Quali motivazioni portano i turisti a Roma? Il degrado, le cacche sui marciapiedi, il vandalismo sui monumenti. Ennesimo patetico articolo contro questo blog

5 marzo 2015
Se i romanari scomodano la psicanalisi, Freud e addirittura Piero Manzoni, se arrivano a strumentalizzare il grande Marcello Mastroianni pur di giustificare, perpetuare, legittimare, contestualizzare la zella inaudita di illegalità, sopraffazioni, prepotenze, fascismi, camorre, violente in cui vivono e che stiamo con tutta la forza cercando di spiegare a tutti, da anni, che è profondamente sbagliata, beh, significa che la strada è davvero giusta. Significa che stiamo mandando fuori di cotenna tutti coloro che si erano abituati a questo stato di cose, che si era adeguato e ci aveva trovato la propria dimensione. Arrivare a dire che le caratteristiche "folkloristiche" che portano i turisti a visitare Roma sono le cacche sul marciapiede, i mega graffiti dei centri sociali fascisti sulle Mura Aureliane significa non solo coprirsi di ridicolo, ma dimostrare tutta la propria difficoltà e disagio per una città che forse è arrivata al limite e sta iniziando a capire e a smascherare il gioco di questa gentaccia. Gentaccia che considera la legalità una pericolosa "pretesa di normare". Gentaccia che scambia la "vita" con la "sporcizia", la "furbizia", la "violenza" e soprattutto la "ignoranza" e la infinita "strafottenza".
Secondo questi signori chi vuole una città rispettosa e civile è un malato di mente da internare. Pur di smontare il lavoro di sensibilizzazione diffusa che stiamo facendo arrivano ad affermare anche questo. Non capendo che così facendo fanno esattamente il nostro gioco. Confermando la loro sempre maggiore marginalità. Stretti nell'angolo a difendere l'indifendibile. A tutelare un universo di violenza, sopraffazione e prepotenza che nessuno tollera più.

Qui a questo link l'articolo originale, l'ennesimo contro il nostro progetto. Che abbiamo riportato qui sotto.  
***
Roma non fa schifo
di Andrea Natella    
 
Secondo la teoria psicoanalitica dello sviluppo psicosessuale della personalità la sensazione di schifo è direttamente legata alla relazione con gli escrementi. Il bambino intorno ai due anni impara a gestire il controllo del proprio sfintere. È il momento in cui apprendiamo il concetto di autonomia: un'azione che da involontaria diventa volontaria. Attraverso questo autocontrollo determiniamo l'adesione o il rifiuto alle norme sociali. 
 
Per Freud si tratta di una fase particolarmente delicata nello sviluppo della personalità. Il bambino impara ad accettare che qualcosa che era parte di lui ora non lo è più. Per questo la merda puzza e fa schifo. È una reazione psicologica necessaria a sancire questa separazione. La merda non è più in noi, quindi fa schifo.
 Schifoso infatti è qualcosa che provoca ripugnanza o timore, qualcosa da cui ci si vuole allontanare. La sua radice etimologica è infatti nel verbo schivare. Se quindi per esempio diciamo che Roma fa schifo stiamo in qualche modo dicendo di avere paura di questa città. Roma ci provoca ripugnanza e per questo ce ne vogliamo allontanare. Coerentemente dovremmo quindi essere noi ad allontanarci da Roma e non pensare che sia Roma a dover diventare qualcos'altro per risolvere il nostro timore. Sebbene il nostro patrimonio culturale sia ricco di esercizi simbolici in cui le feci diventano oggetto di valore - dagli asini che cagano monete fino alla Merda d'artista di Piero Manzoni – nessuno ha mai pensato seriamente di trasformare la merda in oro.

Possiamo certamente dire che Roma è una città di merda. Lo possiamo dire per le mafie e le consorteria che la controllano, per un sistema di viabilità vergognoso, per il degrado, la sporcizia, le affissioni abusive e anche per le buche e i parcheggi in doppia fila. Roma però non è stata cacata in un giorno. Tutta questa merda è il frutto di stratificazioni successive, di cacatori che si alternano intorno ai Sette Colli da quasi tremila anni. Questa merda è la nostra identità e non si può immaginare di dissolverla tirando lo sciacquone. Perderemmo il bambino con l'acqua sporca.
Immaginatevi un blog marocchino dal titolo Marrakech fa schifo. Qualcuno che si lamenta per il traffico di asini e motorini nella medina, per l'assenza di prezzi esposti nel suq, per il cibo cucinato all'aria aperta in Jemaa el Fna, per le guide turistiche improvvisate e i bambini che giocano a pallone accanto ai monumenti storici. Immaginatevi che questo blog vinca la sua battaglia. Ci avrebbe tolto tutte le ragioni per visitare quella splendida città.
Invece Roma - come Marrakech - è una città meravigliosa perché riesce a meravigliare. Non solo per la bellezza dei suoi monumenti e degli scorci nel centro storico. Roma è meravigliosa anche per le sue imperfezioni e i suoi difetti. Sono questi che la rendono unica e la fanno percepire ai romani e ai turisti come una città che chiede di essere eternamente interpretata.
Fu questa la provocazione di Marcello Mastroianni al Davide Letterman Show nel 1987. Quando il conduttore gli chiede un giudizio sulla città di Los Angeles, Mastroianni lo mette in imbarazzo con una battuta che diventa il refrain di tutta l'intervista. “Non capisco questa città. Solo case e giardini, tanti stili diversi e poi non trovi nemmeno una merda per terra". David Letterman si schernisce e per tranquillizzarlo Mastroianni lo invita a visitare l'Italia: “Ci sono cacche specialmente a Roma, la prossima volta che vieni te le faccio vedere”.

