Finalmente i cordoli sono definitivi. Miracolo a Via Giolitti? 2 video per analizzare il caso

7 aprile 2016

E' una delle partite che consideriamo più importanti quella del corretto arredo urbano delle strade, è forse proprio grazie al nostro impegno e alla noiosa nostra ripetizione per anni e anni riguardo alla importanza di queste scelte che ora finalmente certe scelte si provano a compiere.
E dunque non potevamo mancare al primo giorno di nuovi arredi (anche se ancora non siamo all'inaugurazione, visto che come è evidente manca parte della segnaletica) su Via Giolitti, la strada che affianca sul lato sinistro la Stazione Termini, da sempre ostaggio della maleducazione e dell'ignoranza di chi è convinto che portare un parente o un amico alla stazione (o andarlo a prendere) dispensi dal seguire le norme di civiltà e il Codice della Strada. 

Si sta cercando di porre rimedio, con decenni di ritardo ma si sta facendo. Una delle tante legacy positive della Giunta di Ignazio Marino che in soli 2 anni di governo è riuscita a scalfire problemi che si erano incancreniti da un cinquantennio. Una amministrazione che purtroppo avremo modo di rimpiangere.

Ma non per questo bisogna dire che a Via Giolitti tutto va bene. I nostri filmati sono due, uno risale a ieri mattina verso le 9.45, uno a ieri pomeriggio vero le 17.50. I due documentari aiutano a isolare i primi evidenti problemi della nuova disciplina. Speriamo davvero che chi ha progettato questa bella novità abbia ora la forza di metterla a punto, nell'attesa che, nei prossimi giorni, un cordolo arrivi pure a Via Marsala ad oggi impunemente utilizzata come parcheggio da centinaia di persone ogni giorno. Vediamo schematicamente cosa c'è da migliorare.


1. Via Gioberti è il delirio e rischia di spostarsi li tutta l'inciviltà che viene tenuta alla larga da Via Giolitti, occorre riarredare anche quella strada e lo si può fare semplicemente proteggendo la preferenziale. Anche qui con un cordolo si può migliorare tutto e soprattutto garantire ai mezzi pubblici di non restare imbottigliati dietro cortine di lamiere in sosta abusiva


2. L'incrocio tra Via Gioberti e Via Giolitti va sistemato perché così com'è viene utilizzato come un piazzale di sosta per chi non vuole immettersi nel sistema dei cordoli. Li vedono, si fermano e fanno lì i loro bisogni automobilistici incuranti del fatto che poco più avanti c'è un parcheggio regolare (tra l'altro gratuito per 15 minuti) a disposizione. La cosa tra l'altro interrompe la preferenziale, che andrebbe segnalata con più cura e nel tratto scoperto, in corrispondenza di questa intersezione, "protetta" con delle borchie.

3. Via Giolitti lato basso rischia il delirio. In quel tratto c'è un solo cordolo e lo spazio per la sosta selvaggia abbonda. Bisognava portare i parcheggi più verso il centro della carreggiata ricavando magari una bike-lane a fianco al maciapiede. Così si sarebbe risolto.

4. Aver lasciato dei posti di sosta nella parte lato negozi (lato Mc Donalds) di Via Giolitti di fronte all'uscita della Stazione è stata una pessima idea che avrà conseguenze.

5. La segnaletica per il kiss&ride è largamente insufficiente.

6. I cordoli verso il semaforo all'altezza di Via Cavour finiscono troppo presto, specie il cordolo di sinistra, e lasciano purtroppo spazio a chi si ferma in sosta selvaggia sulla sinistra prima del semaforo.

7. Tutta l'area dovrebbe essere dotata di telecamere per sanzioni certe a chi sgarra: sono tante le persone che fanno comunque scendere e salire al volo bloccando tutte le auto nelle corsie cordolate.

Gli altri punti li aggiungeremo guardando i filmati, nella consapevolezza però che questi esperimenti sono fondamentali nella misura in cui sono replicabili. E non solo a Via Albalonga dove la sperimentazione è già partita, bensì in tutte le altre mille strade di Roma ostaggio dell'inciviltà. Non c'è altra maniera più economica ed efficace per far cambiare abitudini ai romani in tempi ragionevoli e senza attendere generazioni o l'avvento del teletrasporto. Ecco perché, rischiando di annoiare i nostri lettori, abbiamo dedicato a questa novità ormai forse decine di contenuti nell'ultimo anno.

34 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

Ci sono passato lunedi pomeriggio per prendere una persona che arrivava con molti bagagli e - in assenza di una qualsiasi segnaletica, e con poco traffico - sono riuscito ad accostarmi al marciapiede ed in pochi secondi ero di nuovo in movimento. Speriamo che con la segnaletica le cose non peggiorino e che, con un adeguato spazio di "fermata" regolare, si sia implacabili con chi intralcia traffico e pedoni.

Lorik ha detto...

Mi sembrano leggermente troppo larghe le corsie, ma tutto sommato buono

Anonimo ha detto...

