Piccoli grandi tentativi per riprendersi i marciapiedi in zona Tuscolano. Cittadini che ci provano

11 aprile 2014










L'altro giorno ho segnalato su Twitter alla Municipale la situazione indegna delle bancarelle e del commercio abusivo di via Nobiliore e via Tuscolana. La risposta dopo l'intervento da parte dei vigili è stata "esito regolare". Per chi abita nel quartiere e vede questo schifo tutti i giorni è un insulto sentirsi rispondere così visto che sa benissimo come la situazione sia fuori controllo (come in tutta Roma ormai). Le mega bancarelle con licenza si prendono sempre più spazio (bloccando il flusso di persone come si può vedere nella foto con i due passeggini), in più si aggiungono gli ambulanti con merce sui cartoni o sui supporti con ruote sempre più grandi. Tutto questo è testimoniato proprio dalle foto che ho scattato ieri aggravate e rese grottesche dalla presenza dei vigili! Il loro intervento, infatti, è stato praticamente inutile visto che consisteva solo nel chiedere agli abusivi di andare senza identificare nessuno, sequestrare la merce o fare una multa. Il risultato è stata la solita pantomima con l'abusivo che fa finta di nascondersi e lascia la sua postazione di cartone vuota per poi tornare esattamente un minuto dopo quando i vigili sono andati oltre. Come cittadini dobbiamo pretendere dei controllo seri, non basta la semplice presenza delle forze dell' ordine devono anche agire in modo incisivo e ottenere dei risultati concreti. Gli ambulanti sono difficili da perseguire ed è quasi inutile identificarli, allora sequestriamo semplicemente la merce con l' aiuto congiunto di Ama. Due vigili ed un operatore Ama con carretto al seguito ci metterebbero si e no unora a sequestrare e buttare la merce e relativi supporti di carta che usano per allestire i loro banchetti! Segnaliamo tutti fino a quando capiranno che non si può ignorare il problema e che noi cittadini vogliamo riprenderci i marciapiedi! Valeria C.

26 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

I vigili ci sono, sono i vigili che vigilano quelli che mancano.

Anonimo ha detto...

Chi gestisce questi ambulanti? I soliti noti a mio modesto parere

Anonimo ha detto...


Una cosa da non sottovalutare a mio parere e' che questi abusivi godono della simpatia di una parte dei cittadini che non esitano ad accusarti di razzismo ogni qual volta si chiede il rispetto delle regole.

Non ho alcuna simpatia per i vigili ma piu' di una volta ho assistito ad insulti loro rivolti da parte dei soliti buonisti allorche' si apprestavano a sequestrare la merce degli abusivi.

Finche' avremo gente che acquista e xenofili violenti che godono nel vedere Roma ferita ci sara' poco da fare.

Andrea Rossi

Anonimo ha detto...

è un problema che ha radici profonde. Sia chiaro il vigile sicuramente abita a Roma e non gli piace avere i figli che gironzolano dentro tanto ciarpame, ma se proprio lui non fa nulla , significa che ne è impossibilitato, non credete?

cercate di votare bene la prossima volta.
oppure bisogna organizzarsi in massa e fare una bella manifestazione

Piazza Mancini ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Tutte le volte che sento parlare di bancarelle autorizzate rimango folgorato. Si può sapere CHI è quel genio che le ha autorizzate? Come si fa ad autorizzare una roba del genere? Tutto illegale, marciapiedi che spariscono, furgone in doppia fila fisso, ma chi cazzo autorizza una cosa così???

Anonimo ha detto...

Per multare, sequestrare, identificare i vigili non bastano, ci sarebbe la reazione degli abusivi e i vigili avrebbero la peggio.
Servono a mio avviso misure straordinarie.

Anonimo ha detto...

HAI CENTRATO PIENAMENTE IL PROBLEMA.

QUESTI INTERVENTI SPOT DELLA POLIZIA MUNICIPALE CHE NON INCIDONO IN ALCUNA MANIERA SU QUESTA PIAGA FUORI CONTROLLO NON SERVONO ASSOLUTAMENTE A NULLA.

