Funerale AMA a Roma. Lo strano caso dei tanti siti e servizi di Onoranze Funebri che si chiamano tutti come quello ufficiale dell'Azienda Municipalizzata del Comune di Roma

29 aprile 2016

Carissimi,

Voglio raccontarVi quello che mi è successo circa 5 mesi fa quando è venuta a mancare mia mamma; tengo a precisare che mamma si è spenta a casa sua dopo una lunga malattia e notevole sofferenza soprattutto negli ultimi due giorni.

Appena constatato il decesso dal medico dell’hospice S. Antonio di via Mecenate dal quale era assistita, mi sono subito messo alla ricerca dell’agenzia delle onoranze funebri dell’Ama e ho cliccato sul primo link che mi è capitato sul motore di ricerca Google ed è venuto fuori quello che sembrava essere proprio l’Ama.

Purtroppo solo quando oramai avevano sistemato la salma di mamma mi sono accorto che non erano loro e oramai non potevo più disdire visto che il giorno dopo erano previste le esequie.

Secondo me il fatto che siano stati validi nel loro lavoro non gli deve consentire di utilizzare lo stesso nome dell'azienda che a Roma si occupa dei servizi funebri e di smaltimenti rifiuti.

Quando infatti sono andato dal titolare a fare le mie rimostranze, lui mi ha risposto che è tutto perfettamente legale e anche se la sua azienda si chiama San Leone a Roma può tranquillamente chiamarsi Ama o compAMA e anzi l'Ama stessa si serve dei suoi mezzi. Anni addietro se n'è occupato anche il quotidiano "Il Tempo" (qui e qui).

Ho scritto al Comune che mi ha risposto quanto di seguito riportato:

Gent.mo
Le rappresento quanto riscontrato da Ama cimiteri capitolini.

la segnalazione in oggetto riguarda una vicenda di sviamento a danno dei consumatori/cittadini e di concorrenza sleale a danno dell’azienda che si protrae da anni e su cui sono state intraprese le dovute azioni giudiziarie di tutela.
Infatti vi sono sul mercato delle onoranze funebri diversi operatori (tra cui Computer Ama, La Rustica, Lorenzetti, Funeral Service, oltre quello citato dal sig. ***) che cercano di acquisire clientela attraverso un uso di marchi o segni distintivi riferibili ad AMA od allo stesso Comune di Roma, con lo scopo di catturare, specialmente attraverso il web, la fiducia dei consumatori/cittadini che vorrebbero commissionare ad un soggetto pubblico, ritenuto e riferito più affidabile e più economico, il servizio di onoranze funebri in occasione di lutti familiari.
Avverso tali comportamenti scorretti di alcuni tra questi operatori citati Ama ha proposto innanzi al Tribunale Civile di Roma, che ha una sezione specializzata nella tutela della proprietà industriale ed intellettuale, azioni civili per ottenere l’inibitoria da tali comportamenti commerciali sleali ed il risarcimento dei danni.
Le domande di Ama sono state ritenute meritevoli di accoglimento da parte del Tribunale Civile che ha inibito all’operatore scorretto di continuare tale pratica commerciale, disposto la rimozione di inserzioni e pubblicità, comminato una penale (di euro 500) per ogni violazione commessa ed una per ogni giorno di ritardo circa la disposta rimozione della pubblicità ingannevole; sulla base di tale decisione è stata inviata una diffida a rifondere Ama, per il danno accertato, la somma di euro 38.700 (Tribunale di Roma, Sezione IX, RG. 17662/2012).
In seguito alla decisione di cui sopra è stato raggiunto l’accordo con altro operatore contro cui è stato instaurato analogo procedimento e con cui si è convenuto, previa sua rinuncia all’uso illegittimo di loghi o dizioni riferibili alla identità visiva di Ama, di prevedere una penale di 3000 euro per ogni futura ed eventuale violazione ed una per ogni giorno di ritardo nella rimozione di pubblicità ritenute ingannevoli.
Inoltre a tutti i cittadini che si sono rivolti alla scrivente amministrazione lamentando fatti analoghi è stato consigliato di presentare denuncia penale in modo da prevenire anche penalmente un fenomeno da combattere prima che si diffonda in modo più difficilmente arginabile; così agendo inoltre gli stessi cittadini potrebbero esercitare l’azione civile di risarcimento all’interno del procedimento penale eventualmente instaurato dal pubblico ministero.
Questi, in breve, i fatti della vicenda vissuta dal sig. *** e da altri cittadini e la risposta di Ama che non ha subito passivamente allo sfruttamento illegittimo del proprio logo ma ha reagito a propria tutela e nell’interesse di tutti coloro che in un momento delicato sono soggetti a subire l’arroganza commerciale di alcuni operatori privati del settore; per ogni ulteriore dettaglio che vorrete approfondire rimango a disposizione unitamente agli uffici competenti di Ama che, a livello centrale, seguono l’evolversi dei procedimenti giudiziari pendenti.

