Direste mai che questo ragazzo è un controllore? Ecco come a Berlino ti fanno passare la voglia di prendere i mezzi a scrocco

17 agosto 2015
Siamo tornati a Berlino dopo quindici anni, nel frattempo il mondo è cambiato, Berlino (un immenso cantiere ancora oggi) è cambiata; ma non è cambiata l'inflessibilità teutonica, quella che a Roma diventa "e che ha fatto de male poraccio, mica ha ammazzato nessuno".
Insomma prendiamo il nostro bravo treno della S-bahn, rapido pulito e sempre in orario, alla fermata prima della mitica Alexanderplatz, salgono i controllori, vengono da noi, che abbiamo i nostri regolari biglietti giornalieri per le zone A e B (6,70 euro ben spesi, anzi quasi un regalo a quel prezzo) regolarmente timbrati, controllano e passano oltre.
Ma dopo di noi ci sono quattro ragazzotti, che evidentemente si credevano furbi. A Berlino, in Germania.
Beccati, vengono fatti scendere subito, e questo è il secondo controllore, in borghese, finché non si qualifica con il regolare tesserino impossibile da beccare con quel look.


Sempre il nostro amico, che sta seguendo i ragazzotti e il primo controllore.


I nostri eroi al bancomat, perché se non hai i soldi, adesso vai a prenderli, e mi paghi subito, non è che "te faccio er verbale poi quanno t'oo ricordi 'ooo paghi o sicconosci qualcuno tooo fai toje...".


I controllori in attesa fuori dal bancomat. Come già detto, sfido chiunque a riconoscerli come tali, e quando lo capisci chi sono, è troppo tardi...


E la ramanzina finale, pacata ma obbligata.


In conclusione, che dire? C'è poco da dire: a Roma l'utente deve essere umiliato, a Berlino il cliente è totalmente tutelato, dai cosiddetti furbi.
Interessante sapere del neo assessore ai trasporti Esposito, che parla di (presunta) pericolosità del lavoro dei controllori a Roma, che ne pensa di queste foto. Io dico che o si fa così, o il trasporto pubblico locale a Roma, è morto e sepolto. Senza speranza.
Marco F.

*Controllori in borghese che accompagnano gli evasori al bancomat per farli pagare? A Roma lo considerebbero nazismo, chiamerebbero l'Onu, forse l'Unicef, magari il Tribunale dei Diritti dell'Uomo e del Cittadino. Ci sarebbe uno scandalo cittadino: dei semplici e banali evasori del biglietto della metro trattati come criminali. Che vergogna. Poi ti chiedi perché la Germania è padrona del mondo ed è nelle condizioni - e per fortuna - di dirci cosa dobbiamo e non dobbiamo fare del nostro paese.
Ma c'è di più. Se non andiamo errati dopo 3 multe per evasione del biglietto. a Berlino si passa al penale. Come è giustissimo che sia. Perché chi evade il pagamento dei servizi condivisi scaricando disagi e costi sul prossimo è uno squallido criminale e la deve pagare molto, ma molto cara. Quando anche chi amministra sarà di questo avviso le cose cominceranno a cambiare. Per ora le proposte del DG di Atac sono di mandare degli hostes su alcune linee a "dare il biglietto" a chi non ce l'ha, facendo della gentile persuasione... Davvero!
-RFS

86 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ah Ah, questi sono controllori "normali". A Mainz (Germania) sono sempre in due anche sugli Autobus, uno che controlla i biglietti ed uno che si mette davanti alla porta di uscita per evitare che qualcuno fugga se viene scoperto. Mi é capitato l´anno scorso. Il tipo dopo di me era senza biglietto, il controllore ha fatto cenno all´autista che ha fermato l´autobus e ha bloccato le Porte. Nessuno degli altri passeggeri ha inveito o si é lamentato del ritardo, stavano facendo il loro lavoro. Ricordo che il controllore che bloccava la porta era il triplo di me e una mano era quanto la pala per infornare la Pizza. Ah gia, dimenticavo, sti tedeschi brutti e cattivi.

Anonimo ha detto...

Tutto vero, tranne una cosa: la S-Bahn a Berlino non è per niente sempre puntuale, anzi...

Anonimo ha detto...

Per onor di cronaca aggiungo che a Berlino non esistono tornelli, sono così rari i casi di "evasione" che si sono risparmiati questa spesa.
P.S Io li ho sempre trovati puntualissimi i treni

Anonimo ha detto...

In Italia sarebbero i controllori per primi a rifiutarsi, loro "non sono tenuti" a far pagare la multa ma solo a farla, e poi se je menano non hanno l'indennità quindi meglio non fare neanche la multa.

Vanno cambiati i contratti e sostituite le persone non in grado di lavorare.

Anonimo ha detto...

Buongiorno, volevo ricordarvi che siamo in Italia e degli altri paesi non c'è ne frega nulla.
I confronti continui denotano che siete solo infantili " l'erba del vicino è sempre la migliore ". Ma no, forse volete raccontare solo i vostri viaggi che probabilmente nella vostra solitudine sociale non riuscite a parlarne con persone di carne e ossa.
Ben rientrati a Roma città meravigliosa dell'Italia.

