Isole ecologiche Ama presidiate dal racket dei rifiuti e dipendenti conniventi. Il senatore va e fotografa. Ora si muoverà qualcosa?

2 settembre 2015




Nei giorni scorsi Vi ho sottoposto la mia "denuncia" sull'uso improprio delle isole ecologiche della Capitale da parte dei Rom. 
Data la rilevanza dell'argomento ritengo opportuno rimarcare e specificare alcuni aspetti di questa vergognosa situazione. Che non può e non deve essere più trascurata dal mondo politico e dall'attenzione dei media. 
Corredo il tutto da alcune foto che ho scattato personalmente e tra cui Vi autorizzo a scegliere per eventuali vostri approfondimenti o inchieste. In queste foto allegate si vedono alcuni uomini mentre depredano indisturtamente i materiali che poi saranno rimessi illegalmente in commercio. Alcuni esempi. Dai frigoriferi vengono prelevati i motori che andranno a fruttare decine di euro. Gli stessi elettrodomesitci saranno successivamente abbandonati a cielo aperto nei dintorni, con i gas fuoriusciti che aleggiano pericolosamente. Stessa "procedura" per i telefoni cellulari, da cui viene per così dire estratti l'oro contenuto all'interno per un valore di circa un euro a telefonino.

Le isole ecologiche di Roma gestite dall’Ama, duqnue, sono letteralmente presidiate dai Rom, grazie anche alla cialtronaggine dei dipendenti dell’azienda municipale. Gli stessi che, in alcuni casi, sono veri e propri conniventi. E in altri non si assumono la responsabilità di vigilare perché "non fa parte delle loro competenze". Vengono indisturbatamente spogliati i Raee, e “scippati” i materiali preziosi. Per poi abbandonare i residui inquinanti e tossici che permangono nei dintorni. C'è da chiedersi allora quale sia la valenza delle stesse isole ecologiche. Tutto questo ai danni dell’ambiente, a beneficio solo dell’illegalità. Dove risulta difficile stabilire il confine fra trascuratezza e volontà di alimentare un sistema più che consolidato. La denuncia deve tramutarsi in atti concreti ed effettivi. Mi auguro che l’affiancamento del Prefetto Grabrielli, colmi queste e altre gravi lacune della mancata gestione Marino.

Sen. Aldo Di Biagio
Vicepresidente della Commissione Ambiente al Senato

45 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

All'isola ecologia della Laurentina è un continuo via-vai di zingari a piedi, in bici, in auto, con macchina... tanto che per due anni ho pensato che fosse l'ingresso di un campo nomadi. Recentemente ho scoperto che sia un'isola ecologica.

Anonimo ha detto...

Aldo Di Biagio
https://it.wikipedia.org/wiki/Aldo_Di_Biagio

Anonimo ha detto...

Purtroppo queste cose succedono da anni e se ne sono sempre fregati tutti.
Fa piacere che un senatore della Repubblica si sia scomodato per riprendere e documentare l'accaduto.
Nel testo parla di denuncia, credo che intenda solo il portare a conoscenza dell'opinione pubblica i fatti.
Forse avrebbe fatto meglio a denunciare l'accaduto, recandosi in un commissariato o in una caserma dei Carabinieri.
L'ultima riga, in cui scocca la freccia avvelenata a Marino, mi fa pensare ad uno dei tanti attacchi a fini politici elettorali, a cui assistiamo ultimamente, perché tutti sperano che si voti presto a Roma e tutti sperano di vincere, ma nessuno dice cosa vuol fare per far vincere un pochino anche noi cittadini disgraziati, che in questa merda ci viviamo da anni.
Comunque può sentire il suo collega di partito e senatore Azzollini, che ha una esperienza di sindaco, se vuole candidarsi a Roma, dopo Marino, sempre se è ancora a piede libero.

buone cose

Anonimo ha detto...

confermo cio' che avviene all'isola della laurentina. suggerimento: mai passare fuori orario per sbaglio perche' gruppi di zingari ti accerchiano (un bambino ha tentato di fermare la macchina buttandosi davanti) per chiederti di guardare cosa dovevi buttare... quindi mai fermarsi ma sgommare via!

