Stanno montando le barriere-varchi alla Stazione Termini. Bruttissime e poco utili. Il confronto con Milano

14 settembre 2015

E per fortuna che, come si è letto in passato, ci ha messo bocca anche la soprintendenza... Ecco il risultato. I varchi di sicurezza di Roma Termini, che si sono iniziati a montare questa notte, fanno pietà e raccapriccio. Si tratta di barriere con un design datato, superato, sgradevole. A prima vista i materiali sono scadenti, restituiscono una atmosfera cupa da cancello di lager. 




Siamo andati a Milano per vedere come si sono regolati nella seconda più importante stazione del paese, Milano Centrale, e la cosa è massicciamente diversa: i varchi sono di design, un bell'arco di metallo e poi tanto vetro. Tutta un'altra cosa che, anzi, valorizza la bella stazione meneghina.

Al di là di questo aspetto puramente estetico (nel 2018 si aspettano anche a Roma le barriere firmate Giugiaro... tra tre anni...), resta il punto sull'utilità reale di queste strutture così come sono congegnate e concepite. E' vero che a Roma, ma soprattutto a Milano, questi primi mesi di sperimentazione hanno abbattuto di molto i reati dentro i binari, ma è altrettanto vero che ladri e impostori non aspettano altro che organizzarsi e tornare all'attacco. Già perché i varchi sono, come dire, fin troppo umani. Demandati all'attività di controllo manuale degli addetti. Basta presentarsi con una immagine jpg modificata sul cellulare e si passa. Basta presentarsi con una fotocopia ben congegnata e si passa. E' un gioco da ragazzi. Per non dire che, dopo una cert'ora, tutti staccano e i varchi rimangono incustoditi (è successo anche ieri, a Termini). E allora perché non progettare i varchi con dei tornelli veri, modello Londra, che ti fanno passare solo se leggono davvero il tuo QR o il tuo codice a barre? Perché non installare qui dei sistemi di controllo dell'accesso ai binari che esistono altrove da 10 anni? Perché vincolare la sicurezza della stazione e dei viaggiatori alla voglia o meno di lavorare degli addetti, all'attenzione o meno degli addetti, all'errore umano o al momento di fancazzismo?

22 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

io vi adoro, però a volte davvero esagerate con le critiche...

Anonimo ha detto...

ah ma veramente bisogna far vedere un QUALSIASI biglietto vero o falso che sia ad un addetto ?
Ed io che pensavo che bisognava far leggere il QRCode del biglietto per far aprire un tornello...
Ammazza, utilissimi....

Giulia ha detto...

Tralasciando l'estetica il mio enorme dubbio è relativo all'efficacia di un sistema di controlli all'accesso che non tenga conto dei sottopassaggi che portano ai binari.
la sera i barboni continuano a dormire sulle banchine e di giorno gli scippatori ad accedere ai binari tramite sottopassaggi.
Altro problema sono i pendolari con abbonamento: possibile che debbano fare file quotidiane e non ci siano strumenti per verificare velocemente il titolo di viaggio?

Anonimo ha detto...

Le barriera montate a Roma sono provvisorie in quanto c'è un cantiere in atto. Terminati i lavori saranno montate come quelle di Milano

Anonimo ha detto...

ma a che cazzo servono?

Sara Caruso ha detto...

per non parlare poi di persone (come me) che alle 20.42 di sera devono correre a gambe levate per prendere il treno altrimenti rimangono a termini... rischio tutte le sere di perdere il treno... cosi lo perdo sicuro....

Anonimo ha detto...

Se sei preoccupata di perdere il treno stai pensando al tuo giardinetto!! Pensa alla possibilità di prendere il treno in santa pace senza ste bestie de Z...ri che rompono le palle con i bagagli.
Mi dispiace ti tocca uscire prima dal lavoro.

Anonimo ha detto...

Perche' avemo fatto veni' gli zincari dalli Balcani ed in qualche modo devono da campa'.

Vuoi che i nostri politici sta cosa non la sappiano ??

justonecaptain ha detto...

e anche qui!! a roma foto fatto cor celluare da tre euri
a milano foto coi filtri

Anonimo ha detto...

Varchi romani.

Anonimo ha detto...

brutte, orribili, ma del resto a rioma che ti vuoi aspettare, cattivo gusto totale.
Sembrano barriere di un cantiere, tipo new jersey, orribili, vomitevoli.

Anonimo ha detto...

porca miseria che accrocco schifoso, non ne fanno bene UNA CHE UNA.

Anonimo ha detto...

A me non dispiacciono: se ci pensate sono ben congeniate su Roma, come i cancelli dell'Ade con scritto sopra "Lasciate ogni speranza o voi che entrate".
Giusto!

Turista/pellegrino che arrivi col treno a Roma, tu non sai in che città stai entrando. Ricordi 1997 Fuga da New York? È peggio, molto peggio....
Sappilo!

