Sorpresa: a Roma c'è un eccesso di senso civico! Zerocalcare prepara per domani un fumetto per prendere per i fondelli chi vuole una Romamigliore

9 maggio 2015

Partiamo dal presupposto che avere dedicato un albo di fumetti di Zerocalcare, uno dei fumettisti più cazzuti del pianeta terra, non è roba da poco. Sono vette a cui pochi possono assurgere e sono momenti di popolarità che mai ci saremmo sognati. Tanto più che l'albo di Zerocalcare dedicato a noi e a chi come noi non ne può più di vivere nella città dell'illegalità, della violenza e del sopruso uscirà – domani – su Repubblica, con la visibilità della cronaca nazionale. Un ulteriore tassello per squalificare, mettere in cattiva luce, infangare l'impegno civile di tanti cittadini che chiedono, semplicemente, di vivere in un posto che abbia raffronti con il resto dell'occidente evoluto. 

Ora si è capito, insomma, il motivo per cui il geniale vignettista nelle settimane passate si era prodotto in altrettanto geniali uscite (roba di alto lignaggio intellettuale tipo qui, quando spiegava con lo stesso tono con cui lo avrebbe fatto un liceale di 16 anni il perché della manifestazione contro Salvini di febbraio scorso) contro il nostro impegno civico addirittura arrivando a paragonarci a Mafia Capitale, ovvero il grumo di malaffare e interessi economici che proprio noi avevamo individuato e raccontato mesi se non anni prima della magistratura stessa.

Ora tutto questo diventerà fumetto. Lo anticipa l'artista stesso (continuando, come fa sistematicamente, a dividere il mondo in “amichetti miei” e quelli che amici suoi non sono, in perfetto italian style) sul suo blog e ne dà notizia il quotidiano di Largo Fochetti introducendo in questo articolo un po' i contenuti che questa storia di sei pagine riporterà...

La tiritera sarà sempre la stessa: secondo questo commando di fini pensatori Roma (e l'Italia) stanno bene così come stanno. Qualsiasi cambiamento non è accettabile, ogni modello è peggiore: voi non ve ne siete accorti ma qui si vive benone. Ogni richiesta di ripristino della legalità, in un oceano di illegalità dove vincono solo i più prepotenti, i più ricchi e i più furbi, è sinonimo di ingiustizia, privazione dei diritti (guai a parlare di doveri) e addirittura fascismo. Loro non sopportano l'autorità (ad esempio detestano le forze dell'ordine, quelle che combattono in cambio di 1200€ al mese per applicare la legge contro i fuorilegge) loro sono, per stare alla vita vissuta, il motivo per cui tanti anni fa quando entrava il controllore sull'autobus la gente aveva paura e portava rispetto e oggi, invece, ogni santo controllore viene preso a pizze e massacrato di cazzotti fin dall'ultimo dei passeggeri privi di biglietto. 

Per loro il male è il controllore, non l'utente in cattiva fede e evasore che lo corca di botte come succede ogni tre per due. Chiedere che si paghi il biglietto dell'autobus, chiedere che non si sporchino i muri, chiedere che scompaia l'abusivismo e che le persone abbiano una assistenza dignitosa e che non vengano lasciate accamparsi in strada per loro è "stravolgere il senso civico". Secondo loro vedere una persona che vive in una baracca e denunciare la situazione non è un atto a sostegno di quella persona, affinché abbia una assistenza dignitosa, è al contrario una forma di razzismo.

Queste persone, che non sono tante ma sono influenti e ottengono per i loro temi sei pagine del più sfogliato quotidiano nazionale (sei pagine che nom ci verranno mai offerte per rispondere ad armi pari), sono al loro agio esclusivamente nell'omertà.

Secondo loro, lo spiega bene Repubblica introducendo la storia che verrà pubblicata domani, a Roma (il fumetto ha pretese nazionali, ma si riferisce a Roma e nello specifico si riferisce ai movimenti civici che a Roma stanno aprendo gli occhi alle persone sul tema), c'è un eccesso di senso civico. Avete sempre pensato che il problema di questa città fosse un senso civico o pari a zero o addirittura sotto zero? Niente. Avete sbagliato tutto. A Roma c'è troppo senso civico. Tutti pensano ossessivamente a come mantenere la città in ordine. Il romano medio non ha altra preoccupazione del decoro degli spazi pubblici. Addirittura c'è un senso civico esasperato. Rendiamoci conto del livello di follia o di cattiva fede o di entrambe le cose messe assieme che sta dietro questa deduzione.

In realtà poi tutti, forse, vogliamo la stessa cosa: ovvero che le persone in difficoltà abbiano una vita migliore e un riscatto e che le distanze tra ricchi e poveri si riducano. Alcuni, come noi, pensano che questo miglioramento delle condizioni di vita possa avvenire solo se tutti rispettiamo le norme (e se nel contempo le norme migliorano), altri pensano invece che le norme siano il nemico e che le persone in difficoltà - comprese quelle che fingono di esserlo, che sono una bella percentuale - abbiano il diritto a violare le norme e che, oltretutto, non si possa loro dire nulla ne torcere un capello.
La storia dell'emergenza abitativa a Roma è emblematica in questo senso. L'emergenza in realtà non esiste. E' una invenzione su cui la stampa rimesta (la stessa stampa che poi ospita fumetti), una invenzione che scomparirebbe se solo chi occupa case senza averne diritto lasciasse queste case a chi ne ha realmente bisogno. Questo basterebbe e avanzerebbe per scegliere se schierarsi per la legalità o per l'abusivismo.

E invece niente: da Zerocalcare e da parte di tutta la cultura che da anni chiamiamo "romanara" c'è solo paura di cambiare. Anche se il cambiamento potrebbe portare a compiersi ciò che loro richiedono (una assistenza e una cura maggiore e migliore per gli ultimi e i più deboli), tanto da farti pensare - è legittimo - che in realtà dei disagiati veri non gliene freghi poi più di tanto. Gli frega, come Zerocalcare e non solo lui va ripetendo ad ogni spron battuto, dei suoi... amici e del loro benessere. Addirittura, leggete, se i suoi amici fanno reati gli secca che qualcuno invochi una giusta pena. E' l'Italia degli amici e degli amici degli amici che non vuole mollare la presa, non vuole il cambiamento sia per questioni di paura sia per questioni di interesse.

"Come sarebbe la città immaginata dai siti internet le quotidiane situazioni di degrado?" si chiede Zerocalcare e scrive sei pagine per rispondere. Ma la risposta non necessitava di una storia, la risposta la si ottiene sufficientemente uscendo da Roma. Le persone che hanno individuato nel degrado il grande business delle mafie e dei racket e la grande colpa della cattiva politica,  immaginano una città semplicemente come quelle che esistono nel resto d'Europa. Banalità più totale. Non occorrono elucubrazioni in forma di fumetto: basterebbe viaggiare. Certo è difficile per chi dichiara di farsi venire "le bolle" (loro parlano così) stando più di un tot di giorni lontano dal quartiere di Rebibbia. E' chiaro che chi si è abituato a vivere nella città più ferocemente volgare, violenta, fascista, aggressiva, cocainizzata e malata d'occidente, chi si è assuefatto alla prepotenza e si è ricavato il proprio spazietto nel luogo dove si esprime in questo momento storico la peggiore e la più deteriore cittadinanza d'Europa, è spaventato dal cambiamento. Ma gli esiti della nostra battaglia non abbisognano di interpreti perché noi si vuole semplicemente una città che sia paragonabile alle altre città europee. È una battaglia di una semplicità estrema.

Prendere per i fondelli noi, sbeffeggiare il lavoro di altri siti, perculare i volontari di Retake Roma insistendo nel dire che i probbblemi so artri o facendo passare per eccessi, fissazioni o fascismo ciò che è la norma in tutto il mondo, ci serve solo per spronarci a continuare quello che stiamo facendo: mettere in grave difficoltà chi per interesse o per pigrizia si è assuefatto a vivere nello sterco in cui siamo immersi. A vivere in una condizione ambientale che non sarebbe accettabile e accettata da nessuna parte del mondo civile e evoluto. 

Negare questa realtà, più che dannoso sta diventando ridicolo. E non è neppure originale e inedito: in Italia una fetta di cittadinanza che negava i problemi prendendo per il bavero chi li affrontava c'è sempre stata. Come c'è sempre stato chi sosteneva e sostiene che a Palermo non c'è Cosa Nostra, che in Campania non c'è la Camorra e che chi ne parlava infangava l'onorabilità dei territori. Come c'è e c'è sempre stato chi a Roma nega l'esistenza di una Mafia Capitale che vive e prospera grazie alla città della tolleranza, dell'accoglienza interessata e del degrado diffuso che sempre più cittadini stanno imparando a riconoscere, mentre altri cittadini la negano, facendo di tutto - fumetti compresi - per restare nelle condizioni imbarazzanti e atroci che hanno ridotto Roma al luogo più terribile d'Europa dove vivere se sei una persona onesta. 