Ovviamente Marcello Mastroianni non desidera una città piena di cacche di cane. È consapevole però che quella merda sul marciapiede è il segnale di una città viva. Gran parte delle bellezza e dell'identità di Roma è frutto di edilizia informale stratificata nel corso dei secoli. Un'edicola votiva su un palazzo del cinquecento, un mazzo di fiori e una sciarpa della Roma lungo via Cristoforo Colombo o un murales sulle Mura Aureliane di San Lorenzo sono modi diversi di intendere un cenotafio. Tra la statua parlante di Pasquino e una scritta con lo spray non esiste alcuna soluzione di continuità. È la città di sotto che vive e che parla usando i mezzi a sua disposizione.

La pretesa di normare qualsiasi violazione dello spazio pubblico senza preoccuparsi di chi sta cacando, dove e soprattutto perché, sembra testimoniare quello che Freud avrebbe definito un conflitto irrisolto durante la fase anale. Il bambino che trae eccessivo piacere dalla ritenzione delle feci, perché non accetta di separarsene, si troverà da adulto a fare i conti con una fissazione anale ritentiva. Sarà ossessionato dall’estrema cura dei dettagli, dall’ordine e dall’igiene. Continuerà a pensare maniacalmente che la merda fa schifo. È l'opposto speculare del tipo anale espulsivo che da bambino provava piacere a cacare fuori dal vasino e che da adulto sviluppa una personalità estremamente disordinata, crudele e distruttiva.
Il conflitto tra i ritenitivi e gli espulsivi è un falso conflitto. Quello tra due nevrotici ossessivi che non riescono ad accettare la cacca come dato naturale. Perché la cacca è un veicolo per l'epatite ma è anche un fertilizzante da cui può nascere un fiore. Essere autonomi nella propria relazione con una città come Roma vuol dire esattamente questo, saperne riconoscere il valore, il significato, la complessità e soprattutto la capacità rigenerativa di qualcosa che viene da noi. Non pensare ossessivamente che fa schifo.

87 commenti | dì la tua:

bat21 ha detto...

Mamma mia non si può leggere. Non gliela faccio proprio. Intanto dalle classifiche internazionali di vivibilità riportate dal sole24ore Roma e' al 52 posto e Milano al 41 appena sotto Londra. Direi che esistono parametri terzi che ci permettono di affermare che Roma fa veramente tanto schifo...

Anonimo ha detto...

"Se solo Roma sapesse di essere Roma ", disse qualcuno, purtroppo e' gente che scrive articoli cosi' geniali la maggiore responsabile di tale amnesia.....

Anonimo ha detto...

Poveracci... gente assuefatta a vivere di merda

O'rso ha detto...

articolo che fotografa perfettamente l'autore: classico sociologo radical chic, probabilmente senza problemi economici, che trova del "pittoresco" nel degrado, basta che sia sempre fuori da casa sua. forse commentandolo gli si da fin troppa pubblicità, sia a lui che al suo sito, che avrà meno lettori di quelli che possono agevolmente entrare in una cabina del telefono.

Anonimo ha detto...

8:44 AM, tanti tuoi commenti su questo blog dimostrano che sei un cojone senza patria andato al nord che viene a cacare su Roma e i romani in modo inopportuno.

Semy Host ha detto...

Server Dedicat www.semyhost.com

Anonimo ha detto...

Ma se in mezzo alla merda si trovano a agio perchè è pittoresca andiamo tutti a cacare davanti a casa di questi.

Anonimo ha detto...

Nei vostri articoli decantate che siamo il centro del mondo in riguardo al degrado e che tutti ci guardano, ora volete negare che i turisti impossibile che vengano a vedere la merda che decantate?
Come siete contraddittori!
State cercando di svergognare Roma in tutti i modi da classici signorotti radical chic di famiglie benestanti che non se ne fregano nulla di quelli a 2 metri da loro.
Chiaramente non ci credo che i turisti vengono a Roma e notano quello che voi dite ma ciò solo perchè state a dire tante stronzate di cui nessuno ve incula.

Anonimo ha detto...

Uno sfoggio di cultura (anzi di nozioni) perfettamente inutile. L'articolo esprime con parole forbite i seguenti concetti:

"RFS merda" con il continuo riferimento a escrementi, sfinteri, ani ecc.

"Ahò si 'nte piasce rioma ma perché nun ta na vai?" (cit. "Se quindi per esempio diciamo che Roma fa schifo stiamo in qualche modo dicendo di avere paura di questa città. Roma ci provoca ripugnanza e per questo ce ne vogliamo allontanare.")

Complimentoni davvero per l'analisi approfondita.

L'area radical chic col degrado ci campa da sempre (accoglienza "migranti", onlus, collusioni camorristiche) e ha fottutamente paura di idee che non può controllare. Ecco il perché dell'odio contro questo blog. La strada è giusta, stanno impazzendo. Continuate così.

Anonimo ha detto...

Visto che si scomoda Freud, allora direi che Roma è una città dalla fase anale non superata, visto che si smerda continuamente nelle mutande...scherzi a parte, all'anonimo 9:03, direi di farsi un giretto fuori dal raccordo ogni tanto. Bat21 sarà un senza patria, ma almeno ha provato a togliersi gli occhiali deformanti romanari, che arrivano in certi casi a esaltare la merda pur di poter continuare a dire "Aò, semo sempre gabudmmundi!".

Signor Smith ha detto...

Ci mancava Freud...

Rrose Sélavy ha detto...

Sì insomma, un approccio scatologico. Che far girare le scatole.

Anonimo ha detto...

@ 9:20: Scusa, ma ci sei o ci fai? Ma hai visto Roma in che posizione sta nelle classifiche del turismo? Nessuno sta sputando sulla Roma del passato e i suoi monumenti. Rfs tenta di far capire (secondo me è una lotta disperata purtroppo) che Roma continua a resistere MALGRADO lo schifo immondo che la sommerge, e tenta di additare i comportamenti dei suoi tanti incivili abitanti che la rendono una chiavica inabitabile. E' ovvio che Roma non morirà mai, che è la città più bella del mondo, ma questo non toglie che questo riguardi il passato, mentre il presente fa vomitare. Mi dici una sola cosa positiva della Roma di oggi? Se non ci fossero i monumenti, le chiese e le gallerie, sarebbe una via di mezzo tra un paesone del sud Italia, una scalcagnata città mediorientale e una grossa città postsovietica della Bulgaria...

