Roma Termini, esterno notte, lo scorso 30 agosto. Un episodio dell'orrore raccontatoci da una nostra lettrice

19 settembre 2015

Erano le 22:30 di un paio di settimane fa, vigilavo sui miei bagagli e su quelli della mia amica mentre lei si era avviata a prendere la macchina, dato il gran numero di borse che avevamo. Non c'era molta gente in giro, il bar era l'unico aperto, motivo per cui avevamo scelto quel posto nel periodo che avrei dovuto attendere il ritorno della mia amica. Non ho mai perso il contatto visivo con i bagagli se non per rispondere ad una richiesta di informazioni da parte di uno sconosciuto dall'accento straniero, che solo poi ho capito essere una delle rotelle di un ingranaggio tanto collaudato quanto malefico. Dopo meno di dieci secondi lo straniero sapeva dove poteva prendere il trenino per Fiumicino e io non vedevo più due zaini e una borsa, preventivamente tutte legate insieme, che erano sul tavolino del bar. 

La sensazione è stata prima di un terribile scherzo, subito dopo di un perverso gioco di prestigio e solo dopo ho realizzato che avevano portato via quasi tutto, risparmiando solo i due trolley e un'altra borsa, che erano a terra. A questo punto prendo queste cose e le do ai baristi, chiedendogli aiuto, urlando che mi avevano portato via tutto e di dare un occhio al resto del bagagli mentre io correvo sperando di rintracciare qualche movimento sospetto. Mentre corro disperata sento la barista che mi avverte che una terza persona era entrata dietro il bancone del bar, aveva raggiunto i due trolley e la borsa che erano a più di metà bancone, aveva preso la mia borsa ed era scappato via. In mio aiuto è accorso solo un signore anziano che prendeva un caffè: ha visto il balordo e gli è corso dietro uscendo anche lui da Termini. Io ho visto correre e sono corsa pure io ritrovandomi davanti questa scena proprio nell'angolo dove normalmente sono appollaiati decine di extracomunitari (dove ADESSO troneggia una camionetta dei carabinieri, per capirci): il signore aveva recuperato la borsa da dove il balordo aveva già sottratto la macchina fotografica e il portafogli passando il tutto a quarte persone, il balordo prendeva a pugni sul petto l'anziano inveendo verbalmente contro di lui, e io mi sono messa in mezzo per separarli proteggendo il signore. A questo punto il balordo è fuggito, il signore mi ha detto di essere profondamente dispiaciuto per quanto mi era appena accaduto, e io sono rimasta sola, fuori Termini.

Sono rientrata subito e mi sono trovata davanti prima uno, poi altri 3 vigilantes cui ho chiesto disperatamente aiuto: mi hanno risposto che non potevano aiutarmi perché non autorizzati a varcare le porte di Termini (informazione confermatami poi dalla polizia investigativa: loro sono pagati per vegliare il patrimonio materiale di Termini, e basta). Nei dintorni non c'erano che loro, niente polizia, niente carabinieri, nessuno che potesse aiutarmi. Quando stavo per chiamare la polizia, uno dei vigilantes si è offerto di chiamarla per me e io mi sono fidata, pensando sarebbe stata la cosa migliore e più diretta. Per tutta risposta la polfer, interpellata, gli ha detto di dirmi  che dovevo presentarmi io lì in questura. Mea culpa, avrei dovuto chiamare direttamente il 113: mi è stato detto che facendo cosi sarebbero intervenute delle volanti direttamente dalla polizia investigativa. 

Non posso sapere se sarebbe stato così, fatto sta che con i due trolley e quello che restava della borsa, sola, e completamente sotto shock, mi sono fatta dal binario 25 al binario 1, sono arrivata lì, e ne sono uscita dopo 2 ore e mezza, con un pezzo di carta di una pagina e  poco più di denuncia. Mi ha stupito molto di come si sia perso così tanto tempo per fare una denuncia, invece di correre dietro questi balordi, che nei giorni successivi ho scoperto che fanno spesso le stesse strade, quando scappano dopo un furto. 

Lo so perché il martedì seguente sono stata chiamata da un albergo vicino Termini che aveva trovato la mia patente: una volta lì per recuperarla mi sono fatta un giro nei dintorni per puro scrupolo e ho trovato sotto una macchina un mucchio di cose mie: c'erano cose dei primi zaini rubati e cose rubate in un secondo momento dalla borsa, dunque si sono ritrovati lì. La cosa mi è stata confermata da un signore che abita lì e che mi ha visto cercare sotto ogni macchina: mi ha detto che per lui è normale vedere per quella strada mucchi di roba palesemente rubata. 