ORGOGLIOSO DI ESSERE ROMANO E ITALIANO!

Anonimo ha detto...

ieri ho preso la metro a termini e c'erano due vigilantes che chiacchieravano mentre si faceva il salto al tornello d'uscita e trenini a ai varchi d' ingresso.
Non ho voluto richiamare la loro attenzione per non ricevere le risposte che già conosciamo. Ho fatto i biglietti per tutta la famiglia ed a testa bassa sono entrato in quei vagoni luridi umiliandomi agli occhi dei turisti che si guardavono intorno. Questo è stato il mio rientro dalle vacanze.

Anonimo ha detto...

"Buongiorno, volevo ricordarvi che siamo in Italia e degli altri paesi non c'è ne frega nulla.
I confronti continui denotano che siete solo infantili " l'erba del vicino è sempre la migliore".... Allora teniamoci tutta la feccia, dagli amministratori in poi, che popola questa città, così non ci lamentiamo di nulla e sti cazzi che altrove è meglio e le loro tasse vanno in servizi. I confronti è mejo falli sur Barcellona, sur Bayern e sur Celsi co a Roma e co a Lazio...

Anonimo ha detto...

Ignorate il microcefalo anonimo delle 9:19 AM, é un troll

Anonimo ha detto...

Da giovane sono stato un coglione, non poteva essere altrimenti essendo nato in questa fogna di città, e in un viaggio a Berlino ho tentato di prendere la metro senza biglietto perché non avevo soldi spicci per le macchinette e quindi ho pensato da romano coglione " ao ma che proprio oggi devo beccà i controllori?" abituato al fatto che a Roma sono un miraggio voluto. Dopo una fermata sono stato beccato, accompagnato all'uscita con un verbale in tedesco di 2 pagine. Sempre da romano coglione ho pensato che non avrei pagato " se mò stai a vedè che me vengono a cercà fino a Roma". Mi hanno letteralmente perseguitato per i 2 mesi successivi e alla fine sono stato costretto a farmi tradurre la multa e pagare fino all'ultimo centesimo per evitare un processo in Germania.

Anonimo ha detto...

A Oslo i controllori sono dotati di poteri telepatici in modo da capire se hai fatto o meno il biglietto senza nemmeno dovertelo controllare. Questa è vera civiltà! Quando pensiamo di adeguarci anche a Roma?

Anonimo ha detto...

A Vienna, è lo stesso. Ma tutti questi dirigenti dell'Atac con tutto quello che guadagnano, un viaggio istruttivo all'estero non lo fanno mai? Ah già, avranno a stento la terza media, e non parlano inglese.

Anonimo ha detto...

e te pareva che il coglione di turno nn uscisse fuori con argomentazione fuori luogo (parlo del secondo anonimo)...

Anonimo ha detto...

Gli immigrati ci disprezzano perche' si sono accorti che siamo l'unico paese al Mondo che se lo fa' mettere nel culo.
Cosa pensate accadrebbe a Roma ?!?!? Anni di squallore e sbrago hanno fatto si' che ormai gonfino di botte anche carabinieri con Beretta calibro 9 in fondina, figuriamoci controllori in borghese.....

Anonimo ha detto...

Considerando che in Italia ci sono personaggi che fanno rapine e truffe vestendo divise delle forze dell'ordine, forse qui è meglio se il verbale te lo fai arrivare a casa e lo verifichi bene prima di pagare.

Dario A. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Qui in Svizzera, a Zurigo ma e' cosi' anche nelle altre citta'/cantoni, non pagare il biglietto significa nell'ordine:

- Scendere dal mezzo (treno/tram/bus)
- Beccarsi 200 CHF di multa + costo del biglietto
- Se non si hanno documenti la polizia interviene (di solito ci mettono tra i 30 secondi e i 3 minuti ad arrivare) identificando la persona e/o arrestandola qualora necessario

Per esperienza "diretta" se non si paga la multa vengono inviati 2 richiami, con maggiorazione della multa, e se ancora non si paga si va in galera, se non si hanno i soldi per pagare... si puo' scontare una detensione commisurata alla multa.
Lo sa bene una mia conoscente che ha detto "Sti bastardi delle ferrovie m'hanno fatto la multa ma nu la pago!" (lascio immaginare le sue origini) che al terzo reclamo si e' trovata la Stadt Polizei a casa che e' tanto gentile quanto inflessibile nell'applicazione delle regole.

Manco da Roma da tanti anni ma non posso fare a meno di rimanere basito nel vedere come la citta' continui a cadere sempre piu' in basso.

Caro neo-assessore ai trasporti il problema non e' l'inapplicabilita' di regole che il resto del mondo ha e fa rispettare ma la volonta' di risolvere un problema magari facendoci dei nemici ma come disse qualcuno "Non bisogna sforzarsi per essere dei mediocri, non c'e' bisogno di nessuno sforzo per restare a terra e continuare a strisciare".