A me sembra già un miracolo che l'abbiano fatto ed in così poco tempo (mi aspettavo di veder finito in 5 o 6 anni) non mi pare proprio il caso di lamentarsi pure.

Rosino ha detto...

Manca, come evidenziato al punto 5, la segnaletica che informa i romani del parcheggio con 15 minuti di sosta gratuita!

Matteo ha detto...

Tutto bello e condivisibile, per carità. Ma scrivere "legacy positive" o "una bike-lane" è proprio indispensabile? Cioè, l'italiano fa talmente schifo che bisogna usare per forza termini inglesi a caso anche quando non serve assolutamente a nulla?

Anonimo ha detto...

Cosa bellissima ma se e' vero che a pensar male si fa peccato ma ci si azzecca sono sicuro che tra 6 mesi la corsia riservata ai bus verra' utilizzata dalle maghine come una corsia normale:nessuno rispettera' le regole e nessuno le fara' rispettare. RfS ti prego, vigila !!

Anonimo ha detto...

Stamattina il rappresentante massimo ed esempio vivido della "voglia di legalità" nascente, esimio Prof. Cav. Grand. Uff. Raffaele Cantone, ha pronunciato delle tonanti e fulgide parole che a noi tutti devono suonare finalmente come la diana della riscossa:
DEVONO RIDARCI HIGUAIN.
Gioite gente gioite e festeggiate, finalmente un degno rappresentante che lotterà impavido contro la corruzione

Anonimo ha detto...

Secondo voi tra quanto arriva il vigile urbano che ci dira che non sono a norma secondo il regolamento del cazzimperio? O l'associazione di consumatori della ceppa che protestaera perche ledono il diritto alla mobilita automobilistica?

Anonimo ha detto...

Bella stronzata l'avere impedito la sosta breve vicino agli ingressi della stazione! Pochi giorni fa, pur essendo non ancora completata l'opera che tanto arrazza l'onanista che commenta i filmati (ma chi è? Il noto candidato sindaco e attacchino a tempo perso Tonelli?), ho dovuto abbandonare al loro destino i miei genitori (164 anni in due, uno deve muoversi con il deambulatore!) perché era ormai impossibile fermarsi anche solo pochi minuti. Il decantato parcheggio è a ben più di 30 metri dalla stazione e con soli 15 minuti di sosta gratuita non si riesce certo a scaricare il bagaglio, aprire il deambulatore, accompagnare gli anziani al binario, tornare indietro e uscire dal parcheggio. L'operazione, quindi, costa almeno € 2,20 che, per il maniaco del decoro fasullo saranno anche pochi, lui magari si può permettere persino il taxi che invece può usufruire della geniale corsia riservata. Insomma non ho nemmeno potuto accompagnare i due vecchietti al binario, o meglio all'accesso ai binari e li ho lasciati avventurarsi da soli nel sereno ambiente della Stazione Termini con borsa, trolley e deambulatore. Son belle soddisfazioni sapere che se la sono cavata e hanno preso il treno sani e salvi con ancora tutti i loro bagagli, ma la voglia di dimostrare fisicamente l'apprezzamento per gli sproloqui del filmatore seriale è tanta. Magari lo incontrerò mentre filma con soddisfazione e la patta gonfia qualche multa su un parabrezza, chissà...

Anonimo ha detto...

@ 11.34 AM

In nessuna parte del Mondo si vedevano le scene di Via Giolitti. Pagare 15 minuti in piu' di parcheggio non mandano in rovina nessuno, non farlo manda in rovina una citta'....

Anonimo ha detto...

Onan il barbaro armato di videocamera segue le sue prede silenziosamente così come gli ordina il suo dio Max lo svuota cantine, e mentre riprende mugola di gioia e di piacere e questi rumori, a volte, possono essere scambiati per linguaggio.
Appena terminata la battuta di caccia, rientra nella sua tana e tra un poster di peppa pig ed uno del sindaco marino in bicicletta, riassapora il suo lavoro e mentre i fotogrammi si ripetono, inizia il suo rito onanistico.

Anonimo ha detto...

te arzavi 20 minuti prima e i vecchi li accompagnavi fino ar binario e je caricavi pure le borze sur dreno. nun ce rompe er cazzo.

Anonimo ha detto...

pure se quarcuno se arzava 20 minuti prima...nun cacavo su sto monno un fijio stronzo....................

Anonimo ha detto...

"Il decantato parcheggio è a ben più di 30 metri dalla stazione"

30m per dio! La distanza coperta da 5 auto in sosta!

Anziani con demabulatore hanno l'indennita di accompagno anche per poter pagare il parcheggio quando serve. Quante volte al mese prendono il treno? Non potete spendere il prezzo di meno di un caffe a testa?

Che pezzente... 30 m...

Anonimo ha detto...

pori genitori anziani con le valigie e il deambulatore che se ritrovano un fijo pezzente e miserabile che nun li accompagna ar binario perchè je costa 2 euro e 20. e se lagna pure che il parcheggio è distante. ripeto: pori genitori.

