Più abusivi che turisti. E Carabinieri&Polizia fan finta di nulla. Video surreale dal Colosseo

28 aprile 2016

Roma si conferma l'unica città del mondo dove ti basta accendere il tuo smartphone e ti trasformi in un istante in un provetto reporter di Servizio Pubblico che manco Iacona ai tempi d'oro.
Ieri pomeriggio, al Colosseo, la situazione era ne più e ne meno quella che vedete in questi 4 minuti di filmato. Turisti letteralmente assediati dagli abusivi, stalkerati, inseguiti, insolentiti davanti alla macchina dei Carabinieri. Che nulla fa o nulla può (sapete che da Roma in giù le leggi in qualche misura cambiano e le forze dell'ordine diventano, come per magia a sud dell'Ombrone, uomini dotati di "mani legate").
Nel breve volgere del video - 240 minuti - si avvicendano sul luogo del "delitto" ben tre vetture delle forze dell'ordine. In soli 4 minuti. Pensate dunque quante ne transitano durante tutta la giornata: siamo nel luogo più battuto da Polizia e Carabinieri di tutta la città. Eppure il territorio sembra totalmente di proprietà degli abusivi che sono in numero tale dal superare addirittura i turisti. E da non essere minimamente impensieriti dalle volanti che transitano in questa landa di città: vi ricordate quando all'arrivo della Polizia o dei Carabinieri i vu cumprà inscenavano il fuggi fuggi? Ecco ora non c'è più neppure quello: i padroni sono diventati loro e semmai a fuggire tra un po' saranno gli agenti dello stato italiano. 

59 commenti | dì la tua:

Anonimo ha detto...


Se la situazione non muta è lecito a questo punto supporre l'esistenza di un accordo scellerato tra malaffare e forze dell'ordine!
Possibile che nessuno domandi, controlli, dissuada?
Se io fossi un kamikaze dell'Isis mi travestirei senz'altro da urtista o venditore abusivo: chi mi controlla più?
Sicurezza totale ... ciao

Anonimo ha detto...

Provaci a travestirti da urtista. Vediamo quanto duri prima che ti vengano ad "avvertire" che è meglio che smetti.

Anonimo ha detto...

Ma perchè questo autorevole blog (non è sarcasmo il mio) non chiede un incontro con il Questore e con i comandanti di Carabinieri e GdF di Roma e non glielo domanda?
Ma con domande dirette, senza giri di parole e pretendendo risposte serie e veritiere e non sciocchezza del tipo "il terrorismo...."

Anonimo ha detto...


Non capisco per qual emotivo questo blog se la prenda quasi sempre con le forze dell' ordine e quasi mai con i politici, lo sa il gestore del blog che le leggi le fanno i politici e non la polizia ?

E' pure vero che spesso poliziotti e finanzieri potrebbero fare di più ma il vero problema sono le leggi che sono inefficaci nei confronti degli abusivi stranieri, NON CAPISCO DAVVERO PERCHE' SI CENSURA QUESTA REALTA' !!!

Infatti la legge prevede per gli abusivi al massimo il sequestro della merce ed una sanzione, MA LA SANZIONE NON VIENE MAI PAGATA IN QUANTO GLI ABUSIVI SONO SEMPRE NULLATENENTI E SPESSO CLANDESTINI !!!!

PERCHE' SI CENSURA QUESTO FATTO ?

Per cambiare le cose bisognerebbe cambiare le leggi oppure bisognerebbe chiudere le frontiere ed impedire a decine di migliaia di persone di venire in Italia, dal momento che la sinistra al governo invece vuole un Italia piena d' immigrati e che non vuole fare leggi più aspre verso queste persone allora come si può accusare la polizia ?

Queste persone sono migliaia in tutta Roma, sono molto di più dei poliziotti, voi non sapete quanto sia lunga la procedura prevista in questi casi, è una guerra persa in partenza.

I fatti sono chiari, con queste leggi gli abusivi (solo quelli stranieri e/o nullatenenti) sono di fatto impunibili.

Non ve la dovete prendere con la polizia ma con la politica e con il mondo della cultura e del giornalismo interamente a favore dell' invasione.

Se si fanno entrare in Italia milioni di persone allora l' abusivismo è il minimo che ci può capitare.

Libero Romano

Anonimo ha detto...

