Non sono di Roma e queste cose che a voi sembran normali, mi appaiono come assurde. Percorso in 40 foto

21 luglio 2015










































Nei pochi mesi in cui ho vissuto a Roma ho raccolto tante foto di "particolari" di degrado di questa città. Premetto che non sono di Roma e forse grazie a questo ho sempre guardato questi fenomeni con incredulità e orrore, mentre venivo presa per pazza dai romani (esempio: mentre facevo una foto a delle macchine parcheggiate in maniera assurda mi è stato detto "Aò, ma questa nun sta bene!"). Bene, ora che la situazione è diventata del tutto fuori controllo ho deciso di scapparmene, di tornare a vivere nella mia grande città del nord Italia. Purtroppo credo non ci siano troppe speranze per Roma, davvero non vedo soluzioni a breve termine. Ci vorrà troppa fatica e tempo per far capire ai romani principi elementari di buon senso.
Per esempio:

-il divieto di parcheggio in curva ha una sua ratio ben precisa, e chi non lo rispetta non è più furbo degli altri, è un PIRLA. Una sera ho chiamato i vigili del fuoco per una fuga di gas nel mio palazzo e il loro camion non riusciva a imboccare la strada perché almeno 3 auto erano parcheggiate dove non dovevano, bloccando la strada. A mezzanotte (quindi presumibilmente sono rimaste lì per tutta la notte, tranquillamente). Sinceramente ho paura a vivere in una città in cui so che se sarò in pericolo o starò male, probabilmente i soccorsi non riusciranno ad arrivare in tempo; 

-non credo servano commenti sui parcheggi sui marciapiedi, sulle strisce, davanti agli scivoli per disabili, ecc. Cavolo ma se non ci si arriva col buon senso, qualche multa ogni tanto????;

-l'Ama non offre un servizio efficiente e spesso i cassonetti sono sono sufficienti. Però i romani potrebbero: impegnarsi a piegare gli scatoloni, schiacciare le bottiglie, ecc., in modo da lasciare un po' di posto per tutti. Ma l'egoismo regna sovrano, o forse è solo gusto per le nature morte. 

- Tra l'altro - almeno nella mia zona, Garbatella - la differenziata si faceva per modo di dire, ho trovato porte e tavole di compensato nei cassonetti della carta, plastica e carta sono considerate la stessa cosa... Ci riesce mia nonna a 92 anni e con la terza elementare a fare la differenziata, mi pare strano che per i romani sia così difficile.

- Nella mia città qui al Nord ogni condominio ha i propri cassonetti, che vengono o tenuti all'interno di cortili o spazi idonei interni, oppure, in mancanza, sulla strada ma con un'apposita chiave che viene data solo ai condomini a cui spetta. Se dentro ci trovano qualcosa che non è al posto suo, arriva una bella multa al condominio. Posso assicurare che funziona benissimo. Non ho mai visto rifiuti fuori dai cassonetti, né puzza (d'estate a passeggiare per Roma c'è da vomitare quando si passa davanti all'immondizia!).

- i cartelloni abusivi, horror horroris! Sono ovunque! Ma possibile?

Mi dispiace per lo sfogo, ma grazie a voi mi sento meno sola! Spero che le mie foto possano essere utili/interessanti...
Ho visto che spesso pubblicate foto di altre città per paragonarle con Roma... Appena ne avrò il tempo ve ne manderò qualcuna, credo sia utile per far vedere ai romani che non solo è possibile vivere da persone civilizzate, ma che sono loro gli unici ad essere regrediti a standard medievali.
S. P.

228 commenti | dì la tua:

«Meno recenti   ‹Vecchi   201 – 228 di 228   Nuovi›   Più recenti»
Anonimo ha detto...

Povera Roma, battuta dal Nord anche calcisticamente. Rosica pure per questo, forza Juveeeeeeeeee!!!!!!

Anonimo ha detto...

Bat21 il mio commento era a conferma della tua tesi. In ogni caso ammettendo anche che il ventennio sia stato una parentesi rosea della storia di Roma (cosa sulla quale nutro profondi dubbi), comunque non sarebbe stato neanche in tal caso per iniziativa e impegno dei romani...

Anonimo ha detto...