Continuate pure a attaccarci, a inventarvi cose sul nostro conto, a sbeffeggiarci sugli stessi giornali che sono complici delle mafie: significa solo che il nostro lavoro e la nostra attività di sensibilizzazione sta avendo un successo superiore alle più rosee aspettative. Significa solo che la quantità di persone a cui stiamo aprendo gli occhi inizia a farvi davvero paura e rischia davvero di cambiare i connotati a questo posto terrificante in cui pretendete che facciamo crescere i nostri figli. In questo posto dove vincono i violenti, i furbi, i dritti, gli svelti, i cazzari, gli abusivi, i coatti, i prepotenti, i pressappochisti, i raccomandati e gli amici degli amici e dove perde l'onestà, il rispetto, il merito, l'impegno, il sacrificio e la qualità. Se reagite con storie a fumetti su Repubblica e con inchieste di stampo camorristico è il segnale che le cose stanno iniziando a cambiare e sarà inarrestabile: che lo vogliate o no Roma diverrà un luogo comparabile al resto d'Europa, vi adeguerete...

99 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

"uno dei fumettisti più cazzuti del pianeta terra"....

Spero proprio foste ironici qui. A me Zerocalcare qualche risata l'ha pure strappata, ma come fumettista stiamo a livelli a dir poco dilettanteschi, e se è questo il massimo dei talenti che offre la nostra Italia oggi, allora dico, povera Italia!
A Rfs vorrei dire: ma che te ne importa di Zerocalcare? Si sa benissimo quale siano le sue idee politiche e i suoi trascorsi, lascia correre.

Franz ha detto...

Sono sempre 8:28: Più che un fumettista, Zerocalcare è un fumettaro. Mi rifiuto di pensare che l' "un-tempo-dignitoso" quotidiano come la Repubblica pubblichi le sue storie. Una volta avevamo Jacovitti, Magnus e Sergio Toppi, oggi Zerocalcare. Altra spia del declino che ci travolge...

Anonimo ha detto...

l'ho sentito ieri in un'intervista alla radio, si capisce che è un ragazzetto, un bravo ragazzetto, purtroppo ha la testa piena di melma, come il 90% dei nostri concittadini. un'ideologia trita, ridicola e vecchia che non vorresti più sentire soprattutto dai giovani, quelli più in difficoltà, che ti aspetti che reagiscano con forza, coraggio e intelligenza, e invece questi ti sparano la solita retorica, noiosa, fuori dal mondo, che capisci subito perché stanno messi come stanno, non sono intelligenti, neanche furbi, sono senza speranze, senza vita. non li devono più mandare nelle scuole italiane, devono metterli su un volo e spedirli nella civiltà per qualche anno.

Anonimo ha detto...

Ieri nell'argomento precedente al presente e' apparso ( in tarda serata ) un commento ( secondo me scritto da RFS ) che domenica uscira' un fumetto di Zerocalcare che attacchera' la linea di Tonelli e oggi appare l'articolo di contoattacco su questo blog.
Davvero molto strano!
La mia interpretazione: il Tonelli nel suo ambiente gio r na listino ha saputo del fumetto e ieri sera in anonimato ha commentato per emanare il preallarme preparando di conseguenza gia' l'articolo, di oggi, per il contrattacco e oggi spera che gli diamo una mano nell'appoggiare le sue frustrazioni e anche se noi non lo faremo lui e i suoi 4/5 admin di supporto inseriranno un po' di commenti falsi.
Tonelli così non va bene, Roma non vuole ne te e ne I tuoi 4/5 supporter ormai e' l'ora che buttate la spugna perche' per voi e' finita la farsa.

Anonimo ha detto...

@anonimo 9:27 (che poi è il solito troll ossessionato da Tonelli)


Hai ragione, proprio come la Napoli della camorra non vuole Saviano. Li conosciamo questi meccanismi.

Anonimo ha detto...

Ieri nell'argomento precedente al presente e' apparso ( in tarda serata ) un commento ( secondo me scritto da RFS ) che domenica uscira' un fumetto di Zerocalcare che attacchera' la linea di Tonelli e oggi appare l'articolo di contoattacco su questo blog.
Davvero molto strano!
La mia interpretazione: il Tonelli nel suo ambiente giornalistico ha saputo del fumetto e ieri sera in anonimato ha commentato per emanare il preallarme preparando di conseguenza gia' l'articolo, di oggi, per il contrattacco e oggi spera che gli diamo una mano nell'appoggiare le sue frustrazioni e anche se noi non lo faremo lui e i suoi 4/5 admin di supporto inseriranno un po' di commenti falsi.
Tonelli così non va bene, Roma non vuole ne te e ne I tuoi 4/5 supporter ormai e' l'ora che buttate la spugna perche' per voi e' finita la farsa.

Anonimo ha detto...

Siamo passati dal dossierino sgrammaticato sul sitarello militante a 6 pagine di attacco frontale su Repubblica.

Complimenti Tonelli, se continui così entro un mese partono i bombardamenti NATO sulla sede di RFS.

Comunque, 6 pagine sul quotidiano più diffuso in Italia almeno ci fanno capire, al di là dei contenuti che il prode zerocalcare sarà in grado di proporre con la sua maestrìa artistica, chi è che dirige le fila di questi "movimenti", chi è che ne guadagna, e soprattutto il giro di affari che c'è dietro.

Anonimo ha detto...

Esponente di quel buonismo piacione tipico di italici pseudoartisti di terza categoria....

Anonimo ha detto...

Secondo me ve state un po' a monta' la testa. Se zero fa una cosa su Roma, su come la vede lui, non vuol dire che la faccia pensando a voi... E daje...

Anonimo ha detto...

Ciao anonimo 9.34 am, ieri nell'argomento precedente ( ultimo commento della giornata di ieri ) qualcuno ti aveva risposto prima che tu scrivessi oggi.
Aveva scritto:
11.35 pm - 11.14 pm x 2 ( stesso commento da postazioni diverse ) - 10.38 pm = stessa persona,
provocazione spicciola e fantasiosa anche se un odore nausentante e' abbastanza evidente.
Nei vari commenti il comun commentatore fa intravedere anche il desiderio, sottolineato anche in altre occasioni, di far passare vittima l'amministratore di questo blog nonostante sia palese che nessuno ha mai commentato da dar adito ad azioni fantasiose come proclamate e desiderate ( per fare notizia ) da anonimo 11.35 PM.
Evidente che i commenti pro rfs sono esposti in modalita' anonima o con psdeunomia falsificata sempre costantemente dall'amministrare del blog e dai suoi 4/5 admin di supporto.
La registrazione con dati personali veri chiarirebbe tanti dubbi su quale possa essere la realta' e verita' di questo blog ma perche' non viene attuata?

Anonimo ha detto...

Zecche del caxx gli piace continuare a sguazzare nella merda e nel degrado perché da li ne traggono profitto

Fabrizio ha detto...

Non posso certo dire che Zerocalcare mi stia particolarmente simpatico (è il classico ragazzetto da centro sociale, niente di più), ma continuo a pensare che voi, quando parlate di legalità e soluzioni semplici fate i conti senza l'oste: in Italia molta gente ha paura delle istituzioni, o comunque nessuna fiducia in esse, come può pensare di affidarcisi per cambiare la propria città?
Un ragazzo che è finito, magari senza colpe, dalla parte sbagliata di una carica della polizia, come può credere in quella stessa polizia quando si tratta di rimettere in piedi la città? Come può credere che i politici che l'hanno lasciata allo sbando abbiano interesse a farla tornare una grande città?
E voi, dall'altra parte, quando dite che "sarebbe semplice risolvere i problemi", che è un attacco che vi lanciano perché avete troppo successo, che Repubblica e Zerocalcare stanno dalla parte di Mafia Capitale, fate la figura del Grillini che credono di avere la verità in tasca, e rischiate di fare la stessa fine di Di Pietro.
La gente ha paura di cambiare, la nostra città come qualsiasi altra cosa, ma volerla cambiare significa anche fare i conti con questo: Se la volete cambiare davvero (e lo volete, non ho dubbi su questo) cambiate tono quando si parla non di criminali come Carminati o Caltagirone, ma di gente che vorrebbe vivere in una città migliore ma non crede che la vostra ricetta sia quella giusta, perché è collaborando con queste persone che le cose si cambiano davvero.
Spero non me ne vogliate per questo commento, sono un vostro fan, ma alle volte penso anch'io che il vostro tono sia inutilmente forte, e finisce per farvi risultare antipatici

Luca ha detto...

"Uno dei fumettisti più cazzuti del pianeta terra" poi chiudo gli occhi e penso a Moebus, Richard Corben, Segrelles, Gmenez, solo per citarne un paio, e tutto rientra nell'ordine delle cose...

Rolando ha detto...

Ma non sarebbe meglio evitare tutta questa pubblicità gratuita sopratutto supponendo che le vignette in questione parlino di RfS?
Casomai bisognerebbe affrontare l'argomento DOPO la pubblicazione.

mimmo ha detto...

