PD, il partito della macchina. L'esempio della Ztl di Testaccio nella perfetta lettera di un nostro lettore

9 maggio 2014
Cari amici di RFS,

spero troverete un po’ di tempo per occuparvi della questione dell’aumento delle tariffe per la ZTL, di cui in questi giorni si sta discutendo animatamente.

Io sono un abitante di Testaccio, molto amareggiato per la posizione assunta dal circolo PD del mio rione e da numerosi politici romani al riguardo. Spero di non essere il solo.

Immagino condividiate l’idea che il proposto aumento delle tariffe per la ZTL non è una misura per fare cassa, come molti immancabilmente hanno dichiarato. Si tratta di una misura ecologica, di civiltà, di equità e infine di buon senso.

Tutta Roma è spaventosamente congestionata dalle automobili. Testaccio in particolare versa in condizioni vergognose. In tutto il rione non c’è un attraversamento pedonale che non sia ostruito dalle auto in sosta. Su quasi tutte le strade i marciapiedi sono di fatto strapuntini di 50 cm sui quali si deve camminare in fila indiana, ma questo consente di avere più spazio per la sosta a spina di pesce. Il recente progetto di riqualificazione di Piazza Testaccio è stato sfigurato da un comitato di residenti che ha “migliorato” il progetto originario con il solo scopo di non far allargare i marciapiedi e non perdere posti auto. Sotto al nuovo mercato è stato costruito un parcheggio senza riqualificare in alcun modo la zona circostante (sempre per non perdere posti auto). La striminzita pista ciclabile di Via Zabaglia è stata più volte oggetto di attacchi, colpevole di restringere la carreggiata e rendere disagevole la tripla fila per chi deve andare in macchina a fare colazione da Linari. Insomma, per i testaccini lo spazio per le automobili non basta mai, anche a costo di non consentire a un disabile o a un anziano di uscire di casa. Anche a costo di far crescere i bambini in un ambiente sporco, inquinato, incivile e pericoloso.

Con l’aumento delle tariffe ZTL si chiedeva a ciascuno di fare un piccolo sacrifico per il bene comune e per vivere tutti meglio. Aumentiamo il prezzo le strisce blu per chi arriva da fuori, rafforziamo la ZTL ampliando gli orari e riducendo i permessi, ma chiediamo un contributo anche a chi in centro ha la fortuna e il privilegio di viverci e spesso dell’automobile privata potrebbe agevolmente fare a meno. Si tratta di semplice buon senso. Il centro di Roma è uno spazio prezioso che appartiene a tutti, non è l’autorimessa privata dei residenti.

Il sindaco ha cercato di spiegarlo. Lo stesso ha fatto l’assessore Improta . A loro va riconosciuto il coraggio di aver provato ad introdurre una misura giusta, ma impopolare in una città i cui abitanti amano la propria vettura più dei propri figli.

Il problema è che come prevedibile sono spuntati da tutte le parti i difensori degli interessi piccoli piccoli, dei peggiori egoismi e dell’inciviltà. Persino nella maggioranza del sindaco tanti hanno colto l’occasione per raccogliere un po’ di facile consenso. A difesa dell’indifendibile situazione romana si sono schierate persone ed organizzazioni che si definiscono verdi, sensibili rispetto ai temi ambientali e della tutela del patrimonio storico della città. Hanno gridato allo scandalo. Hanno detto che l’aumento era un salasso.

Qualcuno ha provato a fare 2 conti dello spaventoso e crudele dazio che avrebbe affamato i poveri residenti del centro? Circa 70 centesimi al giorno.
Francesco

*Nulla da dire sulla perfetta lettera di Francesco. Solo che stanno lavorando, tutti, per farci perdere anche la minima speranza di diventare normali. Commentate voi.
-RFS

27 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Se non aumentano la ZTL alle persone perbene italiane, con cosa finanziano Mare Nostrum e il sussidio per tutti gli immigrati che stanno a bere le birre sulle panchine di Piazza Vittorio?

E se siete "amareggiati", vedete di SMETTERE DI VOTARE IL PD.

Perchè a me pare che tutti si lamentano, e poi tra due settimane il PD riprende sempre gli stessi voti... quindi evidentemente alla fine vi sta bene tutto.

Anonimo ha detto...