Anonimo ha detto...

p.s. E avoja se se ne accorgono i turisti....ripeto: guardare le classifiche europee del turismo.

Anonimo ha detto...

Ma Freud non intendeva affatto quello che dice sto tipo! che miseria umana

Caterpillar ha detto...

Articolo senza capo né coda, pieno di inconsistenze logiche

Anonimo ha detto...

Il turista viene qui sognando di trovare la dolce vita e trova ROMaTERMINI, metro stuprate, marciapiedi sbriciolati, abusivi fastidiosi ovunque, guerre politiche a suon di manifesti illegali, bancamerdarelle sotto i monumenti e l'immancabile ordine del traffico romano.

Piomba nella Bogotà degli anni '40. E tutto ciò è dentro le mura aureliane, mi immagino la faccia di un tedesco davanti al campo rom di salone o di un francese che percorre una strada di periferia tra erbacce alte 1,5m e crateri stradali.

Per favore, chi vi dice che Roma è e sempre sarà così, mandatelo affanculo!

Anonimo ha detto...

Chi ha scritto questo articolo si ritiene un filosofo della comunicazione ma non sa leggere la finalità che questo bel sito svolge nel far vedere le cose che non vanno.Certamente come il cinema ha fatto vedere Roma, la grande bellezza che ha preso l'oscar non si vedrà mai Roma, la grande bruttezza.Ma purtroppo siamo arrivati a toccare il fondo e nessun SINDACO purtroppo riesce nei fatti a fare quel minimo che renda ROMA, decente-amabile-rispettata. Eppure basterebbe poco e non servono i soldi, ma far funzionare le municipalizzate che sono state fonte di........!Basterebbe far rispettare i divieti sulle strade! Basterebbe far rispettare il decoro! ecc ecc, tutte cose denunciate da noi cittadini e mai ascoltate e mai preso provvedimenti per far si che il giorno dopo, su questo sito si legga: grazie signor...della sua segnalazione, abbiamo provveduto. Nu gle frega niente a nessuno da anni. Eppure questa cacca che dice il filosofo..è vero può dare risorse nel senso, che può far lavorare esempio: perchè no si fa un appalto per dare al privato l'installazione in spazi di BAGNI, a pagamento come a PRAGA? lavorerebbero persone e il costo sarebbe ZERO. Nessuno controlla i lavori stradali che restano inconclusi e già dal giorno dopo marciapiedi con mattonato alzato, alberi piantati in superfice che sollevano i marciapiedi e tante altre cose che non vanno. Questa Roma, la grande bruttezza! non la vediamo al cinema, ma la viviamo giorno dopo giorno.Suggerisco a questo sito di aprire uno spazio oltre alla segnalazione in cui chi di dovere, deve rispondere...ripeto deve rispondere perchè se occupa un ruolo pubblico pagato dai cittadini, deve dare risposte a queste concrete segnalazioni. Saluti da Ermio

Aldo ha detto...

Allora... in Italia TUTTO è polticizzato, dal cinema allo sport... e tutto si divide in "Sinistra" (ovvero la parte "buona" "della ragione") contro "fascisti".
Finché c'era Alemanno questo blog era "dalla parte del giusto" ora che c'è Marino e che "osate" parlar male degli zingari... siete diventati feccia per i pischelli dei Centri Sociali e per i Radical Chic. L'articolo di cui sopra me l'aveva postato su FB una tizia che conosco, centrosocialara.

E' proprio questa polticizzazione estrema, questo farsi sì la guerra fra poveri, a discapito del buon senso e la ragione, che ha fottuto e sta fottendo il Paese.

Anonimo ha detto...

Ancora con Freud!!! Stiamo nel 2015, non se lo caca più nessuno! Ma il veleno che ha diffuso, mescolato con quello marxista, continua ancora a catturare cojoni autoreferenziali come chi ha scritto lo stomachevole articolo. RFS talvolta esagera e non su tutto mi trova d'accordo, ma che continui così!!

Anonimo ha detto...

Ma è orribile, è un pamphlet sulla cacca! Un'apologia della cacca!! (Scritto ovviamente da intellettuali di merda!)

Anonimo ha detto...

Ma quindi la merda è di sinistra? Mica ho capito!

Rolando ha detto...

"È consapevole però che quella merda sul marciapiede è il segnale di una città viva. "

Ma rilegge le puttanate che scrive questo demente scribacchino?

Patrizio ha detto...

Il giornalista si era chiaramente iniettato del Vinavil in vena, altrimenti non si spiega come possa aver scritto un articolo del genere...

Anonimo ha detto...

della serie sono disposto a tutto pur di sostenere la mia tesi. a cosa serve questa gente?

Anonimo ha detto...

Quello che non capisco è: la merda di cane ce la dobbiamo sorbire tutti, però le feste le coccole del cane le soddisfazioni solo al padrone. Insomma la merda la scarico ovunque fuorché in casa mia e del cane produttore di merda. Perché non insegnano ai loro cani a farla in una lettiera in casa? Conosco gatti che hanno imparato ad usare il wc di casa. Il cane è intelligente può essere educato ad usare la lettiera...scusate tutta sta cosa è solo per dire che adesso la testa della gente funziona così: io DEVO dare fastidio al prossimo PUNTO.

Anonimo ha detto...

"Questa merda è la nostra identità e non si può immaginare di dissolverla tirando lo sciacquone. Perderemmo il bambino con l'acqua sporca."

"Invece Roma - come Marrakech - è una città meravigliosa perché riesce a meravigliare"

Ecco qui sta il condensato di un pensiero espresso da un incompetente, da un incapace a proporre dei modi vita civile migliore rispettosa del prossimo e delle cose che lasciamo, che non sono le nostre ma me dei nostri figli.

