...
sono andato dalla polizia che ha rintracciato la macchina ma risulta di propietà di una signora anziana che vive in via Adriano Cecioni,probabilmente qualche parente che la utilizza a proprio interesse...più di questo non possono fare perchè dovrei dimostrare che mi hanno truffato..la loro parola contro la mia...

Anonimo ha detto...

Se la truffa c'è stata, è compito della polizia indagare. Te lo dico perchè ne ho mandati due in giudizio, per truffa e danneggiamento

Anonimo ha detto...

Capitato oggi a me DENTRO cimitero laurentino macchina blu chieste euro 150,00.

Anonimo ha detto...

OCCHIO RAGAZZI lungo la Via Prenestina, tratto uscita sopraelevata scendendo verso Largo Preneste, lunedì 19 agosto alle ore 14,00 circa mentre superavo una Citroen C3 color avio metallizzato che andava ad appena 30 all'ora ho sentito un colpo sulla mio sportello sinistro e ho visto il conducente della suddetta Citroen che gesticolava segnalandomi di accostare. Appena sceso ha visto una riga color avio larga circa un centimetro che partiva dal fianco anteriore destro della mia vettura ed era lunga almeno 40 centimetri. La Citroen che ho menzionato invece nel suo fianco posteriore sinistro presentava una scorticatura localizzata in un'area di circa di un centimetro quadro. Le due parti di vettura che si sarebbero reciprocamente toccate corrispondevano perfettamente rispetto all'altezza del presunto contatto. Inizialmente sconcertato da questo insolito evento ho toccato la riga color avio che compariva sulla mia vetttura costatando che era VERNICE FRESCA!!!. Allora, mentre il conducente della Citroen recitava sul presunto danno subito dalla sua macchina.. che aveva ancora la vernice a suo dire fresca... fresca... e proponeva un risarcimento per le vie brevi perchè stava andando da un parente malato...., sono andato a toccare la sua Citroen facendogli vedere che che non c'era alcuna traccia di VERNICE FRESCA. Senza indugiare rientro nella mia macchina per prendere il telefonino dicendogli che intendo chiamare I CARABINIERI. Ho fatto appena in tempo a girami di nuovo (quattro-cinque secondi)che Citroen e relativo conducente erano già partiti a razzo. Un errrore è stato quello di non essermi interessato da subito al numero completo della targa di cui ho solo la parte iniziale che vi trascrivo CF...

Anonimo ha detto...

Mi è successo stasera, in via Albano (zona Appia Nuova). Una macchina è accostata, passo e subito dopo sento un rumore, mi fermo credendo di avergli urtato lo specchietto. Invece scende una signora sui 50 anni, mi dice che il bambino in macchina si è spaventato, lei è calma e cortese e mi invita a verificare insieme i danni. In effetti sulla mia macchina c'è una strisciata e sulla sua della vernice rossa. Dice che è una stupidaggine e che siccome hanno fretta e suo padre è carrozziere anzichè fare il cid le compro la vernice, costa 29 euro.Le dico che prima preferisco chiamare mio padre e chiedergli consiglio, ma lei non vuole, mi incalza con la vernice. Al che scende l'altra donna dicendo che hanno fretta, che il bimbo è stanco e che devono andare, che non c'è tempo per andare insieme a comprare la vernice al negozio all'angolo della strada. Alla fine scende pure l'uomo, e non c'è più nessuno per strada, mi sono sentita incastrata e gli ho dato 20 euro (di meno non avevo). Loro ringraziano e mi fanno pure presente che ci dovranno mettere ben 40 euro di manodopera. Ah e tanto che avevano fretta si sono accostati di nuovo poco più avanti, in attesa di altri polli come me. Resta il fatto che ripensandoci adesso a mente fredda non riesco a capire davvero come si è fatta la strisciata, pure grandicella, sulla mia macchina, visto che con i graffietti loro non corrispondeva per niente.

Caterpillar ha detto...

Lo fanno con una spugna abrasiva mentre colgono l'attenzione del tuo sguardo in qualche maniera

giannidedom ha detto...

Senmti amico, tu la puoi presentare come vuoi, ma non chiamarla truffa ingegnosa, solo gli altamente sprovveduti ci possono cascarre, diciamo che te la sei proprio cercata...

Sandro Zicari ha detto...

Se non avessi parcheggiato in seconda fila per "esigenze personali" non ti avrebbero truffato. :-)

Anonimo ha detto...

Confermo, è la truffa del momento. E' successo neanche tre settimane fa a mia madre (signora di 75 anni), la quale impanicata ha dato al bastardo quanto aveva (50 Euro).
Nel dettaglio, è successo che un ragazzo con uno scooter si è fermato vicino a mia madre che era in cerca di parcheggio, dicendogli di essere stato urtato dal fianco destro dell'auto. Mia madre è scesa per controllare e ha trovato sullo sportello destra una strisciata nera (poi rivelatasi una sostanza vischiosa che veniva via con l'acqua), quindi il seguito è come da copione.
Ho detto a mia madre che se capita nuovamente, di chiamare prima me e poi la polizia, rifiutandosi categoricamente di pagare. La cosa cermente schifosa, comunque, è il fatto che nel caso specifico questo maiale infame ha approfittato della buona fede e dell'ingenuità di una persona anziana.
A questo punto lancerei anche un invito a tutti a non farsi i fatti propri. Se in giro ci capita di vedere scene di questo tipo, prima prendiamo il numero di targa dell'infame e poi fermiamoci ad ascoltare. Se la situazione in atto è quella, poi comunichiamo il numero di targa al Commissariato o alla stazione dei CC più vicina. Magari serve a poco, ma meglio che niente.

Anonimo ha detto...

bene a quanto pare sono in buona compagnia, c'è da dire che la truffa è raffinata, almeno nel mio caso il graffio e il finto urto sono stati perfetti, abbiamo addirittura messo le auto vicine per verificare l'altezza del graffio e il colore era lo stesso della carrozzeria del danneggiato. diciamo però una cosa vera: questi truffatori operano bene in un sistema demente fatto di assicurazioni che ti truffano con l'aumento pazzesco del premio anche in caso di lieve danno e di forze dell'ordine non sempre all'altezza, io non mi sono fidato di chiamare i vigili, ho pensato che avrebbero confermato il danno tanto era perfetto

Anonimo ha detto...

.. Io comune dico agli Zingari o ai truffatori che per caso leggessero questo post di stare attenti ... Sono in tanti ad avere un'arma nel cassetto della propria macchina..

Poi vediamo se questa feccia che non merita di vivere con noi viene difesa dai benpensanti ... Quando uno ne muore steso per strada ....

Occhio la gente e' stanca .. E si è' iniziata ad armare e lo sapete ......

Anonimo ha detto...

Solo in questo posto una truffa del genere può continuare ad essere perpetrata per così tanto tempo, senza che nessuno intervenga a porvi fine.
Io ho sentito parlarne per la prima volta 5 anni fa.

Ridicolo.

E la cosa peggiore è chi colpevolizza i malcapitati, i quali evidentemente sono persone con ancora un briciolo di fiducia nel prossimo o come nel caso sopracitato persone anziane.

Un vero schifo.

Anonimo ha detto...

c'hanno provato pure con me circa un anno fa lungo via Tuscolana (altezza incrocio Furio Camillo, in mezzo al traffico tra l'altro.
Ovviamente prendono di mira le persone sole in auto, in quanto un eventuale passeggero potrebbe accorgersi di manovre strane mentre chi è invece intento alla guida è ovviamente concentrato appunto a guidare.
Nel mio caso ci hanno provato così: dalla loro macchina affiancata hanno tirato un sassetto contro la mia (non provocano danno, ma vogliono solo creare un "rumore di contatto" sulla carrozzeria), dopodiché si affiancano e ti dicono che li hai strusciati sul loro muso(nel mio caso il tizio parlava con spiccatamente napoletano).
al che io, che mi ero già da prima reso conto di tutto, gli ho risposto in romano "ma ancora andate in giro a fare ste truffette del ca@@o? ma non c'avete altre cose da fare?". e lui preso in contropiede "eh vabbuò vabbuò mica t'ho detto niente eh!", e se n'è andato filato.
Un'altra volta precedente invece due tizi, uno e donna che si capiva lontano un chilometro essere tossici a rota, mi hanno tirato UNA CIABATTA contro l'auto AHAAHAAHAHHAHHA. ancora rido! pure là si sono affiancati dicendo che li avevo urtati e bla bla bla. anche in quel caso nemmeno mi sono fermato, lì ho mandati a fare in c@@o e ognuno a casa propria.
comunque state attenti a da oggi a parcheggiare in doppia fila chiudendo altre auto, non tanto per le truffette ma quanto piuttosto per non subire denunce per violenza privata.
io ovviamente non sono un animale e non lo faccio mai.

Romolo ha detto...

E' capitato anche a me 2 anni fa a via dei Monti Tiburtini.

Erano le 2 di notte, questi mi fanno i fari e mi dicono pure di seguirli in un luogo appartato per vedere bene l'incidente.

Sul momento mi sono sentito in colpa pensando "avrò bevuto", e li ho seguiti. Ma poi pensandoci bene la loro strisciata era assolutamente incompatibile con l'incidente che millantavano (io che partendo dal semaforo li avrei urtati).

Così al bivio per la Roma-L'Aquila ho lasciato che andassero avanti e io mi sono buttato in autostrada e vaffanculo.

Penso che se li avessi seguiti mi avrebbero potuto anche rubare la macchina.

Anonimo ha detto...

+1 per la ciabatta!

Rom al gratin ha detto...

Non c'è bisogno di armi
L'ultima volta che queste merde ci hanno provato li ho stretti, ho inchiodato e sono sceso col bullock in mano..oddio che fugone..sti pezzi de merda!!!

fracatz ha detto...

Io ancora non ho vissuto questa esperienza, però volevo solo comunicare ai lettori di non fare click sui 2 linki presenti nel post, perchè portano a dei siti di malware che per fortuna il mio antivirus ha bloccato e se lo ha fatto significa che i due siti sono ormai vecchi, altrimenti non se ne sarebbe accorto

Anonimo ha detto...

Chiamare subito la polizia o i CC ( NON i vigili che non arrivano mai) facendo finta di chiamare qualcun'altro, e denunciarli per danni alla propria auto.

F. ha detto...

Scusate ma truffa "raffinata" non direi proprio, anzi, mi pare proprio grossolana...al limite del ridicolo.
Al di là del rumore provocato dall'oggetto che loro lanciano sulla tua vettura, com'è possibile pensare di aver battuto un'altra auto o di averla strisciata sul fianco senza essersene accorti?!

Anonimo ha detto...