COSI' AVVIENE IN TUTTA ROMA E DUE MINUTI DOPO CHE I VIGILI VANNO VIA TUTTI I SUK E GLI ABUSIVI RIPRENDONO IL PIENO CONTROLLO DELLA CITTA'.

COSI' NON FUNZIONA!

Andrea ha detto...

Tocca bloccare il turismo in questa città, mi fa rabbia pensare che i turisti vedano sto schifo, secondo me è l'unica fonte di guadagno che è rimasta al comune...appena vedranno le brutte vedi come cominceranno a dar le mazzate...

Anonimo ha detto...

Questa città fa sempre più schifo.. E mentre tutto questo succede, il buon Marino si preoccupa che sugli atti del comune si usi la parola rom piuttosto che nomadi.. roba da far cadere le braccia

Anonimo ha detto...

I "cittadini che ci provano" si organizzino e vadano dalle istituzioni competenti a pretendere di vedere le concessioni di ogni singola bancarella per stabilire (con l'aiuto di qualcuno che ci capisce ovviamente) se è tutto in regola come detto nell'articolo.

JenaTwentySeven ha detto...

Le bancarelle con ruote non sono sanzionabili. Il codice della strada le vede come mezzi di locomozione e quindi adatte al commercio ambulante? Non deambulano mai? Poco male, quando arriva il vigile basta dire che ci si era fermati per riposare. Il vigile multa ugualmente? Poco male, si trova un testimone che dicesse che in quel momento stava comprando e si ricorre. 2 cose son da cambiare: la normativa e la gente che non dovrebbe comprare. Invece questi guadagnano "pulito" più di un commerciante

Anonimo ha detto...

I marciapiedi della Tuscolana ormai sono diventati impraticabili.
Bisognerebbe capire come si possa tollerare una situazione del genere.
Il Policlinico è in una situazione indegna.
E' un fenomeno che non si riesce ad arginare.
Oltretutto quanta è l'evasione fiscale di tutto questo commercio ?

Anonimo ha detto...

E' un'indecenza. Ad ogni angolo queste bancarelle abusive. Non solo sulla Tuscolana, ma a Termini, Santa Maria Maggiore, Piazzale Appio (io sono dell'Appio-Latino), Eur Fermi, Circonvallazione Ostiense, via Montebello, Piazzale Ostiense, solo per citarne una minima parte. Oltre ad essere abusivi, vendono robaccia, e sporcano tantissimo lasciando i rifiuti per strada e sui marciapiedi. La colpa non è solo delle istituzioni che non prevengono e non reprimono, ma anche di chi compra. Chissà perché è pieno di gente che compra questa robaccia. La cosa più assurda che ho visto è stata a piazza San Giovanni in Laterano, nella mia zona, vicino alla statua di S. Francesco: decine e decine di bancarellari che vendevano palesemente cose rubate o prese dall'immondizia, addirittura alimentari e una folla di gente che comprava e curiosava.. finché continueranno a comprare questa mer.. il mercato sarà florido. Devo però constatare che ci sono stati vari blitz di polizia municipale e carabinieri (a cui ho assistito) e da un po' di tempo il fenomeno non si verifica. Ma sono certo che tra qualche tempo ritornerà tutto come prima.

Silvia ha detto...

La cosa che fa più ridere è che ormai è diventata una pantomima alla guardie e ladri. Quando arrivano i vigili mi è capitato di vedere più di una volta gli abusivi scappare ridendo, come se si trattasse di un gioco. Puntualmente appoggiati dall'altro lato della strada tornano operativi dopo si e no 5 minuti. Una volta l'ho fatto presente a un vigile e mi ha risposto "Ma lasciali sta..poracci" Vaaaaabbè. Intanto io la notte butto i cartoni che trovo parcheggiati nelle cabine telefoniche, pronti a essere usati l'indomani

tabita frollini ha detto...

L'esercito. Almeno gli facciamo fare qualcosa di utile

rosa ha detto...