Al(i) troll che sicuramente mi diranno "Be si te piace 'a Svizzera vacce a vive ippprobbblemi so artri" dico ci vivo gia' dopo aver vissuto in America, Irlanda, Francia e Germania... e no i problemi non sono altri i problemi quelli VERI sono proprio questi ed il fatto che consideriate tutto cio' normale.

Anonimo ha detto...

A volte chi vuole pagare non può!
Sono stato alla fermata della Fiera di Roma, che non ha neanche un fabbricato per l'attesa dei viaggiatori.
E non ha neanche una macchinetta per la vendita dei biglietti, nè hanno pensato di creare un bar con rivendita.
Arriva il treno, vado dal controllore che mi dice "il giro lo offre la casa".
Il giorno dopo, sono partito già con il biglietto per il ritorno.

Anonimo ha detto...

Puoi essere orgoglioso quanto vuoi, ma la nostra cara e bella Roma potrebbe essere ancora più bella, pulita e confortevole per cittadini e turisti. La vostra miopia è spaventosa: sei tu che rosichi xké a Berlino non ci puoi annà! Imparare dagl'altri le cosa che sanno fare meglio di noi è necessario in tutti I casi della vita, dal microcosmo familiare al macrocosmo internazionale.

Anonimo ha detto...

Confermo tutto sui controlli in borghese. Non c'e' modo di scamparla.
Quelli che fanno tanto i dritti a Roma, a Berlino si cacherebbero sotto come delle mammolette e infatti preferiscono restare belli coperti sotto le sottane di mamma e nonna a Roma

bat21 ha detto...

Il problema e' proprio questo 1101 am la politica italiana non vuole farsi nessun nemico. Non si taglia la spesa pubblica, le pensioni e i dipendenti pubblici, non si combatte l'evasione, non si tocca chi delinque a tutti i livelli (italiano o immigrato) mentre chi produce viene massacrato da uno tsunami fiscale e normativo. Cosi si declina senza fine e l immagine dell inflessibile controllore crucco contrapposto alla guardia giurata che sta davanti all smartphone tollerando salti del tornello e invasione degli zingari e' una rappresentazione plastica (una delle tante possibili) di quanto siamo caduti in basso.

Anonimo ha detto...

Al poveretto del post delle 19.19 direiche fa benissimo ad essere ORGOGLIONE!

Anonimo ha detto...

Al poveretto del post delle 19.19 direi che fa benissimo ad essere ORGOGLIONE!

Anonimo ha detto...

Te piace 'Svizzera? Buon per te che ce vivi. La domanda è: che cazzo ci fai allora qui sopra, se non vivi più a Roma? Non è che sei uno di quei personaggi che ha la residenza lì per motivi fiscali, ma poi in realtà vive e guadagna qui?

Anonimo ha detto...

Molto in argomento

Anonimo ha detto...

A parte quelli che menano, e in 4 contro 2 a Roma la rissa molto probabilmente ci scapperebbe perché a meno che non sei a Termini la polizia non arriva in tempi svizzeri... ma secondo voi in una città dove ci sono truffatori in divisa quanti si fiderebbero di controllori in borghese che tirano fuori un tesserino che chiunque può inventarsi o copiare? Guardali un po' nella foto mentre aspettano fuori dal bancomat e chiedi quanti romani si fiderebbero di due tipi del genere.

Anonimo ha detto...

A Roma avremmo subito un proliferare di "controllori" (camminanti, ciabbattanti, etc) che ti accompagnerebbero al bancomat per prelevarti subito "qualcosa" ...

Anonimo ha detto...

Ecco appunto. Ora ci manca solo che qualcuno legga l'articolo e metta in pratica la trovata.

@agosto 17, 2015 9:07 AM
Zittoooo!! Che non lo sai che i controllori sull'autobus sono roba assurda? Secondo i guerrieri da tastiera non ci vogliono i controllori perché l'autista basta e avanza? (è anche più comodo da menare se è uno solo, ma vallo a spiegare ai guerrieri da tastiera)
Se gli dici che a Mainz ne mettono due sull'autobus gli viene un coccolone.

Anonimo ha detto...

Ma, una volta mi ricordo che i controllori c'erano anche da noi....e non facevano passare le cose, e nemmeno venivano picchiati o minacciati...
Nella metro a volte facevano tipo posti di blocco (ma erano anche 4-5 insieme) e la multa te la facevano pagare, se non avevi documenti o soldi ti portavano al commissariato.
Sugli autobus salivano a tre, all'improvviso, e nessuno riusciva a scappare.

Ma erano gli anni 80-90, cos'è successo in questo tempo? Perchè tutto un sistema si è disfatto, deteriorato, corrotto?
È strano, è stato un processo profondo, secondo me culturale prima di tutto, a lungo termine, e di cui non ci rendiamo bene conto.

Anonimo ha detto...

