A Piramide non paga nessuno. Manco per sbaglio. Ma voi non vi siete stufati?

28 gennaio 2013

Aggiornamento Metro Piramide (ingresso lato stazione Ostiense) a distanza di oltre due mesi dalla mia ultima segnalazione.
Sabato 26 gennaio, ore 20.30 circa. Dopo aver percorso il sottopasso che collega la stazione Ostiense alla metro Piramide, ho visto un nutrito gruppo di persone che entrava dalla solita uscita di sicurezza spalancata. Neppure l’ombra di addetti Atac o di vigilanti. A quel punto ho iniziato a riprendere la scena. Vedendo due persone di etnia presumibilmente rom, con un ingombrante pacco rosso al seguito, ho continuato a riprendere pensando malignamente che sarebbero entrati anche loro dal varco di emergenza. Eppure sono stato piacevolmente smentito. I due, pur potendo approfittare della situazione, hanno preferito entrare con il metodo tradizionale, più consolidato, quello del trenino. Nonostante le difficoltà, perché alla signora a cui dovevano accodarsi non funzionava la tessera magnetica, non hanno voluto approfittare di troppa bontà da parte dell’Atac. Nel frattempo si vedono altre due persone che entrano dall’uscita di emergenza. Per la precisione il secondo soggetto che vedete nel filmato aveva la divisa dell’Atac. Neppure la bontà di chiuderla.
A questo punto si apre il dibattito. Vi chiedo il perché quel varco è sempre aperto:
1) C’è una convenzione tra Eataly e Atac?  Chi va a farci la spesa ha un ingresso omaggio in metro. Per pubblicizzare il tutto nelle prossime settimane ci sarà almeno un addetto al varco con una maglietta con la scritta: “li fanno cose buone, qui facciamo quasi schifo”.
2) Si tratta di un happy hour prolungato del trasporto pubblico? Per incentivare l’uso dei mezzi pubblici il sabato sera si entra gratis.
3) Quella non è un uscita di emergenza ma un’entrata di emergenza? Nel percorrere quel sottopasso (visti i personaggi che vi si incontrano, ma questa è un'altra storia) si rischia di arrivare ai tornelli senza più soldi, biglietto o abbonamento per poter entrare.
4) E’ una mossa pre-elettorale? Trasporto pubblico gratuito per tutti. Naturalmente quando funziona.
5) Altro.
Buon proseguimento a tutti.
Giorgio

24 commenti | dì la tua:

Galandil ha detto...

La fermata Cavour è incustodita da mesi, nonostante le reiterate segnalazioni. L'altro giorno l'ennesimo tipo è passato platealmente aprendo il cancello di sicurezza. Quando gli ho fatto notare la sua "superiorità" rispetto alle persone che pagano il biglietto, ha avuto la sfacciataggine di urlarmi contro "LEI NON SA CHI SONO IO".
Stiamo toccando il fondo, servirebbe un'azione di massa, ma la gente (anche chi paga) certo non scenderà mai in piazza per avere i mezzi più efficenti.

Brontolo ha detto...

Dai dai dai, aspetto il commento della prima testina di cazzo che dirà: "eh ma che sfigato che sei, di sabato sera ti metti a fare i video dentro la metropolitana... fatti una vita".

Mongolino d'oro in palio.

Anonimo ha detto...

Baldo degli ubaldi idem.

Anonimo ha detto...

Alla fermata Policlinico 9 volte su 10 la porta d'accesso per i disabili è aperta e ci passano tanti (anche se altrettanti preferiscono timbrare e me ne compiaccio). Ma a differenza di Piramide, mi è capitato di vedere qualche addetto Atac che guardava indifferente i portoghesi.
PS: Scusate l'anonimato, ma dopo lo scherzetto a Tonelli non voglio rogne solo perché scrivo quello che tutti sanno.

Anonimo ha detto...

andate a berlino. si a berlino. trovatemi un tornello o un controllore. siete ancora convinti che il servizio dipende da una porta chiusa o aperta? anche in germania tutti parassiti?

Anonimo ha detto...

Io ho l'abbonamento annuale, ma se trovo il cancello aperto ci passo sempre, per evitare di prendere la tessera dallo zaino che a volte non funziona e si blocca.

Anonimo ha detto...

Concordo, non servono i tornelli, ma i controllori.
A Vienna zero tornelli.


"andate a berlino. si a berlino. trovatemi un tornello o un controllore. siete ancora convinti che il servizio dipende da una porta chiusa o aperta? anche in germania tutti parassiti?"

Anonimo ha detto...

Stranamente tanti che passano senza tibrare hanno caratteristiche fisiche comuni...
Certamente hanno tutti l'abbonamento annuale!

Silvia ha detto...

Anche a Termini non è raro trovare qualche uscita di emergenza aperta o vedere alcuni che scavalcano (sicuramente abbonati annuali che si annoiano ad entrare nel modo più tradizionale). La cosa che fa specie è che il tutto avviene sotto gli occhi di decine di addetti Atac che non ho mai visto molto attivi.
E stamani nuovo blocco della metro B...

Anonimo ha detto...

Per me è la terza opzione ma voglio la maglia della prima!!!

Anonimo ha detto...

http://www.atac.roma.it/page.asp?p=160&r=13901

I pisciaroli avevano probabilmente due a fare da palo, quand'è che la finiremo con le pacche sulle spalle ed inizieremo ad indagare per microcriminalità?