A Roma lavorano vigili romani, quindi il loro operato è consono alla mentalità dilagante. Ma ve lo immaginate cosa succederebbe se un vigile ligio di un'altra città fosse mandato a Roma e cercasse di lavorare come faceva altrove? Non durerebbe vivo e sano per più di 2 giorni.
Quanto al paragone con la NY degli anni 80... Non mi pare un dettaglio il complemento "degli anni 80". NY ha saputo ripulirsi e riprendersi la dignità. Roma non è in grado di farlo nel 2015... È indietro di almeno 30 anni nella corsa alla modernità e civilizzazione!

Anonimo ha detto...

Queste cose le ho sempre dette anche a voce quand'ero a Roma, quando il discorso capitava. Per fortuna i miei amici romani (di nascita o d'adozione), a differenza sua, erano educati e in grado di discutere come persone civili. Tra l'altro molti di loro erano assolutamente d'accordo con me e mi hanno persino preceduta nella decisione di traslocare altrove... chi a Milano, Torino, Bologna, Modena, Verona, chi a Londra, Dublino, Parigi. Tanti ex studenti fuori sede hanno per sin deciso di tornare a casa loro al Sud, trovandoci spesso opportunità lavorative migliori del precariato romano. Dubito che alcuno di loro deciderà mai di tornare indietro.

Anonimo ha detto...

Se aveste dignità e amor proprio fareste manifestazioni di massa in Campidoglio per lamentarvi e cercare di far cambiare le cose, vi iscrivereste tutti a gruppi come Retake Roma e vi arrabbiereste con chiunque vediate buttare cartacce a terra, abbandonare mobili sui marciapiedi, posteggiare in seconda fila o sulle strisce.
Insultare chi osa parlare dei problemi non è indice di dignità, piuttosto l'esatto contrario!

Anonimo ha detto...

Per romani si intendono chiaramente tutti coloro che vivono in pianta stabile a Roma. Nessuna città è abitata solo da autoctoni... eppure altrove questo degrado non c'è...

Anonimo ha detto...

I problemi interni li conosco, poi ho vissuti tutti i giorni e li ho indagati molto più di tanti di coloro che commentano qui. Non mi azzarderei mai a dare giudizi su realtà che non conosco a sufficienza, la mia onestà intellettuale me lo impedirebbe. I piccoli paradisi a Roma ci sono ma sono sempre meno e vanno cercati bene purtroppo.
Altre città (italiane e non), pur possedendo molte meno bellezze artistiche (o possedendone di meno famose) sono in grado di valorizzarle, tenerle pulite e trasmettere questo rispetto anche ai turisti che vanno a visitarle. A Roma più passa il tempo, più il disordine si espande e nasconde tutto il resto. Sono rimasta stupita, ad esempio, di vedere lo stato in cui versa il quartiere Coppedé: sporcizia, facciate dei palazzi che si sgretolano, parcheggio selvaggio. Che pena, davvero un peccato.

Anonimo ha detto...

Anche nelle città del nord è rarissimo trovare autoctoni d.o.c., io stessa ho genitori che provengono da altre regioni... suvvia è dagli anni 60 ormai che per "romano", "milanese", "torinese" ecc. si intende chiunque viva in quelle città in pianta stabile.
E altrove, nonostante l' "immigrazione" meridionale ed ora dall'estero, uno schifo generalizzato come quello che c'è a Roma non si vede lontanamente. Chissà perché.

Anonimo ha detto...

Tu stesso godi dell'anonimato... e io lo uso per i tuoi stessi motivi.

Anonimo ha detto...

Sissignore. Non è il paese dei balocchi ma la qualità della vita e la mentalità sono ben altre.

bat21 ha detto...

luglio 24, 2015 12:58 AM Ho perso il filo quando i commenti diventano cosi tanti non riesco più a riprendere la discussione :(
Detto questo il mio bersaglio erano i soliti decerebrati robofascisti che devono fare conquista dei cuori e delle menti sul forum raccontando panzane immani per le loro finalità come è quella per cui la Roma del fascio sarebbe stata un eldorado perduto. Mi scuso se con te sono stato troppo polemico ero innervosito.

Anonimo ha detto...

S.P. che tenero il tuo appunto citato nel post: ma grazie a voi mi sento meno sola!
Certo che sei proprio decerebrata per venire a parlare su un blog di anonimi.
Hai girato il mondo e ti ritrovi a parlare con un blog di anonimi, a quanto pare il problema di degrado è prima in te.
Prova a farti avere l'indirizzo mail di BAT21 ( qualcuno lo ha chiamato blogger Manuele Mariani, chiaramente non sappiamo se sia vero ) , altro tipo che trova come te tanto affetto solo nel blog, potreste incontrarvi, anche lui un nordista, parlare di cacche mondiali o di piscio puzzolente oppure defecate marroncine e altre cose simili.