Una volta tanti anni fa, in qualche fermata della metro, forse Repubblica, i controllori si sono messi in fondo alle scale mobili. Quelli che beccavano senza biglietto o pagavano o li facevano tornare indietro sulle scale mobili che scendevano. Pure spiritosi.

A proposito RFS, hai letto? A Berlino non ci sono tornelli. Se ti piace tanto quella città anche a Roma facciamo come loro, altro che tornelli da gabbia stile New York. Risparmi e rendi le stazioni più belle e sicure.

Anonimo ha detto...

Ad anonimo delle 9:42 AM

Hai sbagliato a pagare, oltre a perseguitarti con delle lettere non potevano farti niente. Non pagare il biglietto, nel nostro paese di pulcinella, non è considerato un reato penale; sarebbe stato un problema solo se volevi rimettere piede sul suolo tedesco. Lo stesso meccanismo si applica In Italia se hai una macchina con la targa romena. Puoi permetterti di spadroneggiare e non pagare mai le multe.

http://www.iltempo.it/politica/2015/01/24/auto-italiane-con-targhe-straniere-cosi-i-furbi-non-pagano-danni-e-multe-1.1371511

L'unico modo per evitare l'evasione è non permettere alla gente di salire fisicamente sull'autobus. Una volta saliti se quelli scendono appena salgono i controllori che fai?
I controllori non posso fermare una persona per identificarla. Anche se li metti in borghese sull'autobus appena il controllore si identifica la faccia di cazzo senza biglietto scende lesto alla prima fermata, se il controllore gli mette una mano addosso per fermarlo è aggressione. Non c'è manco bisogno di menarli i controllori basta avere la faccia di cazzo di allontanarsi e loro non possono fare niente. Serve un controllo all'ingresso se sali senza biglietto l'autobus non parte.

Anonimo ha detto...

Perche ti pare poco non poter rimettere piede in Germania?

Anonimo ha detto...

9.42 A M,, tu non eri coglione solo da giovane ma lo sei anche ora ancora di più, ora quindi sei un coglionazzo .

Anonimo ha detto...

Se stai lì, io non ci credo, che rompi a fare il cazzo a noi romani?
Li so che ognuno si fa li cazzi sua a te non l'hanno insegnato?

Anonimo ha detto...

È proprio vero fratelli di RFS, avete ragione.
Oggi volevo prendere l'atobus e non avevo il biglietto, ho preso 100,00 e glieli ho dati in contanti all'autista che se li è presi e poi mi ha dato un calcio nello stomaco e mi ha fatto scendere subito dall'autobus.
Sono Flavio di qualche articolo fa che avevo preso un calcio nello stomaco al mio ritorno dall'Africa.
Perchè gli autisti dell Atac mi prendono sempre a calci nello stomaco?
Sono stanco di vivere in questa città mi trasferisco in Germania, oggi parto ( da casa alla stazione cercherò di andare con l'autobus, speriamo bene di non prendere qualche altra stambata ).
Grazie fratelli di RFS per avermi aperto gli occhi ed aiutato a vedere altri mondi.
Vi amo fratelli.

Vostro fratello FLAVIO

Anonimo ha detto...

È proprio vero fratelli di RFS, avete ragione.
Oggi volevo prendere l'autobus e non avevo il biglietto, ho preso 100,00 € e glieli ho dati in contanti all'autista che se li è presi e poi mi ha dato un calcio nello stomaco e mi ha fatto scendere subito dall'autobus.
Sono Flavio di qualche articolo fa che avevo preso un calcio nello stomaco al mio ritorno dall'Africa.
Perchè gli autisti dell Atac mi prendono sempre a calci nello stomaco?
Sono stanco di vivere in questa città mi trasferisco in Germania, oggi parto ( da casa alla stazione cercherò di andare con l'autobus, speriamo bene di non prendere qualche altra stambata ).
Grazie fratelli di RFS per avermi aperto gli occhi ed aiutato a vedere altri mondi.
Vi amo fratelli.

Vostro fratello FLAVIO

Anonimo ha detto...

12.13 pm Se volevi parlare con l'aldilà è ancora presto non siamo ancora a sera, svegliate!

Anonimo ha detto...

12.13 pm Se volevi parlare con l'aldilà è ancora presto non siamo ancora a sera, svegliate!

Anonimo ha detto...

Ragazzi però dovete ammetterlo: fare 3mila like con una pagina che posta una volta a settimana sempre la solita cazzata che comincia con "A Oslo non succede che..." è veramente da geni del uebbe!

Anonimo ha detto...

Avete scoperto il problema principe dal quale poi nascono tutti gli altri. Regole dure e il rispetto delle stesse una società civile nasce da questo...chi sbagli deve pagare duramente....

Anonimo ha detto...

Ogni popolo ha quello che si merita.

Anonimo ha detto...

Sono 50 minuti che sono sul treno da bari per roma, jo appena passato la stazione di barletta, a roma è un utopia pensare di vedere un co trollore, ma almeno sul treno regionale lo pretendo..che amarezza

Anonimo ha detto...