Purtroppo in questo mondo variegato c'è chi parlando molto di merda vuole rilevare la sua identità di coprofago e vuole convincere tutti che mangiarla faccia bene.

Buon appetito.

A noi invece una città così fa schifo

Anonimo ha detto...

Io romano de Roma, sono stufo di vivere in mezzo alla monnezza che pervade ogni angolo (e se è vero che c'è chi non pulisce è altrettanto vero che c'è chi sporca), sono stufo di immigrati da altre regioni che risolvono utto untando il dito con gli immigrati da altre nazioni, sono stufo di forze dell'ordine che non fanno il loro dovere, di funzionari pubblici non all'altezza, di gente che non vuole bene alla propria città.
Tutto il resto è noia

Anonimo ha detto...

Raga' sto coprofago e' sullo stesso livello di zeropregi per capirci. Anzi non mi stupirsi se fossero amichetti...

Anonimo ha detto...

L'articolo di Dinamo fa un pò di tenerezza da quanto è ingenuo e immaturo, magari chi l'ha scritto avrà al massimo 17 anni, se ne avrebbe più di 25 le cose sarebbero un tantino diverse...

Comunque, ci vorrebbe un pò di degrado nei quartieri alti dove vivono questi radical chic e politici da centro sociale per vedere cosa ne pensano, e per gustarsi ciò che promuovono.

Ognuno deve avere quello che si merita e che vuole

Anonimo ha detto...

"Quella merda sul marciapiede è il segnale di una città viva."

E' strano che il radical chic abbia dimenticato, lui sempre così attento, che la città sarà pure "viva" ma una persona ipovedente quella cacca non la vede ed è penalizzato nell'uscire di casa.

Va beh, poi magari ci farà un bell'articolo sui problemi di chi vive con un handicap in questa città e ribalterà tutto quello che ha detto.

Allucinante è la leggerezza con cui si scrive e forse si comprende perché questa città è ridotta così.

Anonimo ha detto...

infatti l'altra sera a S.Lorenzo 2 turiste inglesi si facevano le foto accanto i secchioni dell'immondizia strabordanti, ridacchiando fra loro e dicendo che dovevano assolutamente postarle fu facebook... i signori che hanno scritto l'articolo hanno forse ragione? PS Post ironico, ovviamente...

Anonimo ha detto...

Una colonscopia per l'autore. Con i tempi del CUP sanitario.

Anonimo ha detto...

Perchè non citare il marchese del Grillo e le sue opinioni sulla pajata? Merda pagata 10 euro a porzione.

Anonimo ha detto...

vennero dei miei conoscenti a visitare rioma...la PRIMA cosa che uno di loro mi disse è che rioma era veramente sporca, me lo disse su via della conciliazione con vista san pietro, poi andammo a prendere un autobus al vecchio capolinea di san silvestro, attesa 30 minuti per l'85.
città profondamente malata, si nota appunto da questo articolo che fa passare le peggiori schifezze come normalità, non considerando che da nessuna parte nel resto d'eropa, tranne forse al meridione d'italia, si trovano nelle nostre condizioni.
roma è malata, le mafie regnano sovrane, se non conosci qualcuno NON LAVORI, se trovi comunque qualcosa è in nero, le case costano almeno 700 euro al mese a meno che ci si accontenta di stanze di merda...due linee e mezzo di metro in croce che fanno pure schifo, piene di ladroni, ma che c a z z o ci vengono a fare i turisti a rioma, ma farsi derubare? ma io con cavolo che andrei in una città dove rischio seriamente il furto del portafoglio, ma non esiste....
e questi giustificano il tutto con freud, ASSURDO.

Anonimo ha detto...

gente che ha il coraggio di dire la verità a rfs va rispettata ! Gente con la testa sulle spalle ! I social stanno diventando un boomerang contro il tenutario che riesce si a controllare i suoi sudditi ma si trova con un numero sempre più elevato di critici !

Anonimo ha detto...

11:59 AM, per come scrivi i tuoi parenti non potevano essere altro che pecorari che scendevano dai boschi abruzzesi.
certo che se pure i boscaioli ora si sono messi a criticare Roma semo proprio alla frutta, quindi siete inaffidabili.

Anonimo ha detto...

no tu hai capito proprio male, io non conosco nessun abruzzese.
ma vi pagano per difendere l'indifendibile? OGNI giorno cerco il modo per andarmene da questa fogna senza speranza lasciandola a persone che credono che sia la città piu bella del mondo, persone mai uscite dal raccordo anulare che circonda aa GABIDALE.
impantanati nella mondezza, a rischio di malattie per la grande quantità di mondezza e per i roghi tossici, ancora difendete l'indifendibile....ancora.

Anonimo ha detto...

per trovare lavoro e casa bisogna conoscere qqualcuno come a napuli e palermo senno muori di fame e stenti...aa capitale co tottigolle piena di monnezza, hai capito te? un posto invivibile tranne che per ricconi dei parioli e del centro.
ma andateci a respirare un po di fumi tossici a via salviati, andateci se avete il coraggio no?

Rolando ha detto...

@12:02 PM
Va rispettato chi scrive una critica circostanziandola con argomenti intelligenti.
Il pennivendolo che ha scritto quell'articolo ignobile merita di essere bersagliato con la stessa merda che cita nei suoi superficiali scritti.

Anonimo ha detto...

12;19
è un articolo provocatorio per far arrivare il sangue nel ( poco) cervello dei "decorosi" !
lo capirebbe un bimbo della materna...

Anonimo ha detto...

@ 12:26: tu invece, caro "indecoroso", di cervello ne hai da vendere, vero?