Troppo facile giudicar dopo esser venuti a conoscenza, tramite esperienze altrui, che c'è chi ti fa una strisciata sull'auto per simulare un incidente. Volevo vedervi senza avere queste preziose informazioni, in una giornata dove siete in soprapensiero per vari motivi e con una strisciata sull'auto che corrisponde all'auto del malvivente di turno.

Anonimo ha detto...

Lo hanno fatto anke a me un anno fà.Due tizi,uno corpulento e uno magrolino.stressa strategia.Giravano con una fiesta con lo specchietto lato conducente rotto o penzoloni (primo dettaglio da notare).Figli di putt..

F. ha detto...

@Anonimo: Di trucchetti tipo questo ce ne sono a decine, e più di una volta mi è capitato di incapparci (anche se non proprio questo descritto qui nello specifico), e non ci sono mai caduta, perchè è palese che sono truffe, e anche, ripeto, mi pare mal orchestrate. Hanno tentato di fregarmi con vari stratagemmi per strada mentre camminavo, davanti alla posta e al supermercato, davanti al portone di casa, e potrei andare avanti...ma proprio perchè si sentono queste cose tutti i giorni, al tg, su internet, da conoscenti/amici, non mi fido mai e poi mai di chi non conosco.

Venusia ha detto...

Allora vi racconto cosa è accaduto a noi la scorsa settimana:
Via Boccea direzione Gra-Battistini, macchine in doppia fila e marcia rallentata per il solito traffico, io passeggero e mio marito alla guida. All'improvviso una botta sullo specchietto, che ripristino subito perché rimasto integro, ma mio marito guardando dallo specchietto centrale vede un ragazzo raccogliere in terra qualcosa. Accosta e scende per sincerarsi se siamo stai noi a far cadere quel qualcosa dalle mani del ragazzo...e sembra proprio di si: lui camminava sulla corsia di marcia perché appena sceso dall'auto della mamma e noi con lo specchietto lo abbiamo urtato ed ora raccoglieva i pezzi del suo cellulare...regalo da 700 euro della sua mamma. Ho subito pensato che non avevo visto nessuno così vicino all'auto tanto da poter essere toccato, ma comunque lui così sostiene e gli chiedo come superare questo inconveniente.
"Andate da Trony e me lo ricomprate, oppure facciamo 300 euro...non so, io c'ho da fà, devo annà a lavorà.." "Senti sai che facciamo? Chiamiamo la municipale e facciamo una bella relazione di quanto accaduto, così stiamo tutti tranquilli". Lui dice che la zia è tenente della municipale e io rispondo che è ottimo, così siamo tutti tranquilli.
Vigili intervenuti (non la zia), relazione fatta e adesso vediamo cosa deciderà eventualmente l'Assicurazione considerando comunque che il ragazzo camminava nella corsia di marcia e non sul marciapiede.
Crdo che se gli avessimo dato anche 100 euro tutto sarebbe finito subito, ma m'é tanto sembrata una specie di truffa.
Voi che ne pensate?

Caterpillar ha detto...

Che hai fatto benissimo così, ecco che pensiamo :)
L'assicurazione non ti farà storie perchè il tizio non può dimostrare che gli avete "rotto" voi l'aggeggio, poi le conoscono benissimo tutte le truffe

Francis Drake ha detto...

Con me c'hanno provato dei rom due anni fa, sostenendo che gli avevo rotto lo specchietto. Li ho invitati a seguirmi in commissariato, presso il mio ufficio, a pochi minuti di distanza, dove li avrei liquidati prontamente facendomi prestare i soldi da un collega. Al primo semaforo li avevo già persi di vista...

Anonimo ha detto...

Scusate ma dopo questa frase "Camminando con l'auto, ad un certo punto per esigenze personali mi sono accostato in doppia fila" potete anche chiudere 'sto blog. Non fate altro che parlare dell'inciviltà del vicino di casa e un bel giorno si scopre che il vicino di casa siete proprio voi.

Credete che ci si possa nascondere dietro il dito della "esigenza personale"?
A Roma è sempre esigenza personale, che vi credete, manca del tutto la concezione del prossimo.

Forse tutto questo blog non è altro che un accozzaglia di retorica fatta da gente che né meglio né peggio di coloro che insultate quotidianamente.

F.

Ruben ha detto...

@F.
Scusami tanto, ma non sono d'accordo. Già il solo fatto che tu generalizzi tutte le truffe come cose semplici da sgamare, dimostri solo una grande superficialità. Ti dico soltanto questo episodio raccontatomi: hai un motorino davanti che frena di colpo. Inchiodi di conseguenza. Lo eviti. Ti prendono però da dietro e senti un bel colpo. Tu scendi per ovvie ragioni per vedere se è stato fatto un danno. C'è una donna che ti fa una scenata dandoti la colpa ed evidenziando cosa le hai procurato.
Ma perché insulta, se poi l'inchiodata è stata causata dallo stronzo davanti (sparito)?
La tecnica era semplice: farti scendere dall'auto perché il tizio davanti potesse frugare nella tua auto indisturbato. La scenata da pazzi serviva solo per attirare totalmente l'attenzione.
La vittima di questo racconto è stata chiaramente derubata. Ma tralasciando il seguito, mi chiedo: tu, eroe da tastiera, non scendevi dalla macchina per verificare il danno? Pensavi che fosse truffa da subito? No, perché se inchiodo in mezzo alla strada e mi prendono di dietro, tutto penso tranne che a una truffa. Tra l'altro, se sei una persona onesta, hai l'obbligo di verificare che sia tutto apposto e nell'eventualità di prestare soccorso, pure se sei nella ragione. In quel momento, a tutto pensi tranne che ad una truffa.
Ora, chi mi legge, da oggi si guarderà bene dallo scendere dall'auto per ogni dannata situazione (e a Roma ogni giorno è una lotta di sopravvivenza tra le lamiere) e sincerarsi soprattutto di chiuderla (cosa che anche io ho fatto quando mi è capitato la strusciata), ma una cosa è certa: c'è chi ti ruba anche orchestrando un'autentica recita! Vienimi a raccontare cosa fai te... perché onestamente di pezzi di merda che agiscono così nei quartieri di primavalle, boccea, quartaccio, battistini, ecc., a quanto pare non sono pochi e l'informazione è purtroppo scadente.
L'ignoranza per queste dinamiche, se costruite ad arte, porta ad esser fregati facilmente ed è molto apprezzato che la gente trovi il coraggio di condividere le sue esperienze in questo blog. Arrivare qui e fare il troll della situazione, non mi pare opportuno, anche perché queste persone sbagliando hanno imparato e hanno dato l'opportunità a tutti noi di esser meglio informati su queste vicende.
Poi, a dirla tutta, una cosa è sentire un racconto, un'altra è viverla, con tutta l'imprevedibilità che ha un delinquente nel suo copione. Che ne sai se ti vuol fregare l'auto o prendersi un centinaio di euri...? Che ne sai che non ha una pistola con sé, se poco poco gli volti le spalle?
Più comprensivi e meno professorini, grazie.

Anonimo ha detto...

Successo ieri su via dei Romanisti, Roma. Sorpasso una Grande Punto nera con a bordo un ragazzo,ragazza e due bambini. Sento un rumore sul lato dx della mia auto ma non ci do peso piu di tanto. Comincio a notare che la Punto mi segue e inizia a lampeggiarmi... mi fermo perche pensavo aver qualche problema all'auto e invece il tizio scende e mi dice che gli ho rigato l'auto. si discute un po, francamente non capisco come possa essere successo ma realmente la mia auto presente una strusciata sul lato dx. morale gli metto 20 euro in mano e se ne va. ora leggo di questa truffa e credo di esserci cascato in pieno.
Chiamare le forze dell'ordine?!.... mi viene da ridere! una volta ho dovuto chiamare i carabinieri per una cosa seria, beh sto ancora li ad aspettarli! 113 non ne parliamo in quel frangente mi dissero chiaramente che non sarebbero intervenuti, figuriamoci se li chiamate per una cosa del genere.Purtoppo Roma e' questa!
ah, dimenticavo il tizio aveva accento napoletano, mi disse che aveva fretta perche' aveva portato i figli in ospedale, in tutta onesta gli auguro di veder morire i figli di stenti pensando che queste sono le maledizioni che gli arrivano per quello che fa. Per certa gente una bella dose di purga e tante tante manganellate senza lasciare un solo osso sano o un dente in bocca.

Anonimo ha detto...

Possibile che non si possa fare proprio nulla per arginare questo schifo? Il sabato sera i miei figli tornano a casa un po piu tardi e il pensiero che possano incappare in certa gente mi terrorizza.
Credo che prima o poi qualcuno si fara' male seriamente, o qualche vittima per reagire o qualcuno dei truffatori che, SPERO, trovi qualcuno che gli faccia passare un bruto quarto d'ora. Credo poco alla soluzione chiamando le forze dell'ordine, tanto non arrivano mai sono sempre impegnati (e ci puo anche stare). Credo di piu in una soluzione volta al dare una lezione a uno dei truffatori, una lezione che faccia riflettere gli altri... Educarne uno per colpirne cento! secondo me funzionerebbe.

Anonimo ha detto...

Una 550 nera mi si affianca e mi tira una palla da ping pong arancione sulla mia auto. Ho abbassato il vetro e senza farli fiatare ho detto che chiamavo il collega della volante e che con me gli era andata male. Zona olimpica tra p.zza Pio XI e svolta per aurelio. Il tizio con l'accento calabrese ha detto "oh ti perdi i pezzi"ed è fuggito con una zingarella vicino. Comunico la targa ai CC e mi dicono faccia la denuncia quasi fregandosene della segnalazione. Nessuna tutela per i cittadini!

Anonimo ha detto...

E' successa esattamente un'ora fa la stessa cosa a mia madre, stessa dinamica: strisciata-lui carrozziere per cui gli fa un prezzo buono-non di Roma per cui doveva avere i soldi subito-e anche qui, di modi molto garbati e gentili. Questa volta è successo in zone Colli Portuensi, col buio quando è più facile raccontare palle!
Il rumore che però mia madre ha sentito sulla sua macchina era molto simile a quello che sentì ani fa con la truffa dello specchietto. Anche quella volta è riuscita a sfuggirci!
Incredibile come si raffinano 'sti ladri! Per fortuna che mentre mia madre, in buona fede, stava andando al bancomat a prendere i soldi, lui se l'è persa! Per cui tutto finito bene! Però in campana e meno male che c'è internet! E soprattutto parliamo di questa truffa a persone anziane che, sicuramente, sono meno internet-friendly dei giovani.

Anonimo ha detto...