Senza ombra di dubbio se chiudessimo le frontiere (tipo con un muro lungo tutta la costa) la mafia non troverebbe nessun altro da mandare in strada a vendere paccottiglia. No no!
Il pobblema so gli immikrati e li politichi!

Anonimo ha detto...

@ 3.23 PM
E' probabilmente vero che le leggi sono scarsamente efficaci, ma non in misura tale da rendere inutile o impossibile il contrasto alle attività illecite di questo genere.
Anzitutto, il sequestro della merce portata con sé dal commerciante abusivo non è affatto cosa da poco, perché tale venditore ne riceverebbe un danno economico molto significativo. Se si procedesse con regolarità a tali sequestri, i venditori avrebbero molto timore di perdere ogni guadagno e ogni possibilità di acquistare dai grossisti nuove partite.
Poi, non sarebbe affatto difficile risalire ai grossisti. Non servono indagini particolarmente complesse, giacché moltissimi venditori si riforniscono da pochi grossisti.
Accertata la provenienza illecita, o anche la "banale" assenza di contabilità, potrebbero essere sequestrati i depositi e tutta la merce contenuta. Basterebbe una operazione del genere al giorno per creare in poco tempo grossi problemi.
Contrariamente all'opinione di molti cittadini, però, il problema di tali attività abusive non è sentito affatto come rilevante, né a livello politico (ci sono state dichiarazioni in tal senso da parte dei candidati sindaco?) né tantomeno a livello di Questura e Prefettura, che pure dovrebbero operare in tal senso, anche senza la sollecitazione dei politici.
I "poliziotti" quindi, intendendo i vertici provinciali di Polizia, Carabinieri e GdF, hanno di certo la loro parte di responsabilità, perché non dispongono servizi di repressione del fenomeno, né evidentemente comunicano alla magistratura quelle "notizie di reato" (ne potrebbero inviare a decine ogni giorno!) che imporrebbero l'avvio di operazioni su vasta scala.

Anonimo ha detto...

Ma voi avete in testa l'idea di bangladino che parte dal paese suo, arriva qua senza conoscere nè lingua nè nessuno del posto e magicamente diventa "venditore ambulante" con tanto di contatti coi grossisti?
Ma quanto potete essere stupidi?
Lo volete capire che questa è manovalanza della mafia?
Che non gli fanno nulla perché hanno ordini dall'alto di lasciarli indisturbati?
Che ormai sono talmente tanti senza arte nè parte che se gli togliessero quel lavoro sfruttato e illegale questi si metterebbero in massa a delinquere creando problemi che le FFOO non saprebbero come risolvere?
Questi sono dipendenti della più grossa e potente industria italiana, la mafia! Davvero pensate che i problema sia che non ci sono leggi adeguate?
Ma quanto potete ri-essere stupidi?

Anonimo ha detto...

I Bangla passano attraverso la Russia...fanno fino a 15.000 euro di debiti per il viaggio.Poi devono restituire i soldi.Sono brave persone un bel popolo che raramente crea problemi,quando riescono a trovare un lavoro normale sono grandissimi lavoratori...ovvio la parola d'ordine e' legalita',ma solo per i poveri?gli ultimi della terra? la fame e' brutta ma noi non lo possiamo sapere ne ricordare.Sono un bel problema 4 o 5 volte nella vita ci chiedono se vogliamo una rosa o un ombrello...in un paese senza senso civico che convive con Mafia,Camorra e Ndrangeta un bel problema.

Anonimo ha detto...

Veramente sono un bel problema perché portano milioni di introiti alla mafia, perché contribuiscono all'immagine degradata di Roma verso i turisti (che non torneranno né consiglieranno di venire agli altri, generando povertà) e perché creano uno strato di economia al di fuori di ogni legge (dovranno pur vestirsi, mangiare, muoversi, abitare ecc. lo faranno attraverso canali a loro volta illegali).

Quindi sì, sono un bel problema. Che non si risolve col pietismo di "ti chiedono di comprare una rosa 1 volta nella vita".