Anonimo ha detto...

quindi secondo questo signore se una città è interessante e piena di storia bisogna necessariamente coprirla di merda, graffitare ogni centimetro di muro, invaderla di bancarelle abusive di ambulanti, farla presidiare da parcheggiatori abusivi pluripregiudicati e ricercati anche all'estero, invaderla di venditori abusivi di selfie e cappelli, permettere impunente a chiunque vuole di usufruire gratuitamente dei mezzi pubblici, farla erodere da milioni di buche su ogni strada, farla vandalizzare da ragazzini ubriaconi che la sera se "fanno er peroncino", tenerla ostaggio di sosta selvaggia, doppia fila e sosta abusiva, non permettere a chi è disabile di poter uscire di casa a causa dell'impossibilità di trovare i passafggi pedonali liberi da auto o mezzi pubblici adibiti, rimanere passivi di fronte al nulla e all'immobilismo di vigili e autorità... e centinaia di altre abominevoli problemi.
bisogna lasciar correre tutto questo perché così vuol dire che LA CITTA' E' VIVA!?!?!?
imbarazzante. chissà in famiglia come sono orgogliosi di lui...

Anonimo ha detto...

eh si perche qui vuole passare il messaggio che in fondo rioma è così, bonacciona, fattela na risata, a merda mica è un problema.
allora, andando verso il nord italia, a cominciare da viterbo per passare alla notevolmente migliore toscana, in NESSUNA città si vive male come rioma, nessuna.
qui vuole passare il messaggio che, in fondo, la mondezza che provoca malattie, puzza, topi, mica è un problema. se ti SPRECHI un ora della tua vita ad aspettare l'autobus che non passa mica è un problema, se qualcuno ti blocca in doppia fila facendoti sprecare minuti e ore nel traffico mica è un problema, se non trovi lavoro e una casa dove vivere mica è un problema, se ti rubano il portafoglio mica è un problema, se ti verrà un tumore a acausa dei roghi tossici mica è un problema, se spendono soldi x ripulire graffiti togliendo i soldi alla sanità alle case popolari mica è un problema...ecc.. ecc...
ripeto, non esiste un solo posto che assomigli lontanamente allo stile di vita riomano verso il nord di roma, nessuno, tranne quei paesoni prima di viterbo che fanno schifo quasi quanto roma, ma mai la raggiungono.

Anonimo ha detto...

ma avete sentito che si sente sempre piu spesso parlare napoletano calabrese e siciliano in giro per roma? spesso sono persone che lavorano nel pubblico, ama atac CHISSA COME MAI.
però un romano che cerca lavoro cor caiser che trova qualcosa, questi partono dal sud italia e hanno trovato "lavoro"....come? se non si fanno concorsi, come se non ci sono annunci di nessun tipo e spesso e volentieri SONO FALSI? non saranno mica scambi di favori? come fanno questi qua a trovare case a roma guadagnando 800 euro e spendendo 600 per l'affitto (IN TEORIA 600 euro)?
e meno male che è uscita la storia di mafia capitale, e in tutto questo uno che non riesce a vivere pur volendolo in questa fogna immane dovrebbe giustificarlo dicendo beh in fondo è folklore?

Anonimo ha detto...

Due tedeschi che avevano scritto con le bombolette su una carrozza ferroviaria a Singapore sono stati arrestati in Malesia, estradati e condannati a 9 mesi di galera e 3 frustate.

http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2015/03/05/singapore-frustate-a-due-graffitari_71e36ee2-eec2-479c-87b5-67992608d337.html

Facciamo una colletta? Un charter di taggaroli romani in gita a Singapore?

Anonimo ha detto...

dovrebbero aprire due campi rom dentro villa ada, villa pamphili, villa borghese, accendere i roghi tossici e farli respirare ai quartieri benestanti de rioma, uno anche verso er bellissimo fleming....ma CHISSA PERCHE i campi rom sono solo in periferie di gente che, in fondo, è l'unica che paga le tasse in questa immensa latrina di rioma. ecco, queste le domande da farsi per capire.
VIGLIACCHI.

Anonimo ha detto...

12:14 PM, e quando cazzo ve ne annate tutti quanti voi che non state bene a Roma non l'ho capito ancora.
nessuno ve trattiene, o dite o scrivete ma sempre a rompere il cazzo state.
non sete capaci a vivere qua e poi ve ne volete anna?
ve manca proprio il perno per fa certe cose, ma annatevene a ...........

Anonimo ha detto...

eccolo, è arrivato ANNATEVENE VA CHE STAMO PIU LARGHI
ma che c a z z o ne sai dei motivi miei per i quali non posso andarmene? eh? ma chi ti conosce...

Anonimo ha detto...

porca troia venisse quel giorno, venisse...TURISTI, non venite a roma, non portate i vostri soldi qua, fateli schiattare tutti gli approfittatori ladroni di roma, NON VENITE QUI a passare le vostre vacanze,neanche un giorno, rischiate minimo il portafoglio, attenti.
ma anche voi che cercate un lavoro...NON C'E', NON C'E.
non perdete tempo, è la fine della vostra vita, o siete condannati ad una vita meno che mediocre.

Anonimo ha detto...

La cosa triste e’ che questo si sente ‘de sinistra’. E si’ fa un riferimento a denti stretti a Mafia Capitale, ma non si rende conto che malavita e corruzione sono un tutt’uno con la sporcizia e il degrado. Senza rispetto per se stessi e il posto dove si vive, non si possono rispettare le leggi e il prossimo.

Il prezzo del caos pittoresco che gli piace tanto lo pagano i deboli: i disabili, come ha detto qualcuno sopra, e in generale chi non sa fare la voce grossa e adattarsi alla legge dela giungla. Non a caso le societa’ piu’ oneste ed eque sono proprio quelle senza merde di cane per strada.

Anonimo ha detto...

