"I camion bar non sono un servizio alla città". Ripubblichiamo l'eccellente articolo di Paolo Conti uscito ieri sul Corriere della Sera

23 febbraio 2014






Partiamo da un presupposto, e non facciamone un problema di nomi, cognomi, famiglie, qui non interessa. Facciamone invece una questione etica.

Un camion bar piazzato davanti al Circo Massimo non è un «servizio alla città», come affermava ieri qualcuno. Così come non lo sono le tre-quattro postazioni collocate impunemente a Fontana di Trevi. O il mega-chiosco che ha soppiantato, nel cuore di piazza di Spagna, il meraviglioso banco di fiori attivo fino a pochissimi anni fa prima di essere trasformato in un bazar con tanto di tenda di plastica. Non è un servizio alla città l’infilata di banchi mobili lungo i Fori Imperiali o al Colosseo. Così come non è un servizio alla città la terrificante vendita di maschere pseudo-veneziane, ventaglietti, immagini di diversi papi et similia spuntata mesi fa in piazza del Popolo.
E lo stesso vale per il Pantheon, per via della Conciliazione, non parliamo di piazza Navona. Tutti quei camion bar sono solo un servizio a pochi privati che ne ricavano utili, spesso praticando prezzi ben lontani da quelli conosciuti nei normali esercizi commerciali «fissi». E non c’è nemmeno da tirare in ballo una ridicola concezione della «storicità» delle postazioni che abbiamo appena elencato. Di storico c’è solo la battaglia civile di associazioni culturali, di intellettuali e scrittori, persino di amministratori combattuta nel nome del decoro di una mirabile città d’arte. Battaglia che puntualmente si scontrava con l’annosa, e anche ridicola, legge regionale «dell’equivalenza»: spostare una di quelle licenze obbligava l’amministrazione ad assicurarne una uguale ed «equivalente» sul piano della redditività economica.
Ieri è stato compiuto un eccellente passo in avanti. E (una volta tanto dopo le numerose polemiche avviate dalCorriere della Sera) bisogna dare atto al presidente Nicola Zingaretti e al sindaco Ignazio Marino di aver messo nelle condizioni la macchina amministrativa di muoversi, di decidere, di agire. Nicola Zingaretti ha correttamente parlato di «rivoluzione» affidando al Campidoglio il potere di legiferare in questa materia. Era giusto, ed era tempo.
Ora tutto passa nelle mani del Campidoglio che, da oggi in poi, è chiamato a tradurre lo slogan elettorale del sindaco Ignazio Marino («Cambiamo tutto») in fatti concreti. Non ci sono fondi da stanziare né energie economiche da impegnare. Solo la vecchia, cara, intramontata volontà politica.
Il passaggio nell’aula di Giulio Cesare sarà impegnativo e pieno di pericoli. Ma si deve contare non solo sulla auspicabile compattezza della maggioranza ma anche sulla sensibilità e lungimiranza della migliore anima dell’opposizione per individuare provvedimenti non punitivi, certo, ma che restituiscano Roma alla sua dignità estetica di Capitale culturale liberandola dalla schiavitù di una piccola ma potente rete di interessi privati.
Roma se lo merita. Ha aspettato fin troppo tempo.
PAOLO CONTI



*Solo due a margine di questo bell'articolo ci permettiamo di fare. La prima è che la legge regionale non è ancora passata, è stata semplicemente proposta al Consiglio Regionale e bisogna vedere quando e come la tramuterà. Vedremo. La seconda nota è che non sta scritto da nessuna parte che il Comune, una volta ricevuti questi poteri, li usi come si deve. Come? Semplice: spostando tutte queste concessioni o, meglio, facendole decadere (si tratta di concessioni a vita? Impossibile) oppure spostandole dentro ai mercati rionali dove ci sono tantissime postazioni libere. A quel punto, se il Comune, come ci auguriamo anche noi, deciderà di mantenere comunque dei posteggi di commercio e somministrazione su suolo pubblico, dovrà assegnarli esclusivamente previo bando. In modo che gli operatori di alta qualità, che pure a Roma ci sono, possano finalmente dare, questo sì, un servizio ai turisti. 
Ovviamente il discorso non deve valere solo per le poche decine di camion-bar, ma per le diverse migliaia di bancarelle autorizzate che rendono luoghi allucinanti e infrequentabili e che stanno uccidendo il commercio su tutte le consolari e non solo. Pensate a Viale Trastevere o a Viale Giulio Cesare senza bancarelle. Posti diventati peggio dell'India di vent'anni fa potrebbero tornare a respirare, ad accogliere turismo, a invogliare investimenti da parte dei commercianti. Non appena verranno eliminate queste immonde baraccopoli che non hanno nessun paragone in nessuna città occidentale e che sono cresciute esclusivamente grazie alla corruzione e al racket.
-RFS

9 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

e mentre nel PD fanno annunci e promesse vuote, Berlusconi nomina Bordoni responsabile di FI a Roma. Amen.

