Arrestato ambulante abusivo in centro. Apriti cielo. Grandinata di buonismo su Repubblca

19 aprile 2014
Non è di certo la prima volta che Repubblica decide di dar spazio alla peggiore pancia della cittadinanza, che decine di fare del pietismo e del buonismo finendo per giustificare la criminalità organizzata che sta dietro al commercio ambulante e che utilizza gli immigrati come schiavi in città. Eh già perché quelle manette, messe l'altro giorno al povero ragazzo di colore a Fontana di Trevi, sono forse un emblema di salvezza per quella persona. Uno stimolo ed un sollecito per il suo riscatto personale e per il riscatto di tutti quelli come lui oggi costretti, come evidentemente piace a Repubblica, a sottostare alle logiche della camorra che li gestisce.
I fatti risalgono ad un paio di giorni fa. Blitz delle forze dell'ordine nelle strade dell'abusivismo commerciale e arresto in flagranza di reato di un venditore di oggetti contraffatti.
Come sarebbe successo a Berlino e a Parigi, a Londra, a Sydney o a New York, il colpevole - che probabilmente, come sovente accade, si è ribellato - è stato ammanettato e accompagnato in centrale. Apriti cielo: spazio al pietismo, al buonismo, al benaltrismo, agli attacchi alle forze dell'ordine. Primo nemico la criminalità organizzata da sconfiggere? Primo nemico lo sfruttamento degli immigrati? Macché, primo nemico la legalità.
E leggeteveli i commenti dei nostri concittadini sotto al post sul Facebook di Repubblica. Vi basta questa lettura per capire tutto, vi basta questa lettura per farvi comprendere che non c'è spazio per migliorare. Che non c'è spazio per porci su standard evoluti, civili, internazionali.

27 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

E' stato arrestato per resistenza, non perche' vendeva merce contraffatta.

Anonimo ha detto...

Stessa reazione di sgomento che ho avuto io: una persona che viola le leggi e soprattutto immagino che facia resistenza deve essere portata in commissariato così. Cosa si aspetta la gente, di vederlo comodamente accomodato in un taxi o su una lettiga?
Quanta falsità e ipocrisia!

Anonimo ha detto...

Il commercio ed i commercianti sono ormai oberati di tasse e di concorrenza sleale. Ci deve essere spazio per tutti ma nella regolarità.
Purtroppo non sono belle scene ma dall'altra parte c'è gente che paga le tasse e non è tutelata.
Il dovere di uno Stato civile è anche quello di tutelare chi le tasse le paga e di offrire in cambio servizi.
Andando avanti di questo passo, senza regole, il futuro delle nostre generazioni non sarà tanto roseo.
Ben venga la concorrenza ma che sia leale non perdendo mai di vista la tutela della salute del consumatore.
Tutto il resto è falso buonismo che non porta da nessuna parte

Paolo ha detto...

E' da tempo che il quotidiano Repubblica (non solo nella cronaca di Roma) offre spazio al buonismo più becero, alle falsità trasformate in notizia, a disarmanti ipocrisie (vedi il caso twitter e multe), ai profeti dello status quo, schierandosi dalla parte dei presunti movimenti per la casa, dei presunti comitati di commercianti, dei presunti comitati di quartiere contro pedonalizzazioni, giornate ecologiche, metropolitane, parcheggi ecc. E' un quotidiano che fa la guerra alla parte politica che teoricamente dovrebbe sostenere e che potrebbe, invece, incalzare a fare meglio. Andrebbe preso per quello che è, un giornale reazionario.
Su questa foto poi i redattori del giornale sono riusciti in un triplo carpiato: unire la creazione di una notizia che non esiste, il buonismo d'accatto, la falsità della "passerella", la delegittimazione delle forze dell'ordine, l'assenza di informazione (non viene spiegato il motivo effetivo del fermo), la legittimazione dell'abusivismo, foto di dubbia qualità (ma di grande impatto) il tutto in una cornice di indignazione popolare che non credo che esista.

Anonimo ha detto...

I romani dal cuore buono sicuramente NON fanno un lavoro dove debbono confrontarsi ogni giorno con la CONCORRENZA SLEALE di centinaia di migliaia di venditori abusivi e irregolari che ogni giorno evadono alla LUCE del SOLE decine di milioni di IVA, IRPEF etc etc e praticano lavoro nero sempre alla luce del sole.

Questa è l'unica vera realtà...chi non ne vuole prendere atto o è colluso con il sistema fuorilegge di queste forme di commercio o sono ANIME PIE per le quali dobbiamo smettere di lavorare facendoci un cxxo tanto.