L'autore di questo articolo vive nel passato. Vi era una certa idea dell'Italia sporca ma accattivante, popolata da gente indolente e da piccoli malavitosi, assolutamente inaffidabili. Il degrado faceva parte di questo immagine. In compenso c'era il calore umano che affascinava gli stranieri e un'assoluta indifferenza per le barriere sociali o politiche. Oggi è tutto diverso. Da quando uno di questi inaffidabili, nel 1994, ha preso il potere in Italia e da quando il paese è economicamente rovinato, queste cose non funzionano più. Non c'è più calore umano. La gente non canta più per strada a Roma, ma rischi che ti prende a botte o a coltellate. L'autore vive probabilmente in un contesto privilegiato: se vivesse nella periferia e dovesse lavorà, non scriverebbe queste elucubrazioni teoriche

Anonimo ha detto...

"non sete capaci a vivere qua e poi ve ne volete anna?"
...ecco l'altra frase tipica, qui stamo nella giungla, er piu forte vince, cia li sordi la figa er lavoro criminale, tu che non gliela fai te ne devi da annà a quer paese, ANACAPITO.
ecco poi perchè i riomani co a smartina se infilano dappertutto, perche a rioma se usa così, ANACAPITO.
e chi cia er suvvone e lo mette n'attimino in doppia che tanto a lui la multa nun glela fanno è uno che ha capito tutto della vita, so io che non so capace a vivere e trovare er lavoro criminale, veh?
oppure mi devo rassegnare a spendere 800 euro per stare a tor sapienza a respirare e morire per i roghi tossici?
senno non sono capace a vivere nella giungla?
ANACAPITO.

Anonimo ha detto...

Boh, il tipo più che alla psicoanalisi, parrebbe far riferimento ad una macchietta d'antan di Montesano. La romantica donna inglese che cinguettava "pittoresco pittoresco" ad ogni pie' sospinto.

Anonimo ha detto...

http://italians.corriere.it/2015/03/05/il-mondo-arriva-a-milano-e-non-sara-felice-di-farsi-fregare-le-valigie/

Il mondo arriva a Milano, e non sarà felice di farsi fregare le valigie
La partenza e l’arrivo dei treni hanno sempre qualcosa di cinematografico. Gente che corre, gente che telefona, gente che saluta, gente che bacia, gente che cerca di fare tutte queste cose insieme. Se i treni locali offrono immagini da film in bianco e nero, con i Frecciarossa e i Frecciabianca siamo nel mondo del colore. E la sceneggiatura, da qualche tempo, è diventata bizzarra.
Lungo i binari, alla Stazione Centrale di Milano, Trenitalia ha messo personale in divisa. Sicurezza Aziendale, sta scritto sulle giacche. E’ lì per impedire che i viaggiatori vengano ingannati da finti portabagagli, i quali si precipitano a prendere le valigie e poi pretendono cifre esorbitanti (quando le restituiscono, se le restituiscono). Il personale deve anche marcare i gruppi di borseggiatrici, specializzate nell’aprire borse e zainetti in movimento. Si tratta, quasi sempre, di rom (non è un pregiudizio né un giudizio: è un fatto).
Il personale di Trenitalia è esasperato, la polizia ferroviaria impotente. Con le leggi esistenti, dicono, possiamo far poco. Truffatori e ladre lo sanno benissimo. Un capogruppo della Sicurezza Aziendale racconta: “Abbiamo fermato una donna dopo un furto, per l’ennesima volta. Ormai la conosciamo. L’hanno portata nel posto di polizia. Lei li ha seguiti, tranquilla. Uscendo ha detto, con aria di sfida: ‘Grazie, mi piace stare seduta e al caldo per mezz’ora”.
Il governo italiano capirà mai che la microcriminalità è micro finché non succede a noi? Introdurrà norme, procedure e sanzioni adeguate? Nell’attesa di una risposta – che non arriverà – qualcosa forse si può fare. Per esempio: perché Trenitalia non sostituisce la guardie con i portabagagli? Costi inferiori, probabilmente. E il problema (i furti) si evita; invece di cercare, affannosamente, di risolverlo.
Un lavoro umile, il portabagagli? Certo, ma è dignitoso, come ogni lavoro. E’ stato il mestiere d’ingresso in molte società. E resta insostituibile. Le valigie pesano, e non tutti sono in grado di spingere due monoliti con le rotelle su e giù per la Stazione Centrale.
So bene che i problemi sono ben altri. I problemi, in Italia, sono sempre ben altri. Ma se cominciassimo a risolvere quelli piccoli, avremmo la calma e l’umore per affrontare quelli grandi. Dimenticavo: fra due mesi parte Expo2015. Il mondo arriva a Milano, e non sarà felice di farsi fregare le valigie. Beppe Severgnini

Anonimo ha detto...

e comunque...io non sarò neanche capace di vivere a rioma E NEANCHE CI TENGO ad integrarmi allo stile romanaro tottigol e smartina in doppia che te taglia la strada, ma quando esco a me nessuno mi addita come il romanaro coattone e incivile, manco mi riconoscono, mi dicono ma davvero sei di roma?
ecco, romanari, non uscite dal raccordo, siete voi incapaci di vivere al di fuori del raccordo .

Anonimo ha detto...

troppo bello....leggere i "decorosi" che impazziscono ! ahahahaha
dai continuate ! avete gli occhi iniettati di turbo diesel ! hihihihih

Anonimo ha detto...

"Ennesimo patetico articolo contro questo blog"

Non solo patetico ma anche farneticante squinternato e demenziale. Questi idioti ci sguazzano nella melma.

Anonimo ha detto...

dai ragazzi che stiamo sulla BUONA STRADA se solo 2 coglioni due e sempre gli stessi hanno commentato positivamente l'articolo in questione (parlo dei commenti sulla pagina dell'articolo), mentre la stragrande maggioranza dei lettori li ha letteralmente presi a mattonate (di buon senso civico).

Vuol dire che la città ha ancora speranza di civismo. Dobbiamo solo crederci WE SHALL OVERCOME.

PS.
Notazione sull'articolo di elogio della merda. Anceh io sonoa favore della merda come "simbolo di vita" però questa merda romana è tutta a sfavore di più deboli, dei più poveri, dei più emarginati.