Non c'è bisogno di andare in borghese. Qui a Losanna, in Svizzera, i controllori girano di solito almeno in 3, e solo l'idea di doverti scontrare con tre armadi del genere ti fa passare la voglia di fare il furbo. Se li vedi in giro ti verrebbe da pensare che siano dei poliziotti. Poi salgono contemporaneamente dalle 3 porte, e non c'è scampo.

Diego ha detto...

Scivolone di rfc:

"per fortuna la Germania ci dice cosa dobbiamo fare"

Il motivo per cui la Germania ha vinto la guerra mercantilista dell'euro zona bisognerebbe chiederlo agli 8 milioni di lavoratori tedeschi che guadagnano 400 euro al mese (mini job).
Peraltro è vero che da 4 o 5 anni la Germania ci dice cosa dobbiamo fare ( con risultati catastrofici naturalmente) ma quello ci dice la Germania è strettamente al mantenimento della sostenibilità dell'euro zona, ovvero al mantenimento di un surplus commerciale infinito della Germania stessa ( tanto il marco tedesco non si rivaluta più...perché c'è l'euro!) e sinceramente dei controllori sulla metro ai tedeschi non glie ne frega nulla.
Io direi che è meglio non avventurarsi su questioni delicate come quelle riguardanti il disastro dell'euro zona, specie in assenza di informazioni più approfondite.

Criss ha detto...

i cuginetti ci avevano messo tutta la volonta per aiutarci, ma li abbiamo cacciati via... adesso scontiamo la nostra spocchia

Anonimo ha detto...

Aggiornamento live, sono a foggia e ancora niente, ma dubito che li vedrò da wuesti parti bah

Anonimo ha detto...

"per fortuna la Germania ci dice cosa dobbiamo fare"

Per fortuna, infatti. Senza la Germania che ci obbliga ad avere conti con una parvenza di ordine avremmo fatto una fine peggiore di Argentina, Grecia, Porto Rico ecc. ecc. E c'è pure chi si incazza perché vorrebbe continuare a vivere nella merda&povertà. Per fortuna quelli così li fanno rinsavire a suon di tranvate, vedasi il cioccolataio greco.

Anonimo ha detto...

non di certo un genio ma almeno orgoglioso...
ahhh allora va bene cosi...

Anonimo ha detto...

pago 250 euro l'abbonamento annuale atac Roma x studenti per mia figlia che scadrà tra pochi giorni.
Leggo di possibili aumenti del costo del biglietto e dell'abbonamento.
Vorrei non rinnovare l'abbonamento a causa del servizio di trasporti pessimo e dell'assenza di iniziative volte a debellare l'evasione.
Tuttavia non voglio insegnare a mia figlia a vivere nell'illegalità.
Adesso la mia morale di padre è in lotta con la mia etica di cittadino.
Grazie Romafaschifo.com per il servizio civio che rendi.

Anonimo ha detto...

pure tua madre capisce al volo.
che donna!

Diego ha detto...

Scivolone di rfc:

"per fortuna la Germania ci dice cosa dobbiamo fare"

Il motivo per cui la Germania ha vinto la guerra mercantilista dell'euro zona bisognerebbe chiederlo agli 8 milioni di lavoratori tedeschi che guadagnano 400 euro al mese (mini job).
Peraltro è vero che da 4 o 5 anni la Germania ci dice cosa dobbiamo fare ( con risultati catastrofici naturalmente) ma quello ci dice la Germania è strettamente legato al mantenimento della sostenibilità dell'euro zona, ovvero al mantenimento di un surplus commerciale infinito della Germania stessa ( tanto il marco tedesco non si rivaluta più...perché c'è l'euro!) e sinceramente dei controllori sulla metro ai tedeschi non glie ne frega nulla.
Io direi che è meglio non avventurarsi su questioni delicate come quelle riguardanti il disastro dell'euro zona, specie in assenza di informazioni più approfondite.

bat21 ha detto...

Sono in piena sintonia con te 17:48pm. Assolutamente d'accordo

Diego ha detto...

ma quanto sono filantropi e altruisti questi tedeschi che ci dicono cosa dobbiamo fare per il nostro bene...a scapito loro peraltro, dato che l'industria italiana è concorrente di quella tedesca....veramente una filantropia e un altruismo degni di ammirazione!:) Veramente degli "uber menschen"!
Sono cosi' superiori che da quando seguiamo i loro "consigli" il debito pubblico italiano è passato dal 105% al 132%...veramente commovente il loro altruismo, se non ci aiutavano loro a sistemare i conti, gli "unter menchen" italiani sarebbero diventati come lo Zimbabwe

Anonimo ha detto...

La domanda è: e se poi queste stime di recupero dell'evasione biglietti che fate si rivela completamente errata (come è facile che sia)? Se si finisse per pagare di più per mantenere in piedi l'apparato di sicurezza rispetto al reale recupero? Poi che fate? Dite che la moralità non ha prezzo, dopo che avete rotto i coglioni co' sta storia dei portoghesi che pagate tutto voi (si come no…) e bla bla bla?!?
Che sarebbero soldi investiti in (ri)educazione civica? Che sono posti di lavoro?