Anonimo ha detto...

vabbè aspettiamo un altro pochino prima di dire che siano promesse vuote.
questa è una proposta che non sarebbe potuta partire da nessun altro partito politico.
trovo già superpositivo il fatto che si parli di questo tema che riguarda uno degli aspetti di degrado della città.
si spera che vada a buon fine e, in caso negativo, ci sarà tempo per denunciare punire le mancate promesse alle prossime elezioni.
di Bordoni chi se ne frega di quella che fa ora. l'importante è che non gli venga affidato un altro ruolo di amministratore.
pubblico.

Anonimo ha detto...

Trovo davvero utile e propositivo questo post.

Bisogna dire basta, basta..... in modo inequivocabile alla CONCORRENZA SLEALE che a Roma è stata fatta da queste forme di commercio da quarto mondo a discapito p.e. dei piccoli negozi di quartiere.
Piccoli negozi che hanno dovuto chiudere a miglia e licenziare decine di migliaia di commessi per fare posto alle bancarelle che hanno reso invivibile e pericolose le strade di Roma.
Bancarelle gestiste nel più totale disprezzo del Codice della strada, regno del lavoro nero e della sistemica evasione di Iva e tasse.
Bancarelle in cui la discriminazione razziale sembra funzionare contro i lavoratori italiani. Fateci caso: quanti lavoratori italiani vedete lavorare dietro quei banchi??
MA la cosa più grave è che queste forme di commercio che io chiamo "SISTEMA BANCARELLE ROMANE" con la sua concorrenza sleale e criminosa sta facendo abortire la nascita di nuove imprese gestite da chi vuole rispettare le leggi.

E la domanda adesso sorge spontanea: "A CHI HA GIOVATO TUTTO QUESTO??"💰💰💰

DottorPAV

Anonimo ha detto...

rimuovere tutto con i bulldozer, inclusi i vari tredicini e dintorni che si legheranno alle bancarelle

Anonimo ha detto...

E' necessaria e Sacrosanta laregolamentazione delle bancarelle. Che hanno invaso tutta Roma!

Anonimo ha detto...

Ma poi coll'amichetto vostro Tredicine come fate è?

Anonimo ha detto...

BASTEREBBE NON COMPRARE NIENTE NELLE BANCARELLE E FAR PAGARE ANCHE A LORO LE STESSE TASSE DEI NEGOZI.BASTA CON LE BANCARELLE E BASTA CON TREDICINE

Anonimo ha detto...

esatto, speriamo finisca anche sto schifo delle bancarele autorizzate che pure su tutta la tuscolana creano disagio e Spazzatura!!!

LORENZO PIACENTINI LAZARD ASSET MANAGEMENT ha detto...

SEMPRE SBORRATISSIMO IN CULO: RICCARDO BARRAI! FA ORGE OMOSESSUALI DENTRO L'UNIVERSITY OF READING!

https://uk.linkedin.com/in/riccardo-barrai-46840512b

RICCARDO BARRAI E' UN FEMMINONE! E' UN DEPRAVATISSIMO OMOSESSUALE NATO A MILANO IL 26.11.1996. NON HA COLPE: FIN DALLA NASCITA VENNE SODOMIZZATO DAL PADRE PEDOFILO PAOLO BARRAI! UN BASTARDISSIMO CRIMINALE!

http://jenkins-ci.361315.n4.nabble.com/PRENDE-CAZZI-IN-CULO-RICCARDO-BARRAI-ALL-UNIVERSITY-OF-READING-RICCARDO-BARRAI-E-UN-PERVERSO-OMOSESS-td4896813.html

A PROPOSITO DEL QUALE... 