Anonimo ha detto...

da gente che paga per generare degrado, cosa vi aspettate?
https://www.youtube.com/watch?v=GHRsd-zqgMk

Anonimo ha detto...

seriamente, non c'è nessuna prospettiva di sviluppo qui, questo è l'elettorato medio, e alle prossime elezioni il loro voto vale quanto il vostro

https://youtu.be/GHRsd-zqgMk?t=3m40s

Anonimo ha detto...

e come lo risolvi? chiudendo le frontiere?esercito?blocco navale? Lo risolvi integrando queste persone nella legalita' e dandogli una possibilita' di lavoro e dignita'.I turisti a Roma non tornano per Roma e i Romani non per i Bangla,e questa economia illegale credimi e ben poca cosa al reciclaggio nostrano,evasione e corruzione con cui conviviamo da sempre.Il Mondo e' grande c'e' spazio per tutti...ti auguro di non dover mai aver fame...quella vera.

Anonimo ha detto...

Basta non fargli prendere la Metro C, quella con le ruote dei vagoni non adatte ai binari! Caxxo qui non si può parlare di Metro C!!!

Anonimo ha detto...

Questa non la sapevo...ruote non adatte? no dimmi che e'una battuta.

Anonimo ha detto...

Commentatore delle 5:11 PM.
Si risolve facilmente, si fa come l'Australia: https://en.wikipedia.org/wiki/Australian_immigration_detention_facilities
Un accordo bilaterale con un bel paese democratico, come l'Egitto o se dio vuole la Libia quando le cose si ristabiliranno, per la creazione di immensi campi di detenzione sotto il bel sole africano. Poi un bel "ponte navale" Lampedusa - Africa solo andata.

Anonimo ha detto...

purtroppo no, si consumano molto molto prima del previsto e vanno cambiate. Strano vero?

Anonimo ha detto...

Ahò ma o sapevate che Tonelli è amico de Ansardi Astardi che ha fatto a Metro C? Ecco perché nun ze po' parla sur blogghe! L'ho letto su un zito veramente benfatto tipo dinamopress.
Ansardi Astardi Oslo Tonelli sindaco!
AHR AHR AHR AHR

Anonimo ha detto...

Campi di detenzione in Africa...perche' L'Egitto dovrebbe firmare un accordo bilaterale con noi?Ponte navale per portarli dove esattamente? In Somalia?In Gambia?nel Bangladesh?...ascolti troppo le stronzate di Salvini e della Meloni...non so se sai che esiste il diritto internazionale,il ponte navale de che? non sai nemmeno cosa vuol dire l'avrai sentito dire e lo ripeti.Non riusciamo nemmeno a identificare chi entra in questo paese e tu vuoi fare accordi internazionali.Chi scappa dalla guerra o e' perseguitato politico,religioso,razza ecc ecc te lo tieni e lo ospiti(legge internazionale).Campi di detenzione in Africa...la lega nord cattiva maestra...campi di detenzione per donne e bambini uomini che cercano una vita migliore...quanto mi fai ridere

Anonimo ha detto...

Secondo me bisogna farli entrare tutti. Ti chiedono solo di comprare una rosa una volta nella vita, e poi nun danno fassidio a nisuno!
Siete tutti fasci!

Anonimo ha detto...

magari fasci Mussolini la schiavitu' l'ha abolita in Africa.Non siete fasci ma ignoranti,non sapete di cosa state parlando.Viaggiate informatevi invece di dire "campi di detenzione" e Egitto paese democratico.Ridicoli

Anonimo ha detto...

Le leggi ci sono, a chi tocca far rrispettare sono a loro.

Anonimo ha detto...

evidentemente c'è qualcuno piu potente dietro. vedi se ci provi tu ad acchittare un commercio abusivo quanto duri...

Anonimo ha detto...

aprile 28, 2016 5:50 PM
Vedo che hai poco cervello, quindi articolo il mio pensiero estensivamente per fare si che anche tu possa capirlo.

Punto 1: Con i soldi spesi per i migranti ora, si sovvenzionano campi di detenzione in uno staterello sperduto dell'africa. Come fece Maroni con la Libia. Oltre che con i soldi, si può anche agire per via diplomatica, ossia offrendo al governo di un paese africano armamenti di finmeccanica, facendo accordi per agevolare le loro esportazioni in italia, o semplicemente a botta di tangenti verso il ras del posto.

Ora se mi hai seguito bene, alla fine del Punto 1 ci sarà uno stato X in africa che ospita nostri campi di detenzione.

Punto 2: Appena i migranti arrivano in italia, si curano si sfamano, ci facciamo delle foto ricordo. E poi li mettiamo su delle belle barche verso lo stato X del punto 2.