Complimenti a Zerocalcare. Mi chiedo solo come possa conciliare il suo antagonismo e l'essere oramai un membro onorario del circolo "bene" di Repubblica, il peggio del peggio del radical-chic-tuteliamo-lo-status-quo-mentre-facciamo-credere-che-teniamo-agli-altri. Però, ha ragione, il nemico sono io che vorrei solo portare mio figlio in passeggino con la tranquillità di fare una passeggiata e non vivere in un perenne percorso ad ostacoli tra auto parcheggiare ovunque, strisce perdonali inesistenti, automobilisti che ti insultano, bancarelle che bloccano ogni transito...

Anonimo ha detto...

Ma chi sono i 4/5 admin anonimi di supporto a RFS che non hanno le balle di firmarsi?
Sempre peggio, ogni giorno se ne scopre una certa nuova.

Anonimo ha detto...

Complimenti a Fabrizio. Da troll di classe quale è ha saputo scrivere un commento che sembra bonario e accondiscendente e invece butta un sacco di merda (tipo dire che RFS ha paragonato Repubblica a Mafia Capitale).

Ce ne fossero di troll come te, invece di quel mentecatto che bazzica qui tutti i giorni!

In ogni caso sei stato sgamato, quindi sei un troll fallito come lui. Magari qualche tuo compagno saprà fare meglio di te, anche se, visto il livello di chi esce sui giornali, non credo sia il caso.


Anonimo ha detto...

Il ragazzo è confuso, ha fatto i soldi e deve però rendere alla realtà alternativa che lo ha supportato sino alla suo successo. Questo è un tentativo di dire: ehi! amici, compagni! sono ancora dei vostri! Anche io disprezzo RFS!

Anonimo ha detto...

Caxxo i 4/5 admin di RfS oltre al lavaggio de balle ar Tonelli se so scatenati.
Buon lavoro!

Anonimo ha detto...

Daje admin che stasera RFS ve porta a magna' a pizza, tutto gratis tanto ce sta er Gamberone Rossastro che paga.

Anonimo ha detto...

La cosa più incredibile della vicenda è l'introduzione che di qs vignettista dava Repubblica sul suo sito ieri. Si trattava di un panegirico evidentemente scritto da lui stesso o dalla sua cerchia su cui quelli di Repubblica probabilmente non hanno fatto il minimo controllo . Sembrava di leggere una descrizione di Umberto Eco... invece parliamo di Zerocalcare. Pazzesco.

Anonimo ha detto...

Tutti si preoccupano del contenuto del fumetto. Ma questa è la cosa meno importante, già sappiamo cosa pensa zerocalcare di RFS, Retake ecc.

La cosa più importante è che qualcuno ha deciso che sia il momento di andare contro i blog civici e ha deciso di dare 6 pagine di spazio a questo tizio. Vi rendete conto di quanto danno stia facendo RFS alle mafie capitoline se i salotti buoni cominciano a attaccare? Vi rendete conto quanto mangiano questi signori su "accoglienza", "problema casa", "gestione campi rom" se si possono permettere 6 pagine su Repubblica?

A RFS posso solo dire che ora arriveranno i "nemici dei nemici" a offrirvi interessato aiuto. Sfanculateli come avete sempre fatto, le vostre risposte potete benissimo scriverle su questo sito.

Anonimo ha detto...

Mai viste risposte di RFS nei commenti!
Raga siete fumati.

Daniele Brancato ha detto...

Che bravi avete tutti letto l'anteprima del fumetto di ZC :D come avete fatto? Ma poi un fumettista non è libero di realizzare qualche tavola sulla città in cui è cresciuto? La matrice di queste vostre critiche "a priori" si sgama subito, i lettori non sono mica stupidi.

Anonimo ha detto...

Eccolo, è arrivato il genio Daniele Brancato!

"Ahòòòò ma si nun sapete che ce sta scritto come fate a critica'??"

Ci vuole tanto a capire quale sarà il tono del fumetto? Ci vuole tanto a capire che il problema non è il contenuto del fumetto, ma il fatto che qualcuno glielo faccia scrivere perché SAPENDO BENISSIMO cosa ne pensa zerocalcare di RFS, vuole portare un attacco mediatico al mondo dei blog civici?

Ma se qualcuno ti offre un piatto di merda, lo rifiuti subito o dici "Ahòòò ma si nun l'assaggi comme fai a ddi che nu è bbonaa?"

Comunque sono le 11 passate, fra un paio di orette si svegliano i kompagni di "zetaccì" e allora sai la merda qua sopra?

Anonimo ha detto...

Zerocalcare ha tanti soldi. Se ne frega se noi poveri a Roma dobbiamo subire mille soprusi a causa dell'inciviltà e della mancanza di regole.

Anonimo ha detto...

Tutta la redazione RFS contro Repubblica, non potete sono colleghi.
Fabrizio ( chi sarà? ) ha introdotto in loft l'attacco a Repubblica per poi fare arrivare la squadriglia admin di RFS.
Sicuri che RFS da fastidio? dopo 7 anni si regge solo su commenti, nel blog, di gente fantasma ( forse RFS stesso e i 4/5 admin ) che poi su facebook non scrive altrimenti potrebbero far scoprire la falla.
Zerocalcare vi dà proprio fastidio, nonostante che probabilmente lui scriva senza filarvi minimamente, vabbe' ma voi siete sempre alla ricerca del grottesco misterioso.
Buona caccia ai fantasmi che sono tutti contro di voi.

Anonimo ha detto...

11.32 AM, anche RFS informati.

Anonimo ha detto...

Grande DANIELE BRANCATO.
Luca

Anonimo ha detto...

Ma infatti è inutile sprecare tanto inchiostro per Zerocalcare. Lo state considerando come se fosse qualcosa di più che un modesto vignettista che ogni tanto fa un po' ridere. A volte proprio non ti capisco Rfs, se abbaia un cane, ti metti ad abbaiare contro di lui?

Anonimo ha detto...

TROLL ora però hai rotto il cazzo.
Spero tu muoia prestissimo.

Luca

Anonimo ha detto...

niente oramai sto sito è pieno di troll pro rfs, non si riesce più a commentare.

Daniele Brancato ha detto...

ahahah agli Anonimi che fanno i leoni da tastiera senza metterci la faccia non rispondo mi spiace xD dico solo che avete sbagliato dialetto, non sono romano.

Aggiungo soltanto che spero davvero l'abbiate letto in anteprima... perché se le tavole di domani esprimeranno la personale visione di un ragazzo che in 30 anni si sarà pure fatta un'idea del luogo in cui vive senza fare attacchi diretti beh... sai la figuraccia! Ma anche se vi fossero attacchi diretti, ha il diritto di farli come voi di rispondere e difendervi. È questo vostro giocare d'anticipo sulla base di rumors che denota poca serietà, soprattutto per un blog.

Anonimo ha detto...

NOOOOOOO "LEONE DA TASTIERA" NOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!1!!!

Ciao Daniele Brancato sono Garibaldi Giuseppe. Ora che hai le mie generalità ecco la mia risposta.

Purtroppo credo tu sia un ragazzetto abbastanza giovane (xD xD iccsddì, manga manga) e hai le capacità di comprensione rovinate dalla scuola italiana, come migliaia di tuoi coetanei.

Il problema sollevato in questo post non è il contenuto del fumetto (che è IRRILEVANTE, già sappiamo cosa ne pensi zetaccì dei blog civici non allineati ai movimenti). Il problema è che gli si dia spazio sul più diffuso giornale nazionale. Questo vuol dire che chi pubblica il giornale vuole mandare un messaggio, e lo manda attraverso il fumetto.

Perché le 6 pagine sono state dedicate a lui e non invece a qualsiasi altro fumettista? Perché l'argomento scelto è proprio questo e non uno degli altri mille argomenti possibili? Ti sembrano domande irrilevanti? Se ti dicessi "domani esce un calendario dedicato al Duce sul Maifesto" tu ti porresti qualche domanda su come sia possibile o diresti "ahòòòò ma si nun l'avete letto er calendario come fate a giudicà??" (e sì, ho capito che non sei romano ma continua a non fregarmene un cazzo).

PS: se devi rispondere un'altra stronzata tipo "agli anonimi non rispondo", fai il favore, taci.

Anonimo ha detto...

Ma mi rendo conto solo io che "zerocalcare" è un coglione? Ridicolo nel nome, nello pseudo romanesco, anzi, rumenesco, disarticolato che usa, in ogni dfichiarazione che pronuncia?
La sinistra funziona così: sei abbastanza prono al sistema di nostri interessi? Ottimo: avrai tutto quello che chiedi, e supporto indiscriminato fino al delirio.
Ecco perché il cinema italiano è pieno di attori che non sanno recitare, il giornalismo italiano è pieno di deficienti che non sanno scrivere, ed ecco perché un soggettone del genere viene pompato dai quotidiani nazionali contro ogni evidenza.
L'importante è che all'occorrenza questo patetico servame aggredisca rabbiosamente chi dà fastidio alla sinistra: basti vedere gli insulti che uno di questi pirla si è permesso di indirizzare al poliziotto della Diaz sospeso per un post discorde su facebook.
Ma tu chi sì, bisognerebbe dire a questi fustigatori di costumi da strapazzo.
Zerocalcare (si può chiamare col nome di battesimo?) ignoratelo, altrimenti la sinistra si convince di essere riuscita a conferire davvero un peso socio-culturale all'ennesimo miracolato dell'assistenza sociale comunista.