Nel ringraziarla per l’attenzione posta verso la Città e nel restare a disposizione, colgo l’occasione per porgere
Cordiali saluti

               
            Italo Battisti
            Ufficio per i Rapporti con i Cittadini
            Gabinetto del Commissario
            Tel. +39 0667104876-4877
            italo.battisti@comune.roma.it


Evidentemente non si vuole fermare definitivamente (o non si hanno gli strumenti adeguati - il che è ben più grave...) chi si arricchisce sfruttando il logo di una municipalizzata approfittando anche meschinamente e vigliaccamente dell'evidente stato emotivo e di fragilità in cui si trova una persona che ha appena perso un familiare molto stretto.
Due parole a Voi per ringraziarVi per la Vostra continua opera di denuncia nei confronti di questa pessima classe di politicanti che ha ridotto questa città al livello di Mogadiscio, anche se Vi devo confessare che non ho alcuna fiducia che questa situazione migliori granchè perché mi sembra che la maggioranza si sia oramai rassegnata a vivere nello schifo e nell'illegalità.
Nella speranza un giorno di andarmene definitivamente da questa città (per ora non posso...) ,Vi saluto cordialmente.

Paolo



Di questa pratica a dir poco sgradevole ne hanno parlato anche Striscia la Notizia con un servizio, purtroppo non più online, intitolato Servizi funebri "furbetti" (puntata del 15 marzo 2012, nell'occasione Valerio Staffelli venne prese letteralmente a mazzate) e più recentemente Piazza Pulita durante il servizio Caro Estinto (puntata del 3 marzo 2016). Evidentemente passano gli anni ma la situazione non è di molto cambiata...

Possiamo solo sperare che chi come Paolo faccia una ricerca online legga questo post in cui ricordiamo che il link ufficiale alle onoranze funebri AMA è solo e unicamente questo:



e non:

www.amaonoranzefunebriroma.com
www.amaservizifunebri.it
www.amafuneralservice.it
www.amafuneraleroma.it
www.amafunerale.it
www.agenziamortuariautorizzata.it
www.servizifunebricomunali.it
www.onoranze-funebri-roma.it
www.pompefunebricomunali.it

-RFS





RETTIFICA - RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

39 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...

La cosa incredibile è che anche dopo una sentenza del Tribunale queste ditte continuano a fare il loro lavoro utilizzando il logo AMA.
Il problema vero è che la giustizia fa ridere. La ditta è stata condannata, ma continua a commettere lo stesso reato e nessuno dice niente.

Anonimo ha detto...

Ho letto un manifesto elettorale di Giachetti che promette liste pulite e strade spazzate...poveri noi: quello che dovrebbe essere logico e sottinteso per tutti diventa promessa elettorale....Ha ragione Paolo: questa città è senza speranza, alla prima occasione buona è meglio andarsene.

Anonimo ha detto...

Credo che il concetto espresso da un manifesto che dice "strade spazzate" sottintende "farò lavorare gli spazzini e mi assicurerò che AMA sia gestita bene". Cosa di cui nessuno si è mai preoccupato.

Anonimo ha detto...

Anonimo 29 aprile 10:53

Il partito di questo signore gestisce il Comune di Roma da sempre a parte il quinquennio alemanniano..cosa ti fa pensare che cambi qualcosa? O il PD ti dà da mangiare, o dormi da piedi oppure hanno dato casa pure a te con vista su Colosseo a 8 euro al mese.

Anonimo ha detto...

aprile 29, 2016 10:27 AM

Sicuramente la giustizia fa ridere, ma io mi chiedo: perché se metto la macchina in divieto di sosta il Comune mi può multare senza ricorrere alla magistratura, mentre se mi spaccio per una municipalizzata ha le mani legate? Credo che abbia ragione RFS....qui c'è da mangiare e pure parecchio: troppo comodo per il Comune rispondere che loro hanno fatto denuncia e consigliano di farla anche a chi è stato truffato da questi sciacalli.

Anonimo ha detto...

Fuggite immediatamente, fatelo per i vostri cari!