Anonimo ha detto...

Il gentile commentatore qui sopra ha scordato rutto e peto d'ordinanza. Siamo comunque tutti lieti di constatare che la sua augusta genitrice ogni tanto ha potuto accoppiarsi anche senza utilizzare le protezioni meccaniche indispensabili alla salvaguardia della salute di chi esercita abitualmente il meretricio.

Anonimo ha detto...

a madrid le cose le risolvono cosi

http://www.romafaschifo.com/2013/03/gli-incroci-madrid-sono-cosi-hanno.html

Anonimo ha detto...

[...]Senza contare che su via Giolitti sono presenti anche numerosi posti per disabili.

Anonimo ha detto...

mi madre sarà pure na mignotta. ma almeno io la rispetto. e se je serve na mano gliela daró sempre. e non la lascio in strada per non spendere 2.20 euro di parcheggio. io saró pure un figlio di puttana. ma te rimani un pezzente e un miserabile.

Anonimo ha detto...

Non vedo l'ora che un autobus vada in panne. Il traffico si blocchera' fino alla Colombo.

Anonimo ha detto...

Rimpiangere Marino ?? l'unica cosa che mi potrebbe far rimpiangere Marino è un meteorite che colpisca la città!

Anonimo ha detto...

Non vedo l'ora che un autobus vada in panne. Il traffico si blocchera' fino alla Colombo.

Tranquillo stanno arrivando quelli nuovi. Non c'è rischio.
E comunque meglio un autobus rotto una tantum che doppie file ogni giorno.

Massimo ha detto...

Lo rimpiangeremo eccome Marino.
Comunque tornando all'argomento a me sinceramente quei cosi sembrano ORRENDI e come avete visto nei filmati non risolvono un granché. Sarebbe stato molto meglio allargare i marciapiedi ed un arredo più completo come giustamente denota RfS e come fa vedere il filmato di Madrid (ma vale anche per molte altre città nel Mondo). Poi la Stazione Termini è l'unico luogo in tutta Roma servito da N treni più 2 metropolitane, EPPURE CI VANNO TUTTI IN AUTO!!!!! Questo è il problema. Nei commenti del filmato di Madrid un tizio dice che il problema dei Romani è il culo pesante! Nulla di più vero!!!

Anonimo ha detto...

Come avete fatto a rimuovere dal video il lago di sangue creato dalle legioni di ciclisti e motociclisti che inevitabilmente si sono sfracellati sui cordoli??? Censura censura!!

Anonimo ha detto...

Forse il candidato sindaco e attacchino titolare del blog, non sa che io dovevo accompagnare il mio orso bruno a prendere un treno per Berlino, nonchè il suo tronco d'albero cavo, che lui porta sempre con se per grattarsi, e non ho potuto parcheggiare gratis in doppia fila per accompagnarlo al binario!
Tutto merito dei cavoli di cordoli!
Morale, l'orso ha perso il treno ed è ancora qui a casa mia ospite, e lo sapete quanto cazzo mangia un orso, no?

Anonimo ha detto...

"Non vedo l'ora che un autobus vada in panne. Il traffico si blocchera' fino alla Colombo."

Se l'autobus va in panne grazie ai cordoli si bloccherà solo una corsia e il traffico potrà essere incanalato nell'altra. Inoltre l'autobus probabilmente andrà in panne nella corsia riservata agli autobus, non inficiando minimamente quella riservata ai privati. Con la doppia fila invece un autobus in panne era una catastrofe. Bastava un minimo di ragionamento per capire che hai detto una stronzata, perché non ci hai pensato prima?

Ah già! L'analfabetismo funzionale!

Anonimo ha detto...

"Forse il candidato sindaco e attacchino titolare del blog, non sa che io dovevo accompagnare il mio orso bruno a prendere un treno"

Qui però siamo abbondantemente oltre il limite della malattia mentale. Da brividi, povera gente.

Anonimo ha detto...

Annoiare i lettori? Sono proprio le proposte concrete e le analisi ragionate che fanno grande questo blog. A "urlare contro il malessere" sono capaci tutti e bastano i grillini per quello...

Anonimo ha detto...

"ben più di 30 metri"... Saranno neanche 50. Esci prima da casa

Anonimo ha detto...

Ooooooh, finalmente. Non dormivo piu' al pensiero di Via Giolitti senza cordoli.

Anonimo ha detto...

Ma se questo tipo di argomenti non vi interessa, perché intervenite su questi argomenti su questo blog?
Bo.

Anonimo ha detto...

perche roma e piena di idioti e questo sito purtroppo non fa piu eccezione

Anonimo ha detto...

Voglio altri 100, 1000, 1000 cordoli come quelli di via Giolitti. Cordoliamo la città ! E vaffanculo alle maghine

Anonimo ha detto...

Finalmente la gamorraaaaaarghhh della doppia fila avra' vita dura.

ShareThis