@dottorpav

Anonimo ha detto...

Invece di fare i cowboys con il povero disgraziato di turno , sarebbe meglio prevenirli certi fenomeni, basterebbe presidiare il territorio costantemente ed avere meno dirigenti concussi.

Anonimo ha detto...

E magicamente tutti questi venditori abusivi spariranno nel nulla? Come campano se non possono più vendere illegalmente?
Vedi che alla fine il problema torna sempre lì: c'è una massa di disperati che non ha possibilità di fare altro eppure l'abbiamo fatta entrare e continuiamo a farla entrare in Italia.

p.s: è come quelli che dicono che regolarizzando le droghe leggere non ci saranno più spacciatori per strada.

Anonimo ha detto...

e non dimentichiamo che c'è la tanto amata PRAIVASI, tanto amata dai criminali che appunto non vogliono essere identificati

Anonimo ha detto...

Che poi - è utile ribadirlo - i lettori di Repubblica sono anche tutti cumunisti e trinariciuti. Motivo per cui non si può escludere che non disdegnino fieri pasti a base di bambini. Cumunisti e anche ipocriti, cribbio!

Anonimo ha detto...

'passerella' un corno!
E' ora di finirla con questi buonismi del tutto fuori luogo. In una comunita' civile la violenza e' monopolio dello Stato ed e' buona norma utilizzarla nei dovuti modi, senza esagerare, come nel caso mostrato dalla foto (niente pestaggi gratuiti ovviamente).
Repubblica e tutto il resto della stampa romana sono parte e concausa del piu' grande problema cittadino. Ma come ... invece che difendere i poliziotti che per una volta fanno il loro dovere in maniera professionale e misurata, si va a difendere l'ennesimo furbo che campa a spese degli altri?
Forse se prima non cambiano i giornalisti romani non potremo mai sperare in un rinnovamento dei politi. Con un'informazione cosi' becera cosa vuoi che capisca la gente come vanno veramente le cose?

Anonimo ha detto...

L'articolo di Repubblica è a dir poco scandaloso...come possiamo pensare che qualcosa cambi in questa città se l'opinione pubblica viene continuamente influenzata con questo falso buonismo? Ma sì continuiamo a tollerare l'illegalità, mandiamo a casa le forze dell'ordine (che, a questo punto, comportano solo un inutile dispendio di denaro pubblico) e, soprattutto, continuiamo a lamentarci di come vanno le cose in questo paese...
...io nel frattempo ho smesso di comprare Repubblica e di frequentare il suo sito internet.

Anonimo ha detto...

Vorrei porle cortesemente una domanda .Visto che "Quel povero disgraziato"vende merce contraffatta di fronte ai monumenti e le vie più frequentate da turisti di Roma , noi commercianti che dobbiamo pagare fior di tasse e affitti per avere una licenza per lavorare ,come ci giudica quando per esempio chessò uno di "quei poveracci" mi vende un occhiale contraffatto ad un turista fronte il mio ipotetico negozio di occhiali di cui pago un affitto di 8-10 mila euro al MESE ..ecco come ci giudica a noi "POVERACCI"? o meglio "RAZZISTI POVERACCI" ?. La gente che non giustifica queste azioni è gente inconsapevole e mi verrebbe di augurargli un giorno di vivere sulla propria pelle tali ingiustizie .Eppoi mi piacerebbe tanto vedere quanto sarebbero cosí tolleranti.

Anonimo ha detto...

Repubblica alias De Benedetti Alias "RENZI" alias PD.

Sono loro che cercano attivamente la distruzione dell'italia. ricordatevene alle elezioni.

Anonimo ha detto...

mi raccomando adesso alle elezioni rivotate tutti per PD e FI

*Dioniso*777* ha detto...

L'ITALIA è UN PAESE DI MERDA, ecco le prove: AMMIRATE LO SCHIFO DI ROMA!!!
... che come capitale ci rappresenta alla perfezione.
Io ci ho vissuto dieci mesi, dopo dodici passati a Barcellona, dove sono un secolo avanti!
Ecco cos'è l'italia, dove sono rimasti solo i RITARDATI MENTALI, AMMIRATE COME CI RAPPRESENTA LA CAPITALE SU QUESTO BLOG :-)
L'ITALIA è UN PAESE DI MERDAAAAAA!!!!
Dove sono rimaste le persone senza cervello e i diseredati di ogni nazione, chi era un po intelligente da anni ha TELATO!
Ciao RITARDATI :-)))

Anonimo ha detto...