Punto 3: Una volta accolti nei magnifici campi dello stato X noi possiamo lavarcene le mani. Sicuri che godranno di lunga e prospera vita.

Anonimo ha detto...

Quote
"Chi scappa dalla guerra o e' perseguitato politico,religioso,razza ecc ecc te lo tieni e lo ospiti(legge internazionale)"
Unquote
Qualcuno mi può spiegare perchè dovremmo tenere e dare ospitalità a Pachistani, Egiziani ,Nigeriani etc
Grazie.

Anonimo ha detto...

Ultimo anonimo,

Non c'è nessun motivo. Anche se ci fosse una tale legge internazionale, la si può disattendere e gli altri faranno pippa. Ve la immaginate l'europa che ci mette l'embargo perché si prendono a calci in culo i migranti? Impossibile, è gente di cui non frega un cazzo, giustamente, a nessuno a parte agli inutili buonisti.

Anche l'Uruguay aveva firmato un trattato internazionale che comprendeva l'illegalita' della cannabis, ha deciso che non gli stava bene ha disatteso e nessuno gli ha fatto un cazzo.

Anonimo ha detto...

E cosa dovrebbero fare PS, CC & company? Considerato che ogni volta che si ferma un abusivo c'è tutta una prassi da seguire - quindi trasporto al comando, identificazione (e se non ha i documenti, fotosegnalamento e tentativo di identificazione), redazione denuncia, redazione verbale di sequestro dettagliato - va da sè che è impossibile perseguire tutti gli abusivi a meno di non impiegare legioni di agenti dedicati a questo servizio, in più c'è da considerare anche il fatto che una denuncia non è assolutamente un deterrente nei confronti degli abusivi, nullatenenti e magari anche senza fissa dimora(ergo: inutilità del servizio di repressione)! Il punto quindi è che o si cambiano le leggi rendendole più efficaci, o è una partita persa. Quanto al proliferare di extracomunitari che vivono con l'arte di arrangiarsi, rassegnamoci! Di fronte al sempre maggiore incremento demografico di paesi africani e asiatici (secondo l'Onu nove paesi contribuiranno per metà all’incremento mondiale nel periodo compreso tra il 2010 e il 2050, e cioè: India, Pakistan, Nigeria, Etiopia, Stati Uniti, Repubblica Democratica del Congo, Tanzania, Cina e Bangladesh) e alle condizioni di povertà lì presenti, il futuro non potrà che vedere un aumento ancor più massiccio dell'immigrazione.

Anonimo ha detto...

Ma tutte le risorse" che importiamo ogni giorno a centinaia se non migliaia, finito l'assistenzialismo statale (piu' alle anime belle delle varie cooperative e onlus che li "assistono" ) di cosa dovrebbero campare ? Come fanno a guadagnarsi da mangiare e dormire ? Vanno a casa Boldrini ? Li assumono nelle Partecipazioni Statali ? Gli diamo una baby pensione ?
In un paese normale se hai di che mantenerti rimani, altrimenti torni a casa tua.
Ma in Italia dovremmo essere "contenti" che ci sono decine di migliaia di persone che campano di lavoretti "semi-legali" (pur essendo sfruttati dalla mafia di turno, piuttosto che dedicarsi a spaccio, scippi, furti e aggressioni.
Ma tanto le FFOO NON possono fare niente ne agli uni ne soprattutto agli altri.
Se per un giudice se rubo una bicicletta diventa "furto" solo se la "possiedo" da ore, ovvero se devasto un pubblico esercizio la mia unica punizione è avere l'obbligo di firma in commissariato, di cosa stiamo parlando ?

Anonimo ha detto...

Utilizziamo i Centurioni abusivi per identificarli e punirli a colpi di gladio. Oppure facciamoli combattere tra di loro Nell'Arena con le bestie feroci davanti ai turisti che pagano il biglietto

Criss ha detto...

Aspetta che hanno finito la MetroC e poi vedi. La metro ha sempre portato la mmerda delle periferie, e così sarà pure stavolta.

Anonimo ha detto...

Piu che altro aspetta che si faccia pagare il biglietto su metro e bus... si chr sarebbe un bel deterrente contro gli abusivi tutti

bat21 ha detto...