Stiamo parlando delle strade che circondano piazza Manfredo Fanti. Addirittura lì giacciono pile e pile di documenti di gente derubata. Il signore mi ha poi illustrato anche altre strade dove spesso vede cose rubate ed effettivamente facendo quelle strade ho trovato di tutto: borse e portafogli vuoti, zaini vuoti (purtroppo nulla di mio). La beffa è stata, andando alla polizia investigativa per integrare la denuncia, trovare le mie scarpe, anche queste rubate, in vendita su uno di quei lenzuoli bianchi nelle stradine immediatamente adiacenti a Termini. 

Insomma, una rete fittissima di riciclo e malavita, in cui se hai la sfortuna di cadere hai poco scampo. Da quel giorno ho fatto caso che c'è sempre una camionetta dei carabinieri esattamente nell'angolo dove ho diviso il signore anziano dal balordo: peccato che domenica 30 agosto, alle 22:30 di sera, in un giorno di rientri... non c'era nessuno. In tutto ciò mi sono state sottratte moltissime cose di valore monetario ed affettivo, diverse macchine fotografiche, un PC con molti dati personali e di lavoro, chiavi di casa, documenti (la carta d'identità non è mai stata ritrovata)... tutto insomma. Finora ho battuto le vie dei mercatini (quello di Porta Maggiore e quello di Porta Portese) ma senza risultati. Spero che qualcuno dei lettori, così come l'anziano e il signore, possano darmi altre utili dritte per cercare di recuperare almeno un po' della refurtiva. Non tanto perché non potrei ricomprare tutto piano piano, quanto perché alcune cose erano una preziosa eredità, e questo purtroppo fa più male di tutto. Grazie a chiunque potrà darmi utili informazioni: purtroppo lì dove chi dovrebbe garantire la nostra sicurezza non lo fa, dobbiamo unirci e fare da soli. 

Un consiglio che posso dare a chiunque stia leggendo è di non trovarsi mai da soli dopo una certa ora a Termini, perché queste persone non hanno scrupoli, si sono fatte vedere in faccia ed erano ben consapevoli del sistema di video sorveglianza di Termini. Evitate sempre di trovarvi alla stazione soli, e in caso dovesse mai succedervi qualcosa chiamate immediatamente la polizia di vostro pugno e pretendete che pattuglino le zone suddette. E, si... stavolta non c'è amore che tenga... Roma fa proprio schifo.

Georgia

54 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ho subito una rapina in piazza ponte Milvio da parte di uno zingaro, una settimana dopo l'omicidio di Giovanna Reggiani.
La piazza è circondata di caserme e comandi di polizia, quindi l'intervento poteva avvenire in cinque minuti.
La centralinista del 113 mi ha tenuto al telefono mezz'ora ripetendo sempre le stesse domande: "Ma dove si trova lei esattamente? Ma esattamente in che punto? Ma il rapinatore come era vestito? Ma la maglietta era a tinta unita?", ciò ripetuto all'infinito, fino a che non ho urlato per l'esasperazione che avevo già ripetuto mille volte sia il modo in cui era vestito lo zingaro, sia che mi trovavo davanti al ponte, pensate un po' quanta confusione ci poteva essere.
Arriva allora stranamente una poliziotta che si qualifica come la medesima centralinista col collega. Dopo avere specificato loro che lo zingaro è corso giù oltre la ciclabile verso il campo nomadi li vedo imboccare la via esattamente parallela e opposta, tanto per prendermi ulteriormente per i fondelli.
Raggiungo il commissariato che sta lì a trenta metri, e un addetto di non so che qualifica mi fa specificare in denuncia che io non sarei stato in grado di riconoscere il rapinatore, sebbene avessi precisato il contrario, avanzando una fittizia motivazione giuridica, poi rivelatasi inconsistente.
Quando si dice che esiste una rete di abusivismo e di crimini commessi a cielo aperto si dice anche, per forza di cose, che esiste una rete di connivenze istituzionali.
Altrimenti non si attende un omicidio per smantellare un campo nomadi, e alla stazione non può rimanere in piedi una organizzata bivaccopoli di ladri, abusivi e spacciatori.
Si conferma poi che gli unici cittadini degni di questo nome sono quelli della vecchia generazione, non a caso, appunto, sbattuti in massa nelle case di riposo, per non contaminare di civiltà ed etica i gggiovani d'oggi, efficienti virgulti della corruzione.