Boh, semplicemente sul sito della Repubblica scrivono quelli che pensano in questo modo e su Romafaschifo quelli che hanno un altro opinione, non andrei fino ad accusare Repubblica di fomentare il buonismo ! Almeno quelli della Repubblica hanno il coraggio di registrarsi. Romafaschifo è diventato un raduno di estremisti che hanno scelto di non imbrattare le pareti dei bagni pubblici (bene) per presentare qui le loro preziose teorie sul mondo. I gestori del sito sono molto bravi nel scegliere dei problemi minori, da "guerra tra i poveri" (ambulanti, cartelloni, "magghine") e tralasciare quelli grandi (espansione edilizia, enti municipalizzati, corruzione, inefficienza) che non "vendono" altrettanto

Anonimo ha detto...

"Almeno quelli della Repubblica hanno il coraggio di registrarsi" scrisse l'anonimo delle 4,30 PM. Tipicamente romano, ma va va

Anonimo ha detto...

Il punto è un altro: perchè leggete ancora Repubblica?

ciccio ha detto...

"tralasciare quelli grandi (espansione edilizia, enti municipalizzati, corruzione, inefficienza)"

Lei ha praticamente elencato tutti i temi ricorrenti di questo blog. Le faccio esempi concreti: Atac, Tredicine, inefficienze e corruzioni varie di Comune e sindaco (iniziando da Alemanno e, ora, Marino), tutto sempre con nomi e cognomi. La sua infinita malafede mi convince, sempre di più, che il problema di Roma non è tanto nelle istituzioni, quanto nelle persone comuni che fanno finta di non vedere e arrivano pure a mentire, agli altri e a se stesse, per non intaccare la propria visione ideologica.

Anonimo ha detto...

Questo blog e' meraviglioso. Se non sei d'accordo con essi sei, nell'ordine: un disonesto, un evasore, un maghinaro, un microcefalo, una persona in malafede e anche tante parole irripetibili. La cosa che stride e' che se anche si fa notare in modo garbato il proprio dissenso si viene comunque insultati.

ciccio ha detto...

Se in modo garbato si dicono sciocchezze il risultato è questo e sarà sempre questo, anche se lei lo ribatte cento volte.

Ripeto che l'accusa era: se la prendono con i più deboli ma non si occupano di "espansione edilizia, enti municipalizzati, corruzione, inefficienza." E ripeto anche l'obiezione: post praticamente quotidiani su Atac, Tredicine, Comune sindaco Alemanno, sindaco Marino. Una figura di merda di una persona che accusa senza essere adeguatamente informata, mi pare. Si chiama proprio "malafede". Non è un insulto, è una constatazione.

Rostand ha detto...

Repubblica e' meravigliosa. Se non sei d'accordo con lei sei, nell'ordine: un razzista, nazista, clericofascista, omofobo gasatore di sei milioni d'ebrei e anche tante parole irripetibili. La cosa che stride e' che anche se si fa notare in modo garbato il proprio dissenso si viene comunque insultati.

Claudio ha detto...

Repubblica fa il suo servizio facendo leva su quello che fa notizia.... Un'altro motivo per togliere i finanziamenti a questi parassiti... Stesse scene quando vennero a ripulire dalla droga molti stabili della maranella... Avanzavano ripulivano e arrestavano.. Tutti a dire poverini..... ma de che so spacciatori!

Bat21 ha detto...

Repubblica e' illeggibile! Faziosa e sinistrorsa come non mai. Non la tocco da anni non riesco proprio più a leggerla!

Anonimo ha detto...

Sono completamente d'accordo alla lotta all'abusivismo a Roma che è una piaga tremenda per questa città. Tuttavia non sono d'accordo sul metodo usato per combattere questo problema, ovvero quello di arrestare il singolo ragazzo che vende le borse o gli occhiali. Il problema va estirpato a monte, altrimenti è come combattere lo spaccio arrestando il singolo spacciatore. Inoltre ho assistito a scene veramente pietose con la polizia che rincorreva questi abusivi con la volante provando divertimento ad umiliare questi poveracci che non hanno certo colpa riguardo al problema dell'abusivismo a Roma.

bat21 ha detto...

Il problema va estirpato a monte ed a valle invece. Bisogna combattere i grossisti italiani e cinesi tanto quanto gli immigrati che fanno il lavoro sporco!

rocco Giuseppe Morisco ha detto...

Il problema e' a monte. Non farli entrare assolutamente. Rispedirla a casa loro aiutandola a casa loro......al massimo

ShareThis