Anonimo ha detto...

Ma mi rendo conto solo io che "zerocalcare" è un coglione? Ridicolo nel nome, nello pseudo romanesco, anzi, rumenesco, disarticolato che usa, in ogni dichiarazione che pronuncia?
La sinistra funziona così: sei abbastanza prono al sistema di nostri interessi? Ottimo: avrai tutto quello che chiedi, e supporto indiscriminato fino al delirio.
Ecco perché il cinema italiano è pieno di attori che non sanno recitare, il giornalismo italiano pieno di deficienti che non sanno scrivere, ed ecco perché un soggettone del genere viene pompato dai quotidiani nazionali contro ogni evidenza.
L'importante è che all'occorrenza questo patetico servame aggredisca rabbiosamente chi dà fastidio alla sinistra: basti vedere gli insulti che uno di questi pirla si è permesso di indirizzare al poliziotto della Diaz sospeso per un post discorde su facebook.
Ma tu chi sì, bisognerebbe dire a questi fustigatori di costumi da strapazzo.
Zerocalcare (si può chiamare col nome di battesimo per favore?) ignoratelo, altrimenti la sinistra si convince di essere riuscita a conferire davvero un peso socio-culturale all'ennesimo miracolato dell'assistenza sociale comunista.

Anonimo ha detto...

oh sia mai che non escono i soliti 4-5 commenti anonimi a favore di rfs appena qualcuno osa criticare...

Anonimo ha detto...

Garibaldi, quindi ora non ti/vi interessa il degrado di Roma ma anche quello delle testate giornalistiche?
Allora non dovrebbe essere questo blog ad occuparsene, qui si parla di Roma anche se poi quando vi fa comodo parlate di altro come state facendo negli ultimi mesi.
Vogliamo parlare delle testate per ricchi: Gambero Rosso o Artribune? Quelle forse vi vanno bene perche' sono vostre!
Senza leggere avete attaccato Zerocalcare, siete i soliti cercatori di male che sara' sicuramente dentro di voi in primis e per tale motivo lo vedete in tutto.
Vergognatevi siete la vergogna di Roma e dei romani.

Anonimo ha detto...

Quanto a Daniele Brancato, caro Daniele Brancato, tu sei solo uno dei tanti che invece di avere una vita vera esalta il proprio protagonismo on line. Siccome ripeti a vanvera i diktat padronali, ti conviene metterci il nome perché sia chiaro quanto sei ligio agli ordini. Non stai andando a liberare un villaggio occupato dai jihadisti, non salvi fancille aggredite da seviziatori bulgari, non sei un Giudice anti-mafia: sei semplicemente uno degli infiniti chiacchieroni sul web, laddove non si rischia proprio niente, e ti faccio notare che mettere il nome sotto una sequela di scemenze è segno di mancanza di dignità, scrivere argomentazioni sensate senza dover fare l'esibizione del proprio facebook è da adulti.
Però, certo, tu sei libero di continuare a vantarti con tanto di firma dei tuoi attacchi isterici senza capo né coda. Stacci bene.

Anonimo ha detto...

Quanto a Daniele Brancato, caro Daniele Brancato, tu sei solo uno dei tanti che invece di avere una vita vera esalta il proprio protagonismo on line. Siccome ripeti a vanvera i diktat padronali, ti conviene metterci il nome perché sia chiaro quanto sei ligio agli ordini. Non stai andando a liberare un villaggio occupato dai jihadisti, non salvi fanciulle aggredite da seviziatori bulgari, non sei un Giudice anti-mafia: sei semplicemente uno degli infiniti chiacchieroni sul web, laddove non si rischia proprio niente, e ti faccio notare che mettere il nome sotto una sequela di scemenze è segno di mancanza di dignità, scrivere argomentazioni sensate senza dover fare l'esibizione del proprio facebook è da adulti.
Però, certo, tu sei libero di continuare a vantarti con tanto di firma dei tuoi attacchi isterici senza capo né coda. Stacci bene.

Anonimo ha detto...

e quando sei anonimo sei un troll e quando ti firmi sei un malato di protagonismo, non ve va bene un cazzo insomma...

Anonimo ha detto...

Ma mi rendo conto solo io che "zerocalcare" è un coglione? Ridicolo nel nome, nello pseudo romanesco, anzi, rumenesco, disarticolato che usa, in ogni dichiarazione che pronuncia?
La sinistra funziona così: sei abbastanza prono al sistema di nostri interessi? Ottimo: avrai tutto quello che chiedi, e supporto indiscriminato fino al delirio.
Ecco perché il cinema italiano è pieno di attori che non sanno recitare, il giornalismo italiano pieno di deficienti che non sanno scrivere, ed ecco perché un soggettone del genere viene pompato dai quotidiani nazionali contro ogni evidenza.
L'importante è che all'occorrenza questo patetico servame aggredisca rabbiosamente chi dà fastidio alla sinistra: basti vedere gli insulti che uno di questi pirla si è permesso di indirizzare al poliziotto della Diaz sospeso per un post discorde su facebook.
Ma tu chi sì, bisognerebbe dire a questi fustigatori di costumi da strapazzo.
Zerocalcare (si può chiamare col nome di battesimo per favore?) ignoratelo, altrimenti la sinistra si convince di essere riuscita a conferire davvero un peso socio-culturale all'ennesimo miracolato dell'assistenza sociale comunista.

Anonimo ha detto...

s'e' incantato il troll.

Anonimo ha detto...

Poi, ricordatevi che la sinistra sta continuando a incitare l'affluenza di tutti gli immigrati e rom che il resto del mondo respinge, perché, guarda caso, stanno andando a riempire le cooperative che ci mangiano a sbafo, in primis, tò, la ERICHES 2000 DI SALVATORE BUZZI. E, ma vedi, la verifica di infiltrazioni (per essere ottimisti) mafiose riguarda sia le cooperative, sia la metro C, sia i campi nomadi, sia i centri sociali, ossia...il mondo della sinistra, che si erge a rappresentante dell'iper uranio del bene e invece è fatto di disordine clientelare, e la legalità non la può vedere: la mafia piace a tutti in italia,e a questi tutti di più.
Ecco spiegato perché le cagnette arrabbiate si attaccano tutet al polpaccio di Tonelli.

Anonimo ha detto...

Poi, ricordatevi che la sinistra sta continuando a incitare l'affluenza di tutti gli immigrati e rom che il resto del mondo respinge, perché, guarda caso, stanno andando a riempire le cooperative che ci mangiano a sbafo, in primis, tò, la ERICHES 2000 DI SALVATORE BUZZI. E, ma vedi, la verifica di infiltrazioni (per essere ottimisti) mafiose riguarda sia le cooperative, sia la metro C, sia i campi nomadi, sia i centri sociali, ossia...il mondo della sinistra, che si erge a rappresentante dell'iper uranio del bene e invece è fatto di disordine clientelare, e la legalità non la può vedere: la mafia piace a tutti in italia,e a questi tutti di più.
Ecco spiegato perché le cagnette arrabbiate si attaccano tutte al polpaccio di Tonelli.

Anonimo ha detto...

Eh infatti Carminati proprio de sinistra era...

stai a posta' un po' troppo doppi post, che te trema la mano?

Anonimo ha detto...

Voi dovete capire che quando la sinistra paga la gente per condizionare il voto alle primarie, per esempio, non paga solo cinque euro, ma paga con un insieme di "favori"; la struttura politica del pd si basa esclusivamente su questo sistema di scambio: e questo sistema di scambio si fonda sulla TUTELA DELL'ILLEGALITA', sui finti poverelli, sui finti intellettuali, sui finti senza tetto, sui finti rivoluzionari.
Il peggior nemico di questa gente è la Legge, l'equo diritto di tutti, e il decoro che ne consegue. Per loro il mondo si divide in nemici, e servi privilegiati.

Anonimo ha detto...

Io devo ancora capire questa equivalenza fra PD e partito di sinistra.
Renzi è un uomo di centro destra

Anonimo ha detto...

Guarda, se pensi di distrarre l'attenzione dalla realtà dicendo frescacce, tipica tecnica degli analfabeti comunisti, caschi male. Mafia capitale è una rete immensa di gente, di destra e di sinistra (Odevaine per dirne uno), che ruba i soldi ai cittadini tramite CENTRI SOCIALI, CAMPI NOMADI, CENTRI IMMIGRATI E COOPERATIVE. Leggi il giornale invece di leccare le suole delle scarpe ai circoli del pd, ti fa meglio.

Anonimo ha detto...

ma se neanche lo hai letto come fai a sapere che ci sta scritto? boh

Anonimo ha detto...