Anonimo ha detto...

La modalità del malaffare è diversa: i furbacchioni della foto infatti non si introducono dentro l'isola ecologica a rubare materiale, perchè sarebbe furto, ma si mettono davanti all'ingresso come si vede nella foto, poi fermano le auto di chi vuole accedere all'isola per depositare ad esempio un frigorifero, e con un tesserino fasullo fanno credere di essere degli operai AMA, se lo caricano sul furgone, e quando hanno fatto il pieno vanno a bruciare/cannibalizzare il tutto per recuperare i metalli, abbandonando i resti dove capita.

Se dovete andare all'isola ecologica, non fatevi fermare all'ingresso da questi truffatori, ma entrate e consegnate il materiale solo nelle mani dei veri addetti AMA, quindi chiamate la polizia segnalando la cosa. Se consegnate materiali a questi schifosi individui vi rendete complici dello sversamento abusivo di rifiuti pericolosi, e dei roghi tossici che avvelenano la città.

Anonimo ha detto...

PS: il motivo per cui la polizia non venga chiamata dagli addetti AMA che vedono tutti i giorni questo schifo come al solito risulta oscuro... o chiarissimo, a seconda...

Anonimo ha detto...

Oddio ve prego bannate il TROLL che s'è fatto l'ennesimo profilo fake su Facebook e sta rompendo i cojoni a tutti (Max Tonno).

Anonimo ha detto...

Io mi sto tenendo a casa alcuni elettrodomestici che devo buttare , aspettando di avere il tempo di portarli a un isola ecologica.
Qualcuno mi sa indicare un isola che funzioni, senza dovermi imbattere in questi individui schifosi ? Voglio evitare che vengano poi bruciati per ricavare il rame o simili.
Sul viadotto della magliana ci sta perennemente un puzzo asfissiante di plastica bruciata . Non ci sta giorno che non li maledica

Anonimo ha detto...

Io all'isola sulla Laurentina vado molto spesso (almeno una volta al mese)e all'interno non ho mai, dico mai, visto entrare i ROM che stazionano fuori.
Confermo invece che all'esterno, complice anche il campo (presumo non autorizzato) confinante con l'AMA, stanno sempre di vedetta e cercano di fermarti.
Ma ripeto che all'interno dell'isola ecologica non li ho mai visti.

Anonimo ha detto...

ma se un senatore della repubblica , constatando un reato , si limita a denunciarlo con una lettera (poteva fare un tweet) invece di fare intervenire le forze dell'ordine, siamo proprio messi male!

Anonimo ha detto...

Bravo Sen. Di Biagio, non chi sia o a quale Partito appartenga ma sono commosso dal fatto che qualche politico si prenda la briga di denunciare pubblicamente comportamenti criminali.

Invito tutti a farsi un giretto per le consolari (Ardeatina, Laurentina, Lasilina....)appena fuori Roma, altro che Terra dei Fuochi. Da far intervenire l'ONU.....

Anonimo ha detto...

I parlamentari hanno le prerogative di un magistrato, si muova dunque!
I furgono poi sono in pieno divieto di sosta! C'è una rampa d'accesso alla tangenziale li, è pericoloso sostare!
Dove sono le forze dell'ordine? Tutte incollate ai PC?

Anonimo ha detto...

Sen. Di Biagio, si vergogni della SUA connivenza e vada a denunciare!!!!!!!!!

Davide ha detto...

Sono anni che succede questa cosa.

Se un libero cittadino ti chiede di poter entrare in possesso di un tuo rifiuto, che reato compie?

Immaginate di essere un poliziotto e fermare questi individui. Li arresti?

Purtroppo con le leggi attuali ci stiamo suicidando da soli.

Anonimo ha detto...