Anonimo ha detto...

Hanno ridato fuoco alle cooperative di viale Castrense. A chi interessa vedere post casamonica sopranos.

Anonimo ha detto...

Questa volta non sono d'accordo con RFS: è preferibile la presenza fisica dei controllori. Con i soli varchi elettronici si rischia di andare a finire come con i varchi della metropolitana, cioè trenini e scavalcamenti a manetta. Invece se i controllori non fanno bene il loro lavoro possiamo sempre denunciarli qui. Poi a Londra di recente ho visto che abbinano le due cose: per entrare fai leggere il titolo alla macchinetta, ma c'è pure un vigilante sempre presente per evitare le furbizie.

Anonimo ha detto...

Possiamo denunciarli qui!? E a loro cosa importa?

Anonimo ha detto...

Ormai manco nelle barriere anti evasione possiamo vincere il confronto con Milano. Ma perchèccazzo siamo così merdosamente sciatti e senza amor proprio.

Vomito.

Anonimo ha detto...

Sono stato nelle stazioni di Roma, Milano e Londra, esteticamente le barriere migliori sono quelle di Milano.
A Londra ci sono i tornelli meccanici, è vero, ma possono permetterselo perchè sono realmente videosorvegliati (se uno scavalca viene pizzicato quasi in tempo reale).
Mettere tornelli come quelli della metro a Roma equivale a non metterli, praticamente. Forse con i tornelli che hanno messo allo stadio risolveresti il problema, ma sono esteticamente inguardabili.

Fatto sta che in Italia viviamo nel passato, almeno 10 anni dietro al Regno Unito/Germania/Francia.

Anonimo ha detto...

"L'estetica" non si deve tralasciare. Non è "secondaria", anzi dovrebbe essere "primaria" in una città che si (auto) definisce "più bella del mondo".

Quei varchi sono orripilanti. Piacerebbero giusto a Sgarbi, l'adoratore del kitsch e dello schifo.

Come soluzione non sono funzionali, diventeranno in poco tempo ciò cui sono destinati ad essere come tutte le barriere fatte male.

Questo è il modo in cui continuano ad essere spesi (male) i soldi delle tasse e del debito pubblico.

Anonimo ha detto...

E il binario 1? Quello che confina con il lato ovest della stazione tutto aperto verso via Marsala? Come fanno a chiuderlo?
Purtroppo Termini risente della genialata fatta in occasione del Giubileo del 2000, quando hanno tolto i varchi di accesso che c'erano e chiudevano tutti i binari. Volevano fare la stazione aperta alla città, e la città infatti ha riversato nella stazione tutto il peggio. Ora si corre ai ripari con delle toppe.

Anonimo ha detto...

Cara Romafaschifo,
i varchi appena installati a Roma Termini sono solo un primo passo.
Partiamo dall’estetica. Quelli appena montati sono provvisori mentre a Milano sono definitivi. A Termini non potevano che avere questo carattere temporaneo perché siamo in un’area cantiere e si sta realizzando una nuova pensilina. Alla Centrale di Milano no.
Quando anche nella Capitale sarà possibile agire su un’area definitiva, pure l’estetica avrà la sua parte.
Adesso ciò che conta è assicurare sicurezza. D’altro canto proprio il vostro sito nei mesi scorsi chiedeva un luogo maggiormente controllato. E questo è lo scopo dei varchi. Che infatti stanno dando del risultati positivi visto che i reati in zona binari sono scesi di oltre l’80%.
Se poi qualcuno riuscisse a eludere i controlli, la Protezione aziendale di Fs, è dotata anche di personale “mobile” che gira in stazione e a bordo dei treni.
E le stesse stazioni sono dotate di numerose telecamere collegate con una control room.
Va inoltre detto che tutto il personale di FS addetto alla sicurezza ha una elevata professionalità ed è stato formato per assistere i viaggiatori.
Quanto alla critica che sarebbe meglio avere i tornelli perché nel resto di Europa ci viene invidiato proprio il fatto che abbiamo (a differenza di altri) il controllo umano, suona un po’ strana. Il nostro personale, infatti, spesso riesce a scorgere soggetti sospetti e a segnalarli alle forze dell’ordine. I tornelli, fino a prova contraria, saranno anche in grado di leggere con certezza un codice a barre ma non sono capaci di vedere una situazione a rischio.
Ufficio stampa Gruppo Fs


Anonimo ha detto...

anche i varchi di Milano sono orribili se visti nel contesto di una Stazione da poco rimodernata (ma anche su questo ci sarebbe da dire!). costringono a giri mostruosi per uscire, ad insinuarsi tra folle ferme davanti ai tabelloni per entrare e poi ... i controlli visivi sono inutili, chiunque ormai è capace di produrre un finto biglietto del treno, sms mail od altro... inutile burocrazia

ShareThis