Renzi è un altro scemo recuperato dalla sinistra per fare la testa di legno, apre bocca e io penso "ma da quale centro psichiatrico lo hanno recuperato".
Ma solo scemi così riescono a obbedire ciecamente. Sono i preferiti dalla sinistra, che non vuol dire libertà, uguaglianza e fraternità, vuol dire MAFIA.

Anonimo ha detto...

Parole sante

Anonimo ha detto...

Certo la mafia del PD esiste e rfs ne fa parte, Tonelli è organico al PD.

Anonimo ha detto...

12.20 pm Garibaldi, so sor Camillo Benso Cavour quando parlano come voi son tutti Boni, giornali e televisione, poi quando ve so contrari so tutti da chiude!
Viva la liberta', morte al fascismo.

Anonimo ha detto...

Domani tutti gli RFS a comprare piu'copie della Repubblica.
Sei un grande Zerocalcare meriti di essere letto anche da questi quattro snob da tastiera.
Altro che guida del Gambero Rosso o Artribune, domani la Repubblica fa il botto!

Anonimo ha detto...

LOL vi avevo detto che intorno all'una se svejavano i kompagnos e ci sarebbe stato il delirio nei commenti :D

Daniele Brancato ha detto...

@Caro Giuseppe "Leone Anonimo" Garibaldi, ma allora le capacità divinatorie sono per te uno stile di vita! Se a tuo dire io sono stato rovinato dalla scuola, tu sei stato rovinato da chi non è stato capace di insegnarti (suo malgrado eh) l'educazione e il modo in cui ci si dovrebbe rivolgere al prossimo. Un po' di CIVILTA' per Dio! Cioè siamo in un blog civico e i commentatori dell'internette sono INCIVILI qui esattamente come altrove. Coerenza please. In un blog civico mi aspetto che la gente che commenta ce l'abbia un senso civico e che lo manifesti attraverso il dialogo, che discuta, argomenti e si confronti con modi di pensare differenti. Invece mi si invita pure a tacere... umh... evito allora di dire quale tipologia di malvivente è solito invitare al silenzio.

Scrivi: "il contenuto del fumetto è IRRILEVANTE, già sappiamo cosa ne pensi zetaccì dei blog civici non allineati ai movimenti"

...ma irrilevante stocazzo scusa il francesismo. Il fumetto si intitola "La città del decoro", mica "I blog civici sono lammerda". Non puoi sapere a priori di cosa parlerà la storia. Non è perché sai cosa pensa ZC dei blog civici allora la storia su Repubblica parlerà automaticamente dei blog civici. Se poi continui a dire che è irrilevante beh allora dai ragione a me, le critiche sono a priori e non rappresentano una risposta a delle accuse fatte attraverso una storia che ancora non è stata letta. Riguardo il tuo calzante esempio sull'ipotetico calendario sul Duce, anche qui non è automatico che sarebbe un calendario celebrativo, anche in quel caso il contenuto sarebbe importate e da valutare: metti contenga delle strisce satiriche!

Ti consiglio di evitare le solite strategie trite e ritrite del canzonare a suon di !!!11! chi non la pensa come te... non è che chi non è d'accordo automaticamente è ignorante e bimbominkia.

Agli amministratori di questo blog dico: se io avessi un blog che si prefigge scopi di così alta levatura e qualcuno INSINUASSE che i commenti incivili e violenti a livello verbale fossero scritti da me e dai miei collaboratori, sarebbe mia PREMURA e INTERESSE prendere le distanze da certi toni e certi utenti (prendere le distanze non vuol dire censurare, sia chiaro). Se ciò non viene fatto è perlomeno ingenuo.

Anonimo ha detto...

ah ma insomma non hai capito che stamo qui dalle 8 a buttalla in caciara...

Anonimo ha detto...

12.38 pm, mi hai fatto ridere a crepapelle quando hai accusato sor Daniele de protagonismo.
Se sor Daniele e' dici er sor Tonelli cos' e'?
Tonelli sembra er pavone che tutto deve girare come dice lui pervhe' lui sa e gli artri nun capiscono mai un cazzo.
Almeno sor Daniele cja parlato solo oggi invece sor Tonelli e na' pizza de tutti i giorni, nun ho capito perche' nun se ne torna a Siena visto cHe gli piace tanto, ma nun e' che se pensa che Roma e' no buco de citta' come Siena?
Er protagonismo!

Anonimo ha detto...

Ciao Daniele Brancato sono Giuseppe G.

Le capacità divinatorie riguardano la capacità di predire il futuro. Nel tuo caso non c'è bisogno di prevedere il futuro, basta leggere quello che scrivi per capire che sei un giovane idiota (o bimbominkia se per te è preferibile).

Acclarato questo direi che c'è poco altro da dire. Io ti dico che il problema sollevato dal post è che Repubblica abbia deciso di dare la parola a zerocalcare sapendo benissimo il suo pensiero. Tu rispondi che non si può giudicare prima di avere letto il fumetto.
Io ti dico "il cielo è blu" tu rispondi "non si può giudicare il sapore della merda prima di assaggiarla". Cosa cazzo c'entra col colore del cielo? Esatto.

Tu pensi che il problema sia cosa scriva un fumettaro. Il problema reale è che la mafia che c'è dietro i "movimenti" è talmente ricca e potente che può scomodare i mezzi di informazione più diffusi per difendere le sue ragioni. Non ti preoccupa questo? Non ti preoccupa che chi si arricchisce sugli schiavi immigrati, devastando il territorio, facendo scappare le imprese sia così potente da potere influenzare cosa pubblica o no Repubblica?

No. A te interessa sentirti figo con nome e cognome su internet (e poi il "leone da tastiera" sarei io) invocando la "presa di distanze" (censura? nooooooooo tu sei democratico! solo "presa di distanze" contro chi non la pensa come te).

Purtroppo sei ridicolo. Di buono è che sei ancora giovane. Di cattivo è che puoi peggiorare parecchio.

Daniele Brancato ha detto...

All'anonimo (maggio 09, 2015 12:37 PM)
A parte il fatto che di attacchi isterici non ne ho fatti e chiunque leggende i commenti può appurarlo, ma sul serio hai scritto una perla simile? Ammetto che in tutta la mia vita fittizia di servo cibernetico non mi era mai capitato di imbattermi in un rimescolamento delle carte così strabiliante.
Adesso chi esprime un pensiero e si firma è un servo senza dignità, chi invece scrive insulti in forma anonima è un adulto!

W IL PAESE DELL'INCONTRARIO! xD

Anonimo ha detto...

Ma basta con questa storia de mafia nei centri sociali che non te crede nessuno.
usare la parola mafia a sproposito sminuisce la pericolosità della mafia vera

Anonimo ha detto...

sei capace di parlare italiano almeno invece che con questo pseudo romanesco da 4 soldi? Offendi Siena senza motivo, apri gli occhi piuttosto, potresti accorgerti che il buco di culo di città è proprio Roma. Mi fa ridere chi ha inventato il brand "Roma Capitale"...l'hanno dovuto mettere perché neppure i romani ci credevano più che la loro dovrebbe essere una grande città, e non, com'è ormai palese a tutti, un paesello di pecorari e perecottari...

Anonimo ha detto...

a quale dei 4 dici pseudoromanesco?
no perche' io c'ho n'accento romanesco d'en certo livello, che mica so emigrato a siena perche' a piazza vittorio avevo schifato pure mi madre.

Anonimo ha detto...

Oggi è apparso sto Giuseppe Garibaldi che non si era mai visto sopra questo blog, ma chi sara' veramente!
Garibaldi uno dei pochi che scrive tante volte come anonimi diversi e con vari psdeunomini.
Siamo alle solite ogni tanto uno nuovo che conosce bene tutti i pro e i contro di questo blog.
A busciardiiiiiiiiii

Anonimo ha detto...

12.38 pm, mi hai fatto ridere a crepapelle quando hai accusato sor Daniele de protagonismo.
Se sor Daniele e' come dici te er sor Tonelli cos' e'?
Tonelli sembra er pavone che tutto deve girare come dice lui perche' lui sa tutto e gli artri nun capiscono mai un cazzo.
Almeno sor Daniele cja parlato solo oggi invece sor Tonelli e na' pizza de tutti i giorni, nun ho capito perche' nun se ne torna a Siena visto che gli piace tanto, ma nun e' che se pensa che Roma e' no buco de citta' come Siena?
Er protagonismo!

Anonimo ha detto...

a ok quindi ce l'hai co quell'artro, ok quello c'ha n'accento romanesco de merda, ma dice cose sensate.
Tonelli è 'n cazzo de pavone arrazzato.

Anonimo ha detto...

Evidentemente di fumetti RfS non ci capisce un cazzo. Come di molte altre cose, del resto. Tuttavia, anche se con modi spesso qualunquisti, un grosso merito ce l'ha. Ed è quello di sensibilizzare l'opinione pubblica verso obbrobri urbani non più tollerabili. Ciò detto, codesta querelle tra RfS verso Zerocalcare è ridicola anzichenò.