[Il Sen. Aldo di Biagio] "Il 4 gennaio 2014 risulta indagato dalla Procura di Roma per associazione a delinquere nell'inchiesta sui 22 milioni di truffa a danno dell'INPS per cui Di Biagio avrebbe goduto di 433.589 euro in assegni circolari irregolari" (wikipedia.org)

Nessuna simpatia per le attività illegali che girano attorno alle isole ecologiche, ma mi pare ci sia una certa sproporzione tra le due cose, ecco...

Lanzo ha detto...

Francamente - quindi sulla monnezza ci dovrebbe lucrare qualche Big tipo quel tipo che nun ma ricordo er nome - gli zingari invece no ?
Non sono zingaro, sono romano ma vivo nelle Filippine da 10 anni, visto che con la pensione che passa lo Stato a Roma nun ce camperei manco na settimana e ad anna' a frugare nella monnezza quando chiudono i mercati rionali pe' famme n minestrone co qualche broccolo e patata recuperate - nun me va.
Qui - ma non solo qui - non hai spese di monnezza. Plastica e scatolame ariva uno che te la compra (poi va in Cina) rifiuti organici, e' pieno di cani affamati che si ripuliscono tutto, le cartacce le bruci e siamo a posto.
Ossia Voi pagate per avere il privilegio di buttare la plastica e le bottiglie che poi i furboni sa rivenneno. Ma siete tutti giovani e nun va ricordate quanno passava (io vivevo a via Firenze, una traversa di via Nazionale) stracciarolo, bottigliaro urlavano e la serva portava giu' e qualche lira se la metteva in tasca, non c'erano problemi di rifiuti - i frigoriferi duravano na' vita.
Un abbraccio a tutti voi di RFS che mi tiene compagnia.

Anonimo ha detto...

Lanzo, tu lo sai di essere un emerito coglione, vero?

Anonimo ha detto...

Si muoverà qualcosa? Come no. Sposteranno la spazzatura tre metri più in là e cambieranno il nome al sito.
Essere indagati non vuol dire essere colpevoli, anzi, può voler dire che ti hanno messo in mezzo.
Essere colpevoli di un reato, comunque, non vuol dire dover avere comportamenti illeciti in ogni frazione della propria vita, e il fatto di intervenire su questo argomento da parte del senatore è in ogni caso lodevole.
Siete dei miserabili a tirar fuori indagini in corso per contestare una segnalazione sacrosanta.

Anonimo ha detto...

TUTTO VERO. VISTA PRESIDIARE DAI ROM ANCHE QUELLA DEL CORVIALE. UNO SCANDALO DA METTERE ALLA LUCE

Anonimo ha detto...

Non ditelo al Sindaco che è in vacanza e deve riposare...

Anonimo ha detto...

SE Di Biagio va in questura a denunciare il racket dei rifiuti SE LO BEVONO!!!!!!!!

Anonimo ha detto...

MARIA ROSARIA INGENITO sindaco, anzi, re d'Italia! Anzi, meglio ancora, capo della polizia.
Ma io sogno. Marino sarà il prossimo presidente del consiglio, gabri il prossimo capo della polizia, e buzzi che ci riprova col patteggiamento - tre anni! Manco per furto di biciclette...- lo recupereranno come sindaco di Roma, l'imprenditoria non gli è congeniale.

Anonimo ha detto...

"Se un libero cittadino ti chiede di poter entrare in possesso di un tuo rifiuto, che reato compie?"

se lo fa mostrando un tesserino AMA falso è truffa... poi basta seguirlo e vedere cosa ci fa col tuo rifiuto, e ci sono altri reati. Basta volerlo, come le ladre in metropolitana, a Milano le hanno prese e gli hanno dato 3 anni, a Roma invece stanno ancora decidendo "a chi je compete"...

Rita ha detto...

Alle isole ecologiche è obbligatorio sollevare da sé i rifiuti - anche quelli pesanti - fino ai contenitori, che hanno bordi alti almeno un metro e mezzo. Quale dipendente ama offre aiuto, anche se non gli spetta, ma se ci si trova davanti a qualcuno che non vuole o magari non può fare questi sforzi e si vuole gettare un frigorifero l'unica possibilità è darlo a quei tizi là.

