Il confronto umiliante tra Roma e Belgrado. Tante foto e qualche riflessione

5 maggio 2014
Notevolissimo il servizio di bus, tram e filobus. I grandi boulevard sono dotati di corsie preferenziali riservate (specie per i tram) e non potrete vedere neppure per sbaglio una vettura parcheggiata dentro all'area di fermata. A Roma, invece, ogni fermata è umiliata da questo malcostume. Il risultato sono mezzi pubblici efficientissimi, veloci, puntuali. Belgrado ha oltre 2 milioni di abitanti, pessime ferrovie pubbliche e zero metropolitana. Com'era quella storia che a Roma ci sono auto dovunque per colpa della poca metro? Falso: ci sono auto dovunque perché non si sanziona a sufficienza chi le posteggia male...

La scena dei parchi pubblici ha dell'incredibile. Il livello è londinese, forse superiore. Parchi dovunque, tenuti benissimo, qualità elevata dei giochi per i bambini (qui non li imbrattano di scarabocchi dunque tutto è pulito e dignitoso). Pulizia ovunque. Nei giardini non ci sono banchetti e camion-bar, bensì tanti esercizi commerciali fissi (bar, ristoranti, circoli) spesso di alta o altissima qualità. I parchi sono aperti, senza ringhiere, ma non c'è nessuno che li usi in maniera impropria per dormirci, per organizzarci mercatini di roba rubata o cose simili. Se chiedi ad un serbo perché questo non accade, o meglio se gli chiedi - in generale - perché in città non vi sia microcriminalità ti risponde semplicemente: "qui c'è la milizia, se violi le leggi te la vedi con loro. Non capiamo come facciate voi nelle vostre città dove le leggi possono anche essere non rispettate".



Le strisce pedonali sono tutte realizzate in materiale termoplastico (come a Milano o a Londra) non spruzzate con l'aerosol a terra in modo che durino due settimane per poi essere richiamati a rifarle. In tre giorni mai vista una sola vettura posteggiata sulle strisce. Il confronto con Roma è anche qui imbarazzante...

La raccolta rifiuti si gestisce in sotterranea, non si tengono i cassonetti in mezzo alla strada.

Wi-Fi dovunque. Semplicemente dovunque. 

Spesso arredi urbani di qualità nelle strade e nei disegni dei marciapiedi. Le strade non sono stuprate da bancarelle e cartelli e cartellini conficcati nel marciapiede.


Aree pedonali vere. Ma vere vere. Enormi arterie completamente senza macchine per davvero. No Piazza Farnese o Piazza Borghese.



Buona la scena dell'adv outdoor. Gli impianti su suolo pubblico sono praticamente tutti gestiti dalla società serba (partecipata da fondi svizzeri) Alma Quattro. Anche in ex Jugoslavia hanno capito che la pubblicità esterna è un monopolio naturale da affidare a una o a poche società previo bando, non da dare in pasto a centinaia di micro dittuncole da quattro soldi che poi stuprano il territorio

Anche dalla gestione del Lungofiume ci sarebbe da imparare. Percorsi ciclabili infiniti in un parco pubblico lineare lunghissimo (per non parlare di tutta l'area dove si fa vera e propria balneazione) pieno di attrazioni, ristoranti, strutture per lo sport. Lungo gli argini le strutture per la somministrazione sono fisse, non la baraccopoli che piace tanto a Roma. 

Conclusioni? Una capitale di un paese tutto sommato povero, che nonostante le aspettative non ha mai avuto una crescita ed un boom economico vero, una capitale bombardata, che ha visto scontri, conflitti e guerre (gli ultimi bombardamenti Nato risalgono a 15 anni fa), una capitale di un paese in perenne crisi politica, di un paese molto corrotto, umiliato dalle lacerazioni interne risulta comunque abissalmente - abissalmente! - gestita meglio che Roma. Qui uscire di casa non rappresenta una continua lotta contro prepotenze, sopraffazioni, inciviltà, umiliazioni. Perché?

34 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Interessante reportage, e il confronto umilia ancora più roma se pensiamo che neanche molti anni fa Belgrado era la capitale di uno stato in guerra, sottoposto a bombardamenti aerei da parte della Nato.

Mario. Bellipanni ha detto...

l'uomo non può farci nulla - la città di Roma è irrecuperabile - Circa 24 anni fa vidi Bratislava e Praga : erano ancora meglio di Belgrado.

Anonimo ha detto...

Come mai nella foto 8 non ci sono strisce pedonali in materiale termoplastico (tra l'altro, pericolosissime per i centauri) e cassonetti interrati?

Comunque per il resto confronto impietoso, nulla da obiettare.

Emanuele Tommasino ha detto...

