Il Mandrione era un incubo, un posto dove non potevi neppure camminare, sono bastati tre paletti e un po' di marciapiede e si è trasformato in un luogo piacevole e ameno

30 luglio 2013











Gentile Roma fa Schifo,
vorrei sottoporre alla vostra attenzione una piccola isola di vivibilità urbana. 
Ieri sono passato per il Mandrione, una lingua di città stretta tra la Casilina, la Tuscolana e la ferrovia, lungo i resti dell'antico acquedotto romano.
Sotto le volte dell'acquedotto, dai tempi della guerra, hanno trovato rifugio senzatetto, famiglie indigenti, prostitute. E tutto intorno sono fioccate costruzioni abusive che negli anni sono diventate case, villette, officine. 
La zona per i romani è da sempre sinonimo di borgata e di degrado. Ma negli ultimi anni le cose sono cambiate parecchio. E in meglio.
Qui un comitato di quartiere "illuminato" ha trasformato un'area abbandonata di proprietà delle FS in un giardino pubblico, con tanto di gazebo e barbecue a disposizione di tutti. Il tutto ha un'aria molto casareccia ma è curato e tenuto in ordine dalle persone che abitano il quartiere. 
Inoltre l'arredo urbano è stato fatto secondo criteri moderni, forse sotto il pungolo dello stesso comitato di quartiere, trasformando completamente una zona degradata in un quartiere gradevolissimo. 
Rimangono i resti dell'abusivismo storico (come documentano le foto) ma nel giro di 100 metri c'è un piccolo campionario di come la città dovrebbe essere: parapedonali con catarifrangenti, marciapiedi in sampietrini o lastricato, "orecchie" agli incroci che delimitano la carreggiata e l'area per la sosta, dossi per limitare la velocità.
Insomma mi sembra di poter dire che, in questo caso, la presenza di un comitato di quartiere attivo ha favorito buone pratiche anche da parte dell'amministrazione pubblica.
A quando l'estensione del "modello mandrione" ad altre zone della città?
Lorenzo M.

*Caro Lorenzo,
tu lo dici nel tuo articolo, ma lo vogliamo ribadire perché li abbiamo conosciuti personalmente: al Mandrione c'è l'unico comitato di quartiere degno di questo nome a Roma. Ecco il motivo di così buona riqualificazione. Ed ecco il motivo perché in altre zone la riqualificazione non si fa...
-RFS

10 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Approvo pienamente, mi è capitato anche a me di passarci e devo dire che sono rimasto molto colpito da quel posto: il verde curato, vecchi edifici restaurati e trasformati in punto informativo e ristorante, le strade dove si possa camminare senza il rischio di essere investiti. Spero che venga creato un itinerario protetto che permetta di raggiungere il parco della Caffarella, sia a piedi che in bicicletta. Sarebbe un opportunità per valorizzare veramente non solo gli acquedotti romani ma anche le altre emergenze archeologiche meno note.

Anonimo ha detto...

Purtroppo la maggior parte dei comitati di quartiere a roma sono tutti pro-maghina, al mandrione siete molto fortunati.

Stefano ha detto...

A casa mia, "il Mandrione" è ancora sinonimo di un luogo malfamato dove non è il caso di mettere piede. Dovremo cambiare modi di dire!

Anonimo ha detto...

Ho percorso recentemente via del Mandrione e sono rimasto colpito dall'ordine e dalla pulizia che regnano.
Sul momento mi sono chiesto come fosse possibile e adesso scopro che è tutto merito di un comitato di quartiere illuminato! BRAVI!

Ora però, il prossimo passo deve essere il recupero edilizio delle costruzioni.

Daniele

Anonimo ha detto...

Un mio amico che operava da assistente sociale al Mandrione alla fine degli anni '80 lo descriveva come una delle zone più socialmente degradate di Roma. La volta che ci sono passato in motorino da provinciale intorno al 2010, invece, mi sono detto "Ma di che parlava, F.? Questa è un'oasi di tranquillità e pace!". Complimenti al comitato di quartiere locale.

Anonimo ha detto...

E' effettivamente cambiata la zona, fatto sta che io mai permetterei ad abusivi (commercianti ed inquilini) di appropriarsi, deturpare e mettere in pericolo un patrimonio così incommensurabile come l'acquedotto.

Anonimo ha detto...

Effettivamente è ero, giri da Via Casilina, e all'improvviso appare una strada, pulita, ordinata, senza macchine e moto sul marciapiedi , tutto semplice minimal ma nuovo pulito ed ordinato, il parco è ben tenuto ; mi viene da pensare una cosa x il ns Sindaco Ignazio Marino, "basta poco che c'è Vò? "

Anonimo ha detto...

Scusatemi se mi permetto, nessuno si offenda, ma se l'esempio di vivibilità urbana è: un quartiere nato per abuso edilizio, a scapito della gente onesta e a spregio delle vestigia romane; i cui attuali abitanti occupano un'area privata (ancorché vittima d'incuria), per fare i propri comodi... scusatemi di nuovo, ma mi cadono letteralmente le braccia.

roberto ha detto...

Le foto che avete fatto vedere non sono il mandrione,sono via casilina vecchia e non è mai stato un luogo malfamato come dicono tanti,io ci sono nato e ve lo posso assicurare e dimostrare un plauso lo devo fare al comitato che ha fatto tanto per questa via a cui sono affezionato dal 1948 fino al 1980 ci ho vissuto,e vero cerano le baracche,ma tutti onesti operai,eravamo una grande famiglia,e si viveva con poco ma onestamente,informatevi prima di dire cose non vere,il (famigerato)mandrione iniziava dal quadraro e finiva al colleggio salesiano don bosco (via della marrana)

风骚达哥 ha detto...

20160201 junda
michael kors outlet online
rolex replica watches
coach canada outlet
burberry outlet
coach factory outlet
michael kors handbags
canada goose outlet
coach outlet
jordan 13
canada goose outlet
jordan 3
michael kors
ghd hair straighteners
jordan 8s
michael kors uk
fitflop uk
michael kors outlet
longchamp bags
gucci outlet
ray ban sunglasses
moncler outlet
louis vuitton borse
tiffany jewelry
nike uk
air jordan uk
louis vuitton
ugg outlet
mcm outlet
hermes uk
louis vuitton bags
north face outlet
cheap uggs
kate spade outlet
coach factory outlet
louis vuitton
timberland outlet
jordan 4
gucci outlet
true religion jeans
coach factory outlet

ShareThis