Anonimo ha detto...

Ma si, è ovvio: malaffare e 'bene'affare sono la stessa cosa, no? A Roma, perlomeno, coincidono spesso, molto spesso, soprattutto ai vertici delle istituzioni. Ciao

Anonimo ha detto...

Ma in fondo cosa conta? L'importante è che il pericoloso criminale Beppe Grillo sia stato assicurato alla giustizia.
Il resto è mafia, e mette tutti d'accordo.
Vedrai con questa immigrazione che di delinquenti bivaccanti in attesa di lavorare ce ne saranno sempre di più, a Termini come ovunque.

Anonimo ha detto...

Da anonimo vi dico una cosa. E' successo.

Se ritrovate il ladro e lo massacrate fino a ridurlo in fin di vita e vi becca la polizia... vi lascia andare facendo finta di nulla. I poliziotti lo sanno benissimo che se li prendono loro il primo giudice li rilascia in libertà.

Toglietevi la soddisfazione, con ogni mezzo.

Anonimo ha detto...

Era una notte buia e tempestosa...

Anonimo ha detto...

Un racconto enfatico, alla Edmondo De Amicis.

"E quel povero canuto che veniva compito sul petto dalla banda di Garrone l'africano."

Anonimo ha detto...

degrado chiama degrado, è la teoria delle finestre rotte, in svizzera, ordine, strade e marciapiedi perfetti e lindi ti caghi sotto solo al pensiero infrangere la legge

Anonimo ha detto...

Hai incontrato Silvan.

Anonimo ha detto...

Ma Georgia con capitale Tbilisi o Savannah?

Anonimo ha detto...

Hai impiegato 20 giorni per riprenderti e raccontarci sta storia? Il primo caso da coma da furto.

Anonimo ha detto...

"Il primo giudice" non lascia in libertà nessuno, qualcuno che li lascia in libertà malgrado il reato grave c'è, e andrebbe indagato, ma il più delle volte né polizia né carabinieri né vigili di zona portano i delinquenti proprio da nessuna parte, con la scusa, te lo dicono loro, che "il primo giudice tanto li lascia in libertà". Sì? Tu intanto fa quello che devi fare, dopo un certo numero di condanne la recidiva costringe all'arresto.
Un mio amico è stato aggredito davanti a vanni dal venditore abusivo di borse, e l'ufficiale del commissariato lì davanti gli ha impedito di fare la denuncia, con modi inquietanti, con la pregevole motivazione: "perché l'africani nun so' violenti, lo conosco". Ndo vuoi andà co' certi poliziotti?
Quelli delle occupazioni abusive se venissero fermati ogni volta per schiamazzi, violenze, oltraggio a pubblico ufficiale, oltraggio al decoro, occupazione abusiva con l'aggravante del gruppo e dello scasso, starebbero da dieci anni già tutti in galera.

Anonimo ha detto...

te comunque sei una ritardata di proporzioni epiche. ma cosa cazzo ti aspettavi? sveglia. io le odio le vittime predestinate come te. farsi fregare tutte quelle cose, così importanti, in un luogo talmente risaputo è davvero da ritardati.

Anonimo ha detto...

Secondo me il signore anziano era un complice.

Anonimo ha detto...

Dai su, il vecchio che di notte prende il caffe' a termini e "insegue" i ladri non regge. Per favore.

Anonimo ha detto...

Se i tribunali venissero disintasati dalle boiate, come la faccenda di Grillo (che non ha commesso alcun reato perché sfido chiunque a trovare nella frase incriminata la specie della diffamazione), o di una mamma che ruba un chilo di pane, condannata a un anno (per lei la depenalizzazione del furto non c'è, aveva un'aggravante, era pane di Lariano), i giudici potrebbero liberarsi di tante scartoffie e concentrarsi sulle cose serie, con grande risparmio di tempo e di personale.
Perché con questo codice penale rivoltato da un branco di deficienti davvero non si capisce il criterio. Un senegalese spezza il polso a una vigilessa, e la pratica viene archiviata. Però Grillo si merita un anno per due parole informative un po' accese. Però Luciano Casamonica dopo aver ammazzato un uomo a pugni sta fuori di galera. Però chi occupa case in modo organizzato è a piede libero.
I governi fantoccio come l'attuale trasformano progressivamente il codice penale in un manuale di arbitrio, di repressione politica e di misericordiose attenuanti per i violenti, i mafiosi e gli assassini.