Anonimo ha detto...

Na cosa e' sicura a sto Garibaldi je sta sur cazzo Brancato manco fosse Cavour.

Anonimo ha detto...

Giuseppe Garibaldi uno dei 4/5 admin che supportano er Tonelli, so sempre loro state tranquilli.
RfS ha prenotato tutte le copie della Repubblica di domani, ormai domani non se ne trovera' neanche una copia ne a Roma e ne a Siena.

Anonimo ha detto...

Ieri pomeriggio Repubblica ha annunciato che il fumetto di ZC sarebbe stato "Contro Retake Roma", anzi questo dovrebbe essere proprio il titolo.

Però quasi 24 ore dopo, qui è pieno di commenti (tutti scritti dalla stessa persona) che la buttano in caciara dicendo"ma se non avete letto che ne sapete di che parla, chi ve l'ha detto" ecc.

Non c'è niente da fa', da quando RFS ha toccato la mafia delle occupazioni è partito l'ordine di inondare il blog di trollaggi vari.

Anonimo ha detto...

Ma noi trollamo pure sulle ciclabili, lo sai che cazzo ce ne po' frega' de zetacci o come cazzo se chiama...

Daniele Brancato ha detto...

Caro Garibaldi.
Che figo che sei ad insultare la gente dalla tua stanzetta protetto dall'anonimato. Nemmeno la fatica di cliccare sul mio nome e accorgerti dall'account di g+ che comunque c'ho 29 anni mica 18... a volte non servono le arti divinatorie basterebbe un briciolo di intelligenza per evitare di scrivere fregnacce.
Per sapere che la merda sa di merda non bisogna assaggiarla ma un venditore di letame che scrive una lettera aperta dal titolo "La mia città" non è automatico che associ la sua città alla merda. È più chiaro così? Se io penso che sei un poveraccio, non è automatico che il mio prossimo articolo dal titolo LA povertà parlerà di te.
E poi dimmi cosa c'è di male nel prendere le distanze da un atteggiamento incivile? xD guarda che si scivila sugli specchi e la rete di protezione dell'anonimato non è così resistente come pensi. Se una rivista, un'azienda, un prodotto si rende conto che qualcuno nella propria community fa il bullo e che tale bullo viene identificato come appartenente alla rivista, all'azienda, al prodotto, allora è naturale precisare che la rivista, l'azienda, il prodotto in questione non hanno nulla a che fare con certi utenti e con certi toni.

Adesso che ti ho dedicato tutte queste attenzioni e ti ho trasmesso un po' del mio amore posso ritenermi soddisfatto e lasciare per sempre questo luogo così pregno di senso civico e voglia di confrontarsi.

Anonimo ha detto...

Vabbe' garibba' te sei fatto trolla' dai troll e te sei fatto umilia' dall'unico che se firma su sto blog de anonimi.
Direi che poi pure spegna er pc e prova' a migliora' sto w-e,

Anonimo ha detto...

2.07 PM, ma che cazzo stai a di!
forse ti si e' brusciato er cervello, l'argomento nel blog oggi e' stato inserito di proposito da RFS e non da altri.
Son convinto che anche ieri e' stato RFS ad annunciare Zerocalcare nell'argomento precedente a questo.
Tu sei fumato de soldi e nun capisci un cazzo della vita.
Non ve piace popio prendere pappine in faccia e pure dovreste essere abituati visto che tutti i giorni ve fanno neri su sto vostro blog.

Anonimo ha detto...

Io ho scritto il commento stamattina sulla presentazione da parte di Repubblica di qs Zerocalcare come se fosse Umberto Eco. La penso molto probabilmente in modo diverso da te, però ti faccio i complimenti per come tu sei rapportato qui dentro.
Detto questo, se sei così sveglio come sembri non ti è sfuggito il pilotaggio informatico che Repubblica, come il 99% della stampa italiana, porta avanti su qs tema come su altri.

Anonimo ha detto...

E niente dopo le pizze in faccia parte la classica frase "abbiamo idee diverse ma te rispetto" che in pratica significa porca eva m'hai rotto il culo non so piu' che di'.

Anonimo ha detto...

Niente da fare Branca', hai 29 anni ma ne dimostri 12 in quanto a capacità di comprensione.

Ribadisci che siccome non sappiamo quali disegnini ci sono nel fumetto non possiamo esprimere un giudizio sulla scelta di Repubblica di pubblicarlo.

Fai così, stampati la pagina web, arrotola il foglio e mettilo in una bottiglia di vetro. Dopodiché inserisci la bottiglia nel tuo ano fino a vederla scomparire. Come dicevano i vecchi saggi "in testa nun te c'entra ma magari 'nculo sì".

So che leggerai ma non commenterai perché hai promesso che qui non ci torni più. Perdio pare che hai cominciato a usare internet l'altroieri. Ciao ciao xD icsddì xD

Anonimo ha detto...

E UNO.

Agueci lancia l'allarme:
"La mafia e le occupazioni abusive"
Martedì 16 Dicembre 2014 - 14:11
Articolo letto 7.627 volte Zone d'ombra. "La legalità deve essere affermata a 360 gradi e non devono esserci in questa città zone franche". Ecco cosa ha detto il procuratore.




PALERMO- "Dalle indagini della finanza è venuto fuori che in Fondo Pipitone, zona controllata dai boss Galatolo, vi sarebbero una serie di occupazioni abusive di immobili pubblici: apriremo un fascicolo per accertare bene la vicenda, perché la legalità deve essere affermata a 360 gradi e non devono esserci in questa città zone franche". L'ha detto il procuratore di Palermo Leonardo Agueci commentando quanto scoperto dalla Finanza durante una serie di perquisizioni eseguite nell'area controllata dalla cosca dell'Acquasanta.


Daniele Brancato ha detto...

XD XD XD !!!11!!
Il fisting anale mi ha aperto (eheh) gli occhi! Ora ho capito! Grazie Giuseppe Garibaldi per aver insistito con me. Ora ho capito che il vostro problema è che Zerocalcare pubblichi fumetti su un giornale! Che parli del suo cagnolino, di plumcake o di sua sorella non vi importa. Cioè lui non deve pubblicare storie su un quotidiano, anche se fa un episodio con Peppa Pig NO NO e NO! La deve smettere sto comunista di disegnare eccheccazzo! E poi strisce a fumetti su un giornale?! ma sta cosa non si è mai sentita che è sta novità?! xD

Tornando seri (xD) "Ribadisci che siccome non sappiamo quali disegnini ci sono nel fumetto non possiamo esprimere un giudizio sulla scelta di Repubblica di pubblicarlo." CAZZO SI! xD Lo ribadisco perché non puoi (ops scusa POTETE, hai usato il plurale sembra quasi tu scriva in nome della redazione del blog stai attento che così crei equivochi :p).. dicevo, non potete PRESCINDERE dal contenuto di un'opera se pretendi di criticarla.. se Repubblica permette a Zerocalcare di scrivere di quanto era dolce sua nonna a voi che vi frega? Se invece scrive di quanto fa schifo romafaschifo alloooora alla luce del suo attacco potrete scagliarvi contro di lui e contro Repubblica. Sapere cosa pensa di voi non vuol dire essere certi che vi s'inculerà domani sul giornale. Che manie di protagonismo oh!

Dai se me lo chiedi direttamente anziché lasciarlo tra le righe te prometto davvero che la smetto di sfondarti il culo coi miei commenti e torno a fare siti web.

Anonimo ha detto...

E DUE

Zen, la mafia dietro le occupazioni abusive?
31 Marzo 2011
Inchiesta della Procura di Palermo sulle case popolari prese d’assalto. Due collaboratori di giustizia hanno avvalorato i sospetti degli inquirenti. Indagini anche su eventuali complicità nella pubblica amministrazione
PALERMO. Dietro le occupazioni abusive dello Zen, a Palermo, c’è la mafia. È la tesi che sta sviluppando la Procura del capoluogo – come riportato nelle pagine del Giornale di Sicilia in edicola questa mattina.
I magistrati, in particolare, indagano su alcuni recenti episodi in cui alcune famiglie hanno lasciato il proprio appartamento per un viaggio o una vacanza e lo hanno trovato immediatamente occupato da altri. Circostanze che si sta cercando di appurare con la collaborazione di due recenti pentiti del quartiere: Salvatore Giordano e il genero Sebastiano Arnone, che avrebbero avvalorato alcuni dei sospetti degli inquirenti.
Indagini anche su eventuali complicità nella pubblica amministrazione.

Anonimo ha detto...

Mha la verità è che ZEROCALCARE è rimasto punto seccato sul vivo.

Quindi utilizza la sua tecnica per rispondere senza contraddittorio.
Una visione uni-laterale utilizzando la captatio benevolentiae dei suoi fan.

Anonimo ha detto...

