La nuova Viale Eritrea e lo scempio del Quartiere Africano. Chiusi i cantieri, fatta la Metro B1, ma a causa di un arredo urbano demenziale è tutto inutile

25 settembre 2013





Salve a tutti, sono un residente di Viale Eritrea, grande arteria di scorrimento e strada commerciale del quartiere cosiddetto Africano, nel quadrante Nord di Roma.

La strada è sempre stata congestionata, rumorosa, inquinata e oppressa dalla sosta selvaggia. Poi l'annuncio della nuova linea B1 portò la speranza di un miglioramento e di un alleggerimento del traffico privato. I cantieri partirono, durarono molti anni aggravando i problemi, ma li abbiamo sopportati (chi più chi meno) pensando che fossero un male necessario per un futuro migliore.
Poi i cantieri sono finiti, la Metro ha aperto i battenti ma le cose non sono migliorate. L'anno scorso l'annuncio della riqualificazione della strada: nuova disciplina della sosta, nuovo asfalto, segnaletica nuova. 
Ci sarebbero stati anche degli stalli dedicati al carico/scarico merci, per facilitare le operazioni di approvvigionamento dei numerosi negozi e supermercati che affacciano sulla strada, i cui camion hanno sempre stazionato in mezzo alla strada nelle ore della mattina, quelle a maggior concentrazione di traffico.
Insomma nuove buone premesse.

Ebbene i lavori sono finiti da pochi giorni e la situazione è uguale a prima. Caos, rumore, prepotenza, traffico, autobus bloccati nelle loro inutili e ridicole preferenziali.

Il problema è che la riqualificazione (che pure ha alcune idee positive) non serve assolutamente a nulla senza un controllo ferreo e costante della sosta selvaggia. I vigili invece sono latitanti, compaiono solo per poche ore al giorno, nemmeno tutti i giorni, fanno poche multe a casaccio e se ne vanno, mentre chi stava in doppia fila si sposta solo il tempo necessario a farli passare, ri-piazzandocisi subito dopo come le mosce sulla cacca.

E prima che venga fatta la solita obiezione sulla mancanza di posti, faccio presente che contando quelle che affacciano direttamente su viale Eritrea e quelle nelle immediate vicinanze, ci sono almeno cinque autorimesse e parcheggi multipiano con centinaia di posti auto liberi, tutti nel raggio di 100 metri o meno. La maggior parte degli esercizi commerciali ha inoltre convenzioni con tali autorimesse, per cui la prima ora di sosta è solitamente gratis.
Senza contare che entro l'altro aprirà il parcheggio multipiano interrato di Piazza Annibaliano, con numerosi posti auto a rotazione. Scommettiamo che non cambierà nulla? 

Siccome un'immagine vale più di mille parole, eccovi una carrellata dello spettacolo quotidiano che potete godervi a qualunque ora del giorno e della notte.

Io e mia moglie stiamo cercando casa altrove, perché vivere qui ormai è diventata una guerra, oltretutto di quelle perse in partenza.
Claudio C.

*Claudio, tutto o quasi tutto si risolverebbe semplicemente con un bel cordolo a protezione della preferenziale. Ci vorrebbe davvero pochissimo, perché la consideriamo una guerra persa in partenza? Organizziamoci per richiedere un serio cordolo su Viale Eritrea scrivendo in massa a urc@comune.roma.it
-RFS

35 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Via delle botteghe oscure,riqualificata (si fa per dire) da poco per il passaggio dell'8 è nelle stesse condizioni, anzi peggio perchè parcheggiano pure sul marciapiede. Non sono riusciti neppure a piantare uno straccio di parapedonale. Siamo gestiti da cercopitechi, maledetti.

Anonimo ha detto...

Finquando non si troveranno TUTTE le auto rimosse, ovvero mai, nessuno imparerà la lezione. Ovvero mai..

Anonimo ha detto...

ricordo che ai tempi di veltroni quanto i cordoli c'erano ci fu unja sollevazione popolare perchè "dicevano gli amici di aledanno" erano pericolosi

ALESSANDRO TROYA ha detto...