Chi prende il bus è povero e parcheggiare sulle fermate, in doppia fila rende ai poveri un servizio "di merda", peggiora la qualità della sua vita. ne fà una vita molto più di merda.

Trasformare le piazze sotto casa dei poveri in parcheggi e smog peggiora la vita a chi ci vive e NON PUO' passare le vacanze in campagna a sentire l'aria buona, il silenzio, la qualità della vita.

Se sono ricco me ne frego perrchè poi scappo il week end e faccio molte vacanze fuori dallo STRESS del traffico, del parcheggio sul marciapiede, dello smog, del rumore.
Anzi se sono ricco mi preoccupo solo di poter parcheggiare il mio suv davanti al ristorante del centro.
Se sono povero proprio non mi posso permettere di andarci al ristorante...

L'articolo mi sembra di un razzismo etnografico notevole: della serie che io abito nella mia casa di 500mq all'aventino, lustrata e pulita da 5 filippini, con il mio garage privato, la macchina lucidata e poi trovo interessante uscire e vedere la "vita", le cacche per roma..

Anonimo ha detto...

gli anni 70 sono finiti da tempo... che strazio, che antichismo...

Anonimo ha detto...

3:17 PM, er problema grosso che non ti firmi e potresti essere sempre lo stesso che scrive e riscrive.
nun cjai le palle de firmarte, vero?
daje passate all'autenticazione con nomi veri e vedemo quanti siete.
come mai sullo stesso articolo di facebook, dove se riconosce chi scrive, nun ci sono tutti sti belli commenti?
daje fateve l'accaount farsi su facebook così fate vede che sete in tanti, tanto nun ce crede nessunooooo.
continuate pure ad autocelebrarvi solo quello v'è rimasto ( va cantate e va sonate, buoni stornelli!)!

Anonimo ha detto...

Per chi ha difficoltà mentali a capire come la "merda romana" di cui parla RFS sia anche molto metaforicamente concreta voglio portare un esempio (non degli anni '70 Amarcord felliniano) della "merda romana" di cui si discute su RFS:

l’ex magistrato antimafia
L’accusa di Sabella: «I funzionari
di Roma? In media scarsi»

Duro attacco dell’assessore alla Legalità, Alfonso Sabella: «Assunti chissà come»

Naturalmente, l’ormai ex magistrato antimafia Alfonso Sabella - che ha lavorato a Palermo con il pool antimafia, ed è autore del libro «Il cacciatore di mafiosi» - precisa che «esistono funzionari e dirigenti all’altezza», e però il senso del suo discorso è chiarissimo, «il livello medio è scarso». Una bordata in piena regola, perché più tardi lo stesso Sabella spiega che «la media non è al livello di quello che merita Roma, la capitale d’Italia». L’amministrazione, per lui, è «scarsamente preparata sul piano professionale».


E' abbastanza merda d'artista?
piace ai turisti questa efficienza romanara? (Scommetto che a Buzzi e Carminati, grandi estimatori della Nouvelle Vogue romanara piaceva moltissimo..)

Perchè anche questo peggiora la vita ai romani veri (Romanari non pervenuti o già assunti al comune di roma ndr).

Anonimo ha detto...

l'accaount farsi su facebook

Cos'è? Un Facebook persiano?
Ahahahaha

!accaount!

Cià raGgione SabBella.

Anonimo ha detto...

accaount o account o come cazzo se chiama e se scrive, rimane il fatto che la volpe quando non arriva all'uva dice che è acida.
menatela in cajara che è mejo de risponde.
quaquaraqua li chiamano in sicilia certi uni noi de Roma li chiamamo .....!

Anonimo ha detto...

3.339 pm, accaount o account o come cazzo se chiama e se scrive, rimane il fatto che la volpe quando non arriva all'uva dice che è acida.
menatela in cajara che è mejo de risponde.
quaquaraqua li chiamano in sicilia certi uni noi de Roma li chiamamo .....!

Anonimo ha detto...

3.39 PM, non me rispondi? slurp slurp slurp!!!!
"accaount o account o come cazzo se chiama e se scrive, rimane il fatto che la volpe quando non arriva all'uva dice che è acida.
menatela in cajara che è mejo de risponde.
quaquaraqua li chiamano in sicilia certi uni noi de Roma li chiamamo .....!"

Anonimo ha detto...

ahaha impazziscono tutti, tutti con il pieno di super e tutti anonimi !

anonimo 1 , anonimo 2 , anonimo 3 era anonimo pure il figlio della sorella era anonimo pure quello !

Anonimo ha detto...

Ci vuole davvero una grande stupidità o una cattiva coscienza per leggere l'articolo pubblicato come apologia del degrado.

Anonimo ha detto...

MASTROIANNI E' PROPRIO UNA MERDA

bat21 ha detto...

Caro 9:23 e' proprio cosi...Roma di fatto mi ha espulso con l assenza di una economia sana (leggasi impossibilità di avere un lavoro non legato alla politica) e la lontananza da ogni standard minimo di qualità della vita da mondo occidentale non meridionale. Mi ha esiliato. E sono rabbioso perché oltre l esilio devo pagare tasse per mantenerla. Almeno venisse mantenuta in uno stato decente invece fa schifo sotto tutti i punti di vista.

bat21 ha detto...

9:29 am bel confronto: direi che e' un incrocio tra una città meridionale, una mediorentale e una città postsovietica e solo incidentalmente ha una storia e un poderoso asset di monumenti. Qui non li rispetta nemmeno chi ha la fortuna di abitare in centro pretendendo di parcheggiare la macchina sotto il portone di casa in zone che in paesi civili sarebbero totalmente pedonali. Penoso e' dire poco

bat21 ha detto...

12:14 pm il problema e' che quando troverai un lavoro decente in settentrione comunque pagherai per mantenere questa cloaca con tutto il suo enorme carico di parassiti. La risposta migliore sarebbe trovare lavoro all estero se puoi fallo!

Romamia ha detto...