Anonimo ha detto...

Eh se lo dice il Venerdì di Repubblica, i cui milioni di contributi per uscire in edicola versati dalle casse dell'erario, potrebbero invece essere utilizzati per prendere a lavorare qualche centinaia di persone per risistemare la città, beh allora schiocco le bretelle che mi sono messo per assomigliare a quel coglione di Rampini, il teorico terzomondista coi figliuoli che studiano in California, e voi poveri imbecilli a scimmiottare gli indiani che ormai vivete a Calcutta.

Anonimo ha detto...

14 Luglio ore 8.00: ... secondo Krugman è un colpo di Stato...

Anche i più scettici e le anime più candide, adesso che si sono convinti che in Europa c'è un "padrone"... Il quarto reich...

Gli altri, a partire dall'Italia, non contano un cazzo.

Le trattative con la Grecia lo hanno dimostrato senza possibilità d'errore: Renzi e la Mogherini contano come il due di bastone quando briscola è a denari... Lo stesso Hollande, che se la tira tanto (come tutti i francesi), fa l'impressione di un aristocratico della buone maniere, però in disarmo...

Questi summit sono perdite di tempo e di tanti soldi... Basterebbe trattare solo con Angela Merkel e con Wolfgang Schäuble... Il resto è solo fumo dietro cui nascondere il fatto che l'Europa è, ormai, diventata una colonia tedesca...

Siamo arrivati a questo, quasi senza accorgersene... O accorgendoci quando già la situazione era compromessa...

Per noi italiani, la responsabilità maggiore la porta Napolitano... E lui che ci svenduto al quarto reich, accettando la defenestrazione di Berlusconi e nominando Monti come "reggente gradito alla Germania"...

... Un po' come il Maresciallo Pétain, nella Francia del 1940, con le truppe tedesche a Parigi e tutta la Francia sconfitta sotto il tiro dei Panzers e degli Stukas...

Il PD porta anche le responsabilità di essersi piegato al vincitore senza combattere, fornendo voti e uomini (Letta, Renzi...) ai programmi del "conquistatore", facendoci diventare, in solo quattro anni, una docile italietta che, a differenza dei greci, non è riuscita neanche a vendere cara la pelle...

Noi non siamo un popolo... E non siamo neanche uomini...

Noi siamo italiani che si comprano a poco...

E l'Italia è solo un'espressione geografica, come diceva Klemens von Metternich, Cancelliere di Stato dell'impero austro-ungarico... E t'è pareva...

Dopo 150 anni e tante guerre, siamo ritornati a come eravamo: un popolo ad muzzum (versione più gentile di ad minchiam), grazie a questi quaquaracquà che fanno finta di essere statisti... Con la nostra complicità che li votiamo, credendoci...

Cosi come crediamo che Roma sia la grande bellezza... Invece è solo un grande degrado, dove nessuno al mondo c'avrebbe voglia di abitare... Come fosse una città del terzo mondo...

Bisogna salvare l'Italia degli italiani, che pensando di essere intelligenti votano Berlusconi e Renzi... Oppure pensano che Napolitano sia stato un grande presidente...

... E questa è la parte più difficile.

Anonimo ha detto...

@luglio 24, 2015 1:06 AM

Perlomeno la NY anni 80 con la sua zozzeria e il suo degrado ci ha fatto un po' di soldi con il cinema, i telefilm e il turismo.

Anonimo ha detto...

Roma come Napoli? Oh mio Dio speriamo non lo diventi mai, roma è la città eterna mentre napoli è una città di merda piena solo di ladri sfruttatori e malavita a 360° le poche persone perbene si possono contare sulle dita di una mano mentre tutto il resto è pronto solo a delinquere. Il problema della scarsa educazione tutto italiano perché se la gente non trova un modo per tornare a casa usa il car sharing non è detto che debba puoi rimandarla a rimettere a posto d'altronde fatto proprio per questo quindi c'è poco da lamentarsi se mancano le auto in alcune zone della città il sistema deve essere migliorato devono essere meglio distribuita noleggiate per aree... insomma nella Città Eterna tutto si può fare ma alla fine non si fa niente perché a mangiare sono i soliti noti e comunque per favore non paragonare la cioccolata alla merda... bisognerebbe alzare un muro intorno a Napoli e dovrebbero vivere loro tra loro con loro.. ci sono solo belle fighe da quelle parti che appena aprono la bocca ti devi spaventare, Napoli? certo come no la vergogna dell'Italia intera!!