Anonimo ha detto...

Con tanto tempo risparmiato si potrebbe aprire una branca giudiziaria speciale per identificare on line i fiancheggiatori della mafia, dietro commenti nei blog e su facebook chiaramente molestatori e conniventi, vedi 4.31, 4.33, e 4. 44, che è sempre la stessa persona, probabilmente coinvolta con quanto denunciato nel post.

Anonimo ha detto...

Complimenti agli idioti che sono riusciti a ironizzare sulla cosa
Augurarvi la stessa cosa, è il minimo
Ma si sa, in rete la feccia si scatena
Marco1963

Anonimo ha detto...

Porca troia, hai 52 anni e ancora credi alle cose scritte su internet. Ma dai. Io ho dormito in un parco di Caracas, dentro un'auto a Culiacan, a Medellin abbiamo dormito in stazione, a Bender abbiamo piantato una tenda sul fiume e non mi e' mai successo niente.

Anonimo ha detto...

Piena di valigie, di notte, sola fuori la stazione. Siete anche voi che alimentate quel crimine, nemmeno foste ingenui turisti...

Anonimo ha detto...

Secondo me e' colpa dei vigili.

Anonimo ha detto...

Una volta al grande chef Moreno Cedroni e' stata rubata una coulisse a Termini.

Anonimo ha detto...

Cara Georgia, l'hai segnalato a "io segnalo"?

Anonimo ha detto...

Piena solidarieta' alla signora e disgusto per certi commenti beffardi di persone che evidentemente sono baciate dalla fortuna di non essere vittime di alcun sopruso....Posso dire che da quando vivo a Roma sono stata bersagliata da ogni tipo di crimine: truffe con lo specchietto, scippo con relativa caduta, 1 tentativo di furto d'auto e almeno altri 3 danneggiamenti per tentivi di furto negli abitacoli nonche' un furto con destrezza nell'appartamento (con relativa arrampicata per introdurvisi...) che ha comportato un non indifferente bottino. Ah, dimenticavo, anche 4 gomme praticamente nuove sottratte all'auto del mio compagno parcheggiata sotto casa.....E' sufficiente per dire che sto facendo del tutto per abbandonare questa citta' del cavolo?????

darkside 1 ha detto...

Ma siete deficienti? Dare la colpa a loro perchè il treno tornava di sera e perchè avevano dei bagagli (ovviamente in vacanza ci si va senza bagagli)? Questa città fa schifo, così come le persone che ci vivono, meno male che prima o poi me ne andrò via da qui.

Anonimo ha detto...

Ma l'amica citata all'inizio poi che fine ha fatto?

Anonimo ha detto...

Sbrigati, uno di meno.

Anonimo ha detto...

Questa storia è completamente inventata. Ogni scusa è buona per prendersela con i nomadi

Anonimo ha detto...

Cara gEorgia, ringrazia il dio tonelli di non essere stata stuprata da un gladiatore e che il tuo amministratore di condominio ti faccia mettere la bici nel cortile condominiale, la tua avventura e' nulla rispetto al mio narrato.

Anonimo ha detto...

Bisogna ucciderli sul posto come si fà con le vacche un colpo in fronte e via

Anonimo ha detto...

roma la grande capitale e una città di merda amministrata da un coglione di sindaco

Anonimo ha detto...

il razzismo che trasuda da questo blog è qualcosa di increscioso

Anonimo ha detto...

La Polizia/Carbinieri a queste merde li conosce tutti e spesso li becca. Dopo una notte passata a fargli la guardia o nei corridoi del tribunale, la mattina Li porta dal giudice e quello, fresco-riposato-progressista, che magari non ha scopato la notte, li rimette subito in libertà perchè interpreta la legge sempre a favore della merda. I poliziotti si sono rotti il cazzo di perdere tempo coi giudici e di vedersi ridere in facce dalle merde. Quindi prendetevela coi giudici

Anonimo ha detto...

Viaggiando spesso con i treni mi capita frequentemente di arrivare a Termini verso le 22.30 e dato il numero di treni ancora in arrivo verso quell'ora e un consistente afflusso di passeggeri sembra alquanto strano il fatto che la stazione fosse deserta. Ovviamente questo non toglie lo stato di degrado presente e l'assoluto immobilismo di chi dovrebbe vigilare sia in stazione quanto nelle aree limitrofe.