E' DAVVERO DA ARRESTARE SUBITO ( PRIMA CHE FACCIA AMMAZZARE ANCORA), IL TERRORISTA NAZISTA ED ASSASSINO, PAOLO BARRAI, NATO A MILANO IL 28.6.1965. NONCHE' MEGA RICICLA SOLDI MAFIOSI E POLITI-C-RIMINALI, OSSIA FRUTTO DI MEGA RUBERIE E MEGA MAZZETTE, RICEVUTE DA LEGA LADRONA E STRAGISTA SPAPPOLA MAGISTRATI, NONCHE', TANTO QUANTO, NAZIFASCISTA DITTATORE E PEDOFILO: SILVIO BERLUSCONI! DICEVO, E' DAVVERO DA ARRESTARE UNA QUARTA VOLTA, E SUBITO, IL TERRORISTA NAZISTA ED ASSASSINO, PAOLO BARRAI. NON PER NIENTE, GIA' STATO IN GALERA 3 VOLTE. OPINIONI TUTTE TERRIFICANTI SU DI LUI! MEGA TRUFFATORE E MEGA RICICLA CASH ASSASSINO VIA CRIMINALISSIMA BLOCKCHAIN INVEST, OLTRE CHE VIA NALISSIMA WORLD MAN OPPORTUNITIES LUGANO, CRIMINALISSIMA WMO SA PANAMA E CRIMINALISSIMA BSI ITALIA SRL DI VIA SOCRATE 26 MILANO! NOTO PEDOFIL-O-MOSESSUALE SODOMIZZA BAMBINI! CACCIATO DA CITIBANK A SBERLE, PER MEGA FRODI CHE LI FACEVA! SBAGLIA SEMPRE IN BORSA! AZZERA I RISPARMI DI CENTINAIA DI PERSONE! FALSO&LADRO&TRUFFATORE! DIFFAMA SUL WEB A FINI NAZIRAZZISTI! FONDATORE DEI NUOVI MEGASSASSINI TERRORISTI DI ESTREMISSIMA DESTRA: "NUOVI NAR"! FONDATORE DEL, PROSSIMAMENTE, DI FREQUENTE, OMICIDA: KU KLUK KLAN PADANO! CONDANNATO AL CARCERE A MILANO ED IN BRASILE ( 8 ANNI E PURE PER PEDERASTIA OMOSESSUALE, RIPETO, PURE PER PEDERASTIA OMOSESSUALE)! MULTATO DA CONSOB 70.000 €! DESTABILIZZA L'ITALIA PER FILO NAZISTI SERVIZI SEGRETI SVIZZERI ( ITALIA, DICEVAMO, DA 30 ANNI, GIUSTISSIMAMENTE, NAZIONE SCHIFATA IN TUTTO IL MONDO, IN QUANTO FASCIOMAFIOSA DITTATURA DI BERLUSCONIA.. NON PER NIENTE, TUTTE LE PIU' GRANDI INDUSTRIE, IN ITALIA DA SECOLI, DALLA TIRANNIASSASSINA DI BERLUSCONIA SON SCAPPATE, VEDI FIAT, PIRELLI, LUXOTTICA, MERLONI E MIGLIAIA E MIGLIAIA DI ALTRE... E CHE SIA CHIARO, PLS, CHE IDDIO BENEDICA I GRANDI PM CHE NON SOPPORTANTO IL CANCRO DEL MONDO INTERO, SILVIO BERLUSCONI, COME HENRY WOODCOCK, ILDA BOCASSINI E CHIUNQUE ALTRO DI QUESTA AMMIREVOLISSIMA CATEGORIA)! FA CRIMINI SU CRIMINI E NAZI-ST-ALKING, SU INTERNET, SU ORDINE DEI PUZZONI CRIMINALISSIM SILVIO BERLUSCONI, PAOLO BERLUSCONI ED UBALDO LIVOLSI DI FININVEST ( CHE DA ANNI FANNO GLI ADOLPH HITLER MISTI AD AL CAPONE, DEL WEB, ANCHE, MA DI CERTO, NON SOLO, CON QUEL VERME SCHIFOSAMENTE TERRORISTA DI GIULIO OCCHIONERO). INNEGGIANTE ALLO SPAPPOLAMENTO DI MAGISTRATI SCOMODI "COME BERLUSCONI GRANDISSIMAMENTE FECE CON FALCONE E BORSELLINO"! PAROLE SUE, DETTE SPESSISSIMO! ORGANIZZANTE OMICIDIO DI DAVID ROSSI DI MONTE PASCHI!
Ho tantissimo da scrivere sul gia' 3 volte finito in galera, accertatissimo pedofilo omosessuale, ladro, truffatore, sempre falso, nazi-st-alker, mandante di omicidi ( spesso, ma non sempre, mascherati da finti incidenti, malori o "suicidate"... come quando fece ammazzare David Rossi di Monte Paschi, ma ne scrivero' in dettagli molto presto), mega ricicla soldi mafiosi e/o politico-criminali (piu' tanto di orrido altro), arrestato gia' 3 volte, Paolo Barrai, nato a Milano il 28.6.1965 e gia' residente a Milano in Via Ippodromo 105! Come presto meglio sottolineeremo, multato dalla Consob ben 70.000 euro!
http://www.consob.it/main/documenti/hide/afflittivi/pec/mercati/2013/d18579.htm
VI SONO TONNELLATE DI ALTRE COSE DA DIRE SU QUANTO SIA BASTARDO EFFERATO CRIMINALE E PEDOFILO PAOLO BARRAI. TROVATE UNA PARTE ( CHE PRESTO AMPLIEREMO ALL'INFINITO), QUI:
https://es-la.facebook.com/public/Truffati-Da-Paolo-Barrai

ShareThis