Anonimo ha detto...

PARTE 1

buonasera, è la prima volta che posto un commento in vita mia (prego astenersi battute, non perchè non abbia senso dell'umorismo ma perchè le ritengo inutili in questo contesto in cui, a mio avviso, si dovrebbe mantenere invece un atteggiamento serio, critico, propositivo e, insomma, tutt'altro che ironico). ho scelto di commentare questo post perchè mi ritrovo pienamente nella condizione descritta e non solo... è proprio una cosa che avevo pensato di fare io stessa (pur non ritenendomi più pazza o malata o demente della media ma semplicemente spinta da uno spirito di denuncia, da un desiderio di cambiamento -in meglio- e anche da incredulità e fastidio nei confronti di certe cose...)
Terminati i preamboli vengo al dunque: a febbraio mi sono trasferita da un piccolo paese del nord (lombardia) in uno in provincia di roma per vivere con il mio ragazzo. sono dunque 6 mesi che abito da queste parti, giro per queste strade e frequento (saltuariamente) la capitale.
una delle primissime cose che ho notato e che chiaramente mi ha colpita maggiormente in maniera negativa è proprio la quantità di sporco che si può trovare OVUNQUE, sia a roma che nel mio paese attuale che nel tragitto che faccio col pullman per andare a roma (almeno 20 km)... personalmente la trovo una cosa molto impressionante -nel senso che mi ha molto colpita e che mi ha fa anche ribrezzo sinceramente - e, una delle prime cose che ho pensato era proprio quella di fotografare tutte queste situazioni (anche se forse un video ininterrotto di qualche ora sarebbe più comodo che non dover scattare 100mila fotografie una appresso all'altra! perchè purtroppo come dicevo prima lo sporco è veramente ovunque e non so come facciano certi utenti che scrivono qui a negare questa evidenza!!). non so perchè questo pensiero, non certo per infamare roma o i romani, voglio dire, foto o non foto lo sporco c'è quindi sono i fatti se mai ad infamare non le parole o le immagini in questo caso. credo che mi sia venuto questo pensiero proprio perchè ancora oggi non credo ai miei occhi quando vado in giro e mi ritrovo spazzatura ovunque. e quando dico ovunque intendo veramente ovunque!!! c'è sporco lungo tutta la parte di strada che percorro per andare a roma (almeno 20 km), c'è sporco qui dove abito, in tantissime vie, marciapiedi, piazze ecc.. un sacco di escrementi di cane (che tra l'altro ritengo il meno peggio ma che si potrebbero comunque evitare) e c'è sporco persino in centro a roma. non dico periferia ma ho trovato sporco anche al colosseo, in centro storico, sulle scale di santa maria del popolo!!! quelle poi erano a dir poco zozze...

Anonimo ha detto...

PARTE 2

di recente sono stata in una zona di montesacro per questioni personali, tutti i marciapiedi sporchi, pieni di carte, rifiuti, per non parlare dei cassonetti che ripeto quello che già è stato scritto più sopra: molto spesso sono stracolmi e maleodoranti (ovviamente non si può pretendere che profumino!)e di questo non si possono totalmente incolpare i cittadini perchè evidentemente c'è un problema a monte, nella gestione del servizio. però è anche vero che non si nota il minimo impegno nè nei confronti della differenziata nè tantomeno nel cercare di contenere il volume della spazzatura stessa (piegando i cartoni, le bottiglie ecc....) cose veramente basilari e che richiedono uno sforzo decisamente minimo (basterebbe l'interesse!!) ma che produrrebbero un effetto notevole (senza far venire il mal di schiena a nessuno!!) e di questo non si può certo incolpare l'ama o il governo... questo lo facciamo noi cittadini.. così come le inumerevoli scritte sulle pareti dei palazzi, muretti, marciapiedi, panettoni, monumenti, statue, banchine, matropolitane (echipiùnehapiùnemetta) e gli altrettanto innumerevoli stickers, adesivi e volantini che ricoprono totalmente o in buona parte una gran quantità di cartelli (anche stradali o di informazioni turistico/artistiche orari dei mezzi pubblici ecc...) e pali e lampioni!!! tutto questo lo facciamo noi per primi... solo dopo viene l'assenza delle istituzioni e dei vigilanti. perchè se siamo al punto (e ahimè lo siamo) per cui ci serve una multa o qualcuno che ci dica che la carta in terra non si butta, lo sporco va differenziato, i beni pubblici vanno rispettati, i parcheggi selvaggi non vanno bene... beh... mi viene tristezza, oltre che sconcerto e perdita di fiducia!! ma che cavolo.. ci serve veramente qualcuno che ci dica queste cose?? siamo esseri pensanti o cosa?? abbiamo rispetto per noi stessi, le nostre capacità intellettive, la nostra condizione di esseri senzienti???