Prima o poi dovrà venire a galla la terribile inefficienza della PA sul lato sicurezza. La PA e' una zavorra immane sullo sviluppo del paese e il lato sicurezza e' inefficiente come qualunque altro settore della PA. Il totale operatori/popolazione e' tra i più alti AL MONDO, e la spesa per il comparto sicurezza in linea con i paesi Ocse. In queste condizioni mi aspetterei pattuglie in ogni angolo e invece si lasciano intere porzioni di territorio all anarchia. In questo thread si ha una rappresentazione plastica di questa estrema inefficienza ma non ne e' sono le conseguenze peggiori, vorrei ricordare (non ne parla colpevolmente nessuno) che molte imprese del nord (agricole e non agricole, familiari e medie) vengono colpite in continuazione da furti che impediscono il regolare svolgimento delle stesse, peccato siano le stesse imprese che con le tasse pagano coloro che dovrebbero impedire questo. E' vergognoso ed insostenibile e prima o poi se ne dovrà parlare a livello nazionale.

Anonimo ha detto...

L'ultima volta che si è parlato di forze dell'ordine a livello nazionale è stato quando Renzi ha aumentato il loro stipendio di 80 euro. D'altronde lavorano così bene e si impegnano così tanto, era il minimo che si potesse fare...

bat21 ha detto...

Qui nessuno fa analisi sull'efficienza di alcuni settori specifici della Pa. Conosciamo il disastro scuola solo perché e' monitorato a livello internazionale, sappiamo del disastro complessivo della pa perché esistono analisi su analisi ma nessuno che analizzi con studi seri l'inefficienza del settore pubblica sicurezza. Eppure svelerebbe il disastro che ci caratterizza e forse innescherebbe un dibattito che magari porterebbe il cittadino a chiedere più efficienza. Dico forse perché gli italiani mediamente sono delle zucche vuote che non si muovono in base ai numeri ma "alla pancia"...chissà magari conoscendo il disastro sarebbero costretti a fondere tutte le forze di polizia e licenziare o declassare migliaia di dirigenti. Non sia mai detto che al servizio pagatore di tasse a livelli top nell' Ocse non gli si debba dare qualcosa di diversi da servizi bottom sempre nei paesi Ocse...

Anonimo ha detto...

Inoltre teniamo a mente che le statistiche OCSE analizzano la situazione nazionale. Quindi Roma, Napoli e Palermo vengono infilate nello stesso calderone di Torino, Milano e Venezia. Comunque il problema basilare è uno solo: il dipendente pubblico in Italia gode di protezione speciale e non può essere licenziato; al limite può essere trasferito o sospeso. Questo impedisce qualsiasi forma di efficienza e meritocrazia. Ti ricordi cosa è successo quando il governo Berlusconi ha provato a modificare l'articolo 18?

Anonimo ha detto...

Ma che c'entra l'efficienza della PA con il perseguire l'abusivismo? La repressione di illeciti e reati è una sorta di meccanismo complesso che vede come attori la politica che scrive leggi e norme, le Forze dell'Ordine incaricate della repressione, la Pubblica Amministrazione, in questo caso il sistema giudiziario e penitenziario, incaricata di applicare le leggi con le conseguenze del caso (condanna penale, sanzione amministrativa, etc.). Ovvio quindi che se questo meccanismo presenta degli inceppamenti o delle disfunzioni (ad es. leggi scritte male o inapplicabili, Forze dell'Ordine e PA poco attive o poco efficienti o, peggio, non messe in condizioni di lavorare adeguatamente, etc.) l'abusivismo e il crimine hanno vita facile!
Questo per dire che è quindi inutile prendersela solo con la PA, come anche è evidentemente inutile tirare in ballo il Sindaco per questioni di ordine pubblico e pubblica sicurezza (lo dico visto che ormai è diventata una moda prendersela coi sindaci per queste questioni).

Anonimo ha detto...

Nella Pubblica Amministrazione sono incluse anche le forze dell'ordine. Si intende tutto il comparto di dipendenti pubblici (dirigenti inclusi).

Anonimo ha detto...

Il problema si risolve facendo fare alle forze dell'ordine il loro dovere. Le leggi sono uguali in tutta Italia eppure a Torino o a Trieste o a Firenze queste scene non si vedono. Come mai? La questione è che evidentemente qui, ai piani alti, non si vuole risolvere la questione. Il motivo? Collusione col malaffare, ingerenza del Papa, fancazzismo, un mix di tutte e tre le cose. Ma smettiamola di dire che il problema sono le leggi o le procedure che si dovrebbero seguire per requisirgli la merce... queste sono idiozie

Anonimo ha detto...