E TRE

"
La leghista Cocconcelli: "A Bologna un racket della casa,
„abitativa/occupazioni, denunciando un sistema mafioso legato alla casa in riferimento ad alcuni casi di occupazioni abusive in città, secondo lei "gestite" per bene da terzi: "Considerati gli ultimi avvenimenti bolognesi abbiamo raggiunto la consapevolezza che potrebbe esistere un vero e proprio racket della casa, gestito da fantomatiche associazioni no-profit o pseudo-sociali che pubblicizzano l'occupazione di case sfitte o abbandonate, siano esse pubbliche e private. A quanto sembra, questo mercato parallelo consegnerebbe appartamenti, ai nuovi inquilini, in maniera del tutto arbitraria ed illegittima e chiunque può leggere sui siti web di queste associazioni che occupano, auto-recuperano, autogestiscono stabili pubblici e privati sfitti (per esempio quelli in via San Donato 143/2, stabile privato occupato dal 3 al 14 marzo 2012 e in via Achillini, 1 da Giugno a settembre 2012), con l'intento di 'autorecuperare' e abitare gli immobili. Nessun dialogo da parte del proprietario e del Comune” .“

A Bologna un racket della casa,

OCCUPARE E' REATO. "Ricordo che occupare abusivamente un immobile determina una serie di reati penali tra cui l'art. 633, reato di invasione di edifici/terreni, art.635 reati contro il patrimonio, collegato all'occupazione abusiva, quali il danneggiamento, rt. 614,violazione di domicilio e mi fermo qui per decenza".

“Bologna un racket della casa,
„IL BUSINESS DEL'OCCUPAZIONE ABUSIVA. "Chi occupa appartamenti e stabili agisce in maniera organizzata e colpisce soprattutto di notte e nei fine settimana, sfonda porte e finestre degli appartamenti momentaneamente vuoti; ma chi sono i nuovi professionisti della predazione di case altrui? Manovalanza esperta in scasso (le porte /finestre devono essere forzate), nulla viene fatto per beneficenza, o per alti fini morali, politici e sociali; infatti assegnare un'abitazione a chi è clandestino o disperato, meglio se extracomunitario, rappresenterebbe anche un'attività molto redditizia, pare che il pacchetto completo dell'occupazione abusiva, chiavi in mano, non sia a titolo gratuito, ma oneroso".“


Anonimo ha detto...

SEGUE AL POST DI SCUP, E RICORDATE CHE IL NEGAZIONISMO MAFIOSO E TIPICO DEI MAFIOSI, E LORO SEGNO DISTINTIVO.

Anonimo ha detto...

Così la cricca ha dato un tetto agli abusivi Lo sgombero dell’Angelo Mai era un problema. Nieri e Ozzimo giocano la carta Buzzi

C’è un filo rosso che lega l’inchiesta Mafia Capitale a quella sulle occupazioni abusive del Comitato popolare di lotta per la casa. I nomi dell’attuale vicesindaco di Roma Luigi Nieri e dell’ex assessore alla Casa Daniele Ozzimo, dimessosi dopo i 37 arresti di martedì scorso, ricorrono nelle informative dei carabinieri del Ros su entrambe le indagini. L’emergenza abitativa, infatti, è una delle tante fette che compongono la "torta del business" dell’estremista di destra Massimo Carminati e dell’amministratore del consorzio di cooperative Eriches 29 Salvatore Buzzi. La "joint venture" sarebbe riuscita ad affermarsi anche in quel settore, grazie agli appoggi in Campidoglio. Dopo lo sgombero dell’Angelo Mai di via delle Terme di Caracalla, dell’ex istituto tecnico Hertz di via Tuscolana e dell’ex scuola Vespucci di via delle Acacie, gli occupanti abusivi vengono trasferiti proprio negli appartamenti gestiti dalla Eriches 29 e reperiti grazie al coinvolgimento di Cristiano Guarnera «imprenditore colluso», spiega il gip.




L’INTERVENTO DI MARINO

Il 7 marzo la Procura chiede il sequestro preventivo degli immobili occupati: i rappresentanti del Comitato di lotta per la casa sono indagati «per aver messo in piedi un’associazione a delinquere che, con la scusa di trovare un alloggio per i bisognosi, li costringeva a occupare gli edifici, per poi estorcergli denaro e prestazioni lavorative gratuite, sotto minacce, ingiurie e violenze». Il 14 marzo arriva il decreto di sequestro del gip, sospeso cinque giorni dopo. Il 20 marzo il vicesindaco Nieri chiama Giorgina Pilozzi, dell’associazione Probabis (che gestisce l’Angelo Mai per conto del Comune). Le dà delle spiegazioni: «Dobbiamo fare un incontro io e la segreteria del sindaco con l’Avvocatura per capire come procediamo con il passaggio, soprattutto per quanto riguarda la vicenda dell'Angelo Mai. Perché ieri sera abbiamo fatto questo passaggio forzando la mano». Il 26 marzo il sindaco Ignazio Marino presenta al pm Luca Tescaroli un’istanza di dissequestro dei tre immobili, allegando le note di Nieri e Ozzimo. L’8 aprile l’Amministrazione trova una sistemazione per gli occupanti: il Consorzio Eriches 29. La Procura vuole vederci chiaro e il 14 maggio delega il capo della Digos di ascoltare il sindaco «per appurare tempi e modalità di collocazione degli occupanti abusivi».




OZZIMO CHIEDE AIUTO A BUZZI

Enrico Puccini (stretto collaboratore di Ozzimo) definisce Buzzi come «la risposta sovietica all’Arciconfraternita». Il 5 aprile Buzzi chiama Ozzimo, dice di aver trovato gli appartamenti e chiede se la Giunta ha stanziato i soldi. L’assessore alla Casa suggerisce di abbassare i costi. Lui risponde che data la durata della commessa non sarebbe stato conveniente. Ozzimo: «Ma sarà pure de più di un anno. De questi poi che famo, li buttamo pe’ strada?». La risposta di Buzzi è perentoria: «Ufficializzalo pe’ due/tre anni stamo a posto, qual è il problema?».




IL BANDO DA 7 MILIONI DELLA REGION E

Buzzi e Carminati avevano già messo gli occhi su uno stanziamento regionale da 7 milioni di euro in favore del Campidoglio per l’emergenza alloggiativa. I due ne parlano con Alessandra Garrone (compagna di Buzzi) il 12 febbraio nella sede della coop. 29 giugno. «Allora la delibera regionale dice che una parte di questi fondi devono essere destinati al sostegno economico - chiede conferma la Garrone - (…) quindi sarà il buono casa… e un’altra parte al servizio che facciamo noi». Buzzi: «Esatto: 5 milioni a noi e 2 milioni al buono casa». Ma le cose vanno per le lunghe e Buzzi, infastidito, pensa di far intervenire Guido Magrini, direttore del dipartimento Politiche sociali: «Facciamo modificà la delibera no? O chiediamo l’interpretazione autentica, andiamo a parlà con Magrini, no?».



Anonimo ha detto...

Questo blog, seppur con i suoi caratteristici toni sopra le righe, si è sempre battutto contro poteri FORTI (spesso malavitosi) di Roma.

Gli stessi poteri forti di cui la politica romana ha paura, teme e quindi non muove un dito contro.

Usa toni SOPRA LE RIGHE perchè è l'unica voce che si batte contro poteri forti. Che spesso non sono quelli troppo ALTI e INVISIBILI contro i quali è faciel fare una manifestazione ceh non manifesta proprio nulla.

Individua nomi e cognomi, Situazioni specfiche e mai generiche. E suggerisce soluzioni pratiche applcabili. Non suggerisce cose inapplicabili o psosta i problemi da latre parti. Questo mette in allarme molti.

Perchè sbraitare alla Luna sui mali del mondo non fa paura a nessuno, mentre se fai nomi e cognomi qualcuno si mette in agitazione.

Detto questo, basta leggersi tutti i post. Certo NON E' radical chic.
Le chiacchiere stanno a ZERO, anzi a ZERO... CALCARE!

Anonimo ha detto...

Brancato sei veramente l'apice dell'idiozia umana, non mi stupisce tu faccia siti web per campare.

Se non riesci a capire che QUALSIASI giornale non pubblica cose a cazzo, ma pubblica le notizie che fanno PIACERE AL SUO PADRONE. La carta stampata è TUTTA in perdita. Hanno soldi dallo stato, dalla pubblicità e nonostante questo i proprietari devono rifondere ogni anno milioni di euro. Secondo te quei milioni di euro li mettono per il piacere di fare informazione imparziale? Ma hai mai letto il giornale o il manifesto o la padania? Ti sono mai sembrati VAGAMENTE di parte? Ti sei chiesto il perché?
Se domani Travaglio cominciasse a scrivere per la padania ti sembrerebbe vagamente strano oppure diresti "aspettiamo, magari gli hanno dato la rubrica delle ricette di cucina"?