Anonimo ha detto...

I commenti idioti non sono di gente che irride, sono di gente che strippa, visto che il giochetto del povero zingaro-povero negro ormai si è scoperto, e mano a mano si scoprono i vari conciliaboli collusi di "benefattori" - mafiosi.
E siccome coi PM non se la possono prendere, sputano la bile sui blog.
Tocca soportarli ancora un po', porelli, poi gli portate le arance, voi "razzisti" non mafiosi.
Intanto hanno scovato altri sudici sub-appalti di metro B...anche il loro referente non se la passa bene.

Anonimo ha detto...

La scusa della polizia o dei carabinieri vessati dai giudici progressisti è una gigantesca frescaccia, quando la polizia o i carabinieri non intervengono è per altri, facilmente desumibili motivi.
Io per farmi accettare una denuncia dopo aver fatto il giro di tutte le divise del regno sono dovuto arrivare in provincia. Quella lontana però, perché in prossimità di Roma mi hanno comunque fatto storie. Lì non hanno a che fare coi giudici? Vedete un po' voi cosa vorrà mai dire.
Comunque ieri a Termini due ladri si sono accoltellati, con una divisa addosso uno dovrebbe avere il ritgno di non lasciare gente in giro comunque, anche se certe frescacce fossero vere, e non lo sono.

Anonimo ha detto...

per i fancazzisti agenti romani la colpa è sempre della vittima. Per loro il verbo "lavorare" ha un significato sempre variabile ma mai corrispondente a quanto scritto nel loro contratto. A Termini ci saranno come minimo dozzine di telecamere che registrano tutto in automatico: ma manca la "voglia di lavorare". il mestiere più comodo del mondo, attribuiscono la colpa o ai delinquenti o alle vittime, mai che si mettano a controllare veramente il territorio. Loro non sono mai colpevoli, e in Italia è impossibile essere colpevoli per non aver fatto niente; ma ci sono non solo i reati omissivi, ma le colpe SOCIALI di non lavorare.

Anonimo ha detto...

Ottimo lo spirito, ma carente la comprensione. Non è solo ignavia. Purtroppo.
Ci mettono di più a spiegarti per un'ora che non devi fare una denuncia, che a prenderla. E chi vuole lavorare non lo fanno lavorare.
Leggo sul giornale: fermate due zingare borseggiatori minorenni e affidatee ai genitori. Eh? Le fermi e le riporti ai mandanti?
Non è ignavia, no no.

Anonimo ha detto...

In Italia paga solo chi ha qualcosa da perdere.
Io sono romana e amo la mia città, ma sono stata derubata anch'io, mi hanno aperto la macchina 2 volte , mi hanno pure rotto i finestrini giusto per divertimento, mi hanno buttato a terra la moto e col video in mano dal quale si vedeva chiaramente chi era stato, la polizia mi ha risposto "è nulla tenente che gli possiamo fare?"... Roma ha pro e contro e di certo non ci aiuta nè la legge nè la pubblica sicurezza. Occhi bene aperti e fate più attenzione possibile, non c'è altra soluzione.

Aldo ha detto...

Leggendo i commenti si capisce perché questa città e questo Paese non si salveranno mai.... ci si attacca, anche violentemente fra di noi... anzichè coalizzarci contro coloro che ci stanno distruggendo... Grillo, "non è vero niente", poliziotti VS giudici.... parlate parlate... e intanto 'sti infami continuano a fotterci... bravi!!!

Anonimo ha detto...

Ma seriamente, non vi rendete conto di come state vivendo? Svegliarsi ogni mattina e sapere che tutta la giornata sarà una continua lotta per non farsi fregare, cadere in una buca, trovare parcheggio, passeggiare col bambino per vie coi muri pieni di cazzi disegnati, trasalire se qualcuno sta sullo stesso marciapiede di sera. Andate via. Non per rifarvi una vita, ma per iniziare proprio a vivere.

Anonimo ha detto...

Ma va a cagher....

Anonimo ha detto...

Si il razzismo nei confronti di chi rimane vittima di sti bastardi ladri

Anonimo ha detto...

Ciao cazzari.