Un piccolo appunto... tu dici che Belgrado fa oltre 2 milioni di abitanti quando in realtà ne fa 1 milione e 300 mila e praticamente a Roma siamo il doppio . Nulla da contestare sulla loro efficienza ma riporta i dati come stanno ;)

Emanuele Tommasino ha detto...

Che poi tra l'altro la poca metro é un problema molto serio per Roma, basti vedere i disagi che ha creato lo sciopero della metro nell'efficentissima Londra , avendo toccato con mano sembrava di stare veramente a Roma. Quindi le critiche sempre ma che siano fatte con causa !

bevandino ha detto...

Anch'io sono stato a Belgrado, esattamente un mese fa.
Strisce termoplastiche e cassonetti interrati non ci sono dappertutto, ma è sicuramente un inizio.
I mezzi pubblici e i loro frequenti passaggi hanno sorpreso anche me; inoltre il centro città è ben collegato con le periferie e anche con i sobborghi/frazioni, cosa che invece a Roma è impensabile. Vero anche che le corsie preferenziali sono rispettate, nonostante i serbi guidino davvero male, addirittura peggio dei romani!!!
Altra cosa che funziona meglio che a Roma è il sistema dei biglietti (anche se non ho visto controllori): non esistono biglietti cartacei, ma schede plastificate ricaricabili; il costo di ogni corsa è l'equivalente di 0,75€ ma va pagata ad ogni cambio bus, non c'è un sistema a tempo.
Pulizia nelle strade e decoro urbano davvero incredibili, basti pensare all'area del Castello tenuta a puntino: impietoso il confronto con qualsiasi monumento pubblico romano..

Anonimo ha detto...

"Qui c'è la milizia, se violi le leggi te la vedi con loro".

In Italia invece c'è il PD che fa quattro indulti in due anni liberando 30mila delinquenti, c'è Alfano che con Mare Nostrum ci porta mille clandestini al giorno mantenuti in hotel 3 stelle (mentre gli italiani perbene che lavorano fanno la fame), c'è il Papa che dice di accogliere tutti, ci sono le associazioni di radical chic che fanno il ricorso per tenere Kabobo in Italia a picconarci, ci sono i giudici comunisti che liberano sempre i delinquenti immigrati e perseguitano Silvio e gli indipendentisti veneti della Lega.

Anonimo ha detto...

"Qui c'è la milizia, se violi le leggi te la vedi con loro"

"Qui ci sono i giudici comunisti, se arresti un clandestino te la vedi con loro"

Massimo Trabucchi ha detto...

perché "qui c'è la milizia, se violi le leggi te la vedi con loro. Non capiamo come facciate voi nelle vostre città dove le leggi possono anche essere non rispettate"
Non lo capisco neanch'io.

Massimo Trabucchi ha detto...

Anche qui c'è qualche rompipalle che se la prende con i giudici comunisti che ce l'hanno con Silvio!!!
E basta!
Ricordo che la Jugoslavia era comunista ed era allora meglio di come stiamo noi oggi.

Anonimo ha detto...

non c'è bisogno di andare a Belgrado ; basta andare a Firenze, o a Matera, o a Bologna..... il problema è proprio Roma ed i romani.

Anonimo ha detto...

Belgrado ha 1.600.000 abitanti,piu 500.000 studenti e operai che non hano residenza a belgrado e anche 200.000 stranieri,montenegrini,bosniaci,croati...anche loro senza residenza!!!

Anonimo ha detto...

Quante sono le auto a Belgrado ?

Anonimo ha detto...

Sono stato a visitare Belgrado dal 26 al 28 aprile 20014 e confermo tutto quello che c e' scritto nell articolo. I parchi di Belgrado sono bellissimi

ADRIANA PANDOLFINI ha detto...

Sono stata da poco a Roma, quando ho detto che volevo visitarla in bici mi hanno detto impossibile!
invece non è vero ci sono delle ciclabili praticabili e che sono poco utilizzate, per quanto riguard la sporcizia no comment!

Anonimo ha detto...

Ma dove sono queste ciclabili praticabili? Bisogna poi vedere per praticabili cosa si intende eh... :D

Anonimo ha detto...

i romani non so intelligenti so stupidi
fanno le aree pedonali come piazza borghese e le lasciano vuote , senza una panchina e una fioriera, in questo modo gli stronzi non trovando ostacoli hanno lo spazio per parcheggiare. arredare un area pedonale con 3 panchine o una fioriera , richiede troppo sforzo intellettivo per il cervello limitato del romano medio

Anonimo ha detto...

Roma non è assolutamente allineata allo standard europeo e delle città italiane del nord. Si sta allineando, inesorabilmente, ai paesi sottosviluppati. Anche con Belgrado, e i suoi abitanti, il paragone è veramente impietoso

Anonimo ha detto...