Il problema non è la riqualificazione della strada, ma: da un lato la totale mancanza di senso civico, rispetto per gli altri e per le elementari regole di convivenza dei "cittadini", dall'altro il lassismo delle forze dell'ordine. Nelle strade in cui persiste il problema della sosta selvaggia, le multe e le rimozioni dovrebbero essere costanti durante tutto il giorno, e si dovrebbe poter usare anche telecamere, fisse e mobili, per immortalare le infrazioni.

Anonimo ha detto...

Che orrore, quella strada faceva già schifo prima ora è anche peggio. Io mi sono rassegnato all'idea che in questo paese è scomparso completamente dal dna degli italiani la capacità di creare arte e bellezza, quello che ci ha resi famosi in tutto il mondo.

Anonimo ha detto...

1 non è un problema di riqualificazione sbagliata, ma di assenza di senso civico della gente

2 il cordolo sulla preferenziale è pericoloso per i motocicli e biciclette

si vogliono levare la auto dalla strada? abbonamento gratis ai residenti.. lo associ alla tares/service tax..
spunteranno come funghi

Anonimo ha detto...

Che vomito questa città!!!!! Conosco la zona e capisco perfettamente il sentimento di scoramento che ti prende, altro che cambiare casa o quartiere, qui ti viene voglia di cambiare nazione. Bastava fare dei marciapiedi più larghi ed un arredo urbano decente per riqualificare la strada mentre sono riusciti solo a fare la fotocopia dello schifo che c'èra prima. Romani rassegnatevi!!!!!!!

Roma fa schifo ha detto...

Ancora c'è gente che dice che i cordoli (che sono la norma, da Parigi a Madrid) sono pericolosi. Sono 10 anni che cerchiamo di farvi capire come gira il mondo, siete proprio duri eh!

Anonimo ha detto...

Fatevi un giro su Google Maps a Madrid e guardate se i CORDOLI (GROSSI E BLU, a prova di miunchione con motorino che cerca di scavalcarli, non lo stupido compromessuccio romano!) sono o no la NORMA in una Citta' civilizzata!

VOGLIO ROMA PIENA DI PREFERENZIALI PROTETTE DA CORDOLI COME QUELLI DI MADRID, cazzo!!!

Anonimo ha detto...

cordoli eccome! anzi ci vorrebbero più strade a una sola corsia per senso di marcia. inutile fare affidamento sui vigili, deve essere materialmente impossibile parcheggiare in seconda fila senza bloccare tutta la strada. strade come (ad es.) via candia e viale giulio cesare ne sono la prova in negativo.

Anonimo ha detto...

basta con questa storia dei cordoli pericolosi per le moto! cordoli alti stile viale trastevere e via, ti sfido a trovare un motociclista che è caduto. p.s. sono motociclista da 20 anni.

tetraF ha detto...

Parlando di scempio, che dire del parco di piazzale Ipponio, che doveva esser vincolato per legge (è l'inizio della passeggiata archeologica) e pur di fare un favore ai privati del circolo tennis che hanno in gestione il terreno adiacente, dal comune per una cifra irrisoria, hanno preferito sacrificare maestosi ALBERI SECOLARI in perfetta salute per i macchinari di raffreddamento della talpa che chissà quando arriverà in un punto CHE NON DOVEVA VENIR TOCCATO ASSOLUTAMENTE????

Qui la foto di com'era il parco:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=503946949695070

Le altre foto testimoniano lo scempio perpetrato ai danni dei cittadini. Macchine inquinanti che verranno poste in prossimità di scuole medie. Anziani che di fronte allo schianto di enormi pini si sono messi a piangere. E non sono decisi a fermarsi. E' UNA VERGOGNA, BISOGNA FERMARE QUESTA SCEMPIO, che peraltro può rivelarsi INUTILE per la realizzazione della tratta!


Anonimo ha detto...

io proprio non capisco il fatto che una multa per sosta in doppia fila a roma sembri fantascienza.
sono STRACONVINTO basterebbe anche solo la sicurezza della multa a stappare la circolazione a Roma, che è FLAGELLATA dalle auto in doppia fila.

E non capisco solo perchè volgio ignorare la vocina dentro di me che sussurra: "la municipale prende la tangente dai negozianti per non multare le macchine in doppia fila, la municipale prende la tangente dai negozianti per non multare le macchine in doppia fila, la municipale prende la tangente dai negozianti per non multare le macchine in doppia fila (ad libitum ....)"
FORZA CLAUDIO!

Paolo

Colle ha detto...