OCCHIO! TRA BOCCEA, AURELIA, PINETA SACCHETTI E BATTISTINI attenti alla strisciata con cartavetrata. l'esperto truffatore, sempre in agguato è uno zingaro con uno sporgente labbro inferiore e una espressione ebete, facilmente riconoscibile. di solito si accompagna a bambini 9/11 anni o a ragazze piuttoste equivoche

Anonimo ha detto...

il 18/12/2013 mi è capitata una cosa che è davvero uno schifo: mentre parcheggiavo l'auto sotto casa mia mi si accosta un ragazzo dalla faccia pocco raccomandabile che con un gesto mi dice di abbasare il finetrino, io, sorpreso e un po impaurito, lo abasso e costui mi dice" va piano con sta cazzo di macchina" e io gli chiedo "cos'è successo scusa" e lui " non me ne frega un cazzo va piano con sta cazzo di macchina" lo fermo e gli chiedo spiegazioni. poi mi fa vedere la mano sinistra che pareva insanguinata, infatti mi accusa di averlo colpito a gran velocità mentre lui camminava e mi fa vedere il sangue pure sulla mia auto. per non avere problemi li do 70 euro che dice che deve andare a pescare che lui abita li e che deve portare sua madre in fisioterapia per questo mi sbrigai e gli diedi i miei soldi per non avere problemi. poco dopo,in casa me ne acorgo di essere chiaramente stato fregato da questo zingaro che diceva di essrere napoletano non è possibile che a 20 all'ora io non me ne accorgo di aver colpito qualcuno addirittura di farli sanguinare la mano il figllio di puttana mi ha fregato è stata la prima volta ke mi è capitato un episodio del genere è succeso nella zona pinetta sacchetti!

Anonimo ha detto...

Anche se avesse aperto lo sportello era in torto lui!! Studiatevi il CdS se non lo avete fatto quando vi hanno dato la patente! Mi dispiace essere duro, ma troppo spesso la gente non conosce le regole...a favore di chi bara!

Anonimo ha detto...

E' successo anche a me in zona Tiburtina. Leggendo su un altro blog ho visto che hanno colpito anche a San Lorenzo e vicino Guidonia. Una TOYOTA AYGO grigio scuro tre porte con a bordo un ragazzo, un uomo con occhiali da vista e nel mio caso una terza donna. La TARGA è DC814YM sono già conosciuti alle forze dell'ordine, quando vi puntano vanno molto piano o accostano costringendovi a sorpassarlo. Se vi truffano o ci provano denunciateli!

Anonimo ha detto...

Questo tipo di truffa mi è già capitata 3 volte in meno di un anno. La prima volta ci sono cascato con tutte le scarpe, poi mi sono informato ed e le altre due volte è andata in maniera ben diversa e non mi sono fatto abbindolare.

Mostratevi sempre sicuri di voi, nel caso accostatevi a destra ma non scendete dalla macchina ed esprimete la vostra volontà di chiamare i vigili. Se i presunti incidentati sono in cattiva fede, scapperanno a gambe levate. Se sono in buona fede saranno d'accordo nel chiamare i vigili i quali ricostruiranno l'accaduto.

Anonimo ha detto...

Aggiorniamo l'elenco. Testaccio, smart nera con cellula grigia, ragazzo e ragazza.
Parcheggio, loro parcheggiano dietro di me. Lui mi bussa al finestrino, dice che mi ha lampeggiato e suonato, che non mi sono accorto di nulla. Scendo, trovo TUTTA la fiancata dx rigata, da ruota a ruota. E lui indica il paraurti della smart, effettivamente danneggiato da striscia, circa alla stessa altezza della mia.
Scena del CID, ma no, ci vuole troppo tempo, mia mogie ha una visita in ospedale, io sono carrozziere, me la risolvo io, dammi 200 euro. Io ero ancora frastornato e sotto shock per la mia fiancata, quindi niente, da vero coglione ho acconsentito. Prelevati i soldi, si è dileguato. A mente fredda, dopo un'oretta, sono andato in commissariato e ho sporto denuncia. Ero rimasto alla truffa dello specchietto, non mi sono aggiornato, ed ecco, oggi divento protagonista. Comunque, il tizio dice di essere di Latina, porta un foulard al collo per nascondere un tatuaggio. Uno di quelli a forma di labbra di donna, rosso, sul collo.

Anonimo ha detto...

siete tutti veramente TROPPO POLLI
Sempre con sta fissazione (le compagnie ringraziano) che per pochi soldi non conviene il cid
FALSISSIMO
oggi rompete specchietto a uno
gli date 100 euro, pensando di aver risparmiato
Domani fate incidente,con colpa,da mille euro, quindi DOVETE fare il cid, la classe ve la aumentano ugualmente e avete perso anche i 100 euro dello specchietto

Il cid VA FATTO SEMPRE. anche per 10 euro
alla scadenza assicurativa, la vostra compagnia vi dara' la possibilita' di ripagare i danni , cancellando l'incidente e quindi il MALUS
usate la TESTA

pantani123 ha detto...

Ragazzi occhio a Vermicino(uno "zingaro" del posto)vive di questi espedienti (false rigature,piccoli tamponamenti,specchietti rotti)con me ci ha provato,quanto ho provato a chiamare la polizia si è allontanato coprendomi di insulti,mi sono comportato in questo modo grazie ad un vicino dicasa al quale era avvenuto lo stesso incidente con la stessa persona

Anonimo ha detto...

non basta respingere la truffa e non si deve farli andare via, il danno che hanno fatto lo devono pagare, percio prendergli subito la targa e fare denuncia alla polizia di atto vandalico e fuga dei malviventi che si è visti scappare e descrizione di facce e macchina loro, in questura hanno le foto di sti bastardi ed è molto facile beccarli, non vedo perche lasciarli andare via e tenersi il danno senza fargliela pagare, con me non scappano, una coppia l'ho fatta arrestare in questo modo.

Anonimo ha detto...

Mi è successo il 4 9 2014 a S Lorenzo di sera , stessa dinamica botta strusciata stramba fatta dal passeggero , gli ho dato 240 euro , il guidatore ha la barba capelli neri e gli occhiali l 'altro i capelli neri un po dritti e l'occhio sinistro tumefatto (occhio nero ha preso un cazzotto ma lui dice di essersi operato) , romani quasi gentili , li ho denunciati appena mi sono reso conto della truffa , ora li sto cercando con una spranga visto che passo spesso in qurlla zona. (da ragazzo ho fatto il buttafuori per 12 anni)

Anonimo ha detto...

Altra versione (oggi su via Mascagni tra via Marchetti e via Mancinelli): sento un piccolissimo rumore, ragazza elegante ed educata sui 25-30 anni che mi mostra il vetro dell'orologio rotto... fate attenzione e chiamate sempre i carabinieri!

Anonimo ha detto...

sono incappato ieri nella stessa truffa e stessa targa! DC814YM effettuata denuncia ai Carabinieri.

Aldo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Ci hanno provato con me stasera al Viadotto della Magliana.
Macchina "vecchia" verde bottiglia metallico.
Mi hanno lampeggiato come pazzi ma io non mi sono fermato.
Dopo un chilometro hanno desistito e se ne sono andati.
Per fortuna la strada era libera e ho potuto "sgasare"... Certo che se mi fermavano... beh... spero che sarei riuscito a mantenere lo stesso controllo.

Anonimo ha detto...

Ieri pomeriggio è successo anche a me su via Gianicolense, altezza Colli Portuensi.
Il semaforo era rosso e piano piano mi infilo accanto ad una Y verde. Sento un botto, scatta il semaforo e provo a dileguarmi, pensando al solito trucco dello specchietto che già mi era costato 40€ anni fa. La Y mi raggiunge ed il tipo che scende è molto tranquillo e garbato. Mi dice che l'ho toccato e mi fa vedere la strusciata sul suo paraurti.
Vado a vedere sulla mia macchina e capisco che è una fragatura sicura, se strusci un'auto non ti lascia un tocco di vernice morbida al tatto.
Gli dico di chiamare i vigili e lui mi invita a seguirlo al "campo". Quando capisce che io non mollo sale in macchina e se ne va senza dire nulla.
Mi dispiace non aver preso la targa, chissà magari lo prendevano e almeno moralmente mi rifacevo della strusciata che mi ha lasciato lungo la fiancata.

Anonimo ha detto...

Ciao ragazzi,
ieri sera è successo anche a me, zona piazzale delle provincie, la scena è del tutto simile a quella che descrivete voi, in quel momento sono stato preso dal panico ma, seppure non abbia avuto la lucidità e la rapidità di prendere la targa (il tizio se n'è andato non appena ho chaimato mio padre) non gli ho dato i soldi, purtroppo mi tengo il danno e questo, a posteriori, mi fa imbestialire.
Cmq il tizio ha accento burino, carnagione scura, capelli mori, e soprattutto tatuaggio con bacio rosso stampato sul collo, all'inizio lui stesso, forse per catturare la mia fiducia, ha detto di fare il CID, io gli ho risposto che l'auto era di mio padre quindi dovevo chiamarlo visto che abita in zona così mi raggiungeva e facevamo tutte le cose fatte bene, chiamando la municipale, il tizio insisteva a sbrigarci che aveva gli amici che lo aspettavano e i bambini che si lamentavano a bordo della sua Clio blu.
Alla fine mentre chiamavo se n'è andato lamentandosi con me per avergli fatto perdere tempo.
Spero la mia segnalazione vi risulti utile...cmq provvederò a segnalarlo anche alle autorità.
Saluti a tutti

G.

Anonimo ha detto...

Mi e' capitato anche a me oggi. Ragazzo con lo scooterone molto gentile. Diceva che era carrozziere e che me la potevo cavare dandogli 100 euro fortunatamente non li avevo e gli ho detto che avrebbe dovuto aspettare perche' dovevo andare a prendere mia figlia. Quando sono tornata era sparito! Zona fonte meravigliosa

Anonimo ha detto...

Le targhe segnalate nei vari forum (una decina) come appartenenti ad auto dei "truffatori del falso incidente stradale" sono tutte, (casualmente?) senza assicurazione (fonte database ANIA) e intestate a cittadini stranieri (forse dei prestanome)residenti in Italia. Una verifica online da parte delle forze dell'ordine potrebbe identificarli ma bisogna sempre denunciare l'estorsione o anche soltanto segnalare il tentativo.

Anonimo ha detto...