Anonimo ha detto...

Che schifo far quattrini in questo modo....questa gente non merita neanche uno sputo o una merda in faccia...è roba troppo preziosa in confronto a loro.

Anonimo ha detto...

Secondo me se qualche coraggioso magistrato o la finanza ci vanno a mettere il naso ci trovano un altro canale di finanziamento dei partiti: per far risultare più iscritti avevano iscritto anche i morti quindi ci sarebbe poco da meravigliarsi se dietro queste agenzie funebri ci trovano loro..d'altronde Davigo l'ha detto a chiare lettere: continuano a rubare neanche si vergognano più.

Anonimo ha detto...

Già che ci siamo, visto che l'AMA gestisce, a quanto pare, i cimiteri capitolini, si ava a vedere in che stato di degrado sono, in particolare certe aree di Prima Porta, che fanno veramente spavento.
Naturalmente il tutto è pagato dal contribuente, oltre che dai familiari dei defunti.

Anonimo ha detto...

A vivere (e morire) a roma e’ impossibile non entrare in contatto con l’enorme massa schifosa di truffatori mafiosi buzzurri e violenti che la invade. Che tristezza doversi sporcare a interagire con questa gente, poi in momenti cosi’ delicati come un lutto in famiglia.

Anonimo ha detto...

aprile 29, 2016 12:18 PM

Mi sa tanto che c'hai preso caro/a....il comitato di Giachetti guardacaso sta proprio in viale scalo di S.Lorenzo...la stessa via dove c'è il becchino che frega i funerali all'Ama....a pensare male si fa peccato...Marchini vabbè...è un palazzinaro i sordi ce l'ha...

Anonimo ha detto...

Non mi pare un grande ritorno promozionale fare funerali con il logo di un'azienda che si occupa dei rifiuti.
In generale comunque non porta bene insolentire e strumentalizzare i defunti, perciò chi lo sta facendo a breve avrà il suo.

Anonimo ha detto...

aprile 29, 2016 1:10 PM

Beh, l'Ama non si occupa solo di rifiuti, ma anche di cimiteri e di onoranze funebri e ogni romano lo sa benissimo...ovvio quindi che chi ha avuto un lutto in famiglia e non ha i soldi dei Casamonica si rivolga a chi gli può garantire un funerale a costo contenuto.

Anonimo ha detto...

Domenica sono andato a trovare i miei cari al cimitero di Prima Porta e mi è venuto il voltastomaco vedere le condizioni in cui versa il più grande cimitero d'Italia. Non ho fatto delle foto proprio per rispetto; una donna si lamentava che erano più di tre mesi che non funzionava la luce perpetua nonostante pagasse con regolarità, i defunti a terra poi...uno schifo che grida vendetta al cospetto di Dio e degli uomini....chi insolentisce i defunti è proprio chi tiene un camposanto in quelle condizioni.

Anonimo ha detto...

"In generale comunque non porta bene insolentire e strumentalizzare i defunti, perciò chi lo sta facendo a breve avrà il suo."

Mi sa tanto di minaccia in perfetto stile mafioso....

Anonimo ha detto...

Io dico..Il 5 giugno si vota. Mi chiedo..cosa votiamo a fare; perchè chiunque va al Campidoglio anche armato delle migliori intenzioni secondo me non ce la può fare se se la deve vedere con tutte le correnti, le lobby e le cosche che di fatto oramai si sono spartite la più bella città del mondo oramai diventata un autentico cacatore. Oramai in questa città non c'e' più nessuna attività produttiva che sia pulita e nessun servizio che funziona come si deve.
Perché il ministro Alfano non ci regala un sogno e commissaria questa città per una decina d'anni? Chissà forse lasciando Tronca al suo posto per un paio di lustri alla fine forse vedremo meno buche, meno sorci, meno monnezza, servizi più efficienti, funzionari meno corrotti. Che ci facciamo della pedolnalizzazione dei Fori, delle Olimpiadi, del Gran Premio se poi dobbiamo vivere nell'inefficienza, nell'illegalità e nella merda?

Anonimo ha detto...