I cordoli in muratura belli alti stanno a viale trastevere da più di dieci anni, a via flaminia da venti (addirittura sottoforma di siepi).

Ma il nuovo assessore ai trasporti che fa, DORME???
Sveglia, Roma ha bisogno di scelte!!

Anonimo ha detto...

"Nun te preoccupa pe' la doppia fila, tanto se passano i vigili ce fischiano"

Sentita con le mie orecchie dal commesso di un noto negozio di sanitari della zona.
Questo è quanto. Il problema è endemico, riguarda l'educazione civica dei cittadini, e l'amministrazione non fa nulla per risolverlo.

Prv ha detto...

I cordoli sono pericolosi per i motorini solo se guidi il motorino come un coglione (cioé, come il 99% dei motomuniti a Roma).

Basta con scuse e stronzate: CORDOLI ORA! OVUNQUE!

Ieri sono passato per via di Torrevecchia e una strada di periferia potenzialmente molto attraente per via dei numerosissimi esercizi commerciali è ridotta a una merda dalle auto in sosta.

Prv ha detto...

@tetraF: san giovanni è flagellata dal traffico 24 ore al giorno 365 giorni l'anno e mi vieni a parlare di macchinari inquinanti che saranno posti lì temporaneamente per favorire in futuro la risoluzione del problema traffico?
Ma di che parli?!
Per favore, coerenza.

Anonimo ha detto...

Prova provata che il romano medio non stacca il culo daa maghina manco a cannonate. Classica scusa: uso la maghina perché non ci sono i mezzi, o fanno schifo. Peccato che viale Libia sia servita da 2 stazioni della B1, dalla stazione Nomentana della FR1 e da almeno 5 linee di bus. Però me serve aa maghina...

Anonimo ha detto...

Io e mio marito abitavamo in quella zona. Da lì ci siamo trasferiti a Amsterdam. E' l'unica soluzione...

Signor Smith ha detto...

Mi sfugge il nesso tra il caos (antico, ma intollerabile) e l'arredo urbano... le corsie sono occupate da mezzi privati che qualcuno ha lasciato, non è che sono stati rubati e portati a viale Eritrea dai marziani, no?
Il cordolo ha come controindicazione un certa pericolosità per le due ruote.
Ma se nessuno sanziona...

Emanuele ha detto...

@Prv
tetraF parla di albero secolari abbattuti a piazzale Ipponio. Avevo letto anch'io la storia dei campi sportivi dove inizialmente erano previsti i cantieri e del fatto che erano stati approvati anche dalla sovrintendenza progetti in cui non era previsto il taglio di nessuno di quegli alberi. Mi piacerebbe capirne di più.

Claudio C. ha detto...

Signor Smith, il nesso è che con un arredo urbano fatto bene (marciapiedi con orecchie, paletti, fiorere, ecc.) si può impedire fisicamente che la gente parcheggi a cazzo. Per averne un esempio pratico basta spostarsi in via di S.Agnese, a pochi metri da dove ho scattato queste foto.

Certo, in un mondo ideale non ce ne sarebbe bisogno perché la gente rispetterebbe le leggi e lo Stato punirebbe quelli che non lo fanno, ma siccome questo è un mondo molto meno che ideale, intanto si può risolvere così.
Il che avrebbe anche il vantaggio di poter destinare gli agenti di Polizia Municipale ad altri compiti più importanti.

E bada bene che si fa così anche nella civile Europa.

Anonimo ha detto...

Solo qui c'è bisogno di mettere una limitazione fisica per far rispettare una corsia preferenziale.

Assurdo anche diverne discutere. È lo stesso motivo per cui chi vive al primo piano deve mettere le sbarre alle proprie finestre.

Junio Valerio ha detto...

Ragazzi chi di voi usa twitter inondi ignazio marino di tweet con la richiesta "Vogliamo #preferenziali con i cordoli a Roma!"

Noi lo stiamo facendo da qualche giorno, aiutateci!

Anonimo ha detto...

Questo paese, e la capitale di conseguenza, sta sprofondando nella merda, c'è chi se ne è accorto e chi no. Siamo il paese dei Schettino, rassegnatevi!!!!

Max ha detto...