Ma non si era stabilito che bat21 non esiste, che è un nickname usato sia da disturbatori che da chi gestisce questo blog? Dopo che tutto ciò era venuto alla luce mi sembra ridicolo che ancora venga usato questo nome. Boh...

Anonimo ha detto...

Caspita, come non pensarci? E' colpa della PA, non degli accordi petroliferi.
Questo è il post per stanare i jihadisti, che certo serpeggiano tra i 4 commentatori residui.
Hanno arrestato sei musulmani, con tanto di casa popolare e sussidio di mille euro al mese, che progettavano attentati all'ambasciata ebraica.
E qui era stato anticipato! Come facevate a saperlo, eh?! Eh?! Non sarà che da art tribune si dirige la jihad...?

Anonimo ha detto...

Bat21 non è il colonnello di Monte Cosaro in missione telematica che avevamo sognato, probabilmente è uno dei tanti impiegati in nero della selenia, in servizio permanente ed effettivo tra blog, televisioni e quotidiani.

Anonimo ha detto...

I bangla, brava gente. Fino a qualche anno fa davano fuoco alle macchine di san Giovanni per conto dei subappalti calabresi di metro C. Ah, se me li ricordo, sotto le poste di Via Taranto, con le loro cassettine di cartone, e l'alcool nella mano destra.

Anonimo ha detto...

Sì, siccome per caltagirone lavorano solo finissimi ingegni, le ruote della metro c sono state progettate troppo larghe rispetto ai binari, e andranno cambiate per il 2017, con costi astronomici, consentendo il proseguio dei lavori bulgari da cui a Roma tutti traggono beneficio, tanto che il candidato sindaco marchini, braccio destro del puparo, lo supportano da destra, da sinistra, dal centro.
Ma chi la prende la metro c, quella fatta col pongo, giusto un kamikaze.

Anonimo ha detto...

Chi trae beneficio dall'invasione e dal degrado:
- I paesi islamici che ci colonizzano
- Politici e dirigenti tangentari
- Onlus e cooperative che speculano sui sussidi
- La mafia che acquisisce manodopera
- Il circuito di potere che governa clandestinamente l'Italia
- Tutti coloro che aderendovi ottengono indebitamente lavoro e carriera

Anonimo ha detto...

Infatti, anche i giornaletti che fanno i legalitari, quando si tratta di mafia capitale o di Potenza vedono rosso.
Inchieste sì, finchè viaggiano sui massimi sistemi o sul crimine circostanziale, ma quando andiamo a toccare la plurima mangiatoia petrolifero-migratoria, col sistema di potere occulto che ha collocato tanti volenterosi per la causa in certe redazioni, eh no, eh.

Anonimo ha detto...

http://www.imperiapost.it/165608/caso-matacena-scajola-nuove-intercettazioni-svelano-importanti-retroscena-dalla-accuse-a-caltagirone-a-quel-viaggio-linchiesta

Anonimo ha detto...

Queste intercettazioni sui giornali non le hanno pubblicate. Chissà perché. Speriamo si rimedi su art tribune.

Anonimo ha detto...

Anonimo ignorante dei campi di detenzione...lascia stare non sai di cosa parli...i campi di detenzione di Gheddafi non sono mai esistiti ...li faceva morire nel deserto.E' complicato spiegarmi con te ti mancano le basi...studia ti prego informati non fare queste figure di merda...li prendi ,li sfami decidi se sono rifugiati politici o no e poi solamente poi decidi se meritano lo stato di rifugiati oppure no.In caso contrario non li carichi in nessuna nave e non li porti in giro per il mondo...semplicemente non puoi...puoi pagargli un biglietto aereo e incentivarlo a lasciare il paese,in Norvegia gli danno 3.000 euro (30.000 corone)per lasciare il paese.Se non fanno reati penali le espulsioni non sono coatte (costrette cosi' mi capisci).E' complicato caro ignorantone non e' semplice come la fai tu.Non li identifichiamo cosi' non ce li dobbiamo tenere...L'Europa se ne e' accorta e ci sta facendo il culo...il foglio di via e' una cazzata fattelo spiegare da qualcuno che lavora nel campo di detenzione.

