Vetturini indagati e nuove stalle per le botticelle a Villa Borghese abbandonate. Un'altra storia incredibile

27 aprile 2016





Oggi è uscita sui giornali la notizia dell'indagine in corso sui vetturini (certi personaggi che levete...) e ci ha fatto tornare in mente le foto fatte qualche giorno fa a Villa Borghese, dal ponte del Pincio, laddove sono state realizzate le nuovissime stalle in legno (ma a quanto pare anche qui non è filato molto liscio il discorso dell'appalto e l'affidamento). Ebbene per motivi burocratici le stalle sono state bloccate, sebbene finite, sono state lasciate in abbandono. Le erbacce se le stanno mangiando. Per motivi invece ancora peggiori (igienici in primis e di salute dei cavalli) le stalle storiche all'ex Mattatoio di Testaccio sono state anche loro sequestrate, ma in quel caso, forse unico caso al mondo, si è sequestrato dando ai responsabili della condizione che ha determinato il sequestro il permesso di utilizzare ancora la struttura. E lo si è fatto pur in presenza di una struttura nuova e a norma pronta ad essere utilizzata.
Ok, non avete capito. Riproviamo schematicamente.
I cavalli che tirano le botticelle di Roma vengono alloggiati ogni mattina in posti fatiscenti, così fatiscenti da aver portato i vetturini che ce li portano davanti al giudice

Nel frattempo sono state costruite per ideazione di Alemanno e per concreta realizzazione di Marino delle stalle nuove a Villa Borghese.

Le stalle vecchie intanto sono state sequestrate.

I cavalli vengono portati nelle stalle nuove visto che le vecchie sono sequestrate? No, perché sulle stalle nuove pende una inchiesta, mentre le vecchie sono state sequestrate ma è stato consento il loro utilizzo dagli stessi vetturini che sono sotto indagine per maltrattamenti degli animali. 





Ma non è finita qui. Perché tutta questa ridicola tiritera blocca dal 2003 (dal 2003: 13 anni!!!) lo sviluppo negli spazi attigui alle vecchie stalle dell'Accademia di Belle Arti di Roma, che ha avuto in affidamento questi ex padiglioni del Mattatoio e che potrebbe utilizzarli per svilupparsi, per crescere, per rivaleggiare con Brera e, chissà, con qualche altra accademia internazionale. Magari sfruttando il fatto di essere a Roma, la città dove tutti gli artisti devono passare una volta nella vita, la città che ha decine di accademie internazionali sul proprio territorio che manco New York. Eppure niente, grazie ai vetturini e agli animali (loro si, no i cavalli) che hanno gestito questa storia tutto è fermo e bloccato.

Con il sospetto, tra l'altro, che questo stato di cose serva a qualcuno. Che qualcuno, insomma, non possa assolutamente fare a meno di quel buco nero fuori dalla legge, di quella terra di nessuno che chiunque può utilizzare per nascondere nefandezze. Ma queste sono soltanto nostre illazioni. Nostre e delle tante persone che si sono occupate di questa nuova incredibile e assurda faccenda romana. 

9 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

L'ennesimo schifo di questa Città; perdipiù sapete come vengono ringraziati i cavallini quando arrivano all'età pensionabile? Un furgoncino li accompagna a Via Palmiro Togliatti, dove c'è il mattatoio vero.....immaginerete il resto.

Anonimo ha detto...

Realizzati dalla stessa ditta della torre di ponte milvio al costo di 1 mln di euro se nn mo ricordo male.....Innovativi!!!

Anonimo ha detto...

Ma...ma...questa e'....gamorrraaaaaaa.

Anonimo ha detto...

Non glielo ricordare senno' Tonelli me s'avvizzisce come na' margherita.

Anonimo ha detto...


Non vi preoccupate ... arrivano Giacchetti (o la Melloni) e risolvono tutto!

Tranchi rega ... tranchi ... aspettando Godot

Anonimo ha detto...

Ma de che, saranno i casaleggini a risolvere tutti i problemi del mondo...scie chimiche, esistenza delle sirene, i mandanti dell'omicidio JFK...daje che manca poco.

Anonimo ha detto...

Ecco le solite scimmie che berciano...

Anonimo ha detto...

Oh, io sono negro, a chi hai dato della scimmia? Occhio che è un attimo che ti denunzio!

Anonimo ha detto...

dai a rega, famo n'associazione gurduraleh, sogialeh, "peereguberodeestalleh" gosì er gomune ge finanzia'r progeddoh!!!!

SE MAGNAAAH!!!!

ShareThis