Sono motociclista da 15 anni e confermo che quella dei cordoli pericolosi è una BUFALA!
Non è per niente vero che sono pericolosi, basta guidare bene al centro della corsia, senza avere l'ossessione di sorpassare le automobili!
A chi dice che sono pericolosi vorrei chiedere la dinamica dell'eventuale incidente, visto che i cordoli (quando c'erano) distavano almeno un metro dalla mia destra o dalla mia sinistra, quindi avevo tutto lo spazio per guidare decentemente. Chi sbatte sul cordolo spesso è perché ha provato un sorpasso azzardato e vi assicuro che dopo qualche anno di moto ti passa la voglia di rischiare i sorpassi.

Max ha detto...

Aggiungo che, a differenza di tante altre strade, questa via ha la fortuna di avere una zona carico/scarico merci, ci sono tante strade che se la sognano una roba del genere eppure c'è sempre chi deve abusarne a discapito dei corrieri (che si meritano la tiratina d'orecchie, per carità) e di conseguenza a discapito dei mezzi pubblici bloccati e della mobilità privata intasata.

Molti non capiscono che occupando quel posto riservato finiscono per danneggiare centinaia di persone, la doppia fila genera traffico e slalom azzardati a danno soprattutto di chi correttamente guida le due ruote nelle strade a due corsie come Tuscolana ecc.!

Signor Smith ha detto...

@Max Nel mettere o meno un cordolo bisogna considerare, oltre a persone che guidano da 15 anni ( io da 38, ma non è un agara...), ragazzini di 14 anni che sono, notoriamente, allergici a prudenza e regole...

GIGGI PLAYMOBIL ha detto...

finché ci saranno corsie preferenziali alla DESTRA di ogni senso di scorrimento, questo sarà il risultato. nell'odierno codice della strada la marcia è a destra, la sosta/fermata sono parimenti a destra. se a destra ci piazzano le corsie preferenziali, ecco il controsenso. avanti la prossima! .. comunque - per la cronaca - il quartiere è il TRIESTE, Q. 17°, e non Africano (bah!)

Anonimo ha detto...

Io non mi preoccuperei del 14enne, che fa sempre in tempo ad imparare, io mi preoccuperei invece degli adulti coatti ed arroganti che ormai sono abituati a scorazzare superando le righe continue tra cui quella gialla delle preferenziali (di fatto sorpassandoti a destra).
Sono loro che hanno messo in giro la chiacchiera che i cordoli sono pericolosi e solo chi non ha mai messo il naso fuori dal GRA può crederci.

Prv ha detto...

i cordoli sono pericolosi solo se guidi come un coglione, indipendentemente dall'età.
E comunque di potenziali pericoli per strada ce ne sono a migliaia.

Io sono motociclista, ma non ho mai visto un palo venirmi addosso di sua spontanea volontà.
Adegua la tua velocità alle condizioni della strada, o preparati all'evenienza dell'impatto.

Anonimo ha detto...

Quella dei cordoli pericolosi per i motociclisti mi sembra una delle più grandi cazzate (e scuse) sentite. Vado in moto da 20 anni e posso assicurare che in strada ci sono molte cose più pericolose.

Anonimo ha detto...

Io ormai giro con bel pò di etichette adesive in tasca dove ci scrivo l'art. di violazione del c.s. e le attacco sul vetro anteriore altezza occhi o sullo specchietto. Così gli strafottenti sono costretti a perdere qualche minuto per staccarle.
Potete copiare l'idea!

Elisabetta M. ha detto...

si ma quello che non capisco è, i vigili non dicono niente? In quella zona si fanno vedere solamente il venerdì e il sabato a Piazza Bologna.. Di volanti ne vedo parecchie anche a Piazza Istria in cui regna il caos più assoluto in fatto di parcheggi, e il tragitto da lì al Ponte delle Valli in certi orari diventa una corsa a slalom indecente.. Però intanto pensiamo a riaprire la Via Alessandrina che è proprio una priorità per i cittadini di Roma...mah.

Lorenzo Pietroletti ha detto...

Il bello è che per una situazione così io ci ho preso una bella multa perchè ho invaso la corsia preferenziale. secondo il vigile che mi ha stilato il verbale forse dovevo mettermi dietro le auto in doppia fila e aspettare che si muovessero. mi sembra inutile dire che tutte le auto posteggiate in doppia fila non avevano alcuna multa.

ShareThis