Anonimo ha detto...

@Diego certe persone dimenticano sempre, sbadatamente, che le varie Argentine e Grecia che citano sono andavate in crisi come la loro moneta nazionale è stata messa in scambio fisso 1:1 col dollaro se non essendo più forte (per la Grecia con l'euro).
Conosci anche tu quel meccanismo mentale per cui, uno prende una scorciatoia uscendo dall'autostrada, dopo i primi 2km si accorge di aver fatto una cappellata, ma continua imperterrito su un terreno accidentato invece di tornare indietro e re-imboccare l'autostrada? Finendo così per ritardare di ore, se non per rimanere impantanato in una buca?

By Manfred

Anonimo ha detto...

Sunk costs fallacy.

By Manfred

Diego ha detto...

@ Manfred
vedo che tu hai avuto l'accortezza di informarti sull'argomento. Mi fa piacere.
D'altra parte non si tratta di concetti "strani o originali" ma semplicemente dell'ABC dell'economia.
L'euro è una follia economica e che seguire i "consigli" per distruggere la propria economia, solo per rendere sostenibile un feticcio monetario, è una politica criminale.
Non si creda che questi argomenti non abbiano nulla a che fare col degrado di Roma.Se mancano risorse da investire in progetti di ammodernamento urbano ( a Roma come in qualsiasi città) lo dobbiamo anche all'agonia economica a cui siamo ridotti da 15 anni.

Anonimo ha detto...

@Diego: dubito le due cose siano così strettamente correlate, ma sicuramente c'è un nesso tra di loro: non necessariamente mancanza di risorse = degrado, ricchezza di risorse = ordine e pulizia. Roma era degradata e poco funzionale anche in periodi d'oro se paragonata ad altre città di Paesi che erano anche meno ricchi dell'Italia.
I problemi sono diversi: economia stagnante e depressione, noncuranza della cittadinanza (non solo riguardo l'ineducazione verso,il bene comune, ma anche la mancanza di sensibilità per capire che un ambiente urbano più gradevole incide positivamente sulle loro vite in diversi modi), classe politica e dirigente che autocratica, resistenza atavica al cambiamento in generale.
Insomma gli argomenti sono entrambi complessi (degrado ed economia), e chiaramente non li si può dirimere con pochi commenti, meno che meno arrivare a semplificazioni pericolose come quelle neo-liberiste proposte ad esempio da bat21.

By Manfred.

Anonimo ha detto...

GLI ULTIMI IMBECILLI CHE IMBRATTANO ROMA STANNO SCRIVENDO A CARATTERI CUBITALI "CAMBIA VITA" CON ACCANTO UN PATETICO SIMBOLETTO CHE NON RIESCONO MANCO A RIPRODURRE DECENTEMENTE DENTRO QUELLO CHE DOVREBBE ESSERE UN QUADRATO. DEMENTI IN TUTTO, OVVIAMENTE...probabilmente sarà l'ennesimo gruppettuscolo di (autoprofessantesi) estremo qualcosa (estremi imbecilli e basta, per l'appunto). Stanno imbrattando tutti i quartieri, edifici appena ripuliti, ecc... LA CACCIA E' APERTA IN PIU' ZONE. SI STA CERCANDO DI RACCOGLIERE INFORMAZIONI PER RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI. SE QUALCUNO HA NOTIZIE...

Anonimo ha detto...

Il giornaliero a 6,70 per come sono i mezzi a Berlino non è poco. Spesso sporchi, sempre pieni di bottiglie, qualche volta una vomitata... non proprio profumati. Ritardi e corse saltate non mancano. Non dico sia peggio di Roma, anzi Roma è sicuramente molto peggio per gli autobus per esempio. Ma Berlino non è di certo il paradiso.

Anonimo ha detto...

@Diego: chiedo venia per alcuni refusi del mio ultimo commento dovuti al correttore automatico di scrittura.
Ora devo lasciarti, ho Magda sul fuoco, ed Antongiulio che insiste perché gli compri un new Jersey da installare in cameretta per canalizzare gli spazi comuni con suo fratello Antonluca.

By Manfred.

Anonimo ha detto...

GLI ULTIMI IMBECILLI CHE IMBRATTANO ROMA STANNO SCRIVENDO A CARATTERI CUBITALI "CAMBIA VITA" CON ACCANTO UN PATETICO SIMBOLETTO CHE NON RIESCONO MANCO A RIPRODURRE DECENTEMENTE DENTRO QUELLO CHE DOVREBBE ESSERE UN QUADRATO. DEMENTI IN TUTTO, OVVIAMENTE...probabilmente sarà l'ennesimo gruppettuscolo di (autoprofessantesi) estremo qualcosa (estremi imbecilli e basta, per l'appunto). Stanno imbrattando tutti i quartieri, edifici appena ripuliti, ecc... LA CACCIA E' APERTA IN PIU' ZONE. SI STA CERCANDO DI RACCOGLIERE INFORMAZIONI PER RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI. SE QUALCUNO HA NOTIZIE...