Grande commento qui sopra. Tutto vero. Dobbiamo pagare per le megapensioni dei soloni di partito e per l'immigrazione forzata "ce lo chiede l'europa".

Il PD lo esige e poi si lamenta? Classico esempio di coerenza bipolare all'itagliana.

Anonimo ha detto...

Coloro che ancora credono alle menzogne della società multirazziale, varchino questa soglia:

http://ajkraad.wix.com/genocide-museum (per stomaci forti)

http://www.genocidewatch.org/southafrica.html

afrikaner-genocide-achives.blogspot.com/

Anonimo ha detto...

Classica dimostrazione che l'Unità Nazionale in Italia è l'automobile. Da Santoro, da Floris, dalla Gabanelli li vedi sbranarsi, "pe' aa maghina mia de 'sta roma mia bbella" siamo tuttti di un solo partito, da Vendola a Dell'Utri
Non vedo l'ora che il petrolio balzi ad un numero spropositato di dollari al barile come 40 anni fa. Non vedo l'ora di vedere cataste di automobili inutilizzabili come a Sarajevo, che tajo...avrà da venì quer giorno artro che ZTL



Tramvinicyus
TPL Enthusiast

Anonimo ha detto...

Sì, però ennesimo difetto di comunicazione. C'erano 2 modi per indorare la pillola, ambedue accuratamente evitati. Da una parte, anziché sparare la cifra di 1200 € - per quanto diluiti nel tempo - sarebbe stato opportuno riferirsi a un "abbonamento" di 20 € mensili (il costo, mi pare, dell'acquisto rateizzato dell'ultima cianfrusaglia tecnologica) il che avrebbe avuto un impatto emotivo più morbido; dall'altra, si sarebbero potuti promettere rigidi ineludibili controlli sugli accessi illeciti, ad esempio con l'installazione - vivaddio - delle telecamere anche in uscita dalla ZTL. Probabilmente ci si sarebbe risparmiati una parte dei mugugni o ragli, fate voi.

Maurizio ha detto...

Per essere "credibile" Francesco dovrebbe dirci che lavoro fa, quanto guadagna, dove lavora, come va a lavorare e che auto (o piu' auto) possiede.
Perché qualunque provvedimento che implica un maggior esborso di denaro è inevitabilmente "indifferente" per chi è ricco o può scaricare la spesa e oneroso per tutti gli altri.
Con gli appena 70 centesimi/giorno (in realtà in molti casi molti di piu') si "assorbono" quasi 4 mesi degli 80 euro promessi da Renzi

Anonimo ha detto...

Penso anche io ci sia stato un errore di comunicazione. Si sarebbe potuto fare riferimento ad un abbonamento mensile o annuale per far capire a tutti che non si trattava di un salasso. Meglio ancora sarebbe stato associarlo al permesso per le strisce che non a quello per la ZTL.

Rispondo a Maurizio. Sono fortunato perchè riesco ad andare a lavoro in bicicletta, quando non posso in motorino. Sono fortunato anche perchè ho un discreto reddito e questo vuol dire che non riceverò gli 80 euro. Tuttavia gli 80 euro di Renzi o i 70 centesimi al giorno sono poca cosa rispetto alle centinaia di euro che risparmio ogni mese semplicemente non possedendo un'automobile. Questo sì che ha un effetto significativo sul mio tenore di vita. Sono uno dei pochi che abita in centro e riesce a fare a meno della macchina? Ormai riconosco le auto dei miei vicini. molte restano ferme parcheggiate per settimane. Sono convinto che molti potrebbero fare come me e ritrovarsi in tasca un bel po' di soldi in più a fine mese. Ci guadagneremmo tutti.
Francesco

claudio ha detto...

trovano sempre la ricetta giusta per il nostro bene pagando qualche cosa ma guarda un po..

Anonimo ha detto...