Ho visto la puntata di Report...mamma mia che schifo di gente che esiste. Bisogna informarsi quali sono le agenzie di onoranze funebri oneste (ce ne sarà qualcuna spero) e memorizzarsele subito sul telefonino...inutile pensare che porti jella, tanto prima o poi ci passeremo tutti; penso che sia capitato a tutti di avere il momento del fregnone, ma in certi frangenti è molto facile credetemi: quando ho perso mia madre anch'io come Paolo ero in una specie di trance e avrebbero potuto farmi di tutto senza che io avessi la forza di reagire.
Un abbraccio a Paolo, una grazie a RFS e proviamo a pensare positivo và...speriamo che ci abbandoni la rassegnazione e ci venga un sussulto di orgoglio di essere romani, di abitare nella più bella città del mondo e di adoperarci tutti insieme per migliorarla. Ho letto troppi commenti da rassegnati come se questa città fosse un malato terminale senza speranza...ho figli e nipoti e voglio pensare che un domani non si sentano orgogliosi di abitare in questa città solo quando vanno allo stadio per assistere alle gesta atletiche del Totti o del Klose di turno.

Anonimo ha detto...

aprile 29, 2016 4:31 PM

Fa piacere leggere qualcuno che, nonostante Roma stia passando il periodo peggiore della sua storia recente, pensa comunque positivo...tuttavia guai pensare che basti migliorare qualche comportamento di ognuno di noi nei confronti della collettività che tutto migliora: IL PESCE PUZZA DALLA TESTA. Bisogna guardarsi bene di dare il voto a chi ci ha portato alla rovina, quindi guardarsi bene da PD e ex PDL. Come se dopo il '44 fossero state indette le elezioni e i romani avessero votato Kappler e Caruso.
Senno tenetevi lo schifo e gioite per Totti e Klose ammesso poi che Roma e Lazio vincano qualcosa.
Tanto loro le tasche le hanno piene di quattrini e non debbono vivere la dura reatà che viviamo noi.

Anonimo ha detto...

Poraccio però Marchini! Adesso deve cambiare tutti i manifesti elettorali...un po' come dovrebbe fare Giachetti, mettendoci una foto dove sembri presentabile (magari usando photoshop come la Meloni). Comunque sia, un affare per gli attacchini.

Anonimo ha detto...

beati voi che avete la speranza, a roma poi...come fate io non lo so.
Ma quello che ha detto che siamo completamente circondati da "l’enorme massa schifosa di truffatori mafiosi buzzurri e violenti", ha ragione, ed aggiungo io che anche chi non è buzzurro, sempre criminale rimane, e sta sempre in contatto con mafiosi.

Anonimo ha detto...

Vorrei esporre un'altra minaccia di stampo mafioso, se mi consentite.
Sputa in aria e ti ricasca in testa.
Il male che si fa torna indietro in proporzione a quanto è inerme colui su cui lo si esercita.

Anonimo ha detto...

Sulla morte speculano tutti. La camorra che gestisce le pompe funebri e gli obitori, i tg che la esibiscono come estratti di un film di tarantino, i preti che bazzicano centri anziani in cerca di eredità.

Anonimo ha detto...

"Sono sempre gli altri che muoiono".
Fino a che non si torna alla realtà.
Chissà se qualche fine esegeta coglie un connotato mafio-jettatorio anche qua.
Scherzi a parte, l'infamia alla sacralità dell'essere umano è un boomerang sicuro. E non c'è cosa più abominevole nell'ordine delle cose, che non aver ritegno di fronte alla morte.

Anonimo ha detto...

Ce penserà la panzi-raggi a mette tutto a posto, che in AMA ci ha gli agganci giusti

Anonimo ha detto...

"Il male che si fa torna indietro in proporzione a quanto è inerme colui su cui lo si esercita"

Beato te che ci credi...

Anonimo ha detto...

"E non c'è cosa più abominevole nell'ordine delle cose, che non aver ritegno di fronte alla morte."
Sono d'accordo, ma non mi meraviglia....chi non rispetta la vita non rispetta neanche la morte. Perchè? Perchè vita e morte sono due facce della stessa medaglia, dal momento in cui nasciamo conviviamo H24 con la morte. Si può amare l'una e odiare l'altra, ma si DEVE necessariamente aver il massimo rispetto per tutte e due.

Anonimo ha detto...

Sì che il male commesso torna indietro in modo esponenziale. Solo che esiste tutto uno story telling collettivo per colorare l'ignominia di trionfo.

Anonimo ha detto...

"Solo che guardi coi tuoi occhi vedrai il castigo dell'empio".

Anonimo ha detto...

Cmq poichè la maggior parte delle informazioni passano via web il comune potrebbe tutelarsi chiedendo a Google Italia di impedire annunci pubblicitari utilizzando tali sigle. Si risolverebbe 80% dei problemi.Allo stesso tempo Ama quella ufficiale potrebbe farsi un piccola pubblicità spendendo poco e apparendo così sempre ai primi posti. Il vero problema è che per contrastare i furbi ed il malaffare devi essere veloce e reattivo... Roma sembra un bebè che dorme con il seno della madre in bocca.