Immagino che a Belgrado ci siano un bel po' di zingari, vista la posizione geografica. Sarebbe interessante capire come viene gestita la situazione, visto che gli effetti superficiali (accattonaggio e borseggi) sembrano meno gravi che da noi.

Anonimo ha detto...

sarebbe bello se chi scrive commenti razzisti li firmasse
Barbara

Anonimo ha detto...

La situazione viene gestita in modo semplice e "non discriminatorio",come nei altri paesi con tanti zingari(Bosnia,Bulgaria,Romania),anche li gli zingari sono odiati e la polizia,nel caso di reato,prima gli mena e poi chiedono dati sull accaduto.Per quello sono tanti qui,dove possono fare quello che sanno fare meglio:rubare,sporcare,non lavorare.

Anonimo ha detto...

qui in italia abbiamo casapound e forzanuova. che tristezza...

claudio ha detto...

vabe qui è un paese di mafiosi, dei "se mettemo daccordo" dei "famme lavorà" ...i comuni hanno sempre affidato gli appalti ai loro amici di sempre...personaggi corrotti malavitosi...si esce solo con un commissariamento e la cura tolleranza zero....e non prendiamocela sempre con i romani..ovvero non puoi fare affari con cerroni e poi multare il cittadino perche sbaglia a buttare la differenziata

patrizio ha detto...

Ti sei appena contraddetto Claudio. Parli di tolleranza zero e poi dici che non si deve multare il cittadino che sbaglia a multare la differenziata. come se fosse un compito arduo azzeccare il cassonetto giusto, come se non fosse un dovere civico fare una corretta raccolta, cerroni o non cerroni.

claudio ha detto...

per patrizio

si vabè ho fatto un esempio per far capire che se non si inizia dalla testa non se ne esce nel senso che multi il cittadino per aver sbagliato a buttare la spazzatura nel giusto cassonetto POI NON VEDI CHE MISCHIANO TUTTO ASSIEME A MALAGROTTA differenziando una bassa percentuale per star dentro la legge...
forti con i deboli e deboli con i forti

patrizio ha detto...

Ok ma intanto la capoccia delle persone che buttano dove capita quando la cambi? ognuno deve faree la sua parte, ama dovrà essere rivoltata come un calzino ma intanto bisogna inculcare nella testa di tante persone il senso civico, perchè se queste le porti a Berna avremmo ancora lo stesso problema!

hope ha detto...

io sono di una frazione di belgrado. concordo che magior parte delle indor.azione sono vere...in partkcllare la eficenza dei mezzi di trasporto..ma non ci sono questi cassonetti nelle periferie...e la pulizia non è uguale dapertutto. ma comunque molto meglio gestita che la roma centro. qui vivo ai castelli...e a parte il problema della viabilità e i parcheggi...pessima raccolta della diferenziata (ma nella periferia di belgrado non c'è ancora x dirla tutta)...si vive bene. potrebbe però tutto essere molto meglio se si utilizzassero i soldi delle tasse comunali x sistemare il teritorio del comune stesso...Una cosa che non soporto proprio qui è che i collegamenti degli autobus sino pessimi. se potessi...io preferirei utimizzare i mezzi pubico che la macchina. ma non e possibile.
una cosa invece che tornerebbe mooolto comoda e utile a roma e dintorni e che belgrado ha è sistema di pagamento del parcheggio con gli sms! è una ficata pazzesca! li esiste da piu di 10 anni!

hope ha detto...

pessima.scrittura...ma vado di fretta e di solito non commento nulla...solo che questa volta si trattava di mia amatissima belgrado...e ritenevo giusto rispondere...e dire che non è oro tutto ciò che luccica... :-( .

Anonimo ha detto...

Belgrado è quello che è, sono nato la, ho visuto fino a 7 anno fa, e amo quella città. Chiunque non è mai stato, consiglio di visitare, la vita notturna, e quello che c'è scritto per tempo libero è vero. Siamo poveri come paese, corroti sicuramente, ma non oltre altri paesi di europa, pero chi è stato una volta, torna anche altre volte la. Ci manca solo la raccolta differenziata per essere a posto, se governo sappia quanto potrebbe guadagnare, poteva mettersi gia in moto a fare qualcosa
ogni volta che viaggio in aereo ci sono sempre piu Italiani che vanno a vedere capitale della Serbia

Anonimo ha detto...

E infatti c'e' anche il sistema a tempo, forse non hai visto l'opzione nell'apparecchio.

Anonimo ha detto...

E infatti c'e' anche il sistema a tempo, forse non hai visto l'opzione nell'apparecchio.

Anonimo ha detto...