Anonimo ha detto...

Ma le foto le fà un uomo di Alemanno? siamo alla barzelletta finale..... chi stava a cena con Casamonica per spartirsi la torta? dov'era per tutto il tempo della giunta Alemanno? se ne accorge solo ora? La fortuna di questa gente è che abbiamo una specie di marziano come sindaco che non sa mettere in ridicolo certi moralisti.

Ma dell'assessore Esposito non si dice niente? uno che canta per radio Roma merda non dovrebbe essere allontanato immediatamente? vero che era un coro calcistico ma a Milano, Torino ecc. non è mai accaduto e sicuramente manca di rispetto a milioni di persone.

Anonimo ha detto...

@6:52
quindi il punto è che ci sta BENALTRO di cui preoccuparsi ?

Ma possibile che non ti renda conto di quanto sia importante non vivere in una discarica a cielo aperto ?

Questo tollerare da decenni roghi tossici nelle nostre città e la dispersione nell'ambiente di imponenti quantità di rifiuti di tutti i tipi , danneggia pesantemente la salute , e chissà quante morti ha già causato.

Si parla ( giustamente) dei morti per colpa dell'inquinamento dell' ILVA , quando si penserà a fare uno studio serio sulle malattie e morti riconducibili all'intervento dissennato di queste comunità etniche nel ciclo dei rifiuti ?




Anonimo ha detto...

Pena di morte. Non c'è alternativa.

Anonimo ha detto...

Il marziano del sindaco? Il famigerato emissore di fatture false? Meno male che c'è lui.

Anonimo ha detto...

La falsa fatturazione è omologabile alla truffa. In Italia che è l'Italia, per quegli importi è previsto l'arresto fino a sedici anni di reclusione. Praticamente il marziano nel suo era già avvezzo ai reati trendy della sua giunta.

Anonimo ha detto...

"Ma le foto le fà un uomo di Alemanno?"

sticazzi chi le ha fatte, quelle foto denunciano un grave problema, il fotografo non ci interessa (e poi la magistratura si sta già occupando di lui, ti ricordo il principio di presunzione di innocenza).

Anonimo ha detto...

IDEM PONTE MAMMOLO...

Anonimo ha detto...

@ 4:18 PM
sono sempre andato all'Isola Ecologica di Via Ateneo Salesiano e non ho mai avuto problemi.

Anonimo ha detto...

Per Rita 1.14

a via Laurentina hanno delle forche che non ti fano sollevare a mano gli elettrodomestici pesanti.
Massimo

Anonimo ha detto...

@ 4:18 PM

anche in quella di via Teano funziona tutto bene

Anonimo ha detto...

A senatò, ma i fondi per smaltire correttamente determinati rifiuti (recuperando anche materiali riutilizzabili), oltre che a casa tua, 'ndo stanno?
Perché io c'ho er vago sentore che convenga economicamente di più allo Stato Italiano farci pagare tasse da Europa del Nord, per poi mantenerci vitalizi e cazzi e mazzi vostri invece di finanziarci i servizi a cui andrebbero destinate.

Non so, c'hai presente la scena de Fantozzi che c'aveva un vago presentimento la moglie lo tradisse cor panettiere, e se ritrovava "sfilattiiiniiii speciiialiiiii speciiiiialiiii" pure nella lavatrice?

Anonimo ha detto...

quella è l'isola ecologia che si trova sull'olimpica. non è vero come dice uno nei commenti che fermano la gente facendo vedere tesserini falsi, quella sarebbe la follia. però posso dire che ALCUNI dico ALCUNI perchè non tutti i dipendenti AMA sono così fanno entrare nell'isola ecologica i rom accordandosi con loro dietro compenso economico assicurandogli gli elettrodomestici da smontare, e rifiuti di idraulica come tubi e rubinetti in ottone.
e questa cosa non succede ogni tanto, questo succede TUTTI i giorni ! e spesso ci sono scontri verbali all'interno dei lavoratori proprio perchè cè anche gente onesta che non accetta questo schifo. purtroppo però queste cose non vengono quasi mai denunciate perchè il rapporto tra colleghi non è diciamo rose e fiori, si rischiamo spesso rappresaglie e vendette per molto meno !