Anonimo ha detto...

aprile 30, 2016 6:32 AM

Illuso/a...Il Comune non ha alcuna voglia di tutelarsi perchè ci mangia. Sono pochi i funzionari puliti del Comune di Roma altrimenti non si spiega per quale motivo a tanti parassiti che vivono nelle case del comune con vista sul Colosseo per 20 anni (venti/00...) nessuno gli ha mai chiesto di pagare il dovuto, oppure gli hanno fatto pagare una decina di euro. Occorre annullare le elezioni del 5 giugno subito. Tronca tutta la vita.

Anonimo ha detto...

"Sì che il male commesso torna indietro in modo esponenziale."...Maddechè!! Che aspettiamo la punizione divina? Queste merde di cassamortari andrebbero seppelliti vivi come le Vestali che lasciavano spegnere la fiamma insieme ai dipendenti del Comune corrotti..Se non si inaspriscono le pene è perfettamente inutile chiedere a Google di bloccare gli annunci pubblicitari o fare multe ridicole, tanto guadagnano 10 volte tanto....a scapito dei cittadini onesti e delle agenzie funebri oneste logicamente.

Criss ha detto...

Ci vogliono due minuti a risalire al titolare di un sito e andarlo a prendere a casa. Se poi è un prestanome meglio ancora, problemi suoi.

Anonimo ha detto...

Criss..se vanno a prenderlo a casa quello parla e carcerano tutti i funzionari del Comune, poi parlano pure loro e PD e PDL fanno la fine di DC e PSI.....

Criss ha detto...

...non ci avevo pensato. :)

Anonimo ha detto...

Criss: Il ragionamento è semplicissimo...quale imprenditore con un minimo di sale in zucca investirebbe in un'attività dove il mercato è saturo? A Roma il rapporto cassamortari/decessi è di 46 (vedi servizio di Report): nessuna attività pulita potrebbe vivere con 46 funerali in un anno. Ovvio che parecchi sono attività di copertura per riciclare denaro sporco e per fregare funerali ad altri debbono utilizzare questi metodi vigliacchi..e questi metodi li puoi utilizzare solo se hai forti coperture politiche: Pd o Pdl appunto...Elementare Watson....

Anonimo ha detto...

LA VERGOGNA DELLE ANTENNE VATICANE

https://it-it.facebook.com/notes/max-inturri/no-a-radio-maria-e-a-radio-vaticana/157696076844

Onoranze Funebri La Rustica ha detto...

CARO PAOLO SONO MARCO MASTROPASQUA TITOLARE DELLA ONORANZE FUNEBRI LA RUSTICA TELEFONO 06.2290331 CHE LEI HA CITATO NEL SUO ARTICOLO LA INVITO AD INFORMARSI DI DARE INFORMAZIONI O FARE COPIA INCOLLA
SU INFORMAZIONI DATE DAL PROGRAMMA DI "PIAZZA PULITA" PER TANTO LE FACCIO UNA COMUNICAZIONE
ATTENDO UNA SUA CHIAMATA OGGI STESSO ALTRIMENTI SARO' COSTRETTO A PROCEDERE VERSO DI LEI

COMUNICAZIONE UFFICIALE DELLA ONORANZE FUNEBRI LA RUSTICA

COME GIA' FATTO CON IL PROGRAMMA SERALE “PIAZZA PULITA” IN ONDA SU LA7 DOVE E’ STATO ACCOSTATO IL NOME DELLA “ONORANZE FUNEBRI LA RUSTICA”
A QUELLO DELLA AZIENDA MUNICIPALIZZATA AMA “AMA s.p.a CIMITERI CAPITOLINI “
ASSERENDO CHE LA NOSTRA AGENZIA SI PROCACCIA IL LAVORO SPACCIANDOSI PER L’AZIENDA AMA s.p.a.
LA ONORANZE FUNEBRI LA RUSTICA HA CHIESTO E OTTENUTE LE UFFICIALI SCUSE
DALL'EMITTENTE TELEVISIVA LA7 E AL SUO PROGRAMMA "PIAZZA PULITA" OTTENENDO COSI LA SMENTITA PUBBLICA NEL PROGRAMMA STESSO DI CIO’ CHE HANNO DICHIARATO NEL VIDEO.