Sarebbe ora di cominciare a rendersi conto che abitare in determinate zone e pretendere di avere l'auto sotto casa non è più possibile. A molti potrebbe sembrare uno sproposito, ma ne corso del tempo le cose possono e devono cambiare: una volta, per esempio, era normale, anche in città, allevare animali in piena città, poi ci si è resi conto che questo comportava problemi e semplicemente oggi è proibito tenere maiali o cavalli in cortile o polli sul balcone. Certo, bandire completamente le auto dal centro non si può fare dall'oggi al domani ma, per esempio, dire che fra 4 o 5 anni sarà così, senza eccezioni di sorta, nemmeno per casi particolari, darebbe a tutti il tempo necessario per decidere se preferisce abitare in centro, lasciare la macchina fuori e raggiungerla quando serve o abitare in zone che consentono di averla sempre a portata di mano.

Asier Martinez ha detto...

Scusate ma non vedo la relazione fra pagare di piu la ZTL e la situazione dei parcheggi a Testaccio. Vi riccordo che l'orario attuale e solo la tardanotte del weekend, e che il problema dei marciapiedi, striscie pedonali e pista ciclabili e un problema cotidiano della mattina alla sera. A noi non ci serve una ZTL piu costosa, a noi ci serve un vigile che faccia il suo mestiere. Niente altro. Io vivo a Testaccio, da anni e li ho visti, contate, 4 volte. Con quello che ha costato il impianto ZTL potevamo avere una coppia de vigili fissi per anni.

Maurizio ha detto...

Francesco. Vivi in centro, guadagni bene (piu' di 26.000 euro l'anno). Fai un lavoro comodo a pochi km da casa. Verosimilmente non hai famiglia, ovvero bambini piccoli da trasportare, ovvero spese e pacchi da caricare e ti puoi permettere di rinunciare all'auto di proprietà (ovvero non hai problemi economici ad affittarne una se ti serve occasionalmente).
Possiamo pensare che vivi in una condizione privilegiata e le tue scelte ecologiche sono abbastanza "facili" ?
Ma sono condivisibili dal "normale" cittadino di Roma che deve barcamenarsi tra mille problemi ? E a cui il Comune vuole imporre l'ennesimo balzello ?
Possiamo dire che se il Comune mette il ticket sui parcheggi a 10 euro l'ora non te ne puo' fregare di meno ? Ovvero se chiedesse 10.000 euro l'anno per parcheggiare vicino a casa ?
Mi sembra il classico esempio di chi NON avendo alcun danno ma solo benefici da una tassazione aggiuntiva è favorevolissimo. Tanto che je frega ?
Come per l'IMU: tutti quelli che conoscono che erano favorevolissimi NON possedevano una casa, ma vivevano in quella degli altri ...
Cordiali saluti

Anonimo ha detto...

Le scelte coraggiose, quelle i cui effetti benefici si vedranno fra anni, non sono peculiarità di questa politica , destra e sinistra, legata alla coltivazione del "piccolo orticello quotidiano". La miopia di questi politici, ad iniziare da marino è sconvolgente. BASTA, NON VOTARE Più PD. facciamo pagare a loro, non dandogli il voto, le conseguenze di queste scelte ignobili.

Anonimo ha detto...

Sono tutti bravi a fa' i froci cor culo dell'artri.

Anonimo ha detto...

Caro Maurizio
secondo me, come tanti romani, quando si mette in discussione il modello folle della mobilità romana non ci vuoi sentire. Tu mi parli di pacchi e di bambini. Se a Roma ci fosse una metro capillare rinunceresti alla macchina e useresti la metro per portare pacchi e bambini? Ma quando mai. Ti possiamo fare la metro sotto casa, ma tu alla comodità della macchina sotto casa non rinunceresti mai. Secondo me le scelte "facili" sono le tue. Vuoi la botte piena e la moglie ubriaca. Vuoi che gli altri facciano dei sacrifici e rinunce, ma tu le tue abitudini non le vuoi cambiare. Pensi che a gennaio non piacerebbe anche a me stare in macchina al caldo visto che potrei permettermelo e il comune mi regala il parcheggio? Visto che lo spazio per queste auto semplicemente non c'è come vogliamo fare? Un minimo abbonamento, tipo 20 euro al mese (che non sono 10.000) non è il modo più logico per ripartire una risorsa scarsa? Chi non ne ha veramente bisogno magari ci rinuncia. Chi ne ha realmente bisogno paga alla collettività un piccolo importo per lo spazio che occupa e magari trova anche più facile parcheggiare. Tu cosa proponi? Di continuare a parcheggiare sui marciapiedi e sulle strisce? DI fare a coltellate per decidere chi parcheggia?