Stessa cosa è successa a me circa un mese fa in zona Provincie, la strisciata effettivamente c'era sia sulla mia che sulla loro, ma i tizi devono avermi stretto mentre li sorpassavo (l'uomo alla guida di mezza età aveva gli occhiali, il ragazzo che lo accompagnava rasato, sui 20/25 anni, mi pare un tatuaggio e diceva di abitare nell'hinterland) mi hanno seguito, ho dovuto fermarmi e il ragazzo insisteva prima per fare il CID, adducendo come scusa il fatto che dovesse correre da un parente in ospedale, poi voleva assolutamente i soldi in contanti "per venirmi incontro", chiedendo prima 150 € e poi a scendere fino a 80, una corsa al ribasso pur di prendersi qualcosa; ho chiamato a casa chiedendo come risolvere la questione, e ho dato il mio indirizzo ai due tizi perché andassero sotto casa mia a farsi valutare l'entità di questo "fantomatico" danno dai miei, che li hanno aspettati per una mezz'ora buona: risultato, i tizi non si sono mai presentati.
Io la targa non l'ho presa, voi fatelo e denunciate immediatamente questi balordi!!!

Anonimo ha detto...

Scopro questo blog solo ora dopo aver subito due "incidenti" strani a poche ore di distanza, con strisciate sulla carrozzeria; ho pensato che ero stato proprio io, il danno era lì, ben visibile; ho pagato per non avere problemi, entrambe le auto non sono mie, ma la prossima volta seguirò i vostri utilissimi consigli. Appena posso scappo da questa città da schifo.

Anonimo ha detto...

Ho appena lasciato un commento; aggiungo che entrambe le volte a bordo delle auto che avrei strisciato vi erano bambini che stavano male. Qualcuno ha questo famoso numero dei vigili??? La polizia e i carabinieri so come chiamarli....

Anonimo ha detto...

Ieri sera mi è capitata la stessa cosa in Via Appia Nuova.
Stavo andando all'aeroporto di Ciampino. Una macchina blu (non ho visto il modello) mi si affianca sulla destra, la sorpasso, lei a sua volta mi sorpassa e rallenta davanti a me.
All'altezza di Colli Albani si accosta sulla destra con la freccia accesa, io rallento, controllo se la corsia di sinistra è libera, metto freccia e vado avanti, tutto con molta cautela. Giusto quando sto in corrispondenza di tale macchina, sento un doppio botto sul lato passeggero. La macchina suona e mi dice di accostare. Scende un ragazzo dai modi gentili che mi dice che l'ho toccato, che non ho visto la freccia, come si fa a guidare a Roma, bla bla bla.. tutto in maniera gentile (uno dei commenti che mi ricordo è "ma come fate a vivere a Roma!"). Mi dice che è disposto a fare il CID.Il ragazzo che è con lui dice che possiamo chiamare i vigili. Io gli voglio lasciare il numero di telefono perchè ho fretta di andare allaeroporto, ma lui mi dice che è di Rieti e che è difficoltoso tornare a Roma. Ci casco come un allocco!
La strisciata sulla sua macchina c'era e anche sulla mia. Ho notato che la prima cosa che ha fatto è avvicinarsi alla mia fiancata destra: deve essere in quel momento che ha fatto la strisciata sulla macchina. Il ragazzo aveva sempre le mani in tasca. Sul momento intuisco che c'è qualcosa di strano, ma la fretta che ho non mi fa ragionare. Gli sgancio 200 € perchè lui mi dice che ha un amico carrozziere che gli aggiusta la macchina. Giusto qunado sto risalendo in macchina mi rendo conto che mi hanno truffato, faccio per prendere il numero di targa, ma la macchina blu è giá sparita.
Come posso sporgere denuncia se non ho preso neppure il numero di targa? La faccia di quel co.... me la ricordo bene, però non ho altri elementi.

30-12-2014

Anonimo ha detto...

Senza targa è inutile andare dalle forze dell'ordine

Anonimo ha detto...

Per evitare truffe fate sempre il CID o cumunque comunicate sempre all'assicurazione, la storiella che aumenta automaticamente è una cavolata. Potete sempre riscattare il danno. Ovvero chiedete alla vostra compagnia la cifra che ha liquidato alla controparte, se vi sembra accettabile potete pagarla all'assicurazione restituendo i soldi che ha speso e rimuovendo quindi l'incidente dal vostro attestato di rischio ed evitando l'aumento di 2 classi.

Anonimo ha detto...

Asse mediano Nola-Villa Literno, Napoli
strada a 3 corsie
sento un colpo sordo dietro, senza auto in vista.Mi raggiunge una ford grigio sgangherata, stesso colore, dice di averlo colpito in fase di rientro.
Accosto ma non scendo; mi fa vedere tutta una fiancata rigata.Io guardo dal finestrino, e mi invita a scendere...
L'ho lasciato lì e sono andato via.mi ha credo fatto delle foto. La mia auto ha una abrasione superficiale alla fiancata posteriore ad una altezza spopositata, in una parte cava, non sul parafanghi-passaruote.
Ci sto'ancora male.

Anonimo ha detto...

aggiunta al commento precedente:
alla guida v'era un trentenne, come passeggero un anziano che si muoveva a scatti tipo Alzaimer ...
I graffi che ho poi guardato con cura sembrano da carta vetrata, nel senso che non hanno incavato la carrozzeria e sono abrasioni, non compatibili con un urto nè con l'altezza...
Lo stress psicologico è forte...

Utente ha detto...

Rilassati, la prossima volta sarai più risoluto e non verrai colto alla sprovvista. Per il resto valgono i soliti consigli: chiamare le forze dell'ordine ancor prima di fermarsi e segnarsi immediata mente la targa dei tizi, senza scendere ovviamente. Loro scapperanno a gambe levate non appena vi vedranno compiere queste due azioni. Constatato di persona

Anonimo ha detto...

Vorrei segnalare l'evoluzione della specie: Lo stuntman.
Sabato sera, ore 23.30 circa, via Giorgio Morandi. Strada a senso unico con carreggiata sufficientemente larga da consentire a una macchina in doppia fila di fermarsi senza bloccare il traffico.
Ero molto stanco, quindi poco lucido.
Vedo in lontananza un furgone in doppia fila. Un tizio esce da dietro i secchioni li posti e si appresta a salire, ma qualcosa mi stona da subito. Indugia troppo davanti allo sportello e avrebbe tutto il tempo per salire, stando, io, ancora lontano. Ma sul momento penso che ha solo i riflessi rallentati; forse ha bevuto troppo.
In realtà studiava la situazione; velocità (né troppo elevata da farsi male realmente né troppo bassa da non giustificare il seguito), occupante, fattibilità.
Evidentemente gli andavo a genio.
Io sempre molto cauto alla guida, mi appresto al sorpasso, avendo tutto lo spazio per procedere a circa 30/40 orari. La distanza dal tipo è giusta e sicura.
Gli passo accanto e sento un botto.
Mi accorgo che lo specchietto laterale destro è chiuso.
Capisco di averlo preso. In un secondo penso a cosa fare, se svignarmela o fermarmi; ma con gli investimenti non si scherza.
Mentre penso a questo vedo dallo specchietto retrovisore che il tizio sta in pedi come aspettando una reazione. Non appena inizio a frenare, e quindi gli stop si accendono, incomincia a piegarsi dal "dolore" e fare cenno di fermarmi. Accosto venti metri più avanti intuendo che sarà una nottata di cacca. Arriva tenendosi la mano destra, a passo sostenuto e chino da chi sta soffrendo molto.
Abbasso il finestrino destro ma non scendo.
Si avvicina e gli chiedo "Ma che t'ho preso?" "Che me stai a prende in giro? Te sei pure fermato!"
Qualche secondo in cui fa espressioni tra il dolore e l'arrabbiato, molto ma molto credibili.

Anonimo ha detto...

Mi mostra la mano, sostenendo che mentre passavo l'ho urtato con lo specchietto. La mano è effettivamente "gonfia", ma non da chi ha ricevuto una botta, più che altro di chi con le mani ci lavora, come può essere un muratore, un facchino e questo lo so perché ho amici che fanno questi mestieri e sono simili.
In più su una nocca c'è del "sangue", come se scorticata, ma non cola, come se disegnato con pennarello.
Al che mi dice che gli ho fatto male, ma non è quello il problema. Aveva in mano un cellulare di ultimo tipo, che con l'impatto gli è volato via fracassandosi. Me lo mostra e ha il vetro completamente spaccato.
Digrigna i denti dal dolore e dalla rabbia e mi guarda come chi sta per esplodere.
Mi dice che lo ha comprato da poco e l'ha pagato €350,00.
Per la mano non ci sono problemi, ma il cellulare...
Mi dice subito che ci lavora, che c'ha due figli, che deve avvisare la moglie del ritardo, che abita a Rieti e che gli devo risolvere seduta stante il problema.
Tutto questo mentre continua ad avere un'espressione di chi è dir poco arrabbiato per l'incidente e che dipende solo da me se continuerà a contenersi.
Gli propongo il CID, di prendersi il numero della targa, di tenerci in contatto telefonicamente ma niente.
Mi chiede subito quanti soldi ho in tasca "c'ho solo 30 euro "Come 30 euro?" e che se va in giro di sabato sera co 'sta miseria?
"c'hai il bancomat, prelevi!" "il bancomat? e che d'è" " tu m'hai fatto 'sto danno e adesso me lo risolvi".
Frastornato per l'accaduto e poco lucido per la stanchezza vado nel pallone e non riesco a elaborare un piano che non preveda il pagamento.
Anche il suo atteggiamento velatamente minaccioso mi spaventa. Dopo tutto l'ho quasi investito.
Cerco di pagare il meno possibile.
Mi faccio seguire fino a casa, parcheggiando abbastanza lontano da non fargli capire in quale portone entrerò e gli dico di aspettare 10 minuti (la cosa non lo convince, e mi dice che è troppo tempo e mi devo sbrigare. Ma ha solo paura che temporeggio per chiamare la polizia). Ma queste riflessioni le faccio l'istate dopo avergli dato i soldi.
Volevo solo che la cosa terminasse il prima possibile.
Costo del danno € 200,00 più una notte insonne dal nervosismo.

camilla burma ha detto...

mi brucia ancora essermi fatta imbrogliare con il giochetto delle chiavi a terra: si è accostata una mercedes nuova fiammante e la persona alla guida mi ha indicato un mazzo di chiavi a terra, sono scesa dall'auto per verificare se erano mie, mentre scendevo da un lato, dall'altro hanno aperto la portiera e portato via la borsa

Anonimo ha detto...