Perchè non coinvolgere la deputata disabile Ileana Argentin? Potrebbe diventare portavoce in parlamento dei portatori di handicap motorio romani e chiedere provvedimenti contro queste assurde e indecenti barriere "architettoniche" e contro il comune di Roma.

Anonimo ha detto...

certo che se continuate a votare per PD e PDL possiamo continuare così per altri 50 anni almeno

Anonimo ha detto...

ma se è così ci prendono le mazzette, se no non c'era niente e nessuno sui marcipiedi, sono abusivi e non gli fanno nulla ? c'è l'inghippo sotto !

Anonimo ha detto...

Anonimo 11:06. La penso anch'io come te, penso anche, che al posto loro, farei lo stesso.

Anonimo ha detto...

Chi si somiglia si piglia...se zingari abusivi e fancazzisti di ogni sorta e razza si congregano tutti in questa MERDA che si continua a chiamare capitale d'italia senza che NESSUNA delle autorità faccia un cazzo una valida e buona ragione ci deve essere !!

Anonimo ha detto...

Roma deve fallire e basta! Solo ricominciando tutto da capo potrebbe avere la possibilità di salvarsi, così no!

Anonimo ha detto...

Avete mai pensato che i vigili prendono il pizzo da chi gestisce questi ambulanti (legali e non)?

Anonimo ha detto...

Anonimo 1:40. Certo che e' cosi', ma in questa situazione lo prenderei anch'io. Sarebbe da coglioni non farlo.

Mauro Rossi ha detto...

@ andrea rossi

Credo che tu abbia centrato il problema, perchè esistono molti cittadini che nutrono per motivi ideologici/politici simpatie per questa sorta di "liberalismo" all'amatriciana in cui tutto è permesso. Così l'ambulante abusivo che non paga le tasse diventa un "povero" straniero fuggito dal suo paese in cerca di fortuna. Questa non è la vigna dei cojoni, ma un paese amministrato, e soprattutto abitato, da cittadini che non amano le regole e che trovano nel caos il loro humus preferito.
Purtroppo non esiste soluzione a questo problema.

Spes ha detto...

Trovo costruttivo il commento di Rosa, coinvolgere Ileana Argentin. Potrebbe essere un modo per poter sollevare la questione al comune!

E si potrebbe arrivare a sapere anche chi ha concesso le autorizzazioni!
Inoltre qualcuno sa se i vigili sono intervenuti in maniera corretta?

(commercio itinerante: quale è la regolamentazione? quante ne sono? c'è un limite? dove possono circolare? possono essere senza registratore fiscale? deve esserci l'intestatario dell'autorizzazione?)

Informiamoci, credo sia l'unico modo per cambiare le cose.

Io rimango dell'idea che se c'è un capo dei vigili, (responsabile "oggi"..e non tra 2 anni (ndr) dell'operato dei sui colleghi, debba essere coinvolto.

Rimango dell'idea che sapere chi concede queste autorizzazioni, e con quale criterio, possa aiutarci.

Sapere perchè il vigile interviene in quel modo e soprattutto se può farlo.

Credo che confrontarsi con cittadini "informati", metta loro nella condizione di svolgere il proprio compito come andrebbe svolto, e noi nella condizione di poter "pretendere" che tale compito , venga svolto!

L.R. 18 Novembre 1999, n. 33
Art. 37
(Condizioni per l’esercizio del commercio sulle aree pubbliche)

1. Il commercio su aree pubbliche può essere esercitato:
a) su posteggi dati in concessione per dieci anni, rinnovabile;
b) in forma esclusivamente itinerante su qualsiasi area, ""**ad eccezione delle aree vietate dal Comune**"" ai sensi
dell’articolo 28, comma 16 del d.lgs.114/1998, con mezzo mobile, senza occupazione di suolo pubblico, con
sosta a richiesta del consumatore per il tempo necessario a consegnare la merce e riscuotere il prezzo.

c) nell’ambito delle fiere.

d.lgs.114/1998

http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legislativo:1998;114

ShareThis