Anonimo ha detto...

"Direste mai che questo ragazzo è un controllore?"

No, non lo diremmo e neanche ce ne frega un cazzo.

Anonimo ha detto...

Anche il grande chef Moreno Cedroni ha iniziato la sua carriera facendo il controllore in borghese nella metro di Senigallia.

Diego ha detto...

@ manfred

a testimonianza di tutte le persone che ci hanno vissuto nel passato, Roma, fino agli anni 60, era una città "normale"....il famoso pittore Balthus arrivo' persino a dire che Roma era una città pulitissima e ordinatissima (!) Forse esagerava ma è testimonianza di tutti che il degrado di Roma e dei servizi urbani della città ha subito un'accelerazione drammatica a partire dagli anni 70, anche se indubbiamente i segnali d'allarme c'erano già da prima.
Sono tanti i problemi che si intrecciano a Roma, quello della carenza di investimenti sulla città è uno dei tanti, non l'unico, ma comunque di sicuro è aggravato dalla crisi eurista.

Anonimo ha detto...

Berlino è abitata da berlinesi. Roma è abitata da romani. I confronti sono necessariamente impietosi. Con i romani non c'è speranza.

Anonimo ha detto...

Sempre in tema di paragoni, qualche giorno fa qualcuno su questo blog disprezzava Roma paragonandola a città come Cosenza o Catanzaro. Sono stato casualmente a Cosenza qualche settimana fa. Pulita, ordinata, zone pedonali interdette alle auto, nessuna macchina parcheggiata in seconda fila, paghi il bus e il parcheggio con l'app. Addirittura un campo nomadi in periferia gestito dal comune con tende allineate e ordinate e servizi di illuminazione e acqua. Magari Roma fosse come Cosenza.
Romani tratto distintivo di Roma.

Anonimo ha detto...

GLI ULTIMI IMBECILLI CHE IMBRATTANO ROMA STANNO SCRIVENDO A CARATTERI CUBITALI "CAMBIA VITA" CON ACCANTO UN PATETICO SIMBOLETTO CHE NON RIESCONO MANCO A RIPRODURRE DECENTEMENTE DENTRO QUELLO CHE DOVREBBE ESSERE UN QUADRATO. DEMENTI IN TUTTO, OVVIAMENTE...probabilmente sarà l'ennesimo gruppettuscolo di (autoprofessantesi) estremo qualcosa (estremi imbecilli e basta, per l'appunto). Stanno imbrattando tutti i quartieri, edifici appena ripuliti, ecc... LA CACCIA E' APERTA IN PIU' ZONE. SI STA CERCANDO DI RACCOGLIERE INFORMAZIONI PER RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI. SE QUALCUNO HA NOTIZIE...

Anonimo ha detto...

Ed intanto le nostre forze dell'ordine stanno facendo rispettare l'ordinanza riguardo il divieto di vendita di alcolici prima dela partita Lazio - Bayern, specialmente in luoghi pregevoli come Piazza di Spagna.

http://video.corriere.it/piazza-spagna-venditori-abusivi-alcol-scalinata/fe1d1de0-450f-11e5-a4b6-1d04b76aab6d

Anonimo ha detto...

caro anonimo agosto 17, 2015 7:07 PM

Mettiamoci d'accordo, "sempre pieni di bottiglie" ?
Non è che quello che si attacca troppo alla bottiglie, sei tu ?
Senza offesa ma sono sceso dall'ultimo bus di berlino 48 ore fa, e siccome non ho visto nulla di tutto quello che dici, uno dei due dice stupidaggini
Marco1963

bat21 ha detto...

Tranquillo Manfred le mie opinioni sono largamente minoritarie in Italia, sono inoffensivo. Tu e Diego godetevi questo declino ventennale fa sicuramente bene.

Anonimo ha detto...

Una città persa gestita da persone incapaci ed abitata da cittadini che spesso non sono esempio di comportamento civile.
Avanti troll....

Anonimo ha detto...

Ciao bat21,
le opinioni o le teorie non acquisiscono validità in base al numero di persone che le condividono. Credo che potremmo mantenere la discussione su binari razionali, senza per questo disdegnare qui e lì la battuta volta a farci rimanere essere umani e non robot.
Tu che ne dici?

By Manfred.

Anonimo ha detto...

@Diego: personalmente ritengo che il degrado di Roma sia iniziato molto prima, e cioè quando si è trasformata nuovamente in metropoli senza adeguarsi a standard contemporanei, con troppe funzioni "addossate" ad essa. Ma è ovviamente solo una mia opinione e teoria personale.

Anonimo ha detto...

tra l'altro da aggiungere che se in un anno ti beccano 3 volte senza biglietto ti mandano ai servizi sociali per vedere se hai qualcosa in testa che non va..

Anonimo ha detto...