Anonimo ha detto...

PARTE 3

io stessa ho assistito a:
-un ragazzo che buttava un pacchetto di sigarette vuoto dal finestrino del pullman,
-un altro che, finita la sua pizzetta, ha tentato -sbagliandolo- un canestro nel cestino e lasciando la carta a terra,
-un bambino che terminato il succo ha gettato il brik sul marciapiede proprio davanti ai miei piedi,
-un sacco di persone (perlopiù giovani) che mettono i piedi sui sedili del pullman dove poi la gente dovrebbe sedersi!!
in tutte queste situazioni non ho mai detto niente, primo perchè non mi viene mai in mente cosa potrei dire senza essere offensiva e poi anche perchè ho sempre paura della reazione dell'altro, di perdere la calma producendo solo un effetto negativo e non il contrario come invece vorrei. so di sbagliare e per questo mi sento anch'io in parte colpevole di questa situazione e mi faccio continuamente autocritica cercando di migliorare. quello che credo dovremmo fare tutti, perchè migliorare è possibile e a volte è anche facile (e bello).

Anonimo ha detto...

PARTE 4

concludo -con un ordine casuale in base a come mi vengono- dicendo che:
1) a mio avviso potremmo iniziare a concentrarci e dedicarci concretamente a queste azioni che dipendono direttamente ed esclusivamente da noi. quello che fa il governo (come ad es il sotterrare i rifiuti tossici quà e là -ce ne sono tanti al nord quanti al sud- come è stato scritto sopra) non lo possiamo controllare, sapere e combattere con la stessa immediatezza e facilità con cui invece possiamo correggere i nostri stessi errori o comportamenti negativi.
2) non ho scritto dove abito ne da dove vengo ne mi firmerò perchè non le ritengo informazioni utili (che differenza fanno non l'ho ancora capito)
3) non sono una scrittrice nè una persona particolarmente colta quindi chiedo preventivamente scusa per eventuali errori che posso aver commesso ma sono dell'idea che in questi casi sia il messaggio che conta e quello confido che sia chiaro e si capisca
4) non sono di milano, non sono leghista e onestamente me ne intendo e conosco ben poco di politica (altro aspetto da migliorare) ma allo stesso tempo considero l'argomento qui trattato una questione di educazione, buon senso e rispetto per noi stessi, non un qualcosa di necessiariamente riconducibile alla politica
5) mi firmerò con uno pseudonimo cosicchè potrò leggere meglio gli eventuali commenti a me rivolti
6) non sono un'assidua frequentatrice di questo sito, non conosco l'autore nè se le sue intenzioni siano positive o meramente speculative come spesso viene insinuato (e che non credo e spero) però conosco me e posso dire che ho scritto queste cose con il migliore degli intenti
7) non sono convinta che si debba necessariamente fare paragoni con altre città, altri luoghi, altri posti. ogni situazione è a se stante. presenta condizioni e caratteristiche differenti. bisogna semplicemente ragionare su quello che abbiamo, sulle possibilità e puntare e convogliare le nostre attenzioni e il nostro impegno verso il meglio, verso il bello, verso una qualità della vita che ci faccia stare bene. per noi stessi.


scusate per la lunghezza del testo. grazie a chi avrà la pazienza di leggere tutto, a chi mi capirà e vorrà commentare positivamente e soprattutto propositivamente queste mie parole. con l'augurio che nessuno si senta offeso nè tantomeno si prenda gioco di argomenti che invece a mio avviso sono seri e che potrebbero trarre miglioramenti da un sano e rispettoso dibattito, non da battute tristi e scadenti, offese, trollate e quant'altro riserverei molto più volentieri ad altre sedi.

a presto, michela

Anonimo ha detto...