Maurizio ha detto...

Caro Anonimo, ma te la metro con un passeggino o una carrozzina l'hai mai presa ?
Magari con una sola scala mobile che funziona ?
Se il "minimo abbonamento" (comunque 3 mesi degli 80 euro di Renzi...) servisse davvero a migliorare la mobilità e/o a creare parcheggi ci si potrebbe anche ragionare. Ma l'effetto reale dell'iniziativa comunale NON è quello di migliorare la situazione per tutti. E' di fare un piacere ai ricchi (che comunque possono pagare e hanno più spazio per muoversi e parcheggiare) o a chi, chissenefrega degli altri, tanto a me l'auto NON serve.

gian ha detto...

Caro anonimo, intanto la metro capillare non c'è e i trasporti pubblici peggiorano costantemente, ma poi secondo te una volta messi in condizione la maggior parte dei residenti del Centro Storico di non potersi più permettere la macchina trattandoli diversamente da tutti gli altri cittadini, il Centro o addirittura Roma sarebbero miracolosamente liberi dal traffico?
Sai quanti sono i permessi ztl dei residenti? 17.000 circa, le altre centinaia di migliaia di automobilisti invece, che sono liberi dopo le 18 di girare per il centro quanto vogliono, parcheggiando dove gli pare, tanto poi se ne vanno e le multe i vigili le fanno a noi che ci abitiamo, non danno nessun fastidio a te e agli altri pseudo ambientalisti? Ma dove vivi?
Basta che estorcano a noi residenti del Centro fino a 2.000 euro (non 0,70 centesimi al giorno ma 2.000 tutti in una volta e se dopo un anno te ne vai i quattro anni che hai già pagato se li tiene il Comune) Roma sarà pulita e libera dal traffico !

Anonimo ha detto...

Attualmente, a Testaccio, non riesco nemmeno ad uscire a piedi, con la carrozzina.
Forse preferirei meno macchine parcheggiate, alla possibilità di parcheggiare gratis.
Eppoi, mi dici perché a Testaccio, devi prendere la macchina per fare la spesa?
Mica siamo all'Olgiata...

Anonimo ha detto...

E se uno volesse provare l'ebrezza di fare la spesa a Prati ?
Prende la metro sottocasa, caricandoci la carrozzina ?

Anonimo ha detto...

che noia con questa carrozina! ma si la carrozina non si puo usare a testaccio perche non ce posto per incrociare la strada!

1. per me sono chiari due punti: costo della ZTL in funzione della dichiarazione di redito.

2. tolleranza zero per chi non rispetta le norme.

gian ha detto...

Non ho capito se ci fate o ci siete.
Una volta eliminate le macchine dei (pochi) residenti dai parcheggi a colpi di 1.000/2.000 euro non vi daranno più fastidio le altre migliaia di macchine che senza pagare un tubo entrano e parcheggiano come vogliono in una Ztl che è un colabrodo e con orari ridicoli?
Per voi il provvedimento più urgente era mazzolare a sangue chi nella Ztl ci ABITA ed ha il diritto di condurre una vita come tutti gli altri cittadini.
O forse voi e il sindaco immaginate i residenti del centro come tanti miliardari che passano le giornate felici a passeggiare con le loro Ferrari sui sampietrini dissestati per le strade sporche del Centro?

Anonimo ha detto...

e comunque la parola "fortuna" con "abitare a Roma" ormai fa ridere.

Anonimo ha detto...

La verità è che quelli che protestano contro gli aumenti della ZTL non propongono nulla in alternativa. Gli va bene così. Vogliono continuare a prendere la macchina per fare 2 km, a parcheggiare in doppia fila e sui marciapiedi e a vivere nella merda loro e i loro figli. A Roma non si vive male. A Roma le persone civili vivono male. Gli incivili e i prepotenti sono nel loro ambiente naturale. Per loro fortuna Roma che è già 30 anni indietro rispetto al resto d'Europa non cambierà neanche questa volta.

gian ha detto...