Torre Eiffel, Louvre, National Gallery: anche nel resto del mondo gli scioperi fanno chiudere i musei (FOTO) - http://m.huffpost.com/it/entry/8158720?ncid=fcbklnkithpmg00000001

Anonimo ha detto...

Non le assemblee sindacali. Negli altri paesi nei servizi aggiuntivi non c'è il monopolio di una banda di mafiosi. E i dipendenti non prendono duecento euro a botta - famigerato conto terzi - per far mangiare pizza e porchetta nei luoghi storici che, presumibilmente, dovrebbero vigilare.
Addetto alla vigilanza sindacalizzato, rassegnati, i vostri traccheggi stanno esalando l'ultimo respiro.

Anonimo ha detto...

Un po come le donne in minigonna, no?

Anonimo ha detto...

Un po' come i custodi messi a svolgere mansioni superiori negli uffici, mentre i sindacati piangono la carenza di vigilanza e continuano ad assumere cialtroni incapaci che poi otterranno qualifiche come "direttore di biblioteca" o "direttore amministrativo" o "direttore del personale" senza nemmeno un diploma, e i sindacati continueranno a piagne e a far assumere.
Se qualche giornale facesse una bella statistica sui curriculum, scoprirebbe che grazie ai sindacati negli anni '80 sono stati assunti centinaia di funzionari storici dell'arte molti dei quali tuttora senza la laurea, e che negli uffici invece di starci il personale con la giusta qualifica ci vanno i custodi più lecchini e collusi del parterre sindacale, che poi fanno a cazzotti tra di loro per ottenere la serata extra pagata a peso d'oro, magari assentandosi dal servizio ordinario.

Anonimo ha detto...

La ben studiata carenza di personale agevola l'accesso delle ditte come custodia aggiuntiva, e così si paga personale esterno pur esistendo quello interno, ancora più incapace e menefreghista e pronto a qualunque magheggio, e per di più assunto in forme apertamente clientelari.
Il personale alle serate speciali non manca mai, chissà perché, né ho mai visto una protesta nei musei in corso di attività super pagate.
Anzi, mi ricordo che quando anni fa cadde un concio dal terrazzo di Castel sant'Angelo, rischiando di ammazzare qualcuno, pur di non chiudere le immonde attività circensi estive tenute in loco, il personale fu così eroico da ooporsi strenuamente alla chiusura per verifiche statiche e consolidamento, tanto da finire sul giornale.
A costo della vita!

Anonimo ha detto...

La storia non me quadra.....

Bat21 ha detto...

Storia vergognosa simbolica di come la pa ciucci risorse senza proteggere il cittadino. Ma dove vogliamo andare?

Anonimo ha detto...

parcheggio non custodito parco de medici the space. 21:30.
coppia di presunti zingari che avevano appena aperto la mia macchina...
urlo e quello che stava seduto al volante tenta di uscire ma gli chiudo prima la mano nello sportello violentemente. urla piange "non fare male, io non rubato niente" tenta per uscire e gli chiudo iul braccio nella portiera...
amico gira dall'altra parte e cerca di venirmi adosso gli spacco il bullock sul ginocchio, urla strilla piange....scappano entrambi zoppicando
chiamo 118 e polizia. mi autodenuncio per aggressione e difesa personale.
ovviamente mi andata bene, non sono ne grosso ne piccolo in realtà ho richiato molto, troppo per una macchina vecchia. Ma non sopporto più questi ladri, non generalizzo perchè se c'era un italiano o un marocchino facevo la stessa identica cosa anzi probabilmente non sparivano, mi denunciavano
ma loro sono spariti...

Anonimo ha detto...

Purtroppo tu e la tua amica avete votato sinistra.
Vedrai che alle prossime elezioni capirai come si deve votare.

Per il momento negro de merda 1 italiana 0

Anonimo ha detto...

Secondo me la banda di ladri stava solo facendo un po' di training per il Giubileo, e quando questo sarà cominciato, allora sì che ne vedremo delle "belle"...

Anonimo ha detto...

sei un poraccio!!

Anonimo ha detto...

Bisogna fare come hanno fatto tanti anni fa qui sotto casa mia, una indicibile BESTIA ha provato a rubare una macchina ed un gruppo di ragazzi l'hanno beccato. Bene, è stato circa 20 anni fa ed è stata l'unica volta che ho visto uno zingaro.... scusate, una BESTIA massacrato de botte. COL CAZZO che sono tornati a rubare qui sotto.
Ora siamo una manica di rammolliti!!!

ShareThis