Anonimo ha detto...

All'ultimo anonimo,

Sono molto più informato di te. E, probabilmente, anche più scolarizzato, visto il tuo approssimativo utilizzo di punteggiatura e paragrafi.

So benissimo cosa faceva Gheddafi, e la cosa non mi importava, così come non importava a milioni di miei connazionali. Sotto l'unico profilo che "conta" ossia il profilo numerico, quando avevamo gli accordi con il nostro carissimo "figlio di puttana" libico, gli sbarchi in Italia sono stati 13.247 a fronte dei 60 mila dell'anno precedente e dei 170 mila di due anni dopo.

Inoltre non mi sembra che nel 2012 ci siano state sanzioni della UE o dell'ONU contro l'Italia.

Essendo carente, dal punto di vista dell'attenzione, confondi il muso duro dell'europa verso la nostra politica attuale, non identificarli e lasciarli scappare in Germania, con la nostra politica di prima. Quando avevamo gli accordi per farli rimanere in Libia sotto l'amorevole egida del popolo Libico, nessuno in Europa ha detto un cazzo.

Anonimo ha detto...

C'è poco da dire ed argomentare: la situazione attuale al Colosseo e zone limitrofe E' VERGOGNOSA.

Dove, dove stanno i vigili e le forze di polizia che dovrebbero tutelarci da crimini e continua violazione di norme e regolamenti? E' forse quella un'area franca dove non vige la legge dello Stato Italiano e i regolamenti comunali?

Dove, DOVE vanno i soldi che paghiamo in tasse anche e soprattutto per evitare questo schifo? COSA DIAVOLO FANNO LE AUTORITA' PREPOSTE? DOVE FINISCONO I NOSTRI SOLDI?

C'è solo un commento a questa ignobile situazione visibile ogni santo giorno. VOMITO.

Anonimo ha detto...

IL MONDO DEI "NORMALI"
Vomito sicuro, ma per quello che c'è dietro: Inchiesta petrolio, la "cricca" non si fidava di Crocetta: "Va portato nel mondo normale" La frase di Vinaccia intercettato mentre parla con Gemelli dai pm di Potenza. In ballo la gestione dei fondi europei assegnati alla Sicilia
Prima di muoversi per potere intercettare i fondi europei assegnati alla Sicilia, bisognava "portare Crocetta nel mondo delle persone normali". A parlare in questi termini del presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta, secondo gli investigatori, è Fabrizio Vinaccia della Mbda Italia spa, società della galassia Finmeccanica, in passato ambasciatore in Bielorussia e Tagikistan del sovrano ordine di Malta. Il riferimento a Crocetta compare nell'ordinanza dell'inchiesta della Procura di Potenza sulla "cricca del petrolio" che coinvolge Gianluca Gemelli, ex compagno dell'ex ministro Guidi che aveva le mani sul porto di Augusta. Tra gli indagati anche il vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello. Gli investigatori annotano una conversazione tra Gemelli e Vinaccia risalente alla mattina del 19 novembre del 2014.

Gemelli contatta Vinaccia, "accennandogli al fatto di avere lì con sé un amico professore universitario che sviluppava progetti, domandandogli se in Sicilia si potesse accedere a fondi europei". E gli chiede "se secondo lui i servizi di sicurezza potessero rientrare in un progetto finanziabile con fondi europei". Vinaccia risponde che "c'erano tanti di




quei soldi che avrebbero potuto finanziare la qualsiasi" ma "che avrebbero però dovuto portare Crocetta nel mondo delle persone normali", "precisando che in ogni caso una delle priorità era proprio rappresentato dal settore della sicurezza e del controllo". Gemelli dice, "a proposito di Crocetta, che non era un problema, che a lui interessava capire per il momento se l'idea fosse buona; che avrebbero potuto attuarla anche in altre regioni".

Anonimo ha detto...

Stanno facendo le chiamate di IoSegnalo

Anonimo ha detto...

NOTARE BENE: Crocetta è stato vittima di una persecuzione mediatica comprensiva di intercettazione abusiva e/o costruita ad arte, dopo aver fatto ostruzionismo alle iniziative muos e petroli in Sicilia.

Anonimo ha detto...