Caro anonimo, la verità è che quelli che approvano gli aumenti abnormi della tariffa di accesso alla ZTL per i residenti non sono riusciti a spiegare la logica e l'efficacia del provvedimento (lasciamo pure perdere l'equità).
Io abito in centro e non prendo la macchina per fare due chilometri, se mi muovo in centro mi muovo a piedi.
La prendo, come tutti gli altri cittadini dei quali dovrei avere gli stessi diritti, quando devo spostarmi da una parte all'altra della città o andare fuori e così via.
Non sono io che ci vivo che parcheggio "in doppia fila e sui marciapiedi" anche perché i rari vigili sarebbero prontissimi a multarmi, mentre non multano le migliaia di automobilisti che ogni giorno e soprattutto ogni sera arrivano dagli altri quartieri e fanno tutto quello che vogliono sicuri dell'impunità.
Però sono io che devo pagare 1.000/2.000 euro per avere il privilegio di arrivare a casa mia e poi girare per tempi infiniti per cercare un parcheggio che altri che non pagano nulla hanno occupato.

Silver ha detto...

Scusa anonimo, ma per proporre un'alternativa all'aumento assurdo delle tariffe della ZTL per i residenti bisognerebbe capire qual è l'obiettivo che si vuole raggiungere.
Se l'obiettivo è espellere tutti i residenti (tranne milionari e politici) e gli artigiani dal Centro Storico e trasformarlo in un luna park per turisti, liberi di visitare i monumenti e le opere d'arte facendo lo slalom tra ambulanti, camioncini bar, bettole, enoteche, rivenditori di paccottiglia, ecc. allora il provvedimento va benissimo e si muove nella giusta direzione.
Certamente la nostra illuminata Amministrazione penserà anche a qualcos'altro, magari sopprimendo qualche altra linea del trasporto pubblico o rendendo obbligatoria l'occupazione del suolo pubblico a titolo gratuito (non semi gratuito, come oggi) a qualsiasi attività commerciale o pseudo tale.
Cosi' il Centro Storico, finalmente libero dai fastidiosi e lamentosi residenti risorgerà a nuova vita.
Spero, per allora, di essere riuscito ad andarmene da qualche altra parte (magari non in Italia).

Anonimo ha detto...

Sarebbe pensabile di ipotizzare che, siccome i parcheggi a Testaccio sono insufficienti, tutti, anche i residenti, paghino per parcheggiare?
Ipotizziamo, i residenti, 1euro al giorno, i non residenti, 1 euro l'ora.
Con i soldi raccolti si costruisco garage sotterranei, ad esempio nella piazza del mercato, che in questa maniera avrebbero un prezzo "ridotto" rispetto al prezzo di mercato. Ipotizzo 60 euro al mese invece di 120...
Eppoi ultimato un parcheggio se ne costruisce un altro, finché la superficie torna ad essere vibibile.
Il parcheggio di piazza Cavour è bellissimo. Certo costa. Ma meno del taxi...
Sì potrebbe?
Io credo sia giusto che chi occupa un posto in strada, residente oppure no, paghi la comunità per il fastidio che crea.

Anonimo ha detto...

Ma la facciamo finita!
Solo perchè ho dei pacchi, carrozzina e quant'altro posso trasgredire le regole del vivere civile e posteggiare su marciapiedi, strisce pedonali, doppia e tripla fila ecc fottendomene degli altri e dei disagi che posso provocare a chi deve ad esempio solamente attraversare una strada che sia un disabile, una mamma con bambino, un anziano o un normale cittadino!
L'importante è che IO posteggi ed in più il più vicino possibile al luogo dove devo andare.
Sono autorizzato a fare di tutto perchè posteggiare è un mio diritto!! Possedere una automobile è un mio diritto!
Dio me la data guai a chi me la tocca!
E se qualcuno si permette di dire che non ha la macchina oppure ha scelto di muoversi in un'altro modo più rispettoso per gli altri e più economicamente vantaggioso per se stesso viene subito tacciato di essere fortunato o avere chissà quale privilegio!!
E ma tu te lo puoi permettere!!
Ma fatevi un bell'esame di coscienza!
Marco

Anonimo ha detto...

Marco, ma tu hai capito di cosa parla il thread?
Magari prima di intervenire sarebbe utile leggere gli altri post, qui nessuno sta difendendo il parcheggio in doppia fila o altri comportamenti scorretti o illegali.
L'argomento è l'aumento sproporzionato delle tariffe ZTL per i residenti del centro storico.

ShareThis