Salve a tutti, sono un Genovese che vive a Belgrado da più di un anno. Sono stato in molte grandi città di Italia, tranne che Roma ammetto, ho vissuto qualche anno vicino a Torino, spesso mi capitava di andare a Milano. Per chiunque contesti questo articolo confermo che ciò che è scritto è vero, tutto vero. Nonostante sia una città che a fatica cerca di dimenticare i bombardamenti subiti 20 anni fa dalla n.a.t.o. (di cui l'italia fa parte) con le poche risorse che ha a disposizione il servizio di trasporti pubblici è efficientissimo, e regolare, gli autobus sono vecchi ma puliti. Anche le strade sono puliti e gli arredi urbani sono belli, robusti e non deturpati dal vandalismo. I parchi per bambini sono molti, i giochi sono ben tenuti e puliti. Posso aggiungere che sono molte le scuole, soprattutto per l'infanzia, Tutti i maggiori centri residenziali hanno ampi spazi verdi in cui le famiglie possono portare i bambini a giocare. Le strade e i quartieri non sono invase ambulanti, spacciatori, e quant'altro di origine straniera. Non è impossibile vedere ambulanti ma sono soprattutto nativi de posto, sicuramente è presente criminalità organizzata e microcriminalità, ma non si avverte mai quella presenza soffocante come in Italia. Ovunque è possibile notare forze del'ordine. Posso affermare che Belgrado sia una città a misura di famiglia, e ancor di più le città di Nis e Novi Sad. Tanto da fare eclissare i nostri capoluoghi. Abbiamo in Italia città bellissime e magnifici monumenti, ma abbiamo sacrificato la qualità della vita in nome della bellezza. Abbiamo molto da imparare a mio avviso.

Topo Col Cilindro ha detto...

Sono stato a BELGRADO per una visita medica in quanto in italia I MEDICI SONO TUTTI DELINCUENTI E INBECILI.. la città è strainquinata i mezzi non mi hanno stupito piu di tanto si mangia male malissimo solo il cibo da strada è notevole ma non è cucina serba ma ottomana turca greca bar pochi e non mi hanno fatto andare in bagno.. zero vespasiani.. un bel casino.. il centro non è ZTL quindi arrivano auto e ce ne sono parcchie zero sanzioni zero assoluto. CIRILLICO OVUNQUE DAPPERTUTTO UNO SCHIFO PAUROSO ti perdi con nulla. TOKYO è piu facile da decifrare e non sto scherzando.. il centro te lo fai in 3 giorni ma sarebbero 1 e mezzo se i mezzi non fossero uno schifo (ah non è vero che i tram sono tutti in vie prefernziali solo verso i palazzi bombardati per il resto sono in fila come le altre autovetture e per fare 3 km ci metti QUARANTA MINUTI) la gente è bella perchè sta cagata dalla legge e la pula che li funziona anche troppo bene, sono stato cacciato malamente da loro solo pechè stavo guardando un palazzo governativo sfregiato dai bombardamenti NATO del '99 e fotografarli o filmarli è ufficialmente vietato (pero' li usano come macabra attrazione acchiappa turisti) in complesso CITTA' APPENA PROMOSSA. STRAINQUINATA (una delle prime 5 del continente e 3 volte il tasso di tumori specie ai polmoni) E MOBILITA' OSCENA UGUALE A ROMA (un po meglio se becchi l'autobus giusto e nelle zone giuste allora tt ok) ma sta TUTTO SCRITTO IN CIRILLICO STRADE, INDICAZIONI, PENSILINE DEL BUS POVERE PEGGIO DI QUELLE DI ROMA O BOLOGNA.. SEMBRA UNA CITTA' PER LORO NON PER TURISTI.. ergo secondo me si va a belgrado per tutto sommato RILASSARSI con una traghettata sul danubio, mangiare BUREK O PITA TURCO A POCO, DISCOTECHE TECHNO, SPAVLOV, TRAMONTO SUL KALEMEGDAN (UNICA COSA DAVVERO, DAVVERO NOTEVOLE DI QUEL POSTO) buono il vino! e poco altro.. roma rimane quasi superiore. anzi lo è cazzo. e tema wifi (quei cartelli ne ho visti il giusto secondo me il wifi sta solo in parchi importanti).. per il resto citta' visitabile solo nella bella stagione a novembre non partono i traghetti e le kafane fregano i turisti arrivano ad autunno spompati... e per il resto non ci siamo proprio.. quello che risparmi lo spendi in taxi visto il dramma di tram e mezzi pubblici risalenti ai tempi del muro di berlino.. (in italia non sarebbero omologabili, sembrano deragliare da un momento all'altro!! salire per credere..) pero' bella gente molto meglio degli italiani. questo si.

Topo Col Cilindro ha detto...

diciamo che in italia i medici buoni sono solo quelli che VOGLIONO ESSERLO per il resto ho ricevuto solo fregature. comunque consiglio di vistarla belgrado alla fine puo' andare...

ShareThis