Vi rifaccio la domanda già posta tempo fa: ma com'è che tutta questa "povera gente" non se ne va serenamente in sud Africa, che è ricchissimo e mezzo vuoto?
Se la Polizia fa il proprio lavoro, certi vertici, con le mazzette ancora unte di pizza dell'apericena a Dubai, dove gli sceicchi non lesinano Rolex in cambio della presa dell'occidente, danno fuoco alle polveri.

Anonimo ha detto...

L'esercitone della munnezza, cari miei, non lo scalza nessuno fino a che non si arriva al suo nodo criminogeno.
Il resto è vessazione mafiosa e attentato allo stato, anche se mediato dalle istituzioni.

Anonimo ha detto...

Per rallegrarvi la giornata, vi informo che l'Eurostat (Ufficio Europeo di Statistica) ha previsto che l’Italia “importerà” tra le 300 e le 400 mila persone l’anno almeno fino al 2040, quindi diciamo a occhio e croce 9.600.000 "risorse".
Ora se mettiamo che solo il 10% di queste risorse si installi a Roma, nel giro di pochi anni avremo un piccolo esercito di 960.000 individui che dovrà sfamarsi e alloggiare da qualche parte. La domanda quindi è: la politica come intende affrontare quest'invasione?
Continuiamo a chiudere un occhio, anzi no, tutti e due perchè "...gli immigrati sono una risorsa, generano ricchezza e pagheranno le pensioni degli italiani"?
E oltre gli abusivi, cosa intendiamo fare con le "risorse" che si dedicano a compiere reati (giusto oggi 13 iraniani richiedenti asilo arrestati per rapina ai danni di turisti), con le risorse attive nel commercio (cinesi, bangladesi, etc.) che compiono illeciti amministrativi a tutto spiano (ad es. l'occupazione suolo pubblico da parte dei fruttaroli o l'impiego di personale formalmente in regola ma sottopagato) e passano di mano l'attività ogni due anni non versando un Euro di tasse e contributi (naturalmente irrecuperabili da parte dello Stato perchè sono tutti nullatenenti!) e con quelle attive nell'artigianato che hanno reintrodotto la schiavitù in Italia (vedi i capannoni dei cinesi di Prato)?
Risposte da parte della politica? O sempre il solito silenzio e la solita litania dell'immigrato come risorsa?

Anonimo ha detto...

Caro ignorantone ...scolarizzato ,del profilo umanitario non te ne frega proprio un cazzo? dei morti nel mediterraneo non te ne frega nulla? Ok i dittatori sono necessari per stabilizzare i confini concordo con te ma se poi bombardi Afganistan ,Iraq,Libia e provi a far cadere Assad aiutando l'Isis (inizialmente erano considerati partigiani della liberta')come pretendi che L'Europa non ne paghi le conseguenze?.Allora decidiamoci , a casa loro? ok ma anche noi a casa nostra.Il problema del degrado delle nostre citta' lo risolvi con una parola semplice "legalita'" che in questo caso vuol dire espulsioni per chi commette reati,espulsioni vere non un foglio di via del cazzo.Che gli immigrati siano una risorsa e' una vergogna per definizione,la risorsa sono i nostri ragazzi laureati non un muratore moldavo,un venditore di rose ,una badante...ma il problema vero di questo paese non sono gli stranieri che arrivano ,questo Paese non l'hanno rovinato loro l'abbiamo rovinato noi.

Anonimo ha detto...

No,

Loro a casa loro.

Noi come è giusto che sia dobbiamo avere un ruolo neo-coloniale e procurarci le risorse che ci servono.
O vuoi vivere con 2 litri di acqua al giorno e senza elettricità ne benzina come la maggior parte degli Africani?

Sveglia, il mondo ha risorse limitate e non è un luna park. Io alle comodità della vita occidentale avanzata non voglio rinunciarci, e per non rinunciarci sul lungo periodo dobbiamo mantenere la popolazione del terzo mondo nel terzo mondo, anche a suon di bombe.

Oppure credi che un mondo dove ogni africano ha lo stile di vita di noi altri è sostenibile?

Anonimo ha detto...

No non e' sostenibile dobbiamo tornare al caro vecchio colonialismo...mi arrendo.

Anonimo ha detto...

A parte le differenze di vedute, lei è una brava persona. Almeno non insulta.
Abbia una buona vita.
Saluti.

ShareThis