E'successo ieri sera a me: Via Aurelia all'altezza di Malagrotta. Sorpasso una macchina che si comporta in modo strano. Sento il rumore del colpo. Mi sfanala, accosto dietro di lui (che nel frattempo mi ha sorpassato) e ci fermiamo su una corsia di decelerazione. Mentre lui va verso la mia ruota un'auto sull'aurelia usa il clacson per distrarmi. Il tipo mi suggerisce di spostarci in luogo più sicuro e mi porta nei pressi del Centro Anziani di Malagrotta. Ragazzo sui 30, aspetto ordinato, sciarpetta al collo, forte accento Romano o zone limitrofe, mi propone il Cid, io non ho il cid, propone di chiamare i Vigili, che l'ultima volta che ha chiamato hanno impiegato 1h e 30, o di fare tra noi, fa il carrozziere ed è malato quindi si vuole sbrigare. Io effettivamente stanco dopo diverse ore di viaggio osservo le fiancate di entrambi strisciate, faccio un paio di telefonate ad amici che si intendono di carrozzeria (?) e alla fine negozio 100€ invece di 150. Ma non ho contanti. Alla fine mi accompagna al bancomat più vicino tenendosi però a una trentina di metri dallo stesso. Ci si saluta e mi indica anche la direzione per uscire da quel posto. Memorizzo la targa ma....puff...10 minuti più tardi l'ho già dimenticata....
Era una Peugeot 206 credo, colore blu scuro, vecchio modello con un tettino posteriore di plastica nera, e lo specchietto sinistro pieno di scotch. Solo più tardi realizzo che si è trattato di una truffa! Se dovesse capitare a qualcun' altro con lo stesso soggetto, raccontate la storia e datemi la targa!!!!!
G.A.

Anonimo ha detto...

Stessa dinamica anche per me mentre mi accingo a fermarmi ad un semaforo (30-40 km/h)a via Andrea Mantegna: tizio con la barba in attesa sulla strada che sale sul suo furgoncino al tuo passaggio,furgoncino targato Rieti, cellulare in frantumi,ferita sulla mano, specchietto spostato da lui ovviamente. Andiamolo a prendere con i bastoni non meritano altro!!!!

Anonimo ha detto...

Zona San Giovanni, Toyota Yaris Nera, tentantivo di truffa con finta strisciata a mia madre. Fortunatamente le è venuto il dubbio ed ha chiamato i carabinieri..sono scappati. Solita dinamica, lui in macchina con una ragazza e dice anche un bimbo, scende dalla macchina posizionata in maniera tale da rendere difficoltoso il riconoscimento della targa. Yaris lucida ma notevolmente danneggiata. Dichiara che il danno costerebbe 900 euro, ma lui si accontenta di 250 per evitare di far lievitare a mia madre il prezzo dell'assicurazione.

Comincio le ronde in zona san giovanni....

federica ha detto...

via cassia motorino blu vecchio il tizio sui 28-30 anni casco blu educato e gentile un po grassoccio non molto alto e con un po di barba all'inizio gentile poi quando ho sentito la "puzza" ho iniziato ad inveire contro di lui dicendo che avevano rotto con queste stronzate della truffa ha iniziato ad insultarmi,gli ho detto di chiamare i vigili e mi ha risposto che era senza cellulare e quando l'ho preso io per chiamarli s'è dato a gambe....la macchina è cmq rigata. come possiamo farli smettere...ancora con le buone?

Anonimo ha detto...

Fatte attenzione in zona Via Monti Tiburtini e limitrofe Tiburtina vicinanze Ospedale Sandro Pertini, sta circolando una Alfa Romeo 156 grigio metallizzata chiara cinque porte, con a bordo tre persone, l'autista e' un ragazzo con barba incolta (presumo che siano gli stessi che girano anche con la Toyota Aygo grigia scura,vi si mettono davanti e decelerano facendo in modo che li sorpassiate, ieri pomeriggio in torno alle 17:55 li ho beccati ma se la sono presa nel culo non li ho mai sorpassati, dopo di che capito l'andazzo di essere scoperti sono fuggiti su ponte lanciani prendendo la tangenziale est direzione nomentana!
Per qui fatte attenzione ad un Alfa Romeo 156 grigio chiaro metallizzato 5 porte, non se ne vedono molte piu' in giro!

Anonimo ha detto...

Circa un mese fa transitoin unastrada a senso unico in zona Via Gallia. Un tizio su uno scooter fermo urta la portiera dx (strisciata), si sente un colpo. Mi viene accanto e mi indica una segno sullo scooter. Solo che segno e strisciata sono ad altezze differenti!! Il coglione scappa di corsa con targa coperta e seguito dai miei insulti. Fateci caso: ci provano solo con le auto che hanno solo il guidatore a bordo!! Me ne capitera uno ogni due mesi, io oramai ho capito l'andazzo e li mando subito a quel paese. Francesco

Anonimo ha detto...

06.05.2015
Via nomentana dopo la batteria nomentana.
Un complice mi guida davanti di quelli che non si muovono mai e non sanno dove andare.
Lo sorpasso regolarmente metto la freccia a dx ovvio non c'era nessuno tranne che una yaris - di cui ho segnalato poi la targa ai carabinieri e polizia- metallizzata in fondo che non camminava neanche,faccio il sorpasso sto sulla corsia centrale e mi passa a fianco a mio dire senza neanche toccarmi ma sento come un sassolino che mi colpisce la carrozzeria della macchina...
Questo tipo mi dice di accostare per contestarne l'urto con la sua macchina.
Scendo per vedere e c'è una strisciata disordinata che al tatto mi lascia materiale grasso sulle dita...
Un urto come avviene con una macchina lascia proprio il segno, ma sul serio, non una strisciata di grasso.
Andiamo alle solite minacce:
non hai cid? chiamo i vigili...ok
prendo la spugna e pulisco e non c'era più niente...e gli dico ora chiamo io i vigili.
Il signorino ha messo la coda tra le gambe ed è scappato via.

Anonimo ha detto...

In zona tangenziale est mi è successa la stessa cosa, altezza san giovanni.
Due settimane fa, in una giornata particolare per motivi personali, sorpasso una Lancia Y (modello grigio o nero) e sento un tonfo.
Essendo scosso su un piano emotivo per altre ragioni dopo la sfareggiata mi accosto.
Ragazzo fra i 25/30 con donna, con tatuaggio sul collo, che si mostra gentile, ma che subito mi fa vedere lo specchietto polverizzato.
Gli spiego la mia situazione di quel giorno e mi scuso.
Lui vuole fare il cid, l'auto non era la mia quindi rifiuto e provo a contrattare.
Alla fine gli lascio 50 euro, con il dubbio comunque di non averlo preso, ma consapevole di non essere proprio nel massimo della presenza mentale e quindi faccio mea culpa.
Lui mi invita pure a correre meno e a non sostare al centro della carregiata.
Ieri invece succede l'incredibile: intanto percepisco qualcosa di strano, ovvero una macchina che rallenta in tangenziale e che sta sulla dx.
Prima di batteria nomentana, la supero e questa volta distintamente mi accorgo che il guidatore mi tira qualcosa sullo sportello (nel superlarlo infatti esito un po' e rimaniamo testa a testa, e lì mi accorgo del "lancio").
Penso sia un pacchetto di sigarette lanciato per sbaglio e neanche mi preoccupo: quando lui sfareggiata e si avvicina, penso stupidamente si stia scusando.
Invece arriva sbraitando: purtroppo per lui però nel momento in cui mi volto per vederlo e i nostri sguardi si incrociano, capisco al 100% che è lui; sempre con la stessa donna, leggermente più giovane e stranamente incinta (anche se molto magra, ma questo lo aveva detto la prima volta).
Anche lui capisce che sono io, perché nonostante gli occhiali l'espressione sul viso è inequivocabile e immediamente, nonstante l'aggressività iniziale, svolta subito e sparisce quasi in fuga.
L'accento è romano, lui ha una carnagione molto scura, e ha un tatuaggio sul collo nonché i capelli con doppio taglio ingelatinato.
Non è pensabile colpire per due volte la stessa persona in tangenziale a distanza di due/tre settimane, non avendo oltrettutto mai avuto in oltre dieci anni di guida incidenti simili.
Occhio!

Anonimo ha detto...

Ragazzi grazie dei vostri commenti,io ho scritto a meta marzo della 156 vicino al Sandro Pertini, e da come vedo questi stronzi girano dalle parti della tangenziale est, Batteria nomentana, San giovanni, Tiburtina, San Lorenzo ecc... insomma almeno per me c'e' li ho sotto casa, comunque non dategli mai i soldi, e non sorpassateli mai anche se si fermano, prendete il cellulare in mano e chiamate subito la Polizia fornendogli il numero della loro targa!
Comunque staro' attento anche a questa Lancia Y , e alla Toyota Yaris, forse potrebbero essere anche quelli con la Toyota Aygo e non la Yaris.
Inoltre vi volevo segnalare che anni fa', mi successe una cosa simile con lancio di un sassolino sulla fiancata destra, ma non mi fermai! di fronte al Centro Commerciale Porta di Roma Via di Settebagni vicinanze agenzie delle entrate per prendere il Grande Raccordo Anulare, ed era una Volkswagen Lupo Nera con dentro un solo ragazzo,non mi fece nulla sulla carrozzeria.
Comunque state sempre con gli occhi aperti!

Anonimo ha detto...

Mi è successo l'altro giorno in zona porta di Roma, passo nella corsia di sorpasso di una strada a due corsie e sento un botto sulla macchina, rallento e mi si accosta un tale che mi dice che l'ho strusciato in maniera molto gentile. Io gli dico che non è possibile e che mi sembra molto strano, ci accostiamo e scendiamo a guardare i danni, io continuo a dirgli che non posso averglielo fatto io e al che lui in maniera molto gentile mi fa notare la strisciata sulla mia fiancata, al che non conoscendo questa truffa ho pensato che doveva aver ragione, lui in maniera molto gentile mi dice di fare il cid, ci mettiamo a cercarlo ognuno nella propria macchina, io ne avevo uno rotto lui non trovava il suo, ci guardiamo e gli dico che gli posso dare 50 euro anzichè fare il cid perchè non volevo mi aumentasse l'assicurazione, lui mi dice che 50 sono poche e mi stranamente a differenza di quello che ho letto qui mi chiede se mi conviene, se sono sicuro, ma cmq aveva sempre fretta. Alla fine mi dice: ce la fai ad arrivare a 100 euro? gli dico di si, andiamo al bancomat e lui non scende dalla macchina, io prelevo i soldi ma prima di darglieli mi rimetto a guardare le strisciate perchè cmq qualcosa non mi tornava, ma ripeto non essendo al corrente di questa truffa ho pensato che forse non mi ero reso conto della dinamica mentre ero in macchina, gli do i soldi lui mi da la mano e va via senza nemmeno esser sceso dalla macchina (forse aveva paura delle telecamere). non ho preso la targa perchè non ci ho pensato, li per li credevo mi stesse facendo un gran piacere a non fare il cid, ma più leggo queste testimonianze più mi convinvo che fosse una truffa, infatti ripensandoci poi il botto l'ho sentito quando già avevo passato la macchina. ora non so se era una truffa ma state attenti, ZONA PORTA DI ROMA, MACCHINA CHIARA FORSE BEIGE, TIPO BASSETTO SCURO DI CARNAGIONE, BARBA E OCCHIALI. La prossima volta che mi ricapita di sentire un botto e qualcuno che mi lampeggia chiudo le portiere a chiave accosto e chiamo subito i carabinieri, ma non per me, bensì per lui perchè se mi ricapita qualche pezzo di merda di questi non so come posso reagire. State attenti e se vedete qualche macchina che stranamente va troppo piano non la sorpassate o fatelo guardando bene sul vostro lato destro.