Il degrado ha Roma c'è sempre stato, in buona parte dal lassismo stesso di alcuni Romani, e di chi dovrebbe effettuare i servizi. Quello che è esploso nell'ultimo decennio è la conseguenza di quanto detto prima sommata all'emergenza immigrazione, al fatto che Roma è diventata ricettacolo di sbandati cacciati da tutta l' europa.
Falso buonismo e politiche di accoglienza hanno fatto il resto.

Anonimo ha detto...

La cosa più triste dopo le hostess è che "ci vergognamo a chiedere €2, stiamo pensando ad aumentare l'abbonamento annuale". Un altro incentivo a non abbonarsi e sfruttare il sistema delle hostess

Anonimo ha detto...

Ma come si fa a paragonare Roma a Berlino? Due economie incomparabili tra loro, due diverse culture, l'efficienza e il merito espresse dall'etica protestante del lavoro di Berlino, la cialtronaggine e la sciatteria (quando non vera e propria criminalità) di papalina memoria qui a Roma. Anche a Berlino ci sono zone problematiche dove anche a detta dei residenti bisogna stare attenti (Wedding e recentemente anche Revaler/Warschauer, soprattutto per la presenza di gang africane aggressive)ma non ho comunque potuto constatare il livello di degrado raggiunto da Pigneto, San Lorenzo ed Esquilino. Ma poi, se non tiriamo in ballo il romano medio che se paghi il biglietto del bus o butti la cicca nel cestino "se' popo 'n cojone ma chi t'oo'fafffa!!!" non si va da nessuna parte.

Secutor ha detto...

Guarda che quando c'era LUI Roma era perfetta era di esempio al MONDO ..... che Roma papalina !? Poi anche a Budapest da dove scrivo addittura si assumono i studenti delle medie che salgono sui mezzi vestiti da writer poi fulminei si infilano il bracciale rosso e inziano i controlli Qui a Roma li gonfierebbero di botte writer immigrati rom profughi cingalesi bangladeshi clandestini e tutti questi rifiuti umani che ci sovrastano che l'europa ci impone di tenerceli come una discarica umanitaria l'Ungheria ai confini erige filo spinato e controlli sonar anti tunnel per fermare i milioni di disperati che spingono alla frontiera...da terra Renzie/Boldrino avanti siete tutti invitati in Italia a realizzare il terzo mondo in Italia !

Anonimo ha detto...

Qui da Valencia dove mi trovo ora per turismo , vedo una città grande , ben organizzata , molto pulita con marciapiedi con scivoli per portatori di handicap sempre presenti sia in periferia che al centro e mai invasi da auto , con il passeggino non ho mai incontrato alcun ostacolo , invasa dai turisti di questi tempi ai livelli di roma eppure nemmeno una cartaccia in giro grazie al sistema di pulizie delle strade che conta anche di veicoli che lavano il suolo tutte le mattine ed i suoi abitanti gentili e calmi anche in auto con un traffico mai caotico .
Insomma se un a città mediterranea può essere così vivibile e sembrare il paradiso agli occhi di un romano è soprattutto dovuto alla civiltà dei suoi abitanti mentre noi non lo siamo altrimenti bloccheremmo la città indignati , ma in fondo ci lamentiamo e continuiamo a fare il nostro per renderla invivibile addossando le colpe ai forestieri.

Anonimo ha detto...

Perché i forestieri a Valencia come si comportano?

Anonimo ha detto...

Se vado a Roma faccio come i romani ( proverbio antichissimo e internazionale valido in un senso e nell'altro )

roma di stazzema ha detto...

Cittadino Romano e Italiano ha detto...

Roma. funerali casamonica con la musica del padrino. le istituzioni e i loro rappresentanti locali eletti o in divisa guardano , blog di protesta e giornali locali tacciono per convenienza vergogna vergogna .



Anonimo ha detto...

Orgoglioso come un maiale nella sua melma

Anonimo ha detto...

Tra l'altro, qui non si vuole capire una cosa. Quando si utilizza un servizio di trasporto, si accede automaticamente ad un contratto di servizio, che tra l'altro comprende anche un'assicurazione che tutela in caso di incidente. Ma tutto questo si ha se si paga il biglietto. In altre parole, viaggiare sprovvisti di titolo di viaggio significa anche viaggiare sprovvisti di copertura assicurativa, e quindi conviene sempre essere in regola anche per questo motivo.

Anonimo ha detto...

In tempi recenti, alcuni miei amici hanno visitato i depositi e officine della metropolitana a Monaco di Baviera. Ebbene, i responsabili dei depositi hanno raccontato loro che, se beccano gente ad imbrattare i treni a vernice spray (e in genere 3 su 4 vengono acchiappati), di sicuro vengono condannati a pagare i danni. E qui? Al massimo gli direbbero: "Birichino! Non lo fare più, eh! Se no il treno imbrattato piange!".
Guardate in che condizioni versano i treni della metro B e Roma-Lido...provaci là in Germania a farlo.

Luca Xzanders ha detto...

Visitate la mia pagina IL BUONO IL BRUTTO IL CINEFILO

ShareThis