MOSTRANDO UN SITO INTERNET PRESO DA UNA RICERCA SU GOOGLE DOVE VENIVA RIPORTATA UNA PAGINA WEB CON LO STEMMA DEL COMUNE DI ROMA CON LA SCRITTA S.P.Q.R. A NOI IMPUTATO, CHE COME GIA' AMPIAMENTE DIMOSTRATO ANCHE IN SEDE LEGALE DALLE RICERCHE WEB NON COMPARE MAI SUL NOSTRO SITO IL NOSTRO SITO E RINTRACCIABILE CON I DOMINI SOTTO ELENCATI

http://www.onoranze-funebri-roma.it ( questo domonio scelto per la parola chiave )
www.onoranzefunebrilarustica.com
www.onoranzefunebrilarustica.it

PER TANTO COME ABBIAMO DIFFIDATO LA7, DIFFIDIAMO LEI E TUTTI GLI ORGANI DI STAMPA, TELEVISIVI E RADIOFONICI E TUTTI COLORO CHE ADIRANNO ASSERIRE CIO’ CHE E’ STATO DICHIARATO NEL PRESENTE COMUNICATO AVVIANDO DENUNCIA PENALE VERSO TALI SOGGETTI CHE CERCANO DI INFANGARE IL NOME E L’ONORE DELLA "ONORANZE FUNEBRI LA RUSTICA"

QUINDI SIGNOR PAOLO E SIGNORI LETTORI IL NOSTRO SITO NON SI CONFONDE (SCUSATE IL FRANCESISMO) CON LA "MERDA" MA DIAMO INFORMAZIONI REALI SUI COSTI SIA SULLE TASSE COMUNALI DA PAGARE CHE VANNO PAGATE ALLA AZIENDA MUNICIPALIZZATA AMA s.p.a. E SIA SUI COSTI REALI CHE UNA FAMIGLIA DOVRA' AFFRONTARE PER UN FUNERALE CON (MATERIALE ITALIANO E NON CINESE) A DIFFERENZA DI ALTRI A NOI NON CI SERVE SPACCIARSI PER UN'ALTRA AZIENDA NOI SIAMO LA "ONORANZE FUNEBRI LA RUSTICA"
E NON COLORO CHE SI SPACCIANO PER ALTRI
www.amaonoranzefunebriroma.com
www.amaservizifunebri.it
www.amafuneralservice.it
www.amafuneraleroma.it
www.amafunerale.it
www.agenziamortuariautorizzata.it
www.servizifunebricomunali.it
www.pompefunebricomunali.it

Anonimo ha detto...

Informazione :
La mia impresa utilizza la corretta insegna AMA privata con lo scopo di essere preso in considerazione dalla potenziale clientela. Oggi questo è l'unico modo per sopravvivere . il 90 % dei decessi avviene negli ospedali e nelle strutture private che non fanno filtrare nulla. Il mercato e' in mano a poche agenzie, sempre le stesse, pur se riconosciute responsabili di gravi reati sono sempre allo stesso posto. Personalmente avviso la clientela che non siamo AMA,anche se utilizziamo legalmente una insegna simile ma diversa.abbiamo tariffe fisse ed altri valori etici.
La verità è che AMA non può difendersi perché da anni e anni opera in una modalità anomala e molto furba .... Infatti, non so ora, ma certamente fino a poco tempo fa, AMA poneva in uno stesso bilancio di esercizio sia le attività cimiteriali con la vendita dei loculi in stato di monopolio assoluto e al contempo si presentava sul mercato come concorrente delle aziende private...facile aumentare tasse e costi dei loculi e diminuire i prezzi dei funerali. Per altro di scarsa qualità.infatti anni fa il Garante della concorrenza e del mercato fece emergere questa peculiarità, chiedendo la scissione delle due modalità di esercizio.
Personalmente ho fatto denuncia alla Procura della Repubblica per contrastare le agenzie funebri negli ospedali , ma senza alcun riscontro.
Saluti






Anonimo ha detto...

"La mia impresa utilizza la corretta insegna AMA privata con lo scopo di essere preso in considerazione dalla potenziale clientela. Oggi questo è l'unico modo per sopravvivere"

Scusa...ma quale sarebbe "La corretta insegna AMA privata"? Perché non utilizzi il tuo nome? Ma dì la verità và....di che ti vuoi arricchire sfruttando la buona fede e l'evidente stato di fragilità in cui si trova chi ha perso un familiare.

A casa mia gente come te si chiamano sciacalli.

ShareThis