Questo articolo è veramente patetico e surreale quanto l'autore. Si può filosofeggiare quanto si vuole sulla merda...così tanto per parlare in qualche salotto radical chic, bla,bla,bla...
Ma il rispetto per le regole sociali di convivenza, il rispetto del bene comune e delle vestigia passate, l'educazione civica che distingue un popolo civile e colto da un popolo barbaro, il funzionamento dei servizi pubblici sono realtà che rendono un centro urbano, soprattutto una metropoli, vivibile. Tutto quello che manca a Roma che è infatti una città di merda.

Anonimo ha detto...

Visto che la cacca "è anche un fertilizzante da cui può nascere un fiore", stanotte ne vado a fare una davanti casa dell'autore del geniale articolo: ne sarà entusiasta.

Anonimo ha detto...

Per acca-ount:
l'uva della volpe è acerba, non acida.
Ritenta: sarai più fortunato!

Anonimo ha detto...

bat21, quindi non sei lucido ma uno pieno di rabbia!
con la rabbia non si è costruttivi pertanto astieniti dallo scrivere e fomentare malumore e rabbia!
quando, un giorno, tornerai lucido riprenderai a scrivere, stai facendo il gioco di questo blog che a fini propri cerca elementi con rabbia non per costruire ma per distruggere Roma e i romani.

Anonimo ha detto...

12:39 AM, confermo quello che ti ho detto precedentemente, stuzzichi fomenti ma non discuti!
praticamente segui la perfetta linea di rfs, inserisce gli argomenti e poi quando qualcuno lo invita a discutere lui diventa ghost.

Anonimo ha detto...

Per acca Ount se vuoi discutiamo del tuo semi analfabetismo. O del fatto che ti devi far ridare indietro i soldi dalle scuole elementari in poi.
Per entrare nel merito della questione non ho ancora capito quali sono i tuoi argomenti a favore della cacca e di una città degradata. Forse non ne hai. È solo difesa di un habitat ideale per i semi analfabeti?

Anonimo ha detto...

3:17 PM, er problema grosso che non ti firmi e potresti essere sempre lo stesso che scrive e riscrive.
nun cjai le palle de firmarte, vero?
daje passate all'autenticazione con nomi veri e vedemo quanti siete.
come mai sullo stesso articolo di facebook, dove se riconosce chi scrive, nun ci sono tutti sti belli commenti?
daje fateve l'accaount farsi su facebook così fate vede che sete in tanti, tanto nun ce crede nessunooooo.
continuate pure ad autocelebrarvi solo quello v'è rimasto ( va cantate e va sonate, buoni stornelli!)!

Anonimo ha detto...

Questo articolo è molto bello, è vero giornalismo. Vorrei chiedere una cosa all'autore: credo di aver risolto il mio conflitto durante la fase anale.
Solo che ora soffro di emorroidi. Posso dire che gli zingari rubano e che la città è una fogna o mi prescrive qualche altra perla di saggezza in supposta?

Anonimo ha detto...

12.15 PM, prova con una banana ad esercitare lo sfintere anale potresti finalmente trovare qualche piacere della vita, per sentito dire sembra che tanti ne hanno trovato piacere.
vuole essere un consiglio amichevole.

Giulio ha detto...

A tutti coloro che continuano a sputare sul Sud Italia, dico andate a fare in culo!Io non ho mai criticato Roma per come é stata edificata negli ultimi 60 anni,sulle conseguenze che si ripercuotono su viabilitá,sicurezza,illuminazione... quindi sulla vita dei suoi abitanti,e sulle leggerezze civiche di metá dei cittadini,ma ora basta!C'é tanta brava gente in questa cittá,romani,lombardi,veneti,campani e siciliani, e poi ci sono i pressapochisti, che giudicano tutto ciò che é fuori dal raccordo con sufficienza e sdegno. ...si scagliano contro i clandestini e i delinquenti in genere(giustissimo!)ma anche a priori contro i connazionali alle latitudini diverse dalle loro,non va bene!Manca un sentimento Nazionalista e Patriottico, signori,e non si conosce la Storia! L'Italia é tutta bella,e ci sono bravi e cattivi italiani, romani e non...agli "irriducibili in malafede "aggiungo che la Meravigliosa Roma ha circa 2700 anni,la Meravigliosa Reggio Calabria circa 3000,la Meravigliosa Sciacca, in Sicilia, circa 4000...nella Meravigliosa Genova abbiamo l'orgoglio dell'industria navale,nella Meravigliosa Milano il cuore della finanza...le persone intelligenti avranno capito il mio sfogo,spero siano i più...Resisti Roma, resisti Italia!Giulio

bat21 ha detto...

Giulio dai il meridione è indifendibile
http://scenarieconomici.it/dati-regionali-2012-shock-residuo-fiscale-saldo-attivo-per-95-miliardi-al-nord/
Pure la civiltà mesopotamica è antichissima ma che vuol dire? Il passsato è passato...

Anonimo ha detto...

Non sono Giulio ma quoto in toto il suo commento.
Mi sento di dire a Bat21, vai a fare in culo vigliacco razzista con pregiudizi che accusi dietro anonimato perche' non hai i cojoni di farlo in palese ( hai dimostrato di essere pure cretino e deficienze per non aver il discorso intelligente ed imparziale di Giulio ).
Bat21 sei un cojone razzista che fomenti ed istighi all'odio razziale!

bat21 ha detto...

Non e' mia abitudine rispondere ai troll o ai minus habens ma questa volta faccio una eccezione alla regola, spiegaci campione di intelligenza quale sarebbe il mio razzismo.Pensi che qualcuno possa pensare che esistono le razze romane e meridionali? Se e' cosi essendo romano sarei razzista contro me stesso. Ma ti rendi conto di che razza di demente sei? Se devi trollare trolla meglio.

AirlinesOfTerror ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Pino Rossi ha detto...

Articolo assurdo, ma l'intervista a Mastroianni è impagabile!

ShareThis