Anonimo ha detto...

Ciao ho letto poco fa' il tuo intervento, io avevo scritto l'intervento precedente, che mi successe anche a me nel maggio del 2011, nelle vicinanze del Centro Commerciale Porta di Roma, ma non mi fermai alle lampeggiate di quello stronzo che voleva fare la truffa.
Ci saresti a tutti di aiuto, se fossi piu' preciso a indicarci il tipo di modello di auto del truffatore, e la via dove ti e' successo, dacci ulteriori informazioni!

Anonimo ha detto...

Ciao, guarda la macchina era una monovolume di colore chiaro, non riesco proprio a ricordare il modello, la via è via Carmelo Bene, all'altezza dell'ufficio vendita appartamenti parco delle sabine.

Anonimo ha detto...

Ok ti ringrazio dell'informazione, si conosco Via Carmelo Bene sta nelle vicinanze di Via Alberto Lionello centro commerciale Porta di Roma ci passo quasi tutti i giorni per andare a porta di Roma centro commerciale, quella strada collega anche Colle Salario.

pino ramunno ha detto...

Anche a me è successo questa cosa a io notai che non c'era nessuna corrispondenza con il con lo specchietto spaccato e la strisciata sulla mia macchina, anche che in effetto avevo sentito un botto quando lo sorpassai, e pensai subiti che i due ragazzi stavano facendo una truffa.
Nel momento in cui questi dissero che volevano chiamare i vigili io gli risposi serenamente che non c'era problema e che potevo aspettare tutto il tempo che ci voleva. I due ragazzi cominciarono a prendere il cellulare e intanto mi dicevano che lo specchietto potevano trovarli usato e se chiamavano i vigili per me erano cazzi amari.
Io sapevo che questi non avrebbero mai telefonato e cercavano di fregarmi un po' di soldi.
Io non ho cambiato idea e mi son messo a sentire la radio.
A quel punto i due sono saliti in macchina e se ne sono andati.
La botta sulla mia macchina l'hanno fatta con un pezzo di gomma tenuto premuto sulla mia fiancata, il carrozziere mi ha detto che bastava un prodotto e che in 5 minuti se ne andava via.

Anonimo ha detto...

Buongiorno, vi scrivo per segnalare l'ennesima truffa della strisciata che mi è capitata ieri, verso mezzanotte, su Via Catania. Ero alla guida della mia macchina, da sola, quando, poco dopo aver sorpassato una bicicletta sento un forte rumore come uno scoppio così decido di fermarmi poco più avanti per verificare che cosa fosse accaduto pensando a un danno alla mia vettura. Premetto che, rendendomi conto di quanto sia rischioso girare a Roma in bicicletta, presto sempre molta attenzione nei sorpassi e controllo automaticamente dallo specchietto che ogni sorpasso vada a buon fine. Anche in questo caso non avevo notato nulla di anomalo se non il forte rumore. Appena mi fermo con la macchina mi raggiunge immediatamente il conducente della bici e si affianca sulla destra. quindi scendo e inizia a farfugliare qualcosa sul fatto che correvo troppo e lo avevo colpito rompendogli il fanale. Questo almeno è quello che ho capito dato che l'individuo non parlava, ma più che altro emetteva versi e faceva dei gesti come se fosse sordo-muto. Però stava benissimo, nemmeno un graffio e lo stesso per la bici che funzionava perfettamente ma davanti al manubrio aveva in effetti un pezzo di ferro rotto (ma non mi sembrava un danno recente e nemmeno la bici lo era). L'uomo inoltre era straniero, forse filippino, e molto giovane ma penso almeno maggiorenne. Comunque, accertatami che stesse bene gli ho detto che io non gli avevo fatto niente e allora lui mi mostra una strisciata sul lato destro della mia macchina (proprio vicino a dove si era fermato lui), io gli dico dammi il tuo numero, se ho fatto un danno te lo faccio riparare, lui rifiuta più volte e mi chiede dei soldi subito, io gli dico che non li ho e che se insiste chiamo i carabinieri, allora lui inizia a dare in escandescenza e alzare la voce e io a quel punto salgo in macchina e me ne vado temendo conseguenze peggiori. Io sono sicura di come guido e dato che in passato anche il mio ragazzo era incappato nella truffa dello specchietto ho subito presagito odore di truffa e sono stata irremovibile sui soldi, però io dico: queste situazioni possono facilmente degenerare e sono troppo pericolose, la prossima volta che mi dovesse succedere non mi fermerò per nessun motivo!

roga ha detto...

Stessa cosa dello specchietto rotto. Mi trovavo all'inizio del ponte delle valli direzione Piazza Conca D'Oro. Mentre sorpassavo il veicolo sentivo un urto allo specchietto lato passeggero. Io sono molto attento nei sorpassi e probabilmente mentre sorpassavo l'auto dei gaglioffi si è spostata appositamente per cercare l'urto. Rincorso, fatto fermare. Solita tiritera del cid e poi hanno richiesto (erano in due e io da solo) 150 euro per lo specchietto che gli avevo rotto. Purtroppo non sono stato pronto alla replica anche perchè avevano 2 faccie poco raccomandabili. Ci sono cascato come un pirlone. Spero solo che i soldi gli servono per tante medicine.....Bastardi.

roga ha detto...

Stessa cosa dello specchietto rotto. Mi trovavo all'inizio del ponte delle valli direzione Piazza Conca D'Oro. Mentre sorpassavo il veicolo sentivo un urto allo specchietto lato passeggero. Io sono molto attento nei sorpassi e probabilmente mentre sorpassavo l'auto dei gaglioffi si è spostata appositamente per cercare l'urto. Rincorso, fatto fermare. Solita tiritera del cid e poi hanno richiesto (erano in due e io da solo) 150 euro per lo specchietto che gli avevo rotto. Purtroppo non sono stato pronto alla replica anche perchè avevano 2 faccie poco raccomandabili. Ci sono cascato come un pirlone. Spero solo che i soldi gli servono per tante medicine.....Bastardi.

Clarice de verget ha detto...

Ciao! per coloro che hanno problemi di finanziamento, si prega di contattare: duranddupond290@gmail.com è grazie a questo indirizzo sono stato in grado di ottenere un prestito di 25.000 € che mi ha permesso di risolvere i miei problemi questo è quello che voglio ha condiviso queste informazioni con voi. grazie

GIORGIO ha detto...

A me è successo ieri sera, su via del Divino Amore, dopo via della Falcognana. Sorpasso e sento un rumore tipo pietrina sulla carrozzeria, e non mi fermo. Vedendo lampeggiare questa tingo grigia, mi fermo e il tizio mi dice di averlo preso, avvicinandosi e mostrandomi per primo il graffio sulla mia macchina che stranamente non era affatto regolare ma sembrava partisse dall'alto.
Era un tipo poco raccomandabile, basso, tutto tatuato e diceva di venire da campobasso e che doveva dirigersi urgentemente in ospedale, dunque potevamo risolverla con contanti e non voleva meno di 100euro. Dunque mi ha accompagnato allo sportello bancomat precisandomi di non dover chiamare nessuno, sennò anche lui l'avrebbe fatto. Io ovviamente ho chiamato il mondo, e appena arrivati al bancomat ho preso tempo e prelevato 50 euro dicendogli che il resto non li avevo, e che li avrebbe portati da li a qualche minuto il mio amico e che se non voleva aspettare avevo già chiamato la polizia che era in arrivo. Dopo queste parole, a posteriori di minacce del tipo io ti rovino, ti faccio levare la patente e simili (aspettavo solo che estraesse un coltello e addio), mi lascia perdere e se ne va. Purtroppo non ho guadagnato abbastanza tempo e anche la ricerca successiva non ha dato frutti. Gli auguro di comprarsi tanti bei medicinali con quei 50 euro, e più, per lui e la sua famiglia di merda. ROMA FA SCHIFO

Anonimo ha detto...

Ciao Giorgio e Roga, per noi tutti ci potete dire il tipo di veicolo, la marca il colore ecc... che vi ha tentato la truffa , almeno pure noi possiamo stare attenti a questi tipi di veicoli.

Anonimo ha detto...

La truffa della strisciata non si ferma. Via Prenestina, altezza Largo Irpinia, sento uno schiocco quasi metallico. Premetto che avevo gli auricolari e stavo parlando al cellulare. Accortomi di una macchina azzurra (Toyota Aygo o Peugeot 107, sono identiche) sulla destra penso di aver preso lo specchietto, così accosto nello spazio di fermata del bus. L'auto azzurra mi sorpassa e si ferma subito dopo nella rientranza di un benzinaio. Ho realizzato la truffa in quel momento, memore del racconto di mio fratello a cui era capitato già. Vado avanti, facendo vedere che stavo parlando al cellulare con ampi gesti. Il tizio alla guida, un individuo con forte accento campano, scuro di carnagione, collo tatuato, grasso, con occhiali e brufoli sulle guance mi fa segno di accostare. Mi fermo e gli dico "Scommetto che ti ho preso lo specchietto,volevo scusarmi", al che lui mi fa una sorta di paternale perché devo stare più attento e ho messo subito la freccia tagliandogli la strada. Di istinto ho preso la palla al balzo, perché mi sembrava un po' sconcertato dalla mia manovra repentina, per cui mi sono detto "Questo è un ladro di polli, se ci prova lui, ci provo anche io". Da notare che, dietro, nel seggiolino, c'era mio figlio di 3 anni. Al che mi ripete la solfa e dice "hai anche una creatura!" e lì non ci ho visto più; con calma gli ho risposto "e allora? tu non ti preoccupare e pensa ai tuoi" (accanto aveva una ragazzina di 10-12 anni sempre grassottella, dall'aria rom). Insomma, prima mi fa vedere la strisciata proprio sotto lo specchietto (bianca), poi parla di CID e poi propone i soldi. Siccome la mia macchina dev'essere realmente riparata per un incidente recente, ho detto che a me di questo danno non fregava nulla. Peraltro il genio non è mai sceso dall'auto ma sapeva perfettamente il tipo di danno subito. Io sono un logorroico, lo si vede da quanto scrivo, perciò lo interrompevo sistematicamente facendogli notare le incongruenze e alla fine, quasi sorridendo, ho preso il telefono e l'ho informato che stavo chiamando non solo i vigili, ma che al momento dell'urto presunto chiacchieravo con un amico e che stava arrivando insieme ad altri dal bar di fronte (bluff clamoroso, anche se ho vissuto per 12 anni da quelle parti e conosco davvero alcuni elementi "discutibili"). Lì è scattato il panico: "Ma io ho fretta ho la bambina... I vigili, gli amici... Hai fretta anche tu no?" E io "No, per niente, non ci corre dietro nessuno". Risultato? La macchina "poteva aggiustarla da solo perché era un danno stupido" e io "potevo andarmene". L'ho guardato scuotendo la testa e mettendo la mano con il palmo aperto all'insù, come per dire "che poveraccio" e me ne sono andato.
Ora, io non sono un eroe, sono un padre di famiglia di 42 anni che lavora e fa sacrifici, ma sono riuscito a mantenere un minimo di freddezza. Forse sono stato fortunato, forse incosciente. Però vi invito a reagire con lo stesso loro atteggiamento perché molto spesso hanno più paura di noi, altrimenti ci rapinerebbero con una pistola in faccia. Sono dei topi e vanno trattati da tali. Naturalmente se subite la truffa denunciateli senza pensarci, a me è andata bene, mi tengo la strisciatina ma ne sono uscito con una risata.