Quindi, dando per scontato che le cose che vengono pubblicate su un giornale sono lì perché FANNO COMODO AL PADRONE DEL GIORNALE, mi dici perché non si può criticare la scelta di assegnare SEI PAGINE DI REPUBBLICA a uno che le userà contro Retake e RFS COME LUI STESSO HA DETTO? Non ti viene qualche sospetto che dietro ci sia qualcosina? Qualche interesse da difendere? Qualche messaggio da mandare? O pensi che lo facciano perché zerocalcare è bello e bravo e può scrivere quello che vuole su SEI PAGINE DI REPUBBLICA?

Non so se sia peggio che tu creda veramente che glielo lasciano fare perché è bravo, o se sai benissimo in che modo lo userà e sei qui a difenderlo solo perché "semo democratisci noi de sinistra". In ogni caso, mi fai veramente pena. Suppongo che la tua vita sia tutto un fisting anale da parte di chiunque, se sei così sveglio nei ragionamenti.

Daniele Brancato ha detto...

Ah ho capito è un GOMBLODDOOOO!!!11!

Te lo spiego io coi miei ragionamenti svegli perché Repubblica pubblica una storia di Zerocalcare: perché Zerocalcare VENDE un fottio e giornali e riviste sono ben LIETE di ospitare sue e di vendere copie come se non ci fosse un domani. È successo con l'Internazionale e succederà domani anche con Repubblica.

Sai se purgassi i tuoi commenti dalle volgarità e dalla maleducazione il tuo pensiero risulterebbe più chiaro, efficace e perché no anche condivisibile. Invece fai il bulletto sboccato e usi toni che davvero spero li abbia tu 12 anni perché da una persona adulta certi atteggiamenti non me li aspetto.

Ripongo l'affare, tiro su la zip, e arrivederci... è stato bello <3

Anonimo ha detto...

Diosanto, sei un idiota senza speranza.

Repubblica regala quotidiani nelle scuole, negli aeroporti, negli uffici pubblici. Repubblica decide di cosa si parla o non si parla in parlamento. Repubblica prende milioni dallo Stato. Repubblica decide quando un governo deve cadere. E secondo te Repubblica deve ospitare zerocalcare perché ha necessità di vendere 1000 copie in più? E secondo te il motivo per cui esiste Repubblica è quello di guadagnare vendendo copie del giornale eh? Non quello di esercitare un controllo sull'opinione pubblica di quello che fa comodo o non fa comodo a DeBenedetti?

Idiota senza speranza.

Anonimo ha detto...

aho belle e ste denunce e uno e due e tre...
Ma de condanne manco una, mica come quel pregiudicato de Tonelli...
Bella la legalita' eh

Maicon Salvini ha detto...

Romafaschì la sviolinata iniziale a ZeroCacare te la potevi proprio risparmià, non sei mica ZeroPregi che va avanti a marchette e leccate di culo. Dì le cose come stanno, i fumetti di ZC fannò rate, anzi fanno cacà a spruzzo. Roba che Leo Ortolani je piscia in testa a cazzo dritto.

Firmato Maicon Salvini, nuovo terzino daa Maggica

Anonimo ha detto...

vedo che la storia di zerocalcare fa già discutere e non potrebbe essere altrimenti. Vista l'autoreferenzailità dei blog "anti-degrado" . Zerocalcare nelle sue storie non vuole dare risposte ma vuole aprire solo gli occhi alle persone. Le cose non sono mai bianche o nere, ma grigie. Riflessioni sulla realtà vista in maniera oggettiva. Chiaramente tutto questo crea preoccupazioni ad alcuni...!
Comunque domani mattina tutti in edicola!

Anonimo ha detto...

Siiii "anti-degrado" lo scriviamo fra virgolette perché in realtà RFS vuole il degrado mentre noi compagni vogliamo la solidarietà! Zerocalcare apre gli occhi invece RFS è farza! Le cose non sono mai bianche o nere, ma rosse! Tipo se vedi uno di sinistra che occupa una casa lo fa per solidarietà ai migranti che non possono avere casa perché gli affitti costano cari, mentre per gli italiani gli affitti sono regalati! Certo se poi occupano quelli di casa pound allora lì è fascismo perché non c'è solidarietà. Zerocalcare sì che vede la realtà in maniera oggettiva! Avete capito? Non esiste il bianco e il nero, tranne che per zerocalcare che è oggettivo! Ovviamente questi fini ragionamenti provocano preoccupazione in alcuni, tipo i nostri psichiatri!
E domani... tutti in edicola SIIIIIII!! E poi cocacola con l'aspirina per tutti!! SIIIIIIIIIII

Anonimo ha detto...

Vero, le cose sono grigie, ma ultimamente a Roma stanno diventando nero marroncino, per questo bisogna riequilibrare la bilancia! Per avere di nuovo il grigio, non il bianco puro!

Anonimo ha detto...

@4.21 PM

10 minuti di applausi. Niente da aggiungere.

Anonimo ha detto...

Dall'intervista a zerocalcare su La Repubblica:

Qual è il tema che hai scelto?"Parla di come tutto questo risveglio apparente di senso civico riguardo a questioni che attanagliano le grandi città relative al degrado, al decoro a volte possa generare mostri. C'è, almeno dal mio punto di vista, un certo tipo di indignazione che genera reazioni che non hanno a che fare con il senso civico ma con la volontà di rimuovere il problema perché c'è una sorta di fastidio sempre più diffuso nel vedere il povero, il barbone, l'ambulante. Invece che fare la lotta alla povertà insomma si fa la lotta ai poveri".

Non devo certo dare soldi a Repubblica domani per leggere il fumetto di Zerocalcare per capire che fa parte della cerchia di coloro che (a mio avviso sbagliando clamorosamente) sono convinti che richiedere decoro e lotta al degrado significhi scagliarsi contro i deboli e i poveri, non rendendosi conto che le prime vittime di una città senza ordine, senza rispetto della legge, senza decoro, senza pulizia, preda di degrado e abusivismo, sono proprio le persone più deboli. Non certo i ricchi alla De Benedetti che si rifugiano nel loro loft e vanno in giro con l'autista...

Consentire a una barbona di defecare a piazza dei cinquecento davanti ai turisti senza che intervenga la forza pubblica a sottrarla a forza dal giaciglio di stracci in cui (soprav)vive mettendola in una struttura in cui venga assistita, consentire a migliaia di immigrati clandestini di essere manodopera del racket come venditori abusivi, chiedendo il pizzo sui parcheggi, facendo i lavavetri ai semafori, lasciare che i muri di mezza città siano continuamente devastati da scarabocchi idioti, consentire che intere palazzine siano occupate abusivamente tramite conoscenze e ricatti spesso togliendo il diritto a una casa a chi attende legalmente da anni in una lista d'attesa, consentire che centinaia di minori rom rubino impunemente ogni santo giorno sulla metro senza che vengano tolti ai genitori, tollerare incendi continui di materiali tossici nei campi rom facendo ammalare quei disgraziati che hanno la sfortuna di abitarci accanto.....Non voler più tollerare tutto questo per zerocalcare sarebbe scagliarsi contro i poveri e i deboli? Perché di questo si tratta quando si parla di lotta al degrado.

E infine, caro zerocalcare, volendo credere alla tua buonafede, lascia che ti si insegni qualcosa dal basso del nostro "apparente senso civico" : nel momento in cui un giornale come Repubblica, espressione certo non dei cosiddetti poveri e deboli che tu ambisci a difendere dall'attacco di quei perfidi e insensibili che richiedono decoro nella loro città, ma di proprietà di un individuo che esprime semplicemente i propri interessi di parte (e una parte ben più forte e ricca di quei disgraziati di cittadini romani che affogano in una città divenuta un letamaio), ti dedica improvvisamente tutta questa attenzione per consentirti di fare ironia proprio su questi ultimi....
Il dubbio di stare prendendo una seria cantonata dovrebbe almeno sfiorarti, sveglio e intelligente come sei...

Anonimo ha detto...

Ora che è uscito si può dire che è una cagata (stile quelle dell'amichetto suo zeropregi)? Eh Danie'?

Anonimo ha detto...

Trovo divertente il fatto che RFS si opponga all'ambiente dei centri sociali a prescindere dalle loro iniziative etichettandoli in quanto tali con mero disprezzo. Avrò letto una miriade di post in cui si afferma che RFS non ha una ferma posizione politica, il che un po' è come piegarsi ad un pubblico dalle divergenti opinioni per non perdere nessun lettore. Così, poiché da un lato cerchi di avvicinare te stesso a chi la pensa un po' come te, apparendo un po' anonimo in un anonimo gruppo di amichetti, d'altro canto ti poni miseramente contro un tuo idealizzato nemico, sperando di ricevere attenzione, forse mediatica, per notorietà. Non intravedo più una visione razionale, analisi ponderate parzialmente condivisibili. Quando qualcosa fa totalmente schifo a prescindere si parla di BUTTHURT su internet, e questo non è piacevole. Non essere la mosca che ronza attorno ai bovini, fastidioso e deprecato, sii il pastore che osserva il pascolo dall'alto della sua umanità.

Anonimo ha detto...

Oh, guarda, proprio chiarissimo. Meno male che c'è qualcuno che ha le visioni (razionali, naturalmente).

ShareThis