Anonimo ha detto...

Stiamo messi male se un senatore denuncia su un blog (seppur autorevolissimo), piuttosto che nelle sedi istituzionali...

Anonimo ha detto...

...e poi li rivendono agli sfasci, provato c'è un via vai continuo!

Livia ha detto...

Quando ho qualcosa di voluminoso da buttare vado da San Giovanni all'isola sulla Togliatti. Mai visti zingari e un anno fa sono venuti fino alla mia macchina col muletto a scaricarmi uno scaldabagno.
Una volta sono andata a via Teano e non ho notato anomalie, ma era anni fa.

Massimiliano Cardullo ha detto...

Senza entrare nel merito del dibattito che si sta sviluppando, mi preme intervenire quale legale per rettificare e precisare alcune affermazioni che, evidentemente al solo fine di denigrare la persona del senatore Di Biagio, sono state inserite da chi ha preferito rimanere anonimo.

Il sen. Aldo Di Biagio non è indagato per una truffa di 22 milioni di euro all'INPS. L'indagine alla quale fanno riferimento i signori "anonimi" e risalente al 2013 e ad oggi con riferimento al senatore non è addivenuta ad alcuno sviluppo nei suoi riguardi.

In ogni caso nella contestazione del 2013 lo stesso non era ritenuto responsabile di alcuna truffa all'INPS e men che meno di essere entrato in possesso di 22 milioni di euro.

Vorrei infine aggiungere come considerazione di carattere personale che, mentre i soggetti che hanno fatto impropriamente riferimento a questa vicenda giudiziaria ritengono di nascondersi e tutelarsi dietro l'anonimato, il Senatore Di Biagio venuto a sapere dai giornali di questa notizia che lo riguardava nel 2013 si è subito messo a disposizione dichiarando di rinunciare alle prerogative parlamentari.

avv. Massimiliano Cardullo

Anonimo ha detto...

Avvocato , riferisca al senatore DI Biagio che deve assolutamente continuare ad occuparsi di questo problema .
Ho letto con piacere la segnalazione fatta nel blog , e spero che faccia ulteriori passi nelle sedi istituzionali .

Questa città sta sprofondando , e il senatore può fare molto più di un privato cittadino come me .

Poi si litigherà su mille altri problemi , ma sul fatto che roma non debba essere un immensa pattumiera spero ci si possa trovare d'accordo.


Cordialità

Anonimo ha detto...

tutti da Mondo Connivenza!

Anonimo ha detto...

Il Senatore dovrebbe sapere che diventare bersagli di calunnie a tappeto in Italia è segno certo di onore al merito.
Stia tranquillo che cosa hanno cercato di fare e chi sono si è capito perfettamente.
Grazie piuttosto per essere intervenuto con questa denuncia, e continui così.

Anonimo ha detto...

Vorrei rispondere a tutte quelle persone che parlano senza sapere nulla e al senatore i rom fermano le macchine al difuori del centro di raccolta campi sportivi e prendono oggetti come computer ferro frigoriferi ecc ecc e non sono gli operatori a dargli gli oggetti. Sig. Senatore pensi hai vostri compensi mensili di oltre migliaia di euro e le famiglie italiane non c'è la fanno ad andare avanti ci state togliendo anche la voglia di sorridere vogliamo un Italia pulita e non corrotta

Anonimo ha detto...

Dall'ultimo intervento ho come l'impressione che gli zingari, oltre che farsi carucci alla stazione per passare da steward, ora tentino la strada dei forum per creare posizioni rom-friendly...

ShareThis