Mi sembra di stare in un asilo per bambini.....scusate ROMANI DE ROMA..che tanto ve la tirate...........ma essendo la VS. UNA CIVILTA' antica...perché non avete IMPARATO UN PO' DI SENSO CIVICO? Ve la prendete perché ci sono delle FOTO CHE RITRAGGONO LA REALTA'?.....portate pazienza...NOI ITALIANI ...magari della Padania....ci pensiamo prima di parcheggiare sulle strisce pedonali o buttare l'immondizia in strada ......non questi attacchi furiosi verso chi dice SOLO LA VERITA'. BEH...ROMA come avete scritto ? CAPUT MUNDI?..SI ..SI..kAPUT..kAPUT....proprio.........una vergogna per l'Italia intera.

Anonimo ha detto...

hai proprio ragione roma non viene trattata come merita ditemi che ci stanno a fare i politici se non che a mangiare soldi

Anonimo ha detto...

Milano e' corrotta da 'Ndrangheta, ragaz. Io sono di Milano, e mi viene il vomito a pensare al nostro sindaco pezzente e colluso con le mafie meneghine per creare un fallito EXPO!
Roma? Roma e' un sogno! Venite a vedere quante sono le donne violentate in pieno giorno ed in pieno centro a Milano: la citta' ghetto dell'Europa.

BIG HORN ha detto...

Io sono di Roma e vorrei rispondere a tutti gli aoo,Romani maleducati,anarchici ingestibili,senza rispetto altrui e delle leggi,nessun senso civico,violenti arroganti e sporchi,non sanno cosa significhi parlare in italiano per farsi almeno capire da chi di Roma non e',non parliamo poi dei servizi,dai trasporti alla spazzatura,dalla sanita' all'istruzione,gli esercizi pubblici poi...ne vogliamo parlare?da terzo mondo sporcia e igiene latente uno schifo entrare in un bar o ristorante di Roma, le ecczioni sono davvero poche, un consiglio, almeno una volta nella vostra vita ....uscite dal Raccordo e andate a visitare luoghi e popoli civili.....ciao ciao

Anonimo ha detto...

Sono contento che molte di queste foto mettano in evidenza quanto fa schifo quel lurido, merdoso, degradato, decadente quartiere chiamato Garbatella, dove purtroppo abito. Danneggiato anche da quegli SCHIFOSI LURIDI DEL CENTRO SOCIALE LA STRADA.

Anonimo ha detto...

Roma capitale della feccia. Coatti ovunque, ignoranti in smart, suv e scooterone che superano a destra e investono gente sulle strisce come fosse nulla poi se ne scappano. A roma si vive come in gta, si fanno danni a persone e cose e poi si scappa via. Città di addormentati con scarsa attitudine al lavoro e molta alla violenza e al malaffare.Solo violenza e maleducazione, tanto in periferia co.e al centro. Buche e immondizia a non finire. Ragazzi maleducati incitati dai genitori a commettere soprusi e violenze. Schifo, schifo, schifo.

Anonimo ha detto...

Siamo nel 2019 e la situazione è molto ma molto peggiorata, i romani sono sempre più sporchi, oramai ci sono più materassi per strada che sui letti e il caos regna sovrano. Beata chi ha scritto questo post perché ha avuto l'opportunità di andarsene.
Purtroppo i romani semplicemente vivono bene tra la sporcizia ed è la dura verità, chi non è di Roma evita i marciapiedi colmi di spazzatura, i romani ci passano sopra come se nulla fosse. Povera Roma, piena di romani e di zingari

maria ha detto...

ciao, è difficile vedere il tuo vero amore prendere una direzione diversa, ciao a tutti mi chiamo maria luke sono sposata da 20 anni e un giorno mio marito mi ha detto che non poteva continuare il nostro matrimonio perché che aveva visto un'altra donna decidere di chiedere aiuto e di trovare qualcuno con la mia storia simile online, come è stato ripristinato il suo matrimonio e sento che questo cambierà la mia storia, vivo felicemente con mio marito, proprio come quando ci sposiamo, rafforziamo il nostro amore reciproco e scopro anche che mio marito ha avuto un'influenza negativa, sono molto grato a questa persona per l'aiuto, se hai bisogno di supporto., Whatsapp + 23490) 6157) 0504)

«Meno recenti ‹Vecchi   201 – 228 di 228   Nuovi› Più recenti»

ShareThis