Anonimo ha detto...

Ah sono sempre il papà del bimbo di 3 anni: voglio precisare che neanche io sono sceso dalla mia macchina ma mi sono sporto dal finestrino lato passeggero. Non lascio mio figlio solo in auto, figurarsi in quella situazione. E comunque meglio restare nella propria auto, non si sa mai.

Anonimo ha detto...

Ciao ho letto il tuo post, a che ora ti e' successo? e la targa non sei riuscito a prenderla?
La Toyota aygo di che colore era?

Vittorio Bonanni ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

E' successo anche a me ieri pomeriggio in via Cortina d'Ampezzo a Roma. Supero con la mia auto uno scooter, forse un SH, sento un botto e poco dopo il tizio mi suona facendomi capire che l'avevo urtato. Mi fermo e mi chiede in primo luogo di fare il cid subito facendomi vedere una improbabile strisciata. Gli dico che vado di fretta e che se mi dava un suo cellulare ci saremmo risentiti. Dico anche che essendo il danno minimo potevamo anche metterci d'accordo con un piccolo risarcimento ma non subito. A quel punto dice che il giorno dopo sarebbe ripartito per Milano e comincia a chiedermi quanto avevo in tasca, anche cifre consistenti, 200-300 euro. Comincio ad innervosirmi perché tra l'altro avevo anche a casa mio figlio ammalato e ad un certo punto gli dico di prendere il numero della targa e me ne vado. Anche lui, con un sorriso di quello che ci ha provato, se ne va. Bisogna girare sempre allertati.

Anonimo ha detto...

Anche nel mio caso per dare una parvenza di legalità mi ha chiesto di chiamare i vigili.

Anonimo ha detto...

Questa storia dello specchietto è capitata a me ieri sera verso le 18 sulla Casilina per andare al centro. Sono preso con la guida davanti e sento come uno schiocco sulla destra, vado qualche metro avanti non capendo da dove proviene questo rumore(come un sasso), ma una macchina mi fa segno di fermare. Io fermo e lui mi mostra il suo specchietto accanto alla guida sulla sinistra, con il vetro frantumato. Mi fa subito vedere dei fogli, che dovrebbero essere del Cid e mi chiede i dati per inviare all'avvocato, neanche all' Assicurazione. Mi fa vedere che il danno è pesante,perchè lo specchietto non si sposta elettricamente. Io purtroppo avevo fretta e questo mi ha fregato, gli ho detto che mi sembrava esagerato l'avvocato e di risolverla con un rimborso (non potevo perdere tempo). Abbiamo contrattato e siamo arrivati a 150 euro, bontà sua...Io ho 74 anni e probabilmente ha approfittato di questo. Di una cosa sono quasi certo che era impossibile lo scontro-strisciata se non intenzionale. Era un giovane con accento napoletano.

Arnaldo ha detto...

Qualche tempo fa, un paio di mesi, mi è capitato all'imbocco sulla tangenziale da Monti Tiburtini. Sento lo schiocco sulla destra,penso a un sasso. Ad un certo punto mi si affianca una macchina(un uomo alla guida, accanto una donna, dietro due ragazini)la donna e l'uomo fanno molti gesti verso di me. Io vado avanti, ma questi mi inseguono e mi fanno cenno di fermare. Non è facile fermare sulla tangenziale e alla fine lo faccio a un distributore. Scende l'uomo con accento meridionale e mi accorgo che la donna vicino a lui ha il pancione. Lui mi dice che va di fretta perché deve portare la donna ad una visita. Mi sento un po' in colpa anche se la cosa non mi quadra molto. Lui dice di essere di Frosinone, sono chiaramente dei rom. Io gli domando "siete rom?" e lui fa lo scandalizzato. Non mi so districare bene dalla situazione e lui dice di venirmi incontro, perché ha fretta per la visita. Il prezzo è 150euro...ma la sensazione brutta èp di essere stato fregato alla grande. Quello che non capisco è come fanno lo schiocco alla parte destra...

Anonimo ha detto...

Non è solo Roma che fa Schifo, anche Napoli, Milano ecc... è il mondo che ormai fa schifo.
Sono stato truffato l'altro giorno col trucco dello specchietto. Purtroppo il truffatore abita nel mio paese, e frequenta gente "molto poco raccomandabile" (per sua stessa ammissione) che controlla un po' tutti i malaffari della zona; la cosa assurda è che dopo esserci "accordati" per una certa cifra dopo il presunto "urto", sono venuti il giorno dopo fin sotto casa mia (non so come mi abbiano rintracciato) dicendo che i soldi non gli erano bastati per la riparazione! Per evitare noie con questa gente, gli ho dato il resto della somma, ma resta l'amarezza di essere consapevole della truffa e di essere stato doppiamente sbeffeggiato!
La prossima volta la cosa la chiudo sul nascere, diventerò un computer che emette solo il suono "CID" a ripetizione!
Comunque sia, la cosa che da più fastidio quando succedono queste cose sono le parole dei conoscenti che ti dicono "sei stato un ingenuo, dovevi fare così e così"... che rabbia! Vorrei vedere loro in certe situazioni grottesche!

Abey kelly ha detto...

Questa è la mia testimonianza del buon lavoro di un uomo che mi ha aiutato .... Il mio nome è Abey Kelly ... La mia vita è tornata !!! Dopo 8 anni di matrimonio, mio ​​marito mi ha lasciato e mi ha lasciato con i nostri due bambini. Mi sentivo come se la mia vita stava per finire, e stava cadendo a pezzi. Grazie ad un incantesimo caster chiamato Dodo papà che ho incontrato in linea. In un giorno fedele, come stavo navigando attraverso internet, ero alla ricerca di un buon mago in grado di risolvere i miei problemi. Mi sono imbattuto in una serie di testimonianze su questo particolare mago. Alcune persone hanno testimoniato che ha portato il loro amante ex indietro, un po 'testimoniato che egli restituisce grembo, alcuni testimoniato che egli può lanciare un incantesimo per fermare il divorzio e così via. C'era una particolare testimonianza che ho visto, si trattava di una donna di nome Erica, ha testimoniato di come papà dodo ha riportato il suo amante Ex in meno di 72 ore e al termine della sua testimonianza lei cadere papà dodo indirizzo e-mail. Dopo aver letto tutti questi, ho deciso di dare una prova papà. L'ho contattato via e-mail e spiegato il mio problema per lui. In soli 3 giorni, mio ​​marito è venuto verso di me. Abbiamo risolto i nostri problemi, e siamo ancora più felici di prima. papa dodo è davvero un uomo di talento e dotato e io non fermarlo pubblicazione perché è un uomo meraviglioso ... Se hai un problema e siete alla ricerca di una vera e genuina mago per risolvere il problema per voi. Prova il grande dodo papà di oggi, potrebbe essere la risposta al vostro problema. Ecco il suo contatto: dodoparkerspiritualhome@gmail.com o tramite + 2.348.054,680554 millions Grazie grande PAPA DODO

Anonimo ha detto...

Salve,
A me è capitato ieri su Via Casilina...All'inizio ho pensato di aver toccato sul serio lo specchietto perchè sento il rumore. Ma quando ho visto il mio aperto, quello dell'altra macchina aperto ho pensato tutto ok. Il tizio mi fa vedere uno squarcio sulla ruota posteriore...Ho capito subito che era una truffa...per giunta mi chiedeva soldi con una certa fretta...ho detto che andavo a prelevare, invece, una volta salita in macchina ho chiamato il 113. Come si sono accorti che ero al cell sono scappati! Erano stranieri probabilmente rom

Secutor ha detto...

A me oggi zona ardeatina altezza pomezia mercedes classe A ragazzo e compagna con neonato (finto ?) mi accostano dicendo che li ho toccati in sorpasso e in effetti la mia vettura è rigata lato dx, penso da fermo con destrezza il tizio l'ha rigata.....ha insistito a chiamare i vigili ma dopo la telefonata mi diceva che non venivano e dovevamo recarci insieme alla stazione dei vigili chissà dove mi portava.....sembrava una famiglia per bene così vuoi la fretta vuoi il dubbio sulle proprie facoltà mentali pagavo e. 120 e risolvevo....ma leggendovi la prossima volta chiamo i carabinieri a fare il verbale e provvedo a girare con una mazza da besball.......visto che Roma è infestata da questi insetti ! Comunque oggi l'ho preso al K.

Grazie Roma

Carlo Alfano ha detto...

Ci provarono con me anni fa e ci cascai. 50 euro. dopo un sorpasso mi seguirono dicendo che li avevo urtati. faceva anche la parte di quello che si era agitato etc...anche nel mio caso erano carrozzieri...vabbe qulla volta ci cascai.

ci hanno riprovato più di recente sulla roma fiumicino all'altezza della magliana. questa volta in modalità famigliola. una punto grigia con anche uno o due bambini dentro. sento il colpo e questi cominciano a inseguirmi e a insultarmi oltre che a piantarsi davanti la mia macchina frenando e cercando di farmi accostare (io più o meno me la cavo al volante ma pensate fatto a una persona anziana o simili...su un autostrada). ma non me li sono in*** di pezza...gli dicevo ma se ti ho sorpassato a 2 metri di distanza come ho fatto a colpirti?? alla fine visto che non mi fermavo se ne sono andati per la loro strada. spero verso la morte. unico rammarico non aver denunciato/fatto in modo che li beccasse la polizia

Anonimo ha detto...