Anonimo ha detto...

anche a praga la stessa cosa di berlino o vienna.
Zero varchi, ma stazioni infinitamente piu' pulite.

A parigi tornelli stile stadio, a londra invece in molte stazioni non c'e' l'addetto(e te credo, sono circa un centinaio!!!)

Anonimo ha detto...

6) Siamo in Italia.

Gianfranco

Anonimo ha detto...

Caro autore del video, oltre a riprendere il tutto potevi anche prenderti la briga di chiudere il cancello. A Piramide non succede spesso (o almeno non quando passo io), però quelle volte che succede, vado sempre a chiuderlo. Tanto non dicono nulla a chi passa, dovrebbero dire qualcosa a me?

Romacapoccia ha detto...

Semo romani, nun dovemo pagà

Giorgio ha detto...

Caro anonimo delle 4:47 PM, il cancello l'ho chiuso ma non ho ripreso il momento, cosa che ho invece fatto nel video postato due mesi fa.
Purtroppo quando passo io a Piramide (come ho scritto lato stazione Ostiense) non trovo mai nessuno e spesso l'uscita di emergenza è aperta.

Anonimo ha detto...

siamo italiani, quindi l'onestà è un'utopia!
servirebbero tornelli in entrata e in uscita, altrochè!

Anonimo ha detto...

io mi sn stufato di aspettare una metro per 15-20 min in un ambiente sporco e senza indicazioni. poi la sbarra il varco il tornello il gabbiotto il personale la macchinetta che ti mangia i soldi e tutto il resto sono solo uno squallido contorno ad un servizio di trasporto pubblico da quarto mondo.

Anonimo ha detto...

Ma invece di mettere foto e filmati sparando accuse a casaccio, perchè non vi informate del motivo per cui la metro versa in queste condizioni? perchè invece di riprendere non fermate uno del personale e gli chiedete quali sono le condizioni in cui lavorano,in che modo l'azienda gestisce le assunzioni, che tipo di turni vengono assegnati... scoprireste una serie di cosette che ancor prima di recare danno agli utenti del servizio pubblico, recano enorme danno ai dipendenti stessi, impossibilitati, da anni, a svolgere il loro lavoro in maniera consone per mancanze strutturali assolutamente inaccettabile. Le mele marce ci sono in ogni categoria, ma sparare sul gruppone è facile, approfondire invece è per persone intelligenti che vogliono REALMENTE cambiare le cose.

Anonimo ha detto...

Caro anonimo 7:43 PM noi utenti come facciamo ad informarci se nessun dipendente decide di vuotare il sacco?
Basterebbe un dipendente col coraggio di denunciare tutto, ma c'è qualcuno disposto a farlo?

Anonimo ha detto...

Vogliamo parlare di dipendenti ATAC???!!poverini proprio, maltrattati!!!ma se l'ATAC ha più dipendenti di tutta la rete di trasporti di NY??? generalmente si avvistano anche 3-4 persone con il macchinista, a fare che?
e nessuno in giro per i vagoni dove dovrebbero controllare....lasciamo perdere direi...

Anonimo ha detto...

Le denuncie sono state fatte da tempo, la carenza di assunzioni nei settori di movimento e la conseguente condizione lavorativa sono due dei motivi delle proteste e degli scioperi che però la maggior parte dell'utenza vive solo come un ostacolo alla loro routine. Il sacco è stato vuotato, basterebbe che qualcuno ascolti chi lo svuota. Per quanto riguarda le accuse generiche sui dipendenti ATAC, ripeto che sarebbe meglio informarsi prima di parlare a casaccio. Chi si trova col macchinista si sposta per motivi di servizio, non c'è nessuna figura ATAC addetta al controllo nei vagoni... la maggior parte delle carenze del servizio pubblico locale è di responsabilità di una gestione totalmente scellerata. Ma il frontline sono i poveracci che guadagnano il minimo salariale, con i quali è facile prendersela...

Anonimo ha detto...

Altro che mezzi più efficienti (che tra l'altro si scrive con la i), ATAC si merita che la gente passi dalle uscite di emergenza e pure si merita la gente che salta i tornelli. Io vivo a Brescia, gli autobus funzionano benissimo e spesso sono in orario e sono felice di pagare il biglietto. Quando vivevo a Roma ATAC mi offriva continui disservizi, ritardi, autobus soppressi e non certo per colpa di chi non paga il biglietto: semmai il problema è che i nostri soldi andavano a finire nelle tasche sbagliate, considerando gli ultimi scandali, o peggio, per comprare sedi all'EUR a prezzi proibitivi. E non mi si venga a dire che è colpa del fatto che Roma è una grande città perché a Milano, Londra, Parigi, il servizio funziona benissimo. Per quanto mi riguarda, dovrebbero diventare tutti portoghesi.

Francesca

Egittologo ha detto...

Nella stazione di Piramide verso Ostiense FS , ora ogni tanto dopo le 8 ci sono quelli dei biglietti sugli sgabelletti e il nonno in pensione con il cappelletto della prima Guerra Mondiale una volta c'èra il capo stazione nel gabbiotto e la Guardia Giurata , ma dopo i tagli ci toccano gli autisti riciclati ai biglietti e invece della sicurezza (vera come una volta ) i volontari in pensione, così la sicurezza la percepiamo come il caldo d'estate che ti squagli ma ti dicono che è fresco .
Il cancelletto va chiuso me non è che se trovo la porta di casa tua aperta sono autorizzato ad entrare ha ha .

ShareThis