Il giorno 11 c.m. è successo anche a me alle ore 15:30 circa ; viaggiavo sola sulla tangenziale di Roma per raggiungere l'uscita di Viale Tor di Quinto, quando un motorino mi ha costretto a spostarmi di poco entro la mia corsia e ho sentito il rumore di un sasso che colpiva la mia autovettura. Ho proseguito pensando che fosse stato il motorino a danneggiarmi;in realtà sono stata inseguita da due macchine, una bianca e una di colore celeste che mi hanno costretta ad accostare.
Ho visto soltanto gli occupanti della macchina bianca: un uomo che diceva di essere il padre di una donna incinta che si era spaventata; pretendeva scuse e soldi per riparare l'autovettura, poiché diceva di essere un carrozziere.
Io credevo che dandogli i soldi se ne sarebbero andati, anche perché ero al corrente di queste truffe, ma non sapevo quante persone ci fossero nella macchina bianca e temevo di essere aggredita.
Gli ho dato tutto quello che avevo (€ 165,00=), ma il presunto carrozziere pretendeva altri soldi (€ 210,00=); gli ho detto che non avevo le carte di credito e che potevo soltanto prelevare soldi in contanti (è vero non ho carte di credito).
Mi hanno fatto strada per accompagnarmi in banca e io non vedevo l'ora di liberarmi di loro, facendomi aiutare dal personale della banca, che ha chiamato la polizia.
I due truffatori hanno fatto più volte il giro del piazzale davanti alla banca seguiti dalla autovettura dei loro complici e poi si sono dileguati.
Nel risalire nella mia auto, dopo che i truffatori mi avevano costretta a fermarmi prima dell'uscita Tor di Quinto, per la paura ho sbattuto la fronte sul ciglio dello sportello della mia autovettura e ancora oggi ho un forte mal di testa e un livido.
Questo mi ricorderà che la prossima volta non mi devo fermare per nessun motivo e raggiungere la più vicina stazione di carabinieri o polizia.

13 agosto 2016 R.S.

Anonimo ha detto...

Ieri,
è successo di nuovo in Via Tuscolana a Roma all'altezza del semaforo della Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice. Mi ha fermato il presunto carrozziere della truffa dell' 11 c.m. a Tor di Quinto.
Questa volta stava in moto e aveva casco e occhiali con lenti trasparenti.
L'ho riconosciuto immediatamente e gli ho rammentato di Tor Di Quinto, dicendogli che avrei chiamato la polizia.
E' scappato immediatamente.
R.S.

wandy88 ha detto...

Arricchirsi oggi e correre il rischio di trasformare il proprio life.Try e
ottenere una carta in bianco Bancomat oggi (MR Wandy) e di essere tra i fortunati che beneficiano di questa scheda. Questa carta bancomat in serie bianca è in grado di hacking in qualsiasi ATM in tutto il mondo. Devo sapere su questo
BIANCO Bancomat quando ero alla ricerca di lavoro on-line circa un mese ago..It ha davvero cambiato la mia vita per sempre e ora posso dire che sono ricchi perché sono una testimonianza vivente. Il meno soldi ricevo in un giorno con questa scheda è di $ 3,000.Every ora e poi a mantenere il pompaggio di denaro sul mio conto. Anche se illegale, non c'è il rischio di essere scoperti, in quanto è programmato in modo che non può tenere traccia, ma ha anche una tecnica che rende impossibile per il CCTV di rilevare you..For dettagli su come ottenere il vostro oggi, hacker e-mail : wandyhackersworld88@gmail.com

Anonimo ha detto...

Tu he hai scritto che ti e' successo il giorno 11 di agosto sei una grande polla, sono anni che scriviamo di questa truffa e ancora ci cadi!
SVEGLIA, almeno ci puoi dire che macchina avevano come modello, e la moto che modello era di che colore.
Almeno spargiamo la voce ad altri automobilisti!

Anonimo ha detto...

E la prossima volta se ti risucede chiama subito il 112 o 113, prendi nota subito della targa di qqusti merdosi, cosi li denunci, SVEGLIATI!!!

Anonimo ha detto...

Grazie mille che mi hai illuminato. Ovvio che lui disse che così non era. Meno male che tu conosci le regole e ce le puoi spiegare. Io polla rimango uguale ma è ovvio che so che se uno apre lo sportello è colpa sua

Anonimo ha detto...

Non ho mai credere in incantesimi d'amore fino a quando ho incontrato un amico di mio che mi ha detto tutto di DR.otutu che ha portato il suo ex-fidanzato indietro, anche quando lei mi diceva io non credevo lei perché ho pensato che lei ha voluto lo stesso falso incantesimo ruote per portare via i miei soldi. Anche se ho dato la possibilità di spiegare tutto quello che ha a raccontarmi DR.otutu, ho detto a lei che ci sono molti truffatori che vogliono prendere i nostri soldi e non potrò mai cadere vittima su di loro, anche se la mia fidanzata, che supponiamo di sposarsi me nel giro di pochi mesi da oggi mi ha lasciato mi aspetterò pazientemente per un altro ragazzo se lo amavo così tanto. lei mi ha detto che questo DR non è un falso che lui è reale e ha aiutato molte persone di ottenere i loro cari schiena, poi chiedo come fa questo lavoro incantesimo e quali sono i requisiti che devo fare prima che possa lanciare gli incantesimi d'amore su di me? mi ha detto che lo avrei mandato in drotutuhealinghome@hotmail.com e io gli dovrei dire quello che voglio. io veramente contattato lui e gli ho detto che ho bisogno il mio ex ragazzo indietro gli ho detto che era il mio amico che mi ha indirizzato a lui, perché ero dubitare della sua opera? ha detto che il suo lavoro è sicuro al 100% e garantisce che nessuno ha mai entrerà nel suo tempio e anche rimanere lo stesso. sono diventato sbalordito sulle sue parole ha detto a me e un pensiero mi è venuto in mente che come fa questo dr conosce tutte le cose che abbiamo discusso in precedenza. ha detto prima che possa iniziare la mia situazione, che devo avere fede e fiducia su di lui e lasciare altro mago e attendere pazientemente il suo proprio che se posso dire fare tutto questo mi metterò il mio amante di nuovo in 72 ore. ho detto va bene credo e prometto di lavorare con voi da solo, poi mi ha dato un modulo da compilare che ho fatto e inviarlo a lui con le mie foto anche, e anche le foto della mia ex amante. mi ha risposto in 30 minuti più tardi e mi ha detto che i suoi dèi bisogno di alcuni elementi per lanciare l'incantesimo su di me e il mio problema è molto facile se posso fornire questi elementi. Poi, quando ho chiesto a lui, come posso ottenere questi elementi e come posso inviarlo a lui per la fusione del incantesimo d'amore, lui mi ha detto che non dovevo preoccuparmi di questo, che ci sia un venditore di articoli qui nel suo paese che può ottenere gli elementi per me. poi gli chiedo quanto costerà me a comprare tutti questi elementi? me che trasmetto a lui con piena fiducia, ha detto, dopo un'ora più tardi mi ha chiamato e mi ha detto che il mio problema è stato risolto che dovrei aspettare per 72 ore che il mio amore chiederà dopo di me che ho fatto secondo le sue parole, quando era circa 6pm i prossimi tre giorni il mio ex mi ha chiamato, se sono a casa che lui vuole vedermi con urgenza. Gli ho detto di sperare che tutto va bene mi ha detto di sì, allora gli ho detto che può venire, il mio ex ragazzo è venuto verso di me e stava chiedendo perdono che egli sapeva che cosa è venuto su di lui. in questo momento sono così felice perché ho ritrovare il mio amante indietro e stiamo progettando per il nostro matrimonio che è in arrivo presto, ho chiamato il dr e lo ringrazio molto e gli chiedo che cosa farò per lui come un apprezzamento, mi ha detto dovrei dimenticare e mantenere il mio denaro che non è dietro ai soldi, ma per aiutare le persone che hanno bisogno anche aiutare là fuori tutto quello che ha bisogno di me per fare è di dare più testimonianze su di lui in modo che le persone là fuori che hanno bisogno di aiuto lo possono scrivere anche che è il motivo per cui sono qui oggi per dare la mia testimonianza. Può il tuo buon Dio continuare a benedire lui e dare più lunga prosperità vita e di saggezza. questo è il dr indirizzo email drotutuhealinghome@hotmail.com o si può anche lui WhatsApp attraverso il suo numero 2.348.060,04825 milioni

Georg Bednorz ha detto...

I got my already programmed and blanked ATM card to
withdraw the maximum of $50,000 daily for a maximum of 20
days. I am so happy about this because i got mine last week
and I have used it to get $100,000. Georg Bednorz Hackers is giving
out the card just to help the poor and needy though it is illegal but it
is something nice and he is not like other scam pretending
to have the blank ATM cards. And no one gets caught when
using the card. get yours from Georg Bednorz Hackers . Just send an email
to georgbednorzhackers@gmail.com

Stone Acrema ha detto...

Hanno tentato di truffarmi sabato scorso su Via Aurelia direzione Civitavecchia, altezza Aranova. Ho sorpassato un'auto ed ho sentito un botto come se lo avessi preso durante il sorpasso. Mi sembrava strano perché non mi sembra avessi effettuato lala manovra troppo da vicino, ho controllato lo specchietto e vedendolo apposto ho proseguito come nulla fosse. Ad un certo punto l'auto dietro di me inizia a lampeggiarmi, facendomi segno di fermarmi. Non ero ancora sicuronon della truffa ma poiché gia l'anno scorso hanno provato a farmi la truffa dello specchietto sulla Prenestina altezza Largo Preneste, partivo già col piede giusto. Ci siamo fermati sull'Aurelia allo svincolo per Aranova, ed il tizio dell'altra auto (zingaro) mi invita a vedere la parte della carrozzeria sopra la ruota della sua macchina, che era effettivamente alzata. Mi fa poi vedere una strisciata sulla mia auto nella parte laterale frontale, dicendo di averlo preso durante il sorpasso. Mi dice di stare più attento e che non gli avevo fatto un granchè, insomma un danno da pochi soldi. Tuttavia mi chiede se avevo, il CID, corro a prenderlo, e mi dice che era meglio metterci d'accordo sia per me che per lui. Li ho preso sicurezza sisono trattasse di una truffa, gli ho detto che non avevo una lira da dargli e che volevo fare il CID. Al che sene è andato bofonchiando cose tipo "no vabbe niente..ciao". Un consiglio è che quando chiedono I soldi, allora è una truffa sicuro. È vero che a me aumenterebbe il premio assicurativo in caso di danno anche lieve, ma stando ai loro ragionamenti l'assicurazione non servirebbe a nulla,e a sto punto manco la assicuro la macchina. Ho preso il numero di targa CE175XD. Propongo di, apriree un forum o sito con tutti I numeri di targa sospetti.

ShareThis